L’incidente nucleare di 24 anni fa continua a preoccupare la Lombardia

Luigi Premoli & Figli-radioattività-brescia-tuttacronaca

Era 1989 quando nell’azienda Luigi Premoli & Figli, a Caorso, in provincia di Piacenza, venne fusa una partita di alluminio proveniente dall’Est Europa contenente una sorgente radioattiva stimata tra i 600 ed i 6000 Curie di cesio 137. Fu a Rovello Porro, nel comense, che attraverso dei controlli si verificò la presenza della radioattività sopra la norma. Le responsabilità furono riconosciute all’azienda dalla magistratura e si mosse la politica che fece chiudere la fonderia per un anno ed effettuò una bonifica: vennero rimossi fino a 40 centimetri di profondità di asfalto e terra interna all’azienda con gli operai che vennero sottoposti a controlli medici. E’ il 2011 quando il comune di Rovello Porro annunciò l’intenzione d’istituire un tavolo tecnico per fare il punto sui 30 bidoni nel quale venne sistemato, nel 1990, il materiale ferroso contaminato.

L’ambientalista Vittorio Lovera ipotizzò che quel materiale proveniva direttamente da Chernobyl “Quella vicenda me la ricordo bene. Assieme a Marco Bersani, come me impegnato nel movimento ecologista, ed all’ingegnere nucleare Dede Busnelli, avevamo preparato un dossier molto preciso risalendo all’originale del materiale ferroso in questione che, secondo noi, proveniva da Chernobyl dove quattro anni prima si era registrato il ben noto incidente nucleare, ed era poi arrivato in Italia, tramite una società svizzera ed un’altra azienda di Brescia; da quel che ci risulta, la destinazione finale era l’Alfa Romeo e, in particolare, gli chassis della 164. Il nostro dossier era stato utilizzato dall’allora senatore dei Verdi Emilio Molinari, per presentare in Parlamento una formale richiesta di controlli sui materiali in entrata nelle aziende. Sulla questione del cesio rovellese è poi purtroppo calato un silenzio di tomba e penso sia quindi oggi più che mai necessario fare chiarezza su che fine hanno fatto quei trenta bidoni”.

I trenta bidoni a quanto pare sono ancora all’interno dell’azienda. Il Corriere di Como riporta le parole di Giuseppe Sgorbati, direttore tecnico scientifico di Arpa Lombardia secondo il quale “Il materiale conservato nel deposito della Premoli, a Rovello Porro, sarà messo in sicurezza entro la fine dell’anno, anche se rimarrà in loco fino all’individuazione di un sito nazionale idoneo al ritiro definitivo di questi rifiuti”. Quindi è ancora lì, visto che la dichiarazione è stata riportata il 4 aprile 2013. Ma Sgorbati ha voluto rassicurare tutti: “I controlli costanti effettuati all’esterno del capannone – prosegue – dimostrano che non c’è alcun rischio per la salute, né alcuna contaminazione”.

Ma siamo sicuri che non ci sono rischi? Massimo Bonfatti, referente di Mondo in Cammino e dal professor Paolo Scampa, responsabile Aipri, raccontano una storia diversa. E’ una “Chernobyl italiana”, una situazione grave e allarmante che si è voluta tenere sotto silenzio per troppi anni e sottovalutata proprio nei rischi che ancora oggi possono verificarsi.

Infatti a distanza di più di 20 anni l’attività radioattiva si è ridotta del 42% ma la contaminazione atomica è a tutt’oggi di 1,26 superiore al valore per cui una zona andrebbe evacuata e per cui l’acqua dovrebbe essere proibita… nessuna misura del genere è in corso, nulla è vietato e la zona non è stata recintata, neppure il divieto di pesca nei corsi d’acqua è stato proibito.

  

Annunci
Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: