Leoparda sbrana un bimbo di 5 anni

leopardo-bambino-india-tuttacronaca

Un bimbo di 5 anni è strato sbranato da un leopardo nel villaggio di Mendrapara nello stato di Chhattisgarh, in India. Il bimbo si stava recando in bagno nel cortile della casa quando è stato assalito dall’animale. I genitori hanno immediatamente lanciato l’allarme per la cattura del leopardo e il ritrovamento del loro bambino.  Il cadavere è stato trovato poco dopo mentre è caccia aperta all’animale, consapevoli dei rischi di una nuova aggressione mortale.

Annunci

Quelle strane palme di Sochi…

palme-tuttacronaca

A Sochi ne abbiamo viste e sentite di ogni tipo, ma quello delle palme probabilmente supererà tutto l’inimmaginabile che sta”purtroppo” accadendo a Sochi. Che ci fanno le palme alle Olimpiadi invernali? Alcune sono vere e servono di abbellimento al villaggio olimpico costiero, altre invece sono “nascondigli” di stazioni wireless poste vicino al villaggio poiché si ritiene che questa sia l’Olimpiade dei dati prima che dei risultati. Atleti che si fotografano, record che vengono dati in rete in tempo reale e profili Facebook che si aggiornano. Ecco quindi che le palme hanno il compito di ampliare il segnale che in Russia non è dei migliori. MegaFon , il secondo più grande operatore di telefonia mobile in Russia ha assicurato la copertura mediante le palme!

Shock in Turchia: sposa bambina uccisa dopo la morte del secondogenito

sposa-bambina-tuttacronacaAveva appena 14 anni ed era sposata da tre una sposa bambina uccisa nel sudest della Turchia. A riportare la notizia il sito del quotidiano Hurriyet, spiegando che K.E., del villaggio di Pervasi, nella provincia di Siirt, era stata data in sposa dalla sua famiglia a un uomo di alcuni anni più vecchio di lei, M.A. il primo figlio era arrivato dopo meno di un anno e, poco dopo, la piccola è rimasta nuovamente incinta. Il marito era partito per il militare quando lei era al settimo mese di gravidanza e, la scorsa settimana, la bambina ha partorito in casa della famiglia di M.A. ma il neonato è morto per cause naturali. Appena due giorni e il corpo della madre bambina è stato trovato senza vita nel suo letto. La giovane era stata uccisa da una pallottola e sull’omicidio è stata aperta un’inchiesta mentre la famiglia dello sposo nega ogni responsabilità sostenendo che la nuora era depressa per la perdita del figlio e si sarebbe suicidata. Ancora, i parenti acquisiti negano che K.E. avesse 14 anni, sostenendo che era in età più avanzata. 

La furia del fuoco distrugge un villaggio di 1300 anni in Tibet

incendio-tibet-tuttacronacaUn violentissimo incendio ha distrutto, nella notte, un villaggio tibetano millenario che sorge nello Shangri-La, la provincia cinese dello Yunnan. Oltre cento case sono state polverizzate ma nessuno è rimasto ferito. Ad essere stato raso al suolo il villaggio di Dukezong,  fondato 1.300 anni fa, composto prevalentemente da abitazioni tradizionali tibetane in legno che hanno favorito il rapido propagarsi del rogo. L’agenzia Nuova Cina riporta che oltre 1.000 tra vigili del fuoco e volontari sono intervenuti sul posto. Gli abitanti del villaggio sono stati evacuati, i danni potrebbero ammontare a 12 milioni di euro, stimano le autorità locali. Qualche giorno fa, un altro luogo simbolo della cultura tibetana, l’istituto buddista di Serthar nella provincia di Sichuan, era stato gravemente danneggiato da un incendio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La confessione shock di Villaggio

Paolo-Villaggio-tuttacronaca

A Panorama Paolo Villaggio si racconta e i suoi ricordi coinvolgono anche personaggi famosi come Fabrizio De André o Ugo Tognazzi. Un uomo freddo, questa è la descrizione, forse anche accentuata per creare un personaggio, ma sicuramente venata anche di verità quella che trapela nell’intervista del settimanale nell’a quale l’attore afferma di essersi commosso soltanto alla  nascita del figlio Piero. Ammette anche che la perdita della moglie “sarebbe impossibile da curare” e rivela di trascorrere i Capodanni così:

Da cinque anni rimango a casa con mia moglie, vado a dormire alle 8 e mezza. Mi pare una conquista strepitosa.

Un disegno quindi lontano dall’immaginario collettivo che da sempre ritrae gli attori coinvolti in serate e feste, come ai tempi della Dolce vita… ormai quelle epoche sono passate, quello che invece non passa sono i ricordi shock di Villaggio a iniziare dal suo migliore amico Fabrizio De Andrè:

Fingevamo di essere brave persone ma eravamo delle carogne. Da ragazzi tormentavamo due omosessuali, uno dichiarato e l’altro no. Li prendevamo a pietrate, solo per il gusto di farlo. Perfidia pura.

Poi racconta anche dei costumi sessuali di  Ugo Tognazzi:

È stato salvato dal caso. Un giorno, a Milano, incontra un travestito affascinante, viene colto da una curiosità tragica e decide di portarselo in hotel, vicino al Corriere della Sera. Mentre sta cercando di sodomizzarlo, per strada scoppia una bomba che Tognazzi interpreta come segnale divino. Da quel giorno la sua condotta è stata più lineare.

Clamoroso anche quanto rivelato riguardo Vittorio Gassman, definito da Villaggio “curioso”:

Quando si ritrovava a letto con una donna, come prima cosa cercava di asportarle un piccolo quadratino di pelle dal fondoschiena, usando un taglierino. Lo chiamavamo “il tassello di Gassman”. Sì, insomma, era un cannibale.

Infine, una sorta di autodafé. Villaggio, che da sempre si descrive come un uomo cinico e invidioso, dice di essere anche vigliacco, tremendamente vigliacco:

Davanti alla sfida fisica lo sono, in modo miserabile. Una volta mi trovavo ad Amsterdam, con Valeria Moriconi, per girare Quelle strane occasioni. Una sera in un bar le si avvicina un bestione di colore, un immigrato del Suriname, che le solleva la gonna chiedendo con un ringhio chi fosse il suo accompagnatore. Ho finto di non conoscerla. E mi sono fatto chiamare un taxi.

A volte si preferirebbe mantenere un buon ricordo di personaggi simbolo di generazioni, piuttosto che  leggere di descrizioni intime che vanno a intaccare il mito… ma forse, e ce lo auguriamo, sono solo provocazioni quelle di Villaggio… forse chissà!

Le foto incredibili del villaggio che riemerge dal lago dopo 5 anni!

villaggio-riemerge-dopo 5 anni-tuttacronaca

Un terremoto di magnitudo 8,0 ha devastato il villaggio di Xuanping, nella contea di Beichuan, Sichuan, in Cina, ora a distanza di 5 anni il villaggio è riemerso dalla acque del lago che lo avevano sommerso. Queste foto incredibili mostrano alcuni edifici residenziali, uffici e una scuola primaria che sono tornati alla luce dopo essere stati completamente sommersi nel 2008. Molte persone sono volute venire a rivedere quelle che in passato furono le loro case.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Follia omicida a Belgrado!

serbia-strage-massacro-tuttacronaca

13 morti, tra cui un neonato, e tre feriti questo è il bilancio della sparatoria di un folle in un villaggio nei pressi di Belgrado, in Serbia. L’uomo ha quindi tentato di uccidere la moglie e suicidarsi, ma non ci è riuscito, anche se ora vera in condizioni disperate all’ospedale della città insieme alla moglie. Il killer, Ljubisa B., 60 anni, ha sparato con un’arma che probabilmente deteneva con regolare porto d’armi, passando da una casa all’altra. Ora sono in corso le indagini per capire la dinamica e le motivazioni del gesto che hanno gettato nella tragedia l’intera Serbia.

Accettò la mutilazione per accedere alle superiori!

kakenya-tuttacronaca

Storia del Kenya, ma dovremmo iniziare a pensare che la storia anche di un singolo villaggio è la storia mondiale e che una violazione fatta a un bambino/a in qualsiasi parte del mondo è un crimine che ci riguarda da vicino e dovremmo smettere di girare la testa e dire “ma lì succede sempre così!”

Spesso le storie della mutilazione femminile ci arrivano attraverso i numeri e non le facce. Ma quelle statistiche un volto lo hanno e come.

Il Guardian punta l’obiettivo su Kakenya Ntaiya, la quale a 12 anni siglò un patto con suo padre. Avrebbe accettato di partecipare al rito masai di passaggio all’età adulta da compiersi attraverso la circoncisione femminile solo se poi sarebbe stata libera di andare alla scuola superiore. La ragazza ha spiegato poi che una volta arrivata in America ha scoperto che il rito non è altro che una mutilazione genitale e che in Kenya quello che le è stato fatto è illegale.

Inoltre le organizzazioni umanitarie hanno anche puntato il dito sulla minore età delle vittime. Quindi un doppio crimine perpetrato ai danni delle donne con gravi ripercussioni sulla salute.

Ntaiya è quindi tornata nel suo villaggio natale per costruire anche grazie all’aiuto dei “vecchi” una scuola per ragazze la quale al momento ha salvato la vita e l’integrità sessuale di 125 giovani donne di etnia masai entrate nell’istituto sorto nel suo villaggio.

Gli orrori indiani… uomo uccide 9 donne con l’ascia, cinque bimbe

india-ascia-donne-morte-tuttacronaca

Ennesimo orrore in India che vede come vittime le donne. Un uomo lasciato dalla moglie ha ucciso a colpi d’ascia nove donne, tra cui cinque bimbe. Secondo fonti della polizia – stando a quanto riporta la rete all news indiana Ndtv – l’episodio si è verificato nel villaggio di Behratoli nello stato centrale di Chhattisgarh. Paul Nagesia, 35 anni, mentalmente instabile dopo essere stato lasciato dalla moglie, ha sfogato la sua rabbia massacrando a colpi d’ascia nove donne. Le vittime sono cinque bambine dai due ai nove anni, una donna di 25 e tre ultrasessantenni.

La escort si fa pubblicità spogliandosi in Chiesa!

emma-escrot-tuttacronaca

Le foto di Gemma, escort 22enne di Margate, hanno portato lo scompiglio nella comunità di un villaggio del Kent, Goodnestone. Gemma ha pensato di pubblicizzare la sua attività, che comprende prestazioni sado-maso e feticismo, scattando delle foto senza veli nella chiesa di San Bartolomeo. Immediata la rabbia dei fedeli e del reverendo Andy Bawtree, che intervistato da Express Dover ha detto: “Anche se Dio ha creato il corpo umano come una cosa bella, c’è un tempo e un luogo per esso”.
Gemma ha posato nuda sull’altare e poi all’esterno della chiesa, sulla lapide di una defunta.
“Penso che sia molto triste che questa giovane donna – continua il reverendo – abbia deciso di utilizzare la chiesa, che è una parte importante della comunità, in questo modo. La chiesa è luogo di gioia e di culto. Sicuramente c’è un posto migliore per incontrare gente”.

Sembra solo la volontà di offendere chi crede in un luogo sacro e contemporaneamente destare il caso per attirarsi i riflettori del mondo addosso… che squallore!

Escortchurch-tuttacronaca

Giallo a Sassari! Corpo di un uomo rinvenuto su una spiaggia!

Michele Peragall-tuttacronaca-morto-sassari

Potrebbe trattarsi del cadavere di Michele Peragallo, di 55 anni, l’ex poliziotto di Stintino scomparso misteriosamente all’inizio di febbraio, il corpo trovato questa sera da una turista in località villaggio Nurra, una spiaggia in comune di Sassari. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Il corpo, in stato di decomposizione, era a riva in prossimità di una spiaggia difficilmente accessibile da terra. Impossibile, secondo gli inquirenti, allo stato attribuire con certezza identità al cadavere che ha il viso irriconoscibile e non presenta segni particolari o indumenti, ma il pensiero dei militari è andato subito all’ex poliziotto scomparso. Le operazioni di recupero del cadavere, da parte dei carabinieri della Compagnia di Porto Torres e dei Vigili del Fuoco, sono stati difficili in considerazione del buio e delle caratteristiche del terreno accidentato che porta alla piccola spiaggia.

Villaggi del cancro… la Cina ammette!

china_cancer_villages

E’ da anni che se ne parla, ma non si era mai avuta una conferma ufficiale. Arriva oggi con il ministero dell’Ambiente della Cina che ammette  l’esistenza di alcuni “villaggi del cancro”, zone dove a causa dell’inquinamento la malattia si è diffusa su quasi l’intera popolazione. Il cancro soprattutto è dovuto a materiali tossici che sono a diretto contatto con la popolazione. Tempo fa un giornalista cinese aveva fatto circolare sul web una vera e propria mappa dei “villaggi del cancro” che da più fonti però era stata smentita.

 

Attaccato uno scuolabus serbo in Kosovo

school-bus-top

Si tratta del terzo episodio di violenza xenofoba contro bimbi serbi negli ultimi 10 giorni nella zona.  Uno scuolabus con a bordo bambini serbi e’ stato presso a sassate nel nord del Kosovo, ha riferito una fonte dell’Ufficio governativo serbo per il Kosovo. L’incidente e’ avvenuto vicino al villaggio albanese di Muadjere. Una settimana fa 2 piccoli erano stati feriti da un ordigno lanciato contro casa loro. Belgrado ha protestato, chiedendo alle organizzazioni internazionali di agire.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: