Il futuro di Pogba è scritto?

pogba-paul-tuttacronaca-mercatoNon può certo passare inosservata la voce che rimbalza con insistenza in terra francese: Paul Pogba verrebbe scambiato, nella sessione estiva di mercato, con Marco Verratti. Oltralpe, come spiega Juvelive.it, si parlacon insistenza di un’offerta del Psg con l’inserimento di un conguaglio a favore dei bianconeri. A riportare la notizia è L’Equipe che però precisa quanto la Juventus sia pronta a fermare tutto a meno di clamorosi conguagli.

Pogba si confessa: “Conte quella volta mi disse…”

pogba-intervista-tuttacronacaPalleggia, gioca con la sfera e risponde serenamente alle domande. Paul Pogba si è offerto ai microfoni di Bwin per un’intervista a tutto campo nella quale si scoprono le sue passioni giovanili, come si trova a giocare nella Juventus ma non solo. Parla di come ha sviluppato le sue qualità e svela anche un segreto: quello che gli ha detto Conte al loro primo incontro…

I bianconeri e il colpaccio in casa blaugrana

Juventus-Logo-tuttacronacaOsvaldo è solo l’ennesimo nome che è arrivato a rinforzare la batteria di attaccanti a disposizione di Conte ma ai bianconeri ancora non sono soddisfatti e sono alla ricerca di un altro bomber. La necessità è anche quella di correre anticipatamente ai ripari nel caso la prossima estate dicano addio a Vinovo giocatori del calibro di Quagliarella, Vucinic e Giovinco. Le idee, Marotta&Co, le hanno abbastanza chiare e tra gli obiettivi principali spicca Alexis Sanchez, eclettico attaccante cileno che milita nel Barcellona. La trattativa, tuttavia, non è delle più semplici: stando a quanto riporta fichajes.net, i blaugrana non avrebbero alcuna intenzione di privarsi dell’ex Udinese, a meno di una mega offerta da parte della Juve.

Quando la sfortuna si accanisce contro i bianconeri

pepe-juventus-tuttacronacaUn anno fa si operava alla coscia sinistra per ovviare a una lesione muscolare degenerata in calcificazione. Ora Pepe, l’esterno della Juventus, lamenta l’ennesimo problema di carattere muscolare alla stessa gamba. Domani il calciatore sverrà sottoposto ad accertamenti ma quello che appare chiaro è che l’esterno destro non è ancora del tutto uscito da quel tunnel durato un anno e mezzo. E Conte si trova così, contro ogni pronostico, ancora senza un’alternativa in più. Il 18 dicembre scorso Pepe aveva disputato 9 minuti contro l’Avellino in Coppa Italia e in seguito aveva detto: “La maledizione è finita, non ho più paura di nulla: cos’altro mi può succedere?” Il 18 gennaio, sottolineava Conte: “Simone sta alzando l’intensità del lavoro e la gamba risponde bene: spero di avere presto una freccia in più al mio arco”. Oggi, il nuovo stop che si aggiunge a quelli di Chiellini (infiammazione al polpaccio, possibile recupero per il derby di domenica 23 febbraio), Vucinic (distorsione al ginocchio, fuori 3-4 settimane) e Barzagli (tendinopatia, probabile rientro per Juve-Trabzonspor di giovedì 20 febbraio). Per quel che riguarda Osvaldo, oggi è rientrato in gruppo ma non è ancora al meglio dopo la febbre dei giorni scorsi. In poche parole: Conte si trova a fare i conti un un’emergenza da codice rosso soprattutto in difesa, dove domenica contro il Chievo agiranno Caceres, Ogbonna e Bonucci. A centrocampo tutto porta all’esclusione di Pogba, con Marchisio e Vidal ai fianchi di Pirlo e le corsie affidate ancora una volta a Lichtstener e Asamoah. In attacco, nonostante la disponibilità sulla carta sia extra large, Conte dovrebbe puntare nuovamente su Tevez e Llorente, anche se non va esclusa la possibilità di vedere in campo Giovinco. Il problema principale, a questo punto, è che i soliti noti si ritrovino massacrati da un tour de force che prevede cinque partite in 14 giorni, dal 16 febbraio al 2 marzo: Chievo, Trabzonspor e Toro allo Stadium, poi il ritorno in Turchia e la trasferta in casa del Milan al Meazza.

Conte beffato da Vucinic! Proprio ora che voleva dargli spazio, il giocatore…

Mirko-Vucinic-Juventus-tuttacronacaSembrava che, dopo il mancato passaggio all’Inter, fosse tornato il sereno per Mirko Vucinic, che dopo un lieve raffreddore è tornato ad allenarsi con i compagni. Tutto bene anche con Conte, tanto che il tecnico era intenzionato a lasciargli più spazio. Tutto bene quindi… almeno fino a quando, giovedì, l’attaccante montenegrino si è infortunato riportando una distorsione al ginocchio destro. Il bianconero si è sottoposto a una risonanza magnetica che ha escluso una lesione dei legamenti, ma ha evidenziato una contusione dell’osso tibiale e del menisco interno. Grana da risolvere quindi per Conte che voleva schierarlo contro il Chievo fin dal primo minuto inottica turnover. Scalda i motori allora Sebastian Giovinco, ma potrebbe tornare in gioco anche Quagliarella, nonostante i rapporti tesi dopo l’esclusione dalla lista per l’Europa League.

Sospiro di sollievo per i tifosi bianconeri?

paul-pogba-resta-tuttacronacaXavier Jacobelli, direttore di Calciomercato.com, ha parlato ai microfoni di RaiSport condividendo un suo parere sulla questione Pogba-Psg: “Che il club francese sia pronto ad offrire 70 milioni per Pogba non ci piove, ma io credo che l’obiettivo della Juventus sia quello di tenerlo ancora per un altro anno, perchè Conte vuole provare a dare l’assalto alla Champions League. Sfuriata dopo Verona-Juventus? Conte con i suoi atteggiamenti vuole dimostrare di essere il vero “deus ex macchina” della Juve, e il fatto di aver annunciato lui e non Marotta l’annullamento del giorno di riposo è indicativo del suo processo di fergusonizzazione”.

Affare in vista per la Juventus?

giovinco-tuttacronacaC’è stato solo un periodo nel quale Giovinco ha avuto un posto stabile nelle formazioni di Conte, e risale all’inizio della seconda stagione del tecnico in bianconero. Da allora, la fiducia conquistata è andata via via scemando. La Formica Atomica era costata al club 6/7 milioni mentre oggi il suo cartellino non supera i 4. Rapido calcolo: la sua eventuale cessione potrebbe far recuperare i soldi spesi. Di fatto, con 9 milioni di euro Giovinco sarebbe nuovamente ripagato in casa bianconera e c’è chi già riflette in questi termini. Si tratta del Parma, che rivuole il suo ex attaccante soprattutto dopo lo spauracchio dei mesi scorsi quando si temeva di perdere Cassano. Pietro Leonardi non nasconde il ritorno di fiamma per il fantasista di Beinasco, mai utilizzato nel ruolo specifico da Conte. Stando a quanto riporta Calcioblog, gli scudocrociati avrebbero difatti in mente un’offerta da 8 milioni più metà del cartellino del giovane centravanti Cerri, da tempo nei radar di Fabio Paratici. Ovviamente si tratterebbe di un pagamento in almeno due tranche col patto di tenere in Emilia ancora per una stagione l’attaccante che fece vincere il titolo nazionale Allievi alla squadra di Lucarelli meno di un anno fa. Insomma, quasi 10 milioni mal contati. Con un investimento futuribile dentro. Come piace a questa gestione della Juventus. E con Giovinco che tornerebbe là dove ha saputo esprimersi ad alti livelli.

Buone notizie in casa bianconera: la Juve scopre un tesoretto!

immobile-ciro-tuttacronacaTra i migliori cannonieri della Serie A, impossibile non citare anche Ciro Immobile, attaccante napoletano che è in comproprietà tra Torino e Juventus. La squadra di Conte, tuttavia, si trova in rosa giocatori come Llorente, Osvaldo e Tevez, difficile perciò che decida di puntare su di lui. In compenso, però, il giocatore può portare soldi in cassa. Ad ogni gol di Immobile, intanto, il prezzo del suo cartellino aumenta e, ora come ora, può valere anche sui 10 milioni di euro. A questo punto i bianconeri potrebbero cedere la loro metà al Toro, naturalmente per molti più soldi rispetto a quelli spesi dai granata la scorsa estate, ovvero 2,5 milioni di euro per la metà. E la Juve scopre un tesoretto…

Clamoroso! La Juve ha individuato il sostituto di Pogba!

paul-pogba-via-tuttacronacaL’indiscrezione di Sport Direct News sulla Juventus ha del clamoroso: il club, riporta, a giugno si vedrà costretto a cedere Pogba al Psg, trovandosi di fronte a offerte milionarie che non possono essere rifiutate, e proprio per questo starebbe già pensando al centrocampista che potrebbe sostituirlo. Sembra che le idee Marotta e Pratici le abbiano chiare: si tratterebbe del capitano del Napoli Marek Hamsik. A questo punto bisogna però fare i conti con la concorrenza del Manchester United, che lo segue da tempo e la resistenza che potrebbe opporre un nemico storico della Juve come il presidente De Laurentiis, che non vorrebbe rinforzare una diretta concorrente per la lotta in campionato. Al momento restano rumors, con il giocatore azzurro che non sta vivendo una grande stagione. Ma questo non significa che non faccial al caso di Conte e, soprattutto, sarebbe la pedina giusta anche per “consolare” i tifosi della dolorosa cessione.

Chi è il giocatore che palleggia bendato in allenamento?

paul pogba-palleggia-bendato-tuttacronaca

Per Conte è un vero e proprio punto di riferimento, ma quante squadre europee vorrebbero che Paul Pogba vestisse la loro maglia? Dopo aver visto il video in cui il giocatore francese si diverte a palleggiare bendato forse ci saranno ancor più gli occhi dei tecnici puntati su di lui. Certo le difficoltà non mancano, ma durante il video Pogba prende confidenza con il palleggio anche a occhi chiusi… davvero un campione anche nel mettersi sempre a dura prova!

70 milioni di euro! La super offerta del Psg per Pogba

pogba-tuttacronacaNasser Al Khelaifi, il proprietario del Paris Saint-Germain, è pronto a firmare un assegno di 70 milioni per il centrocampista bianconero Paul Pogba, che vorrebbero riportare a casa. Ma come reagisce il club davanti a un’offerta “che non si può rifiutare”? Il club non ci pensa a lasciare andare il gioiellino arrivato con un milione di euro nell’estate 2012. Tra l’altro, sottolinea Calciomagazine, l’ex Manchester United è stato uno dei tanti colpi a parametro zero eseguiti dal d.g. Marotta e quel milioncino, che adesso impallidisce di fronte a simili valutazioni, è stato il “premio” di valorizzazione da corrispondere ai “Red Devils”. A questo punto, tuttavia, in casa Juve non si perde più tempo: ci si siederà con il francesino e il suo procuratore Raiolaper formalizzare rapidamente un rinnovo di contratto con durata fino al 2019, passando da 1,5 a 4 milioni netti a stagione, ossia il tetto per i top-players della Vecchia Signora. Se poi, tra qualche mese, Pogba e il suo agente dovessero far intendere alla dirigenza bianconera di voler trasferirsi, ecco che Marotta – forte di un importante rinnovo – potrebbe aprire un’asta senza precedenti tra i vari Psg, Bayern Monaco, Real Madrid e Chelsea

Gli uomini di Conte sotto assedio… e intanto Raiola propone un colpo

zebra-tuttacronacaLa Juve è sotto assedio da parte del Manchester United che sembra determinato a strappare a Conte alcuni dei suoi gioielli. Se non è un mistero che gli inglesi sono interessati a Vidal, Marchisio e Pogba, ora il Corriere dello Sport rivela che i Red Devils sarebbero intenzionati a fare un’offerta anche per il terzino svizzero Stephan Lichtsteiner, attualmente alle prese con il rinnovo di contratto. E mentre in casa biaconera si cerca di blindare i diamanti della rosa, ecco che Raiola, procuratore di Pogba, candida in bianconero Ricardo Kishna, 19enne esterno olandese con contratto in scadenza con l’Ajax. E’ quanto sostiene Tuttosport e ci si domanda se il suo nome non possa venir inserito nelle discussioni per il rinnovo del fenomeno francese.

Il calciomercato e il poker d’assi per la Juve

luis-suarez-tuttacronacaPaul Pogba è presod’assalto dalle big d’Europa e, anche se in casa bianconera cercheranno di trattenerlo, s’inizia a pensare alle possibili alternative papabili grazie all’eventuale introito. Si potrebbe parlare di una cifra attorno ai sessanta milioni di euro grazie ai quali la Juve mirerebbe a portare a Vinovo un top player in attacco per affiancare Tevez. Secondo la Gazzetta dello Sport, il primo nome sulla lista è Luis Suarez, anche se le trattative risulterebbero frenate per la richiesta del Liverpool, che vuole 80 milioni, e l’ingaggio da 10 del calciatore. Più fattibile sarebbe allora l’acquisto di Benzema, che potrebbe essere messo sul mercato dal Real Madrid se le ‘merengues’ riuscissero finalmente a coronare la rincorsa proprio a Suarez. Ma sempre a Madrid si trova un altro possibile obiettivo: Diego Costa. Anche in questo caso, tuttavia, il prezzo richiesto dall’Atletico Madrid è elevato (60 milioni) e la concorrenza agguerita. Più facile arrivare a Mandzukic che potrebbe chiedere la cessione dopo l’annunciato arrivo al Bayern Monaco di Lewandowski.

Bomba di mercato: “Il prossimo acquisto del Psg sarà Pogba”

Paul-Pogba-tuttacronacaLa dichiarazione arriva da Ernesto Bronzetti, che nel corso dello speciale “Calciomercato” su Premium Calcio, ha affermato: “Il prossimo acquisto del Psg sappiamo chi è, è Pogba. Secondo me la Juve non si tirerà indietro di fronte a un’offerta di 50-60 milioni e farebbe anche bene. L’adeguamento del contratto sarà propedeutico a una cessione. Non è un’operazione fatta ma la vedo al capolinea. Verratti? Non rientrerà nell’operazione”. Ha quindi aggiunto: “Non scopriamo niente. L’ha detto anche il presidente Andrea Agnelli che se arriva un’offerta non può trattenere Pogba,- L’ha dichiarato anche Nasser in Qatar (il numero uno del club francese, ndr). Lo sa più di una persona… E’ un peccato che questi fenomeni se ne vadano dall’Italia”. E ancora: “C’è un giocatore del Psg in scadenza di contratto, che forse lasciano andar via: è Matuidi”. Lo stesso Bronzetti ha svelato anche un altro retroscena di mercato Juve: “Il Real non ha mai pensato a Pirlo, anche perché Florentino Perez non prende in considerazione giocatori ultra trentenni. Il Real offrì 25-30 milioni di euro per Chiellini qualche anno fa ed eravamo tutti pronti a chiudere con Marotta e Paratici che erano a Madrid con me. Poi arrivo Jorge Mendes che propose Carvalho e l’affare saltò”.

Shock! La cessione della Juventus

beppe-marotta-tuttacronacaIl mercato non smette mai di sorprendere e destare scalpore e anche questa sessione invernale rischia di venire ricordata per operazioni clamorose. Una di queste potrebbe avere come protagonisti la Juventus e Clausio Marchisio. Se il club non ha mai nascosto di valutare il giocatore non meno di 30 milioni, aprendo così alla possibilità di una ben remunerativa cessione, è di ieri la notizia che il Manchester United avrebbe stanziato ben 200 milioni di euro per la campagna acquisti invernali e tra i tanti giocatori sondati c’è pure il centrocampista bianconero. Marchisio, formatosi nelle giovanili bianconere, potrebbe quindi volare in Inghilterra per esigenze di bilancio, visto che cifre del genere per un club italiano non si possono più rifiutare. L’esplosione di Pogba gli ha tolto spazio e anche per lui potrebbe essere un’occasione per tornare protagonista, forse nell’annata peggiore della sua carriera.

“Giocatore che vieni, giocatore che vai”: il mercato in casa Juve

 juventus-tuttacronacaHa un vantaggio di 8 punti sulla Roma, seconda in classifica, la Juventus, già diplomatasi regina d’inverno, ma questo non significa che ci si accontenti. Quello che Marotta vuole è andare incontro alle richieste di Conte e la lista dei desideri comprende Nani, il preferito, Jonathan Biabiany e Jérémy Menez. Far cassa, del resto, non dovrebbe essere un problema, con diversi club interessati a Quagliarella e Vucinic, sempre ammesso che non capiti un’occasione per Giovinco. Spiega Marotta: “Di fronte a tanti impegni, tre competizioni compresa l’Europa League dove vogliamo arrivare in fondo abbiamo 5 attaccanti. E 5 punte ci servono. Nella Juve 24 elementi, in una rosa in cui non esistono i titolarissimi, sono la norma. Poi, è chiaro, se Quagliarella manifestasse l’intenzione di andar via ne terremmo conto, però al momento non lo ha chiesto. Vucinic? Non vogliamo cedere nessuno“. In effetti le 9 partite di Europa League, fino alla finale proprio allo Juventus Stadium, portano a pensare che qualche rinforzo sia necessario, per assicurare una rosa ampia e adeguata a Conte. “La nostra strategia è inserire giocatori di qualità ogni anno”, è il mantra di Marotta, al quale si può affiancare un’altra dichiarazione piuttosto rassicurante per il popolo juventino: “Con Conte e altri innesti importanti cresceremo”. Come spiega Tuttosport, il nome principe sul tavolo è quello di Nani, 27 anni, esterno portoghese legato al Manchester United da un contratto triennale con opzione fino al 2019 e con un ingaggio che si attesta sui 4 milioni netti. L’operazione non rientra nei canoni dell’impossibilità, anzi: perché nonostante l’allarme lanciato dal tecnico dei Red Devils, David Moyes («L’infortunio di Nani è un po’ peggiore del previsto, starà fuori per molto tempo»), l’ala dovrebbe tornare abile e arruolata nel giro di 3-4 settimane, pronto ad asfaltare gli avversari su entrambe le fasce, dato il suo eclettismo, e chissà: magari il passaggio dall’erba dell’Old Trafford al verde dello Stadium sarà questione di settimane, non di mesi, tanto più col denaro che Marotta conta di incassare dalla sfoltitura del reparto attaccanti. Ma se non dovesse concretizzarsi quest’opzione Biabiany (cartellino fra Parma e Samp) e Menez (in scadenza al Psg) resistono. Non sono stati bocciati, ma noi ci troviamo già con un gruppo forte e se quello in corso si chiama mercato di riparazione…”: dietro le verità di Marotta possono nascondersi strategie magari imprevedibili, tipo il nazionale croato Sime Vrsaljko o il giovane Alvaro Morata, entrambi 21enni. Ma si parlava anche di far cassa e in questo caso le strategie di mercato se la vedono con le contingenze di altri club. Come la Fiorentina, privata di Rossi per almeno tre mesi. I viola avevano manifestato già in estate un forte interesse per Quagliarella, che non trova più molto spazio da quando la coppia Tevez-Llorente ha trovato il giusto affiatamento, e per questo potrebbe aprirsi una trattativa tra i due club, con Montella bisognoso d’innesti e Quagliarella in cerca di una squadra in grado di dargli continuità. Il punto d’incontro potrebbe essere Juan Guillermo Cuadrado, esterno colombiano protagonista della stagione più squillante nella sua giovane carriera e che, a giugno, molto probabilmente cambierà maglia. Beppe Marotta chiederà ai toscani un’opzione sull’esterno prediletto da Conte. Se i Della Valle si convincessero a lasciare campo libero alla storica rivale, a quel punto potrebbero finalmente mettere le mani su Quagliarella, oggetto dei desideri del mercato viola, da subito. Quagliarella per Cuadrado, tra gennaio e giugno, tenuto conto del fatto che l’Udinese, proprietaria di metà cartellino del colombiano, non avrebbe alcuna difficoltà a fare affari con la Juventus. Ma attenzione: il Bayern Monaco, che si diceva pronto a sborsare 30 milioni sull’unghia, resta affacciato alla finestra.

Buone notizie per i tifosi bianconeri!

pogba-pirlo-tuttacronacaContinua il momento magico del club bianconero e i tifosi possono tirare un respiro di sollievo: sembra infatti che anche i dubbi sul futuro di Pirlo e Pogba si stiano risolvendo. E’ Beppe Marotta che tranquillizza i supporters per quel che riguarda il bresciano: “Nessuna possibilità di separazione, anche se Pirlo è in scadenza. Posso però dire che i rapporti sono ottimi e quanto prima prolungheremo il contratto e faremo sapere la durata”, ha detto l’ad. Per quel che riguarda Paul Pogba, sembra imminente anche per lui il rinnovo: “Il giocatore è molto bravo e ha gli occhi di molti grandi club addosso, ma anche la Juventus è un grande club. Avremo un incontro a medio termine con il suo entourage con cui abbiamo ottimi rapporti”, ha aggiunto parlando alla Rai. E Conte? “Il gruppo è forte e duttile e non vogliamo cedere nessuno. Il nostro è un ruolino di marcia che va avanti da 3 anni e il merito è soprattutto del nostro allenatore”. Cone dire: non si tocca.

Trema la Juve: lo sceicco del PSG all’attacco del suo diamante!

paul-pogba-tuttacronacaNasser Al-Khelaifi, presidente del Paris Saint Germain, ha tremare il popolo bianconero: il ricchissimo sceicco è infatti uscito allo scoperto per quel che riguarda Paul Pogba e pare quanto mai determinato a strapparlo al club juventino. A Le Parisien ha datto: “E’ un grande giocatore rappresenta il futuro della Francia. Non è un discorso per questo inverno, forse per la prossima estate”. Il club parigino è dunque pronto a far follie pur di far indossare la sua maglia al gioiello di Conte e già si parla di 50 milioni di euro, cifra che la Juve difficilmente potrà rifiutare.

La Juve pronta a tutto per Cerci… ma si teme anche di perdere qualcuno…

alessio-cerci-tuttacronacaE’ la Gazzetta dello Sport a spiegare che in casa bianconera si fa sul serio per Alessio Cerci, con la società pronta a lanciare un nuovo assalto a giugno, sempre ammesso che il Torino decidesse di privarsi dell’esterno offensivo. Antonio Conte stravede per l’ala ex Roma e pur di accontentare il suo tecnico la dirigenza della Juve è disposta a mettere sul piatto la definitiva cessione di Immobile, l’intero cartellino di Giovinco e qualche milione cash. Ma nel frattempo arrivano delle indiscrezioni dall’Inghilterra che, se confermate, avrebbero del clamoroso. Il Manchester United punterà Ravel Morrison a gennaio. Diversi tabloid riportano l’indiscrezione sul talentuoso centrocampista del West Ham, su cui anche il Fulham vorrebbe dire la sua. Ma è il Guardian a far trapelare una notizia che riguarda Paul Pogba. Secondo il quotidiano, infatti, Morrison sarebbe solo un’alternativa al ritorno di Paul Pogba per i ‘Red Devils’, con David Moyes che starebbe valutando la possibilità di riprenderlo dalla Juventus a peso d’oro dopo che Sir Alex Ferguson lo perse a parametro zero una stagione e mezza fa.

 

La bella serata di calcio allo Stadium: Juve-Avellino 3-0

juve-avellino-tuttacronacaEra pieno di tifosi lo Juventus Stadium, tutti inneggianti per una bella serata di sport come dev’essere quella di un match in Coppa Italia. A Torino è arrivato l’Avellino e contro le casacche verdi Conte schiera la Juve2, continuando così la pratica del turn-over. Nel rettangolo di gioco scendono Storari; Caceres, Ogbonna, Peluso; Motta, Padoin, Marchisio, Asamoah, De Ceglie; Giovinco e Quagliarella. Per l’Avellino, in campo Di Masi; Izzo, Peccarisi, Pisacane; Zappacosta, D’Angelo, Togni, Arini, Millesi; Herrera, Castaldo.

I bianconeri sono partit subito all’attacco, passando in vantaggio già al 6′: passaggio perfetto di Quagliarella per Giovinco che gela Di Masi con un destro perfetto: 1-0!

I campani provano a reagire ma contro gli uomini di Conte non è facile: al 15′ punizione per i padroni di casa, batte Giovinco dalla destra, irrompe Caceres che, in scivolata, mette in rete: 2-0!

I ritmi, attorno al 20′, già iniziano a rallentare ma i tifosi dell’Avellino continuano a far sentire la loro voce tanto che anche i supporter bianconeri li applaudono. Al 34′, il gol che chiude definitivamente ogni speranza per i campani: Giovinco batte un’altra punizione sulla quale arriva Quagliarella che beffa Di Masi sul suo palo: 3-0!

Nella ripresa, gli irpini tentano il tutto per tutto per portare a casa almeno il gol della bandiera. I ritmi non sono elevati e, dalla panchina bianconera, Conte dà più che altro l’impressione di voler affinare i meccanismi della sua squadra. Al 59′ Quagliarella sfiora la sua doppietta, ma è bravo Di Masi a parare in due tempi. Al 66′ il portiere irpino dà un’altra buona prova di sè: su corner di Giovinco,compie un mezzo miracolo su Motta, pronto a colpire di testa a botta sicura. All’82’ Conte schiera Lichtsteiner al posto di Motta e appena sette minuti dopo lo svizzero sfiora il gol: imbeccato da Marchisio, cerca il tiro a giro in area, con palla che esce di pochissimo. E’ stato l’unico brivido dell’ultimo quarto d’ora del match, quando la Juve ormai si limitava a far possesso di palla. Ma se anche gli ultimi minuti non hanno offerto spettacolo, si è trattato di una bella serata di sport.

Il PSG non cede: ancora all’attacco di Pogba. E intanto la Juve2 si prepara…

juventus-tuttacronacaNon ci si apsettano grandi colpi di scena, a gennaio, per la squadra bianconera, quando al massimo si parlerà di prestiti oppure di scambi. Del resto “le follie” non rientrano nella prassi juventina, non per quello che riguarda il calciomercato invernale. Lanno scorso arrivò soltanto Peluso in prestito mentre nel 2012 l’unico acquisto fu quello low-cost di Padoin. Servirebbe un giocatore offensivo in grado di cambiare lo spartito in corsa, passando dal 3-5-2 al 4-3-3 o 4-3-1-2, ma il Bologna e il Parma non sono disposti a fare sconti per Diamanti e Biabiany e dopo l’uscita dalla Champions non è tempo di fare grande acquisti. Sembra che non ci saranno grandi movimenti neanche in uscita, a meno che qualcuno che non si sente abbastanza impegnato in campo, come Vucinic o De Ceglie non chieda di essere ceduto. Il rischio resta quello del pressing continuo del PSG su Pogba: L’Equipe ha rilanciato oggi la notizia di un’offerta da 40 milioni sull’asse Parigi-Torino, ma la Signora e l’enfant prodige non hanno (ancora) intenzione di separarsi. “I rinnovi di Pirlo e Pogba? Niente annunci sotto l’albero di Natale, ma sono pienamente fiducioso: abbiamo un rapporto idilliaco, loro considerano la Juve il loro habitat naturale e difficilmente troveranno qualcosa di meglio. Credo che in poco tempo risolveremo le situazioni”, ha assicurato l’ad Beppe Marotta ai microfoni di Rai Sport. Del resto al momento c’è altro a cui pensare: innanzitutto il terzo scudetto consecutivo, con il vantaggio di 5 punti sulla Roma da sfruttare. E senza dimenticare l’Europa League, ora è tempo di pensare a quella Coppa Italia che non arriva in casa bianconera dal 1995. L’idea di alzare la decima e aggiungere una stelletta d’argento sulle prossime casacche, le ultime griffate Nike, piace in corso Galileo Ferraris. Eppure domani in campo scenderà una Juventus 2 dove non ci saranno i titolari, che si preparano per la sfida di domenica a casa dell’Atalanta. Quelli che ci si aspetta di vedere sul rettangolo di gioco sono quindi Storari tra i pali, difeso a sua volta da Caceres, Ogbonna e Bonucci o Peluso. De Ceglie coprirà la sinistra mentre a destra si va verso una staffetta Lichtsteiner-Motta. Centrocampo da reinventare, visto che Pirlo è ko e Vidal squalificato. In regia si va verso la conferma di Pogba, mentre Marchisio e Padoin prenotano gli altri due posti in mediana. In attacco si vedrà la coppia di scorta formata da Quagliarella e Giovinco. Marotta ha garantito: “La Coppa Italia è un titolo che ci interessa. Il fatto di averlo sfiorato per due volte nella gestione Agnelli quella Coppa rappresenta per noi uno stimolo in più. Attenti all’Avellino che sarà molto motivato: per loro è la partita della vita. Quanto all’Europa League, la finale a Torino ci spinge a dare il massimo. Adesso però pensiamo alla Serie A: da cacciatori siamo diventati volpi, ma il distacco non ci consente di stare tranquilli e il campionato è ancora lunghissimo”.

La Juventus blinda il suo diamante!

paul-pogba-tuttacronacaE’ la Gazzetta dello Sport a darne notizia: dopo il rinnovo del contratto per Arturo Vidal, ora il club bianconero è pronto a blindare un altro dei suoi gioielli: il 20enne francese Paul Pogba. La Juve, infatti, non è per nulla disposta a perdere il suo immenso talento e così, dopo la decisiva sfida di Champions League contro il Galatasaray, l’Ad Beppe Marotta, incontrerà l’entourage di Pogba, ed è probabile che le parti arrivino ad un prolungamento dell’accordo fino al giugno del 2018 a 4 milioni di euro netti a stagione.

Panico in casa bianconera! La clamorosa rivelazione di France Football

paul-pogba-tuttacronacaAgnelli l’aveva detto: in caso di cifre da capogiro, difficilmente la Juventus potrebbe trattenere Paul Pogba. E il problema è che il francese sta catalizzando l’attenzione di tutti i top club europei grazie alle sue ultime prestazioni. Perchè fanno bene a tremare i tifosi bianconeri? Stando a quando riporta France Football, il Paris Saint-Germain degli sceicchi ha intenzione di accaparrarsi il fenomeno. Inoltre, sempre la rivista spiega che la trattativa potrebbe essere avvantaggiata dai buoni rapporti del club parigino con Mino Raiola, procuratore di Pogba, dopo la buona riuscita del trasferimento Ibrahimovic. La superofferta che il club di Al-Thani sarebbe intenzionato a presentare è di quelle che non si possono rifiutare. E sì, Pogba si trova bene a Torino ma la Francia è la sua patria ed è cresciuto a Parigi: avvicinarsi a casa non gli dispiacerebbe. La Juve rischia davvero di perdere il suo diamante e a questo punto la speranza è solo una: che il francese giochi un ottimo Mondiale, per far lievitare ancora di più il già alto prezzo dell’ex Manchester United.

Juve tenuta sotto scacco da Raiola?

pogba-tuttacronacaPriorità in casa bianconera è blindare Paul Pogba, che è  sotto contratto fino al 2016 ma con un solo milione di ingaggio. Entrambe le parti desiderano ridiscutere il compenso del francese: Raiola chiede quattro milioni, cifra a cui Marotta però non intenderebbe arrivare. Il procuratore ha quindi dettato un’alternativa: far arrivare Abate dal Milan. Ignazio era già stato cercato in passato tanto da Marotta quanto da Pratici e c’è comunque la consapevolezza che per trattenere il centrocampista 20enne servirà uno sforzo economico. Il nodo è nel fatto che l’esterno rossonero era in scadenza quest’anno ma ha prolungato il contratto fino al 2015, il che significa che i rossoneri pretenderanno un compenso economico importante: non si andrà sotto agli 8 milioni. La situazione va valutata e la Juve, oltre al fatto fondamentale di trattenere Pogba deve fare i conti anche con la necessità di un esterno offensivo. Molto dipende anche da quello che Raiola concederà.

“Pogba è come un Monet”. Raiola prova a blindare Paul

paul-pogba-tuttacronacaPaul Pogba è un pilastro nella squadra di Conte e non c’è addetto ai lavori che, incantato dalle sue reti e dalle sue prestazioni, non lo definisca un fuoriclasse assoluto nonostante i suoi 20 anni. Motivo per il quale i grandi club europei l’hanno inserito nella lista dei desideri per quel che riguarda il calciomercato. Tra questi, anche Real Madrid, Chelsea, e Manchester City. E se Andrea Agnelli ha già chiarito che sarà dura trattenerlo in caso di offerte pesanti, il valore del centrocampista lievita inesorabilmente, tanto che il club sembra non voglia cederlo a cifre inferiori ai 60 milioni. Anche Mino Raiola, il suo procuratore, prova a blindare il suo gioiellino parlando a Sky Sport. Prima spiega che: “Il valore di Pogba? Credo sia come un Monet. Non credo che i grandi quadri vadano all’asta, i grandi quadri sono già dai grandi collezionisti…” E poi spiega: “Paul è in crescita, sta facendo grandi cose e in futuro migliorerà ancora. Ibrahimovic insegna che si può crescere ancora anche a 32 anni, figuriamoci a 20… Il valore di Pogba aumenta gara dopo gara, ci darà tantissime gioie”.

Quello che uno juventino non vorrebbe mai sentire dopo una sconfitta…

paul-pogba-tuttacronacaLa Fiorentina ha travolto i bianconeri oggi al Franchi di Firenze, in una rimonta che ha dell’incredibile, con quattro gol che i viola hanno inanellato nei secondi 45′, tre dei quali a sigla Rossi. Come se non fosse già abbastanza nero l’umore, l’inglese Sun on Sunday ha riportato che, tra i vari club pronti a corteggiare Paul Pogba, ora spunta il Manchester City che sarebbe pronto ad offrire 40 milioni di sterline per riportare il francese in Premier League. E dire che il centrocampista è arrivato in casa bianconera, a parametro zero, dall’altra squadra della città inglese: lo United. Real Madrid, Arsenal, Tottenham e ora City… le parole di Agnelli, “Sarà dura trattenerlo di fronte a una grande offerta”, continuano a risuonare drammaticamente profetiche.

Pogba sul mercato? La Juve fissa il prezzo

paul-pogba-tuttacronacaSono i media inglesi a riferire che la Juve avrebbe fissato un prezzo per Paul Pogba, rendendolo noto alle società interessate al centrocampista francese, fattesi avanti dopo le parole di apertura di Andrea Agnelli. Tra queste svetta il Chelsea, che ha avanzato un’offerta di 30 milioni di euro che non è stata considerata sufficiente: la pretesa minima del club bianconero ammonta a quota 45 milioni. Una somma che rappresenterebbe anche una clamorosa plusvalenza, considerato che il giocatore è arrivato a parametro zero dall’Inghilterra nell’estate 2012. Se nelle casse della Vecchia Signora davvero arrivasse una tale cifra, si potrebbe dare l’assalto a Verratti e Nainggolan, forse gli unici nomi che placherebbero le proteste dei tifosi in caso di cessione del francese.

Tutti vogliono Pogba! Per quanto il francese indosserà la maglia bianconera?

Pogba-tuttacronacaQualche giorno fa il presidente bianconero Andrea Agnelli aveva ammesso che, in caso di forti offerte per Paul Pogba, “Sarà dura trattenerlo“. Parole che sono state recepite dai principali club esteri che non hanno tardato a bussare alle porte della società. Il primo ad arrivare è stato il PSG, seguito dal Chelsea, ma si sono affacciate anche Arsenal, Tottenham e Real Madrid. Ora, in Inghilterra, scrivono che Mourinho abbia già pronta un’offerta da 30 milioni di euro. Al momento la Juve però non cede: il giocatore è stimato almeno il doppio. Con tanti contendenti, sembra che lo scontro per aggiudicarsi il centrocampista francese sia destinato a farsi aspro la prossima estate, con le offerte destinate a salire. Per ora Pogba non ci pensa, impegnato con la nazionale francese e la Juve, ma tra qualche mese la situazione potrebbe cambiare…

Paul Pogba è “contento alla Juve”

pogba-juve-tuttacronacaAnche il diretto interessato è entrato nel merito della questione. Paul Pogba, il calciatore di cui più si parla da quando Andrea Agnelli ha spiegato che per la Juventus sarebbe difficile trattenerlo se altri club facessero offerte forti, non si è sbilanciato: Juve disposta a vendermi? Adesso io sono con la Francia e penso prima a fare bene qua. Dopo quando ritorno alla Juve, penserò alla Juve”. Il centrocampista ha parlato al termine dell’amichevole che la sua Nazionale, la Francia, ha vinto contro l’Australia per 6 reti a 0. Tra le squadre interessate al 21enne bianconero, una delle più attive è il Paris Saint Germain. Al riguardo Pogba ha chiarito: “Io non lo so, come ho detto prima, io sono alla Juve, non abbiamo parlato di contratto, di niente ancora. Io sono contento alla Juve, faccio le cose bene e basta”. Anche perchè per queste cose c’è il suo agente Mino Raiola: “C’è Mino, certo. Io penso al calcio”. Il mediano ha poi avuto una battuta sulla sua prima volta al Parco dei Principi di Parigi, tra l’altro casa proprio del Psg: “Sì, certo. Tutti i miei amici sono qui e io sono contento di giocare per la prima volta qua a Parigi. E’ una bella cosa per me”.

E se Pogba fosse ceduto? Tra le polemiche, i nuovi orizzonti bianconeri

paul-pogba-tuttacronacaLe parole di Andrea Agnelli di qualche giorno fa hanno gettato nel panico i tifosi bianconeri. Parlando della situazione del calcio italiano aveva infatti spiegato che “Se ricevessimo un’offerta strepitosa per qualcuno come Pogba, saremmo in grado di trattenerlo? Non lo so”. Esemplificando: “Ormai l’Italia non è più una destinazione finale, ma solo una meta di transito. Guardate cosa è successo al Milan. Hanno dovuto cedere Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva per monetizzare. Tu puoi anche essere attraente, ma devi avere la forza economica”.

A quel punto il popolo juventino si è scisso in due: chi teme che l’affermazione sia in realtà una premonizione e chi farebbe carte false per trattenerlo. E, com’è tipico dell’era 2.0, la rete s’infiamma. La maggior parte vuole i campioni in squadra, qualcuno pensa ai soldi che il club ricaverebbe dalla cessione. Quello che al momento è certo, è che il contratto del centrocampista scade nel 2016 e in molti già vorrebbero il rinnovo. In rete si leggono frasi come “L’unico buono che abbiamo (quasi)… lasciamolo andare, no?? Meglio prendersi un paio di Peluso in più, vero??” “La Juventus può e deve trattenere i giocatori come Paul”. Ma anche “La Juventus tra 2-3 anni sarà ridotta peggio del Milan… Non è una profezia. È la realtà”. Poi arrivano i toni moderati, e giustamente c’è chi nota: “Con giocatori scarsi si fa una squadra scarsa, con giocatori modesti una squadra modesta, per fare una grande squadra i campioni si tengono e non vengono ceduti”. Ma se l’ipotesi peggiore prendesse forma, quali orizzonti si aprirebbero? A fornire delucidazioni in merito ci pensa La Gazzetta, perchè in molti si chiedono cosa farebbe la Juve una volta incassati i 40/50 milioni. Senza il francese ci si troverebbe infatti con un ottimo centrocampo a cui mancherebbe una grande alternativa tecnica. per scegliere un giocatore bisognerebbe però conoscere il modulo con cui giocherà la Vecchia Signora nella prossima stagione. Quindi la domanda che sorge è: Conte rimane? Se la risposta fosse “sì” allora si potrebbe sviluppare il gioco sulle fasce e magari tornare al 4-3-3 e resterebbe la necessità di acquistare un giocatore già pronto. A questo punto “potrebbe tornare di moda Verratti che non entusiasma Conte. Resta calda la pista di Nainggolan. Piacciono anche Witsel, Guarin, Candreva, Fernando, Xabi Alonso, Eriksen”, spiega il quotidiano.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: