Roger Waters difende il Muro di Berlino minacciato dagli appartamenti

waters-protesta-berlino-tuttacronacaE’ “minacciato” da un progetto edile che prevede la costruzione di appartamenti di lusso quando resta del Muro di Berlino. Per preservare il ”luogo straordinario per non dimenticare i giorni neri della guerra fredda” si è schierato l’ex bassista e cantante dei Pink Floyd, Roger Waters che, alla vigilia di un concerto, si è fatto fotografare con il pugno chiuso davanti al mural che celebra l’album ‘The Wall’ lungo la East Side Gallery. Quest’ultima è la striscia piu’ lunga ancora in piedi del Muro che ha diviso la città per ben 28 anni.

Animals e i Pink Floyd, Battersea diventa un luna park!

battersea-pink floyd-tuttacronaca

La centrale elettrica di Battersea, a Londra, quella fotografata sull’album di Animals, diventerà un luna park. La centrale, simbolo della cover dei Pink Floyd targata 1977  rischia veramente di essere snaturata e adibita a parco giochi.  L’idea è del team svizzero Atelier Zündel Cristea, che con questo progetto ha vinto il primo premio del concorso “Museum of Architecture”, organizzato dalla piattaforma web ArchTriumph, previste montagne russe altissime che si affaccino sul Tamigi. Sarebbe l’ennesimo pezzo di storia musicale spazzato via per scopi commerciali e anche un ulteriore scempio a Londra.

DON GIOVANNI POP, ovvero Filippo Timi!

filippo timi-dongiovanni-tuttacronaca

Quinte d’oro e plastica, pavimento luminoso, fondale con angeli michelangioleschi e un materasso a forma di crocifisso su cui giace un uomo che si sta iniettando una dose di eroina.
Si apre così l’attesa messa in scena del Don Giovanni di Filippo Timi, di cui l’attore perugino è autore e regista, che ha debuttato il 27 febbraio scorso al Teatro Franco Parenti. Ed è subito chiaro che del libretto di Da Ponte-Mozart a cui l’opera si ispira c’è ben poco. O forse solo l’essenziale, scarnificato.

Un concentrato di cinismo e brutalità che ha contagiato anche l’universo creaturale che lo circonda, come anticipato dal sottotitolo vivere è un abuso mai un diritto. È proprio questa la forza e l’originalità del lavoro di Timi, aldilà degli eccessi provocatori a cui negli anni ci ha abituato: l’aver capovolto la centralità dell’impianto scenico-narrativo. Don Giovanni non è più il motore eliocentrico da cui dipendono tutti i guai, ma è un virus che ha contaminato il pianeta e di cui ogni personaggio porta il seme propulsivo.

Sono gli altri i veri protagonisti della pièce, a cui Timi regala ampio spazio relegando al Don Giovanni un ruolo non proprio secondario ma certamente di collante, di deus ex machina che dall’alto un po’ manovra e po’ osserva questa umanità alla deriva.

Un’umanità fatta di figure nevrotiche e strabordanti come i vestiti che indossano – vere e proprie meraviglie kitsch realizzate dallo stilista di Prada Fabio Zambernandi – che si lasciano andare ad un linguaggio caricaturizzato ed esagerato, come quello rottermeiresco di Donna Anna, che da bambina indifesa si trasforma – letteralmente – in una macchina da guerra desiderosa di vendetta nei confronti di chi ha ucciso suo padre, perché ha tolto a lei la possibilità di farlo.

Il risultato fastoso del lavoro timiano è dettato dall’aver unito elementi che, apparentemente
insensati, contribuiscono alla costruzione di questa Babele impazzita. Proiezioni di video presi da You tube fanno da corollario ad una scenografia prorompente e ad una colonna sonora che spazia dai Pink Floyd ai Queen passando per le sigle dell’Uomo tigre e della Sirenetta.

Uno spettacolo in cui il Pop, frequenti le gag di matrice cabarettista, il coinvolgimento attivo del pubblico, le brevi coreografie, e le incursioni di una cultura Anni ’80, diversi gli espliciti richiami a Kubrick, la fanno da padroni. Il tutto farcito con una dose di lieve blasfemia: se doveste immaginare Lucifero in carne ed ossa, vi verrebbe in mente di fargli indossare un uniforme da Generale delle SS color rosa shocking?

 

L’intramontabilità dei capolavori!

pink floyd - tuttacronaca

Ci sarebbe da sorridere se non fosse tragico pensare che oggi migliaia di band esplodono in una canzone e poi sono destinate all’oblio. Le persone coinvolte nello stritola carne discografico spesso si sentono orfane di quel successo afferrato e poi, improvvisamente, perso. Si ritrovano nel vuoto interiore di chi la musica forse non l’ha mai capita fino in fondo, nel profondo, in quel lato oscuro della luna.

Era il 1973 e i Pink Floyd suonavano The Dark Side of The Moon. Sono passati 40 anni, ma questo capolavoro sembra proprio che non senta il peso del tempo che scorre!

Us, and them
And after all we’re only ordinary men.
Me, and you.
God only knows it’s not what we would choose to do.
Forward he cried from the rear
and the front rank died.
And the general sat and the lines on the map
moved from side to side.
Black and blue

 

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: