Francesco, il Papa rock

papa-francesco-rolling-stones-tuttacronacaPapa Francesco si aggiudica una nuova copertina e questa volta è la rivista musicale Rolling Stone a dedicare la cover al Pontefice che negli ultimi tempi è stato eletto anche uomo dell’anno da Time mentre Esquires gli ha attribuito il primo premio come uomo meglio vestito. Il titolo che accompagna la foto recita Pope Francis, “The Times they are a-changin'” (dal pezzo di Bob Dylan)  recita il titolo mentre si spiega che “Rolling Stone presenta il Papa come un uomo legato alla tradizione religiosa da una parte mentre dall’altra sta lottando per portare la Chiesa in una nuova era”.

Annunci

L’infanta Cristina finisce dietro le sbarre… del Time!

infanta-crisitna-time-tuttacronacaCome spiegava tre giorni fa il Corriere della Sera, la famiglia reale spagnola si trova a che fare con i guai giudiziari dell’infanta Cristina, che è stata citata in giudizio dal giudice istruttore del caso Noos del Tribunale di Palma de Mallorca per i reati di frode fiscale e riciclaggio. La moglie di Inaki Urdangarin, principale imputato nella stessa inchiesta, è stata chiamata a in tribunale il prossimo 8 marzo. L’infanta rischia, se condannata, una pena fino a 6 anni di carcere. L’accusa contro l’infanta arriva da Palma di Maiorca: si tratta di un’indagine giudiziaria su 6 milioni di denari pubblici scomparsi per consulenze false nelle casse della società Aizoon e dell’Istituto Noos. Ad aumentare il clamore, in Spagna, è arrivata un’immagine che la mostra sulla copertina del Time dove il nome della testata forma delle sbarre davanti a lei, dando l’impressione che si trovi in carcere. L’immagine è un fake, ugualmente apprezzato dal popolo di Twitter che non ha mancato di condividerla. La versione “originale” della rivista statunitense, in realtà, reca in copertina il comico e presentatore Seth Meyers, nella sua edizione americana, mentre la cover dell’edizione globale è dedicata all’anno 2013.
time-tuttacronaca

Papa Francesco non solo è l’uomo dell’anno… ma anche il meglio vestito!

Pope-Francis-tuttacronacaEra già stato nominato “uomo dell’anno” dal Time e ora anche Esquire ha voluto attribuire un premio a Papa Francesco: quello di  uomo meglio vestito dell’anno. La rivista sottolinea che il suo abbigliamento ”ha segnalato con sottigliezza una nuova era (e per molti una rinnovata speranza) per la Chiesa cattolica”. La direzione del mensile ha ammesso che si tratta di una scelta poco convenzionale; tuttavia la decisione del Pontefice di astenersi dall’indossare abiti appariscenti riflette un’umiltà raramente vista nei suoi predecessori. “Il suo modo di vestire – ha commentato Mark-Evan Blackman, professore aggiunto di design abbigliamento maschile al Fashion Institute of Technology – riflette davvero la sua mentalità. Ricordo quando Giovanni Paolo II fu sepolto, indossava quelle ricche scintillanti scarpe rosse. Quando l’attuale Papa è stato eletto e ha deciso di non indossare le scarpe rosse, quello è stato un segno che rifletteva il suo approccio alla funzione del suo ruolo”. Ancora, il mensile sottolinea che “Papa Francesco ha mostrato tanto con i suoi gesti simbolici, pagando ad esempio il conto dell’albergo di proprietà della Chiesa, oppure lavando i piedi ai detenuti, due delle quali donne, durante il Giovedì Santo. In parole povere il Papa ha capito che l’abbigliamento maschile esprime il carattere dell’uomo che lo indossa”.

Papa Francesco è la persona dell’anno anche per una rivista gay

papa-francesco-theadvocate-tuttacronacaIl Times l’ha nominato persona dell’anno, il New Yorker gli dedica la copertina natalizia, oggi compie 77 anni e i Papaboys hanno organizzato una 24 ore no-stop di preghiera per lui. Papa Francesco continua a conquistare e ora anche The Advocate, importante rivista statunitense rivolta a lettori LGBT, ossia persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali, la prima a rivolgersi a questo pubblico e da sempreimpegnata nella difesa dei diritti degli omosessuali, l’ha a sua volta nominato persona dell’Anno. Per l’occasione il Pontefice appare in copertina, con disegnata sulla guancia la scritta “No H8″, ossia “no hate”, “niente odio”. Per quel che riguarda le motivazioni, si spiega che in questi primi mesi di pontificato è riuscito a dare un importante segnale di discontinuità rispetto ai suoi due predecessori, Wojtyla e Ratzinger, spesso contestati dalla rivista per le loro frequenti dichiarazioni antigay. Ma anche si precisa che la “persona più influente del 2013” nella vita del popolo Lbgt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) non è stata scelta tra una personalità che “arriva dal nostro conflitto legale in corso”, per il riconoscimento dei diritti degli omosessuali, bensì dal “nostro conflitto spirituale”. E ancora, “Papa Francesco è il leader di 1,2 miliardi di cattolici in tutto il mondo… Piaccia o meno, ciò che dice fa la differenza” L’apertura più importante di Papa Bergoglio, sempre secondo la rivista, è stata in occasione del viaggio in Brasile per la Giornata Mondiale della Gioventù. Alla domanda sulla sua posizione riguardo l’omosessualità, rispose: “Se uno è gay e cerca il Signore, chi sono io per giudicarlo?” La stessa frase, compare in copertina.

Papa Francesco, tra l’angelo della neve e la vittoria in campionato

newyorkerpapa-tuttacronacaDopo esser stato eletto la persona dell’anno da Time, Papa Francesco conquista anche la copertina del New Yorker. Nel numero che uscirà il 23 dicembre, infatti, appare mentre fa “l’angelo della neve”. Il disegno è opera di Barry Blitt, illustratore e collaboratore della rivista, che ha detto: ”Papa Francesco sembra una persona rispettabile – un brav’uomo – e un sostenitore sincero della buona volontà e della pace sulla Terra. Ma chi sono io per giudicare?”. Who am i to judge? è anche il titolo della cover-story di James Carroll dedicata al Pontefice, che in queste ore ha anche un altro motivo per sorridere. Il San Lorenzo, la squadra argentina del quale è tifoso, ha infatti vinto il campionato al termine di una giornata, l’ultima, davvero emozionante:  quattro squadre in lotta per il titolo, tutte in due punti. Alla fine l’hanno spuntata i Ciclon pareggiando 0-0 in casa del Velez e riescono, grazie anche al 2-2 tra Old Boys e Lanus, a mantenere due punti di vantaggio in classifica sulle rivali e a conquistare così il Torneo Inicial.papa-san-lorenzo-tuttacronaca

E’ Francesco, la Persona dell’anno 2013

papa-francesco-tuttacronaca

Papa Francesco è la Persona del’Anno di Time 2013. Lo ha annunciato la rivista che dal 1927 attribuisce questo riconoscimento all’individuo o l’entità che, nel bene o nel male, ha dominato le notizie nell’anno che sta per concludersi.

“Io sogno per vivere”

sogno-tuttacronaca-Steven Spielberg- (da Time, 15 luglio 1985)

Google ci porta indietro nel tempo e ci insegna il rispetto del territorio

 timelapse-time-google-tuttacronaca

Dopo Google View arriva Timelapse! Una specie di macchina del tempo, una piattaforma per vedere come un determinato territorio si è modificato negli anni. Il “ritorno al passato” è stato possibil grazie a una collaborazione con il U.S. Geological Survey (USGS), la NASA e la rivista Time. Google ha iniziato a lavorare al progetto nel 2009, unendo 2,068,467 foto per un totale di 909 terabytes. Il tutto è stato reso poi navigabile grazie allo sviluppo in HTML 5. Google quindi oltre che a guidarci per il mondo ora ci guiderà anche nel tempo e ci insegnerà ad aver rispetto della terra… basterà per educare le coscienze anche di chi da sempre il territorio lo stupra per ricavarne profitti personali? Riusciremo a invertire la rotta avendo accesso all’informazione o sarà semplicemente l’ennesimo intrattenimento quando si è annoiati a lavoro o un passatempo prima di mettersi a letto?

google-timelapse-dubai

Oscar Pistorius: il business è tutto su di lui!

Oscar-Pistorius-processo
Manca poco più di un mese all’inizio del processo che vedrà alla sbarra Oscar Pistorius, il campione paraolimpico sudafricano che causò la morte della fidanzata Reeva Steenkamp. Volontà omicida o tragico incidente? Quello che è certo è che l’attenzione mediatica continua ad essere rivolta su di lui: una copertina dal titolo “Gunman” è apparsa sul Time, decine di interviste a chiunque possa avere qualche connessione con la vicenda si leggono sui magazines sudafricani, i paparazzi non smettono di seguirlo. Non c’è da meravigliarsene se ai poliziotti che per primi sono entrati nell’abitazione di Pistorius una delle principali testate giornalistiche internazionali ha offerto 40 mila euro per gli scatti dei loro smartphone. Gli agenti però non sonpo potuti cadere in tentazione: i vertici della polizia hanno confiscato i cellulari di tutti quelli che lavorano al caso! Non poteva mancare, a questo punto, l’interessamento delle grandi case editrici: è stata l’americana Pan McMillan, alla fine, ad aggiudicarsi i diritti d’autore della storia che diventerà un libro dal titolo “Behind the Door: The Oscar and Reeva Story” e verrà pubblicato a processo terminato. Ma sugli scaffali arriverà anche, per Penguin, “The Oscar Pistorius story”, con la firma del giornalista britannico John Carlin, a lungo corrispondente dal Sudafrica, mentre la sudafricana Zebra Press, che ha acquisito i diritti per il mercato inglese e del Commonwealth, pubblicherà “No More Heroes: Oscar Pistorius’s Fall from Grace” ad opera di Jacques Steenkamp (nessuna parentela con la vittima) e Gavin Prins. Per gli appassionati di e-book, infine,  la giornalista investigativa Laurianne Claase ha redatto “Pieces of the Puzzle: A guide to the Oscar and Reeva case”. Nel frattempo ad Hollywood si cerca di scoprire chi potrebbe interpretare Pistorius sul grande schermo: ci sarebbero già due copioni pronti sulla vicenda ed il ruolo di Reeva, stando alle prime indiscrezioni, dovrebbe essere affidato a Charlize Theron. Per quello dell’atleta, si vocifera su Ryan Gosling, fisicamente molto simile al “Blade Runner” sudafricano, ma l’attore pare che stia pensando di prendersi un periodo di riposo prima di debuttare dietro la macchina da presa. Ovviamente, non poteva mancare il coinvolgimento dei social network: un gruppo di sostenitrici virtuali del corridore, sotto l’egida dell’hashtag #Pistorians, difendono a colpi di tweet la causa del loro idolo. Tutti ai nastri di partenza qiundi, in attesa di scoprire quali saranno le parole che chiuderanno la storia: colpevole o innocente?

L’intervista di Grillo al Time!

beppe grillo-time-tuttacronaca

“Vogliamo il 100% del Parlamento, non il 20% o il 25 o il 30%”: è una delle frasi a effetto che Beppe Grillo sfoggia in un’intervista a Time. Il magazine Usa presenta ai suoi lettori “il comico canaglia diventato kingmaker”. “Il più grande vincitore delle elezioni italiane”, scrive Time, “si è rifiutato di negoziare con la vecchia guardia che considera alla radice dei problemi dell’Italia”. Nell’intervista parla di “dissoluzione dei partiti”. Dà il merito del suo successo a Internet. E non manca di scherzare sul papato.

Grillo dice di volere sostituire i partiti con “cittadini, informati, onesti, cittadini trasparenti, che fanno il loro lavoro con passione”. E che vanno a casa dopo due mandati. “Non ci sono soldi né carriere in questo movimento”. Il Movimento Cinque Stelle ha avuto più voti di ogni altro partito, 8,7 milioni. Ma Grillo ripete di non volere cooperare con i partiti politici: “Fanno mostra di essere l’uno contro l’altro, ma sotto sotto, sono la stessa cosa. Destra e sinistra in Italia hanno sempre fatto finta di combattersi. Ora gli accordi che hanno fatto nell’ombra per 20 anni devono farli alla luce del sole. E se lo fanno sono morti. Politicamente morti. E così scaricano su di me la loro infelicità politica, la loro disintegrazione, dicendo che sono io che non formo il governo, che creo instabilità. Ma io non posso discutere con loro”. Time chiede a Grillo perché non accetta l’offerta del Pd di lavorare a misure contro la corruzione e i costi della politica. “Loro parlano di trasparenza dei partiti. Noi parliamo di dissoluzione dei partiti. E’ differente. Wellington e Napoleone non possono trovare modo di cooperare. Noi siamo qualcosa di diverso”.

“Cosa le dà l’autorità per negoziare o no con il Partito Democratico?”, chiede Time, ricordando le accuse di essere antidemocratico e di fare scelte senza consultare i neoeletti. “c’è una regola nel nostro movimento. Non facciamo accordi con i partiti. Chiunque abbia aderito al nostro movimento ha accettato questo… Non c’è niente da decidere”. Per rilanciare l’Italia, Grillo dice che c’è bisogno di “un forte segnale”: “Mandateli tutti a casa. Chiudete i partiti, prendetegli i soldi, immediatamente. Il lancio d’urgenza di un reddito minimo garantito. Due o tre operazioni, leggi contro la corruzione i conflitti d’interesse, separare le società finanziarie dalle banche”.

Time chiede come mai le proposte di cui più si parla – la nazionalizzazione delle banche, il referendum sull’euro, il fare default sul debito – non sono nella piattaforma del partito. “Dobbiamo ancora discuterne. Poi le scriveremo nel programma. Dateci tempo. Io propongo un’idea di base. Nonè un piano politico. E’ una visione del mondo. Non si tratta di sostituire una classe politica con un’altra. Vogliamo il 100% del Parlamento, non il 20% o il 25 o il 30%. Quando il movimento arriverà al 100%, quando i cittadini diventeranno Stato, il movimento non avrà più bisogno di esistere. L’obiettivo è di auto-estinguerci”.

Sull’euro, Grillo dice: “Non ho mai detto di volere essere dentro o fuori dall’euro. Ho detto che voglio un’informazione corretta. Voglio un piano B per la sopravvivenza nei prossimi dieci anni. E poi, con un referendum decideremo. Dobbiamo sapere quali sono i costi e i benefici”. E sul rischio di risvegliare “forze oscure”, Grillo afferma: “Tutto ha avuto inizio in Italia: il fascismo, le banche; noi abbiamo inventato il debito. Anche la mafia. Se non scoppia la violenza è perché c’è il movimento. Se noi falliamo andiamo verso la violenza nelle strade perché metà della popolazione non ce la fa più”.

Time elegge l’uomo dell’anno: è il Presidente Obama

2008-04-barack-obama-mural-brooklyn

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: