Lo zio che spara al nipote: non pagava l’affitto a un suo amico

alfredo-troia-tuttacronacaAlfredo Troia, di 37 anni, il 16 novembre dello scorso anno era giunto in ospedale ferito da un colpo di pistola e, ai carabinieri, aveva raccontato di essere rimasto vittima di un tentativo di rapina. i militari non hanno creduto a tale versione e un’arma era stata trovata nell’abitazione. A spararargli sarebbe stato lo zio Carmine, 63enne. Oggi entrambi, mentre il nipote è già agli arresti domiciliari per inosservanza delle prescrizioni della sorveglianza speciale, sono stati raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il 22 gennaio dal gip di Napoli. Per lo zio le accuse sono di lesioni personali aggravate commesse con arma da fuoco, per il nipote di porto illegale di armi e detenzione di arma clandestina.  Le indagini dei carabinieri erano state avviate dopo il ferimento di Alfredo Troia. Il proprietario di casa di Alfredo, secondo quanto ricostruito, non riceveva da tempo il pagamento dell’affitto e per mediare si era rivolto a un amico, lo zio di Alfredo, Carmine.  Questi aveva cercato di convincere il nipote a pagare ma, dopo una lite scoppiata in un incontro che avrebbe dovuto risolvere la questione, lo avrebbe ferito con un colpo di pistola alla caviglia destra. 

Annunci

Se questa è Europa: a Londra si affittano i soppalchi

soffitta-affitto-londra-tuttacronaca

A Londra, in una delle città più care al mondo si affittano anche i soppalchi. Ma quale agibilità o abitabilità? Qui basta essere più bassi di 1,50 o decidere di avere una stanza in cui non si può star dritti in piedi, ma d’altra parte l’annuncio parla chiaramente:

“Stiamo affittando questa piccola soffitta, prima usata come ripostiglio. Attenzione: non si può stare in piedi e si accede da una scala, ma è arredata, c’è il parquet e c’è abbastanza spazio per gli indumenti”.

E se qualcuno pensa che sia uno scherzo o che nessuno mai accetterebbe una tale situazione si sbaglia di grosso perché il soppalco in questione si trova a Paddington, una zona considerata centralissima (rispetto all’estensione di Londra) e in cui gli affitti (naturalmente quelli meno cari) possono arrivare a costare più di 400 sterline a settimana circa 2000 euro al mese. Il soppalco costa “solo” 40 sterline a settimana… e c’è già chi prevede che ci sarà la fila per prendere in affitto il posto letto!

Ma l’Europa non dovrebbe garantire delle norme generali di abitabilità e di agibilità? Non dovrebbe controllare che un soppalco usato come ripostiglio non possa diventare un posto letto?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Decaduto in Senato e sfrattato da Palazzo Grazioli: i guai del Cavaliere

sfratto-palazzo-grazioli-tuttacronaca

Lo racconta Carlo Tecce su Il Fatto Quotidiano. Silvio Berlusconi decaduto dalla carica di senatore ora rischia anche lo sfratto da Palazzo Grazioli, infatti il Pdl, ormai partito morto e sepolto non avrebbe pagato l’affitto per sette mesi e così i proprietari, il conte Emo Capodilista e Saverio Caravita di Sirignano hanno denunciato i parlamentari per morosità.

Tecce scrive:

 Non è senatore neanche a casa sua. Il decaduto Silvio Berlusconi lo sfrattano pure dal “parlamentino” di palazzo Grazioli, un emiciclo di legno intagliato che ha ospitato memorabili conferenze stampa, riunioni plenarie e simulazioni di governo. Perché il morosità: abusivi, non pagano l’affitto da sette mesi, occupano l’aula di un finto Montecitorio, l’ex redazione del Mattinale (Primo Piano) compreso l’ufficio di Paolo Bonaiuti e spergiurano di aver disdetto il contratto. E poi il fatidico 27 novembre dopo le fatidiche 17: 42 e 30 secondi, il sofferente Berlusconi ha radunato le truppe di Forza Italia proprio nel “parlamentino”. Il tribunale civile di Roma dovrà valutare il danno.

(…) Ora va scoperto il Cavaliere parsimonioso, che non vuole saldare arretrati di un partito gestito da un tale Angelino Alfano e che la fidanzata Francesca Pascale ha iniziato al risparmio casalingo: inaccettabili i fagiolini a 80 euro per un chilogrammo. E così Berlusconi ha spedito l’architetto Gianni Gamondi in missione per le residenze più blasonate di Roma: caccia alla nuova magione, riservata, immune ai fotografi e ai giornalisti.

Berlusconi starebbe cercando una nuova sede per non mischiare più politica e vita privata, visto come sono andate a finire certe serate con i falchi a Palazzo Grazioli e Francesca Pascale che non gradiva.

Scrive ancora Tecce:

Il fidatissimo Gamondi, scultore di ville berlusconiane da Antigua a Lampedusa sino a Villa Certosa, non ha trovato il pezzo giusto più che il prezzo: adesso ha occhi solo per Palazzo Taverna. Per un po ’ di pigrizia, raccontano gli amici di Fininvest, Silvio s’è fatto sfuggire il Pecci-Blunt, il palazzo con lo sguardo al Campidoglio. Dove Denis Verdini, anni fa, riuniva avventurieri e (Marcello Dell’Utri) per cercare di condizionare la Consulta sul prezioso Lodo Alfano. Ma il Cavaliere, forse, avrà preferito ignorare quei mattoni pregiati e storici che sanno di sconfitta. Le ispezioni di Gamondi vanno avanti, piano: il decaduto non vuole abbandonare la Capitale, anche se non vuole più confondere politica e Pascale. (…) Per i servizi sociali o i domiciliari, anche su suggerimento di Francesca, Berlusconi ha indicato Roma. Il prossimo palazzo dovrà avere un cancello molto imponente, numerose entrate, più verde (chissà se sintetico) e, soprattutto, tanta erba per Dudù. Dismesso da senatore e dismesso il “parlamentino”, il Cavaliere parsimonioso ricomincia da Roma 2.

Prestazione sessuale in cambio di sconto sull’affitto, l’altra faccia della Germania?

nelly-tuttacronaca-sesso-sconto-affitto

Vuoi lo sconto? L’ultima frontiera tedesca, almeno a quanto affermano alcune studentesse, sarebbe dare in cambio una prestazione sessuale. La 18 enne Nelly stava cercando una stanza a Berlino: “Ho trovato un’offerta su internet, secondo la quale uno studente cercava un coinquilino. Quando sono andata per vedere al stanza mi ha aperto la porta un 50 enne dicendomi che c’era posto sì, ma solo nella sua camera da letto”. Questo non è l’unico caso, come mostra il video di Taff. L’affitto da 300 euro al mese cala magicamente fino ad arrivare a 50 euro se le studentesse sono in intimità con il proprietario. E’ questa l’altra faccia della Germania?

 

Vetrine in svendita: negozi in affitto a 1 euro

affitto1euro-tuttacronacaSempre più negozi sfitti, causa anche del costo degli affitti del quale difficilmente si rientra in questi periodi di crisi. In provincia di Rovigo, ad Adria, si è pensato a un modo per riqualificare gli immobili commerciali attualmente sfitti e chiusi. L’iniziativa parte dal team Si tratta dell’ultima iniziativa da un gruppo di professionisti, creativi e multidisciplinari, che sviluppano progetti nel campo del design, dell’architettura e della comunicazione visiva, Spazi Aperti di Adria. Andrea Barasciutti e Paolo Munari spiegano: “Abbiamo lanciato una provocazione con un messaggio pubblicitario dove si proponeva l’affitto di alcuni locali commerciali nel centro storico ad un euro al giorno, iniziativa che ha destato critiche e curiosità. L’iniziale provocazione però si è evoluta, con la condivisione di diversi proprietari, in una concreta possibilità”. Il progetto, dal nome “Botteghe Nuove”, offre “Possibilità di affittare spazi commerciali ad un euro al giorno. Possibilità poi di accedere a finanziamenti a tasso agevolato”. Piacere Bio sarà la prima attività ad aprire nell’ambito di questo progetto. Non bisogna pensare però che si tratti di un ‘affitto bloccato’: pagheranno un euro al giorno “per i primi quattro mesi. Poi in base al mercato ci sarà un incremento graduale. Si arriverà ai prezzi standard nel giro però di due-tre anni”.

10 metri quadri di vacanza: la casa in affitto nel cuore della Città Eterna

minicasavacanza-roma-tuttacronaca

Dieci metri quadrati tanto basta per una casa vacanze a Roma. Sicuramente quella presentata è un monolocale molto particolare, un concentrato di tecnologia e di ricercatezza che difficilmente può trovarsi altrove. Un loft in miniatura, con mattoni a vista e soffitto in legno, arredo di qualità ed elementi di domotica che lo rendono funzionale nonostante il poco spazio. Il tavolo da pranzo all’occorrenza scompare, il divano diventa letto, la TV ha l’impianto hi-fi incorporato e il wireless rende connessi tutti i device tecnologici. La casa vacanza (lunga appena quattro metri) era stata edificata nel XVIII secolo e fino agli anni Trenta del Novecento è stata abitata; poi sono cambiate le esigenze di spazio degli italiani ed era stata abbandonata a se stessa, ora torna a vivere grazie alla tecnologia.

 

Vacanze nel sangue: stuntman picchia un vicino

condominio-torvajanica-tuttacronaca

A Torvajanica uno spazio condominiale era diventato un giardino privato dopo che l’appartamento, sul lungomare delle Meduse, era stato affittato per le ferie a una famiglia romana di villeggianti, una coppia con una figlia ed alcuni loro conoscenti.  Le liti con i vicini erano frequenti fin quando ieri uno stuntman romano, di 35 anni, è stato arrestato dopo aver pestato un vicino che si era opposto alla sua ‘prepotenza’ e alla volontà di appropriarsi degli spazi comuni: le sdraio e una piscina fuori terra dove spesso venivano allestiti mini-party per la sua famiglia e per gli amici. Discussioni e occhiatacce proseguivano da tempo, in particolare con la famiglia di un inquilino 50enne che vive in quel posto da anni con la moglie. Ma lo stuntman romano ormai sembrava essersi calato a tutto tondo nella parte dello spaccone menefreghista. Fin quando ieri un imprevisto ha scatenato la lite: il 50enne ‘colpevole’ di aver pestato un piede ad un amico del 35enne è stato punito. I due sono venuti alle mani. Nella lite sono rimaste coinvolte anche le rispettive mogli che inveivano tra loro, ma i mariti si sono sfidati in uno scontro fisico sul pianerottolo, davanti alle stesse consorti. Lo stuntman ha avuto la meglio, ma poco dopo è arrivata la polizia. Gli agenti hanno trovato la vittima sanguinante in terra e le macchie di sangue sulle scale.
L’uomo è stato trasportato in ospedale con 30 giorni di prognosi per ferite soprattutto al volto, mentre la moglie, che aveva già problemi di salute, ha avuto un malore. Il 35enne, che ha anche precedenti, è stato arrestato dalla polizia per lesioni aggravate ed la dependance improvvisata nel cortile condominiale è stata rimossa.

  

Lite per l’affitto: 28enne getta bimbo di pochi mesi dalle scale

lite-affitto-tuttacronaca

Mercoledì sera, attorno le 21, si è sfiorata la tragedia in via Bezzecca, a Padova, a seguito di un violento diverbio tra i proprietari italiani di un appartamento e i loro affittuari nigeriani. Nel corso della lite, iniziata a causa di un ritardo nel pagamento degli affitti, il figlio 28enne dei padroni di casa, affetto da schizofrenia, ha perso il controllo e, afferrato il bimbo degli inquilini africani nato nel 2012, l’ha lanciato sulla rampa delle scale. Il piccolo, che è stato trasportato d’urgenza in ospedale dopo un volo di un paio di metri dal quale è uscito illeso, se la caverà con due giorni di prognosi. Il 28enne, invece, è stato identificato dai carabinieri intervenuti e ricoverato in psichiatria. Visto il suo quadro clinico deficitario, nei suoi confronti non è stato preso alcun provvedimento penale.

L’uomo sfrattato a causa di Bansky: ora l’artista gli paga affitto e bollette

bansky-tuttacronacaSe vivi all’interno di un serbatoio d’acqua sulle colline di Los Angeles e un artista sceglie proprio la tua “casa” per lasciare un segno del suo passaggio… rischi di ritrovarti senza un tetto sopra la testa. E’ quanto accaduto all’americano Tim Walker, che dimorava in un serbaoio posizionato proprio davanti all’Oceano Pacifico. Bansky, vedendo la struttura, vi ha posto la sua firma scrivendo ”Sembra quasi un elefante”. Era il febbraio 2011 e l’artista inglese, affascinato dalla struttura, ha voluto decorarla con una scritta. Solo che in breve il serbatoio è diventato un’opera d’arte e i proprietari hanno sfrattato Walker. Ma, rivela il quotidiano britannico The Indipendent, l’artista ha provveduto ad aiutarlo: gli ha infatti ragalato la somma per pagare l’affitto di un appartamento e un anno di bollette

bansky-affitto-tuttacronaca

Ferie nella villa di Beppe Grillo? L’affitta a 14mila euro a settimana!

grillo-villa-affittoUna villa su due piani, 8 camere da letto e sette bagni, proprietà di 5 ettari, con parco “particolarmente suggestivo” e una piscina. Il tutto immerso nella cornice della Costa degli Etruschi, “una terra bagnata dal mare per oltre 90 chilometri. Terra di Toscana con le luci, i colori, i profumi del Mediterraneo”. Di cosa stiamo parlando? Di villa Corallina a Marina di Bibbona, in provincia di Livorno. Proprietario: Beppe Grillo. La villa è presente nel sito specializzato in affitti turistici settimanali di Ville e Casali in Italia emmavillas.com e viene offerta a un prezzo settimanale compreso tra i 13mila e i 14mila euro. Se non bastasse confrontare le foto pubblicate sul sito con gli scatti dei cronisti che in passato hanno assediato il leader del M5S nel suo buen retiro toscano per avere la conferma che si tratti proprio della stessa costruzione, anche gli operatori del sito assicurano che si tratta della stessa. Dicono all’Adnkronos: “Non potrei dirlo, ma sì, è la villa di Beppe Grillo”. Al momento, le ultime date disponibili per l’affitto della Villa Corallina, risultano essere quelle comprese tra il 17 e il 31 agosto. Oltre alle foto degli esterni, il sito presenta anche foto degli interni della villa, finora rimasti off limit agli obiettivi dei fotografi e delle telecamere. In aggiunta ai 13mila-14mila euro a settimana, è previsto un deposito cauzionale contro eventuali danni di 2mila euro, da pagare in contanti all’arrivo. L’affitto comprende: acqua, gas per uso cucina, biancheria settimanale, pulizia iniziale e finale, manutenzione del parco e della piscina e connessione internet wi-fi, immancabile in una casa di Grillo. Non sono invece compresi elettricità a consumo, extra in caso di presenza di animali (30 euro ad animale a settimana) e l’eventuale tassa di soggiorno.

Gli italiani non pagano: debiti non onorati per un totale di 34 miliardi

debiti-italiani

Nel 2012 ha raggiunto quota 34 miliardi di euro il totale degli insoluti: i conti degli italiani piangono e non si pagano più le rate del mutuo, l’affitto o le bollette per beni di prima necessità quali acqua, luce e gas. Per quest’anno, inoltre, si prevede un aumento del 6/8% delle pratiche affidate al reucpero crediti. E’ stata l’Unirec, l’associazione che riunisce le principali società di recupero crediti, a presentare i dati, sottolineando che tra le regioni più indebitate si trovano Sicilia, Campania, Lombardia, Lazio e Puglia. Oltre a questo, sta prendendo nuovamente piede l’usanze delle cambiali. Sono 3 milioni  al mese le pratiche relative a debiti non pagati da famiglie e imprese che faticano sempre di più a onorare le proprie obbligazioni e rimborsare i prestiti contratti: una vera e propria emergenza sociale quindi.  Ma se il numero delle cambiali è aumentato del 5% rispetto al 2011 e, addirittura, del 44% rispetto al 2009, anche i protesti sono in crescita da ormai 5 trimestri consecutivi. In questo contesto, le regioni più “virtuose” sono la Basilicata, Molise e Trentino. “Un dato che, ovviamente, risente dell’entità della popolazione dei territori, anche se – nelle aree più critiche e nelle regioni con situazioni socio-economiche più difficili – si rileva un tasso di recupero dei crediti decisamente minore”, dice il Rapporto che chiude con una previsione ancora più pessimista: i volumi da recuperare il prossimo anno potrebbero salire di un altro 10%.

debiti

Ma se sono aumentati i crediti insoluti, le previsioni di incasso dei recuperatori professionali sono negative: aumenta cioé il differenziale tra affidamenti ed effettivi recuperi (-11%). Questa situaione rischia di rendere ancora più aggressive le azioni di recupero, anche con modalità che violano il codice della Privacy e integrano reati fino all’estorsione. In questo caso però è lo stesso presidente di Unirec Gianni Amprino a fornire alcune rassicurazioni. “Il circuito della agenzie aderenti all’associazione è composto di circa 200 società che corrispondono al 90% dell’attività di recupero. Tutte operano con regolare licenza rilasciata dal Ministero tramite le prefetture, sono vigilate dalla Banca d’Italia e collegate alle associazioni dei consumatori con le quali è in corso da tempo una proficua e continua collaborazione, proprio per evitare abusi. Anzi, noi siamo i primi a chiedere ai debitori di segnalarci eventuali comportamenti non corretti.” Ma c’è da considerare che sono numerose le Srl che non hanno aderito all’associazione di Confindustria pur operando nel mercato della tutela del credito: tornerà in voga lo strozzinaggio?

I pochi spiccioli di Baldassarri… 34mila euro!

BeFunky_ViewFinder_9.jpg

Al momento del fermo il 14 febbraio scorso, i finanzieri del Nucleo di Polizia valutaria trovarono a Gianluca Baldassarri, ex capo area finanza di Mps, 34mila euro nascosti “in beauty cases e in indumenti”. Secondo il gip, Baldassarri aveva un'”assoluta precarietà, temporaneità e non ufficialità di situazione alloggiativa”. Il riferimento è al fatto che nell’appartamento dove Baldassarri ufficialmente resiede a Milano “non risulta domiciliata neppure la sua famiglia”. L’ex manager di Mps vive in un appartamento di Milano affittato da una società, e in un’intercettazione emerge che “neppure la compagna fosse a conoscenza della nuova abitazione”. Il gip si chiede poi come Baldassarri, nonostante i sequestri (a lui personalmente sono stati bloccati oltre 23 milioni di euro), “abbia potuto accumulare un patrimonio significativo, all’estero e in Italia, ancora in corso di compiuto accertamento, solo in parte sequestrato

Gli Steenkamp rischiano di non poter pagare l’affitto! Era Reeva ad aiutarli.

la-steenkamp-sdraiata-sul-divano
I genitori di Reeva Steenkamp, la fidanzata di Oscar Pistorius uccisa dall’atleta nella notte di San Valentino, oltre al dolore per la morte della figlia ora devono affrontare un altro problema, questa volta economico. La modella, infatti, aiutava finanziariamente i familiari, che ora rischiano di non poter più pagare l’affitto.
Secondo un parente della famiglia, ogni volta che Reeva andava a trovare i genitori si accertava che avessero abbastanza soldi per vivere, poiché il padre (ex fantino ed ex addestratore di cavalli da corsa) spesso non veniva pagato per il proprio lavoro. E ora, secondo il congiunto, “la morte di Reeva ha anche pesanti implicazioni economiche per la famiglia”. La madre della modella, del resto, non ha mai fatto mistero del fatto che la famiglia non ha mai avuto molti soldi benché in casa ci fosse “molto amore”: “Abbiamo dato a Reeva ciò che abbiamo potuto”, aveva spiegato la donna.
Intanto emerge anche che i medicinali trovati nell’appartamento di Pistorius non sarebbero vietati nelle competizioni sportive… anche se ancora la notizia non è ufficiale.

Un fidanzato in affitto!

fidanzato-manichino_v_dmar

A ridosso di San Valentino ecco arrivare una proposta davvero indecente, ma forse “comoda” per tante ragazze che sono stanche di sentirsi dire dalla propria famiglia o dalle proprie amiche “MA QUANDO TI SPOSI?”

Dalla Cina arriva la soluzione… Nel Celeste Impero infatti vige la superstizione che le ragazze nubili portino male, e sia particolarmente di cattivo auspicio essere single in certi periodi dell’anno, come il capodanno.

Un noto marketplace online cinese ha lanciato un servizio per le ragazze che vogliono evitare domande dai familiari sulla loro vita di coppia. L’azienda infatti permette di “affittare un fidanzato”, con cui andare a cena da genitori o amici, o anche a fare shopping.

OCCHIO AI COSTI PERO’!  Sembra infatti che l’affitto abbia costi elevati, in più sono previsti extra per i viaggi o per un abbigliamento ad hoc!

Per chi non può permetterselo… c’è il fidanzato di cioccolata!

fidanzato di cioccolata

Gayhouseshare: il primo social italiano per trovare case gay-friendly in affitto

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: