In Venezuela scontri di sangue nel post-elezioni

venezuela-scontri-tuttacronaca

I sostenitori di Carpiles, dopo che il loro leader ha urlato ai brogli, non ci stanno ad avere Maduro come presidente e scendono in piazza. Mentre il nuovo presidente chavista urla al golpe, in strada iniziano gli scontri tra le fazioni: almeno 7 morti e 61 feriti il bilancio e 135 arresti dopo il voto per violenze.  A ruota segue lo scambio di accuse, con Caprile e Maduro impegnati ad accusare il fronte opposto e rimbalzandosi così la responsabilità delle vittime.  Lo sconfitto invia subito un tweet: “L’illegittimo (Maduro) e il suo governo hanno ordinato queste violenze, per evitare il riconteggio dei voti! Loro sono i responsabili”. E in un altro messaggio si legge: “Per quelli che stanno con me: il vostro cammino è la pace. Quelli che vogliono la violenza stiano ben lontani da noi!”. Prima però era stato il presidente ad addossare la responsabilità all’opposizione “fascista” annunciando che “non permetterà” la manifestazione di protesta convocata per domani a Caracas da Capriles.

Annunci

E’ guerra in Venezuela dopo la vittoria del socialista di Maduro!

maduro-presidente-elezioni-parlamento-tuttacronaca

Per una manciata di voti Nicolas Maduro è stato designato successore di Hugo Chavez. Il socialista ha battuto il liberista Henrique Capriles avendo ottenuto il 50,7% di preferenze contro il 49,07%. Capriles non ha accettato il risultato, immediatamente ha gridato ai brogli e ha chiesto un nuovo conteggio delle schede dichiarando:  “Non la accetteremo fino a quando anche l’ultima scheda non verrà verificata”. La linea dura di Capriles contro i socialisti è già nota, anche quando a ottobre fu battuto da Chavez, non risparmiò la sua invettiva. Solo 240 mila voti separano Maduro da Capriles e questo dato è allarmante perché il partito socialista ha perso circa 600 mila voti rispetto a ottobre quando si presentò Chavez. Un calo era fisiologico, Maduro non ha lo stesso carisma di Chavez, ma nessuno si aspettava una vittoria così di misura, tanto che lo stesso Maduro ha riconosciuto le sue colpe: “Sono consapevole del fatto che ci sono molte cose che devono essere corrette, ma possiamo migliorare”. In un clima di tensione si procederà quindi al nuovo conteggio delle schede, ma ancora una volta le polemiche non cessano, in un continuo scambio di accuse come quella pesantissima rivolta a Maduro dal partito di Capriles “ex vicepresidente, non ha nemmeno esitato a tenere una conferenza stampa trasmessa sulla televisione pubblica in pieno clima elettorale”. Dall’altra parte Maduro ha immediatamente accettato un nuovo conteggio dei voti “Non ho paura di un controllo dei risultati”, ricordando che, pur con margini veramente esigui, nessuno ha impedito a George Bush  o all’ex presidente messicano Felipe Calderon di governare.

  

PRESIDENZIALI VENEZUELANE 14/4!

chvez-elezioni-14 aprile-tuttacronaca

La salma di Chavez è ancora esposta. In milioni sfilano per ore per per vedere il feretro all’Accademia militare dopo i funerali. Ma il nuovo governo già si muove e il nuovo presidente ad interim del Venezuela, Nicolas Maduro ha chiesto al Consiglio Nazionale Elettorale (Cne) di fissare “immediatamente” una data per le elezioni anticipate. Si svolgeranno già il 14 aprile. L’opposizione antichavista, che ha definito anticostituzionale l’assunzione di Maduro, ha offerto la candidatura a Henrique Capriles, già sconfitto da Chavez nel voto del 7 ottobre scorso. Una scelta annunciata. La lotta sarà tra lui e il presidente ad interim Nicolas Maduro, subentrato alla guida del Paese dopo la morte di Chavez. “A nome della più assoluta lealtà nei confronti del comandante Chavez, giuro che rispetteremo e faremo rispettare questa Costituzione bolivariana, con la mano dura di un popolo deciso ad essere libero”, ha detto Maduro durante la cerimonia e ha aggiunto, visibilmente emozionato, “scusate il dolore e le nostre lacrime, ma questa presidenza appartiene al comandante Chavez”.

Presidenti Usa 2012 – Cap 52 – Obama: non dovrete più lottare per un posto di lavoro

Presidenziali Usa 2012: Cap 23 – Florida chiusi seggi

Sono state sospese le votazioni in Florida a causa di un misterioso pacchetto rinvenuto vicino ai seggi. L’episodio è accaduto ad Orlando, dove nella biblioteca Winter Park sono scattati immediati i controlli e l’ordine di evacuazione.

Presidenziali Usa 2012 – Cap 10 – Obama in Ohio: Auto americane in primo piano e disoccupazione

Nel suo comizio n Ohio, il Presidente Obama ha ribadito “l’industria automobilistica americana è di nuovo in primo piano”, poi si è detto contento dei dati sull’occupazione. In questo modo ha ribattuto ai  due dei punti cardini della politica di Romney che accusava il Presidente sull’industria dell’auto e sulla disocuppazione.

Rush Finale Presidenziali Usa 2012

Nel rush finale verso il voto americano i democratici hanno postato un video su you tube che mette in risalto “gli errori” della campagna elettorale di Romney. Uno di questi è l’aver spacciato come vera la notizia che il gruppo Fiat-Chrysler, a cui fa capo il marchio Jeep, aveva deciso di spostare la produzione dagli Usa alla Cina. Tutto falso, come lo stesso Marchionne era stato costretto a chiarire. “La produzione non sarà spostata in Cina”, conferma il numero uno del Lingotto nel video della Nbc ripreso da Obama.

Presidenziali Usa – Cap 5 – Bruce e Barack

Bruce Springsteen sarà assieme a Barack Obama, l’ultima sera prima del voto, lunedì sera a Madison, in Wisconsin. In Ohio, nei prossimi giorni è prevista invece la partecipazione del rapper Jay Z. Infine, nel comizio finale della campagna in Iowa, Obama sarà assieme alla First Lady.

Obama risponde a Bloomberg – Sandy forse ha fatto un “miracolo” elettorale

Il presidente Obama, saputo che il sindaco di New York si schiera con lui, si è detto onorato di aver ricevuto l’approvazione di Bloomberg.

Effetto sandy Obama sostenuto dall’ “ex” repubblicano Bloomberg

Chiamatelo pure “effetto Sandy” la spinta in avanti nei consensi che l’uragano ha portato al presidente Barack Obama nella corsa elettorale che corre sul filo di lana.
Mentre l’America faticosamente si rimette in moto dopo le devastazioni provocate dal passaggio della tempesta nella città di New York e nello stato del New Jersey, gli occhi ora sono tutti puntati sull’appuntamento con le urne di martedì prossimo 6 novembre.
Dopo lo stop per via del ciclone, i due sfidanti si accingono ad affrontare le ultime battute della campagna elettorale che, considerato il testa a testa, si annunciano roventi.
A 5 giorni dalle presidenziali il sindaco di New York, ormai ex repubblicano e sempre piu’ indipendente, ha deciso di schierarsi con Barack Obama. Bloomberg, miliardario grazie all’omonima agenzia economica da lui fondata, e’ estremamente popolare negli Usa e piu’ volte si e’ parlato di una sua eventuale candidatura alla casa Bianca. Nel 2008 Bloomberg non si espresse ne’ per Obama, ne’ per John McCain .

Presidenziali Usa – Cap 4

La “minaccia” Romney circa il fatto che gli USA rischiano di far la fine di Italia e Spagna se Obama dovesse restare alla guida del Paese sembrano non aver avuto peso. O quantomeno i cittadini guardano ad altro. Secondo i recenti sondaggi in tre degli Stati Chiave, Obama è in vantaggio su Romney per una manciata di punti.
Nel dettaglio la situazione è: Ohio: 50% – 45% Wisconsin: 49% – 46% New Hampshire: 49% – 47% Obama, dopo essere rimasto accanto alla popolazione colpita da Sandy, è tornato in corsa.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: