Puliscono la spiaggia, trovano 50 kg di marijuana

Bibione-spiaggia-tuttacronaca

Erano due addetti di “Bibione Mare” che mentre erano impegnati a ripulire la spiaggia dopo l’ultima mareggiata hanno trovato alcuni sacchetti contenenti marijuana. Così hanno deciso di contattare i carabinieri, che arrivati sul posto hanno rintracciato circa cinquanta sacchetti  per un totale di quasi 50 kg  di marijuana. Ora si è aperta un’indagine per capire se qualcuno li ha gettati in mare a causa di un controllo o se ci sia stato un naufragio in mare a causa del maltempo.

Annunci

Alle Maldive… la spiaggia è blu!

spiaggia-blu-tuttacronacaNon è un fenomeno nuovo e molti scatti sono già circolati in rete in passato, ma quelli del fotografo taiwanese Will Ho hanno fatto il giro del mondo per la loro bellezza. Si tratta del fenomeno della sabbia “blu”, noto agli studiosi. Il processo del fitoplancton bioluminescente continua a stupire i visitatori e non potrebbe del resto non affascinare lo spettacolo di una distesa di sabbia che si illumina di notte come accesa da migliaia di led di colore blu. A contatto con gli agenti esterni gli organismi che compongono il fitoplancton presente sulla spiaggia dell’isola di Mudhdhoo reagiscono producendo luce.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Il video della ragazza rapita dal mare mentre giocava in spiaggia

onda-santander-tuttacronacaEra il 6 gennaio quando una ragazza giocava al mare, sulla spiaggia del Sardinero a Santander. La marea si stava alzando e la giovane, invece di seguire le amiche che si stavano allontanando, ha iniziato a scherzare saltando all’arrivo delle prime onde. Ma questa voglia di danzare le è costato caro: la forza dell’acqua la fa cadere e lo stesso mare la richiama a sè, trasportandola via senza che i presenti potessero fare nulla. Anche se il video termina mentre la ragazza viene trasportata sempre più lontano, stando a quanto riporta El Correo, la ragazza è riuscita ad uscire dall’acqua e a salvarsi.

La foto shock: scatta nel momento in cui un fulmine colpisce una donna

fulmine-brasile-tuttacronacaVoleva immortalare una tormenta che si stava abbattendo sulla spiaggia di Guarujà, in Brasile, un fotoreport. Che invece si è trovato a immortalare l’istante in cui un fulmine colpiva, uccidendola, una donna, una turista 36enne che si trovava in zona con delle amiche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Shock in Argentina: 4 ragazzi uccisi da un fulmine

ragazzi-morti-argentina-tuttacronacaSi trovavano in una spiaggia di Villa Gesell, località balneare argentina a 370 km da Buenos Aires, quattro ragazzi tra i 16 e i 20 anni morti a causa di un fulmine che li ha colpiti. In tre hanno perso la vita al momento, la quarta, una giovane di 16 anni, è morta dopo poche ore in ospedale. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il gruppetto si era rifugiato sotto una tenda, a seguito di un forte temporale, quando è stato raggiunto all’improvviso da una scarica elettrica.  La ragazza morta dopo il ricovero in ospedale è Priscila Ochoa, 16 anni. La ragazza era accomunata dalla passione per la pallavolo con Agustin Irustia e Nicolas Elena, rispettivamente 17 e 19 anni. Per Gabriel Rodriguez, che aveva appena compiuto 20 anni, era invece la prima vacanza in compagnia degli amici. Sono 22 le persone rimaste ferite, con quattro di loro ancora sotto osservazione e una in terapia intensiva. L’America meridionale è considerata una delle regioni al mondo dove le tempeste elettriche sono più frequenti. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

In vendita la supervilla a Malibù di Leo Di Caprio

villa-di-caprio-tuttacronacaAnno nuovo… villa nuova? L’attore Leonardo Di Caprio ha iniziato il 2014 mettendo in vendita la sua villa vista mare di Malibù, in California. L’abitazione, che conta 7 camere e 6 bagni, ha un grande giardino e non manca neanche l’accesso alla spiaggia privata. Per quel che riguarda il prezzo, di certo non si può dire che si tratti di una casa economica: è sul mercato a 17.35 milioni di dollari.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il cagnolone salvato dopo esser stato portato via dal mare

cane-recuperato-tuttacronacaDomenica, un cane è stato trasportato via dal mare ma, fortunatamente, i volontari della Royal National Lifeboat Institution di Norfolk, in Inghilterra, sono riusciti a salvarli. Il recupero è stato ripreso dalla telecamera fissata sul casco di uno dei volontari. Nella registrazione si vede come i soccorritori raggiungono delle rocce dove si trova un terrorizzato Golden Labrador che era stato trasportato via dalla marea mentre passeggiava sulla spiaggia di Sea Palling ed è stato notato dal gruppo quasi per caso mentre si trovava a passare accanto alle rocce. Uno dei volontari ha commentato: “E’ un cane fortunato. Dobbiamo essere grati di esserci trovati nel posto giusto al momento giusto”. Il cagnolone, si è scoperto in seguito, si chiama Max ed è stato riconsegnato ai suoi padroni, Terry e Jean Woodcock.

Bibione, la prima spiaggia no smoking in Italia

spiaggia-bibione-tuttacronacaManca solo che l’amministrazione comunale di San Michele al Tagliamento formalizzi il provvedimento dopo avere incontrato le categorie economiche più rappresentative del comparto turistico che hanno già dato il via libera al progetto nella convinzione che non si tratterà di un divieto ma di una grande opportunità, anche sotto il profilo mediatico. Ma è praticamente ufficiale. Come spiega il Gazzettino, dalla prossima stagione estiva lungo tutta la battigia della spiaggia di Bibione non sarà consentito fumare. Dal 2002 certificata Emas per la valenza ambientale e detentrice di 22 bandiere blu per la qualità delle acque, Bibione si potrà fregiare anche di essere la prima spiaggia italiana no smoking.

Quando l’isola è popolata… da maialini!

pig-beach-tuttacronacaTutti si meritano un po’ di relax? Sembra proprio di sì, se anche i maialini si sono trovati un angolo di paradiso tutto per loro. si tratta di Big Major Cay, un angolo delle Bahamas che è stato ribattezzato Pig Beach per i suoi insoliti inquilini. I simpatici animali si godono le acque cristalline al riparo dagli uomini e dalla civiltà, che tuttavia non mancano di raggiungerli. L’oasi eletta dai maialini, infatti, dove nuotano, si sdraiano al sole o cercano ristoro all’ombra delle palme, sta diventando un’attrazione turistica e sempre più persone la raggiungono con la barca. All’arrivo, non è strano che “i padroni di casa” li accolgano e nuotino anche con loro, in cambio di qualche boccone goloso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cadavere di bimbo di 3 anni ritrovato in spiaggia, è mistero

tuttacronaca-francia-berck-cadavere

Macabra scoperta quella avvenuta nel Nord della Francia dove il corpo di un bambino, dell’età apparente di 2-3 anni, è stato trovato stamattina sulla spiaggia di Berck. Lo riferisce il quotidiano locale La Voix du Nord, citando fonti della polizia locale. A scoprire il cadavere sono stati un gruppo di pescatori locali di gamberetti, che intorno alle 8.15 di stamattina hanno allertato i pompieri. Il corpo era interamente vestito e giaceva fuori dall’acqua, non bagnato. La polizia ha aperto un’inchiesta per determinarne l’identità, ricerca resa più misteriosa dal fatto che nell’area negli ultimi giorni non è stata segnalata la sparizione di nessun bambino.

Gli asini non voleranno… ma c’è un cane con le ali!

cane-ali-tuttacronacaA volte è tutta questione di tempismo: essere pronti per catturare quell’attimo perfetto in cui appare l’inaspettato. E di certo Megan Whiteley quel giorno non si aspettava di “catturare” in un’immagine un cane con le ali. Ovviamente è un’illusione ottiva, visto che la foto, scattata sulla spiaggia di Opitiki Beach in Nuova Zelanda, ritrae in realtà un cane partito all’attacco di un gabbiano che, sollevatosi in volo, si è andato a sovrapporre perfettamente alla sua sagoma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Salviamo gli squali: il flash-mob sulla spiaggia di Hong Kong

squalo-hongkong-tuttacronacaSalvami e Rispetto. Sono queste le scritte apparse accanto a uno “squalo-umano” apparso sulla spiaggia di Hong Kong. A dar vita al flash mob un migliaio di bambini, accompagnati dai loro insegnanti, all’interno della campagna che ha lo scopo di sensibilizzare sulla conservazione delle specie marine. In particolare, i bambini che hanno dato vita all’immaggine di uno squalo con la pinna tagliata che poi si ricompone, hanno fatto riferimento a tutti gli animali che vengono uccisi per la prelibata zuppa di pinne di pescecane.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Là dove non batte mai il sole ora batterà… anche in Italia!

nudismo- spiagge-veneto-tuttacronaca

Il Veneto è stata la prima regione ad approvare la legge sul nudismo, così dalla prossima estate sarà possibile stare come mamma ci ha fatti in alcune spiagge di Jesolo, Bibione, Caorle, fino a Lignano Sabbiadoro. La commissione Turismo, presieduta dal leghista Vittorino Cenci, ha infatti detto sì alla proposta di legge presentata dal consigliere Andrea Bassi (Ln) e sottoscritta da Dario Bond (Pdl) e Santino Bozza. Questo provvedimento sicuramente richiamerà molti turisti che preferiscono una formula più “naturista”. In Europa infatti il volume d’affari è circa di 700 milioni di euro e nell’Eurozona ci sono già 600 strutture adibite alla balneazione senza veli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Sempre camminerò per queste spiagge …

spiaggia-tuttacronaca… tra la sabbia e la schiuma dell’onda. L’alta marea cancellerà l’impronta e il vento svanirà la schiuma. Ma sempre spiaggia e mare rimarranno.”

-Khalil Gibran-

Non solo la Concordia: lungo la costa calabrese giacciono le navi dei migranti

barconi-migranti-concordie-tuttacronacaE’ la giornata della rotazione della Concordia questa. Ma mentre si cerca di raddrizzare la nave, tante altre piccole imbarcazioni se ne restano da mesi sulla battigia, a parlare dei drammi del mare. Si trovano lungo le coste calabre, a Roccella Ionica, in provincia di Reggio Calabria e sono le barche utilizzate dai migranti per raggiungere il territorio italiano. Sono tante piccole “Concordie” che stazionano mesi sulla battigia. Le operazioni di rimozione non saranno costose come quelle per la nave da crociera naufragata all’Isola del Giglio, ma per rimuoverle occorrono 30-40 mila euro e le tempistiche non son da meno: si parla di almeno un anno.

Belen e Stefano: acrobazie in spiaggia

belen-stefano-acrobazie-tuttacronacaFormentera spiaggia ideale… per le acrobazie! O almeno sembrano pensarla così i promessi sposi Belen Rodriguez e Stefano De Martino che si sono sbizzarriti in figure acrobatiche sulla morbida sabbia dell’isola. L’ex ballerino di Amici si e’ lanciato in una lunga serie di salti mortali mostrando il suo fisico atletico mentre la showgirl argentina ha messo in campo la sua sensualità.

Rincorrendo gli ultimi scampoli d’estate… in treno!

El-Transcantabrico-Gran-Lujo-tuttacronacaL’estate sta per finire ma dare l’arrivederci alle vacanze non è mai semplice, soprattutto se ancora non si ha avuto il tempo per godersi un po’ di meritato relax, magari scoprendo anche posti nuovi ma senza rinunciare ai comfort… Il Transcantábrico Gran Lujo, spettacolare hotel su rotaie a 5 stelle, è il treno più antico della Spagna ed è considerato uno dei cinque treni migliori al mondo. Composto da sette carrozze letto, quattro con saloni e una con cucina, è caratterizzato nelle zone comuni da ampie vetrate attraverso le quali ammirare le bellezze delle terre spagnole, dalla Castilla alla Galicia, dalle Asturie alla Cantabria, ai Paesi Baschi. E per appagare tutti i sensi, è possibile degustare la più selezionata gastronomia della zona percorsa mentre la notte si può ascoltare della buona musica dal vivo. Nelle 14 suites, singole o matrimoniali, tutti i dettagli sono ricercati ed eleganti e ci si può godere degli attimi di relax grazie alle saune di vapore e il bagno con la doccia idromassaggio.

Il Trancantábrico, da cui deriva questa nuova versione che ha fatto la sua apparizione nel 2011, ha iniziato a viaggiare su rotaie nel 1983, diventando il primo treno turistico spagnolo e percorrendo la stessa strada dello storico Ferrocarril de La Robla, che trasportava il carbone da León a Bizkaia.

mappa-treno-viaggio-tuttacronacaIl viaggio, della durata di 8 giorni e 7 notti, permette di conoscere la zona nord della Spagna, costeggiando il Mar Cantábrico, viaggiando tra Santiago de Compostela e San Sebastián in una vera crociera su rotaie per godersi la cultura, l’arte e il paesaggio di queste zone, scoprendo ogni giorno mete diverse in un vero e proprio viaggio nel tempo. Dalle grotte di Altamira e la città medievale al museo Guggenheim, dalla spiaggia de las Catedrales alla cattedrale di Santiago de Compostela al Pico de Europa. E’ il caso di dire… tutti in carrozza!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le meduse invadono la Riviera del Conero

meduse-riviera-conero-tuttacronacaBanchi di meduse Cassiopea, scientificamente chiamata Cotylorhiza tuberculata, hanno invaso la Riviera del Conero, nelle Marche. Questa specie, che può raggiungere i 35 cm di diamentro, è innocua per l’uomo (le sue punture non vengono avvertite) ed affascinante, grazie ai suoi colori vivaci: l’ombrella gialla, verdastra o beige e tante piccole appendici di colore bianco e viola. E’ la Guardia Costiera ad averne avvistate tantissime, così com’era accaduto nei giorni scorsi lungo la costa pesarese e più sud, verso Porto Recanati e Civitanova Marche. Dalla Capitaneria di porto di Ancona spiegano: ”Si tratta di una specie relativamente abbondante durante il periodo primaverile ed estivo in Adriatico e nel Mar Egeo ma che è presente in tutto il Mediterraneo, sia in mare aperto che lungo le coste”. Poco urticante, la Cassiopea si nutre delle microalghe presenti nei propri tessuti e di organismi microscopici e “ospita” pesci piccoli come le ricciole e i sugarelli, che appena nati trovano riparo fra le sue espansioni. Gli uomini della Guardia Costiera hanno sottolineato:  ”La medusa Cassiopea è un meraviglioso abitante del nostro mare, dal ruolo ecologico estremamente importante e del tutto innocua per l’uomo, pertanto da rispettare e non danneggiare”.

Valeria Marini e le foto dedicate ai fan

valeria-marini-barca-tuttacronacaTrascorre le vacanze in giro tra Formentera e la Sardegna Valeria Marini e, nel frattempo, dedica ai fan le foto delle sue ferie. Eccola quindi in posa in barca, al mare e accanto a una grotta. Arriva anche a mettere in mostra le sue doti da ginnasta esibendosi in un’acrobazia. Ma non solo foto, anche cinguetti: in Twitter racconta: “Al mare ma con la mente già ai nuovi meravigliosi progetti per il prossimo anno lavorativo che inizierà subito con tante novità “.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quest’estate va di moda… il trash?

trash-spiaggia-italia-tuttacronacaC’era un tempo in cui si affermava con orgoglio che gli italiani avevano il senso della moda… E sembra proprio il caso di parlare di “c’era una volta”, visto quello che imperversa sulle nostre spiagge. Sembra proprio che in estate, liberi anche dai codici d’abbigliamento, in molti riescono a dare il peggio di sè. Fuori dai confini del Belpaese sembra non essere sfuggita questa “tendenza cafonal” in cui riescono immancabilmente a spiccare gli emuli dei protagonisti di Grande Fratello quando non direttamente dei Tronisti. I must diventano allora occhiali che coprono mezzo viso, catene il più pesanti possibili e abbronzature feroci perchè “quando si torna a casa si deve vedere bene che sono stato al mare”. Senza parlare di sopracciglia ad ali di gabbiano per lui e per lei, pinocchietti nel guardaroba maschile e tacchi 12 sulla sabbia per le vere addicted. In alternativa, via libera a infradito e ciabatte ortopediche, possibilmente il più fluo possibile. A raccontare tutto questo anche la firma di Le Monde Marc Beaugé, che ha preso Capri come suo osservatorio: “Quando si arriva sull’isola ci si ritrova con una folla di turisti vestiti con canottine terribili, l’infradito, occhiali paurosi, jeans slavati, costumi dalle terribili e improbabili fantasie floreali e tatuaggi degni di guerrieri maori”. Fernanda Speranza, commissario dell’Azienda di soggiorno e turismo di Capri, ha tirato in ballo “i dati positivi di presenze di turisti stranieri” che “vanno in controtendenza con quanto dichiarato dal giornalista di Le Monde”. Ma nessuno mette in dubbio che l’Italia sia un Paese bellissimo, il giornalista parla piuttosto di chi popola le località turistiche. Ma sono gli stessi media a veicolare un concetto di moda che poi viene ripreso e riproposto sulle nostre spaggie. Tre esempi? L’estate 2013 è stata all’insegna del costume fluo, visibile a distanza e che ha catturato anche Ilary Blasi, Antonella Mosetti & Co., che non si sono fatte pregare e hanno sfoggiato i loro microcostumini dai colori di un giubbotto catarifrangente, avvinati a immancabili occhiali specchiati e braccialetti, ovviamente flou. E sempre in tema di costumi femminili, dopo anni di ferretti e push-up, quest’estate era quanto meno doveroso sfoggiare il bikini a fascia, che tutto fa, tranne valorizzare le forme femminili: le fashioniste giurano che tutto ciò sia estremamente elegante. Dulcis in fundo, e in pieno stile cow-girl, sempre a fascia ma… con frangia incorporata!

Il mostro marino ritrovato in Spagna è ancora avvolto nel mistero

mostro-marino-pesce-tuttacronaca

Dalla foto sembrerebbe proprio un mostro marino quello che è stato rinvenuto giovedì presso la spiaggia Luis Siret, a Cuevas de Almanzora (Almería) in Spagna. Non si sa ancora di che specie si tratti, anche se l’ Associazione spagnola per la Difesa della Fauna Marina (Promar), che studia le sue fotografie, ritiene che sia un tipo di pesce. Secondo il quotidiano Almeria Ideal , il “corpo estraneo” di oltre quattro metri di lunghezza è stato trovato dopo che la testa era stata rinvenuta da una donna che era nella zona e che ha allertato la Protezione Civile. Il mistero comunque s’infittisce e si spera nelle prossime ore di conoscere a che specie appartenga o se l’animale appartiene a una specie sconosciuta. 

Sparatoria a Riccione, ferito un uomo.

riccione-sparatoria-tuttacronaca

Lungomare di Riccione e la centralissima piazza Azzarita che in pieno giorno diventano il teatro di una sparatoria. La lite è scoppiata in spiaggia tra due gruppi di persone, poi , una persona di uno dei due gruppi ha estratto una  pistola di piccolo calibro e ha fatto fuoco. E’ stato colpito un 24enne calabrese. Il giovane immediatamente è stato fatto salire a bordo di una Polo blu e portato all’ingresso del pronto soccorso. Le sue condizioni non sono gravi, ma l’auto è ricercata. E’ probabile che a bordo ci possa essere proprio l’autore dello sparo che poi impressionatosi ha preferito accompagnare il giovane in ospedale, per poi dileguarsi abbandonandolo all’ingresso del pronto soccorso. Sono in corso le indagini per chiarire ogni particolare su questa vicenda.

 

Travolti da un tir una coppia di ritorno dalla spiaggia a Gaeta

elisoccorso-via-flacca-tuttacronaca

Stavano attraversando la via Flacca di ritorno dalla spiaggia di Sant’Agostino, nei pressi di Gaeta, i due fidanzati che sono stati travolti da un furgone della società Acqualatina. Nonostante la corsa dell’eliambulanza la ragazza, Rosa Falco, 22 enne è morta, mentre il fidanzato, Antonio E., è in gravi condizioni ed è stato trasportato a Formia. Il conducente del furgone rimasto lievemente ferito è sotto shock. I primi a soccorrere la coppia sono stati alcuni bagnanti che immediatamente sono accorsi dalla spiaggia per bloccare il traffico e chiamare l’ambulanza.

Esplode chiosco sulla spiaggia, ferite due persone

chiostro-tuttacronaca-esplode-spiaggia-due-feriti

Sono rimaste gravemente ferite due persone sulla spiaggia di Sant’Agostino a Tarquinia in provincia di Viterbo, dopo che una violenta esplosione ha interessato un chiosco sul litorale. Dalle prime rilevazioni sembra che la deflagrazione abbia avuto luogo da una bombola di gas all’interno del chiostro

Due persone sono rimaste gravemente ferite dopo l’esplosione di una bombola a gas all’interno di un chiosco che si trova sulla spiaggia di Sant’Agostino a Tarquinia in provincia di Viterbo. Sono intervenuti i vigili del fuoco di Roma con cinque squadre.

Matrimonio in spiaggia ad Ostia: arriva il fatidico “sì”!

ostia-matrimoni-spiaggia-tuttacronaca

C’è chi il mare lo ha nel cuore e vuole sentire il rumore di sottofondo delle onde anche quando pronuncia il fatidico “sì”. Ostia lo coltiva da anni questo sogno: dare la possibilità alle coppie che ne fanno richiesta di poter celebrare il proprio matrimonio in spiaggia.

Ieri il consiglio del X Municipio ha votato all’unanimità un ordine del giorno che avvia le procedure per creare una «casa comunale» sulla spiaggia. «Dare mandato agli uffici, di concerto con le commissioni competenti di procedere alla verifica di fattibilità giuridica ed economica per consentire la celebrazione dei matrimoni sulla spiaggia pubblica comunale» si legge nel documento che porta la firma del consigliere del Pdl Cristiano Rasi e di quello di Fratelli d’Italia Salvatore Colloca.

Il matrimonio in spiaggia può diventare un vero e proprio business per il litorale romano… Cin Cin a tutti coloro che si sposeranno con la sabbia sotto i piedi!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quelle belle ferie al mare… incubo tra liti e polizia!

spiaggia-pane-e-pomodoro-tuttacronaca

Doveva essere una tranquilla giornata di mare e si è trasformata in un incubo sulla spiaggia  cittadina di ‘Pane e Pomodoro’ a Bari  dopo che una donna di 48 anni ha gettato in mare l’asciugamano e una borsa contenente oggetti personali di un’altra bagnante, durante una lite furibonda scoppiata per futili motivi. Gli agenti chiamati sul posto hanno trovato una signora di 67 anni, residente a Japigia, in lacrime che ha raccontato di essere stata aggredita dalla 48enne che reclamava il posto occupato dalla signora. La donna più giovane in particolare avrebbe affermato che quel posto era il migliore per prendere il sole e avrebbe strattonato la 67enne per cercare di spostarla. A quel punto, alteratasi avrebbe gettato in acqua gli effetti personali della signora. La 48enne ha negato l’accaduto, ma molti bagnanti presenti hanno confermato quanto era accaduto.

I bikini matrimoniali

bikini matrimoniali-tuttacronaca

Arriva la nuova moda… il matrimonio in spiaggia. Ed ecco che nelle collezioni degli abiti da sposa entrano anche i bikini. Bianchi, di pizzo, con veli leggeri, che possano muoversi con la brezza marina, questa è la nuova tendenza lanciata dal sito americano Beach Bunny Swimwear. A indossarli è la super top Kate Upton.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Beach rumble: la spiaggia arriva in centro a Milano

spiaggia-milano-tuttacronacaSi respira aria di vacanza in centro a Milano, grazie alla “Beach rumble”, un’area di 2.500 metri quadrati dove sono state versate 600 tonnellate di sabbia e fornita di sdraio, lettini, ombrelloni e due piscine, una per adulti e una per bambini. La “spiaggia”, che sorge a pochi passi dall’Arco della Pace e da Parco Sempione, prende spunto dall’analoga iniziativa organizzata a Parigi e potrà essere frequentata fino al 30 luglio, dalle 10 del mattino all’una di notte, tutti i giorni della settimana

Questo slideshow richiede JavaScript.

Bimbo di 6 anni sepolto dalla sabbia per 3 ore

bimbo-sotterrato-sabbia-tuttacronacaI vigili del fuoco sono riusciti a trarre in salvo dopo 3 ore un bimbo di 6 anni che è rimasto intrappolato sotto tre metri di sabbia dopo essere caduto in una buca tra le dune del parco “Indiana dunes national lakeshore”. A raccontare la vicenda il ranger locale, Bruce Rowe, che ha raccontato che la famiglia ha chiamato il numero d’emergenza 911 alle 16.30 circa, spiegando che il piccolo era stato ricoperto dalla sabbia mentre tentavano di tirarlo fuori. Dopo un quarto d’ora sono giunti i soccorritori che hanno iniziato a scavare con le mani. A questi si sono poi uniti scavatori e gru riuscendo a trarre in salvo il bambino poi ricoverato in ospedale e di cui non sono ancora chiare le condizioni. “Sconcertante”, così il ranger, che lavora nel parco dal 1991, ha definito l’incidente: “Non ho mai sentito niente del genere qui né in altri parchi con dune di sabbia”. L’area resterà chiusa in attesa delle indagini. “Non lasceremo andare le persone sulle dune finché non sapremo cosa è successo e se si tratta di un luogo sicuro”, ha aggiunto il ranger.

Il pianista che si amputa il dito con una sdraio

sdraio-amputa-dito-tuttacronacaUna tranquilla giornata in spiaggia che termina nel panico. Un pianista 59enne, F.A., di Fossano, in provincia di Cuneoè incorso in un incidente nel tentativo di chiudere una sedia sdraio che si è richiusa di colpo, forse a causa di un malfunzionamento della molla, recidendogli così la falange del mignolo della mano destra. Il fatto è accaduto nel tardo pomeriggio di oggi a Diano Marina, in provincia d’Imperia. Il 118 è accorso sul luogo e l’ha stabilizzato, riuscendo a salvargli la falange. Il pianista è stato quindi trasportato all’ospedale d’Imperia e ora i medici stanno valutando la possibilità di un trasferimento al centro di Chirurgia della Mano dell’ospedale San Paolo, di Savona.

I solari inquinano i mari

solari-inquinano-tuttacronacaSulle spiagge pensiamo a proteggere la pelle dai raggi del sole ma così facendo stiamo modificando l’ecosistema marino. E’ quanto emerso da uno studio condotto sulle spiagge di Mallorca da parte dei ricercatori del CSIC, che hanno analizzato le acque di tre spiagge dell’isola, tra cui Palmira e Santa Ponça, note per il turismo di massa. Il terzo luogo è invece una spiaggia difficilmente raggiungibile e per questo poco frequentata. Per queste sue caratteristiche è stata utilizzata per fare la comparazione. Nelle acque antistanti le prime si sono riscontrate alte concentrazioni di sostante contenute nelle creme solari, come il benzofenone, la metilbenciledina, composti organici, chimici, biossido di titanio e biossido di zinco. Antonio Tovar del CSIC sostiene che la loro presenza danneggi il fitoplancton mettendone in pericolo lo sviluppo. A farne maggiormente le spese sarebbe una microalga, la Chaetoceros gracile, alla base della catena alimentare del mediterraneo: è lei che permette ai pesci piccoli di nutrirsi. Senza, questi non solo morirebbero, ma negherebbero a loro volta il nutrimento per i pesci più grandi, condannandoli alla stessa sorte.

Cadavere sulla spiaggia di Campomarino… la foto degli abiti

cadavere-in-spiaggia-Campomarino -tuttacronaca

Sono stati diffuse le foto dei vestiti del cadavere ritrovato sulla spiaggia di Campomarino due giorni fa. Si tratta di una maglietta a maniche corte bordeaux con righe beige, boxer da mare blu, calzini grigi a righe bianche e blu, scarpe da tennis marca Puma grigie con fascia gialla. Del caso si sta occupando anche la trasmissione ”Chi l’ha visto?”. Si spera che attraverso questi pochi elementi qualcuno possa identificare la vittima, anche gli abiti indossati sono comuni e di facile reperimento.

Cade un fulmine a Taranto: muore un bimbo, un altro è grave.

fulmine-taranto-spiaggia-tuttacronaca

Dramma a Taranto dove un fulmine è caduto sulla spiaggia di Campomarino di Maruggio, a quaranta chilometri da Taranto e ha colpito due bambini di 12 e 14 anni,  di Altamura, nel Barese, in vacanza sulla costa tarantina. Giovanni Carlucci, il dodicenne, è morto per arresto cardiaco, l’altro, il cuginetto, è stato folgorato, ma è rimasto vigile e si trova ricoverato all’ospedale “Giannuzzi” di Manduria. I medici hanno invece sciolto la prognosi il quartordicenne che ha riportato solo alcune bruciature e attualmente è affetto da amnesia retrogada. E’ in stato confusionale e chiede notizie del cugino.

Secondo alcuni testimoni il temporale si sarebbe scatenato nell’arco di pochi minuti e non ci sarebbe stato il tempo di mettersi al riparo, anche perché quando il fulmine ha colpito il bambino ancora non pioveva. Potrebbero essere stati gli occhiali che Giovanni indossava ad attirare il fulmine. Il bambino infatti era soprannominato in maniera affettuosa “Harry Potter” proprio a causa del suo difetto di vista che lo costringeva, come il noto maghetto, ha indossare sempre gli occhiali. Il padre dopo la morte del figlio ha accusato un malore ed è stato ricoverato in stato di shock.

La baia cinese che è stata invasa dalle alghe

alghe-cina-tuttacronacaLa baia della città costiera di Qingdao, nella provincia orientale cinese di Shandong, è stata letteralmente invasa dalle alghe e da giorni i volontari sono al lavoro nel tentativo di ripulire la zona. E’ la ricchezza di sostanze nutritive associata al calore portato dalla corrente oceanica giunta in questi ultimi giorni sulle coste ad aver alimentato la rapida cresceti dell’alga, la Enteromorpha prolifera. Tale fenomeno, però, causa la carenza di ossigeno per l’acquacoltura, oltre a  danneggiare il turismo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La spiaggia dove gli aerei atterrano quasi in testa ai bagnanti

avion-San-MartínUna spiaggia dell’isola San Martìn, nei Caraibi, a 240 km da Puerto Rico, gode di due attrattive: da un alto, l’acqua cristallina del mare, dall’altro, i suoi aerei. Perchè là dove termina la sabbia, inizia la pista dell’Aeroporto Internazionale Princesa Juliana. Questo fa sì che gli aerei, sia al decollo che all’atterraggio, passino a soli 25 metri sopra la testa dei bagnanti. La vicinanza dell’aeroporto, il terzo più importante dei Caraibi, ha sicuramente i suoi rischi, soprattutto quando gli aerei si preparano al decollo: sulle recinzioni della pista si possono leggere molti cartelli che avvisa che, in caso qualcuno si avvicini troppo all’aereo, rischia di riportare gravi ferite ma anche andare incontro alla morte, visto che può essere risucchiato in una turbina o gettato violentemente a mare.

Estate 2013: tempo di vacanze low cost

vacanze-low-cost

Non tutti partiranno per le vacanze quest’anno e delle famiglie che hanno programmato di trascorrere qualche giorno fuori il 58% ha preventivato un budget inferiore ai mille euro. Tra questi, il 18% pensa di spendere addirittura meno di 500 euro. E’ quando emerge da un’analisi di Coldiretti, che evidenzia anche come meno di 2 famiglie su 2, pari al 64%, si concederanno almeno un giorno di relax fuori casa. Sempre stando all’indagine, il 27% delle famiglie spenderà tra i mille e i duemila euro mentre solo il 6% sopra i duemila. L’8%, infine, ha preferito non rispondere. Vacanze low cost insomma, risparmiando sulla durata e la distanza delle destinazioni, mentre altri, il 18%, hanno optato per la bassa stagione. Un modo per tagliere è poi il limitare i divertimenti, che si tratti di cinema, parchi gioco o discoteche, ma c’è anche un 25% che sceglie di risparmiare sull’alloggio. Ma il cibo resta “sacro”: solo l’11% opta per rinunciare all’acquisto di prodotti tipici e il 10% eviterà di mangiare fuori. In compenso, ritorna la tradizione del pic-nic in spiaggia. Altro taglio alla spesa verrà fatto evitando l’acquisto di souvenir per i quali, nel caso, in molti opteranno per prodotti agroalimentari.  Ma l’estate 2013 non sarà solo crisi e tagli: le nostre spiagge regalano ancora tanti sorrisi. Non ci credete! La pagina Facebook Foto imbarazzanti spiagge – Italia 2013 ci offre tutto il “meglio” di quello in cui ci si può imbattere durante una giornata al mare!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tragedia in Sardegna: 19enne muore dopo una festa in spiaggia

francesco-nonna

I suoi amici hanno raccontato che ha accusato un malore dopo aver fatto il bagno in mare al termine di un party notturno che aveva coinvolto un centinaio di giovani su una spiaggia vicino a Sassari. E’ morto il 19enne Francesco Nonna, di Osilo, un paese in provincia della città sarda. Il ragazzo è mancato durante il trasporto in ospedale dopo esser stato soccorso, verso le 7, da una equipe medica del 118. Sono stati gli stessi amici che avevano trascorso la notte in spiaggia con lui a lanciare l’allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Porto Torres mentre la Procura della Repubblica di Sassari ha aperto un’inchiesta e disposto l’autopsia del giovane.

Estate tempo di… lancio del telefonino!

lancio-telefonino

C’è una gara che più che una competizione è importante per il notevole senso di liberazione che dona a chiunque vi partecipi: il lancio del telefonino! Quale modo migliore per “staccare” davvero dal mondo per trascorrere una tranquilla giornata in spiaggia, senza dover inventar scuse del “non c’è campo” e “non sento” per esser lasciati un po’ in pace? Niente scherzi però, la sfida è in programma domenica a partire dalle 10 nel tratto della spiaggia cagliaritana del Poetto vicino alla Marinella e si tratta di una vera e propria competizione sportiva che, appunto, si chiama “lancio del telefonino”.  L’idea è stata importata dalla Finlandia ma in Italia il torneo nazionale è giunto alla sua quinta edizione e quella di Quartu sarà la seconda tappa. Ma non illudetevi troppo: i cellulari da lanciare sono forniti dall’organizzazione: tutti uguali e del peso non superiore ai 70 grammi. Il premio, per chi effettua il lancio più lungo, è… un telefonino! Per partecipare è sufficiente presentarsi il giorno della gara e compilare una cartolina con i propri dati che verranno inseriti in una classifica generale. Le regole non sono poi così ferree: il lancio può essere effettuato con qualsiasi tecnica purchè vengano utilizzati solo gli arti superiori e senza l’utilizzo di qualsiasi tipo di accessorio. Il punteggio è calcolato dal punto in cui si ferma il telefono cellulare e misurato con l’apparecchiatura elettronica Tele Laser. Due le categorie dei partecipanti: Junior (ragazzi e ragazze dai 13 ai 20 anni) e Senior (uomini e donne dai 21 anni in su). Si ha a disposizione un solo lancio, rincorsa libera nella corsia e tiro entro la linea di demarcazione. La gara, che di settimana in settimana ripercorre le nostre spiagge, ha preso il via a Porto Sant’Elpidio nella Marche, approderà poi in Calabria (Praia a Mare), Sicilia (Trapani), Umbria (Monte Santa Maria Tiberina) e Lombardia (Desenzano del Garda).

Ho visto cose… assurde in spiaggia?

spiaggia-assurdo

Da quando si possono scattare foto con i telefonini sicuramente in molti avranno iniziato a far attenzione a non essere sorpresi in situazioni imbarazzanti, ciò non toglie però che la spiaggia resti un ottimo luogo dove scovare immagini divertenti o improbabili. Su Facebook è anche nata una pagina umoristica apposita, “Foto imbarazzanti spiagge – Italia 2013”. Ovviamente sta riscuotendo enorme successo… e dire che l’estate è appena arrivata!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quando la giornata trascorre serena… nonostante il cadavere a pochi metri

morta-formia

L’indifferenza ha regnato questa mattina sulla spiaggia di Formia, in provincia di Latina, dove un telo bianco è stato steso per ricoprire il cadavere di una turista russa di 78 anni mentre, tutt’attorno, i bagnanti trascorrevano la loro giornata al mare completamente incuranti della presenza. A dare l’allarme erano state due signore, che avevano notato in acqua il corpo della donna colpita da un malore mentre faceva il bagno. La Guardia Costiera, intervenuta così come il 118, non ha potuto far nulla e l’anziana è deceduta nonostante i soccorsi e il suo corpo è stato coperto con un telo bianco. Lo shock iniziale è stato presto sostituito da partite a racchettoni, soste sotto l’ombrellone e momenti d’intimità.

cadavere-formia

La Nazionale italiana a dieta: prosciutto e parmigiano bloccati in aeroporto!

nazionale-italiana-prosciutto
La Nazionale Italiana arriva in Brasile e l’accoppiata Balotelli – El Shaarawy non manca di dare subito spettacolo: una partita a futvolley, su richiesta di alcuni brasiliani mentre i ragazzi si godevano una passeggiata sulla spiaggia di Barra da Tijuca, scortati a distanza da due uomini della sicurezza. Ma la simpatia è stata manifestata a tutti i ragazzi di Prandelli, con i tifosi in attesa davanti all’hotel per scattare alcune foto.
Ma non solo “momenti di festa”, una brutta notizia è arrivata già all’arrivo in aeroporto domenica nella tarda serata: una buona parte delle scorte alimentari è infatti stata momentaneamente sequestrata alla dogana visto che la legislazione brasiliana richiede permessi particolari per l’importazione di alcune derrate. I ragazzi scenderanno quindi in campo questa sera al Maracanà contro Haiti senza aver potuto assaggiare prosciutto crudo e cotto, bresaola e per l’adorato parmigiano. Via libera invece per olio, pasta e pelati. Ma gli azzurri non si sono abbattuti e la gioia per lo sbarco a Rio la manifestano via Twitter e postando foto in Instagram.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si teme per il mare e le spiagge a Gela: sversamento di petrolio

gela-petrolio

E’ scattato l’allarme ambientale oggi a Gela, in sicilia, a causa di una consistente perdita di petrolio da una tubazione dell’impianto Topping, nella raffineria Eni. Il greggio, dopo essersi riversato sul canale di scarico dell’acqua marina usata per il raffreddamento di talune apparecchiature della fabbrica, ha raggiunto la foce del fiume Gela. Ora il timore è che vengano inquinati il mare e la spiaggia a est della città Già mobilitate le imbarcazioni antinquinamento da parte della Capitaneria di porto e si è provveduto distendere le panne galleggianti per impedire al petrolio di espandersi nelle acque attorno alla foce del fiume mentre le idrovore tentano il recupero a bordo dei natanti appositamente attrezzati. La situazione sembra sotto controllo anche se si cerca di eliminare una parte di greggio già trascinata dalla corrente prima dell’intervento dei mezzi. Nel frattempo, all’interno dell’impianto è stata bloccata la perdita e si cerca di comprendere la causa della perdita. La direzione aziendale ha avviato un’ndagine, mentre un’inchiesta è stata aperta dalla procura della Repubblica del tribunale di Gela.

Su quanto accaduto è intervenuto anche Crocetta: “L’ennesimo episodio di sversamento a mare di petrolio proveniente dalla raffineria di Gela, all’indomani di una giunta di governo che proprio a Gela ha stabilito di potenziare nelle aree industriali siciliane le strutture di prevenzione sanitaria e cura sulle malattie tipiche dell’industrializzazione, obbliga il governo della Regione ad elevare il livello di soglia dei controlli da effettuare in quei siti». Lo ha detto in una nota il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta. “Ritengo – continua il governatore – che in questi siti bisogna organizzare in loco task force specifiche composte da Arpa, Genio civile, Asp e uffici ambientali delle province, per esercitare un’azione continua e costante di controllo. Da tempo, per Gela, sono state concesse le autorizzazioni ambientali, regionali e nazionali, necessarie per rafforzare la sicurezza degli impianti. Convocherò – conclude il governatore – immediatamente l’Eni, l’Asp, l’Arpa, l’assessorato alla Salute e al Territorio e Ambiente per giovedì prossimo, per approfondire le ragioni di questo ennesimo incidente ambientale, su quali investimenti immediati intende promuovere la raffineria per risolvere la situazione in maniera definitiva”.

Big Fish: il primo stabilimento balneare gestito da ex pazienti psichiatrici

big-fish-stabilimento-balneare

Arriva sul litorale pisano, a Tirrenia, Big Fish, il primo stabilimento blaneare italiano interamente gestito da ex pazienti psichiatrici e dove si fa reinserimento sociale e lavorativo delle persone con disagio mentale. Nato per volonta’ del circolo L’Alba, associazione da tempo attiva in questo settore, e’ composto da 43 cabine, di cui 9 attrezzate per disabili, 120 ombrelloni a uso sociale, sino a circa 180 totali e aree attrezzate per bambini e disabili. Il circolo, da tempo attivo, ha già insegnato in passato che il disagio mentale non è un tabù, aprendo anche un ristorante in cui le barriere della vergogna e del pregiudizio potessero cadere. Nel locale, in via delle Belli torri a Pisa, ospita all’ora di pranzo impiegati, professori, studenti: bar, ristorante e molto altro, interamente gestito da una trentina di ex pazienti psichiatrici. Mentre la sera si può approfittare delle occasioni culturali che vengono offerte. anche qui tutti coloro che vi lavorano hanno vissuto il disagio mentale, frequentano gruppi di auto-aiuto e hanno messo la loro esperienza a disposizione di chi è ancora in mezzo al guado della malattia. Una sfida vinta, che ha aperto le porte anche all’idea di questo nuovo stabilimento. E chissà che al termine della stagione balneare altri ex pazienti non raccontino le stesse esperienze di risalita già ascoltate dai dipendenti del Ristorante. Come quella di Valeriana, la cuoca che era stata intervistata nel 2010 dal quotidiano Il Tirreno: “Sì, perché si può risalire e noi siamo la prova vivente che si può”.

La folle corsa di Bolt a Copacabana!

usain-bolt_copacabana-tuttacronaca

Usain Bolt dà spettacolo sulla spiaggia di Copacabana, a Rio de Janeiro. Il giamaicano ha vinto la gara sui 150 metri in rettilineo, sulla pista allestita sulla celebre spiaggia carioca. Non è però riuscito a migliorare il suo record del mondo sulla distanza, di 14″35, visto che si è imposto in 14″42. A condizionare Bolt è stato il caldo torrido, ma per lui è stata comunque festa grande, vista l’affluenza di decine di migliaia di persone, desiderose di vedere da vicino la leggenda vivente dello sprint. Bolt ha ripagato tanto affetto con alcune delle sue celebri mosse e passi di danza.

Il pesce d’Aprile… preistorico!

tyrannosaurus_rex

Pesce d’aprile con un sapore preistorico, quello ideato stamani dal Comune di Ladispoli, località balneare a nord di Roma. Il titolo del comunicato, con tanto di carta intestata, è ‘Trovati resti di dinosauri sulla spiaggia’. Nella nota l’annuncio viene dato dal delegato al turismo Federico Ascani: «Nei prossimi giorni – spiega l’assessore – procederemo alla campagna di scavo ed alla ricomposizione dello scheletro del cucciolo di Tyrannosauro.Rex». Non solo, la nota continua, sempre per bocca dell’assessore, dicendo: «Si potrà partecipare allo scavo e alla connessione anatomica del dinosauro contattando l’Associazione Marevivo di Ladispoli e, grazie alla collaborazione dell’esperto dottor Francesco Farina con l’occasione verranno dissezionati e studiati piccoli fossili di 40.000.000 di anni chiamati Nummuliti che saranno dati in dono ai partecipanti. Stiamo valutando di mantenere l’accampamento paleontologico attivo durante l’estate per dar modo anche ai turisti ospiti a Ladispoli di partecipare all’evento». Una telefonata in tarda mattinata, da parte dell’Ufficio stampa del Comune, ha svelato che si trattava di un pesce d’aprile.

Giallo a Sassari! Corpo di un uomo rinvenuto su una spiaggia!

Michele Peragall-tuttacronaca-morto-sassari

Potrebbe trattarsi del cadavere di Michele Peragallo, di 55 anni, l’ex poliziotto di Stintino scomparso misteriosamente all’inizio di febbraio, il corpo trovato questa sera da una turista in località villaggio Nurra, una spiaggia in comune di Sassari. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Il corpo, in stato di decomposizione, era a riva in prossimità di una spiaggia difficilmente accessibile da terra. Impossibile, secondo gli inquirenti, allo stato attribuire con certezza identità al cadavere che ha il viso irriconoscibile e non presenta segni particolari o indumenti, ma il pensiero dei militari è andato subito all’ex poliziotto scomparso. Le operazioni di recupero del cadavere, da parte dei carabinieri della Compagnia di Porto Torres e dei Vigili del Fuoco, sono stati difficili in considerazione del buio e delle caratteristiche del terreno accidentato che porta alla piccola spiaggia.

NIENTE NUDO A NY… Chiude anche l’ultima spiaggia Fire Island!

C_2_fotogallery_1018305__ImageGallery__imageGalleryItem_2_image

Cade l’ultima roccaforte dei nudisti della Grande Mela. Dalla prossima estate infatti scatterà il divieto anche per “Lighthouse Beach” a Fire Island. La spiaggia era diventato l’unico rifugio per gli amanti della tintarella integrale dopo che lo Stato di New York nel 1984 ha proibito il nudo in pubblico. Ma i guardiani di Fire Island hanno sempre chiuso un occhio. Da ora in poi, scrive il New York Times, non sarà più possibile, e chiunque voglia esporre le proprie nudità dovrà andare a “Gunnison Beach” in New Jersey.  Con il nuovo divieto, chi infrange la legge sarà multato con 5 mila dollari, col rischio di essere condannati fino a sei mesi di carcere.

C_2_fotogallery_1018305__ImageGallery__imageGalleryItem_3_image

Squalo attacca un uomo, la polizia spara!

squalobianco-nuova zelanda

Abbiamo visto la pinna poi, boom, c’era sangue ovunque”: un pescatore neozelandese racconta così i drammatici istanti di un attacco di uno squalo bianco di oltre 4 metri a un bagnante. “Era ancora vivo gli abbiamo gridato di andare verso un scoglio, poi con un altro attacco lo squalo lo ha portato giù”, aggiunge. La Guardia costiera è intervenuta sparando dei colpi di arma da fuoco contro l’animale, che non si sa se sia stato ucciso. Panico sulla spiaggia di Muriwai dove si è verificato l’episodio.

Conigli vs paradisi caraibici: vincono i conigli!

spiaggia dei conigli-lampedusa

E sì la nota spiaggia dei conigli di Lampedusa è stata decretata la spiaggia più bella del mondo. Il riconoscimento viene da  Tripadvisor Travelers Choice Beaches Awards 2013.  Un luogo incontaminato, grazie alla riserva naturale dove ogni anno a primavera le tartarughe Caretta Caretta depositano le uova nella parte orientale della spiaggia.

Trovato teschio umano in spiaggia: s’indaga sulla provenienza

Il ritrovamento è stato fatto a Marina di Pietrasanta (Lucca).

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: