Che ci fa una pecora al guinzaglio in giro per Roma?

pecora-roma-tuttacronacaStrana apparizione per le vie del centro di Roma lo scorso venerdì dove, tra le persone a passeggio per le trade illuminate, girava anche una pecora al guinzaglio. L’animale si aggirava per via Condotti e da lontano poteva essere sempre scambiato per un pastore maremmano, ma all’avvicinarsi non c’erano dubbi: si trattava proprio di un ovino. Turisti e passanti per qualche minuto hanno dimenticato monumenti, vetrine, regali di natale e hanno imbracciato i cellulari per scattar foto e girare video. Si trattava di un esemplare maschio di pecora sarda, simile a un ariete, non a disagio sull’asfalto perché abituata a scalare le rocce delle montagne. L’animale, si è scoperto, si trovava in strada per promuovere un negozio di vestiti di Campo Marzio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Il lupo messo in fuga… da una pecora!

pecora-lupo

Il lupo quale predatore implacabile? Materiale da favole per bambini sembrerebbe, almeno guardando un video girato su una strada di montagna nella contea norvegese di Sør-Trøndelag. Nel filmato, un lupo sta andando a caccia per procurarsi un po’ di cibo quando s’imbatte in una pecorella accompagnata dai suoi due piccoli. Chi fa una brutta fine? Proprio il povero predatore, messo in fuga dall’intrepida madre… per ben due volte! 

Occhi, ossa, lingua… anche questo è kebab!

kebab-tuttacronaca

Quante volte per una cena veloce vi siete precipitati dal vostro fornitore di fiducia di kebab? Il sapore, soprattutto se cotto bene con la crosticina bollente, è ottimo. Con le salse, con la verdura, nel panino o nella vaschetta quel sapore orientale ha affascinato subito milioni di italiani. Purtroppo uno studio e un’analisi condotta in Inghilterra ci dice che il Kebab contiene nel più del 50% dei casi carne diversa dal pollo o dal vitello. Il kebab è un mix di carni diverse: pecora, maiale, tacchino… ma anche polmoni, cuore, lingua, occhi, ossa, scarti di macelleria e una quantità enorme di grasso animale. Insomma tutta quella carne che è di difficile collocazione sul mercato finisce dentro il kebab. All’interno di ogni singola porzione di Kebab ci sono tra le 1.000 e le 1.990 calorie (senza considerare le verdure e le salse), senza considerare che ogni kebab contiene tra il 148% ed il 346% della quantità di grassi saturi assimilabili giornalmente da un essere umano. Un kebab, inoltre, contiene tra il 98% e il 277% della quantità giornaliera di sale accettabile: oltre questa soglia la salute di un essere umano è a rischio.
In quasi tutti i kebab analizzati durante lo studio, si sono riscontrati batteri tipo l’Escherichia Coli (un batterio che espelliamo con le feci, ndr) e lo Staphylococcus Aureus.

Il dato più allarmante in assoluto però è che nel 9% dei casi, gli scienziati non sono riusciti ad indivuare con chiarezza la natura della carne utilizzata nel processo di triturazione.

La prossima volta che mangiamo kebab pensiamoci!!!

Testa di pecora mozzata, intimidazione per un’Associazione Culturale

testa-pecora-mozzata-tuttacronaca

Una testa di pecora mozzata è stata ritrovata davanti alla storica sede dell’Associazione Culturale Il Brigante a Serra San Bruno. Erano quasi le 22.30 quando la testa è stata rinvenuta ai piedi della porta d’ingresso da alcuni attivisti che si trovavano all’interno del locale per una riunione. L’intimidazione, di chiaro stampo ‘ndranghetista dal sapore di una minaccia di morte. L’associazione da anni è attiva sul territorio per diffondere la cultura e civiltà del meridione ed è diventata punto di riferimento di aggregazione sociale e di lotta politica.  In particolare, di recente, l’attività si è concentrata su molteplici fronti, come la questione “acqua bene comune” e la lotta NO-ALACO, sulla tutela della sanità pubblica, sulla lotta alla criminalità organizzata, sulla diffusione di valori e principi di legalità e giustizia attraverso la partecipazione diretta e attiva a cortei, manifestazioni e convegni, in collaborazione costante e continua con altri collettivi.

 

La super-pecora!

pecora-tuttacronaca

11 giorni sotto 400 metri di neve, eppure è sopravvissuta. In Scozia, dopo una violenta bufera di neve, un agricoltore, Stuart Mactier aveva perso ogni speranza di ritrovare parte del suo gregge che era stato travolto dal freddo e dal gelo. Ma tra i cadaveri e la neve una pecora è sopravvissuta “E’ stato sorprendente come lei abbia potuto sopravvivere schiacciata da neve e cadaveri”, racconta Mactier. Una storia davvero incredibile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Er Pecora” è in terapia intensiva per malore provocato dall’arresto

La notizia della morte del pluripregiudicato era stata diffusa ieri dall’ospedale San Luigi di Orbassano, dov’è ricoverato.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: