“I gesti del nuoto sono i più simili al volo. …

nuotare-tuttacronaca… Il mare dà alle braccia quella che l’aria offre alle ali; il nuotatore galleggia sugli abissi del fondo.”

-Erri De Luca-

Annunci

Anche i politici per esistere… devono essere su Youtube

Cozza News

L’ho già detto che non sono un’esibizionista? Ecco, non lo sono. Infatti ho un blog ma non un canale Youtube. E quindi mi chiedo: ma esisto? Perchè a quanto pare se non finisci in qualche video non sei catalogato tra chi è in qualche modo degno di nota. (A parte che se finissi in video io farei disperare i truccatori che dovrebbero ricoprirmi di sabbia il guscio ad ogni parola per non farmi riflettere la luce…) Rifletteteci un attimo: tutto si basa sulle idee, però se non ti vedono in faccia vali meno di zero. Non ci credete? Alzi la mano chi è certo dell’esistenza di una sirena o del Mostro di Loch Ness (che poi mica capito perchè lo chiamate mostro, ha un musetto così simpatico!) Come volevasi dimostrare: se non ti vedono non esisti. E’ come per quell’essere mitologico che è lo sceneggiatore. Andate al cinema, vedete un…

View original post 611 altre parole

Spray urticante fuoriesce dall’aria condizionata: panico al centro commerciale

intossicati-centro-commerciale-Globo-a-Busnago-tuttacronaca

Molta paura al centro commerciale di Busnago, un paese della provincia di Monza in Brianza. La paura è dilagata quando dall’impianto dell’aria condizionata è uscito uno spray urticante e si è tenuto fosse un gas tossico. Il centro è stato fatto evacuare e 21 persone sono state visitate per sintomi da intossicazione . L’allarme è scattato intorno alle 17.00, a “Il Globo” e i problemi sono stati riscontrati nel passaggio fra due porte di ingresso. In quel punto, infatti, i passanti hanno accusato bruciore agli occhi, pizzicore alla gola e vomito. Allertati da diverse chiamate, i vigili del fuoco sono prontamente intervenuti con una squadra del Nucleo batteriologico e chimico per accertare i motivi dei malori.

Operazione non semplice, visto che è stato necessario regolare il traffico in uscita delle circa tremila persone presenti in quel momento nel centro commerciale, mentre tutte le vie di accesso alla struttura venivano bloccate. Lo sgombero è stato deciso a scopo precauzionale, in attesa che i tecnici del Nucleo batteriologico chimico dei vigili del fuoco risalgano con certezza alla causa del problema. Alle forze dell’ordine, infine, spetterà il compito di identificare l’autore del gesto e accertare se si sia trattato di un atto voluto o di un incidente.

L’eruzione del vulcano Irazù diventa l’autostrada dell’inferno

costarica_irazu_tuttacronaca

L’eruzione del vulcano Irazù, in Costa Rica, è stata definita “l’autostrada per l’inferno”. Sono stati i ricercatori della Columbia University di New York a scoprire come questo vulcano alto 3400 metri erutta. Gli esperti hanno analizzato la composizione di alcune rocce espulse da Irazù, nel corso della grande eruzione avvenuta tra il 1963 e 1965, e hanno ricostruito le dinamiche che hanno spinto la risalita del magma. I dati mostrano che la risalita della lava dalle profonde e poco conosciute regioni del mantello sia avvenuta molto rapidamente, pochi mesi o al massimo un anno.

La scoperta è stata possibile analizzando alcuni inusuali cristalli di olivina, un minerale presente nelle ceneri eruttate. Questi cristalli hanno permesso di memorizzare nella loro struttura le differenti fasi che hanno attraversato e i tempi impiegati durante la loro risalita dal mantello.

In questo modo è emerso che, a differenza di quanto si pensava finora, la lava di questo tipo di vulcani troverebbe una sorta di autostrada che ne permetterebbe la salita rapida. Se queste autostrade si dimostrassero tipiche anche di altri vulcani, le analisi sismiche e della deformazione del terreno potrebbero fornire informazioni più precise per capire in anticipo le rapide risalite di lava e le successive eruzioni.

 

Bimbo di 4 anni muore di fame e di botte: accusati la madre e il patrigno

daniel_pelka_tuttacronacaAveva solo 4 anni il piccolo Daniel Pelka, morto per denutrazione e botte. Sono stati i medici a rilevare che, al momento della morte, il bimbo si trovava nello stato delle vittime dei campi di concentramento per via degli stenti ai quali era stato costretto negli ultimi mesi. A Birmingham è in corso il processo che vede incriminati la madre 27enne, Magdelena Luczak, e il patrigno, il 33enne Mariusz Krezolek. Stando a quanto ricostruisce l’accusa i due, entrambi polacchi, avrebbero imprigionato Daniel nella sua stanza, privando la porta della maniglia e costringendolo a mangiare solo sale. Sempre secondo l’accusa, sarebbero gli sms ritrovati sui cellulari della coppia a dimostrare la loro colpevolezza. In un messaggio che risale al febbraio 2012 si legge: “è momentaneamente incosciente dopo che l’ho quasi annegato. Ora sono tranquilla”. Dal cellulare dell’uomo è stato invece spedito: “chiudilo in una stanza, così avrai un po’ di tranquillità e mi aspetterai”. A prima della morte del piccolo risale invece l’ultimo sms in cui si parla della necessità di non chiamare la polizia per evitare problemi. I medici, nel visitare il corpo di Daniel, si sono accorti che aveva 24 diverse ferite, sia interne sia esterne come traumi a testa, tronco, arti, oltre a bruciature sul cuoio capelluto. Anche l’indice di massa corporea era molto basso e lo stesso dicasi per il suo tono muscolare. Stando agli esperti di gastroenterologia, inoltre, Daniel era molto emaciato, probabilmente a causa di un insufficiente apporto calorico. Stando alle condizioni del piccolo corpo, Daniel doveva aver smesso di mangiare da almeno sette mesi. E’ sempre stata l’accusa a recuperare la cronologia del computer della coppia riscontrando tracce di ricerche tipo “quando un bambino smette di rispondere” o “curare un paziente in coma”. I due accusati hanno ammesso di aver maltrattato Daniel ma non di averlo ucciso.

Il kamasutra per vendere le auto: l’ultima trovata di una concessionaria

cina-kamasutra-posizioni-auto-sesso-modelli-tuttacronaca

Come vendere le automobili? Una concessionaria cinese ha preparato quindi un particolare catalogo di auto in cui il cliente può vedere le diverse posizioni del kamasutra che può scegliere all’interno della vettura. I modelli messi a disposizione per il momento risultano essere 4: la Mercedes E63 Amg, l’Hummer H3, la Bentley Continental Flying Spur e la Toyota Lexus LS 460. Ovviamente si tratta di macchine dai prezzi proibitivi: si va dai 50mila dollari dell’Hummer fino ai 250mila della Bentley, senza contare le varie offerte speciali che includono accessori di lusso. Così non si sceglie più l’auto solo in base alle proprie preferenze di colore e modello, ma secondo le proprie abitudini sessuali:  la Mercedes è spaziosa e consigliata per i più tradizionalisti, Bentley e Lexus sono più adatte ai ‘contorsionisti del sedile’, mentre nell’Hummer ci si può sbizzarrire in qualunque modo, data l’ampiezza dell’abitacolo.

Dimenticato in cella per 4 giorni, ottiene 4,1 mln di risarcimento

david-chong-arrestato-tuttacronaca

Daniel Chong, studente di San Diego arrestato per errore durante un raid anti-droga nel suo campus ha finalmente ottenuto giustizia. Era il 2012 quando lo studente d’ingegneria, durante il tradizionale giorno della marijuana libera che si celebra in molti campus americani, fu arrestato e poi  “dimenticato” in cella senza cibo e senza acqua per quattro giorni, costretto anche a bere la propria urina per non morire. Durante questo periodo fu anche colto da allucinazioni e quando non fu più sicuro di uscire dall’incubo vivo, ruppe i suoi occhiali e si incise con il vetro un messaggio sul braccio per sua madre. Una volta tornato libero, Chong ha dovuto trascorrere cinque giorni in ospedale: aveva perso 7 chili, era disidratato e aveva problemi di insufficienza renale. Ora, finalmente, sarà risarcito con 4,1 milioni di dollari di risarcimento. Il ragazzo ha commentato: «È stato un incidente, un terribile incidente», mentre il suo avvocato ha ribadito che quello che è accaduto al suo cliente «non deve succedere più a nessun essere umano sul pianeta».

 

La madre di una delle vittime dell’incidente di Santiago fa riflettere “le cariche”

carolinabesada-santiago-tuttacronacaFaro de Vigo ha pubblicato la lettera della madre di una delle vittime dell’incidente ferroviario di Santiago de Campostela, la 18enne Carolina Besada Garrido. La donna spiega che “mia figlia mi ha sempre detto di essere orgogliosa di avere una madre lottatrice e so che non le sarebbe piaciuto che rimanessi in silenzio. Questo è un omaggio per lei. A tutti coloro che hanno aiutato i nostri cari e noi in questi difficili momenti, voglio dire che ogni loro gesto ha riempito di calore la nostra anima. Chi si è sentito scioccato da quello che è successo, deve sapere che la sua empatia ci dà forza. Tutti loro ci hanno ricordato che il mondo è pieno di esseri eccezionali. A chi, come noi, prova dolore per la sua perdita, mando un abbraccio sincero e tutto il mio affetto. Pensiamo che siano in pace e lasciamo che il tempo ci aiuti affinchè il loro ricordo c’inondi d’amore. Grazie per tutti gli abbracci, i baci e le parole sincere d’incoraggiamento che abbiamo ricevuto, anche dalle persone che non conoscevamo, anonimi o con ‘cariche’.”

Dopo i sentiti ringraziamenti, la madre di Carolina lancia anche un attacco a chi ha causato o “approfittato” della tragedia solo per “mostrarsi”. Continua infatti lo scritto: “E infine voglio rivolgermi a quelli che si credono ‘importanti’ e hanno sfilato davanti ai nostri occhi per offrirsi alle telecamere, con i loro completi e uniformi, per ‘farsi vedere’, dopo che noi avevamo già trascorso dodici ore di angoscia, non sapendo se avremmo potuto riabbracciare i nostri cari. Anche al macchinista che, se verrà confermata, ci ha spezzati con la sua irresponsabilità. A coloro che sono venuti a mostrarci una falsa simpatia perchè la loro carica o il loro partito lo ‘esigeva’ (che sappiano che è questo quello che trasmettono; avreste dimostrato una qualche compassione rimanendo nei vostri lussuosi uffici). A coloro che hanno ceduto alle pressioni ‘dall’alto’ e ci hanno torturato promettendo informazioni che ancora non ci hanno fornito. A coloro che preferiscono ‘tagliare’ vite piuttosto che dover rinunciare alla loro auto ufficiale. Mi rivolgo a voi per dirvi che le vostre azioni vi stanno facendo marcire il cuore, ma forse non è troppo tardi perchè voi cambiate e collaboriate per rendere questo mondo un posto dove la cosa importante tornino ad essere le persone.”

Emergenza Legge Elettorale: voto i primi di ottobre

leggeelettorale-tuttacronacaE’ stato il Pd ad avanzare la procedura d’urgenza per la legge elettorale che è stata oggi approvata all’unanimità e approderà a settembre alla camera per poi essere approvata entro i primi di ottobre. La procedura giunge durante l’attesa dell’ormai imminente decisione della Cassazione sulla condanna a 4 anni di carcere ed a 5 di interdizione dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi mentre si avvicina anche il congresso democratico per la successione di Guglielmo Epifani. Cambio di direzione dei democrati quindi, che chiedono modifiche immediate al’  Porcellum dopo aver sostenuto la linea della subordinazione della nuova legge elettorale, solo al termine del percorso di riforme istituzionali disegnato da Enrico Letta. Quello che ancora è da chiarire è il significato di “stato di necessità” e quale sia il modello che la maggioranza è intenzionata a discutere. Da più parti sono giunte voci di “soddisfazione” per l’unanimità riscontrata tra i capigruppo. Dario Franceschini, ministro per i Rapporti con il Parlamento, ha spiegato ai cronisti: “In questo modo sarà possibile arrivare al voto per gli inizi di ottobre”. Il governo ha accolto con soddisfazione l’inserimento dei provvedimenti nel calendario di agosto alla Camera.

Utente scrive all’azienda dei bus per disservizio e l’azienda risponde “c******e”

bus-ataf-risposta-coglione-tuttacronaca

Ha scritto all’Ataf di Firenze, l’azienda dei bus, segnalando un presunto disservizio sulla linea… la spa dei bus  dopo una verifica si accerta che, secondo lei, il disservizio non c’è stato e quindi rispondono su Fb: “Lei è un gran c******e”.  La vicenda viene denunciata da un consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, e l’Ataf, dopo aver rimosso il post, è costretta a scusarsi. Il fatto resta comunque di una gravità aberrante.

Fasano invade i banchi dell’M5S si rischia la rissa in Parlamento. Video!

parlamento-Vincenzo Maurizio Santangelo-m5s-pdl-rissa

Al senato si discute del decreto “Lavoro-Iva” e il senatore Pdl Enzo Fasano invade i banchi del Movimento 5 Stelle ed inizia ad  attaccare il deputato Vincenzo Maurizio Santangelo. Maurizio Gasparri ha richiamato subito all’ordine il suo compagno di partito.

Yacht affonda, occupanti ubriachi dopo un party lasciano rubinetti aperti

yacht-affonda-meta-sorrento-tuttacronaca

Il “Polonia 2” uno yacht da 18 metri, è affondato a Meta di Sorrento. Sull’imbarcazione c’erano a bordo una comitiva di ragazzi polacchi che la sera prima aveva fatto un party in cui l’alcol era corso a fiumi .

Nella notte i ragazzi hanno ormeggiato lo scafo al largo del porto di Meta e si sono diretti a terra con un tender. Stamane, intorno alle 9 e 30, è scattato l’allarme del “Soccorso Amico”, che durante un giro di perlustrazione ha notato la barca che iniziava rapidamente ad affondare. Immediati i soccorsi, ma sul natante non c’era nessuno.

Pare, dalle prime ricostruzioni, che prima di abbandonare lo scafo, i ragazzi abbiano lasciato lo scarico di uno dei bagni aperto e questo ha fatto imbarcare acqua per tutta la notte fino a stamane, quando la barca ha iniziato ad affondare attirando l’attenzione del Soccorso amico e della Guardia Costiera.

Al momento nessuna notizia dei proprietari che probabilmente alloggiano in uno dei tanti alberghi di Meta che affacciano sul mare.

Treno Frecciargento investe un uomo sulla linea AV Roma-Napoli

morto-tav-tuttacronacaE’ ripresa alle 17.40, dopo essere stata sospesa alle 14.40, la circolazione ferroviaria sulla linea AV Roma – Napoli, fra le stazioni di Roma Prenestina e Salone. La sospensione si è avuta dopo che un treno Frecciargento, come ha comunicato in una nota l’ufficio stampa delle Fs, ha investito, uccidendola, una persona indebitamente presente sui binari. Sempre sulla nota si rende noto che la sospensione del traffico è stata necessaria per consentire i rilievi dell’Autorità giudiziaria. Ancora in corso le verifiche per stabilire la causa. Gli effetti: 15 i treni AV da Roma e Napoli, che hanno effettuato il percorso alternativo via Formia, hanno registrato ritardi fino 60 minuti. Il traffico ferroviario sta tornando progressivamente alla normalità.

Terrore nel “Quadrilatero della Moda” milanese, rapina in pieno centro.

milano-tuttacronaca-rapina-via-della-spiga- Franck Muller

Mentre a Milano si teneva un eccezionale Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica alla presenza del ministro dell’Interno, al Quadrilatero della Moda, nelle strade più centrali del capoluogo lombardo veniva messa a segno una violenta rapina. I ladri, armati di mazze e molotov hanno ferito due persone durante le concitate fasi della rapina all’interno della gioielleria Franck Muller di via della Spiga, (il noto marchio aveva già subito un assalto a metà febbraio).  I banditi, per garantirsi la fuga, e per seminare il titolare che li inseguiva, hanno lanciato tre bottiglie incendiarie, una delle quali davanti a una scuola elementare in via Borgospesso, abbandonandone un’altra per strada. Per fortuna gli ordigni non hanno causato feriti tra i passanti.

Anche le condizioni dei due dipendenti della gioielleria non sono preoccupanti: uno dei due, un addetto alla sicurezza di 39 anni che dopo una sprangata al torace lamentava dolori addominali, ha riportato una emorragia alla milza: non è in pericolo di vita. L’altro, di 58 anni, originario della Libia, è stato medicato sul posto.

FEDERICA E’ ARGENTO!

federica-pellegrini-bcn2013-tuttacronacaPomeriggio rovente per la nazionale italiana oggi a Barcellona. Filippo Magnini e Luca Dotto hanno aperto le danze dopo essersi aggiudicati in mattinata la semifinale. E’ solo Dotto però che riesce a superare lo scoglio: domani si giocherà la finale dei 100 stile libero.

Ha difeso il titolo mondiale nei 200 stile libero Federica Pellegrini: nessuna donna ha mai vinto tre titoli consecutivi in questa specialità ai mondiali. La campionessa italiana, che non sarebbe dovuta scendere in vasca per questa competizione e non ha preparato la gara, si è aggiudicata la medaglia d’argento alle spalle della Franklin dopo una splendida gara. Bronzo per la Muffat.

Si è giocato il tutto per tutto subito dopo, Mattia Pesce, nei 50 a rana. Per lui solo un ottavo posto.

Stefania Pirozzi, dopo la qualificazione mattutina, è tornata in vasca per la semifinale dei 200 delfino: quinta nella prima batteria, ma solo undicesima nella classifica finale.

La giornata si è chiusa con Gregorio Paltrinieri impegnato negli 800 stile libero. Solo sesta posizione per lui dopo che Melluli è crollato mentre l’imperatore Sun Yang, dopo l’oro nei 400, conquista per la seconda volta la medaglia più preziosa.

MUKHTAR ABLYAZOV ARRESTATO IN FRANCIA!

mukhtar-ablyazov-arrestato-cannes-tuttacronaca

The end? Mukhtar Ablyazov è stato arrestato a Cannes, in Francia. A comunicare la notizia è stato il suo avvocato, il quale ha precisato che a fermare il dissidente kazako sono state le forze speciali d’Oltralpe. Tutti si ricorderanno il caso scoppiato in Italia in occasione dell’espulsione dall’Italia della moglie Alma Shalabayeva e della figlia minorenne del dissidente. 

La Francia intanto smentisce la notizia dell’arresto e alla parola “arrestato” risponde che non sono al corrente del fermo di Ablyazov. Fonti locali hanno aggiunto a chi chiedeva conferma dell’arresto: “Ci sembrerebbe strano perché tutto passa da noi”. Ma la Russia ne chiede l’estradizione.  Da caso a giallo kazako?

Aggiornamento 31 luglio 2013, 21,50: Arriva la conferma il dissidente kazako, Mukhtiar Abliazov, è stato arrestato nel pomeriggio a Mouans-Sartoux, vicino Grasse. Lo conferma al Financial Times la polizia giudiziaria di Marsiglia. Sono state le autorità ucraine a chiederne l’arresto. L’oligarca potrebbe essere trasferito a Parigi. Anche la Russia ha richiesto l’estradizione del dissidente, che aveva ottenuto asilo dalla Gran Bretagna nel 2011. Un appello a evitare che Mukhtar Ablyazov sia estradato in modo “illegale” come è successo a Roma alla moglie Alma Shalabayeva e alla figlia Alua. A lanciarlo via Facebook è il figlio del dissidente kazako. “Cari amici – scrive Madiyar Ablyazov sul social network – mio padre è stato arrestato. Vi sarò grato per sempre se condividerete questo articolo per evitare un’estradizione rapida e illegale come è già successo in Italia per mia madre e mia sorella”.

Musicista tailandese suona la batteria disegnata sul muro.

Weerachat Premananda Jr-batteria disegnata-tuttacronaca

Weerachat Premananda Jr. è un musicista tailandese di 29 anni, che ha avuto un’idea geniale: ha postato il clip che lo raffigura mentre suona una batteria che in realtà dipinta sul muro, ma l’effetto è alquanto realistico tanto che dall’inizio del mese ha già raggiunto 200 mila visite.  La musica che Weerachat “mima”, proviene da uno stereo posizionato all’interno della sua casa. Per disegnare la batteria sul muro, il musicista ha riprodotto un disegno realizzato sul suo computer.

 

Video shock. Drag Queen si cuce la bocca in un video per protesta.

blog-barbie-blood-tuttacronaca

Usa ago e filo per cucirsi la bocca in segno di protesta contro le leggi anti-gay della Russia di Putin, tra cui la norma che  vieta la propaganda di relazione sessuali gay davanti a minori: la punizione varia in base agli incarichi ricoperti da coloro che la violano. Lo shock immediatamente attraversa la rete anche perché il video è davvero forte e c’è chi fa scoppiare le polemiche dopo questa provocazione che sicuramente ha attirato l’attenzione su un problema che sta lacerando al Russia in questo periodo. La drag queen di chiama Barbie Breakout e in rete sono reperibili molti suoi video, fra cui un tutorial in cui spiega come trasformarsi in drag. Sicuramente l’ultimo video, però, è nettamente diverso dai precedenti.

+++ Video riservato a un pubblico solo adulto +++

 

I vincitori del Superenalotto vogliono costruire una scuola per i terremotati

emilia_superenalotto-tuttacronaca-scuolaSabato scorso la dea bendata ha baciato l’Emilia o, per meglio dire, una famiglia di quattro persone che da tre anni ogni venerdì gioca 2.50 euro al punto vendita “Il Baretto” a San Venanzio di Galliera, in piazza Eroi della Libertà. La sera successiva, dopo aver trascorso un po’ di tempo con amici, hanno scoperto di aver vinto 13.912.039 euro grazie a un 6. A raccontare la loro storia, così come l’ha appresa dagli stessi protagonista, la Sisal, dove si sono presentati oggi. La donna, a cui da poco è stato annunciato il licenziamento, ha intenzione di smettere di lavorare mentre i due figli continueranno a studiare e ad impegnarsi nello sport. La famiglia ha intenzione di estinguere il mutuo e riparare la casa, rimasta danneggiata dal sisma che colpì la regione l’anno scorso. Ma non solo. La vincita servirà per aiutare familiari e amici che hanno bisogno ma i quattro hanno anche intenzione di costruire una nuova scuola per il paese: il giorno della tragedia i figli si trovavano a Ferrara,  in una scuola a rischio ed è ancora vivo il timore per quanto successo.

Nozze tra Rai ed Expo 2015, trovato l’accordo da 5 milioni di euro

expo2015-rai-tuttacronaca

E’ stato raggiunto un accordo da 5 milioni di euro per la diffusione in Italia e all’estero dell’esposizione mondiale che si svolgerà a Milano con la programmazione già esistente, ma anche con delle trasmissioni create apposta.  La gestione sarà affidata alla nuova struttura Rai Expo (di cui faranno parte fra gli altri il vicedirettore generale Antonio Marano e il direttore di Rainews Monica Maggioni) che si avvarrà del contributo di alcuni autori come Carlo Freccero.

Matrimonio con sparatoria a Baiano: uomo freddato davanti alla Chiesa.

baiano-chiesa-santo-stefano-tuttacronaca-ucciso-uomo-matrimonio

Un uomo di 60 anni, Fortunato Miele, imprenditore nel campo dell’edilizia con precedenti penali, arrestato anni fa per tentato omicidio,  è stato ucciso con colpi di arma da fuoco in piazza a Baiano, in provincia di Avellino. L’omicidio è avvenuto davanti alla chiesa di Santo Stefano, il principale luogo di culto della cittadina ai confini tra le province di Avellino e Napoli. L’uomo è stato raggiunto da numerosi colpi di arma da fuoco esplosi, subito dopo le ore 13, da  da due killer arrivati nella piazza del paese a bordo di una potente moto e con i volti coperti da caschi integrali. Miele è stato freddato mentre si trovava al posto di guida della sua Jeep, ferma davanti alla chiesa dove si era appena concluso un matrimonio e alcuni invitati, dopo che gli sposi erano andati via, si trovavano ancora sul sagrato.

Stampato primo orecchio 3D da cellule di pecora, funziona come quello umano

dezeen_3D-printed-bionic-ear-orecchio-stampato-tuttacronaca

Grazie alle cellule staminali di una pecora e a una stampante 3D è stato possibile creare un orecchio artificiale che funziona  esattamente come quello naturale. L’organo è stato prodotto dai ricercatori del Massachussetts General Hospital. L’orecchio, disegnato da un chirurgo plastico, è stato poi stampato in tre dimensioni in polidimetilsilossano, un composto chimico alla base del silicone. Questo materiale ha permesso di perfezionare il modello. Ora il protocollo prevede che l’orecchio venga testato clinicamente e se gli esiti saranno positivi si potrà passare a operazioni di trapianto. Questa potrebbe essere una speranza per quelle migliaia di bambini che ogni anno nascono con  malformazioni congenite a uno o entrambe le orecchie.

Benzina gratis per un guasto al self-service: denunciate 122 persone

totalerg-tuttacronaca

Sono bastate 24h di disservizio al distributore self-service ‘Totalerg’,  di via per Passirana, ad Arese, comune in provincia di Milano, per spingere 122 automobilisti a rifornirsi gratis per un consumo  totale 18.000 euro di carburante. Il danno è calcolato anche sulla base dell’accisa della guerra  di Etiopia  che ancora nel 2013 i cittadini italiani pagano sulla benzina? In ogni caso, gli automobilisti, che approfittando del guasto hanno fatto il pieno alla loro auto, sono stati denunciati sulla base dei filmati del servizio di videosorveglianza.

Denzel Washington… è di parola!

denzel_washington_tuttacronacaUscirà in sala il 24 ottobre prossimo Cani sciolti, uno degli action movie più atttesi dell’autunno e che porterà sugli schermi la coppia inedita Denzel Washington e Mark Wahlberg, due che con i film d’azione ci vanno davvero a nozze. Nell’attesa di rivedere l’attore afroamericano, OfficialCommedy ha creato un video che raccoglie tutti i film in cui si è trovato a dichiarare: “te lo prometto”. Sembra proprio che su Denzel ci si possa contare. O almeno è quello di cui sono certi gli sceneggiatori! Un video imperdibile: I guarantee you!

Il video del funambolo che cammina tra le mongolfiere

Aisikaier Wubulikaisimu-funambolo-cina-tuttacronaca

Un nome impronunciabile per noi occidentali e un’impresa che lascia senza fiato quella compiuta da Aisikaier Wubulikaisimu,  funambolo cinese di etnia Uygurha. 18 metri percorsi su sbarra di acciaio larga 5 centimetri che teneva unite due mongolfiere. La distanza è stata percorsa in appena 38”35 e solo una volta il funambolo si è fermato per ritrovare l’equilibrio. Wubulikaisimu già detentore di 5 primati ha stabilito quindi un nuovo record compiendo questa mirabolante impresa a Naigu Stone Forest, provincia sud occidentale di Yunnan. 

Morte 26 persone per avvelenamento e centinaia sono gravi

Shangqiao-tuttacronaca

Sono 26 le persone morte per avvelenamento e centinaia sarebbero in gravissime condizioni a causa di una fuga di cadmio fuoriuscito da una fabbrica abbandonata da quattro anni nella Cina centrale.  I campioni rilevati nel terreno del villaggio Shangqiao nella provincia di Hunan, avrebbero rilevato una quantità di cadmio circa 300 volte superiore a quella autorizzata. Le concentrazioni di questo pericolosissimo metallo tossico sono stati trovati in 500 delle 3000 persone sottoposte a controlli.

Nel villaggio inoltre c’è un altissima percentuale di bambini che nasce con malformazioni.

Fino a 50mila euro a chi lascia “di sua volontà”: raggiunto l’accordo a Geox

geox-incentivi-tuttacronacaTrovato l’accordo tra i vertici della Geox e i sindacati: ” Ai lavoratori cassintegrati e in contratto di solidarietà che, al termine dei due anni di ammortizzatore sociale, accetteranno di accedere volontariamente alla mobilità andranno dai 30 ai 50mila euro, a seconda dell’inquadramento attuale.” E’ questo il risultato finale dopo che, la settimana scorsa, era stato raggiunto l’accordo che definiva il numero del personale in esubero: 71 su 560 addetti. Per 44 di loro sarà chiesto un periodo di 12 + 12 mesi di cassa integrazione straordinaria, mentre per gli altri 27 sarà adottato il criterio dei contratti di solidarietà. L’intesa raggiunta prevede che, per i primi, il trattamento di Cigs venga integrato dall’azienda di Montebelluna fino al raggiungimento del 75% della retribuzione lorda (circa l’83% della busta paga netta, data la diversa tassazione alla quale sono soggette le somme dedicate ad incentivo). Trascorsi i due anni tutti loro, se accetteranno la mobilità e quindi non impugneranno il licenziamento, avranno diritto a riscuotere una somma compresa fra i 30mila euro (fino al quarto livello) ed i 50mila euro (settimo livello e quadri). Il colosso veneto si è anche reso disponibile al finanziamento di corsi di formazione a vantaggio dei dipendenti in Cigs e finalizzati ad un’eventuale ricollocazione interna o, attraverso agenzie specializzate, in mansioni richieste dal mercato del lavoro esterno. “Si tratta – hanno commentato le organizzazioni sindacali – delle condizioni incentivanti più alte mai conseguite per questa categoria”.

Il Pd ha ancora idea di cosa sia la base e di cosa voglia? La nuova puntata Mediaset

Dario Nardella-pd-tuttacronaca

Sarà forse il caldo o forse davvero c’è stato un gap tra elettori e parlamentari che ormai non è più colmabile. L’ultimo, ma solo in ordine cronologico, a mettere di nuovo un divario tra quello che la base del Pd si auspica nel processo Mediaset e quello che invece si spera fra i parlamentari democrats è Dario Nardella, braccio destro di Matteo Renzi al comune di Firenze e ora punto di riferimento centrale del gruppo dei renziani in Parlamento:

“Abbiamo sempre detto che non si batte Berlusconi per via giudiziaria e restiamo di questa opinione. Dopodiché, un’eventuale decisione della Cassazione di confermare la condanna di secondo grado sarebbe pesante da sopportare per la nostra base. E dunque in questo caso prevedo una fortissima tensione nel Pd anche con reazioni imprevedibili. E lo stesso vale per il governo”.

Ma il Pd ha ancora idea di cosa sia la base e di cosa voglia? Si ricordano che la loro base è fatta di disoccupati, di giovani in cerca di prima occupazione, di operai costretti ad accettare condizioni di lavoro pesanti per non subire un licenziamento? Perché il Pd continua a interessarsi del processo di un cittadino (solo incidentalmente anche leader del Pdl) invece di varare riforme che servono veramente alla base? La disoccupazione dilaga, la crisi continua… il disco non cambia: ogni giorno va in scena una “nuova puntata” su Mediaset!

 

 

Dalle prove al concerto la gallery di Marco Carta nel napoletano

marco-carta-concerto-napoletano-nola-tuttacronaca

Marco Carta, ex allievo di Amici non si è certo risparmiato per le sue fan che erano corse numerose per assistere alle prove e al concerto a Polvica di Nola, in provincia di Napoli. Una piazza gremita e urlante che non ha mai perso la voce per far sentire il proprio sostegno al cantante.

Se non è solo una leggenda metropolitana c’è anche chi sostiene che un gruppetto di fan abbia prestato il disco di “Necessita’ lunatica” al bar di fronte la piazza, per poter far risuonare le note dei brani di Mister Paper fin dalle prime ore della mattina.  Anche quanto il caldo torrido si è abbattuto sulla piazza Carta non si è trovato mai solo. Dalle prove al concerto il successo è stato indiscutibile…

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Gratta e vinci” è polemica con il Codacons: scandaloso lo spot

gratta-e-vinci-pubblicità-spot-codacons-tuttacronaca

Il Codacons parte all’attacco contro il nuovo spot che propaganda il Gratta e Vinci. Su quotidiani, cartelloni e siti web infatti per promuovere il gioco ora si punta ad abbinarlo allo shopping. Secondo il Codacons:

«Si tratta di una pubblicità pericolosissima, perchè fa leva su due diverse dipendenze: la sindrome da acquisto compulsivo, denominata anche “oniomania”, e la ludopatia, ossia la dipendenza da gioco. Associare le vincite tramite il Gratta e Vinci alla possibilità di fare shopping per 10 anni, è una scelta che rischia di arrecare danni ai soggetti più deboli, con particolare riferimento a chi soffre di forme più o meno gravi di oniomania. In sostanza la pubblicità in questione rischia di creare un effetto moltiplicatore sulle dipendenze dei giocatori».

Quella scritta «10 anni di shopping non passano veloci», è stato anche il motivo per cui il Codacons ha chiesto all’Antitrust di «bloccare il messaggio pubblicitario, e alla Procura di Roma di verificare se sussistano gli elementi per aprire una indagine nei confronti dei Monopoli di Stato e del Ministero dello sviluppo economico, per i reati che saranno ravvisati».

Arrestato per stalking scappa e stupra una donna.

stalking- Gaetano Vescera-tuttacronaca

Stupra una donna introducendosi in un abitazione dopo esser fuggito dagli arresti domiciliari ai quali era stato costretto per stalking. I carabinieri hanno arrestato il 32enne, Gaetano Vescera, di Vieste autore del gesto con le accuse di violenza sessuale, violazione di domicilio ed evasione. Secondo quanto riportato da un quotidiano locale l’uomo avrebbe fatto irruzione  nell’abitazione della donna, che era a letto, e l’ha palpeggiata nelle parti intime, con l’aggravante – secondo quanto appurato dai Carabinieri – “di aver posto in essere la condotta delittuosa di notte, approfittando, tra l’altro, dello stato di torpore della donna, dovuto al sonno”.

La lotta contro la plastica… passa per i sacchetti “imbarazzanti”

buste-plastica-tuttacronacaCome portare avanti la lotta contro la plastica? La nuova idea arriva da un’agenzia di creativi di Londra, la Mother London. La trovata per convincere le persone a rinunciare ai sacchetti di plastica è… farli imbarazzare di quanto contengono. Come? Disegnando sulle buste le silhouette di pistole, coltelli e siringhe, in modo da dare l’impressione che tali oggetti vengano realmente trasportati all’interno dei curiosi sacchetti gialli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il ponte di vetro per rimanere sospesi a 30 metri d’altezza

ponte-di-vetro-china-tuttacronaca

Nel parco nazionale forestale Huangshui, a Chongqing, in China c’è un ponte di vetro costruito per i turisti che vogliono “sospendersi” a 30 metri d’altezza. La passeggiata è più lunga al mondo e vanta ben 31 metri, 10 metri in più di quella che viene offerta al  Grand Canyon Skywalk.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nell’era del social network arriva il bar per i solitari.

social network-bocchi-tuttacronaca-università-kyoto-caffetteria-tavoli

L’università di Kyoto è una delle più prestigiose in Giappone ed è proprio qui che è partita la sperimentazione dei cosiddetti “bocchi” che tradotto significa “da solo”. Una caffetteria che ha posti a sedere solitari, adatti a chi non vuole socializzare durante la pausa pranzo. Per il momento sono 10 i tavoli speciali con pareti divisorie nel centro per isolare i clienti, ma l’iniziativa ha avuto un tale successo che altre università stanno seguendo la loro linea.

Antonio Conte, il compleanno e le dichiarazioni su Mazzarri e Guardiola

conte-juventus-tuttacronacaFesteggia il suo 44° compleanno Antonio Conte parlando con Tuttosport, La Stampa e la Gazzetta dello Sport e facendo un bilancio del momento presente nonchè guardando al futuro. Riguardo al suo contratto, l’allenatore bianconero spiega che “Non ne voglio uno nuovo. Io qui mi sento a casa e finché avrò entusiasmo, passione e stimoli andrò avanti con la Juve”. E riguardo la prossima stagione, occhi puntati sui nuovi arrivi Tevez e Llorente: “Carlos è straordinario, Una grande professionista, una persone splendida e disponibile. Fernando è un atleta modello e ha la mentalità giusta”. Ma con l’inizio del campionato alle porte, non si può non fare i conti con le altre squadre, soprattutto con i club che si sono rinforzati: “Stanno cambiando i valori. Sarà un campionato molto aperto. Inter e Milan per tradizione devono provare a vincere. Il Napoli ha speso 75-80 milioni e si è rinforzato con Benitez. La Fiorentina ha legittime ambizioni di primato e la Lazio ha ampliato l’organico ed è forte”. Ma Conte si concede anche alcune feroci stoccate, a partire dall’Inter e Mazzarri “che mette le mani avanti per coprire i fallimenti”. Mentre alle parole di Guardiola, che aveva definito la Vecchia Signora ricca, replica: “E’ rimasto ai tempi del Brescia. In effetti è andato in un club con pochi soldi. Meglio guardare in casa propria”.

Daniele De Rossi parla di “risurrezione” della Roma. Intanto Borriello resta?

borriello-genoa-roma-calciomercato-tuttacronaca

“La Roma deve risorgere dalle ultime stagione negative”. Parola di Daniele De Rossi da Kansas City. “La squadra è sempre stata forte anche in questi anni in cui le cose non sono andate benissimo – ha detto De Rossi al termine dell’allenamento del mattino – ma qualcosa evidentemente manca, altrimenti avremmo fatto meglio. Forse manca un po’ di entusiasmo, magari vincere qualche gara di fila e darsi lo slancio per fare una stagione importante”.

De Rossi ammette che non sempre tutto ha filato liscio nella Roma, alti e bassi, poca continuità e una squadra che ha sempre cercato di emergere, ma forse non ha trovato forza ed entusiasmo per farlo.

E’ un po’ la storia anche del “tira e molla” che si è generato con la tentata cessione di Borriello che invece sembra sempre più prossimo a raggiungere i suoi compagni giallorossi negli States. La trattativa con il Genoa, a meno di una sorpresa dell’ultimo minuto, sembrerebbe fallita dopo che l’accordo non è stato  raggiunto. La Roma era anche pronta a cedere il giocatore al Malaga e  non sarebbe stato difficile, ma questa volta è arrivato secco il “no” di Borriello. Niente Spagna, niente Genoa, forse Usa… la stagione calda di Borriello sembra infuocarsi in queste ultime ore.

La strage del pullman: Sophia Loren pronta ad aiutare “la sua gente”

loren-irpinia-pozzuoli-tuttacronacaE’ cresciuta a Pozzuoli l’attrice Sophia Loren e si sente vicina alla sua terra, tanto che ieri sera, nello stesso giorno della celebrazione dei funerali delle 38 vittime della tragedia stradale avvenuta domenica sera sul viadotto della A16 tra Monteforte Irpino e Baiano, in provincia di Avellino, ha telefonato al sindaco Vincenzo Figliolia per comunicare la sua disponibilità ad aiutare la “sua gente”, rendendosi fin da subito disponibile a dare concretamente una mano. Il primo cittadino di Pozzuoli, che nel pomeriggio di ieri ha fatto visita ai bambini e alle bambine ricoverate all’ospedale pediatrico Santobono e al Loreto Mare di Napoli, ha poi dichiarato: “Ho ringraziato di vero cuore Sophia Loren per la sensibilita’ umana e la solidarieta’ dimostrata alla citta’ di Pozzuoli. E’ stata una telefonata dal forte valore simbolico, perche’ la Loren e’ rimasta particolarmente scossa dalle immagini di strazio mostrate in questi giorni dalle televisioni italiane e straniere. Il dramma di Pozzuoli e delle sue tante famiglie e’ diventato lutto nazionale, ma anche occasione di riflessione sulle emergenze in campo infrastrutturale che il nostro Paese deve affrontare e risolvere”.

La crocefissione degli “innocenti” che sta facendo discutere il web

gli intoccabili-tuttacronaca-ravelo-erik

Una provocazione shock quella dell’artista Erik Ravelo che ha “crocefisso” i bambini ai loro “carnefici”. Secondo Ravelo i bambini sono vittime di una società consumistica che li schiaccia e li maltratta.  La sua opera dal titolo “Gli intoccabili” raffigura i bambini crocefissi all’obesità, alle armi, ai presti pedofili, al commercio di organi, al nucleare e al turismo sessuale. Le immagini in rete hanno suscitato scalpore e polemiche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

La Solvay sarà la nuova Ilva? Dalla Toscana alla Puglia l’inquinamento continua

solvay-tuttacronaca-toscana-disastro-ambientale

E’ stato l’ex M5S, Adriano Zaccagnini, ora appartenente al gruppo misto  a denunciare la nuova “bomba ecologica” che mina l’Italia. Stavolta non è la Puglia, ma la Toscana ad essere minacciata dallo stabilimento della Solvay, sorto dal 1941. La multinazionale belga che lo gestisce estrae salgemma dai giacimenti di Volterra e della Val di Cecina e produce carbonato di sodio, bicarbonato di sodio, cloro, soda caustica, clorometani e acqua ossigenata.

I risultati – secondo i dati forniti dal deputato –  sono stati un valore aggiunto modesto sul territorio e un costo enorme in termini ambientali: un visibile degrado del mare, enormi consumi di acqua e l’estrazione di salgemma nella Val di Cecina fino alle saline di Volterra; la gente accorre a frotte in un’area non balneabile: i cartelli stradali indicano proprio «spiagge bianche», da Rosignano Marittima a Vado, nonostante l’acqua – si legge nell’interrogazione – “nasconda insidie letali. Tuttavia, nel raggio di chilometri non s’intravede un solo divieto. Anzi, con denaro pubblico è sorto un lido balneare e l’Asl organizza addirittura la balneazione per gruppi di persone disabili”.

l’Agenzia ambientale Onu ha classificato questo tratto costiero come uno dei 15 più inquinanti d’Italia: secondo le stime per difetto del Cnr di Pisa, nella sabbia bianca la Solvay ha scaricato 337 tonnellate di mercurio ed altri veleni: arsenico, cadmio, nickel, piombo, zinco, dicloroetano. L’elenco completo è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia europea dell’Ambiente. Più precisamente a Rosignano, secondo Legambiente, sono state 500 tonnellate di mercurio, presenti fino a 14 chilometri dalla battigia. E gli albergatori hanno addirittura chiesto di cambiare il nome della cittadina togliendo il “marchio” Solvay proprio per non abbinare la città alla situazione di degrado ambientale.

Oggi la Solvay è finita sotto inchiesta per gli scarichi abusivi nel mare toscano, sono stati  indagati sia la direttrice che i 4 ingegneri.

La società  ha chiesto di patteggiare, ma la Procura ha posto precise condizioni: risanamento e fine delle violazioni. L’ultima scadenza per la Solvay è il 2015: se non sarà tutto ok, potrebbero scattare i sequestri.

Aspettando ulteriori sviluppi, Zaccagnini ha così chiamato in causa il  Ministero dello sviluppo economico, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ed il Ministero della Salute.

Zaccagnini pone richieste precise ai ministri competenti:

1) realizzare un’indagine epidemiologica, a cura di un organismo pubblico autorevole e a carico della stessa Solvay, per stabilire gli eventuali rapporti tra le patologie e i decessi avvenuti sul territorio e le emissioni inquinanti della fabbrica, con la correlazione tra inquinanti conosciuti e patologie;

2) intervento d’urgenza per quantomeno bloccare i danni all’ambiente e alle persone prodotti dalla lavorazione;

3) avvertire la popolazione dello scarico in mare di tali sostanze, prevedendo inoltre che le spiagge bianche vengano interdette alla frequentazione per almeno 1 chilometro a nord e a 2 chilometri a sud dalla foce dello scarico;

4) chiusura dello scarico a mare entro non oltre 4 anni, anche se depurato dagli inquinanti denunciati;

5) obbligo per lo stabilimento di dotarsi di un impianto a circuito chiuso dell’acqua, con la possibilità di utilizzare solo l’acqua in entrata in mare;

6) rimborso dei lavoratori posti in Cassa integrazione (da dicembre 2011 a maggio 2012) nel caso fosse riconosciuta la strumentalità dell’iniziativa Solvay;

7) prevedere, nell’accordo di programma che è in corso di definizione presso la regione Toscana, un dissalatore a carico di Solvay, da cui la multinazionale ricavi acqua e sale lasciando l’acqua dolce alla popolazione;

8) spostamento del serbatoio di etilene ad alto rischio dall’area archeologica di Vada prevedendo per lo stesso una diversa collocazione.

Francesco De Gregori e quella sinistra che non c’è più

Francesco De Gregori-tuttacronacaRilascia un’intervista fiume al Corriere della Sera il cantautore Francesco De Gregori che spiega come il suo interesse per la politica sia “molto scemato” rispetto al passato. “Ha presente il principio fondativo delle rivoluzioni liberali, ‘no taxation without representation?’. Ecco, lo rovescerei: pago le tasse, sono felice di farlo, partecipo al gioco. Però, per favore, tassatemi quanto volete, ma non pretendete di rappresentarmi”. E’ lui stesso a raccontare di aver votato ” Monti alla Camera e Bersani al Senato. Mi pareva che Monti avesse governato in modo consapevole in un momento difficile. Sono contento di com’è andata? No. Oggi non so cosa farei. Probabilmente non voterei. Con questo sistema, tanto vale scegliere i parlamentari sull’elenco del telefono”. Il cantautore politico per eccellenza spiega: “Continuo a pensarmi di sinistra. Sono nato lì. Sono convinto che vadano tutelate le fasce sociali più deboli, gli immigrati, i giovani che magari oggi nemmeno sanno cos’è il Pd. Sono convinto che bisogna lavorare per rendere i poveri meno poveri, che la ricchezza debba essere redistribuita; anche se non credo che la ricchezza in quanto tale vada punita. E sono a favore della scuola pubblica, delle pari opportunità, della meritocrazia. Tutto questo sta più nell’orizzonte culturale della sinistra che in quello della destra. Ma secondo lei cos’è oggi la sinistra italiana?”. E spiega: “È un arco cangiante che va dall’idolatria per le piste ciclabili a un sindacalismo vecchio stampo, novecentesco, a tratti incompatibile con la modernità. Che agita in continuazione i feticci del ‘politicamente corretto’, una moda americana di trent’anni fa, e della ‘Costituzione più bella del mondo’. Che si commuove per lo slow food e poi magari, “en passant”, strizza l’occhio ai No Tav per provare a fare scouting con i grillini. Tutto questo non è facile da capire, almeno per me”. Ma di questa situazione è stanco: “Questo governo non piace a nessuno. Ma credo fosse l’unico possibile. Ringrazio Dio che non si sia fatto un governo con Grillo e magari un referendum per uscire dall’euro. Se poi molti nel Pd volevano governare con Grillo e io non sono d’accordo non è un dramma. Ora il Pd è di moda occuparlo, prendere la tessera per poi stracciarla. Non ne posso più di queste spiritosaggini”.

Neanche su Letta ha un parere preciso: “Le ho detto che seguo poco. Se mi chiede chi è ministro di cosa, magari non lo so. Quando viaggio compro sei giornali, ma dopo dieci minuti li poso e comincio a guardare fuori dal finestrino…”. Ma da cosa deriva un simile atteggiamento? “Magari è colpa mia. Mi sento, mischiando Prezzolini e Togliatti, un ‘inutile apota’. Comunque nutro un certo rispetto per il lavoro non facile di Letta e di Alfano. Sono stufo del fatto che, appena si cerca un accordo su una riforma, subito da sinistra si gridi all”inciucio’, al tradimento. Basta con queste sciocchezze. Basta con l’ansia di non avere nemici a sinistra; io ho sempre avuto nemici a sinistra, e non me ne sono mai occupato. Ho votato Pci quando era comunista anche Napolitano. Ma viene il momento in cui la realtà cambia le cose, bisogna distaccarsi da alcune vecchie certezze, lasciare la ciambella di salvataggio ed essere liberi di nuotare, non abbandonando per questo la tua terra d’origine. Non ce la faccio più a sentir recitare la solita solfa “Dì qualcosa di sinistra”. Era la bellissima battuta di un vecchio film, non può diventare l’unica bandiera delle anime belle di oggi. Proviamo piuttosto a dire qualcosa di sensato, di importante, di nuovo. Magari scopriremo che è anche di sinistra”. E non poteva mancare una riflessione su Berlusconi: “Berlusconi è stato fondamentalmente un uomo d’azienda. Nel suo campo e nel suo tempo una persona molto abile, non un vecchio padrone delle ferriere. Ha fatto politica solo per proteggere i suoi interessi, senza avere nessun senso dello Stato, nessun rispetto per le regole e, credo, con alle spalle una scarsa cultura generale. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. È imputato di reati gravi e si è difeso dai processi più che nei processi. Che altro vuole sapere? Aveva ragione l’Economist : Berlusconi era inadatto a governare l’Italia. Mi chiedo però anche se l’Italia sia adatta a essere governata da qualcuno”. Un premier non telefona in questura per far liberare un’arrestata dicendo che è la nipote di Mubarak, non crede? “Certo. Andreotti non si sarebbe mai esposto così. Però, guardi, ho seguito con crescente fastidio e disinteresse l’accanimento sulla sua vita privata. Forse potevamo farci qualche domanda in meno su Noemi e qualcuna di più sull’Ilva di Taranto? Pensare di eliminare Berlusconi per via giudiziaria credo sia stato il più grande errore di questa sinistra. Meglio sarebbe stato elaborare un progetto credibile di riforma della società e competere con lui su temi concreti, invece di gingillarsi a chiamarlo Caimano e coltivare l’ossessione di vederlo in galera. Non condivido nulla dell’etica e dell’estetica berlusconiana, ma mi irrita sentir parlare di ‘regime berlusconiano’: è una falsa rappresentazione, oltre che una mancanza di rispetto per gli oppositori di Castro o di Putin che stanno in carcere. E ho trovato anche ridicolo che si sia appiccicata una lettera scarlatta al sindaco di Firenze per un suo incontro col premier”. E riguardo al sindaco fiorentino, che appare l’uomo del futuro: “Renzi è uno che ha sparigliato. Se il Pd avesse candidato lui probabilmente avrebbe vinto. Ma la scelta del termine rottamazione non mi è mai piaciuta, mi è sempre parsa volgare e violenta. E poi non sono più disposto a seguire nessuno a scatola chiusa”. Non crede quindi molto in lui e sembra non abbia intenzione di votare alle primarie: “Il verbo ‘credere’ non dovrebbe appartenere alla politica. Non basta promettere bene e saper comunicare. E poi penso di non votare alle secondarie, si figuri se voterò alle primarie. Il Pd sta passando l’estate a litigare. E magari anche Renzi ne uscirà logorato”. Ma De Gregori non è convinto neanche dei metodi utilizzati da Grillo: “Ho trovato inquietante la campagna di Grillo, il suo modo di essere e di porsi, il rifiuto del confronto, le adunate oceaniche. Condivido i tagli ai costi della politica e la richiesta di moralizzazione che viene da molti e che Grillo ha saputo ben intercettare. Molti elettori e molti eletti del M5S sono sicuramente persone degne e capaci di fare politica. Ma questa idea della Rete come palingenesi e istituzione iperdemocratica mi ricorda i romanzi di Urania”. E se in passato aveva criticato Veltroni, ora qualcuno che gli piace c’è: “Papa Francesco, la più bella notizia degli ultimi anni. Ma mi piaceva anche Ratzinger. Intellettuale di altissimo livello, all’apparenza nemico del mondo moderno e in realtà avanzatissimo, grande teologo e per questo forse distante dalla gente. Magari i fedeli in piazza San Pietro non lo capivano. Ma il suo discorso di Ratisbona fu un discorso importante”. Ma De Gregori, Viva l’Italia è una canzone che sente ancora adatta al momento: “Sono convinto che l’Italia abbia grandi chance per il futuro. E ogni volta che canto quella canzone sento che ogni parola di quel testo continua ad avere un peso. ‘L’Italia che resiste’, ad esempio; e solo le anime semplici potevano pensare che c’entrasse qualcosa con lo slogan giustizialista ‘resistere resistere resistere’. ‘L’Italia che si dispera e l’Italia che s’innamora’. L’Italia che ogni tanto s’innamora delle persone sbagliate, da Mussolini a Berlusconi. Ma il mio amore per l’Italia, e per gli italiani, non è in discussione. Sono stato berlusconiano solo per trenta secondi in vita mia: quando ho visto i sorrisi di scherno di Merkel e Sarkozy”.

Call Center degli “orrori”: impiegati pagati 2 o 3 euro l’ora.

call-center-lavoro-nero-tuttacronaca

E’ stata la Guardia di Finanza a scoprire un call center che operava a Palermo nel settore delle vendite di depuratori d’acqua, in cui venivano impiegati 37 lavoratori ”in nero”. Ogni dipendente percepiva tra i 2 e i 3 euro l’ora e veniva pagato su carte prepagate per aggirare i controlli della finanza. I compensi si aggiravano intorno a 350 euro mensili. Gli accertamenti hanno permesso di ricostruire l’erogazione di somme per un ammontare superiore agli 80mila euro in sei mesi.

Nuovo allarme disoccupazione giovanile: ormai si supera il 39%

disoccupazione-giovanile-tuttacronaca

E’ un nuovo allarme per la disoccupazione giovanile (15-24 anni) che ormai arriva al 39,1%. Al di là del dato allarmante quello che si deve registrare è che non vi è stato un cambiamento di tendenza se si pensa che la disoccupazione è in crescita dello 0,8% su maggio (quindi quali un 1% in più) e che ormai è a quota 4,6% in più su base annua.  Anche la disoccupazione in generale non va meglio e riconferma il dato di maggio (c’è solo un calo dello 0,1%). Se poi si considera invece il dato su base annua, allora la disoccupazione resta molto preoccupante con un rialzo del 1,2%. Per la terza volta consecutiva dall’inizio dell’anno la disoccupazione ha toccato sfondato la quota 12%.  Questi dati preoccupanti sono aggravati anche dal fatto che di solito durante il periodo estivo, almeno una certa quota di ragazzi, negli anni passati, trovava impieghi stagionali, mentre quest’anno non vi è stato nessun miglioramento in tal senso. Forse si risente della crisi che ha toccato il settore turistico e sicuramente dei molti esercizi commerciali che avendo chiuso i battenti non hanno più bisogno di un ricambio di personale nel periodo estivo. Una situazione grave che è uno specchio di ciò che si sta vivendo in Italia e della quota sempre maggiore di giovani e meno giovani che ha deciso di trasferirsi all’estero per trovare lavoro.

Quel pasticciaccio della Commissione Giustizia: passo indietro su stalker

commissione-giustizia-misure-cautelari-tuttacronaca

Dopo il pasticcio in Commissione che ha approvato l’annullamento della carcerazione preventiva per il reato di stalking, ora già si lavora a un aggiustamento del testo non appena questo arriverà in Parlamento. Passo indietro e tutto da rifare. In particolare, ora, Pd e Fratelli d’Italia hiedono anche di innalzare la pena massima per stalking.

Ma da dove ha avuto origine l’idea?

Qualche giorno fa, in Commissione Giustizia, è stato approvato all’unanimità un emendamento presentato da Lucio Barani che sposta il carcere preventivo per reati la cui pena è di 5 anni contro i 4 attuali. L’emendamento aveva l’intento di svuotare le carceri… ma in questo modo ha riempito le case di quelle donne costrette a imprigionarsi per fuggire alla follia di uomini possessivi e incapaci di elaborare una separazione.

Il governo, dopo la polemica, ha deciso per la retromarcia. Scrive sulla Stampa Flavia Amabile:

La Camera ha promesso di intervenire non appena la commissione Giustizia riceverà il provvedimento svuota-carceri dentro cui è contenuta la modifica che sta creando sconcerto. Ma dieci giorni fa venne accolto da tutta la maggioranza, con parere favorevole del governo, l’emendamento presentato da Lucio Barani (Gal) che spostava il tetto per il carcere preventivo dai 4 ai 5 anni, modificando l’articolo 280 del codice di procedura penale.

A difendere il provvedimento, così, è rimasto il solo Barani, che parla di una battaglia di civiltà. Ancora Flavia Amabile:

Barani ha difeso il suo emendamento sostenendo che «la battaglia contro la carcerazione preventiva è una battaglia di civiltà, a oggi che io sappia non c’è nemmeno uno stalker in custodia cautelare in carcere». Ma la sua voce è rimasta isolata. Era stata la Lega il 24 luglio a sollevare per prima la questione in Senato esponendo cartelli: «Attente, donne: stalker in circolazione». Poi sono arrivate le reazioni di tutti gli altri. Donatella Ferranti del Pd e presidente della commissione Giustizia della Camera, promette di modificare il provvedimento. Le senatrici del Pd, che hanno approvato l’emendamento prima in commissione e poi in aula, definiscono la conseguenza della modifica «una contraddizione in termini ed è assolutamente prioritario allontanare l’aggressore per proteggere la vittima».

Carlo Giovanardi, senatore del Pdl, sostiene che eventuali provvedimenti nei confronti del persecutore «possono addirittura far da detonatore per gesti estremi» e che, quindi, l’unica salvezza è «un programma di protezione che consenta alla potenziale vittima di trovare una nuova residenza e un nuovo lavoro».

 Ma gli altri reati resterebbero fuori… Pasticcio su pasticcio?

Il Napoli pronto a sferrare il nuovo colpo: in arrivo Skrtel

Martin-Skrtel-tuttacronaca-napoliE’ The Mirror che riporta le nuove, clamorose dichiarazioni: Rafa Benitez vuole il centrale del Liverpool, Martin Skrtel. L’allenatore è certo di riuscire a sferrare il colpo e portare il giocatore, che ha già dato la sua disponibilità, in casa Napoli. Al momento l’unico scoglio da superare è l’accordo con il club inglese ma si lavora e l’intesa tra le due parti sarebbe già a un passo.

Ancora non c’è una tomba per Franco Califano. Solo burocrazia?

tomba-califano-tuttacronaca-ardea

Forse la tomba non sarà pronta neppure per il 14 settembre, data di nascita dell’artista romano. Sembrano esserci infatti stati innumerevoli problemi burocratici che hanno fatto slittare la data di realizzazione della tomba. Secondo La Repubblica  il contratto tra la Tac (la società incaricata della gestione della sepoltura e del pagamento) e il Comune di Ardea per realizzare la tomba privata, dal valore di 25mila euro, sarebbe stato firmato solo una settimana fa.

«Ci sono stati dei problemi di soldi – sostiene il sindaco Luca Di Fiori – ho dovuto aspettare che la Tac incassasse i proventi di una polizza fideiussoria, stipulata dall’artista, prima di scrivere l’ordinanza di permesso». Il regolamento comunale infatti prevede che chi non è cittadino di Ardea non possa essere seppellito lì.

L’ordinanza di deroga è stata emessa a metà giugno, quando il sindaco ha avuto le necessarie garanzie. Una versione però opposta a quella dell’avvocato del ‘Califfo’, Marco Marcacci. «La Tac aveva i soldi fin dal giorno del funerale – sostiene – Dunque l’ordinanza poteva essere fatta prima».

Dopo i sismi della notte arriva la scossa all’alba tra Cosenza e Catanzaro

terremoto-tuttacronaca-cosenza-catanzaro

Dopo le scosse che nella notte avevano interessato l’Appennino Lucano e il Pollino, all’alba di questa mattina un  terremoto è stato registrato alle 6.12 del 31 luglio nel distretto sismico della Valle del Crati, tra la provincia di Cosenza e di Catanzaro.

La rete sismica dell’Ingv ha registrato una scossa di magnitudo 2.2 con ipocentro a 15,2 chilometri di profondità ed epicentro tra i comuni cosentini di Aiello Calabro, Altilia, Belsito, Carpanzano, Dipignano, Domanico, Grimaldi, Malito, Marzi, Paterno Calabro, Pedivigliano, Rogliano, Santo Stefano di Rogliano, Scigliano, e i comuni della provincia di Catanzaro di Conflenti, Martirano, Martirano Lombardo, Motta Santa Lucia e San Mango D’Aquino.

Non si registrano danni a persone o a cose.

Il Pollino trema nella notte, epicentro nel cosentino

terremoto-tuttacronaca-pollino-cosenza

A distanza di poco più di mezzora dal terremoto che questa notte aveva colpito l’Appennino Lucano, un altro sisma ha interessato la nostra penisola.

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.1 è state registrata dalla rete sismica Ingv nel Pollino, in provincia di Cosenza.

La scossa avvertita alle 00,40 del 31 luglio ha avuto ipocentro a 8,5 chilometri di profondità ed epicentro tra Mormanno e Orsomarso.

Non si registrano danni a persone o cose.

Terremoto sull’Appennino Lucano, trema Potenza

terremoto-appennino-lucano-tuttacronaca

Un terremoto è stato registrato poco dopo la mezzanotte del 31 luglio sull‘Appennino Lucano, nella provincia di Potenza, dalla rete sismica dell’Ingv.

La scossa di magnitudo 2.1 è stata avvertita alle 00.08 con ipocentro a 13,2 chilometri di profondità ed epicentro tra i comuni di Avigliano, Filiano  e Ruoti.

Non si registrano danni a persone o cose.

Alle 00.40 a tremare è, invece, il Pollino.

Travaglio su Berlusconi: “Domani è un altro porno”

travaglio-silvio-tuttacronaca-processo-mediaset

“Domani è un altro porno”, con questo titolo Marco Travaglio prova a raccontare gli esiti o meglio i non esiti della sentenza della Cassazione sul processo Mediaset.

“Orsù, signori del Pd, non vi agitate. Comunque vada a finire il processo Mediaset in Cassazione, cambia poco o nulla. Siamo in Italia, mica in un Paese serio. Altrimenti oggi si processerebbe un vecchio pensionato della politica, già da tempo allontanato dai suoi compari di partito per questioni di decenza e isolato dalle opposizioni (pare che nei Paesi seri esistano, e si oppongano pure) e dalle massime cariche dello Stato, che rifiuterebbero di stringergli la mano e farsi fotografare con lui per motivi igienici. Ma, appunto, siamo in Italia: dunque non c’è nulla che la Corte possa aggiungere sul conto del-l’illustre imputato che già non si sapesse prima. Nulla che possa precludergli ciò che una legge del ’57 e i principi di disciplina e onore fissati dalla Costituzione avrebbero dovuto da sempre impedirgli: fare politica. Se la Corte annulla la sua condanna con rinvio a un nuovo appello, il reato cade in prescrizione (e sarebbe la nona volta). Se la Corte annulla la condanna senza rinvio (pare che il giudice relatore sia un annullatore impenitente), B. è salvo per un altro paio d’anni, finché non arriva in Cassazione il processo Ruby. (…)

Lui dice che vuole andare in galera, tanto sa benissimo (la legge Cirielli l’ha fatta lui) che non ci andrà mai neppure se insiste. Ci sarebbe, è vero, l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici. Ma intanto deve passare dal voto della giunta e dell’aula del Senato, dove col voto segreto può succedere di tutto: anche che il partito unico Pdmenoellepiùelle trascini la cosa alle calende greche sino a fine legislatura (come a fine anni 90 con Dell’Utri) o addirittura respinga la sentenza definitiva innescando un conflitto di attribuzioni dinanzi alla Consulta dai tempi biblici. (…)

Questo slideshow richiede JavaScript.

E B., pur eletto, in Parlamento non mette mai piede (ha il record mondiale di assenteismo: 99,84%). In ogni caso, nessuno gli impedirebbe di presentare alle elezioni una lista Pdl o Forza Italia o Forza Gnocca o Forza Frode con su scritto “Berlusconi Presidente” e, in caso di vittoria, intestare il governo al solito prestanome (magari la figlia) in attesa che scada l’interdizione e qualche servo si dimetta per farlo eleggere al suo posto. Dunque, signori del fu Pd, cos’è tutta questa agitazione? Che sia un delinquente lo sappiamo tutti da anni, basta leggere una sola delle sue sentenze di prescrizione o di assoluzione perché si era depenalizzato il reato. L’unico pericolo per il governo sarebbe un vostro colpo di reni: un leader, ad averlo, che si alzasse in piedi e dicesse “con quel delinquente non possiamo restare alleati un minuto di più”. (…)

Ora è tardi. E B. il governo Letta non ve lo fa cadere manco se lo condannano, tanto comanda lui e la faccia la mettete voi. Il peggio che può capitarvi è sputtanarvi un altro po’ con i vostri elettori superstiti, ma anche qui il più è fatto. Dunque state sereni. Fate come lui che la sa lunga: se fa casino è solo per spaventare la Corte, caricandola di responsabilità che toccherebbero ad altri, e per ricattare il Pd e il Colle. Così domani incasserà l’ennesimo premio-fedeltà: tipo un’amnistia o una mezza grazia alla Sallusti che gli commuti la pena cancellando l’interdizione. Tranquilli, ragazzi. Domani, comunque vada in Cassazione, è un altro porno.”

“C’è una marea nelle cose degli uomini…

marea-tuttacronaca… che, colta al flusso, mena alla fortuna; negletta, tutto il viaggio della vita s’incaglia su fondali di miserie.”

-William Shakespeare- (Giulio Cesare)

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Avenues2

Just another WordPress.com weblog

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

max lucien

il linguaggio della passione

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: