Donna poliziotto diventa uomo: si pensa di togliergli la pistola

poliziotta-cambia-sesso-tuttacronacaRischia di “perdere” la pistola una donna poliziotto che, in Grecia, si è sottoposta a un intervento per cambiare sesso diventando uomo. Il suo caso, tuttavia, è sotto osservazione dei vertici della polizia: l’agente è stato confermato in servizio ma ora s’interrogano se sia il caso che continui a disporre di una pistola d’ordinanza calibro 9. Stando a quanto riportano alcuni giornali, l’agente,  in forze al reparto della polizia stradale, è attualmente in malattia. Inizialmente si era discusso sull’opportunità di allontanarlo dal corpo di polizia a seguito del cambio di sesso ma il timore di reazioni negative a una simile decisione ha fatto sì che si soprassedesse. Ma ora c’è chi, per asseriti “motivi psicologici”, ha avanzato dubbi sull’opportunità che il poliziotto continui a disporre di una pistola d’ordinanza. Diversi psicologi privati che hanno esaminato l’ex poliziotta sostengono di non aver notato alcun problema nel corso dei test effettuati ma i vertici della polizia hanno comunque assegnato a una squadra di specialisti il compito di esprimersi sulla questione.

“Vendeva” posti di lavoro al Ministero degli Esteri!

farnesina-tuttacronaca

Una delle truffe più vecchie del mondo ma che soprattutto in tempo di crisi, con la disoccupazione che ha raggiunto livelli record trovava un terreno fertile. B. L. 60 anni, è stato incastrato per la seconda volta con la stessa accusa: truffa aggravata, millantato credito e falso. Gli investigator di Torpignattara sono partiti da una denuncia presentata da 7 persone nei confronti di un dipendente del Ministero Affari Esteri, il quale aveva promesso loro un posto di lavoro alla Farnesina in cambio di 1665 euro a testa. L’uomo con una scusa si era anche fatto “prestare” 1000 euro da una delle sue vittime con la promessa, mai mantenuta, di restituirli in breve tempo. La vittima però ha capito di essere stata raggirata e quindi ha sporto denuncai insieme agli altri. Quando il dipendente del ministero ha chiesto altri documenti e soprattutto altri soldi è scattata la trappola. All’incontro la vittima si è presentata con registratore e videocamera nascosta fornita dal Commissariato e l’uomo è stato colto in flagranza di reato.

 

“Anche il peggiore degli uomini ha le ali nascoste da qualche parte…

l'uomo peggiore-tuttacronaca …bisogna aiutarlo ad aprire invece di condannarlo.”

Marc Levy

L’incredibile richiesta di Unicredit: la foto dell’uomo intubato o chiude il conto

unicredit-tuttacronacaHa dell’incredibile la richiesta avanzata dalla filiale milanese della Banca Unicredit: l’istituto, dopo che l’ex impiegato 56enne Danilo Bifulco, è stato costretto in un letto da un infarto che l’ha ridotto in stato vegetativo, ha chiesto una foto dell’uomo intubato per avere una prova di quanto accaduto. La sorella dell’uomo, Lavinia, commenta: “Sono diventata il suo ‘amministratore di sostegno’ e, come prevede la legge, mi dovrei occupare di tutto quello che riguarda mio fratello, facendo come se fossi lui.- Invece m’imbatto in situazioni sconcertanti e vedo come il potere di noi cittadini sia compresso di continuo da poteri più forti. Non le dico con le varie società dei telefoni, con le bollette eccetera, ma adesso siamo all’assurdo. All’Unicredit di piazza Cordusio minacciano di chiudere il conto perché la posizione di Danilo non è in regola con le norme anti-riciclaggio”.

Raid a Milano, un uomo ferito

notte-tuttacronaca-milano-raid
Violenza alle 22.30 a Milano dove c’è stato un raid in un bar e un bosniaco è stato ferito a colpi d’arma da fuoco a un braccio. Secondo una prima ricostruzione della polizia, una ventina di persone hanno fatto irruzione all’interno del locale in via Lulli, all’angolo con piazza Aspromonte armati di spranghe e almeno una pistola, e nel corso del raid sono stati sparati alcuni colpi che hanno raggiunto l’uomo. Secondo la polizia l’operazione aveva l’intento di una spedizione punitiva. le 20 persone si sono scagliate contro all’uomo senza mettere in pericolo gli altri clienti. La polizia è riuscita a fermare un’auto con a bordo tre sospetti.

Omicidio shock a Tor Vergata: 22enne atteso sotto casa

sparatoria-omicidio-tuttacronacaEra appena uscito di casa il 22enne romano Edoardo Di Ruzza, quando due persone a bordo di una moto lo hanno freddato con diversi colpi di pistola dopo averlo atteso in strada. Erano circa le 20.40 e i due si sono subito dati alla fuga. Il giovane era già stato inquisito in passato per reati legati alla droga ed era stato arrestato 3 anni fa dai carabinieri anche per porto abusivo di armi. La dinamica dell’omicidio, che ha avuto luogo in via Torresina a Tor Vergata, Roma, fa pensare a un’esecuzione e ora la polizia sta indagando. Gli spari hanno allertato tutti i residenti. Ma al momento non vi è traccia dei killer.  Venti giorni fa, a pochi chilometri di distanza dal luogo di questo omicidio, fu ucciso un diciassettenne con due colpi di pistola in faccia. Quell’omicidio, è ancora insoluto.

Nell’auto in fiamme, c’è un cadavere!

auto-fiamme-cadavere-tuttacronaca

Un’auto ha preso fuoco in via Ripuaria, a Licola, sul versante giuglianese confinante con il Comune di Quarto, in provincia di Napoli e una telefonata anonima ha allertato i carabinieri di Giuliano che c’era una Renault Megane in fiamme. Ma quando gli agenti, insieme ai Vigili del Fuoco sono arrivati sul posto hanno costatato che all’interno della vettura vi era un cadavere, probabilmente un uomo con una protesi a una gamba. L’auto era a pochi metri da un locale, il “Blue Moon”.

Coltello nella schiena della compagna, tentato omicidio a Molfetta

uomo-molfetta-coltello-moglie-tuttacronaca

E’ stato arrestato l’uomo di 44 anni di Molfetta, in provincia di Bari, che ha sferrato una coltellata alla schiena della compagna di 41 anni, al culmine di una lite scoppiata per futili motivi. L’uomo ha poi telefonato al 118 chiedendo aiuto e ha abbandonato l’appartamento. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno poi intercettato e bloccato il 44enne nella sede della Caritas dove si era rifugiato. La vittima ha riportato una profonda ferita, ma non è in pericolo di vita. L’uomo è accusato di tentato omicidio.

Il video shock dell’uomo che viene gettato dal finestrino di autobus

video-uomo-giù-da-pullman-tuttacronaca

Video shock di un uomo di 43 anni, che è stato preso a calci e poi gettato dal finestrino di un autobus a due piani vicino Finsbury Park a nord di Londra. Era il 27 dicembre del 2012, ma il filmato, ripreso da una telecamera a circuito chiuso posizionata su un altro autobus della linea urbana che era subito dietro a quello da cui è stato gettato l’uomo, è stato reso noto in queste ore dopo che la Bbc2 lo ha trasmesso in televisione. L’uomo  ha anche rischiato di essere investito proprio dal secondo mezzo pubblico che stava percorrendo quella strada. La sorella della vittima ha poi dichiarato che il fratello è rimasto paralizzato a causa della caduta, ma forse, dopo un lungo percorso di riabilitazione potrà tornare a camminare. L’agente Tony Barun è intervenuto dopo l’incidente. Alla Bbc ha raccontato: “Anche se vediamo la violenza ogni giorno è ancora molto scioccante assistere a scene così violente”. Il 16 gennaio 2013, un uomo di 38 anni era stato arrestato e accusato di aver buttato giù l’uomo. Il 19 agosto 2013, l’uomo è stato però rilasciato per insufficienza di prove.

+++ Video adatto a un pubblico adulto +++

L’Acea viola i diritti fondamentali dell’uomo?

 

acea-mekorot-accordo-tuttacronaca

L’Acea viola i diritti fondamentali dell’uomo? Certo il memorandum di intesa, firmato il 2dicembre scorso, con Mekorot, società idrica nazionale di Israele che pompa acqua dalle falde palestinesi ha fatto immediatamente lanciare l’allarme. La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese e il Comitato Romano per l’Acqua Pubblica infatti si sono immediatamente mobilizzati con una campagna di sensibilizzazione e una petizione sul web affinché l’Acea garantisca l’accesso libero all’acqua, bene comune imprescindibile. 

LaMekorot, come rivela “info comune” inoltre, pesca in territorio palestinese anche dal fiume Giordano per irrigare le coltivazioni delle colonie israeliane insediate illegalmente nella Valle del Giordano, diminuendo la portata del fiume del 50 per cento. Questo drastico pescaggio ha ripercussioni anche sull’ecosistema del vicino Mar Morto, dove il Giordano defluisce. La  Mekorot, infine, sfrutta le fonti idriche palestinesi, fornisce acqua agli insediamenti e trasferisce l’acqua palestinese al di là della linea verde.

Ora tutti si augurino che l’Acea non prosegua i suoi accordi con una società così “compromessa” sul piano dei diritti fondamentali dell’uomo. 

 

Lega al letto la fidanzata ed esce a prendere la cena

legata-letto-tuttacronaca

E’ stato arrestato il 34enne con piccoli precedenti penali legato al consumo di droga che al termine di una lite con la fidanzata di 21 anni, ha legato la ragazza al letto e l’ha imbavagliata con il nastro adesivo e poi è uscito per andare a ritirare la cena al take away. La giovane sin dalla mattina voleva lasciare l’abitazione dell’uomo, tanto che aveva ingerito candeggina per costringere il 34enne a portarla in ospedale, ma l’uomo l’aveva costretta a vomitare e l’aveva chiusa in casa fino a sera. Ora la 21enne è stata ricoverata in ospedale dove è tenuta in osservazione, l’uomo è stato arrestato, Bernareggio, in provincia di Monza e Brianza.

Kabobo: rigettata l’istanza per il trasferimento in ospedale psichiatrico

Adam-Kabobo-tuttacronacaIl Tribunale del Riesame di Milano ha rigettato l’istanza della difesa di Adam Kabobo, il ghanese che lo scorso maggio ha ucciso tre passanti a colpi di piccone, di trasferimento in un ospedale psichiatrico giudiziario e malgrado una perizia avesse parlato della necessità del trasferimento in Opg. Una perizia richiesta dalla difesa e depositata dal medico legale Marco Scaglione, nominato dai giudici del Riesame, sosteneva che la situazione di Kabobo non era compatibile con il carcere. Il perito aveva accertato che per curare adeguatamente la forma di psicosi schizofrenica di cui soffre in ghanese sarebbe stato necessario un trasferimento in un ospedale psichiatrico giudiziario, sempre in regime di custodia cautelare, e come misura di sicurezza per la sua pericolosità sociale. In un’udienza svoltasi lo scorso lunedì, e alla quale era presente lo stesso Kabobo, si era discusso della perizia e oggi è arrivata la risposta dei giudici del Riesame che, con un provvedimento di sette pagine, hanno respinto l’istanza della Difesa e deciso che il ghanese deve restare in carcere a San Vittore. I legali di Kabobo hanno già preannunciato che faranno ricorso in Cassazione. Un’istanza analoga era stata respinta nei mesi scorsi dal gip e da qui il ricorso al Riesame. Il processo con rito abbreviato a carico del ghanese per il triplice omicidio, avvenuto lo scorso 11 maggio, è fissato per il prossimo 6 febbraio davanti al gup Manuela Scudieri. A rappresentare l’accusa ci sarà il pm Isidoro Palma.

Cadavere sulle scale: è giallo a Napoli

cadavere-scale-tuttacronacaE’ stato coperto con un telo il cadavere di un uomo trovato a Napoli, sulle scale di calata San francesco all’altezza di via Tasso, e vicino al quale si sono trovate tracce di sangue. Non ci sarebbero testimoni ma la polizia è sul posto. Al momento s’indaga su due piste: la caduta accidentale e l’aggressione. L’uomo ha un’età apparente di 50 anni ma non è stato ancora possibile risalire alla sua identità a causa della mancanza di documenti. Proprio l’assenza di portafoglio fa propendere le indagini verso la pista dell’aggressione che ha avuto un tragico epilogo con la caduta dell’uomo che ha battuto la testa sulle scale.

Giovanardi shock: mia figlia fidanzata con un rasta quasi gay

giovanardi-tuttacronaca-figlia

Lui, Carlo Giovanardi, è il difensore della famiglia e non perde occasione di ricordare che ”La famiglia è una sola con papà e mamma. In una coppia non c’è spazio per gli omosessuali” eppure sua figlia qualche anno fa di ritorna da un viaggio ha esordito dicendo:

 “Ehi, ciao babbo, sai, sono stata in Sudafrica. Mi sono fidanzata con un rasta. Di colore. Forse gay. Di certo sposato con un altro uomo, ma per interesse”, con queste parole il senatore del Nuovo Centro Destra è arrivato dritto al Pronto Soccorso. La confessione di Giovanardi è avvenuta a Porta a Porta  in risposta alla domanda di Bruno Vespa che chiedeva: “senatore, se sua figlia venisse da lei e le dicesse: papà ho una relazione con una donna, lei come reagirebbe?”. Poi il senatore del Ncd ha voluto precisare “Per fortuna adesso mia figlia è sposata con un’altra persona ed è mamma di figli; quindi diciamo che, a parte lo choc, la mia storia ha avuto un lieto fine”.

Ma se la figlia fosse rimasta con quell’uomo, non sarebbe stato un lieto fine? La felicità è un’emozione o una dimensione mentale che deve sottostare a determinate regole che non sappiamo neppure chi le abbia dettate?

Video Shock: uomo nudo a -10 gradi. Tortura?

kiew-uomo-nudo-tuttacronaca

Video shock che viene dall’Ucraina dove un uomo nudo è stato costretto dalla polizia a rimanere sotto la neve per farsi fotografare. Le “teste di cuoio lo hanno circondato” e lasciato per diversi minuti al gelo! In un’altra foto pubblicata su internet si vedono tre arrestati costretti a rimanere in ginocchio sulla neve.

Kabobo uccise tre persone con l’accetta: per lui l’ospedale psichiatrico

Kabobo_Milano-tuttacronacaEra l’11 maggio quando, a Milano, Adam Kabobo seminò il panico per le strade del capoluogo lombardo uccidendo tre passanti a colpi di piccone. Il ghanese però non resterà in carcere: sarà trasferito in ospedale psichiatrico perchè le sue condizioni di salute mentale sono incompatibili con il carcere. Ad accertarlo una perizia disposta dal tribunale del Riesame di Milano, che sulla base della perizia dovrà decidere. Erano stati i difensori di Kabobo a presentare un’istanza con cui chiedevano il trasferimento dell’uomo in un luogo di cura, sempre in regime di custodia cautelare e oggi è stata depositata l’integrazione della perizi. La relazione del medico sarà discussa in un’udienza fissata per il 27 gennaio. Quindi i giudici del riesame prenderanno una decisione sull’eventuale trasferimento dell’imputato per il quale il procedimento con rito abbreviato comincerà il 6 febbraio davanti al gup Manuela Scudieri.

Si dimentica la pistola in tasca e si spara in faccia per errore

pistola- tasca-faccia-tuttacronaca

William Rood, è un uomo distratto e sfortunato. Domenica scorsa mentre stava levandosi i pantaloni si è dimenticato di avere la pistola nella tasca anteriore e così, per errore, si è sparato in faccia o meglio al collo. Rood infatti si è ritrovato con la pallottola conficcata poco sotto il mento in un lago di sangue. Immediato il trasporto con eliambulanza al vicino City Medical Center di Carter County, nel Tennessee, dove l’uomo ora si trova in terapia intensiva.

Quando la moda è a ritmo di rock: sfilano i Kiss!

kiss-varvados-tuttacronacaEscalation rock alla sfilata di John Varvatos con i modelli che inizialmente hanno sfilato con poco trucco, poi con una stella nera dipinta sull’occhio, poi con una cera bianca interrotta da fulmini neri, fino ad arrivare a una maschera dipinta su tutto il volto. Il richiamo è più che evidente e infatti alla fine arrivano loro, i Kiss, gruppo rock che l’anno scorso ha festeggiato i 40 anni di fruttuoso sodalizio.

In passerella il tasso di rock e metal è stato alto, supportato da un’ambientazione un po’ gotica con candelabri e bauli scuri. “Volevo dare un magic twist agli abiti di questa collezione, portandola a un nuovo livello – dice lo stilista – Mentre lavoravo con i Kiss alla campagna pubblicitaria della primavera-estate di cui sono protagonisti, sono stato sorpreso da come tutti li apprezzino. E’ l’idea del supereroe, dell’uomo mascherato con incredibili poteri, che rende il mito duraturo. E’ esattamente questa la mentalità che volevo esplorare”

Questa presentazione richiede JavaScript.

Rubava mentre era ricoverato, impunito: è cleptomane!

ospedale_tuttacronaca-cleptomane

Ex bancario di 71 anni, dai modi cordiali che soffre di una lieve forma di enfisema polmonare, si è fatto ricoverare più volte e durante la degenza rubava agli altri pazienti per poi tornare a casa impunito. L’ultima volta però, ricoverato al Grassi di Ostia è stato scoperto, ma poi, durante i processi, è stato assolto con la motivazione che l’ex bancario non è un ladro, bensì un cleptomane.

Laura Bogliolo e Andrea Ossino del Messaggero raccontano la vicenda, iniziata nel 2007, con un ricovero (e un primo colpo) all’ospedale San Giovanni della capitale. Anche all’epoca l’uomo non aveva problemi economici. Semplicemente, spiega il Messaggero,

“non riusciva a resistere all’impulso di portarsi a casa quegli oggetti. La carriera del Lupen degli ospedali è stata interrotta quando una infermiera, ha mostrato la foto dell’uomo alle vittime dei furti. «È lui! È Lui!», il responso dei derubati. Lui, l’insospettabile anziano dai modi cordiali che soffriva di una lieve forma di enfisema polmonare,un problema cronico di salute usato dall’imputato come porta d’accesso per i raid nelle stanze di ospedale”.

Ma che un calcolo ci fosse, dietro ai ricoveri con annessi furti, risulterebbe dal fatto che l’uomo non si è mai fatto ricoverare nello stesso ospedale: prima al San Giovanni, poi al San Raffaele, al Policlinico Tor Vergata, e infine al Grassi di Ostia.

Spiegano Bogliolo e Ossino:

“L’uomo, L. F., era stato accusato di furto aggravato, ma è stato assolto ieri perché «affetto da una forma grave di cleptomania». L’anziano, si legge nella perizia psichiatrica richiesta dall’avvocato Gianluca Arrighi, «viveva nel conflitto che si creava nella sua mente, tra l’impulso a rubare e la volontà di resistervi. Tutto ciò creava uno stato di forte angoscia che richiedeva un atto liberatorio». Il giudice monocratico ha così accolto le argomentazioni dell’avvocato Arrighi il quale aveva sostenuto che nel momento in cui si impossessava degli oggetti era incapace di intendere e di volere proprio per la grave forma di cleptomania ossessiva e sintomatica di cui soffriva. Una sentenza che promette di fare storia. «Solitamente la cleptomania può essere considerata come un vizio parziale che comporta uno sconto di pena di un terzo, ma è davvero raro che venga considerata vizio totale di mente». L’avvocato ricorda un caso del 1982 quando, in un processo a Padova «è stato riconosciuto per la prima volta il vizio totale di mente in un episodio di cleptomania». Ma i casi sono davvero rari. Probabilmente è stata considerata l’età avanzata dell’imputato che in qualche modo può aver inciso sulle capacità dell’anziano di intendere e di volere”.

Ucraino litiga con la ex moglie e danneggia un’auto in sosta

omicidio marghera-tuttacronaca

Si tratta di un 33enne ucraino che dopo aver litigato con la sua ex moglie, nella notte tra mercoledì e giovedì, ha preso a testate e a calci un auto in sosta. Quando la Polizia è arrivata sul posto, sono occorsi diversi minuti per bloccare l’ucraino e renderlo inoffensivo. L’uomo poi è stato portato in questura.

L’eroe che le salvò la vita è morto, ucciso dal cancro. Lei porta a termine il gesto estremo

oliviero-biancato-tuttacronacaSi è tolta la vita lanciandosi dal suo appartamento dal terzo piano a Spinea, nel Veneziano, una donna di 43 anni che già in passato aveva tentato il gesto estremo. La donna, una disoccupata che viveva da sola, è morta sul colpo. Fuori dalla porta, un biglietto: “Non rompetemi i c…”, segno che forse la donna si attendeva quella visita ma non aveva la minima intenzione di farsi aiutare e curare. Un vicino di casa, tra i molti che si sono riversati per strada, non ha potuto far altro che constatare: “Ci aveva provato talmente tante volte, evidentemente è quello che voleva”. I Vigili si erano recati a casa sua nel primo pomeriggio per notificarle un accertamento sanitario, visto che la sua situazione di disagio psichico era ben nota pure ai servizi sociali. Ma non hanno fatto in tempo, l’hanno trovata a terra nel cortile. Tra le tante volte in cui ci aveva provato, una in particolare resta impressa, quando il 25 luglio del 2012 si era lanciata nelle acque del Canal Salso dal cavalcavia di San Giuliano, ma un elettricista di Marcon il 53enne Oliviero Biancato, si era tuffato in acqua per portarla a galla. “Lasciami morire” gli avrebbe confidato la donna disperata. Ma Oliviero non le ha dato retta, perchè il valore della vita lo conosceva bene, lui che stava lottando contro un tumore, aveva appena finito la chemioterapia, sapeva che quel tuffo avrebbe potuto costargli caro ma ha voluto farlo comunque. La storia di Biancato ha fatto molto parlare anche per il licenziamento che subì per le troppe assenze dal lavoro, a causa della malattia. E’ morto poco tempo fa, a novembre. Per quel suo gesto era stato ribattezzato l’Eroe di San Giuliano. Ora non ci sono più. Nè lui, nè la donna che aveva salvato.

Gli negano il prestito e dà fuoco alla banca

incendio-banca-tuttacronaca

Cittadini esasperati che la crisi ha reso potenziali “mine vaganti”. L’ultimo è un 69enne che aveva riposto tutte le sue speranze in un prestito in banca, ma davanti al rifiuto dell’istituto di credito ha appiccato fuoco alla filiale, rimanendo anche ferito. Il fatto è accaduto a Brescia e l’uomo, di origini casertane, è in stato di arresto anche se al momento è stato ricoverato in ospedale. L’incendio poi è stato domato in tempi rapidi. Cosa spinge un 69enne a chiedere un prestito in banca quando a quell’età invece si sognerebbe solo di lasciarsi alle spalle i mutui e le rate? Può davvero lo stato riuscire ad arrivare a quanti hanno bisogno di un aiuto nell’età avanzata? Sembra che la crisi non la stia pagando solo chi è giovane, ma anche gli anziani, la classe media e tutti gli imprenditori che ormai sono al collasso… intanto in parlamento si chiede la fiducia, ma un cittadino un prestito non lo ottiene… per lui non c’è fiducia che valga!

Questa presentazione richiede JavaScript.

Pensionato di 78 anni muore cadendo dal tetto

carabinieri-uomo-morto-tetto-savona

I motivi che hanno spinto un uomo di 78 anni di Stella, nell’entroterra di Albisola, in provincia di Savona, a salire sul tetto di casa, intorno alle 10 di questa mattina,  derivavano dall’esigenza di pulire la canna fumaria. Secondo quanto ricostruito, il pensionato avrebbe perso l’equilibrio mentre si trovava sul cornicione, precipitando sulla strada sottostante e morendo sul colpo. Ora i carabinieri sono a lavoro per capire cosa sia accaduto e perché l’anziano si trovava sul tetto.

Panico all’ospedale, uomo tenta di dare fuoco all’ospedale

cardarelli-fiamme-tuttacronaca

Esasperazione, rabbia e follia che ha creato per alcuni minuti il panico al Cardarelli di Napoli. Il fatto è accaduto il 3 dicembre intorno alle 15, ma se ne è avuta notizia ora. Un uomo, A.F., 49enne di Sant’Antimo si era presentato in ospedale fuori orario di visita e quando il personale ha vietato di accedere alla stanza in cui era ricoverato il fratello a seguito di un incidente sul lavoro, l’uomo ha dato in escandescenza e si è recato alla pompa di benzina di fronte al nosocomio dove si è procurato diverse taniche di benzina e poi ha appiccato il fuoco. Il personale paramedico è riuscito immediatamente ha sedare il principio d’incendio, ma le fiamme e il fumo hanno messo in fuga malati e parenti. L’uomo poi si è dato alla fuga, ma grazie alle telecamere di video sorveglianza è stato identificato e rintracciato nella sua abitazione a Melito dove, le forze dell’ordine, lo hanno trovato armato di un’ascia. L’uomo è stato portato a Poggioreale con l’accusa di incendio doloso e resistenza a pubblico ufficiale.

Vittima di rapina, muore poco dopo!

metro-milano-tuttacronaca

E’ stata la stessa polizia a ricevere la chiamata verso le 18 dagli agenti della Polmetro che avevano sentito urlare un uomo nel mezzanino della fermata della metro De Angeli, a Milano. Proprio sotto la metro infatti un uomo di 65 anni è morto dopo aver subito una rapina. I poliziotti al loro arrivo hanno visto allontanarsi 2 -3 persone dell’est europa. L’uomo è morto e gli scippatori sono scappati.

Giallo a pochi passi dalla Capitale, ucciso un uomo

rocca-priora-morto-tuttacronaca

Il cadavere di un 51enne romano incensurato è stato trovato in strada intorno alle 7 a Rocca Priora, nei pressi della Capitale. L’uomo sarebbe stato ucciso con due colpi di pistola alla testa; sulla vicenda indagano i carabinieri di Frascati, che sono alla ricerca di elementi per risalire al movente.

Quanto è attendibile lo chef di Cannes? Dati contrastanti!

roberta-ragusa-tuttacronaca

quanto è attendibile lo chef di Cannes? Il supertestimone, Pasquale, che vive e lavora a Cannes afferma di aver contattato ai tempi dell’avvistamento le forze dell’ordine e la trasmissione Chi l’ha visto ma di essere stato ignorato. La conduttrice Federica Sciarelli ha quindi fatto ascoltare in diretta la sua chiamata, datata 1 ottobre, in cui segnalava di aver avvistato la donna il 27 settembre, in compagnia di un altro uomo. Una dichiarazione in contrasto però con quanto detto in questi giorni dal cuoco nelle trasmissioni televisivi di cui è stato ospite, dove il giorno dell’avvistamento è diventato invece il 17 maggio, una data ribadita anche in una telefonata recente con la redazione. Una discrepanza che mette fortemente in dubbio l’attendibilità dell’uomo che, alla redattrice che lo ammonisce sui danni che un eventuale testimonianza superficiale può portare alle indagini, ha risposto di aver voluto portare “un messaggio di speranza”.

Cadavere ripescato in diga, forse suicidio

Moncalieri-Centrale-suicidio-uomo-tuttacronaca

Il corpo di un uomo è stato ripescato da una diga dell’Iren a Moncalieri, nel Torinese. Si tratterebbe forse di un uomo di 57 anni di Moncalieri di cui i familiari avevano denunciato la scomparsa in giornata. Secondo quanto riferito, l’uomo soffriva di depressione. E’ verosimile, secondo i carabinieri, che si sia suicidato.

Le spose bambine hanno diritto all’accoglienza in Italia

tuttacronaca-nigeria-spose-bambine

Corte di Cassazione ha dato ragione a una ragazza nigeriana che il ministero dell’Interno invece avrebbe voluto rimpatriare. Secondo i giudici della Suprema Corte “E’ certo, in diritto, che la costrizione di una donna a un matrimonio forzato costituisce grave violazione della sua dignità”. La giovane nigeriana, fuggita dai parenti che le volevano imporre di sposare un uomo di 72 anni e di lasciare il fidanzato, stava per essere rimpatriata dal ministero dell’Interno perché “avrebbe dovuto denunciare” tutto alla polizia del suo Paese che “con ogni probabilità” avrebbe perseguito i colpevoli. La Corte di Appello di Trieste prima di negare la protezione alla giovane avrebbe dovuto informarsi bene sulla situazione sociale e politica della Nigeria perché l’accoglienza deve essere accordata anche quando la violenza denunciata non proviene dalle autorità statuali ma da soggetti privati, come i familiari, ed inoltre occorre verificare se, in concreto, le istituzioni di quel Paese sono in grado di assistere e proteggere chi si sottrae a un matrimonio sgradito.

 

48 ore abbandonato su una barella muore uomo all’ospedale di Velletri

ospedale-muore-uomo-velletri-tuttacronaca

Una morte davvero assurda quella di Massimiliano Querci, 42enne abbandonato su una barella, nella corsia dell’ospedale di Albano Laziale (Roma). Querci è stato ricoverato d’urgenza  il 3 Novembre scorso alle 11 del mattino: da allora, viene lasciato, anzi, abbandonato, al suo destino, su una barella, e solo dopo due giorni lo sottopongono al primo controllo medico, che evidenzia una pancreatite acuta. Allora i medici, ordinano il trasferimento nella casa di cura ‘Nuova Itor’ di Roma, dove il povero Massimiliano muore improvvisamente, soltanto 4 ore dopo. I parenti chiedono spiegazioni. Vogliono sapere perchè Massimiliano è stato trascurato per tutto questo tempo. Vogliono sapere la verità. Ora la Procura di Velletri ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo. Domani si attende l’autopsia.

Ondata di maltempo e a Pesaro un uomo affoga.

tuttacronaca-pesaro-maltempo

E’ affogato nella tarda serata di ieri ed Ernesto Tarasconi, 49 anni, è ufficialmente la seconda vittima dell’ondata di maltempo che ha colpito la nostra Penisola. L’automobilista era nei pressi della propria abitazione, in località Ca Marinello, a Montecerignone, quando spaventato per l’allagamento della strada ha deciso di scendere dall’auto e proseguire a piedi.  Una volta uscito dal mezzo però, l’uomo avrebbe accusato un malore, forse proprio per lo spavento. Tarasconi è stato poi travolto dall’acqua ed è morto annegato. Sul posto i Vigili del Fuoco di Pesaro.

Da paradiso a inferno… l’Amazzonia è morta?

amazzonia-inferno-tuttacronaca

Anni fa ci si preoccupava per l’ecosistema dell’Amazzonia e di un territorio che pian piano si stava modificando e inesorabilmente, a causa degli interventi sbagliati dell’uomo, stava vivendo un momento drammatico. Oggi quel paradiso assomiglia molto a un inferno e sembra che quella morte annunciata ormai si in atto e sarà difficile poter tornare indietro. Proprio nei giorni in cui si tiene a Varsavia  la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, vengono divulgate le immagini aeree egli effetti devastanti della deforestazione sulla foresta pluviale amazzonica. Dopo mesi di lavoro, i fotoreporter Reuters, Nacho Doce e Ricardo Morais, hanno documentato quello che rimane del più grande polmone terrestre. Le foto mostrano intere aree divorate dagli incendi controllati (appiccati per fare spazio a coltivazioni, miniere e altri progetti), responsabili di elevate emissioni di anidride carbonica. L’agenzia spaziale brasiliana ha diffuso dei dati secondo i quali nell’ultimo anno è stato distrutto più di un terzo della foresta, spazzando via un ‘area pari a due volte la città di Los Angeles. Se queste cifre si  dovessero dimostrare esatte, verrano confermati i timori e gli avvertimenti di scienziati e ambientalisti sui rischi che corre l’intero ecosistema.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Mistero in Germania, bimbi morti nella vasca da bagno

bambini-morti-figli-germania-tuttacronaca

Avevano 4 e 6 anni i bimbi trovati morti in una vasca da bagno di un  appartamento nella città di Kassel. I due piccoli si trovavano nella casa del padre, un uomo di 47 anni, che sostiene di aver trovato i figli morti al suo rientro a casa, ogni tentativo di rianimarli sarebbe stato vano. la versione non ha convinto gli inquirenti.

Non è reato! La Cassazione assolve l’uomo che fa pipì in strada

uomopipc3acstradaNon è reato! Lo ha deciso la Cassazione accogliendo il ricorso dell’avvocato dell’uomo che all’1,30 del 2 gennaio 2009 era stato scoperto a orinare in una stradina  vicina a un ristorante in piazza a Lamon, in provincia di Belluno. La Corte di Cassazione ha cancellato la condanna di 200 euro e assolto il 55enne A.T., dipendente pubblico del Comune al quale era stata contestata l’accusa di atti contrari alla pubblica decenza.

«Sono dispiaciuto – cercò di spiegare il 55enne – ma sono stato costretto a usare questa stradina buia come toilette. I tentativi di utilizzare i servizi del ristorante sono falliti». L’avvocato ha commentato: «La condanna, seppure insignificante, aveva inoltre causato una serie di problemi al 55enne che, quale dipendente pubblico, si era visto precludere la partecipazione ad alcuni concorsi, non essendo più incensurato».

Non sarà reato, non saranno atti contrari alla pubblica decenza, ma il degrado resta.

Spara alla figlia di tre anni e poi si suicida

olanda-uomo-spara-figlia-tuttacronaca

Un uomo di 34 anni di  Reuver, paesino olandese ai confini con la Germania, si è barricato in casa insieme alla figlia di 3 anni, dopo l’ennesima lite con la ex-compagna. Prima ha sparato alla donna ferendola a una gamba, poi nelle prime ore del mattino quando ha capito che la polizia stava facendo irruzione nella sua abitazione ha ucciso la figlia e poi ha rivolto l’arma verso se stesso e ha fatto fuoco.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Uomo sequestra un bus e uccide tre persone!

norvegia-bus-uomo-armato-tuttacronaca

Un uomo armato di 50 anni ha sequestrato un autobus nel centro della Norvegia: il bilancio è di tre persone uccise, riferisce la stampa locale, precisando che l’uomo sarebbe stato fermato e arrestato dalla polizia.

In Norvegia un cinquantenne “straniero”, le cui motivazioni non sono ancora chiare, è salito su un autobus diretto a Oslo e, coltello in mano, ha sequestrato il mezzo tra le località di Ardal e Tyin, a nord di Bergen, nell’ovest del Paese. Presi in ostaggio i passeggeri, ne ha uccisi tre che, sembra, non conosceva. Il procuratore Jorn Lasse Forde Refsnes ha riferito a TV 2: “Quello che possiamo confermare è che ci sono tre persone decedute che erano a bordo del bus e che partiamo dal presupposto che il colpevole sia l’uomo che è stato arrestato. Si tratta di un cinquantenne che era a bordo del bus. Non abbiamo altre informazioni su di lui”. Secondo alcuni media locali, il killer sarebbe rimasto ferito. Tra le vittime anche il conducente dell’autobus. La polizia sta cercando di capire le ragioni di quanto successo mentre il sito della televisione norvegese ha aperto un forum chiedendo a chi avesse notizie di intervenire. Il 50enne è stato bloccato e arrestato dai vigili del fuoco, giunti sul luogo per la segnalazione di un incidente stradale. A dare l’allarme era stato un testimone che ha pensato, vedendo l’autobus ribaltato, appunto a un incidente. A TV2 Nyhetskanalen ha raccontato: “L’autobus era ribaltato su un lato, così ci siamo fermati per soccorrere i passeggeri”. E ancora: “Con un’altra persona abbiamo cercato di aprire le porte, ma invano. Era impossibile. Poi abbiamo visto una persona di colore all’interno del bus. Il primo pesniero è stato che stesse cercando di uscire, ma guardando meglio ci siamo accorti che aveva un coltello in mano e abbiamo capito che non si trattava di un incidente”.

Assedio a Equitalia di Mestre

PADOVA-Equitalia-tuttacronaca

Un vero e proprio assedio quello operato da Federcontribuenti alla sede di Equitalia di Mestre che ha organizzato un sit-in per ottenere dilazioni con i debiti di un imprenditore. L’uomo infatti se non fosse riuscito a ottenere una proroga non avrebbe più potuto incassare i crediti che vanta.  Il 53enne infatti titolare di un’impresa di portierato e di servizi fiduciari di Casale di Scodosia in provincia di Padova, rischiava di dover chiudere l’azienda e non avrebbe potuto più pagare i propri dipendenti: «L’azienda è di quelle che ha sempre fatturato tutto e non ha mai licenziato nessuno – spiega il presidente dei Federcontribuenti Marco Paccagnella dalla sede di Padova – purtroppo in Italia è così: quelle che fatturano tutto e pagano arrivano prima o poi ad avere un debito nei confronti dello Stato, quelle che si salvano sono quelle che fanno un pò di nero». Federcontribuenti è riuscita ad ottenere una dilazionare di 72 mesi (i primi 24 a rata ridotta) il debito dell’imprenditore. «È un buon risultato, certo – ha spiegato Paccagnella – purtroppo è bene che i cittadini sappiano che i 120 mesi di dilazione di cui il governo ha parlato sono soltanto uno spot, visto che al momento manca il decreto attuativo e non è nemmeno in discussione. Andrà a finire che, come al solito, a questo “privilegio” potranno accedere soltanto i soliti amici».

Giallo Parma… cadavere sgozzato a Sant’Andrea di Torrile

Parma-tuttacronaca-cadavere-morto

Tragico ritrovamento questa mattina lungo l’argine del  torrente Parma a Sant’Andrea di Torrile, piccolo centro della Bassa parmense. Il corpo di un uomo, intorno ai 40 o 50 anni. Secondo le prime indiscrezioni, l’uomo, privo di pantaloni e di documenti di riconoscimento è stato ritrovato accanto alle rive del fiume. Il cadavere presenterebbe molte ferite da taglio sul volto e una profonda ferita alla gola. Sembra che al momento la prima ipotesi formulata possa essere quella di un omicidio.

L’uomo azzannato ai testicoli dal suo pitbull non ce l’ha fatta: è morto oggi

pit-bull-tuttacronacaEra stato portato al San Raffele di Milano, dov’è deceduto oggi, un uomo di 30 anni che tre giorni fa era stato azzannato ai testicoli dal suo cane, un pitbull, in un appartamento nel capoluogo lombardo. Trovato dai paramedici a terra nel suo appartamento in via Cascia, dove era agli arresti domiciliari, e privo di sensi, si trovava in prognosi riservata. A lanciare l’allarme la fidanzata, che non riceveva risposte alle sue chiamate ed era preoccupata in quanto il compagno era affetto da diabete cronico.

Ha un coltello in testa, ma attende il suo turno

coltello-nel-cranio-uomo-calmo-tuttacronaca

La notizia è stata battuta anche dall’Agi che scrive:

Le fotografie provengono dall’ospedale di Yanji, in Cina: l’uomo, di mezza eta’, attende nell’entrata della sala d’aspetto oppure seduto a braccia incrociate, apparentemente senza preoccuparsi della lama conficcata nella sua testa.
Secondo i media locali l’incidente sarebbe successo durante una finta lotta tra amici. L’uomo non sentiva dolore quando e’ arrivato all’ospedale e il coltello fu estratto con semplicità perché non aveva trapassato il cranio.

C’è anche un video che documenterebbe l’attesa:

In Cina l’uomo non è considerato un codice rosso e quindi attende il suo turno tranquillamente seduto nella sala d’aspetto dell’ospedale. Sul web, la foto sta facendo il giro del mondo, aiutata anche forse dalla giornata di Halloween e c’è chi si chiede se la notizia sia davvero reale o uno dei tanti fake. Per il momento l’ “Uomo calmo” come è stato soprannominato sembra comunque riscuotere successo… la sua pazienza un risultato lo ha già ottenuto, l’uomo è divenuto famoso in rete.

Uomo accoltellato al Pigneto, a Roma

Rissa Pigneto-tuttacronaca

Attimi di panico nel quartiere multietnico della Capitale. Un uomo è stato trovato sanguinante, per una ferita da taglio a una gamba, in via Ascoli Piceno, nel tratto tra l’isola pedonale e via Perugia, al Pigneto a Roma. Immediati sono stati i soccorsi, chiamati dai cittadini residenti in zona. L’uomo è stato trasportato al San Giovanni. Sul posto anche il 113, che sta cercando di ricostruire quanto avvenuto. Alcuni testimoni parlano di una violenta colluttazione. Tracce ematiche sono state riscontrate anche su uno scalino adiacente al luogo dove l’uomo è stato trovato ferito.  

Questa presentazione richiede JavaScript.

Cadavere alla Malcontenta, l’allarme dato da un pescatore

cadavere-malcontenta-venezia-tuttacronaca

Il cadavere di un uomo di colore è stato avvistato da un pescatore che si trovava a pesca nella zona del canale Bondante di Malcontenta di Mira, nel Veneziano. Il pescatore ha lanciato l’allarme e sul posto sono arrivati gli uomini del soccorso per il recupero del corpo. Dalle condizioni si ipotizza che la salma sia in acqua da almeno una settimana. Si stanno setacciando le denunce di scomparsa.

Azzannato ai testicoli dal pitbull, a Milano un uomo è in prognosi riservata

ambulanza-notte-milano-testicoli-pittbull-tuttacronaca

E’ stata la fidanzata a dare l’allarme alle 20.20 dopo eh per oltre un’ora e mezza aveva cercato di contattarlo. L’uomo, un 30enne che soffre di diabete, non rispondeva e la ragazza preoccupata per il suo silenzio ha chiesto l’intervento del 118 e dei vigili del fuoco che hanno aperto la porta, dando il via libera ai paramedici che lo hanno trovato a terra privo di sensi, nudo e con una grossa perdita di sangue dai testicoli. Secondo quanto riferito dal 118, il morso dell’animale li avrebbe recisi. Si ipotizza che l’uomo possa aver avuto un malore e che uno dei pittbull o entrambi lo abbia ferito mentre era privo di sensi. Trasportato d’urgenza al San Raffaele, ora è in prognosi riservata.

Strage a Brooklyn, un uomo uccide una madre e 4 figli

brooklyn-tuttacronaca

Strage a Brooklyn, uno dei quartieri più tranquilli di New York, ma che è divenuto teatro di una vera e propria strage. Un uomo di 25 anni, probabilmente un parente della donna, è entrato nell’abitazione di quest’ultima e ha ucciso a coltellate lei e i suoi 4 figli, dai 9 ai 2 anni. Poi si è lasciato ammanettare dai poliziotti intervenuti su segnalazione dei vicini ignote al momento le cause del gesto che ha shoccato il quartiere.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Vittima del maltempo, un morto a Siena

siena-morto-tuttacronaca-maltempo

E’ stato rinvenuto dai vigili del fuoco il corpo senza vita di un uomo a bordo del suo furgone sulla strada provinciale 64, nel sottopasso ferroviario all’altezza di Serre di Rapolano (Siena). Non si è ancora capita la dinamica dell’incidente. Al momento sono due le ipotesi al vaglio delle forze dell’ordine che dovranno accertare se il mezzo a sbandato a causa del cattivo tempo o se è stato travolto dall’acqua che ha allagato il sottopasso.

Giallo nel Cagliaritano, trovato un cadavere con ferita da arma da fuoco

 

orroli-cagliaritano-tuttacronaca

E’ stato rinvenuto nelle campagne di Orroli, nel Cagliaritano, intorno alle ore 14, il cadavere di un uomo con una ferita da arma da fuoco, in località Santa Caterina. L’identità dell’uomo non è stata resa nota. Non è chiaro se si tratti di omicidio o suicidio. Sul posto i carabinieri della compagnia di Isili e il medico legale.

Un uomo accoltellato e un cane impiccato, shock nel Vicentino

Occhio-di-cane-tuttacronaca-

Una scena macabra quella che ha scoperto un passante che stava camminando su una strada poderale di Enego, nel vicentino. Il corpo di un uomo di 35 anni giaceva a terra con un coltello nello stomaco, nell’abitazione dell’uomo i carabinieri hanno ritrovato i suoi due cani impiccati. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo avrebbe ucciso i suoi cani e poi si sarebbe tolto la vita con una coltellata nella pancia.

“L’uomo è anche un gabbiano, …

gabbiano-tuttacronaca… misterioso e bianco, in cerca di se stesso, che disegna nel vento inediti sentieri, inventati, trasparenti.”

-Juan Baladán Gadea- (Di solitudine e amore, 1998)

Anche il nord alle prese con i rifiuti tossici: ci hanno asfaltato la Valdastico?

rifiuti-tossici-valdastico-tuttacronacaE il Gazzettino a spiegare che verrà effettuata una perizia con lo scopo di verificare la presenza e accertare la pericolosità dei rifiuti tossici scoperti sotto l’autostrada Valdastico Sud, il cui secondo tratto è stato inaugurato lo scorso giugno. Il sostituto procuratore Rita Ugolini, della Procura distrettuale antimafia di Venezia, si appresta a chiedere al giudice per le indagini preliminari di nominare un esperto super partes, in grado di accertare se e quale tipo di materiali siano stati utilizzati nel corso dei lavori per il fondo stradale, nonché se vi sia stato un inquinamento delle falde acquifere. La scorsa estate il magistrato aveva fatto notificare a 27 indagati un avviso per comunicare loro l’intenzione di svolgere un accertamento tecnico non ripetibile. Tale accertamento sarebbe stato effettuato da un consulente di fiducia al quale la difesa avrebbe potuto affiancare i suoi consulenti. La perizia, ora, è stata sollecitata proprio dalla difesa di alcuni di questi 27. I risultati di una perizia affidata direttamente dal gip costituiscono fonte di prova valida e utilizzabile in un eventuale successivo processo. Erano state le associazioni “Medicina democratica” e “Associazione italiana esposti amianto” a presentare l’esposto che ha dato l’avvio all’inchiesta. Le stesse hanno sollecitato accertamenti sul presunto inquinamento delle falde sotto il cantiere dell’A31 Sud a causa della presenza di materiale altamente tossico. Sono loro a riferire dell’episodio di un cane che, ad Albettone (VICENZA), dopo essersi abbeverato a una pozza d’acqua vicina al cantiere. Nel 2009, tra Longare e Agugliaro, sarebbero stati infatti sversati oltre 150mila metri cubi di scorie di acciaieria non bonificati e quindi potenzialmente nocivi. Ma quelli che erano solo sospetti, spiega il quotidiano, “avrebbero già trovato parziale conferma da una prima ricognizione effettuata da due esperti nominati dalla Procura, la quale ipotizza i reati di traffico illegale di rifiuti e falso idelogico. Ovvero che qualcuno abbia deciso di risparmiare sul trattamento dei materiali da porre nel fondo autostradale, scaricando materiale altamente inquinante invece di ghiaia inerte.”

Tra le persone “avvisate” lo scorso giugno dal pm Ugolini figura anche Attilio Schneck, commissario straordinario della Provincia di Vicenza, confermato lo scorso aprile alla presidenza della A4 Holding, la società che controlla l’autostrada Serenissima. Ma anche numerosi imprenditori vicentini, padovani, trevigiani e lombardi, titolari delle ditte che si sono occupate a vario titolo dei lavori per la realizzazione del tratto autostradale. Per ora l’iscrizione sul registro degli indagati di tutti è un atto dovuto, in attesa di verificare innanzitutto se l’inquinamento vi sia stato e di quale portata. E, successivamente, a chi debba essere attribuita la responsabilità. La scorsa estate Schneck spiegò che la società autostradale Brescia-Padova non ha alcuna responsabilità in quanto è limitata a fare da stazione appaltante.

Ustionati e seminudi in strada, s’indaga a Pisa

pisa-tuttacronaca-seminudo-fuoco

Un mistero, un giallo e un episodio inspiegabile. Nella notte a Pisa sono stati trovati in strada seminudi e ustionati a distanza di mezz’ora l’uno dall’altro nel centro di Pisa anche se in due luoghi diversi:  il primo in piazza Manin, nella zona della Torre pendente, l’altro in piazza Sant’Antonio. Entrambi gli uomini sono di nazionalità polacca e il primo, da quanto appreso da fonti sanitarie avrebbe ustioni sul 70% del corpo, mentre il secondo sul 30%. Con sé non avevano documenti al momento del ritrovamento e non è ancora chiaro se si tratti di un atto doloso o di un incidente. Al momento le forze dell’ordine sono a lavoro per ricostruire la vicenda dei due uomini.

 

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: