Nichi Vendola twitta a favore delle donne e contro il femminicidio

Vendola-nichi-tuttacronaca

“Sotto occhi politica si consuma spirale di violenza senza fine, anche oggi piangiamo delle donne uccise: il pilastro dell’insicurezza Italia. Serve reazione culturale, sociale, politica a continua sopraffazione donne: mettere alle spalle volgaritá, burlesque, sopruso”.

Anche oggi siamo di fronte a due femminicidi, gli ennesimi che spezzano la vita a ragazze giovani, a madri, a mogli… a quel “lutto da abbandono” che l’uomo non sa più rielaborare e che fa scattare la vendetta violenta. La forza bruta che prevarica sulla ragione e non lascia spazio a nessun tipo di assoluzione. Il male viene da lontano: da un sistema che è incapace di distinguere tra amore e possesso, tra volgarità e divertimento, tra spettacolo e aberrazione del corpo femminile che più che un oggetto diventa un mero strumento di vessazione. Il piacere di poter abusare di una donna è così dilagante che a volte ci prende impreparati, ci lascia attoniti per la brutalità e la frequenza con cui accade…

Alla casa delle donne la Boldrini parla della condizione femminile

laura boldrini-casa internazionale delle donne-condizione-femminile-tuttacronaca

Laura Boldrini, presidente della Camera, ha incontrato, alla Casa internazionale delle donne di Roma,  le associazioni che si occupano di violenza contro le donne e hanno sottoscritto la Convenzione No More.

“Non è una situazione emergenziale ma strutturale, le vostre istanze sono le mie, non è più possibile continuare come se nulla fosse. Che cosa si può fare, stabiliamo insieme una tabella di marcia, il mio impegno voglio che sia dimostrabile”. Così la Boldrini si è messa in gioco in prima persona per cercare soluzioni pratiche a un problema che sta dilagando in Italia e nel mondo. Dal femminicidio alla violenza sessuale, dalla violenza domestica alla violenza psicologia, dalla discriminazione sul lavoro al problema della maternità che diventa spesso motivo di licenziamento. La presidente della Camera ha anche aggiunto ho visto lo stupro di guerra, le donne nei campi della ex Jugoslavia, trattenute fino all’ottavo mese di gravidanza per partorire il figlio dello stupratore, noi donne non saremo mai emancipate fino a che non ci saremo tirate dietro quei tre quarti di donne che stanno peggio di noi.” Spazia a 360° con un discorso che tocca anche il grave e diffuso uso delle donne oggetto ancora troppo presenti all’interno della pubblicità a livello internazionale. 

Si chiede un piano violenza e un finanziamento permanente per i centri che si occupano di debellare sul territorio discriminazione e abuso sulle donne. Le associazioni hanno chiesto anche che ci sia una “volontà politica” per combattere il problema, anche con la promozione di una cultura che permetta di rivalutare il ruolo centrale della donna nella società. Purtroppo i dati parlano chiari 7 donne su 10 che sono state uccise avevano denunciato una persecuzione, un ossessione del partner nei loroconfronti, ma non sono state ascoltate, non sono state aiutate, sono solo state lasciate sole con il loro problema, indifese e facile preda della brutalità maschile.

Boldrini scrive, annuisce, e al termine traccia alcune azioni : “Farò in modo che la commissioni Esteri quando insediata si occupi dell’inter della Convenzione di Istanbul”. Al governo invierà un atto di indirizzo sulla Convenzione e al Viminale una circolare, perché si seguano le buone pratiche, “per chiedere maggiore attenzione alle denunce di violenza”.

Stupro e mutilazione genitale su bimba di 5 anni

bambini-indiani-stupri-violenza-sessuale-tuttacronaca

Gli stupri in India stanno sconvolgendo l’opinione internazionale per la brutalità e l’aumento esponenziale che sembrano non aver fine. Un paese che dall’occidente è sempre stato visto come la culla della cultura orientale, del new age e delle filosofie pacifiste è invece ora l’antro oscuro e scandaloso degli “orchi” che si avventano come mostri (non bestie che è solo un’offesa per gli animali) sulle donne. “Uomini” se tale parola può essere utilizzata ancora per delle persone che hanno rapito e stuprato con una spranga una bimba di soli 5 anni che ora è in fin di vita per le mutilazioni genitali e per l’infezione che hanno comportato. La piccola era stata rapita dalla sua casa di Gandhi Nagar nel sud est di New Delhi, ed è stata ritrovata solo oggi. La famiglia della piccola è molto povera, e ha accusato la polizia di non essersi interessata al caso al momento della sparizione. Ora si cerca un sospetto: un vicino di casa è sparito dopo l’accaduto, e gli investigatori stanno cercando di rintracciarlo.

Ennesima vittima, ennesima innocente che deve pagare la brutalità di un popolo incapace di rapportarsi con l’universo femminile. Un popolo che ha scelto la violenza e l’ignoranza rinnegando tutta la cultura e la filosofia. La povertà, causata da una politica miope e tradizionalista, ha portato a una progressiva perdita di valori e all’acquisizione di modelli di violenza e di sopruso nei confronti dei più deboli. Ne sono testimonianza anche le piccole vittime di ieri: una bimba di sei anni trovata strangolata in una discarica e un bambino di cinque stuprato nei bagni dell’asilo dal maestro.

Anche questa è l’America!

topless carolina
Assurdo, inconcepibile e reale!
“E’ fatto divieto di esporre organi esterni sessuali o di escrezione incluso il capezzolo di esseri umani di sesso femminile”.
Non è una legge del XIX Secolo, è un disegno di legge proposto alla Camera del North Carolina per impedire alle donne di esporre in pubblico le proprie grazie, dopo la manifestazione del 26 agosto scorso quando una quarantina di donne “hanno osato” protestare in topless per chiedere la parità dei diritti. Non si è capito se è più grave un seno scoperto o la parità richiesta in ogni modo il repubblicano Rayne Brown ha dichiarato ”Può sembrare un’inezia ma è una questione sulla quale amministratori locali e poliziotti non hanno niente da ridere”. Effettivamente ha ragione, c’è solo da preoccuparsi!

Il disegno di legge prevede pene fino a 6 mesi di detenzione e dovrebbe fare ordine su una materia della quale si era occupata anche la Corte d’Appello dello Stato sostenendo che i seni non erano “parti private” delle donne.

La proposta, però, trova già la ferma opposizione delle donne. La Rappresentante democratica, Annie Mobley, membro della Commissione Giustizia del parlamento del North Carolina, è preoccupata che le donne, d’ora in avanti, vengano criminalizzate se si vestiranno in modo provocante.

“ONE BILLION RISING” FROM MODENA AND MILANO

 

 

 

“ONE BILLION RISING” FROM OXFORD!

“ONE BILLION RISING” FROM CAGLIARI!

“ONE BILLION RISING” FROM ROME: Piazza del Popolo

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ogni istante è buono per dire basta alla violenza che tutti i santi giorni, offende, minaccia, spaventa, violenta e uccide un miliardo di donne in tutto il pianeta. Si ha paura per madri, figlie, sorelle, amiche, colleghe di qualcuno, con la consapevolezza che prima o poi toccherà anche a loro, perché il carnefice è spesso lo stesso padre, fratello, amante, fidanzato, marito, collega…

STOP ALLA VIOLENZA!

A Piazza del Popolo, a Roma  alle 12.30 si è aderito al ONE BILLION RISING!

“ONE BILLION RISING” FROM ROME: Trinità dei Monti

Questa presentazione richiede JavaScript.

A Roma la mobilitazione è partita dall’obelisco di Trinita’ dei Monti, nel cuore di Roma, per arrivare alla vicina piazza di Spagna al grido di “Basta la violenza sulle donne! Donne, donne, donne! L’Italia danza contro la violenza! Viva le donne e gli uomini che le sanno trattare bene”. A dare vita al ballo di gruppo nella giornata di San Valentino è stata l’associazione  “Hands off Women” che a Piazza di Spagna ha esposto un guanto bianco sporco di sangue, un indumento rosso e la bandiera dell’Italia. A ritmo di tamburi, il movimento guidato da Isabella Rauti ha dato la sua adesione al flash-mob  One Billion Rising.

 

 

ONE BILLION RISING: in Italia c’è un motivo in più per farlo!

14 febbraio, San Valentino dedicato a fermare la violenza sulle donne. Manifestazioni, flash mob in tutto il mondo per l’evento che si prepara ad essere “il più globale della storia”. Grazie a internet, a youtube e siti di sharing il mondo si prepara a vedere, nel giorno degli innamorati, ONE BILLION RISING. In Italia c’è un motivo in più: rispetto per le donne e buon esempio anche dai politici che nonostante abbiamo varcato la soglia del 2013 non perdono il vizio di vecchie “battute” volgari e gratuite. Offese, ma soprattutto mentalità che considera la donna come un oggetto che deve sottomettersi all’uomo sempre e comunque!

Tsunami culturale “One billion rising”: il flash mob contro il femminicidio

Flash mob planetario  che il 14 febbraio vedrà donne e uomini di ben 198 paesi nel mondo ballare nelle strade, nelle piazze, nei luoghi pubblici per dire no alla violenza maschile sulle donne che ogni anno conta milioni di vittime in ogni latitudine, no ai femminicidi che solo in Italia e solo nel 2012 ha raggiunto l’orribile record di  124 donne morte per mano di mariti, compagni, fidanzati, fratelli, padri.

Sterilizzazione di massa in India!

Sempre più sottomessa la condizione femminile in India. Oltre  100 donne abbandonate su un campo dopo una sterilizzazione di massa in un ospedale nel distretto di Malda nel Bengala occidentale. Le donne sono state adagiate sul campo sopra a delle barelle fatte di stoffa. Molte di loro erano ancora in stato di incoscienza. I “dottori”, fa sapere Agence France-Presse, si sono giustificati con la carenza di spazio all’interno della struttura ospedaliera.  Secondo l’emittente locale, i dottori hanno infranto le regole superando il numero di procedure mediche che possono essere eseguite in un solo giorno. Il limite massimo previsto infatti è di sole 25 procedure, mentre le donne sterilizzate erano più di 100. Non è ancora chiaro quanti medici abbiano partecipato agli interventi. La sterilizzazione viene eseguita per impedire alle donne di restare incinte .In India, le politiche del governo incoraggiano le donne a sottoporsi al trattamento per contribuire al controllo delle nascite. Il problema però non riguarda solo l’abominio della procedura in sè, ma anche la totale assenza di cure post operatorie e della totale assenza di igiene.

Pakistan, sempre più violenza contro le donne!

Una 15enne pakistana cristiana è stata sequestrata, violentata e torturata da due influenti musulmani. Fouzia Bibi, proviene da una famiglia povera e lavora come operaia. E’ stata barbaramente violentata e quando ha chiesto assistenza e giustizia alla polizia se l’è vista negare. I violentatori sono “potenti” e a loro è consentito anche di abusare di un’adolescente. Storie del Pakistan, storie universali, storie di dolore e di ordinaria follia. Quando l’uomo imparerà a rispettare le donne forse imparerà a rispettare anche se stesso… ora è solo un oggetto animato da violenza e odio incapace di provare sentimenti se non la brutalità di un crimine indelebile!

il_fullxfull

Burqa anche da piccole! Proposta shock di un saudita

bimba burqa

Il processo per lo stupro mortale resta a New Delhi.

Respinta la richiesta dei difensori di spostare la sede. Delhi-gang-rape1

Leggi articoli correlati.

Stupratore indiano chiede trasferimento processo, padre vittima la pena di morte.

1788366

Vai all’articolo correlato.

A porte chiuse! Iniziato il processo in India per lo stupro alla studentessa

o-matic

Rasati a zero contro gli stupri! 30 indiani protestano con il taglio dei capelli.

BeFunky_Lomoart_3

Vergogna indiana! 17enne stuprata a veglione dopo esser stata sedata

BeFunky_ViewFinder_7

La visione integralista dell’Indonesia! Vietato lo scooter alle donne

Il sindaco di Lhokseumawe, cittadina della provincia indonesiana di Aceh, nel nord ovest, vuole vietare alle donne di salire su uno scooter alle spalle di un uomo. L’atteggiamento è considerato contrario ai precetti della legge islamica. BENVENUTI IN INDONESIA!

Ma le prostitute bambine di 8 anni? Il turismo sessuale?

BeFunky_ViewFinder_7

India ignobile! Bimba di 7 anni stuprata a Capodanno

image-43

15enne indiana stuprata per 15 giorni da tre uomini.

BeFunky_ViewFinder_2

STUPRO! Ancora in India: muore 45enne violentata da 8 uomini

Il marito, che aveva provato a difenderla, è in gravi condizioni in ospedale di Calcutta.

476f5lbH

18enne afghana si suicida, era costretta a sposarsi

Benvenuti in Afghanistan!

onu-festeggia-donne-afghane-da-repubblicait1

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: