Dramma sulla A10: perde la vita una bimba di 4 anni

bimba_muore_incidente_a10_tuttacronacaDrammatico incidente sull’A10, attorno alle 9.30 di questa mattina, nel quale è rimasta coinvolta una bimba di quattro anni che ha perso la vita. La piccola, che stava viaggiando con i genitori e il fratellino lungo la Varazze-Genova su una Renault Mègane Bianca, sarebbe stata sbalzata fuori dall’auto al momento dello schianto: la vettura, dopo aver sbandato, avrebbe colpito il guardrail all’altezza di Piani d’Ivrea. La piccola, caduta sul selciato, sarebbe stata poi travolta da un’altro veicolo che sopraggiungeva. I genitori e il fratellino sono in condizioni critiche mentre il tratto autostradale è stato chiuso per consentire i soccorsi.  A bordo dell’auto c’erano una coppia di cittadini serbi residenti in Francia con due figli, la piccola di 4 anni e il fratellino. Secondo una primissima ricostruzione, la bimba sarebbe stata sbalzata fuori dall’abitacolo, forse perché non era seduta sul seggiolino per i bimbi e non aveva la cintura di sicurezza, finendo sull’asfaldo e venendo investita da un’altra auto.

Il calciatore ubriaco che si schianta contro uno scuolabus: 8 feriti

yamilson-rivera-tuttacronacaEra ubriaco Yamilson Rivera, centravanti dell’America di Cali, una squadra della seconda divisione colombiana, che si è schiantato contro uno scuolabus sfiorando la tragedia. A bordo del mezzo si trovavano venti bimbi e otto di loro, tra i 7 e i 10 anni, “hanno riportato lievi ferite ma sono stati tutti dimessi dalla clinica Centro Traumas del settimo distretto”, ha riferito un portavoce della polizia a Radio Caracol. Le cause dell’incidente sono da rinvenirsi nell’alta velocità dell’auto del calciatore, che ha distrutto la vettura ma ha riportato solo qualche graffio, a cui peraltro è stato riscontrato un elevato livello di alcol nel sangue, pari a 2,2 grammi/litro. Nell’ultimo anno e mezzo Rivera ha segnato 17 gol in 41 partite ma al volante è un vero pericolo. La dirigenza dell’America sta pensando di rescindergli il contratto e nel frattempo lo ha messo fuori squadra: già l’anno scorso aveva infatti ucciso un ciclista travolgendolo con la sua auto da sobrio.

18 mesi con la condizionale! M’Baye Niang condannato

niang-ferrari-tuttacronacaA inizio febbraio l’attaccante del Milan M’Baye Niang, attualmente in prestito al Montpellier, si schiantava con la sua Ferrari: lui ne era uscito illeso, l’auto distrutta. Ora il calciatore, come rivela l’Equipe, è stato condannato a 18 mesi di carcere con la condizionale proprio a causa di quell’incidente automobilistico e gli è stata inoltre ritirata la patente: tra 3 anni dovrà sostenere un nuovo esame.

Ciao Francesco, muore Di Giacomo, la voce del Banco di Mutuo Soccorso

francesco-di-giacomo-banco-del-mutuo-soccorso-morto-incidente-stradale-zagarolo-tuttacronaca

Un incidente stradale avvenuto a Zagarolo ha strappato la vita a Francesco Di Giacomo, storica voce del gruppo Banco del Mutuo Soccorso. La band storica fondata a Roma nel 1969 era un punto di riferimento ancora oggi nell’ambito del rock italiano, insieme alla Premiata Forneria Marconi, gli Area  e Le Orme. Di Giacomo aveva 67 anni ed era noto anche all’estero come esempio di rock progressivo italiano.

Investite mamma e figlia di pochi mesi, il conducente è un 80enne.

bambino-passeggino-tuttacronaca-investita

Ha investito una mamma di 25 anni e una figlia di 16 mesi a una fermata del bus a Fontanelice, nell’Imolese, senza accorgersi di nulla, almeno stando a una prima ricostruzione dell’incidente. L’80enne alla guida di una Fiat Panda avrebbe poi percorso un centinaio di metri, proseguendo sulla via Montanara verso Imola,dove si sarebbe fermato convinto di avere un problema alla ruota e a quel punto si sarebbe reso conto di aver investito qualcuno e ha deciso di tornare indietro e attendere i soccorsi. A quanto si apprende la piccola è in prognosi riservata ma non correrebbe, pericolo di vita, la madre invece è rimasta ferita solo lievemente.

 

Prete nel canale, il religioso aveva un tasso alcolico 4 volte superiore al limite

suv- prete-tasso alcolico-tuttacronaca

Il prete caduto nel canale a un primo esame del test alcolico è risultato 4 volte superiore al limite consentito per legge per mettersi al volante. A riferirlo sarebbero stati alcuni media locali. Il sacerdote si è detto in buona sostanza ancora ignaro dell’esito delle analisi, spiegando che quella sera era di ritorno da una cena di una famiglia di parrocchiani, durante la quale aveva bevuto pochi bicchieri di vino bianco. Il sacerdote ha comunque ribadito che non era assolutamente ubriaco. Se i valori dovessero essere confermati, oltre alla denuncia penale, alla sospensione della patente e a una cospicua ammenda. Il religioso però rischia anche la confisca del Bmw X1-18 comperato a km zero poche settimane fa da una concessionaria di Ravenna, anche grazie a un finanziamento e alla restituzione della sua vecchia auto. Il suv, che ha un costo di 35mila euro, aveva riferito il prete subito dopo l’incidente, era il sogno di una vita che gli avrebbe consentito di fare lunghi viaggi per questioni di sacerdozio e di giornalismo (è critico musicale e cinematografico). Don Desio – 51 anni, originario di Milano, direttore del settimanale diocesano ‘Risveglio 2000’ e da 13 anni parroco della piccola località rivierasca dove è conosciuto con il soprannome di ‘John’. L’incidente secondo il prete sarebbe stato causato dagli occhiali bagnati dalla pioggia e della scarsa illuminazione in quel punto.

 

Parroco finisce in un canale con il suo suv appena acquistato da… 35mila euro

religioso-tuttacronaca-incidente-ravenna

Il parroco di Casalborsetti, in provincia di Ravenna, ieri sera, poco prima delle 21, era a bordo del suo suv Bmw X1 nuovo, del valore di 35mila euro. Il religioso stava percorrendo, a velocità sostenuta, la strada che costeggia il canale Destra Reno e ha urtato un’auto in sosta, Volkswagen Golf,  per poi finire nell’adiacente canale. Al parroco poteva andare anche molto peggio, invece a salvarlo sono stati tre cittadini che lo hanno recuperato e portato in superficie. La dinamica dell’incidente non è ancora chiara agli inquirenti che hanno comunque rotrovato la Volkswagen Golf, proiettata in avanti di alcuni metri, mentre il suv del parroco ha sfondato la balaustra del canale, all’altezza di un ristorante, rimanendo sospesa per alcuni istanti sugli ormeggi di una barca prima di scivolare verso l’acqua. Il boato dello schianto ha attirato in strada oltre al proprietario della Golf altri due uomini e il titolare di un vicino bar che con un martello hanno sfondato il parabrezza e hanno tirato fuori dall’abitacolo il parroco nonostante la forte corrente nel canale. Don Desio è stato portato in ospedale con un’ambulanza del 118 ma le sue condizioni non destano preoccupazione. Come da prassi il religioso è stato sottoposto agli esami tossicologici.

Tragico incidente stradale ad Agropoli: 3 morti e un ferito gravissimo

incidente-agropoli-tuttacronaca

Bilancio tragico in un incidente avvenuto oggi ad Agropoli allo svincolo per la Cilentana. Lo scontro è avvenuto tra una Mercedes e una Punto, ma nell’incidente sarebbe coinvolta anche una terza auto. Il bilancio è di tre morti con un ferito che versa in condizioni gravissime e un’altro di cui non si hanno notizie certe. I feriti sono stati trasportati agli ospedali di Roccadaspide e Vallo della Lucania.

 

E’ morto Maicon, incidente d’auto, il calcio è sotto shock

Shakhtar Donetsk- maicon-morto-tuttacronaca

Maicon Pereira de Oliveira, giocatore dello Shakhtar Donetsk è morto in seguito a un incidente stradale a darne la triste notizia è stato lo stesso club con una nota sul sito ufficiale «Lo Shakhtar informa con rammarico che in data 8 febbraio 2014 la vita del calciatore Maicon Pereira de Oliveira si è tragicamente conclusa. È morto in un incidente d’auto a Donetsk. Era un calciatore di talento, un ragazzo aperto e amichevole. Maicon amava la vita e la viveva in modo positivo e luminoso. La morte tragica, prematura e assurda ha portato via una persona meravigliosa. Maicon aveva solo 25 anni. Si tratta di un lutto terribile per ognuno di noi. FC Shakhtar esprime cordoglio e solidarietà alla famiglia e agli amici di Maicon. Possa riposare in pace…», conclude il messaggio del club.

L’incredibile schianto in auto di Niang!

ferrari-niang-mbaye-tuttacronacaMbaye Niang continua a far parlare di sè anche ora che, dal Milan, è passato in prestito al Montpellier. Se quando ancora vestiva la maglia rossonera si era spacciato per il compagno di squadra Traore perché sprovvisto di patente, ora l’attaccante è stato protagonista di uno spettacolare schianto con la sua Ferrari, finita contro un albero.Il giocatore è rimasto illeso, ma non si può certo dire lo stesso della sua auto…

La truffa shock dei rom: gettano i cani contro le auto per il risarcimento

rom-truffa-cani-randagi-tuttacronacaE’ sconvolgente la tecnica adottata dai nomadi che vivono nel campo sorto ad Acilia, nel Lazio, sotto il cavalcavia nei pressi del deposito dell’Ama. Come denuncia un comitato di abitanti della zona, che si è già rivolto alle forze dell’ordine, i rom prenderebbero uno dei tanti cani randagi che vivono nei loro insediamenti per poi scaraventarlo tra le ruote della prima auto che arriva, magari a velocità più sostenuta. Dopo di che fingono di essere sconvolti per l’accaduto e incolpano gli automobilisti di aver investito l’animale, chiedendo un immediato risarcimento in denaro. Imolaoggi, che riporta la notizia, spiega che il comitato ha lanciato anche l’Sos agli animalisti per mettere al sicuro almeno gli altri cani del campo rom. 

Il video del toro che incorna… un motociclista!

Toro-motociclista-tuttacronacaDi incidenti stradali ne accadono quotidianamente anche troppi ma questo è decisamente particolare. E’ avvenuto a Suining, nel sud-ovest della Cina, dove un toro, appena fuggito da un macello, raggiunta la strada, ha assalito un motociclista scaraventandolo a terra scappando via subito dopo. Il motociclista, un po’ stordito, ha ripreso il suo viaggio dopo l’insolito frontale.

Morire attraversando la strada: uomo investito da due auto

uomi-investito-tuttacronacaShock a San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti, dove il 63enne Sergio D’Armi è morto dopo essere stato investito da due auto. L’uomo stava attraversando sulle strisce pedonali quando è stato colpito da una Suzuki: nell’impatto, il suo corpo è stato proiettato sulla carreggiata opposta. Proprio in questi istanti stava sopraggiungendo una Opel che, a sua volta, lo ha investito. D’Armi, che è deceduto in seguito all’ospedale, è rimasto incastrato sotto l’auto ed è stato necessario l’intervento dei pompieri.

Lorenzo Insigne e quel post in ricordo di Salvatore che commuove

insigne-tuttacronacaSalvatore Di Padova, promessa del rugby di Sulmona morto lo scorso sabato 18 gennaio mentre con la sua squadra faceva ritorno da una partita, viene ricordato dal calciatore Lorenzo Insigne. Il campione del Napoli, di cui il 15enne era un grande tifoso, ha dedicato un post su Istagram proprio il giorno in cui si sono tenuti i funerali: “Ciao Salvatore. So che mi guarderai da lassù. Lorenzo”. Il rugbista si rivedeva nel calciatore partenopeo sognando di diventare bravo e famoso come lui, magari nel suo sport.

20140122_61530_insigne_15ennec

Tragedia a Milano: madre di tre gemelli uccisa in retromarcia

donna-schiacciata-milano-tuttacronacaAveva tre figli, tre gemellini, la donna che oggi è stata schiacciata da un furgone mentre prendeva la sua bicicletta dal box del condominio dove viveva. Il fatto è accaduto a Milano, dove il mezzo, “tipo Dodò” della Renault, è piombato in retromarcia sulla vittima mentre al volante c’era un conducente senza patente, come riferito dai vigili del fuoco. Il furgone appartiene a un’impresa edile che sta effettuando dei lavori nel palazzo e il conducente, egiziano di 36 anni, era salito a bordo solo per spostarlo di pochi metri, essendo privo del permesso di guida. Dalle prime ricostruzioni la donna stava slegando la propria bicicletta in compagnia di un’amica, rimasta illesa ma sotto shock, quando il furgone le è piombato addosso.

Tragico incidente stradale per una squadra di Rugby: 1 morto e 7 feriti

salvatore_combo-tuttacronacaTragico incidente, sull’Altopiano delle Cinque Miglia, in provincia dell’Aquila dove uno dei pullmini su cui atleti e dirigenti di una squadra giovanile di rugby di Sulmona stavano facendo rientro è uscito di strada finendo contro un albero. Nello schianto ha perso la vita un 15enne, Salvatore di Padova. Il pullman stata facendo rientro a Sulmona dopo un torneo dimostrativo, il “Roccaraso Snow Rugby Tournament”, alla stazione sciistica di Pizzalto (L’Aquila). Oltre alla vittima ci sarebbero anche 7 feriti uno dei quali, un rugbista ventenne, poco più grande degli altri che era alla guida, sarebbe in gravi condizioni. Il ragazzo aveva sostituito il papà della vittima, solito guidare quando la squadra andava fuori sede. L’uomo, oggi, aveva un impegno. Ora il giovane è ricoverato nell’ospedale dell’Aquila dov’è stato portato in eliambulanza. Uno dei ragazzi che era a bordo di un altro mezzo racconta: “Nessuno di noi avrebbe pensato che sarebbe finita in questo modo-, avevamo riso insieme fino a pochi minuti prima e ora pensare che il nostro amico non c’è più ci fa capire come la vita sia davvero un alito di vento”. Il presidente del Sulmona Rugby, Giovanni Forcucci, racconta: “Ero alla guida del pullmino che precedeva gli altri due mezzi e guardando lo specchietto non ho visto più gli altri. Sono tornato indietro e dopo alcune centinaia di metri ho visto il pullmino nella scarpata. Mi sono precipitato per vedere cosa fosse successo, e ho visto che ormai per Salvatore non c’era più nulla da fare”. Con i ragazzi c’era anche il figlio, rimasto ferito in modo lieve ad una spalla. “Una tragedia che colpisce la squadra in un momento di felicità per i ragazzi, siamo vicini al dolore del papà e della mamma del rugbista che stanno affrontando il momento più drammatico della loro vita”. Straziante, sul luogo dell’incidente, l’addio della madre della vittima al suo ragazzo, coperto da un lenzuolo verde nel pullmino. 

Dramma nel Veneziano: il dj che perde la vita in un incidente

incidente-stradale-tuttacronacaTragedia nella notte lungo la strada che da Caorle porta a San Donà, nel Veneziano, dove un’auto è uscita di strada finendo dentro un fossato. L’incidente, avvenuto attorno alle tre, è costato la vita al 28enne sandonatese Federico Buonavoglia, noto dj della zona. Con lui altri due amici che sono rimasti feriti. I tre, a bordo di una Toyota Yaris, stavano rientrando a casa dopo una serata tra amici quando, per cause ancora da accertare, l’auto è finita fuori strada e si è ribaltata. I giovani hanno tentato in tutti i modi di divincolarsi ed uscire dall’abitacolo, ma il 28enne non ce l’ha fatta ed è annegato. Inutili anche i tentativi degli amici di salvarlo.

Questa presentazione richiede JavaScript.

La vita da incubo di Rosaria Aprea, incidente stradale: gravissima!

rosaria-aprea-incidente-miss-grave-tuttacronaca

Davvero una vita molto difficile, quasi un incubo, quella della giovane miss di Macerata Campania, Rosaria Aprea, che già vittima dell’aggressione subita dall’ex fidanzato Antonio Caliendo il 12 maggio scorso, ora è rimasta coinvolta in un incidente stradale sull’A1, sul tratto Napoli-Caserta. La ragazza viaggiava infatti a a bordo di un’auto con alcuni amici, di ritorno, sembra, da locale partenopeo nel quale aveva trascorso la serata di ieri. Per circostanze ancora da chiarire, la vettura ha prima sbandato, poi si è ribaltata, finendo la corsa vicino a un’area di sosta. I ragazzi sono stati soccorsi da un’ambulanza: per tutti il ricovero d’urgenza alla clinica «Villa dei Fiori» di Acerra, il presidio ospedaliero più vicino, dove Rosaria è tutt’ora ricoverata. Secondo le prime notizie che sono trapelate, la 21enne, avrebbe riportato traumi in diverse parti del corpo. Tra i primi a raggiungerla in clinica, l’avvocato Carmen Posillipo, allertata da alcuni paramedici che avevano necessità di avvertire la famiglia.

Auto contro un albero a Velletri, muore la cugina della Berté

bertè-tuttacronaca

Un auto contro un albero per motivi ancora da accertare e Vittoria Bertè, 71 anni, cugina carnale della cantante Loredana è morta all’ospedale di Velletri qualche ora dopo l’incidente. Alla guida c’era il marito della donna G.P., 80 anni, che è stato invece ricoverato in ospedale con una prognosi di 30 giorni. L’auto,un Opel Agila, è stata quasi distrutta nell’immpatto. La coppia era residente ad Anzio.

 

L’amore di Paola per Fabio: pronta a vendere un rene per salvarlo

“Vendo un rene per salvare Fabio”: annuncio choc di Paola Volpe
vende_rene_per_salvare_fidanzato-tuttacronaca
vende_rene_per_salvare_fidanzato-tuttacronacaEra il 7 settembre quando il poliziotto 32enne Fabio Graziano veniva investito da un furgone che procedeva contromano in Riviera di Chiaia, a Napoli. L’uomo, che era in sella al suo scooter al momento dell’incidente, da allora non si è più risvegliato dal coma e ora la compagna, Paola Volpe, ha lanciato un appello per raccogliere i 97mila euro necessari per farlo curare in un centro specializzato di Innsbruck. Sulla sua pagina Facebook si legge: “Giuro che farò di tutto per portarlo ad Innsbruck, sono pronta a vendere pezzi del mio corpo, lui non esiterebbe per me senza un rene si vive ma senza aria no e Fabio è la mia aria”. La maratona per mettere insieme i soldi necessari per il ricovero di almeno 6 mesi nel centro neuroriabilitativo migliore d’Europa è diventata un tam tam sul social blu, dove Paola ha anche condiviso questo video:

Il vigile urbano in moto investito da un’auto a Roma

vigile-investito-tuttacronacaTraffico bloccato a Roma per un vigile a terra. Il tutto è iniziato quando un automobilista, al volante di una Yaris con targa straniera che andava verso il Tevere, ha eseguito un’inversione a u in Corso Vittorio Emanuele, a Roma, questo pomeriggio. Mentre faceva l’azzardata manovra, però, sopraggiungeva un vigile urbano in sella alla sua moto: l’impatto è stato violento e l’agente è finito a terra sbattendo la testa. Sull’asfalto sono rimaste le tracce del suo sangue. Erano passate da poco le sedici quand’è avvenuto l’incidente: i colleghi dell’agente ferito sono arrivati subito sul posto, bloccando il traffico per qualche minuto per consentire a un’ambulanza di soccorrere il vigile.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Foto shock: l’auto di Iturbe dopo uno spaventoso incidente stradale

iturbe-auto-tuttacronacaSi trova in vacanza in Paraguay, suo Paese natale, Juan Manuel Iturbe, attaccante del Verona che oggi è rimasto coinvolto in uno spaventoso incidente stradale del quale non è ancora chiara la dinamica. Le foto che già rimbalzano su Twitter mostrano il volto del calciatore evidentemente scosso al di fuori della vettura quasi completamente distrutta, soprattutto nella parte anteriore. L’incidente sarebbe avvenuto a circa 150 chilometri da Asuncion.

iturbe-tuttacronaca

A 6 mesi muore in un incidente stradale, grave la mamma in ospedale

ambulanza- tuttacronaca

Nel tardo pomeriggio a Sernaglia della Battaglia, in provincia di Treviso, si è verificato un tremendo incidente tra due veicoli. Un bimbo di appena 6 mesi è rimasto ucciso nello scontro, mentre la mamma è ricoverata  in fin di vita all’ospedale Ca’ Foncello nel capoluogo veneto. Madre e figlio viaggiavano su un’auto che, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrata frontalmente con un’altra vettura con a bordo altre tre persone rimaste ferite.

Tremendo incidente sulla Palermo Catania, 2 feriti gravissimi

catania-palermo-incidente-tuttacronaca

Si chiamerebbe Giovanni S, 59 anni, l’uomo che ieri sera, forse in stato di ebrezza, alla guida di un Opel Corsa, avrebbe imboccato l’autostrada Palermo-Catania contromano entrando dallo svincolo di Casteldaccia. L’uomo ha percorso diversi chilometri in corsia di sorpasso senza rendersi conto che stava viaggiando in senso contrario. La corsa si è conclusa in modo tragico quando l’Opel corsa si è schiantata contro una Hyundai, guidata da Vicenzo Russo, palermitano di 35 anni che non è riuscito a evitare l’impatto. Entrambi i conducenti sono stati  soccorsi dal 118 e portati, uno all’ospedale Civico e l’altro al Policlinico. Le condizioni sono gravissime.

 

Il video della tragedia in Belgio: maxi tamponamento di 132 auto

pile-ups-maxi tamponamento-tuttacronaca

Maxi-tamponamento, martedì 3 dicembre, sull’autostrada belga A19 all’altezza di Zonnebeke, nelle Fiandre occidentali.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Nell’incidente, che sarebbe stato causato dalla nebbia, sono rimasti coinvolti 132 veicoli. Due morti e altre 67 sono rimaste ferite, di queste almeno cinque in modo molto grave. Sul posto hanno lavorato tutto il giorno vigili del fuoco e polizia.

L’addio su Instagram di Diesel e il video dello scoppio dell’auto. RIP WALKER

vin diesel-tuttacronaca-video-esplosione-auto-walker-

Hollywood sotto shock, “Fast and Furious” a lutto e le prime reazioni delle star, dei colleghi e amici che ancora increduli, addolorati e sconvolti devono dare il loro saluto a Paul Walker, morto in un’incidente stradale a Los Angeles nella notte tra  il 30 novembre ed il 1° dicembre. Muore uno dei tre protagonisti, colui che era sempre stato il più presente nella saga e gli altri due Dwayne Johnson “The Rock” e Vin Diesel rompono il silenzio.

L’ex wrestler twitta per primo “Ti amo, Fratello” e poi, sempre su Twitter, indirizza un cordoglio alla famiglia dell’attore, in particolare alla moglie e alla figlia 15enne. L’altro, Vin Diesel, affida le sue parole a Instagram “Fratello, mi mancherai tantissimo. Sono senza parole. Nel cielo c’è un nuovo angelo. Riposa in pace”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ludacris, una delle co-star del franchise “Fast and Furious”, ha lasciato a twitter le sue parole: “Il tuo umile spirito si è sentito fin dall’inizio, sia benedetta la tua presenza ovunque tu vada, perché qui hai lasciato un segno”.

Questo il video dello scoppio dell’auto in cui ha perso la vita Walker:

Anna, abito da sposa per il suo funerale

funerali-anna-tuttacronacaEra il 21 novembre quando Anna Ruggirello e sua madre, Nunzia Cascone, a seguito di un incidente vennero inghiottite dal fiume Sarno mentre si trovavano a bordo della loro Panda. E mentre continuano senza sosta le ricerche lungo il fiume della madre, “Ci immergeremo fino a quando il magistrato riterrà opportuno” spiegano dalla sala operativa dei vigili del fuoco di Napoli, oggi si sono svolti a Messigno, frazione di Pompei, i funerali della giovane. E’ stato suo padre a chiedere che, nel giorno dell’addio, la figlia indossasse un abito da sposa. Il suo sogno era sempre stato accompagnare la figlia all’altare in abito bianco, un sogno che non potrà più realizzare. “oggi sarà un giorno doppiamente triste per la famiglia Ruggirello – spiega l’avvocato Andrea Mario Aprea – dover dare l’addio ad Anna senza che il corpo di mamma Nunzia sia stato ritrovato”. Spiega Il Mattino che “sul fronte dell’inchiesta si attendono i risultati dell’autopsia, eseguita giovedì sera, che saranno noti solo tra 60 giorni, quando il medico legale Antonio Lombardi depositerà in procura la perizia autoptica. In via ufficiosa è trapelata l’indiscrezione che sembrerebbe che nei polmoni della giovane non ci fosse la presenza di acqua. Anna Ruggirello, così come ipotizzato dagli inquirenti al momento del ritrovamento dell’auto con a bordo il corpo della giovane, potrebbe, dunque, essere morta prima di precipitare nel fiume, in seguito a un forte colpo ricevuto alla testa.” Bisognerà comunque attendere il responso finale del medico legale prima che il magistrato tracci una valutazione finale.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Arrampicata sul tettuccio: si salva una ragazza precipitata nel fiume

autonelDese-tuttacronacaDopo quanto accaduto oggi nel Veneziano, si può certo dire che il tettuccio ti salva la vita. E’ quanto dimostra la storia di una 26enne moldava che, a bordo della sua auto, è precipitata nel fiume Dese, che attraversa Martellago, dopo aver perso il controllo della sua Renault Mégane e aver sbandato sfondando il guardrail. La vettura stava venendo inghiottita dall’acqua gelida ma la giovane è riuscita a trarsi miracolosamente in salvo uscendo dal finestrino e arrampicandosi sul tettuccio.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Mamma e figlia intrappolate in un’auto precipitata nel Sarno

vigili-del-fuoco-tuttacronacaA Pompei, lungo il fiume Sarno, un uomo attende notizie della moglie e della figlia, entrambe a bordo della Panda Gialla precipitata dopo aver tamponato una Grande Punto. A bordo del secondo mezzo si trovava il finanziere Carmine Cordone, che ha parlato di “una mamma e sua figlia di circa sette anni”. L’uomo si sarebbe subito lanciato nel corso d’acqua, ma la Panda è stata risucchiata dalla piena. Mentre i vigili del fuoco sono al lavoro, un testimone racconta l’incidente: “Erano circa le sette quando la Panda prima dell’incrocio, all’altezza della rotonda, ha preso una sorta di rincorsa e ha tamponato violentemente una Grande Punto che stava davanti. La Panda ha continuato la corsa fino a precipitare nel crepaccio”. E ancora:”Ho visto tutto con i miei occhi a bordo della Grande Punto c’era un finanziere che voleva anche buttarsi nel fiume per cercare di aiutare la donna e la bambina. Ma il fiume era in piena e l’auto in pochissimi istanti è scomparsa”.

Investe un uomo in Inghilterra, pena ridotta: “E’ francese”

pirata_francia-tuttacronacaShock in Inghilterra per una sentenza che ha ridotto la pena a un giovane francese per via della sua nazionalità. Il 25enne Alexis Sebastien-Fluery, nell’agosto 2012, si trovava alla guida di una Renault Laguna nel Kent, quando ha effettuato un’inversione a U e imboccato la strada nel senso sbagliato. La manovra ha portato l’auto del francese a centrare quella sulla quale stava viaggiando il 62enne David Crane, morto sul colpo. Alexis era stato condannato a un anno e mezzo di carcere a luglio, ma potrà uscire già la settimana prossima visto che il giudice ha deciso che “L’uomo ha commesso un errore. Abituato a tenere la destra, dopo l’inversione è rimasto a destra”. Oltretutto “era buio”, ha aggiunto il giudice e, “per qualche secondo o minuto”, l’uomo deve aver “dimenticato che non stava guidando in Francia”. Ovviamente la decisione della corte di Appello di Londra ha scatenato un’ondata di critiche antifrancesi, ma ha anche aperto un dibattito sull’opportunità per la Gran Bretagna di allinearsi al resto del mondo.

pirata_francia-tuttacronaca1

Appese ai rami dopo un incidente stradale, lieto fine per tre ragazze

fiume-via ripuaria-pompei-tuttacronaca

Tragedia sfiorata, ma alla dine c’è stato il lieto fine e le tre ragazze sono state recuperate dai carabinieri. Le tre giovani di  24, 22 e 21 anni hanno vissuto un’esperienza davvero difficile da dimenticare. la loro auto è uscita fuori strada, lungo via Ripuaria, a Pompei ed è finita nel fiume. Le tre ragazze hanno iniziato a gridare e hanno attirato l’attenzione di un passante che ha chiamato il 112. I militari sono giunti sul posto e hanno trovato le tre ragazze fuori dall’abitacolo, aggrappate alla vegetazione, mentre la Citroen C1 affondava nell’acqua. Per le prime due il recupero è stato abbastanza semplice, per la terza invece si è dovuta comporre una catena umana di quattro carabinieri che alla fine sono riusciti a strappare alle acque la ragazza. Sottoposta ad analisi la guidatrice è risultata positiva all’alcol test e per questo denunciata.  La vettura è stata recuperata grazie ai vigili del fuoco di Torre del Greco e poi sequestrata dai carabinieri. Un brigadiere, che ha preso parte all’operazione di salvataggio, si è procurato una distorsione al ginocchio sinistro giudicata guaribile in 10 giorni.

L’incidente sulla Palermo-Sciacca: il conducente sotto effetto di alcool e droga

incidente-sciacca-tuttacronacaSi era puntato il dito contro la pericolosità della Palermo-Sciacca, dove dall’inizio dell’anno sono morte 12 persone, dopo il terribile incidente che ieri ha provocato la morte di due anziani e di quasi tutti i componenti di una famiglia. Le vittime sono due coniugi che viaggiavano su una Fiat Punto, Maria Ciaccio, 71 anni, e Rosario Lo Re, 73, e i familiari di Giovanni Titone, alla guida dell’altra auto, il figlio minore Alberto, 2 anni, la moglie Maria Luisa Mergola, 25, la madre di Titone, Rosa Pilo di 51 anni. Si era parlato di una manovra azzardata di Titone, ma la realtà che emerge ora dipinge un quadro diverso. Il conducente della Ford Focus, attualmente in coma, è stato sottoposto ieri ai primi esami medici nell’ospedale di Villa Sofia e ne è emerso che si trovava sotto l’effetto di alcol e droga al momento dell’incidente. Mentre il figlio di 4 anni dell’uomo, Vito, è sopravvissuto alla strage ed è sotto choc, le indagini si spostano sulla pericolosità della guida di Titone, che al momento non può essere ascoltato. Il fascicolo aperto dal sostituto procuratore Annamaria Picozzi riportava l’ipotesi di reato di omicidio colposo ma fino a questa mattina era contro ignoti ma presto sarà scritto il nome dell’uomo, pregiudicato per spaccio di stupefacenti e altri reati.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Incidente sulla Palermo-Sciacca, 5 morti, anche un bambino

incidente-sciacca-palermo-tuttacronaca

Due feriti e cinque morti questo il tragico bilancio dell’incidente avvenuto sulla  strada a scorrimento veloce Palermo-Sciacca, poco prima del bivio per Giacalone. L’incidente tra una Ford e una Fiat Punto, sarebbe stato causato da un forte temporale abbattutosi sulla città, ma non è esclusa anche una manovra azzardata da partte di una delle due auto. Tra i morti anche un bambino di due anni, oltre a due anziani originari di Roccamena e due donne. I feriti, un uomo di 40 anni e bambino di 10, sono stati trasportati in ospedale con un’ambulanza del 118.

5 feriti a Cassino nello scontro tra ambulanza e auto

ambulanza-cassino-tuttacronaca

Non è ancora chiara  la dinamica dell’incidente che oggi ha visto coinvolti un’ambulanza e un auto. Lo scontro è avvenuto a Cassino nel Frusinate e sono rimasti feriti i 4 membri del mezzo di soccorso e il conducente della vettura. Tutti i feriti sono stati portati nel vicino ospedale di  Santa Scolastica.

Rotonda contromano: perdono la vita tre giovani

incidente-stradale-tuttacronacaSi trovava alla guida della sua Audi A3 un veronese che, stando alla ricostruzione degli investigatori, avrebbe affrontato in modo errato una rotatoria ad Arcole, nel Veronese, piombando addosso a un Volkswagen Golf con a bordo cinque ragazzi, che rientravano dopo una serata fuori. Tra i giovani, in tre, tra i 18 e i 20 anni, hanno perso la vita nello scontro mentre gli altri due, entrambi minorenni residenti a Zimella e Cologna Veneta, sono rimasti feriti e sono stati portati all’ospedale di Borgo Trento, a Verona. Non è ancora stata sciolta la prognosi. L’uomo che viaggiava sull’altra autovettura e che ha causato l’incidente è invece rimasto illeso ed è stato sottoposto ai test per accertare l’eventuale assunzione di alcol o sostanze stupefacenti, ma l’esito non è ancora noto.

Tremendo schianto, in fin di vita 3 ragazzi e altri tre feriti in modo serio

schianto-falconara-ancona-incidente-stradale-tuttacronaca

Sabato sera finito in tragedia quello che ha coinvolto sei ragazzi di cui tre ora versano in gravissime condizioni. L’incidente, avvenuto a Falconara (Ancona) dove un’auto con a bordo 4 giovani, intorno alle 5.30 si è schiantata  davanti alla Raffineria Api contro un pulmino. Un terribile groviglio di lamiere, che ha richiesto l’intervento di tutte le ambulanze delle varie Croci della zona. Si suppone che i ragazzi fossero di ritorno da una discoteca dove avevano passato la notte.

Gravissimo il bimbo di 4 mesi coinvolto ieri sera nell’incidente di Caselle

incidente-grave-bambino-tuttacronaca

Sono gravissime le condizioni del bambino di 4 mesi coinvolto ieri sera nell’incidente stradale sulla tangenziale per l’aeroporto di Caselle, nel Torinese. Ancora non è chiara la dinamica, ma dai primi rilievi, sembrerebbe che un furgone, per cause ancora imprecisate, sia andato a urtare contro il new jersey, un pezzo di quest’ultimo si sarebbe staccato e avrebbe invaso la corsia opposta nel momento in cui stava passando l’auto con a bordo la famiglia del bambino. I genitori sono rimasti feriti in modo lieve, ma il piccolo, ricoverato al Regina Margherita di Torino sarebbe lottando tra la vita e la morte.

Non l’ha visto, così muore un 86enne a Milano travolto da un furgone

milano-tuttacronaca-morto-furgone

Non l’avrebbe visto, questa è la prima ricostruzione dell’incidente avvenuto a Milano e costato la vita a un uomo di 86 anni. Il conducente del furgone non ha potuto vedere l’uomo che camminava, in una strada privata che dà su via Lazzaro Spallanzani a Milano, in zona Buenos Aires, in direzione perpendicolare al mezzo e che quindi non sarebbe stato visibile neppure dagli specchietti retrovisori. Inoltre da accertare perché l’anziano camminasse al centro della carreggiata e non negli spazi laterali protetti dagli archetti e segnalati da un cartello. Il guidatore ha chiamato i soccorsi e non ha abbandonato il luogo dell’incidente.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Incidente nel Torinese: ladro si schianta con un’auto rubata

ladro-dauto-tuttacronacaIncidente all’alba alla periferia di Torino dove un ladro d’auto, a bordo di un’Alfa Romeo appena rubata, è morto schiantandosi contro un autobus di linea. Dalle prime informazioni trapelate, sembra che l’uomo, per identificare il quale si sta procedendo all’analisi delle impronte digitali, non si sia fermato allo stop di una Volante della polizia che lo aveva notato sfrecciare a forte velocità e aveva iniziato a inseguirlo. Il decesso è avvenuto sul colpo. Nell’auto sono state trovate anche delle gomme rubate a un altro mezzo.

Travolta e trascinata da un pirata della strada: perde la vita un’anziana

donna-investita-tuttacronaca_milanoHa il volto sfigurato e sembra non avesse documenti con sè un’anziana che è stata uccisa da un’auto pirata lungo la statale via Emilia a San Donato Milanese, tutt’ora senza un nome. La donna è stata agganciata da un mezzo che non si è fermato e l’ha trascinata smembrandone il corpo. I vigili hanno provveduto a percorrere la strada muniti di torce, per controllare che un’eventuale borsetta non fosse stata scagliata lontano dalla vittima. Ai comandi di polizia e carabinieri nessuno, nel frattempo, ha segnalato l’assenza di una donna nella zona.

Tutankamon morto in un incidente stradale, travolto da un carro

Tutankamon-tuttacronaca

Come è morto Tutankamon? Nulla di romantico, nè di misterioso e neppure un complotto a corte, un tragico inciente stradale. Questa è l’ultima versione sulla morte del faraone più famoso della storia che sarebbe caduto da un carro e sarebbe rimasto travolto dai cavalli mentre si trovava ancora a terra. A dirlo sarebbero alcuni scienziati inglesi che attraverso una serie di tecnologie di ultima generazione avrebbero ricostruito l’incidente… ma c’è ancora chi parla di delitto… forse una spinta!  Nonostante tutte le ipotesi che si possano fare sembra proprio che il giovane faraone che all’epoca della morte poteva avere un’età compresa tra i 16 e i 19 anni sarebbe quindi stato vittima dei cavalli in corsa. E le bruciature ritrovate sulla mummia? Forse un errore di imbalsamazione come riporta l’articolo oggi apparso su La Stampa:

La combustione sarebbe dovuta a un processo di imbalsamazione un po’ pasticciato, nel quale gli oli e le resine usate, miscelati all’ossigeno e al lino delle bende, hanno «cotto» la pelle del faraone dopo la sepoltura. Questo spiegherebbe le difficoltà incontrate da Howard Carter, che scoprì la tomba il 22 novembre del 1922, nell’estrarre il corpo dall’ultimo sarcofago: era così incollato dalle resine alle pareti che nemmeno un improvvisato riscaldamento a temperature molto elevate permise di rimuoverlo. Carter fu costretto a fare ricorso a leve e scalpelli, danneggiando non poco la mummia.  

Davvero poco fortunato questo giovane faraone, dall’incidente all’errore di imbalsamazione!

Incidente per David Beckham a Los Angeles

incidente-beckham-tuttacronaca

David Beckham e il figlio Brooklyn hanno avuto un incidente nella notte di venerdì intorno alle 2.30, nei pressi della loro casa a Beverly Hills a Los Angeles dove ex capitano della squadra di calcio inglese risiede. I testimoni avrebbero detto che David Beckham, 38 anni, avrebbe colpito una macchina che sopraggiungeva, mentre stava facendo manovra. Secondo sempre i residenti, Beckham sarebbe poi entrato di nuovo nella sua abitazione e qui avrebbe atteso la polizia per stendere il verbale. L’urto ha danneggiato solo le auto, senza che gli occupanti dei veicoli riportassero ferite. Non è la prima volta che Beckham e il figlio sono coinvolti in un incidente, purtroppo, già nel 2011, la loro auto infatti era segnalata tra quelle di un tamponamento avvenuto su un’autostrada di Los Angeles.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Finzione? No, Google Street View!

googlestreetview-tuttacronacaA guardare alcune foto raccolte dalle automobili che Google Street View utilizza per girovagare per la Terra e catturare immagini per ricostruire il mondo virtuale della mappa online, viene da pensare che le scene più assurde riescano ad immortalarle tutte loro. L’imprevedibile, l’assurdo, il terrificante… tutto finisce nei loro obbiettivi e viene mostrato nelle nostre case. Non sfugge la bambola aliena, il cane che si scuote dall’acqua creando un’ombra che fa pensare a un cadavere, una gang che punta la pistola. E ancora una città fantasma, un bambino che gattona davanti a un negozio di Gucci, un anziano con il dono dell’ubiquità e un animale che si rotola per strada. Ecco una galleria per farci un’idea di quello che accade nel mondo…

Questa presentazione richiede JavaScript.

Maltempo: crolla un ponte in Liguria, tratta in salvo una ragazza

fiume-auto-liguria-tuttacronaca

Un’auto con a bordo una ragazza è finita in un fiume a causa del crollo di un ponte dovuto al maltempo che sta flagellando il Levante ligure. La giovane è stata tratta in salvo grazie all’intervento di carabinieri e vigili del fuoco. L’incidente è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì intorno alle 2.

La ragazza, ventenne, era riuscita ad uscire da sola dall’abitacolo dell’auto finita nel fiume Sturla. A crollare è stato il ponte che collega Carasco con la Fontanabuona, sulla strada provinciale 225.

Il traffico è stato deviato su una via laterale dove non possono transitare i bus di linea. Frane sono avvenute, a causa del maltempo in molte altre zone del Levante Ligure e in particolare a Borzonasca, Mezzanego e Cicagna.

Incidente shock nelle Filippine: oltre 20 morti, e più di 40 feriti

filippine-incidente-stradale-tuttacronaca

Tamponamento shock nelle Filippine, nella provincia di Quezon, circa 100 km dalla capitale Manila dove nell’incidente sono stati coinvolti un furgone, tre bus e quattro van.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il bilancio, ancora provvisorio, parla di oltre 20 morti e 44 feriti. Salva per miracolo una bimba di un anno. Secondo le prime ricostruzioni, l’autista di uno degli autobus avrebbe perso il controllo del veicolo dopo essere stato tamponato da un altro veicolo.

Strade pericolose a Roma: l’auto ribaltata all’Infernetto

incidente-infernetto-tuttacronacaCome ricorda Katia Guercini, presidente del Comitato Genitori di una scuola romana che sorge in via Cilea, all’Infernetto: “Sono parecchi mesi che segnaliamo la pericolosità della strada, ma nessuno è intervenuto”. E le segnalazioni si sono rivelate profetiche. Oggi, infatti, proprio la Guercini si è trovata a dover segnalare un incidente stradale avvenuto in una via vicina, via De Falla, dove una Fiat 500 si è ribaltata. Sono stati i soccorritori intervenuti sul luogo ad estrarre il conducente dall’abitacolo.

“Sono vivo per miracolo”, brutto incidente per Tony Maiello

auto-tony-maiello-tuttacronaca-incidente-stradale

“Sono vivo per miracolo”.

Quando posta su Facebook il suo racconto Tony Maiello è reduce da un tremendo incidente stradale, nei pressi di Squille, in provincia di Caserta, che poteva davvero finire in modo tragico per il partecipante di XFactor e vincitore di Sanremo.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ancora incredulo il cantante ha decritto il suo terrore sul social network allegando anche le foto della sua auto distrutta:

“Ancora non credo di avere la fortuna di raccontare quello che mi è successo questa notte – ha scritto sul social – Per rispondere a qualcuno, posto semplicemente queste foto per testimoniare che puoi essere prudente quanto vuoi, puoi andare anche a 20 Km/h, ma se poi ti ritrovi schizzato in aria da una macchina sparata a più di 100 Km/h in un tratto dove il limite consentito era circa 60-70 Km/h a ridosso di un imbocco autostradale, capisci che la follia umana non ha limiti e che tu dipendi sempre di più dall’attimo e dalla fortuna. Grazie a tutti per i messaggi, e per citare il Big Vasco: “io sono ancora qua…eh già”.

Tony ha aggiunto in un post successivo: “Dopo un incidente nel 2006 partecipai ad X Factor, dopo essere stato derubato in casa nel 2010 vinsi Sanremo… Caro il mio destino, potresti anche far meno rumore quando mi devi dà ‘na bella notizia…”.

Muore in incidente stradale il fratello del capitano della Juve Stabia

fabio-caserta-juve-stabia-fratello-morto-tuttacronaca

Raffaele Caserta, 38 anni, fratello di Fabio, capitano della Juve Stabia squadra di Castellammare di Stabia (Napoli) che milita in serie B, è morto la notte scorsa in un incidente stradale avvenuto lungo la statale 106 tra Melito Porto Salvo e Roghudi, nel reggino. L’uomo viaggiava a a bordo di una Fiat Panda guidata da una donna che è rimasta gravemente ferita, quando la vettura, per cause da accertare, si è scontrata contro il guardrail sulla corsia opposta e poi è finito nel vuoto, sulla strada sottostante. Immediato il comunicato della società:

«Un terribile evento verificatosi nella quiete della notte – è scritto nella nota – ha duramente colpito la famiglia Caserta, addolorando l’intero entourage stabiese. Un pauroso incidente automobilistico ha spezzato prematuramente la vita di Raffaele Caserta, fratello del nostro Fabio. S.S.Juve Stabia spa, in persona del presidente, del vice presidente, dei dirigenti, dei dipendenti, dei collaboratori, dell’intero staff tecnico e di tutti i componenti della rosa, costernata si stringe intorno al proprio capitano Fabio Caserta in questo momento di estremo dolore che lo ha profondamente colpito negli affetti familiari. A Fabio – conclude la nota – va l’abbraccio sincero di tutta la S.S. Juve Stabia e di tutti gli stabiesi».

Tragico incidente stradale in Perù: almeno 50 morti

perù-camion-tuttacronacaSono almeno 50 le vittime di un tragico incidente occorso ieri nel sud del Perù, dove un camion utilizzato per il trasporto di passeggeri è uscito di strada in un tratto particolarmente pericoloso precipitando in un burrone di 300 metri sulla strada che porta da Santa Teresa a Cusco, nella provincia La Convenciòn, sulle Ande. David Taboada, capo dei pompieri della zona, parlando alla radio locale RPP, nella serata di ieri aveva spiegato che “non ha piovuto, ma è un tratto di strada accidentato. Stiamo lavorando, ma qui non c’è una buona illuminazione”.

13enne morto nel Torinese: Davide giocava in un cantiere con divieto d’accesso

davide-giovannini-tuttacronacaI suoi amici avevano in un primo momento spiegato che era caduto dalla bici mentre stava pedalando il 13enne morto ieri nel Torinese. Poi, però, la versione è cambiata e si è saputo quello che è accaduto. Davide Giovannini ieri si trovava con gli amici nel cantiere di un albergo in costruzione, una zona recintata alla quale l’accesso è vietato. Davide è caduto, da solo, da un’altezza di due metri. Non si tratta quindi di una caduta dalla bici, ma di una bravata dei ragazzini. Un “gioco” che si è rivelato mortale. I dieci amici di Davide sono stati portati alla caserma dei carabinieri di Verolengo dopo che il medico legale ha riscontrato sul corpo del giovane ferite “non compatibili con una caduta da bicicletta”. Gli interrogatori però non hanno ancora portato a ricostruire cosa sia accaduto dopo la caduta e i carabinieri ipotizzano sia stato lo stesso 13enne a trascinarsi fino alla strada, dov’è stato trovato e dove  i medici del 118 gli hanno prestato i primi soccorsi. Il luogo dov’è morto mentre tentavano di praticargli un massaggio cardiaco.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: