Letta diventa Marius, la giraffa di Copenaghen

civati-letta.marius-tuttacronaca

“E’ anche normale che Letta non partecipi alla direzione – ha detto Pippo Civati -. Lo stanno trattando come la giraffa dello zoo di Copenaghen. Io in qualunque caso voterò no, i nostri elettori sono furibondi per quello che sta accadendo”. Con queste parole ieri Pippo Civati aveva commentato la proposta di un governo Renzi, assimilando il Premier Letta a quella giraffa giustiziata senza colpa né peccato ma solo per “sovraffollamento” che ha fatto scalpore in tutto il mondo. Uccisa in pubblico e data in pasto ai leoni, i leoni di letta però sono suoi “consaguinei”, il suo Pd che lo ha sfiduciato in un contesto davvero di fantapolitica.

Italia = mafia! Anche Praga sfrutta lo stereotipo

al-capone-pizzeria-praga-tuttacronacaLa scorsa estate il deputato regionale del Pd Fabrizio Ferrandelli aveva scoperto, a Copenaghen, il ristorante Mama Rosa, dove abbinano la Sicilia con Cosa Nostra sfruttando i soliti stereotipi mafiosi. Prima ancora dilagava lo scandalo di Don Panino, ristorante viennese che utilizza i nomi dei boss di Cosa Nostra, ma soprattutto delle vittime della lotta alla mafia, per dare il nome ai suoi panini. In Italia continuiamo a lottare contro la mafia, omaggiamo e ricordiamo i nostri eroi, organizziamo anche feste in occasione di ricorrenze importanti come il 15° anniversario dell’arresto di Totò Riina. Perchè il Belpaese è anche molto altro. Perchè c’è chi crede e lotta per una Nazione migliore, in grado di risollevarsi, dove la legalità la faccia da padrone e ci siano prospettive per il futuro. Eppure anche le nostre eccellenze vengono ricollegate alle pagine più oscure, al lato nero. E la nostra cucina, giustamente famosa in tutto il mondo, diventa un modo facile per sfruttare un “marchio” diffamatorio e stereotipato. L’ennesimo esempio arriva da Praga. Qui non solo ci si può imbattere nel ristorante e music club La Mafia, c’è anche una pizzeria Al Capone. Dov’è possibile consumare un intero pasto che “omaggia” questa figura. Gnocchi, insalata e l’immancabile pizza. E non manca il dessert. Un altro Paese dell’Unione Europea che dimostra di non conoscere i “Paesi amici”. Un altro esempio di come il razzismo scorra sotterraneo e diventi un modo per farsi pubblicità. E che gioca facile. Quanti saranno i locali che, per promuovere la propria presunta italianità, oltre a Rialto, Vesuvio e BelPaese, utilizzano nomi come Mafia, Camorra o altri facili riferimenti? Quando, magari con un po’ di nostalgia di casa perchè apparteniamo al gruppo “cervelli in fuga”, potremo gustarci un piatto italiano in un locale con un nome che davvero ci ricordi l’orgoglio di appartenere a questa Nazione? Quando ci sentiremo a “casa” in Europa?

Questa presentazione richiede JavaScript.

Tifoso del Copenaghen accoltellato dagli italiani? No! Lite tra ubriachi danesi

tifoso-danese-accoltellato-tuttacronacaIeri era girata la notizia che un tifoso del Copenaghen, stando a quanto da lui riferito a un giornale danese online, era stato aggredito e accoltellato alla schiena da un gruppetto di italiani in un bar. Ma oggi è la Gazzetta dello Sport a raccontare un’altra verità. La polizia danese, infatti, ha ricostruito che, quanto avvenuto prima della partita di Champions League allo Juvenstus Stadium, nulla aveva a che fare con un’aggressione ma si era trattato di una lite tra tifosi danesi ubriachi. La presunta vittima, racconta la rosea, era stata rintracciata ieri dalla Digos allo stadio: “l’uomo non è stato in grado di fornire indicazioni utili dichiarando di non voler presentare alcun tipo di denuncia e di non necessitare di cure mediche. I controlli in occasione della partita hanno portato alla denuncia di tre tifosi danesi per possesso di artifici pirotecnici, che avevano nascosto nelle scarpe, mentre a un tifoso di Bergamo è stato notificato un Daspo. La polizia ha notificato anche un foglio di via e un Daspo e un bagarino abusivo di 50 anni mentre un’ambulante è stata denunciata perché vendeva bevande in vetro e le sono state sequestrate 181 bottiglie.”

Tifoso del Copenaghen accoltellato in un bar a Torino

Torino_tuttacronaca-juve-accoltellato-bar-torino

Accoltellato alla schiena mentre faceva colazione in un bar di Torino. Un tifoso del Copenaghen,Kristoffer Ostergaard, ha raccontato al giornale danese online Ekstra Bladet di essere stato aggredito ed accoltellato alla schiena da un gruppetto di italiani in un bar in pieno centro di Torino. Sarebbe stata colpita anche una donna che era con lui ed altri due amici.

L’aggressione non è stata denunciata, almeno per il momento, ed i feriti non si sono fatti medicare in ospedale. Su Ekstra Bladet, tuttavia, è pubblicata un’immagine che mostra la schiena di un uomo con una lunga ferita da taglio. “Eravamo in quattro, tutti tifosi del Fck Copenaghen. – racconta Ostergaard – Mentre mangiavamo siamo stati assaliti da cinque-sei italiani tifosi con coltelli, pugni e calci”. L’aggressione è avvenuta a poche ore dalla partita di Champions League Juventus-Copenaghen.

Festeggia il gol… restando in topless sugli spalti!

topless-tifosa-tuttacronacaDeve avere qualcosa di afrodisiaco lo stadio di Brøndby, in Danimarca. A fine agosto una coppia era stata pizzicata mentre faceva sesso in campo nel dopo partita di Brøndby-Randers ma chi pensava che nessuno avrebbe potuto eguagliare l’impresa, è stato smentito. Il nuovo siparietto a luci rosse questa volta si è tenuto sugli spalti, durante una partita. Protagonista una tifosa che, nell’euforia del gol siglato dalla sua squadra, ha deciso di festeggiare togliendosi la maglietta e rimanendo in topless, per poi sventolare la casacca come se fosse una sciarpa.

Sesso sul campo di calcio. Foto shock!

brondby-sesso-campo-calcio-tuttacronaca

Il Brondby Stadium, a Copenaghen, non è stato teatro solo di una partita noiosa, terminata con il pareggio tra Brondby e Randers, ma si è trasformata nel luogo d’amore per una giovane coppia che ha voluto provare l’ebbrezza di far sesso su un campo di calcio. I due giovani, come racconta il sito101GreatGoals.com, si sarebbero nascosti dopo la fine della partita e avrebbero atteso che lo stadio fosse vuoto per precipitarsi sul campo e fare l’amore. Sono stati però sorpresi da un addetto che li ha interrotti e li ha accompagnati fuori.

 

Piatti alla mafia, lo scandalo ora è a Copenaghen! Altro fango sull’Italia?

mama-rosa-tuttacronaca-piatti-mafia

Altro fango sull’Italia e soprattutto sulla Sicilia? Il deputato regionale del Pd Fabrizio Ferrandelli ha scoperto a Copenaghen il ristorante Mama Rosa dove abbinano la Sicilia con Cosa Nostra sfruttando i soliti stereotipi mafiosi.

Da qualche giorno – spiega Ferrandelli – ero a Copenhagen con mia moglie e la piccola Bruna. Un po’ di relax con la mia famiglia, per poi tornare sabato a Palermo. Ieri sera un veloce boccone che però è andato di traverso. Sapete perché? Perché mentre anche in Danimarca arrivano gli echi di una sorta di gara, di sfida in salsa siciliana a chi è più antimafioso dell’altro, come se alla fine in palio ci fosse una medaglia, una patente, un documento valido per l’espatrio, in Europa la Sicilia è ancora stampata, immaginata, non nelle brochure turistiche ma nei menù di locali vergognosi che propongono ai turisti pizze mafiose. Insomma, da noi l’antimafia litiga e all’estero la Sicilia è sempre e solo mafia- Ieri sera io e mia moglie Claudia ci siamo trovati davanti all’ennesima vergogna: la ‘pizza mafioso’ di Copenhagen e tanto per rimanere in tema la ‘pizza Al Capone’. Specialità del ristorante Mama Rosa di Copenhagen.

Guardando sul sito del ristorante nel menù si trova infatti “pizza Al Capone”. Per trovare la “pizza mafioso” bisogna invece andare sulla sezione “Lunch Specials” sulla pagina Menu Main Courses.

Questa la foto del menu del ristorante che indica la “prelibatezza” fra le sue portate:

pizzamafioso-370x350-300x283

Come riportato da BlogSicilia:

Risale a pochi mesi fa il caso del ristorante viennese Don Panino, che ironizzava sul proprio menu su vittime di mafia come il magistrato Giovanni Falcone e il giornalista Peppino Impastato.

“Per uno strano scherzo del destino, – continua Ferrandelli – avevo già preparato un dossier da presentare la prossima settimana in Commissione regionale Antimafia dove racconto con numeri e foto il modo distorto con il quale in tanti posti del mondo si rappresenta l’immagine della nostra Sicilia e del nostro Paese all’estero. Perché quello di Don Panino non è un caso isolato”.

Il dossier è stato predisposto dal deputato Pd grazie alle segnalazioni dell’associazione “MafiaContro” e del suo portavoce Renato Campisi che, all’iniziativa in ricordo dell’assassinio del giudice Costa, hanno consegnato a Ferrandelli una documentazione dettagliata e una lettera rivolta al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nella quale si segnalano tanti ristoranti, e non solo all’estero, con insegne che inneggiano le gesta mafiose (Pizza Connection, Il Padrino, Don Vito Corleone, etc.).

“Ieri sera in Danimarca – ribadisce Ferrandelli – l’ennesima vergogna che allegherò al fascicolo. Sono veramente sdegnato e dobbiamo sdegnarci tutti per i tanti che hanno combattuto e combattono la mafia. Il rispetto della memoria di chi ha sacrificato la vita in nome della legalità e della libertà e il rispetto di chi, in silenzio, pratica quotidianamente la legalità e si batte contro ogni forma di criminalità devono prevalere sempre su dibattiti sterili e sulle contrapposizioni che servono solo a dividere un fronte che dovrebbe stare unito per il bene della Sicilia e dei siciliani”.

Metti tanti Santa Claus… in spiaggia: il raduno dei Babbo Natale

raduno-babbo-natale-tuttacronacaAl via il World Santa Claus Congress nel parco di divertimenti di Bakken, a Nord di Copenaghen. Sono moltissimi i Babbo Natale, provenienti da tutto il mondo, arrivati per prender parte al raduno estivo dove al centro delle discussioni c’è il dilemma mai risolto della nazionalità del vero Santa Claus. Lontano da freddo e renne… i Babbi si godono anche la spiaggia di Oeresund.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Riti di Capodanno, cap V: bagno nell’oro

Da quest’anno è possibile acquistare un sapone che vi farà sentire come Paperon de Paperoni… regalatevi un bagno nell’oro!

STP82684

Riti di Capodanno, cap IV: a Innsbruck tra valzer e musica dal vivo

BeFunky_ViewFinder_2

Riti di Capodanno, cap III: A Tokio si festeggia con gli spaghetti in brodo

Lo Shogatsu è una ricorrenza molto importante: la fine dell’anno è considerata come una rinascita. La festa inizia gli ultimi giorni di dicembre con i bonenkai, i “buoni propositi” scritti. Si fanno anche le susuharai ossia delle pulizie in grande per eliminare lo sporco dell’anno passato. Uno dei riti più antichi è l’hatsumode che consiste nel visitare durante la prima settimana di gennaio i templi buddisti e shintoisti, dove è consuetudine che le campane suonino ben 108 volte perché i 108 rintocchi simboleggiano i difetti dell’uomo. La cena di Capodanno prevede i toshikoshi soba, spaghetti di grano in brodo che devono essere consumati prima della mezzanotte. Da non perdere l’apertura del Palazzo Imperiale con le cerimonie pubbliche di inizio anno in tutta libertà e alla presenza dell’Imperatore e dell’Imperatrice.

BeFunky_lễ-hội-nhật-bản-11

Riti di Capodanno, cap II: Praga in battello a suon di jazz

BeFunky_praga-battello

Riti di Capodanno, cap I: La ciambella di marzapane a Copenaghen

BeFunky_ViewFinder_6

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: