“Per imparare non c’è niente di meglio, dopo uno sbaglio, …

andare-tuttacronaca… che raccogliere le idee e andare avanti. E invece quasi tutti si fanno prendere dalla paura. Hanno così paura di sbagliare che sbagliano. Sono troppo condizionati, troppo abituati a sentirsi dire quello che non devono fare. Prima in famiglia, poi a scuola e per finire nel mondo del lavoro.”

-Charles Bukowski- (Il capitano è fuori a pranzo, 1998)

Annunci

Emojinal Art Gallery: l’arte si trasforma in emoji

emojinal-art-tuttacronacaSe vi vantate di essere sempre aggiornatissimi su quanto accade in rete non potete assolutamente perdervi Emojinal Art, tumblr che in questi giorni sta spopolando in rete. La sua particolarità? Riunisce tutte le opere d’arte “rivisitate” in con gli emoji, ossia lo stadio avanzato delle emoticon. Nella galleria si ritrovano alcune delle opere più famose al mondo e non c’è epoca che sia sfuggita a questa seconda vita. Dalla “Primavera” di Sandro Botticelli alla “La persistenza della memoria” di Salvador Dalì, passando per “La Gioconda” di Leonardo Da Vinci e tanti altri capolavori della storia dell’arte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli parte una chiamata per errore… mentre organizza un omicidio

butt-dialing-tuttacronacaAttenzione quando riponete il cellulare in tasca o nella borsa: potrebbe partire una telefonata per sbaglio e non si sa con quali conseguenze. Qualcuno potrebbe ascoltarvi parlare male di lui, il partner potrebbe scoprire un tradimento o… la polizia potrebbe venire a conoscenza del fatto che state pianificando un omicidio. E’ quanto accaduto a Jonesboro, in Arkansas ed è iniziato con un cellulare che squillava. Quando è andato per rispondere, un commesso 33enne, James Macom, si è reso conto che all’altro capo c’era Larry Barnett, il suo ex boss che gli doveva molti soldi. Sperava di riceve notizie confortanti circa la somma che gli spettava, invece il giovane sente che l’uomo sta negoziando con un sicario, per farlo uccidere. “Non importa come scegli di farlo. Basta che sembri un incidente”.  Macom avverte la polizia, che conosce già Barnett per sospetta truffa fiscale, e gli agenti arrivano a casa dell’uomo, scoprendolo ancora intento a chiacchierarare con il sicario, acoltato sia dalla vittima designata che dagli agenti. Che scoprono anche che Barnett ci aveva già provato: “Ti do 5 mila dollari ora e il resto dopo che hai concluso – dice al sicario -. Non voglio che succeda come con gli altri che non ci sono riusciti”.  Barnett è un rivenditore di automobili e ora è stato arrestato per complotto a scopo di omicidio. Rischia 30 anni di prigione. Il tutto per non ridare i soldi a Macom. Lo afferma chiaramente nella telefonata: “Gli devo un pacco di dollari, così risparmio. E poi mi sta antipatico, non lo posso sopportare”. La polizia ha scoperto tutto questo perchè l’uomo non si era accorto che, dopo aver controllato numero e indirizzo della sua vittima, rimessosi il cellulare in tasca, la pressione contro la tasca ha fatto sì che venisse digitato il numero di Macom.

1-1: termina in pareggio la sfida al Ferraris tra Genoa e Torino

El-Kaddouri-tuttacronacaSecondo anticipo della 14esima giornata di Campionato allo stadio Luigi Ferraris dove il Genoa ospita il Toro per una partita che non si preannuncia facile: il Toro dopo aver bloccato la corsa della Roma e perso a Cagliari ha finalmente espresso tutto il proprio potenziale rifilando quattro reti al Catania ma contro i Grifoni, a Marassi, i granata non vincono in Serie A dal 13 settembre 1981, 0-1 grazie a un gol di Paolini Pulic. Del resto gli uomini di Gasperini, in questa stagione, non perdono tra le mura amiche dal 28 settembre con il Napoli e sono in striscia positiva da quattro gare in cui hanno raccolto ben 10 punti, a fronte dei soli 8 raccolti nelle nove precedenti. Dopo il fischio d’inizio, bastano sette minuti agli uomini di Ventura per portarsi in vantaggio: conclusione da fuori area di Farnerud, El Kaddouri si trova sulla traiettoria del pallone, la sfera sbatte contro le sue gambe e finsice in rete spiazzando Perin: 0-1! Il Genoa cerca fin da subito una reazione ma nel corso del primo tempo Padelli non ha corso moltissimi rischi. Il pareggio del Genoa arriva al 24′ della ripresa, dopo una grande azione personale di Fetfatzidis, che dopo venti metri di campo serve Biondini in area che calcia di sinistro: Padelli viene battuto dalla sfera che s’infila nell’angolino basso. 1-1! Il Toro cerca subito di ripartire per riportarsi in vantaggio e al 26′ tocca a Perin compiere un miracolo: sinistro da fuori di Cerci respinto dal portiere del Genoa, sulla ribattuta arriva da Immobile che da due passi calcia a botta sicura, ma Perin si supera e respinge ancora. Nonostante il pressing granata, a fine incontro il risultato resta invariato: termina 1-1 al Luigi Ferraris.

Scosse di terremoto in provincia di Rieti: la più forte di magnitudo 3.9

terremoto-lazio-tuttacronacaDue scosse di terremoto, verificatesi consecutivamente, hanno scosso la provincia di Rienti, nel Lazio. Stando a quanto registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il primo evento, di magnitudo 3.9, si è verificato alle ore 21:13 ed è stato seguito, alle 21:14, da una seconda scossa, che ha fatto registrare una magnitudo di 3 gradi sulla scala Richter. Un terzo sisma, questa volta di magnitudo 2.1, è stato infine registrato alle 21:39. Tutti e tre gli eventi sono stati localizzati nel distretto sismico dei Monti Reatini. Successivamente, alle 22.09, un quarto terremoto ha fatto registrare magnitudo 2. Tutti gli eventi sono stati localizzati in provincia di Rieti, con epicentro tra i comuni di Accumoli, Amatrice e Cittareale. Le scosse hanno avuto ipocentro a profondità comprese tra gli 11.4 e i 13.7 km di profondità e sono state percepite nettamente dalla popolazione. Al momento, dalla Protezione Civile, non sono ancora giunte segnalazioni di danni a cose o persone.

Plastic Bodies: che modello inseguono le donne?

bambole-donne-tuttacronacaUna fotografa statunitense, Sheila Pree Bright, di Atlanta, ha creato una serie che fa emergere il contrasto tra donne reali e modelli proposti dalla cultura occidentale facendo coincidere i lineamenti delle bambole e delle donne statunitensi, in particolare afroamericane. La serie si chiama Plastic Bodies e la fotografa ne parla in questo modo: “In America la concezione del ‘corpo perfetto femminile’ viene alimentata dall’introduzione di mode che le persone seguono spendendo centinaia di dollari. Non ci si può meravigliare se le donne gonfiano il proprio seno con il silicone, allungano capelli corti con altri sintetici oppure cambiano il colore degli occhi con delle lenti a contatto. Il risultato è un corpo femminile che assomiglia a quello di una bambola. E così il concetto di bellezza naturale in America viene gradualmente rimpiazzato dalla fantasia”. Gli scatti sono in mostra fino al prossimo 7 dicembre presso lo Spelman College Museum of Fine Art di Atlanta. Dal 19 gennaio al 16 marzo 2014, invece, la mostra si trasferirà all’Evansville Museum di Evansville, in Indiana

Questo slideshow richiede JavaScript.

“La Cabala vuole che non ci sia due senza tre”: Alfano e l’appello a Renzi

Alfano_tuttacronacaLancia un appello tramite le colonne del Messaggero il vicepremier Angelino Alfano, rivolgendosi al sindaco di Firenze: “Matteo Renzi non faccia come D’Alema e Veltroni: non faccia cadere Letta”. Spiega il leader del nuovo Centrodestra: “Il Pd sostiene un governo presiediuto da un loro esponente di spicco. Voglio proprio vedere se dopo il loro congresso succede quello che è accaduto nei due precedenti congressi che si sono svolti durante i due governi di centrosinistra”. Alfano scomoda perfino la Cabala: “La Cabala vuole che non ci sia due senza tre. La ragione però ci porta a pensare che mai e poi mai il leader appena eletto del Pd potrà fare cadere il governo”. Sulla verifica voluta da Napolitano dopo l’uscita di Forza Italia dalla maggioranza che sostiene Letta, Alfano non ha dubbi: “Servirà a produrre chiarezza a tutto campo. Pensiamo che la maggioranza degli elettori di centrodestra approvi che ci sia un governo che governa al tempo della crisi. L’alternativa sarebbe il buio di elezioni anticipate con queste legge elettorale oppure un governo di sinistra che farebbe delle scelte pessime”. Spiega quindi il ruolo del suo neonato partito nel governo Letta, ossia quello di “fare da scudo all’approvazione di provvedimenti di sinistra nocivi per l’Italia”. E ribadisce: “Con il Pd non abbiamo fatto un matrimonio d’amore ma di interesse. Interesse dell’Italia. Su questa linea faremo un Contratto d governo che vogliamo chiamare Italia 2014”. E prosegue: “Siamo passati da un governo di intese larghe a intese chiare. Quelle di prima erano molto larghe e un po’ meno chiare, queste saranno meno larghe ma certamente più chiare”. Poi una battuta sul rapporto tra Ncd e Pd: “L’ambizione che abbiamo e di non voler piacere alla sinistra, perché altrimenti vorrebbe dire che abbiamo sbagliato”. Per quel che riguarda Silvio Berlusconi: “E’ capitato di sentirci, credo sia utile. Del resto, la missione storica del presidente è sempre stata quella di unire i moderati dentro una stessa coalizione. La nostra prospettiva – spiega – è riaggregare tutta l’area alternativa alla sinistra”.

Il sito della Regione Lombardia sotto attacco hacker

hacker-tuttacronacaE’ il Pirellone a rendere noto, attraverso un comunicato ufficiale, che il sito della Regione Lombardia è vittima di un attacco di pirati informatici: “Da qualche ora il sito http://www.regione.lombardia.it è sotto attacco da parte degli hacker”. E la nota prosegue: “I tecnici regionali sono al lavoro per ripristinare al più presto il servizio, soprattutto per i cittadini che vogliono informarsi sui referendum sulla fusione di alcuni Comuni previsti per domenica”. L’annuncio è stato dato anche via Twitter. lombardia-hacker-tuttacronaca

Allevatore ucciso da un toro: accade nel cuneese

toro-uccide-allevatore-tuttacronacaPietro Anselmo, allevatore 78enne, stava aiutando il figlio a riportare nella stalla un gruppo di bovini per ripararli dalla neve quando un toro lo ha incornato uccidendolo. L’animale ha colpito l’anziano sotto le costole: le corna hanno fatto sì che l’uomo riportasse gravi danni a polmoni, cuore e altri organi rendendo inutili i soccorsi del 118. I sanitari erano giunti immediatamente sul luogo, una cascina a Niella Tanaro, in provincia di Cuneo, allertati dal figlio.

Bryce, il calciatore più giovane del mondo: ha solo 20 mesi ed è un professionista!

Bryce-Brites-calciatore-tuttacronacaAvere 20 mesi e già un contratto che ti rende il più giovane calciatore professionista al mondo. Un’utopia? Non in Belgio, dove il piccolo Bryce Brites ha già un contratto con il club belga FC Racing Boxberg. Una firma storica, per un bimbo che ancora non sa pronunciare le parole “calcio” e “gol” che determina un contratto a lungo termine con l’Under 5 di Boxberg. L’allenatore del team ha spiegato che l’accordo era la scelta più ovvia visto il talento di Bryce: “Il modo in cui Bryce calcia il pallone: non si vede molto spesso”, ha spiegato. “Il suo controllo di palla è incredibile per un bambino della sua età”.

bimbo-calciatore-tuttacronaca

Non si ferma il Sic Day! Domani si correrà per la famiglia di Romboni

Doriano-Romboni-tuttacronacaThe show must go on, anche se uno dei suoi protagonisti è venuto tragicamente a mancare. Ma per chi è abituato a correre a folle velocità, il futuro è già adesso e così i colleghi di Doriano Romboni, che ha trovato la morte in pista a Latina in occasione del Sic Supermoto Day, pensano già alla sua famiglia e al domani. E’ Max Biaggi a rendere noto, via Twitter, quanto è stato deciso: “D’accordo con Paolo Simoncelli si è deciso di fare la manifestazione domani a Latina per sostenere la famiglia di Romboni che ha tre figli”

tweet-biaggi-tuttacronacaNel frattempo si è deciso che anche il calcio italiano osserverà un minuto di silenzio in questo weekend per la morte del pilota.

In seguito, sembra che la FMI sia tornata sui suoi passi e l’evento non avrà luogo. Nel frattempo, Alessia Polita, in Facebook, si è scagliata contro la decisione di continuare a correre.

Termina con un pareggio il derby emiliano: Parma-Bologna 1-1

parma-bologna-tuttacronacaAl Tardini si rompe il ghiaccio con questa 14a giornata di Serie A. Il derby emiliano vede due squadre che dopo un avvio di campionato abbastanza difficoltoso, si sono riprese e hanno risanato la propria classifica. Al momento meglio il Parma che viaggia a +6 sulla Samp terz’ultima rispetto al Bologna che è solo a +1 sulla zona calda. Sia gli uomini di Donadoni che quelli di Pioli sono reduci da risultati contro pronostico: i Ducali hanno sbancato Napoli mentre i Felsinei hanno bloccato l’Inter. A passare in vantaggio dopo soli 10′ di gioco è il Bologna grazie a un gran destro al volo da fuori area di Kone, pallone nell’angolino basso alla destra di Mirante: 0-1! Il pareggio del Parma arriva al 23′, in occasione di un calcio di punizione battuto da Sansone che mette al centro, gran destro al volo di Cassano dal primo palo con il pallone pennellato all’incrocio del secondo palo. 1-1! All’8′ della ripresa il Bologna resta in dieci: espulso Il difensore danese Sorensen che sgambetta Sansone al limite dell’area e si prende il secondo cartellino giallo. Il Parma va vicino al raddoppio al 23′: gran destro da fuori di Cassani, Curci salva in calcio d’angolo. Stessa sorte otto minuti dopo quando è Marchionni a tentare il tiro. Al terzo minuto di recupero arriva un cross di Marchionni e colpo di testa di Palladino, Curci para a terra: fondamentale il portiere in più occasioni. Il Parma, nonostante la superiorità numerica, non riesce ad approfittare della situazione. Dopo 5 di recupero, l’incontro termina in parità.

Una poltrona per due: la nuova “forma” del Milan

barbara-berlusconi-adriano-galliani-tuttacronacaConfermato Galliani e “promossa” Barbara Berlusconi. E’ questo il nuovo aspetto che ha assunto il Milan, ora che è stato deciso che ci saranno due amministratori delegati. E’ stato lo stesso Berlusconi, in una nota a spiegare: “La situazione del Milan è tornata serena – sono le sue parole -. Sono lieto di comunicare che e’ stato trovato pieno accordo su un’organizzazione societaria che prevede due amministratori delegati: Adriano Galliani con la delega al settore sportivo e Barbara Berlusconi con la delega agli altri settori dell’attività sociale. Da parte mia ho promesso di essere più vicino alla società e alla squadra”. Anche se a causa neve non è riuscito a raggiungere l’allenatore e la squadra, Berlusconi ha ugualmente inviato il suo messaggio al Milan in subbuglio di questi giorni. Già un messaggio precedente aveva ricucito i rapporti: “Il Milan va avanti con serenità. Dopo la cena di ieri Adriano Galliani è più sollevato, tutti restano al loro posto e il Milan prosegue all’insegna dell’unità di intenti. La situazione societaria non cambia”, aveva detto all’Ansa. Questo il commento di Galliani: “Quando parla il presidente, parla a nome di tutti. Le parole del presidente sono sacre, per quanto mi riguarda, da 34 anni, prima ancora del Milan”. E ha aggiunto: “Non devo confermare io le parole di Berlusconi, perché non si commentano mai”. Restano in due quindi, con Galliani che, a quanto pare, ha già dimenticato gli screzi con Barbara: davvero è stata ripristinata l’armonia? Quello che è certo è che si arricchirà la galleria delle sue espressioni in tribuna.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“E’ l’ultima goccia!”, gli imprenditori scendono a Roma con le bare

manifestazione-roma-tuttacronaca

Imprenditori, commercianti e artigiani sono scesi in piazza a Roma per l'”Ultimatum day”, la giornata di mobilitazione delle piccole imprese per protestare contro il prelievo fiscale “arrivato al 65,7%”. A Montecitorio, quelli che si definiscono “sopravvissuti alla strage di Stato, vittime delle tasse e di Equitalia”, hanno riempito la piazza di bare. “Oggi è la giornata per dire basta”, ha spiegato Giuseppe Graziani, presidente di Cobas Imprese.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il canile che offre soldi a chi adotta un cane

cucciolo-di-cane-tuttacronacaRestano cinque cani da adottare nel canile di Ponzano, in provincia di Treviso e per trovare loro una casa il Comune ha pensato di “pagare” chi li prenderà con sè. Di sicuro cani che si possono riceve in regalo ce ne son molti, ma non si era mai sentito che qualcuno venisse anche pagato per prendere con sè un amico a quattro zampe. L’idea è venuta perchè è lo stesso Comune a pagare a questo canile, che ospita i cani accalappiati a Castelfranco, per il mantenimento degli animali, almeno fino a quando qualcuno non li adotta, versando  mediamente circa 800 euro all’anno per ciascun cane.  I cinque cani per cui sarà assegnato un contributo di 400 euro sono gli ultimi che mancano per azzerare i costi del Comune per il randagismo. “Si tratta di cani di una certa età e che si trovano in canile da parecchi anni – dice ancora – Sappiamo che è difficile che qualcuno li adotti, per questo abbiamo pensato di dare un incentivo”.

Il film horror dell’Italia? Argento racconta il suo punto di vista

dario-argento-tuttacronaca

Un’Italia dove l’horror, purtroppo, spesso è di casa. Tragedie economiche che sfogano in dramma familiare,  o e per raccontarla serve un Maestro del brivido, così Dario Argento in una video intervista all’HuffPost racconta così il momento politico nel nostro Paese:

“Berlusconi è finito. Non risorgerà. Assistiamo agli ultimi sussulti. Il futuro è Matteo Renzi“.  e proprio sul sindaco di Firenze afferma: “Il più convincente, affascinante, schietto e sincero. Il Pd  non potrà fare a meno di lui per anni. Paradossalmente è come Berlusconi o Hitler: farà quello che ha promesso”. Mentre non risparmia critiche a Beppe Grillo: “Il comico non è un politico, M5s è il partito che non c’è. Lui e suoi eletti non sanno come si sta in Parlamento”.

Lo sanno anche le bambine: le principesse delle favole non sono intelligenti!

Mulan-tuttacronaca Sta facendo il giro del mondo il video caricato su Youtube da una bambina argentina che in due minuti distrugge il mito delle principesse. Il concetto chiave, è che non sono intelligenti. Le sue argomentazioni sono inconfutabili: “Le principesse sono delle stupide. Mulan è forte, ma le altre restano là a dire ‘Salvami, salvami’. Sono semplicemente stupide”. Invece di andare e “provare, provare e se non ci riesce, provare, provare e farlo”, aspettano il principe, che tanto sanno che le salverà. Se poi il principe non arriva se ne stanno ferme ad attendere. Il fidanzato di Mulan le piace perchè vuole stare “con una ragazza intelligente”. Tanti i commenti favorevoli alle parole della piccola, con gli utenti che dicono: “Ho recuperato la speranza nell’umanità” e anche un consiglio: “Bambine di 40 anni, imparate!”

L’elicottero precipitato a Glasgow: il bilancio delle vittime sale a 8

glasgow-elicottero-tuttacronacaIeri sera, alle 22.25, un elicottero della polizia è precipitato sul tetto di un pub di Galsgow, in Scozia. Si ritiene che a quel momento vi fossero circa 120 persone nel locale sulla riva del fiume Clyde, dove stava suonando un gruppo musicale. Diversi degli avventori sono riusciti a mettersi in salvo. C’era molta folla perchè era venerdì sera e la vigilia di sant’Andrea, patrono della Scozia. A bordo dell’elicottero, un EC-135, c’erano due poliziotti e un pilota civile. La Bbc online ha reso noto in Twitter, citando fonti della polizia, che è di almeno otto morti il bilancio provvisorio dell’incidente. Sono 32 i feriti ricoverati. Sempre la Bbc rivela che la tragedia ha scosso anche la Regina Elisabetta: “I suoi pensieri e le sue preghiere sono per le vittime”. Al momento, spiega Sir Stephen House, chief constable di Glasgow, non sono chiare le cause dell’incidente. “Siamo ancora nella fase delle indagini e dei soccorsi”, ha aggiunto. Le dichiarazioni della polizia sono giunte mentre continuano i soccorsi, resi difficili dal pericolo di crolli. Un testimone, il 34enne Fraser Gibson, ha raccontato alla Bbc, che si trovava nel pub al momento dello schianto. In quel momento stava suonando una band di loro amici, gli Esperanza: “a metà della loro esibizione c’è stata una fortissima esplosione. Parte della stanza si è coperta di polvere. Siamo rimasti come congelati per un secondo poi c’è stato il panico e la gente ha cercato di uscire”. Altri testimoni hanno riferito che, prima dell’arrivo dei soccorsi, la gente ha formato una catena umana per aiutare le persone ad uscire dal pub. Adnkronos, in precedenza, aveva parlato con Alfredo Lazzurri, originario della provincia di Lucca, a Glasgow da 41 anni. Ha un pub italiano, ‘Alfredos’, al 146 West Nile Street, un km di distanza dal locale ‘The Clutha’. L’uomo ha spiegato: “Stiamo seguendo sulle news, per ora la tv scozzese dà 6 morti. La Polizia sta coprendo il pub con dei teli”. Quindi ha spiegato: “Lì non ci si avvicina a 300 metri dal pub la polizia ha chiuso tutto. La città è sconvolta da questa tragedia: l’elicottero della polizia, mi hanno raccontato, è arrivato sul pub e poi è cascato d’un colpo dritto. Ieri sera il pub era pieno, c’era musica, gente che si divertiva…”. E ancora: “Conosco il proprietario, Brendaan, 60 anni circa, spesso ci ho giocato a golf… Non so come stia, non hanno reso noti i nomi dei morti”. Quindi conclude: “La comunità italiana è colpita da questa vicenda. Faremo tutto il possibile per aiutare chi ha bisogno”. Sul luogo dell’incidente sono ancora in corso le operazioni di soccorso, “per essere certi di aver recuperato tutti”.

Morto Romboni! Incidente fatale

romboni-morto-tuttacronaca

Finisce in tragedia la gara per commemorare Simoncelli, muore in un incidente il motociclista Romboni.Trasportato in ospedale le sue condizioni erano parse subito gravissime. Il 45enne motociclista che negli anni ’90 aveva partecipato ad oltre 100 Gran Premi nel mondiale in varie categorie e ne aveva vinte 11, non ce l’ha fatta. L’aggiornamento poi era arrivato con un tweet di Biaggi, un suo ex avversario insieme a Capirossi delle tante gare di cui erano stati protagonisti, “Ragazzi disastro alle prove della gara Latina Sic Supermoto day. Romboni caduto in pista è in coma. Ora in ospedale, io prego che si risolva” così Max aveva commentato l’incidente.

Romboni aveva perso il controllo all’uscita di una curva e mentre era ancora aggrappato alla moto, è stato accidentalmente investito da Gianluca Vizziello. “Non l’ho praticamente visto, ho sentito solo un colpo fortissimo”, le parole a caldo di Vizziello ancora sotto shock.

Tutte le attività sportive del weekend sono state sospese, almeno in un primo momento. In seguito, tuttavia, si è deciso che domani si correrà ugualmente, come comunicato da Max Biaggi.

Fuggo dalla città… ma resto connesso!

gauthier-toulemonde-tuttacronacaL’hanno soprannominato Robinson Crusoe 2.0 e lui ha dimostrato che “Con la tecnologia tutto è possibile”, anche restare 40 giorni in una sperduta isola indonesiana, da soli, e continuare a dirigere la propria azienda. Il francese Gauthier Toulemonde ha dimostrato che grazie ai moderni strumenti hi-tech si può lavorare ovunque e quindi eliminare tempi morti e migliorare il livello di vita. Il 54enne francese, stanco del pendolarismo tra Lille e Parigi per dirigere la sua società editoriale Timbopress, è partito con due computer, un tablet, una fotocamera e due telefoni satellitari – tutti alimentati da energia solare ed eolica ottenuta da quattro pannelli solari e un piccolo mulino a vento – e due tende, una per dormire e l’altra per proteggere i dispositivi. Lo chiamavano pazzo utopista, ma come ha dimostrato grazie al suo blog, Web Robinson, anche se il luogo scelto era paradisiaco, ce l’ha fatta anche se le condizioni non erano delle migliori. Solo per individuare l’isola adatta sono stati necessari sei mesi, poi altri due per organizzare la spedizione contando su un budget di 10mila euro (senza sponsor). “Non ero in vacanza, bensì una dimostrazione pratica che oggi non bisogna più andare ogni mattina in ufficio, basta sfruttare le opportunità che ci offre la tecnologia”. La sua avventura è iniziata lo scorso 8 ottobre, raggiungendo la meta scelta che si trova a 5 ore di battello dal villaggio più vicino. La giornata tipo era piuttosto piena: sveglia alle 5 del mattino, dieta a base di riso e pasta portate dalla Francia, arricchita dalle prede pescate ogni giorno, otto ore di lavoro tra colloqui con i redattori e gli accordi con gli inserzionisti, mentre il cane affittato per l’occasione difendeva cibo e strumenti dagli assalti di topi e insetti. “Ho lavorato allo stesso modo di quanto faccio ogni giorno in ufficio per dimostrare che il telelavoro è possibile anche nelle zone più remote, per questo deve essere incoraggiato come avviene già nei paesi anglosassoni, mentre in Francia ci sono ancora resistenze”. Oltre alla mancanza di confort, il periodo per soggiornare nell’isoletta indonesiana è stato il peggiore, tanto che dopo la tempesta della prima notte ha convissuto spesso con piogge torrenziali tipiche della stagione in corso. Momenti di panico non sono mancati, anche se il motivo era un altro: “La paura più grande era di restare senza connessione”, spiega l’imprenditore che vive con un po’ di timore il ritorno alla caotica quotidianità. “Ho quasi dimenticato cosa significa prendere la metro e guidare nel traffico”, anche se i quaranta giorni in solitaria sull’isola hanno lasciato impresso una certezza: “Lavorare a distanza è fattibile e anche se con Skype e internet non si è mai soli, l’unica cosa fondamentale è mantenere il contatto umano. Niente potrà mai sostituirlo”.

“Rimettere l’Imu!” lo chiede la Camusso

imu-tuttacronaca-camusso-

“L’unica cosa seria sarebbe rimettere l’Imu. Che serietà ha un Paese che in pochi anni toglie e mette l’Imu 6 volte?”, così Susanna Camusso, segretaria della Cgil che tuona sulle ultime vicende del governo e della patrimoniale, ormai diventata una soap opera. La preoccupazione arriva dalle copertura per la prima rata dell’imposta, varato dal governo in concomitanza con lo sblocco dei rimborsi della Pa alle imprese creditrici.

A ciò si aggiunge l’allarme dei Caf, secondo i quali il calcolo della seconda tranche dell’imposta richiede più tempo e la scadenza proposta dal governo per il 16 gennaio porterà con sé inevitabili errori: da quello della poca chiarezza nel pagamento della seconda rata, e degli errori e contenziosi, a quello che alla fine i contribuenti si ritrovino a pagare di più, dal momento che, denuncia la Cgia, mancherebbero le coperture per l’abolizione della prima rata, e quindi scatterebbero le “clausole di salvaguardia”. Tradotto: se non si trovano i soldi scattano aumenti sulle accise di benzina e diesel, sugli alcolici, sulle slot machine e sulle sigarette elettroniche. Sul piede di guerra anche i sindaci. I contribuenti dei Comuni che hanno alzato l’aliquota oltre lo 0,4% di base ne dovranno pagare una parte. Lo Stato dovrebbe garantire la copertura al 60%. Il resto toccherà pagarlo ai residenti di città come Milano e Napoli. Un passo avanti rispetto al 50% iniziale, ma non abbastanza, secondo Pisapia.

I Caf, poi, temono errori nel pagamento della seconda rata. La scadenza è il 16 gennaio, e c’è il rischio di un ingorgo fiscale (insieme finiranno i saldi Imu e Tares e gli acconti Iuc e Tari) per un totale, in media, di 223 euro in un mese. I Caf, attraverso Unimpresa, avvertono: “L’approvazione del decreto legge che cancella, solo parzialmente, il versamento di dicembre sulle abitazioni principali, è arrivata troppo a ridosso delle scadenze. Ma soprattutto la confusione generata dalla norma che consente ai Comuni di far pagare la quota di imposta relativa all’eventuale aumento stabilito nel 2012 e nel 2013 rispetto all’aliquota ordinaria rende estremamente probabili errori nella determinazione degli importi da pagare entro il 16 gennaio. Con l’elevatissimo rischio di dare il via a un enorme contenzioso tra contribuenti e amministrazioni locali”.

Un bimbo disabile affidato a pedofilo

pedofilo-bambino-disabile-tuttacronaca

Pedofilo già condannato per aver molestato una bambina di cinque anni ha avuto in affido un bambino disabile  di 10 anni, figlio di primo letto di sua moglie appena deceduta. L’uomo è anche stato sospettato di aver violentato una 14enne e condannato per oltre 90 truffe. La commissione affari sociali della città svedese, ha dato semaforo verde all’adozione, perché ha giudicato molto basso il rischio di recidiva. Nove membri su dieci della commissione si sono detti favorevoli. La direttrice dei servizi sociali di Helsingborg Dinah Abinger ha lanciato l’allarme sul caso, parlando con l’agenzia di stampa Tt: “Questo via libera all’adozione deve essere stoppato. Sono state condotte ricerche in modo troppo superficiale. Ci sono troppi punti che non sono stati trattati in modo esauriente. Ho intenzione di presentare il caso all’Ispettorato della salute e dell’assistenza sociale”.

L’appello per i saldi: “comprate vicino a casa”

saldi-gennaio-tuttacronacaManca ancora un po’ all’inizio dei saldi ma già Pietro Russo, presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Napoli, lancia il suo appello ai consumatori  invitandoli “a riscoprire il gusto di fare la spesa nei negozi vicino casa ed a ritornare per le feste in quelle botteghe che da sempre hanno fatto contorno alla vita quotidiana dei napoletani”. Russo ha inoltre reso noto che lo slogan “Illuminiamo il Natale – acquista nei negozi della tua città” verrà riportato su locandine che saranno distribuite nel capoluogo partenopeo e nei comuni della provincia. Nel frattempo Fulvio Martusciello, assessore regionale alle Attività Produttive, ha ufficializzato in una nota che i saldi, che partiranno il 2 genaio in Campania, avranno lo scopo di  “permettere al comparto una boccata di ossigeno viste le situazioni congiunturali ancora avverse e di far ripartire il volano dell’economia campana incentivando i consumi”.

Il naufragio del Pd? La paura-primarie

primarie-pd-tuttacronaca “Se votano tra 1 milione e 700 e i 2 milioni di persone è un miracolo”. Previsioni nere al Nazareno per quel che riguarda la partecipazione alle primarie che si terranno l’8 dicembre. Il flop, di certo, non gioverebbe a nessuno: nè a Renzi che mira a coinvolgere gli elettori richiamandoli al Pd, nè a Cuperlo e Civati che vedrebbero sfumare le possibilità di una buona prestazione a causa di una scarsa partecipazione. A parlare delle situazione, all’Huffington Post, è Davide Zoggia, ià responsabile Enti Locali nella segreteria Bersani e oggi a capo del settore Organizzazione nella segreteria Bersani: “Credo che l’affluenza alle primarie del Pd si attesterà intorno ai due milioni. Del resto, le ‘pratiche’ per facilitare la partecipazione le abbiamo snellite di molto, rispetto al passato, anche a quello recente. Bastano due euro (2,5 euro se ci si è registrati ‘prima’ del voto), un documento d’identità e la firma in calce all’Albo dei sostenitori e della Carta dei Valori del Pd per poter votare, ove si tratti di non iscritti. In cambio, si riceve anche l’abbonamento gratis all’Unità e a Europa…”. Secondo Riccardo Nencini, segretario del Psi, “alle primarie voteranno un milione e mezzo di persone. Soprattutto cittadini che si riconoscono nel Pd. È il segno che la politica ha ancora molta strada da fare per essere riconosciuta dai cittadini”. Il fatto è che sembra le primarie non attirino più, almeno, non attirano chi non è un fanatico della sinistra o della politica. Ieri sera c’è stato il contronti in tv e il dato auditel è chiaro al riguardo: numeri dimezzati rispetto al confronto delle primarie 2012 (2,67% di share contro il 6,17%) e uno share fermo a un impietoso 0,97%, più l’1,7% di Cielo. Crozza, alla stessa ora, con la sua puntata quasi tutta incentrata su Berlusconi, ha registrato il 9,56% Ma, ricorda l’HuffPost,”La percentuale di votanti alle primarie è, nella sua serie storica, da sempre in discesa (verticale): le primarie del 2007 che elessero Veltroni videro 3 milioni e 500 mila votanti, quelle tra Bersani e Franceschini circa 3 milioni e 300 mila e le ultime scorse, quelle tra lo stesso Bersani e Renzi (ma che erano per la premiership come quelle di Prodi svoltesi nel 2006, quando i votanti furono circa 4 milioni) 3 milioni e 200 mila a fine 2012.” Da parte sua Roberto Weber, sondaggista ora a capo di un nuovo istituto di sondaggi, IXE’ di Trieste, spiega: “Due mesi fa abbiamo stimato la partecipazione alle primarie intorno ai 2 milioni e 700 mila persone, un mese fa eravamo a 2 milioni 400 mila, due settimane fa a 1 milione e 900 mila, l’altro ieri a 1 milione 700 mila e, temo, si potrebbe ‘chiudere’ a 1 milione 500 mila”. Tre i motivi di questo: “La prima è che il popolo della sinistra non ha più il carico di attese di un anno fa, quando pensava di ‘stare per’ battere Berlusconi mentre, dopo le elezioni, è scattato un fattore depressivo da cui non si è più ripreso. La seconda è che questo governo in carica è ritenuto difficilmente ‘sloggiabile’ non perché piaccia la stabilità che propone ma perché la gente sa che, se si tornasse a votare, il risultato sarebbe comunque di stallo. La terza è che Renzi, fino a ieri percepito come un elemento di assoluta novità e che poteva ‘sfondare’ anche nel campo avversario, che invece oggi si è ‘recintato’ intorno a Berlusconi, non propone nulla di nuovo. Dispiace pure a me, ci speravo, ma è così”. Altro parere, quello dell’ex bersaniano Nico Stumpo, passato ora ad appoggiare Cuperlo: “Le previsioni dei sondaggi non sempre risultato esatte, quello su Sky era solo un dibattito, oggi c’è Letta al governo e forse chi punta alla stabilità ne viene premiato, stiamo a vedere, di certo è impossibile fare previsioni. Io mi auguro che i numeri non siano così bassi (i 2 milioni stimati dallo stesso Zoggia, ndr.)”. Il vaticinio finale lo fa Giacomo Portas, deputato piemontese e leader della piccola formazione de I Moderati, unico a ‘averci preso’ coi risultati delle primarie 2012 come delle elezioni 2013: “voterà tra il 1 milione e 700 mila e i 2 milioni di persone, cifra difficile, se non impossibile, da raggiungere. Si vota l’8 dicembre, fa un freddo boia (qui a Torino, per dire, oggi nevica…), la gente pensa alle feste di Natale, gli anziani non escono di casa, si spera solo sia una bella giornata di sole”.

Anna, abito da sposa per il suo funerale

funerali-anna-tuttacronacaEra il 21 novembre quando Anna Ruggirello e sua madre, Nunzia Cascone, a seguito di un incidente vennero inghiottite dal fiume Sarno mentre si trovavano a bordo della loro Panda. E mentre continuano senza sosta le ricerche lungo il fiume della madre, “Ci immergeremo fino a quando il magistrato riterrà opportuno” spiegano dalla sala operativa dei vigili del fuoco di Napoli, oggi si sono svolti a Messigno, frazione di Pompei, i funerali della giovane. E’ stato suo padre a chiedere che, nel giorno dell’addio, la figlia indossasse un abito da sposa. Il suo sogno era sempre stato accompagnare la figlia all’altare in abito bianco, un sogno che non potrà più realizzare. “oggi sarà un giorno doppiamente triste per la famiglia Ruggirello – spiega l’avvocato Andrea Mario Aprea – dover dare l’addio ad Anna senza che il corpo di mamma Nunzia sia stato ritrovato”. Spiega Il Mattino che “sul fronte dell’inchiesta si attendono i risultati dell’autopsia, eseguita giovedì sera, che saranno noti solo tra 60 giorni, quando il medico legale Antonio Lombardi depositerà in procura la perizia autoptica. In via ufficiosa è trapelata l’indiscrezione che sembrerebbe che nei polmoni della giovane non ci fosse la presenza di acqua. Anna Ruggirello, così come ipotizzato dagli inquirenti al momento del ritrovamento dell’auto con a bordo il corpo della giovane, potrebbe, dunque, essere morta prima di precipitare nel fiume, in seguito a un forte colpo ricevuto alla testa.” Bisognerà comunque attendere il responso finale del medico legale prima che il magistrato tracci una valutazione finale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Arriva Nettuno! Allerta al centro sud

neptune-maltempo-tuttacronaca

La tregua è durata poco ed è di nuovo allerta per il centro sud. Nelle prossime ore il meridione e le regioni centrali della nostra Penisola saranno sottoposte all’ira di Nettuno «un vero e proprio ciclone mediterraneo che porterà una nuova a fase di grave maltempo al Sud, sulla Sicilia, ma soprattutto sulla Calabria ionica, Basilicata e tutta la Puglia, con nubifragi dalla notte» così si legge su http://www.ilmeteo.it dove il direttore del portale Antonio Sanò ha anche lanciato un ulteriore allerta per le prime ore di domenica soprattutto sul crotonese e catanzarese, Basilicata ionica, materano, sul Salento verso Taranto, Brindisi e resto della Basilicata e Puglia, con rischio alluvionale entro domenica e possibili bombe d’acqua sulle province di Catanzaro, Crotone, Matera e Taranto. Ma si attende il maltempo anche sulla già colpita Sardegna, che insieme alla Romagna sarà interessata da perturbazioni entro la giornata di lunedì.  Nettuno, secondo Sanò, «rimarrà attivo al CentroSud fino a mercoledì, con maltempo continuo sulla Calabria ionica, dove è concreto il rischio alluvione sulle province di Catanzaro e Crotone». Ma l’Italia «è letteralmente colpita da un duplice attacco», dice Sanò, precisando che al nord, invece, «una perturbazione atlantica fredda ha portato la neve tra Piemonte e Lombardia fino a Torino. In quantità copiosa su basso Piemonte, alessandrino, astigiano, cuneese, molto copiosa sulle colline liguri, fino a toccare zone a 2-300 metri di quota tra Savona a Genova per via del fenomeno della tramontana scura. Fiocchi in Lombardia, a Milano e sul Piacentino, ma senza disagi sulle strade».

Finisce con un grave incidente la corsa in memoria di Simoncelli

romboni-tuttacronaca

Finisce con un grave incidente la corsa in memoria di Simoncelli. Al “Sic Supermoto Day 2013″, il campione Doriano Romboni, è rimasto ferito, poco dopo le 13, ed è in condizioni molto gravi: il concorrente è stato soccorso e trasportato in un centro specializzato da un elicottero del 118. Le gare sono state sospese.

al gara si stava svolgendo sul circuito “Il Sagittario” di Latina dove erano in corso le prime prove dell’evento benefico a favore della Fondazione intitolata al grande motociclista morto il 23 ottobre 2011 durante il Gran Premio della Malesia.

Qualche ora dopo l’incidente arriva la tragica notizia che il pilota è deceduto in ospedale a Latina. 

La frase di Carretta… shock sul web!

superga-grande-torino-tuttacronaca

Damiano Carretta esponente del Movimento 5 Stelle si è espresso su Facebook con una frase davvero macabra: “Il Milan vince a Glasgow e i giocatori dedicano la vittoria a Berlusconi. Spero che il volo di ritorno passi da Superga”, immediate le reazioni da parte del web che hanno condannato la frase del grillino che ricordava l’incidente aereo in cui perse la vita l’intera squadra del Grande Torino. Lui si è difeso parlando di una frase “satirica” e ribadendo ceh il suo stile è simile a quello di Spinoza…

Chi è Carretta? Come scrive Qelsi: pur non essendo eletto né ricoprendo incarichi pubblici, Carretto è uno dei punti di riferimento grillini nei quartieri Nizza Millefonti-Lingotto-Filadelfia. E’ lui a firmare tutti gli articoli sulla Circoscrizione 9 di Torino, assieme al consigliere eletto Monica Amore e ad Andrea Russi, pubblicati sul sito Movimentotorino.it. Ed è sempre lui a scrivere assiduamente sul blog di Beppe Grillo e a gestire il gruppo su facebook del Movimento 5 Stelle-Circoscrizione 9.

 

Inter: prima vendere, poi pensare ai nuovi giocatori

mazzarri-tuttacronacaLa squadra di Walter Mazzarri deve dire grazie a Rodrigo Palacio per gli ottimi risultati che sta ottenendo, è infatti l’argentino il vero leader dei nerazzurri, capace di segnare, servire assist perfetti e sempre alla ricerca di spunti. Milito, Belfodil e Icardi, al contrario, per motivi diversi ancora non sono stati in grado d’imporsi. E per questo si pensa al rinnovo del suo contratto, in scadenza nel 2015 e con un ingaggio di 2.7 milioni più bonus. L’idea è quella di allungare il rapporto fino al 2017 con esattamente le stesse cifre. Bisognerà vedere se il giocatore sarà però d’accordo. E intanto si pensa al mercato invernale. Da quanto emerso dall’incontro di ieri, tutti gli acquisti di gennaio verrano finanziati esclusivamente dalle cessioni che il club riuscirà a portare a termine. Come riporta CalciomercatoNews, “i primi giocatori che potrebbero partire sono Alvaro Pereira, seguito da tempo dai russi del Cska di Mosca, che sembra disposto ad offrire ben 8 milioni di euro. E piena disponibilità ad ascoltare le proposte provenienti da Germania o Inghilterra per Kuzmanovic. Da non escludere comunque l’eventualità di uno scambio con il romanista Marquinho. Portate a termine quelle cessioni si penserà a comprare.”

Le figurine perdono l’ultimo patron: addio a Umberto Panini

panini-figurine-umberto-tuttacronaca

Aveva 83 anni Umberto Panini ed è morto a Modena nella notte tra venerdì 29 novembre e sabato 30 novembre. Lui era uno dei quattro fondatori dell’impero delle Figurine Panini. Insieme agli altri tre fratelli, Giuseppe, Franco e Benito, già deceduti aveva affrontato l’avventura editoriale. Umberto era anche proprietario di una nota collezione di  automobili e moto e aveva sviluppato a tempo pieno l’azienda agroalimentare Hombre a Modena.

 

Sindaco e sottosegretario sono incompatibili! De Luca ko?

Vincenzo-De-Luca-tuttacronaca

Non ci può essere compatibilità nel ricoprire contemporaneamente la carica di sindaco e quella di sottosegretario, così Agcm, l’Autorità garante della concorrenza, ha deliberato  sul caso De Luca.

Stamani il provvedimento del presidente Giovanni Pitruzzella è stato pubblicato sul sito dell’Autority e inviato ai presidenti del Senato e della Camera e sarà notificato al sindaco e al consiglio comunale di Salerno. Entro 60 giorni dalla notifica De Luca potrà ricorrere al Tar del Lazio o produrre entro 120 giorni un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.

Nelle motivazioni l’Autority respinge la richiesta di proroga del termine di conclusione del procedimento presentata da De Luca due giorni fa “perchè tardiva”. De Luca sosteneva infatti la necessità “di produrre documentazione integrativa”. Per l’Agcm il giuramento prestato da de Luca il 3 maggio scorso come sottosegretario fa scattare l’incompatibilità, perché “i titolari di cariche governative non posso ricoprire la carica di sindaco in un comune con più di 5000 abitanti”.

La mossa segreta per mettere vostro figlio al tappeto!

Gavin McInnes-tuttacronaca

Gavin McInnes, attore e co-fondatore di Vice, un magazine di arte, cultura e new topics, ha postato sul web un video in cui spiega il “punto debole dei bebé”: basta soffiargli in viso e il bimbo va ko. Il video in poco tempo diventato virale è stato però anche criticato da chi ha sostenuto che McInnes stesse maltrattando il figlio. Ma in molti lo hanno invece difeso sostenendo che il bimbo per primo si diverte e alla fine a soccombere è proprio McInnes!

Il caso infinito di Yara, l’ultimo appello della mamma “chi sa parli!”

yara-gambirasio-morte-tuttacronaca

Maura Panarese, la mamma di Yara Gambirasio, la ragazzina scomparsa da Brembate di Sopra (Bergamo) nel novembre di tre anni fa, e poi ritrovata cadavere in un campo a Chignolo d’Isola il 26 febbraio successivo, ha lanciato il suo appello parlando ai microfoni di Sky Tg24 e Bergamo tv: “Chi sa parli, vogliamo giustizia” e poi ha aggiunto ”io e mio marito viviamo sospesi nella paura che ciò che è successo a Yara possa ripetersi per mezzo della stessa mano”.

I giocatori più amati? Chi vende più maglie!

rolando-maglia-ok-tuttacronaca

Chi sono i calciatori più amati al mondo? Basta vedere quali sono le maglie più vendute per poter stilare una classifica. Ai primi posti: Rolando, Messi e Ozil, ma si piazzano bene anche Ibrahimovic, Neymar, Aguero!

Ecco la top ten:

1) Cristiano Ronaldo (Real Madrid)

2) Lionel Messi (Barcellona)

3) Mesut Ozil (Arsenal)

4) Van Persie (Manchester United)

5) Rooney (Manchester United)

6) Ibrahimovic (Psg)

7) Neymar (Barcellona)

8) Aguero (Manchester City)

9) Torres (Chelsea)

10) Kagawa (Manchester United)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scontri in Ucraina nel corteo pro Ue, centinaia i feriti

ucraina-manifestazione-tuttacronaca

Non una manifestazione, ma una guerra. A Kiev, notte violenta e numerosi scontri tra manifestanti pro-Ue e polizia. Le proteste andavano avanti da almeno una decina di giorni  contro la decisione del governo di sospendere un accordo di associazione tra Ucraina e Unione europea. In piazza Maidan ieri sera erano in 10.000 a manifestare, ma le forze speciali ‘Berkut’ hanno aspettato la tarda notte per intervenire, quando i dimostranti rimasti nella zona erano solo mille, o anche meno. A quel punto sarebbero stati circa duemila, secondo fonti accreditate, gli agenti che in tenuta in antisommossa, sono intervenuti verso le 4.30 del mattino con i manganelli. Questa mattina non c’era un solo manifestante, ma alcuni feriti in città si incontravano. Tra questi Petrò, 26 anni, con una vistosa fasciatura sulla fronte  «Mi hanno colpito con una manganellata – spiega -, ma non stavamo facendo niente di male, cantavamo, scherzavamo. I ‘Berkut’ sono arrivati all’improvviso». Andrei, 42 anni, è indignato: «È stata una strategia di guerra – dice -. I poliziotti sono arrivati all’improvviso, quando in piazza ormai c’erano solo 700-800 persone, alcuni dormivano già. Non so quanti erano gli agenti – prosegue -. Erano tantissimi comunque e colpivano chiunque, anche la gente a terra». Petrò sostiene che in piazza «c’erano un migliaio di persone quando sono arrivati i Berkut: la maggior parte della gente era andata via e la situazione sembrava tranquilla. Erano rimasti in piazza solo quelli che avevano intenzione di passare qui la notte. Gli agenti colpivano alla cieca – spiega arrabbiato -, c’erano persone col viso insanguinato, hanno chiesto i documenti agli studenti, arrestato un sacco di gente». «Hanno sgomberato la piazza con la violenza – gli fa eco un altro giovane -, hanno smontato tutto e non hanno nemmeno dato il tempo alle persone di raccogliere le proprie cose». Una rappresentante della polizia, Olga Bilik, ha detto in un’intervista a una tv locale che l’intervento delle ‘teste di cuoio è stato causato dal «lancio di lattine» da parte di alcuni dimostranti contro degli operai che stavano iniziando ad allestire le decorazioni natalizie. Ma la forte repressione della manifestazione costa al governo ucraino anche in termini diplomatici:  ferme condanne sono arrivate dall’ambasciatore Usa e dai ministri degli Esteri di Svezia e Lettonia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alt(olà) Marino! I vigili urbani di Roma minacciano lo sciopero a Natale

marino-vigili-urbani-tuttacronaca

Agenti della polizia municipale sul piede di guerra contro il sindaco Ignazio Marino che ha disertato  l’incontro con i rappresentanti di categoria. Ora gli agenti mirano allo sciopero entro il  termine massimo del 20 gennaio, minacciando il periodo natalizio in modo da creare il blocco della città proprio nel periodo degli acquisti per i festeggiamenti. Stavolta si parla di sciopero generale e il clima nella Capitale è bollente:

“E’ stata una pantomima, è il commento di Francesco Croce della Uil, ci aspettavamo una presenza politica autorevole per proseguire il discorso avviato martedì scorso. Così non è stato. Prendiamo atto con rammarico di questi tentennamenti politici. Gli unici a pagare sono i lavoratori e così non può andare avanti: siamo pronti anche ad uno sciopero generale”.

“Da Marino è arrivato un ulteriore sgarbo ai vigili, gli ha fatto eco il segretario dell’Ospol Stefano Lulli, il tavolo si è rotto perché non c’erano le condizioni per farlo. Il problema non è tecnico ma politico e quindi il sindaco doveva esserci. Lunedì consegneremo al Prefetto lo stato di agitazione e andremo verso lo sciopero”.

Una nota congiunta Cgil, Cisl, Csa e Diccap ha poi sottolineato: “Al tavolo erano presenti, per conto dell’amministrazione, il Comandante del Corpo Raffaele Clemente e la dottoressa Rossella Matarazzo che ha un incarico di collaborazione che non le attribuisce alcuna rappresentanza politica né alcuna competenza in riferimento alla gestione, organizzazione e potere contrattuale”.

CLAMOROSO! Adriano Galliani torna sui suoi passi!

Galliani-tuttacronacaRisponde “presente” al presidente Berlusconi e così, dopo l’addio al Milan annunciato ieri, Adriano Galliani resta. Mentre andava in onda Sport Mediaset su Italia 1, la clamorosa notizia. Dopo la lunga nottata, iniziata con una cena tra l’ex premier e (si pensava ex) l’ad rossonero, oggi è stato reso noto che Galliani resta al suo posto. “E’ tornata l’unità d’intenti. E’ tornata la serenità”, queste sarebbero state le parole di Berlusconi. L’aspetto societario, alle 13.30 di oggi, sabato 30 novembre, non è quindi cambiato. Ci si interroga quindi sul futuro della “rivoluzione” condotta da Barbara Berlusconi, visto che da qualche ora gira su Twitter la conferma dell’ok a Maldini e di Maldini per il dopo-Galliani. Sarebbe stato addirittura papà Cesare ad Al Jazeera a confermare la notizia. Cambiati per oggi anche i progetti si Berlusconi, atteso oggi a Milanello per parlare con la squadra e con Allegri e riportare un po’ di serenità dopo la bufera-Galliani scoppiata ieri ma che ha dovuto cambiare i suoi programmi e rimandare la visita a un altro momento. La neve che cade su Milano ha infatti impedito all’elicottero presidenziale di decollare e, di fatto, ha lasciato Berlusconi a terra. A Milanello non ci sarà nemmeno Barbara.

Belsito trovato morto nel baule della sua auto

franco,belsito,tuttacronaca

E’ stato trovato morto nel baule della sua auto abbandonata, Franco Domenico Belsito, 52 anni. Secondo La Stampa, si tratterebbe del prestanome di  Francesco Belsito, l’ex tesoriere della Lega Nord. Franco Belsito probabilmente è stato ucciso a bastonate in testa e poi la sua auto è stata lasciata a a Lu Monferrato, paesino vicino ad Alessandria. A Franco Belsito era intestata la società “Aurora”, nel Canton Ticino, che gli inquirenti ritengono sia stata la segreta cassaforte svizzera su cui sarebbero transitati milioni di euro accumulati dalla Lega Nord con i fondi elettorali.

La Stampa scrive:

Francesco e Franco Domenico sono originari della stessa terra, anche se il cinquantaduenne trovato morto l’altra sera, intorno alla mezzanotte, da una dozzina d’anni viveva a Gavi, terra di buon vino, in provincia di Alessandria, ufficialmente impresario edile, benché conservasse ancora la residenza a Sant’Onofrio, in provincia di Vibo Valentia.

(…) Gli investigatori sono risaliti all’identità di Franco Domenico Belsito. Un nome non nuovo, un nome già scritto. Ad esempio sulla visura camerale della società «Aurora», con sede in via Gaggio 2 a Lugano, in origine intestata a Giovanni Russo(siamo a novembre 2010) e successivamente, nei primissimi giorni di marzo 2011, rilevata da Franco Domenico Belsito, che ne era diventato gerente, con firma individuale. Gli investigatori che indagano sul «tesoretto» della Lega Nord ritengono cheFrancesco Belsito abbia potuto trovare comodo utilizzare Franco Domenico come prestanome, escamotage che, ad esempio, poteva tornare utile nell’utilizzo di due codici fiscali diversi, ma facilmente confondibili vista la quasi sovrapposizione dei nomi.Franco Domenico Belsito rimase titolare della società svizzera (…) fino alle fine di marzo 2012. Poi fu fatta fallire, quando si stavano scatenando i venti della bufera giudiziaria che ha investito la Lega Nord e il suo tesoriere.

Open day all’Università di Firenze… ed è subito gaffe! “Grais Anatomy”

Greys-anatomy-tuttacronacaUna nuova serie tv? No, semplicemente una gaffe. In occasione dell’open day della facoltà di Medicina dell’Università di Firenze, gli studenti delle quarte e quinte superiori si sono trovati davanti a una slide proiettata sul maxischermo che mostrava l’attore Patrick Dempsey con sopra la scritta “Grais Anatomy”. Strafalcione subito notato dai giovani appassionati della serie tv Grey’s Anatomy. Se la facoltà voleva strizzare l’occhio ai futuri iscritti… forse non è riuscita bene nell’intento!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chiude un panificio e muore un pezzo d’arte italiana… l’ennesimo!

panificio-morello-tuttacronaca-palermo

Il panificio storico, un gioiello architettonico dall’insegna liberty realizzata a mosaico e fotografata da turisti di tutto il mondo, nonché citata nelle migliori guide che portano gli stranieri alla scoperta di Palermo ha chiuso i battenti. Il panificio Morello in via Cappuccinelle, al Capo ora è ancora più a rischio. Già il prezioso mosaico era danneggiato dalla mancanza di manutenzione, ma oggi sembra in pericolo di estinzione proprio per la chiusura del negozio e per il degrado che sempre più si sta diffondendo in Italia cancellando i nostri tesori… ma tutti sono indifferenti? Come si può sperare di rilanciare l’economia se non conserviamo la nostra arte? E’ giusto, ancora, pensare che la ripresa inizi dalle fabbriche o è ora di realizzare un nuovo modello economico in Italia basato su turismo, cultura, arte e civiltà?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Berlino apre alla marijuana: arriva il primo coffee shop

coffee-shop-tuttacronacaBerlino è una città vitale, con stimoli culturali e una ricca cultura underground. Se proprio si vuol cercare una mancanza: non ci sono coffee shop. Ma presto verrà colmata anche questa lacuna. Giovedì 28 novembre, infatti,  il municipio locale ha infatti autorizzato a  larghissima maggioranza lo sviluppo del progetto di un modello di coffee shop da aprire nella zona di Görlitzer Park, nel quartiere Kreuzberg. Scelta non causale visto che il parco è  da anni punto di riferimento per lo spaccio illegale di droga. Nel primo coffe shop tedesco sarà possibile acquistare e consumare liberamente cannabis e i suoi derivati. Come spiega La Stampa, “La politica di divieto degli ultimi decenni è fallita, ha decretato la presidente del municipio, la Verde Monika Herrmann, che per prima aveva rilanciato l’idea nell’arena politica locale: «E’ tempo di pensare a soluzioni inconsuete». E infatti, in questo senso, «ora inizia il lavoro vero e proprio», ha aggiunto il portavoce locale dei Grünen, Jonas Schemmel, secondo quanto riporta il Berliner Zeitung. Un team di esperti, consulenti e abitanti della zona lavorerà alla produzione di una richiesta formale da inviare all’Istituto federale per i medicinali. Che potrebbe consentire la cessione controllata di cannabis. Il tutto, specificano ancora i Verdi, dovrà avere un chiaro carattere di ricerca, con un interesse scientifico. Una sorta di laboratorio per il Paese.”

No Bueno! La Kinder ruba l’idea pubblicitaria a una ragazzina di Pavia

red-ronnie-tuttacronaca

E’ stato Red Ronnie a denunciare il furto dell’idea usata per una pubblicità Kinder, per sponsorizzare il prodotto Kinder Bueno, che in realtà apparterebbe a una ragazzina di Pavia. Come scrive La Repubblica: il disegno ripreso dall’azienda di Alba è stato realizzato da Giuditta Fiocchi, 18enne studentessa del liceo artistico Volta di Pavia, per il manifesto di una mostra dello scorso maggio al Castello Visconteo. Giuditta, che si dice “molto soddisfatta” dell’attenzione ricevuta da uno dei marchi più conosciuti del made in Italy, ha già scritto una lettera alla Ferrero, ma senza ricevere risposta. Non chiede alcun riconoscimento economico, vorrebbe solo essere coinvolta in “eventuali progetti futuri”

Guai infiniti per Alex Schwazer, ritirata la patente

schwazer-tuttacronaca

Sembrano non finire i guai di Alex Schwazer, ex atleta, campione olimpico di marcia alle Olimpiadi di Pechino, trovato positivo all’Epo il 30 luglio 2012 in occasione di un esame antidoping, e ora trovato positivo all’alcol test! Schwazer guidava infatti con  valori molto elevati, circa il doppio del consentito e la pattuglia che lo ha fermato ha ritirato la patente, ma non ha posto sotto sequestro la vettura.

 

La tv muore? Cali a picco negli ultimi tre anni!

Internet-TV-tuttacronaca

E’ business Insider ha tracciare i dati  che non lasciano dubbi al declino del tubo catodico. La tv sta male, è obsoleta, è malata, spesso resta spenta.

Secondo l’HuffPost:

Il portale ha riportato i dati di una ricerca condotta da Citi Research, secondo cui a parte le Olimpiadi di Londra dello scorso anno, l’audience mondiale del mezzo televisivo è in caduta libera da oltre tre anni. E, sorpresa, a guadagnarci non è il web, o almeno non sempre. Secondo i dati di Citi Research, dal 2010 più di 5 milioni di americani hanno cessato il loro contratto con la tv via cavo, che spesso viene portata nelle case dei clienti dagli stessi fornitori di servizi internet. Ma come successo nel caso del gigante Time Warner, che da luglio a settembre ha perso 306mila abbonati tv e oltre 24mila utenti internet, anche il web soffre come la tv.

Ma come mai la tv sta perdendo il suo potere d’attrattiva? Forse perché l’informazione è sempre a portata di mano grazie al cellulare, per il resto serie tv e spettacoli d’intrattenimento sembrano ormai aver fatto la loro parabola… tutto sa di visto e rivisto. Ora si spera di allargare l’offerta 3D , mentre si studiano nuove tecnologie proprio per rivoluzionare la tv e renderla “attiva” e non “passiva”.  La tv si salverà?

Il Cavaliere decaduto: Crozza non si lascia sfuggire la satira facile

crozza-decadenza-berlusconi-tuttacronacaCome avrebbe potuto Maurizio Crozza “mancare l’appuntamento” con la decadenza da senatore di Berlusconi? E com’era prevedibile, il tema è stato il fucro della puntata di Crozza nel Paese delle Meraviglie andata in onda ieri sera su La7. E così il “Cavaliere decaduto” è stato uno show iniziato scomodando niente di meno che Frank Sinatra, del quale il comico ha proposto la versione italiana di “Strangers in the night” diventata, per l’occasione, “Solo più che mai”. Del resto ieri è stata la giornata in cui il mondo di Berlsuconi è stato maggiormente scosso: subito dopo la decadenza, infatti, sono arrivati l’addio di Galliani al Milan e le motivazioni della sentenza del processo Ruby bis.

Subito dopo, ecco che le note sono quelle di “They don’t care about us” di Michael Jackson che vedono riunirsi l’Esercito di Silvio, più combattivo che mai e pronto a dar battaglia in primis al Pd e al suo congresso.

Ma vent’anni in politica non possono essere rinchiusi in una decadenza e così Crozza ha presentato la sua compilation delle peggiori gaffe dell’ex premier.

Quindi, il monologo sull’adesso: “E’ decaduto ragazzi! Non potrà più entrare in Senato. Ma in fondo lui al Senato non c’è mai entrato. E’ come se a me vietassero di entrare in una cisterna etrusca…“. E non poteva mancare un riferimento alla Pascale e al suo appello al Papa perchè ascolti la storia di Berlusconi. Per finire, il consiglio di tornare a “mangiarsi un Calippo”, con riferimento alla sua precedente vita da soubrettina nelle tv locali. Una satira troppo facile e scontata?

Decaduto in Senato e sfrattato da Palazzo Grazioli: i guai del Cavaliere

sfratto-palazzo-grazioli-tuttacronaca

Lo racconta Carlo Tecce su Il Fatto Quotidiano. Silvio Berlusconi decaduto dalla carica di senatore ora rischia anche lo sfratto da Palazzo Grazioli, infatti il Pdl, ormai partito morto e sepolto non avrebbe pagato l’affitto per sette mesi e così i proprietari, il conte Emo Capodilista e Saverio Caravita di Sirignano hanno denunciato i parlamentari per morosità.

Tecce scrive:

 Non è senatore neanche a casa sua. Il decaduto Silvio Berlusconi lo sfrattano pure dal “parlamentino” di palazzo Grazioli, un emiciclo di legno intagliato che ha ospitato memorabili conferenze stampa, riunioni plenarie e simulazioni di governo. Perché il morosità: abusivi, non pagano l’affitto da sette mesi, occupano l’aula di un finto Montecitorio, l’ex redazione del Mattinale (Primo Piano) compreso l’ufficio di Paolo Bonaiuti e spergiurano di aver disdetto il contratto. E poi il fatidico 27 novembre dopo le fatidiche 17: 42 e 30 secondi, il sofferente Berlusconi ha radunato le truppe di Forza Italia proprio nel “parlamentino”. Il tribunale civile di Roma dovrà valutare il danno.

(…) Ora va scoperto il Cavaliere parsimonioso, che non vuole saldare arretrati di un partito gestito da un tale Angelino Alfano e che la fidanzata Francesca Pascale ha iniziato al risparmio casalingo: inaccettabili i fagiolini a 80 euro per un chilogrammo. E così Berlusconi ha spedito l’architetto Gianni Gamondi in missione per le residenze più blasonate di Roma: caccia alla nuova magione, riservata, immune ai fotografi e ai giornalisti.

Berlusconi starebbe cercando una nuova sede per non mischiare più politica e vita privata, visto come sono andate a finire certe serate con i falchi a Palazzo Grazioli e Francesca Pascale che non gradiva.

Scrive ancora Tecce:

Il fidatissimo Gamondi, scultore di ville berlusconiane da Antigua a Lampedusa sino a Villa Certosa, non ha trovato il pezzo giusto più che il prezzo: adesso ha occhi solo per Palazzo Taverna. Per un po ’ di pigrizia, raccontano gli amici di Fininvest, Silvio s’è fatto sfuggire il Pecci-Blunt, il palazzo con lo sguardo al Campidoglio. Dove Denis Verdini, anni fa, riuniva avventurieri e (Marcello Dell’Utri) per cercare di condizionare la Consulta sul prezioso Lodo Alfano. Ma il Cavaliere, forse, avrà preferito ignorare quei mattoni pregiati e storici che sanno di sconfitta. Le ispezioni di Gamondi vanno avanti, piano: il decaduto non vuole abbandonare la Capitale, anche se non vuole più confondere politica e Pascale. (…) Per i servizi sociali o i domiciliari, anche su suggerimento di Francesca, Berlusconi ha indicato Roma. Il prossimo palazzo dovrà avere un cancello molto imponente, numerose entrate, più verde (chissà se sintetico) e, soprattutto, tanta erba per Dudù. Dismesso da senatore e dismesso il “parlamentino”, il Cavaliere parsimonioso ricomincia da Roma 2.

Ecco come ci considerano nella tv americana: “dalla parte dei nazisti”

griffin-italia-nazisti-tuttacronaca

I nostri “alleati” americani non perdono occasione di denigrare l’Italia nella televisione a stelle e a strisce. In un episodio della celebre serie televisiva satirica Griffin in onda su Fox, la famiglia media americana arriva in Italia, all’aeroporto di Roma e qui nel cartello di Benvenuto si legge “Non dimenticate che noi eravamo dalla parte dei nazisti”. Perché nessuno fa un’azione internazionale per vietare la denigrazione di uno stato sovrano? Perché l’Europa non tutela i Paesi membri? Si può ironizzare sul nazismo?

I Griffin non sono poi il primo atto di denigrare un intero popolo.  Basti pensare ai Simpson, dove  si ironizzava sulle vicende politiche dell’Italia. E in un’altra serie americana, Scandal, L’Italia era considerata solo come il Paese del bunga bunga: nel secondo episodio della terza stagione un personaggio dice: “Il Presidente degli Stati Uniti non può andare nel paese del bunga bunga”.

Ma anche in Europa tra i panini mafiosi, le pubblicità con i bimbi che piangono o l’auto con in affitto una famiglia italiana, il nostro paese subisce pubblicità negativa. Ma tutto sembra essere divertente e passa sotto silenzio. Quanto ci perde in immagine dell’Italia ogni hanno? Che danno economico ne abbiamo da tale ironia di pessimo gusto?

Prima e dopo: compare l’oro sulla Porta Nord del Battistero di Firenze

porta-battistero-firenze-tuttacronacaE’ stata l’Opera di Santa Maria del Fiore a dare all’Opificio delle pietre dure l’incarico di restaurare la Porta Nord del Battistero di Lorenzo Ghiberti, a Firenze. E il restauro, che sta ripulendo l’opera da 600 anni di sporco e incrostazioni, sta dando risultati insperati: è infatti tornata alla luce la doratura originale presente nei rilievi scultorei delle 28 formelle, nelle testine di Profeti e Sibille e nel bellissimo fregio a motivi vegetali brulicanti di piccoli animali. Tutto questo offre la definitiva conferma al fatto che il Ghiberti aveva dorato anche la prima porta monumentale del Battistero, realizzata tra il 1403 e il 1424. Come sottolinea Repubblica, tuttavia, a differenza della successiva Porta del Paradiso la doratura ad amalgama di mercurio fu eseguita solo sui rilievi scultorei lasciando il fondo bronzo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Allerta per gli aerei… avvisate se passate sulla Cina!

tuttacronaca-isole-contese-allerta-aerei-usa-

E’ stata la Casa Bianca ad allertare le compagnie aeree statunitensi di rispettare la cosiddetta “zona aerea di difesa e identificazione” della Cina segnalando in anticipo alle autorità di Pechino l’intenzione di sorvolarla.  La notizia viene dal New York Times che ha anche precisato che  l’obiettivo dell’Amministrazione del presidente Barack Obama è di evitare qualsiasi rischio di confronto aereo per non mettere in pericolo la vita dei passeggeri dei vettori Usa.

Washington non cambia però idea, giudicando illegale la decisione cinese di controllare lo spazio aereo di un’ampia porzione del mare della Cina orientale, in particolare sopra le isole contese tra Pechino e Tokyo.

La ‘zona di identificazione’ si sovrappone allo spazio aereo del Giappone e della Corea del Sud, estendendosi fino a sfiorarne le coste. Nella ‘zona’ sono comprese le isole Senkaku (Diaoyu, per i cinesi) che sono controllate da Tokyo ma rivendicate da Pechino.

Il Giappone però ha chiesto alle proprie compagnie aeree di non rispettare le richieste cinesi. Il New York Times ha quindi interpretato la decisione della Casa Bianca come un segno di debolezza degli Usa nei confronti della Cina.

Stop al pelo d’angora, conigli torturati in cina

gatto-angora-tuttacronaca

Stop ai vestiti con il pelo d’angora dopo la pubblicazione di un video postato da un gruppo di animalisti che hanno evidenziato il modo brutale, assimilabile a una vera e propria tortura, a cui sono sottoposti i conigli che lo producono.

+++ Immagini sconsigliate a un pubblico sensibile +++

Questo slideshow richiede JavaScript.

La tosatura, effettuata in Cina, infatti avviene in modo violento senza rispetto alcuno per l’animale. «Abbiamo interrotto la produzione dei vestiti che richiedono l’impiego di conigli d’angora», ha detto la portavoce della casa di moda H & M Camilla Emilsson Falk. «Dobbiamo controllare se i nostri produttori sono conformi ai nostri standard». Non solo H&M, a produrre quei capi di abbigliamento ci sarebbero anche altre case come MQ e Gina Tricot, che sono pronte ad allinearsi alla presa di posizione del colosso svedese.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Avenues2

Just another WordPress.com weblog

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

max lucien

il linguaggio della passione

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: