Down di Telecom e da nord a sud si sollevano le lamentele

telecom-down-tuttacronaca

Telecom in tilt e le lamentele si alzano da sud a nord, questo sembra essere solo l’ennesimo disservizio dell’Adsl Telecom, che già con Alice avevano avuto problemi infiniti.  Il problema di questo Telecom Down potrebbe essere legato a peering esteri, l’interconnessione volontaria tra reti internet che siano distinte amministrativamente allo scopo di scambiare traffico fra gli utenti di entrambe, ma ancora nessun dettaglio arriva dall’azienda.

Annunci

Terra dei Fuochi: “Scavate anche al Nord”. Parla ancora Schiavone

terra-dei-fuochi-tuttacronacaCarmine Schiavone, il pentito ex Casalesi, parla al Secolo XIX raccontando nuove, scioccanti rivelazioni sull’intreccio indissolubile tra Stato, servizi segreti, poteri economici e mafie. “Scavate anche in Liguria, a Genova, o in altri siti del nord dove ci sono discariche”. Dopo le drammatiche verità sulla Terra dei Fuochi, il collaboratore di giustizia prosegue con le sue scottanti verità e domanda: “Tutti i rifiuti che hanno prodotto al nord dove li hanno smaltiti?” La risposta è che un po’ “li hanno sotterrati sotto le Alpi, ma poi gli altri rifiuti? Quelli in Lombardia o in Piemonte o nella zona industriale di Genova o a La Spezia?”. Per Schiavone si trovano tutte “nelle discariche”, ma “non solo al sud anche al nord”. Schiavone dichiara: “Io lavoravo nella mia zona e posso dire con certezza dove sono interrati i rifiuti campani”. Ma lungo la filiera dell’illegalità si intrecciano e si propagano anche altre relazioni tra Stato e malavita. “E’  da 60 anni che le mafie stanno al Nord, come a Milano così a Genova. Controllate Genova”. Il pentito parla anche dell’esistenza di mafie istituzionalizzate: le istituzioni e i servizi dell’epoca ad esempio permettevano di scaricare i rifiuti tossici ma non solo, “smistavano anche armi, smistavano all’estero attraverso navi nei vari porti”. Ancora Schiavone racconta: “Noi lavoravamo con Eurocem a Napoli, Salerno e Gaeta, dei traffici in quei luoghi ne sono sicuro… ma sapevo che stavano anche ai porti del nord e all’estero attraverso navi”. Ripercorrendo la sua storia, spiega di aver detto tutto alla giustizia “per raccontare la verità”. Il primo verbale di “Spartacus”, suo nome da pentito, è stato nel ’93, “e l’ho fatto per far fermare sto sfacelo, perché la gente moriva, anche con l’acqua minerale”. Fin quando infatti “abbiamo dovuto combattere le nostre guerre interne, mi stava anche bene, però non abbiamo mai ammazzato nessun bambino, nessun innocente”. Prima, spiega, “era un caso di legittima difesa”. L’attacco principale è per le istituzioni corrotte. “Nella zona nostra, ad esempio, mio cugino guadagnava 1,2 mld ma lui era il braccio”. Le menti vere erano l’avvocato Cipriano Chianese, Gaetano Cerci e il piduista Licio Gelli, che aveva amicizie importanti”. “L’Arpa invece era in mano alla mafia” per questo non hanno mai denunciato e omettevano. I veri “nemici dello stato poi sono all’interno della Dda”, che se vogliono fanno mancare anche i cancellieri o addirittura la carta igienica ai magistrati. Ancora, le istituzioni fingevano di non vedere i traffici di droga mentre “dentro le palme dal Sud America c’erano quintali di cocaina”. Per il pentito la triste verità è che “nessuno la vuole”, il popolo la vuole, “ma le istituzioni no”. “Siamo così arrabbiati di fronte a questo Stato che non fa niente, che lascerà morire la propria gente come pecore”, aggiunge. “Stanno mangiando solo soldi, a livelli di perizie ad esempio”. Mentre fra 15 anni quando le falde acquifere saranno tutte inquinate e la gente morirà quella verità non servirà più a nessuno. “Io ho una responsabilità quella di essere stato un mafioso – ribadisce -, ma la colpa è dei padri che hanno chiuso gli occhi mentre mangiavano soldi”.

Salvini: “Chi tocca la Lega abbia paura”

matteo-salvini-tuttacronacaGiornata intensa, quella di ieri, per il segretario leghista Matteo Salvini che dopo la protesta ai caselli ha preso anche parte alla fiaccolata a Torino a sostegno della giunta Cota. “Il prossimo leghista che toccheranno, non so se sarà a Torino, Milano, Genova, Pordenone, o Vicenza – ha detto Salvini – dodici ore dopo, non solo noi ma mille, duemila, diecimila persone, pacifiche ma non tanto, si mobiliteranno e qualcuno cominci ad avere paura, perchè la paura fa bene”. Del resto Cota non si arrende e lunedì riunirà la Giunta per conferire ufficialmente agli avvocati l’incarico di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che ha azzerato il risultato delle elezioni. Una nuova battaglia dai tempi piuttosto stretti (la data limite è il 30 gennaio) e dai contorni incerti. “Per prepararci adeguatamente – lamenta tra l’altro uno dei legali del centrodestra – dovremmo aspettare le motivazioni del provvedimento dei giudici, che però potrebbero arrivare solo fra dieci giorni”. Come spiega l’Huffington Post: 

 

 

Finisce insomma ai supplementari una partita che ora viene criticata per la sua lunghezza: l’ex presidente Mercedes Bresso aveva presentato i ricorsi nel 2010 all’indomani del voto, ma ci sono voluti quattro anni prima che si arrivasse a un punto fermo. E se i burloni del web si scatenano (“Il Tar ha annullato le elezioni perché all’epoca il Piemonte si chiamava Regno di Sardegna”, “domani annullerà il referendum monarchia-repubblica” e via scherzando) c’è chi, come Pierluigi Mantini, del Consiglio di presidenza della magistratura amministrativa, vuole aprire un’indagine interna perché “quarantacinque mesi sono decisamente troppi”. In realtà, dopo una prima sentenza interlocutoria del 2010 emanata dallo stesso Tar (ma i giudici erano diversi), la causa si è dispersa fra tribunali civili e penali, pronunce del Consiglio di Stato e persino della Corte Costituzionale.
“Nessuna lentezza da parte dei magistrati amministrativi, il giudizio è stato sospeso per mesi anche perché si dovevano definire le questioni di rilievo penale”, osserva Giampiero Lo Presti, presidente dell’Anma.

Adesso la sentenza è esecutiva, ma Giunta e Consiglio regionale, in attesa che si definisca la questione, rimangono insediati per sbrigare quegli affari “urgenti e indifferibili” che, se fossero trascurati, potrebbero danneggiare “l’ente Regione e il Piemonte”: si fa l’esempio della valutazione di metà mandato dei direttori delle Asl o ai progetti da finanziare con i fondi Ue. Un altro punto fermo: gli atti compiuti dal 2010 a oggi, secondo i giureconsulti interpellati da piazza Castello, restano validi.

 

La prossima settimana non sono previste sedute del Consiglio regionale, ma solo i lavori della Commissione Bilancio. I capigruppo avevano in programma una riunione, lunedì, per discutere di legge elettorale, ma è probabile che parleranno d’altro. Meno probabile, invece, una discussione della Giunta per le elezioni su Michele Giovine, il consigliere regionale che con la sua lista dei ‘Pensionati per Cota’ è stato la pietra dello scandalo. Giovine è stato sospeso dopo la condanna della Corte d’Appello di Torino e percepisce metà dello stipendio: nelle scorse settimane la pena di due anni e otto mesi è diventata definitiva e dovrebbe decadere, ma l’eventuale azzeramento di tutto il Consiglio porterebbe la questione in secondo piano.

 

Quanto al centrosinistra, che vuole un election day in primavera, gli avvocati stanno cercando di capire se esistono soluzioni giuridiche in grado di costringere Cota a lasciare subito lo scranno di governatore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Salvini e il “rincaro razzista” ai caselli: non paga! E intanto si manifesta

salvini-pedaggio-tuttacronacaLega in strada o, per meglio dire, in autostrada oggi. I militanti hanno infatti protestato, questa mattina, in una serie di caselli autostradali del nord contro l’aumento del pedaggio scattato all’inizio dell’anno. Anche il segretario Matteo Salvini e il presidente Umberto Bossi si sono uniti ai manifestanti a Gallarate, lungo la A8 in provincia di Varese. “Sono qui e non pagherò il casello dichiarando che il servizio fa schifo: è una questione di giustizia sociale, perchè ci sono mille chilometri di autostrade al sud gratis e bastonano il nord”, ha detto il segretario che ritiene i rincari un atto di “razzismo”. Un centinaio i leghisti che con bandiere e striscioni hanno presidiato le corsie di uscita dell’autostrada: il loro scopo è di presentarsi in auto alla barriera e dichiarare di non voler pagare il pedaggio poiché “insoddisfatti del servizio”. I lumbard, che hanno accolto Salvini e Bossi al grido di “secessione, secessione”, sostengono che sia iniquo il trattamento nei confronti del nord “mentre al sud non si paga l’autostrada”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cadavere di bimbo di 3 anni ritrovato in spiaggia, è mistero

tuttacronaca-francia-berck-cadavere

Macabra scoperta quella avvenuta nel Nord della Francia dove il corpo di un bambino, dell’età apparente di 2-3 anni, è stato trovato stamattina sulla spiaggia di Berck. Lo riferisce il quotidiano locale La Voix du Nord, citando fonti della polizia locale. A scoprire il cadavere sono stati un gruppo di pescatori locali di gamberetti, che intorno alle 8.15 di stamattina hanno allertato i pompieri. Il corpo era interamente vestito e giaceva fuori dall’acqua, non bagnato. La polizia ha aperto un’inchiesta per determinarne l’identità, ricerca resa più misteriosa dal fatto che nell’area negli ultimi giorni non è stata segnalata la sparizione di nessun bambino.

Il maltempo che verrà!

rain-maltempo-tuttacronacaIl maltempo che verrà! Dalla prossima settimana i cappotti e gli impermeabili usciranno dagli armadi anche al Centro Sud, dove le precipitazioni autunnali avevano lasciato di nuovo spazio al bel tempo, ma ora tutto sta per cambiare e anche le temperature saranno molto più basse. Nella giornata di domenica le piogge colpiranno il nord e il versante tirrenico per poi abbattersi anche sul resto della Penisola. Pronti con le galosce? Ma solo fino a mercoledì poi ritornerà l’alta pressione e di nuovo i valori saranno sopra la media!

Il maltempo che sferza l’Italia: è allerta nelle regioni centro settentrionali

maltempo-italia-tuttacronacaLe regioni centro settentrionali saranno interessate già dalle prossime ore da nuove piogge e temporali. Stando a simili previsioni, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo: gli esperti prevedono precipitazioni anche molto intense, e non si esclude vengano accompagnate da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, su Liguria, Toscana, Emilia-Romagna, Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia e, in estensione nel corso della giornata di domani, sul Lazio. Per quel che riguarda il Friuli, si prevedono precipitazioni abbondanti, anche temporalesche, intense su prealpi e zone montane; scirocco moderato sulla costa con precipitazioni più deboli. Al verificarsi di tali eventi sono probabili situazioni di crisi nella rete idrografica minore e di drenaggio urbano, innalzamento dei corsi d’acqua di pianura e locali fenomeni di instabilità dei pendii: Non si escludoni inoltre problemi connessi ai possibili colpi di vento durante i temporali.

Mafia al Nord… non è una scoperta, ma c’è chi ha voluto chiudere gli occhi

mafia-tuttacronaca-milano-Sedriano

E’ il primo comune del nord sciolto per mafia. E scatta a livello mediatico lo stupore e la sorpresa per Sedriano, in provincia di Milano dove ieri sera il Cdm ha deciso di commissariare: «Al fine di consentire le operazioni di risanamento delle istituzioni locali, nelle quali sono state riscontrate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata – spiega il comunicato diffuso da palazzo Chigi -, il Consiglio ha deliberato, su proposta del ministro dell’Interno, lo scioglimento dei Consigli comunali di Sedriano (Milano) e di Cirò (Crotone)».  

«È la prima volta in Lombardia. Ma quell’ente non è il solo su cui le criminalità organizzate hanno allungato i propri tentacoli», si legge nella nota di Florindo Oliverio, segretario generale Fp Cgil Lombardia. Il sindaco di Sedriano «è stato arrestato lo scorso anno a seguito dell’inchiesta della magistratura che ha portato all’arresto, per voto di scambio, anche dell’assessore regionale Domenico Zambetti», ricorda Oliverio e aggiunge che «alle cosche è appaltata direttamente la gestione del territorio. Ancora una volta la Lombardia si rivela “terra di Calabria”. Ancora una volta i soldi pubblici sono usati per affari privati e per foraggiare la criminalità organizzata. E per farlo si usano incarichi e consulenze, anche quando negli organici degli enti ci sono le risorse e le competenze necessarie per far funzionare nella legalità e nella trasparenza la macchina amministrativa». «Chiediamo alle istituzioni lombarde (a partire da Regione Lombardia) e alle loro associazioni (come l’Anci, l’Upi) di assumere l’impegno a combattere le infiltrazioni mafiose con atti concreti e visibili. Si potrebbe cominciare dall’azzeramento di tutti quegli incarichi e consulenze esterne che tanto costano anche economicamente alla collettività», conclude Oliverio.

Adesso finalmente non si potrà più dire che la mafia è un problema del sud… ma è un problema italiano, esportato anche all’estero e per sconfiggerlo forse servirebbe la cooperazione da parte di tutti gli stati… invece l’Italia come sempre è stata abbandonata.

La tragedia infinita, sbarchi di migranti e corpi senza vita

carabinieri-tuttacronaca

Una tragedia senza fine: quella di tante vite strappate dai “viaggi della speranza”. Nonostante l’estate sia finita, il maltempo abbia colpito il centro-nord, al sud continuano invece gli sbarchi. Sul lido di Sampieri, in Sicilia, è approdato un barcone di migranti di origine africana dal quale sono stati scaricati almeno tre corpi senza vita. Sul posto sono arrivati i soccorsi e i carabinieri. Nonostante il Paese sia sull’orlo del collasso continuano a speculare sulla pelle di disperati che sperano di arrivare sulla nostra terra per poter avere un opportunità di lavoro e un futuro. Perché l’Europa non si fa carico di questa emergenza sociale che sta toccando l’Italia in un momento critico?

Aggiornamento 30 settembre 2013: salgono a 13 i morti nel Ragusano

Lo Stivale da domenica indossa l’impermeabile, ma solo al centro – nord

maltempo-italia-meteo-tuttacronaca

Lo Stivale da domenica indosserà l’impermeabile! A salutare l’estate ci penserà Nefertari, come sottolinea il direttore del portale ilmeteo.it:

«Abituati e sin troppo coccolati dal tepore estivo degli anticicloni settembrini, ora l’estate ci sta per salutare. Una forte perturbazione atlantica giungerà domenica sull’Italia alimentata dal vortice ciclonico Nefertari che si formerà nel cuore del Mediterraneo e spalancherà le porte alla cattiva stagione», poi ha aggiunto:

«Ancora oggi sarà una bella giornata al centro-sud con clima mite a tratti di giorno quasi estivo, mentre solo sul Triveneto ci sarà occasione per qualche pioggia e qualche temporale specie sul Bellunese, Dolomiti, trevigiano e Friuli». Domani «si assisterà ad un aumento delle nubi al nord, Toscana e Sardegna con prime piogge su Liguria, Friuli e poi Piemonte e Alpi occidentali, segnali evidenti di un radicale ed imminente guasto del tempo. Nel cuore del Mediterraneo va formandosi infatti Nefertari, il primo ciclone mediterraneo autunnale dell’anno, che risucchierà dall’Atlantico già domenica una forte perturbazione mentre da sud richiamerà aria più calda e umida africana».

Il peggioramento arriverà domenica e porterà le piogge e i temporali «colpiranno il nord e la Toscana diretti verso Umbria e Lazio, con particolare accanimento su Piemonte, Lombardia, Veneto e sul Lazio dalla sera. Ma la massima energia di Nefertari si sprigionerà tra domenica e lunedì quando tutte le regioni italiane, coperte da una spessa coltre nuvolosa, saranno interessate da piogge persistenti e anche temporali, specie al centro-sud e nordest. I venti saranno forti occidentali su Sardegna e mar Tirreno, mentre lunedì inizierà la Bora sul nordest. I giorni successivi saranno più freschi e vedranno un parziale miglioramento».

Torna l’autunno ed è allerta meteo sul nord!

MALTEMPO-meteo-tuttacronaca

L’estate è finita e presto una perturbazione atlantica  raggiungerà il nostro paese nelle prossime ore portando piogge e temporali sul buona parte dell’Italia settentrionale. Il Dipartimento della Protezione Civile ha dunque emesso una allerta meteo che prevede, a partire dal pomeriggio di oggi precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, in estensione sul Friuli Venezia Giulia. I fenomeni saranno accompagnati da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento e potranno interessare anche la Toscana settentrionale.

La discarica di Roma non sarà pronta in tempo, rifiuti al Nord

rifiuti-roma-al-nord-tuttacronaca

Non c’è il tempo tecnico per la nuova discarica di Roma, il 30 settembre è troppo vicino. Tutte le assicurazioni che fino a qualche giorno fa parlavano di una discarica pronta ed efficiente per il 1 ottobre sono crollate.  Ieri l’assessore all’Ambiente del Comune, Estella Marino, lo ha detto chiaramente: «Anche se il sito della Falcognana avesse oggi il via libera, servirebbero dei tempi tecnici. E la discarica non sarebbe pronta per il 30 settembre. Per questo stiamo organizzando il trasferimento dei rifiuti fuori dal Lazio». Quindi i rifiuti di Roma sono già pronti a essere trasferiti per qualche tempo al Nord con un aggravio delle spese.

 

Il pentito è pentito di essersi pentito! Storia di Carmine Schiavone.

Carmine Schiavone-mafia-tuttacronaca

«Se potessi tornare indietro non mi pentirei. Non lo farei più perché le istituzioni ci hanno abbandonato. Quando non sono riusciti ad ammazzarmi materialmente, hanno cercato di distruggermi economicamente, moralmente», così Carmine Schiavone,  uno dei boss del clan di camorra dei Casalesi, pentito dal 1993.

Quando ha deciso di pentirsi?

«Decisi di uscirne quando vidi che uccidevano anche i bambini prima di nascere con tutti quegli sversamenti». Sversamenti sui quali Casalesi ed industrie del nord, in quegli anni, hanno fatto valanghe di soldi.

Chi era Carmine Schiavone?

«Ero uno dei capi della cupola, ma mi sono pentito davvero perché altrimenti quelle carte lì non le avrei mai scritte. Il mio guaio è stato proprio quello di essermi pentito veramente perché in Italia non c’era una giustizia, una legge, un politico che sappia capire questo. Chi me lo ha fatto fare di vivere in questo mondo di cani rognosi perché è vero che noi abbiamo sparato, ma i ministri, i carabinieri, i magistrati, i poliziotti sono più responsabili di me perché hanno permesso questo».

Perchè si pente di essersi pentito?

«Io ho sbagliato nella mia vita e ho cercato di rimediare quando la mia coscienza si è ribellata a certi soprusi commessi da altri. Tutti quanti hanno fatto facile carriera sulla mia pelle».

Quale sarà il futuro della mafia?

«La mafia non sarà mai distrutta perché ci sono troppo interessi, sia a livello economico sia a livello elettorale. L’organizzazione mafiosa non morirà mai».

E’ finita l’estate? Al nord dal 19 temporali, il 20 attesi anche al Centro

estate_maltempo-tuttacronaca

E’ forse finita l’estate? Probabilmente no, ma le perturbazioni vengono a rovinare le vacanze di chi ancora è in villeggiatura. Nella serata del 19 agosto sono previste piogge al nord e dal 20 anche al centro sud. Il cattivo tempo durerà un paio di giorni, per poi lasciare il posto al sole estivo. Solo una piccola noia quindi, che passerà in poche ore!

 

Brucia Atene! Danneggiati alcuni edifici.

grecia-nord-bruciare-incendio-fiamme-tuttacronaca

Un vasto incendio si è sviluppato nella capitale ellenica a circa 50 km a nord dal centro di Atene, nei pressi di Avra, vicino a Marathon. Le fiamme hanno danneggiato diversi edifici. La settimana scorsa le fiamme si erano sviluppate nelle cittadini di Markopoulo e Porto Rafti, a circa 20 chilometri dalla capitale. I pompieri sono a lavoro per cercare di domare le fiamme coadiuvati anche da canadair.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I giapponesi hanno paura, schierano i patriot!

patriot-tokio-tuttacronaca.jpg

Le batterie di Patriot sono pronte. Tokio ha schierato la difesa anti-missili in tre differenti zone: nel distretto centrale di Ichigaya e nelle zone periferiche di Asaka e Narashigo. La Corea del Nord non è più solo una provocazione, sembra essere una vera minaccia da contrastare con qualsiasi mezzo. L ‘annuncio di oggi è in contraddizione con quanto aveva detto lo stesso Suga ieri riguardo al fatto che il governo non avrebbe reso noto il dispiegamento di difesa missilistica per non mostrare la propria strategia alla Corea del Nord. Ora dopo ora sono sempre di più gli Stati che cercano misure di difesa e allarmano i proprio eserciti. La guerra nucleare sarà scongiurata o il mondo dovrà essere dilaniato per incapacità diplomatica  e mania di protagonismo di un trentenne con manie di onnipotenza?

Questo slideshow richiede JavaScript.

La guerra nucleare sarà il 10 aprile?

nord corea-tuttacronaca

Si parla del 10 aprile, scadenza indicata alle ambasciate straniere insieme all’invito a lasciare il paese, per indicare la data in cui la Corea del Nord potrebbe effettuare provocazioni aggiuntive, tra cui il temuto lancio di missili. Lo riferisce l’agenzia Yonhap, citando il portavoce dell’ Ufficio presidenziale sudcoreano, Kim Haing, precisando che al momento non ci sono però «segnali specifici».

Gli Stati Uniti hanno deciso di rimandare un test missilistico in programma da tempo martedì in California per evitare i provocare la Corea del Nord in questo momento di tensione nella Penisola Coreana. Una fonte del Pentagono ha spiegato che l’Amministrazione ha preso una decisione «saggia e prudente» per evitare «incomprensioni e valutazioni sbagliate».

Baggio commenta su Twitter le micacce coreane: NO WAR!

roberto_baggio_corea-nord-tuttacronaca

A commentare le minacce nucleari in arrivo dalla Corea del Nord c’è anche lui, Roberto Baggio. “La Corea minaccia attacco nucleare”, scrive su Twitter l’ex calciatore. “La fine del mondo non sono le catastrofi ma gli uomini. NO WAR!”.

La condanna del nucleare è uno dei punti centrali del movimento religioso giapponese di origine buddhista Soka Gakkai, a cui Baggio aderisce dal primo gennaio del 1988.

La Corea preoccupa Ban Ki-moon

Ban-Ki-moon-corea-nord-tuttacronaca

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, è “profondamente preoccupato” per le tensioni nella penisola coreana. Lo ha affermato un suo portavoce, Martin Nesinsky. Il personale umanitario delle Nazioni unite “impegnato” in Corea del Nord continuerà a fare il proprio lavoro, ha aggiunto il portavoce.

L’Italia annega nelle istituzioni, Zaia fa guerra alle previsioni del tempo

lega-nord-luca-zaia-previsioni-tuttacronaca

Con tutto quello che succede in Italia, tra la crisi istituzionale e quella economica, Luca Zaia, Lega Nord, è preoccupato delle previsioni del tempo. Ha quindi chiesto l’oscuramento dai siti meteo della regione Veneto poichè il maltempo previsto e poi non verificatosi nel weekend di Pasqua ha fatto perdere le prenotazioni agli albergatori locali. Ora minaccia azioni legali verso quei siti che hanno previsto quelle false precipitazioni… Zaia ha dichiarato guerra aperta, perchè non accontentarlo cancellando tutta la regione Veneto dal web compresi i siti degli albergatori che hanno subito le cancellazioni delle prenotazioni? Almeno la prossima volta non lamenteranno il disagio! Beviamoci su.

E’ guerra? Inviato sistema missilistico in difesa di Guam.

corea-del-nord-tuttacronaca-guerra-usa

Gli Usa hanno deciso di intevenire nella controversa situazione tra le due Coree. Dagli Stati Uniti è in arrivo  un avanzato sistema di difesa missilistico per difendere le basi militari americane nel Pacifico.

L’obiettivo è quello di proteggere contro missili a breve e medio raggio dalla Corea del Nord. Guam è divenuta una delle maggiori basi militari americane in Asia. Il dispiegamento, a titolo «precauzionale», avverrà nelle «prossime settimane». Il primo sistema THAAD avrebbe dovuto essere dispiegato nel 2015, ma le tensioni nella penisola coreana starebbero modificando i piani. Secondo indiscrezioni, alcuni nel Pentagono avrebbero voluto dispiegare il primo sistema THAAD in Medio Oriente per difendere Israele e gli altri alleati americani dai missili iraniani. La decisione – riporta il Wall Street Journal – segnale come il Pentagono ritenga la Corea del Nord come la minaccia più grande e potenzialmente più duratura per gli Stati Uniti e i loro alleati. Gli Stati Uniti hanno due sistemi THAAD a Fort Bliss in Texas, che sono pronti a essere usati ma è essenziale – riporta il Wall Street Journal – al Pentagono si ritiene essenziale lasciarne uno di riserva per le emergenze.

Le spese folli della Lega in Friuli… tutto rigorosamente verde!

cravatte-polenta- casalinghi-tuttacronaca

Polenta, calzature, vestiti, casalinghi, cravatte verdi. C’era un po’ di tutto nella lista della spesa del gruppo della Lega Nord alla Regione Friuli Venezia Giulia finita sotto la lente di ingrandimento della procura di Trieste. Insieme ai rappresentanti di altri partiti seduti in consiglio anche il vertice del Carroccio deve rispondere dell’accusa di peculato per essersi servita di fondi pubblici per uno scopo ben diverso da quello per il quale era stato elargito il contributo. I legali del capogruppo leghista Daniele Narduzzi hanno presentato una memoria difensiva per spiegare gli strani acquisti e respingere le accuse chiamando spese di rappresentanza orecchini, i portachiavi, le felpe, le t-shirt, collanine e braccialetti che venivano distribuiti in occasione delle feste padane. Ma se le giustificazioni per queste spese lasciano perplessi,   le spiegazioni per gli altri prodotti ci portano in un mondo surreale. Gli articoli sportivi definiti «acquisti legati alle premiazioni in cui i consiglieri partecipano per divulgare notizie sulle attività svolte e raccogliere informazioni e proposte su possibili modifiche di normative regionali in materia». Superata anche l’impasse dei casalinghi: «Sono in realtà acquisti in negozi bazar e riguardano oggetti utilizzati per supporto dell’attività politica. «Trattasi – si legge – di vasellame, piatti e bicchieri e anche di stoviglie indispensabili nelle cucine delle feste politiche». E ancora: «L’acquisto indicato come Nelly 33cm non è un elettrodomestico ma un pupazzetto verde arancio usato come mascotte. Idem per il pupazzetto Maxi Nina».

Poi ci sono il cibo per gli animali e un biglietto per la lotteria… anche questa attività di propaganda? I loro elettori sono cani?

polenta- lega-friuli-tuttacronaca

Acqua, pioggia e maltempo fermi i treni sulla Venezia-Trieste!

treni-maltempo- ghiaccio-tuttacronaca

A causa del maltempo che sta interessando dalla notte scorsa il nord d’Italia si registrano disagi alla circolazione ferroviaria: treni fermi sulla linea Venezia-Trieste per la formazione di ghiaccio sulla linea. Dalla notte scorsa l’area di Trieste è interessata da forti raffiche di bora che hanno sfiorato i 130 chilometri orari, con formazione di ghiaccio anche sulle strade e conseguenti problemi alla circolazione. In mattinata è stato chiuso il raccordo autostradale A4 in direzione di Trieste a causa di un incidente, con un tir finito di traverso sulla carreggiata.

Spazzata via la primavera… allerta maltempo!

maltempo-nord-sardegna-italia-tuttacronaca

La Protezione civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse per una perturbazione atlantica in arrivo sulla penisola italiana dal Mediterraneo occidentale, che porta condizioni di marcata instabilità su Sardegna e buona parte delle regioni del nord. Queste ultime registreranno un progressivo calo delle temperature, con nevicate sino a bassa quota sulla pianura padana.

Parcheggio del sesso!

novoli-tuttacronaca

Il viavai andava avanti ormai da tempo e la polizia ha deciso di porvi fine. Automobilisti che a tutte le ore si recavano nel parcheggio a Nord di Firenze attratti dalle numerose prostitute. Il problema è che i rapporti sessuali venivano consumati proprio nel parcheggio e così è scattato il blitz a sirene spiegate e ben dieci persone, cinque clienti e altrettante prostitute, sono state denunciate dalla polizia per atti osceni. Sono state sorprese a consumare i loro rapporti a pagamento in auto nel bel mezzo di una strada di Novoli, alla periferia nord di Firenze, trasformata in una specie di “parco del sesso” dove sarebbe stato visibile a tutti cosa accadeva negli abitacoli.

Uno sguardo a… Stufato alla Guinness

La ricetta puoi trovarla QUI!

tuttacronaca- STUFATO+ALLA+GUINNESS+(3)

Kenneth Branagh sulla scena di… The Boat That Rocked di Richard Curtis

Kenneth Branaght sulla scena di… The Theory of Flight di Paul Greengrass

Kenneth Branagh sulla scena di… Hamlet di Kenneth Branagh

Gente di Belfast… Kenneth Branagh

kenneth-branagh-tuttacronaca

Uno sguardo a Belfast… Shankill Road

tuttacronaca- UYM-Mural-Shankill-Road-Ulster

Uno sguardo a Belfast… Falls Road

falls road Irish Catalan - tuttacronaca

Uno sguardo a… BELFAST, Irlanda!

Titanic-Belfast-museum-tuttacronaca

Noma il “primo ristorante” al mondo dove si avvelenano 67 persone su 74!

Tuttacronaca - Rene-Redzepi-al-Noma-ristorante-Copenaghen

È famoso in tutto il mondo per la sua innovativa cucina nordica: muschi, licheni, germogli di felce e trifogli acetosi. Per tre anni consecutivi il Noma di Copenaghen è stato eletto il miglior ristorante al mondo. Il tempio gastronomico del giovane chef danese René Redzepi è finito ora al centro delle cronache: numerosi clienti nelle ultime settimane hanno accusato malori (con crampi intestinali, forte diarrea e vomito) dopo aver gustato i celebri piatti. I funzionari del Dipartimento dell’Alimentazione danese, il Fødevarestyrelsen, hanno ispezionato nei giorni scorsi il ristorante stellato dopo che almeno 63 clienti, che avevano pranzato al Noma a metà febbraio, si sono improvvisamente sentiti male, colpiti da un norovirus conosciuto anche come virus di Norwalk. Le fonti più comuni da cui è possibile contrarre questo virus sono acqua e cibo contaminato. L’agenzia sanitaria avrebbe inoltre riscontrato dei «problemi d’igiene». «Si è ammalato anche parte del personale venuto in contatto col cibo», scrive l’agenzia nel suo rapporto molto critico. Il Fødevarestyrelsen imputa al Noma di non aver disinfettato per tempo le cucine così da evitare un’ulteriore diffusione del contagio. I funzionari hanno poi scoperto che non c’era acqua calda nei rubinetti utilizzati dal personale per lavarsi le mani.

Il richiamo ufficiale getta una cattiva luce sul Noma, Nordisk e Mad, contrazione delle parole Cibo e Nord – nominato la scorsa primavera per la terza volta consecutiva miglior ristorante del mondo dalla giuria del «San Pellegrino World’s 50 Best Restaurants Award». Il locale – dove un menù d’assaggio costa circa 200 euro a persona – fa piatti della cucina tradizionale nordica: «fiordo norvegese», «brodo ristretto di legno di betulla al vapore, finferli e nocciole fresche», «pellicola di latte con erba, fiori e aromi». Il 33enne chef René Redzepi, con due stelle Michelin, è considerato infatti il pionere della Nuova Cucina Nordica. «È una questione che ci tocca profondamente; siamo davvero dispiaciuti», ha detto il direttore del Noma, Peter Kreiner, in uno scarno comunicato alla stampa. «Stiamo ancora cercando di trovare la fonte dell’infezione; probabilmente è stata introdotta nel locale da un dipendente influenzato».

E I PROBLEMI D’IGIENE? E L’ACQUA FREDDA PER LO STAFF? MAGARI SE PERMETTESSERO DI LAVARSI LE MANI CON ACQUA CALDA ANCHE LE “INFLUENZE” DIMINUIREBBERO! CHE BRUTTA FIGURA!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Festa delle lanterne cinesi… arriva la primavera!

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ la tradizionale Festa della primavera.

La sera della Festa delle Lanterne corrisponde alla prima sera di luna piena del primo mese lunare; per l’occasione a livello popolare vige l’ usanza di appendere lanterne colorate, da cui il nome della festa. L’ammirazione delle lanterne e il consumo degli yuanxiao, ossia palline di farina di riso glutinoso, sono i piaceri principali della festa. Perché si appendono le lanterne colorate?

Secondo la leggenda, nel 180 a.C. l’imperatore Han Wendi, degli Han occidentali, sarebbe salito al trono il 15 gennaio del calendario lunare e per commemorare l’evento avrebbe fissato la data come festa delle lanterne. Ogni anno la sera della festa egli lasciava il palazzo per divertirsi con la popolazione. Per l’occasione, tutte le famiglie appendevano lanterne multicolori di forma svariata lungo le strade. Nel 104 a.C. la Festa delle Lanterne venne ufficialmente inserita fra le feste nazionali più importanti. La decisione ne ampliò ulteriormente le dimensioni. Secondo i regolamenti, occorreva appendere le lanterne in tutti i luoghi pubblici e davanti ad ogni casa, in particolare nelle zone più animate o nei centri culturali delle città si dovevano tenere grandi mostre di lanterne, offerte all’ammirazione della popolazione, che poteva anche impegnarsi nella soluzione degli indovinelli ivi iscritti e danzare con le lanterne del drago. La manifestazione divenne così permanente, continuando nei secoli. Secondo i documenti storici, nel 713 al tempo della dinastia Tang nell’allora capitale Chang’an (l’attuale Xian), venne eretto un “monte di lanterne” alto sette metri, realizzato con più di 50.000 lanterne.

Le lanterne della festa sono realizzate con carta colorata nelle forme di paesaggi, edifici, personaggi, fiori, uccelli, animali e altre figure, tra cui spiccano le lanterne dei cavalli in corsa, decisamente le più caratteristiche. Si tratta di un tipo di lanterna-giocattolo che si dice abbia una storia di più di mille anni. All’interno questa possiede un meccanismo rotante ed una candela, che una volta accesa crea aria calda che sale e fa muovere il meccanismo ed i cavalli di carta ivi applicati, che paiono quindi galoppare. L’ombra dei cavalli si riflette sulle pareti della lanterna, dando dall’esterno l’impressione di una mandria di cavalli sfreccianti.

Nel corso della festa il consumo degli yuanxiao è un’altra abitudine molto importante. Al tempo della dinastia Song (960-1279) cominciò a diffondersi un nuovo tipo di alimento, ossia un ripieno di frutta secca ricoperto di uno strato di farina di riso glutinoso, di forma rotonda, che una volta bollito è delizioso, con un gusto dolce. In seguito nel nord della Cina queste palline vennero chiamate “Yuanxiao” e nel sud “Tangyuan” o “Tangtuan”.

Ad oggi esistono quasi 30 tipi di yuanxiao, con ripieni di lazzeruola, pasta di giuggiole, pasta zuccherata di soia rossa, sesamo, cioccolato, ecc. Nelle diverse zone del paese i gusti sono vari, come nella provincia meridionale del Hunan, dove le palline sono di un bianco trasparente, e a Ningbo, nella provincia del Zhejiang, sulla costa orientale, dalla copertura sottile e dal ripieno compatto. A Shanghai sono chiamate “uova di colomba”, delicate e fresche, mentre a Pechino hanno ripieni di lazzeruola, sesamo e burro, con un gusto molto speciale.

A parte l’ ammirazione delle lanterne e il consumo degli yuanxiao, per la Festa delle Lanterne si tengono anche altre attività ricreative, come i percorsi sui trampoli e le danze yangge e del leone. In particolare le danze del leone, a parte la Cina, ovunque nel mondo dove vivano dei cinesi sono praticate in occasione di ogni festività. L’arte è suddivisa nelle scuole del nord e del sud: le danze del sud privilegiano la varietà delle tecniche e il movimento, implicando normalmente due persone, mentre quelle del nord si presentano impressionanti per la presenza di una decina o più decine di persone che danzano con l’accompagnamento di musica popolare, con un’ampia partecipazione di pubblico, creando la particolare calorosa atmosfera della Festa delle Lanterne.

Il PD va all’attacco… neve a nord? “taxi” per tutti gli anziani per votare

pd-taxi-neve

Il Pd si attrezza contro le possibili defezioni dalle urne a causa delle nevicate previste nelle prossime ore. A Padova i giovani del partito si offriranno come taxisti per gli anziani e i disabili che avessero difficolta’ nel raggiungere i seggi. L’idea e’ del segretario cittadino, Piero Ruzzante: ”per rendere possibile concretamente il voto a tutti – ha annunciato – metteremo a disposizione un servizio taxi gratuito per recarsi ai seggi”.

Una campagna elettorale che risparmia i colpi di scena… il Pd s’inventa mosse quasi da campagna “americana” per cercare di portare le persone alle urne.

La follia dilagante della Corea del Nord!

le provocazioni di pyongyang

Dopo che l’ ennesima esercitazione nucleare di Pyongyang, l’Unione Europea insorge e applica sanzioni alla Corea del Nord.   Sono state inasprite anche  le restrizioni imposte sui prodotti associati con i programmi nucleari o balistici della Corea del Nord.

Arriva secca la risposta del Nord Corea e viene indirizzata alla “sorella” Corea del Sud e ai suoi alleati all’Onu. Il diplomatico di Pyongyang, Jon Yong Ryong, alla Conferenza Onu  parla di distruzione finale.  La follia in Corea del Nord dilaga e la paura aumenta.

Il meteo politico!

meteo
Oggi giornata di tregua, ma già domani comincerà a peggiorare per l’avvicinarsi di un nucleo di aria gelida di origine siberiana che poi per tutta la seconda parte della settimana influenzerà il tempo sull’Italia, portando a più riprese la neve fino in pianura al Nord e piogge insistenti, anche intense, al Centrosud. Domenica e lunedì maltempo e clima freddo in gran parte del Paese.

Oggi avremo nuvole residue al Sud e in Sicilia ma senza precipitazioni di rilievo. In prevalenza sereno o poco nuvoloso sul resto d’Italia, con appena qualche nuvola innocua in più sulle zone alpine. Temperature massime senza grandi variazioni e in generale comprese tra 7 e 12 gradi con punte di 14-15 solo in Sicilia. Venti dai quadranti settentrionali, moderati al Sud, in generale deboli altrove.

Rischio valanghe  sulla maggior parte del settore alpino centro-orientale. Rischio anche sulle Alpi occidentali e sull’Appennino Pesarese e Fabrianese. Possibilità di valanghe anche sui Monti Sibillini. Si raccomanda dunque di prestare la massima attenzione laddove vengano praticate attività di fuoripista o di sci alpino.

Le temperature minime – Ecco quali sono i valori previsti in alcune città italiane nella notte tra oggi (martedì 19 febbraio) e domani (mercoledì 20 febbraio): Aosta: – 5 gradi, Brescia: 0 gradi, Milano: 1 grado, Torino: – 2 gradi, Bologna: 0 gradi, Treviso: 1 grado, Venezia: 1 grado, Ancona: 1 grado, Firenze: 2 gradi, Perugia: – 3 gradi, Roma: 2 gradi, Bari: 1 grado, Napoli: 3 gradi, Catania: 4 gradi, Palermo: 5 gradi, Cagliari: 5 gradi.

Mercoledì nubi al Nord, Toscana, Umbria, Marche e Isole: deboli piogge su Levante Ligure, Alta Toscana, Lombardia e Veneto, con neve fino a 700-800 metri sui rilievi. In generale bello nel resto d’Italia. Nel corso della notte il limite delle nevicate si abbasserà fino a quote collinari (300-400 metri) al Nord. Piogge sparse in Liguria e sulle coste dell’alto Adriatico. Più giù, qualche piovasco anche sulle estreme regioni meridionali. Temperature massime in calo al Nord, stazionarie o in leggero aumento nel resto del Paese.

Le temperature massime – Queste sono le temperature previste per le ore centrali di domani (mercoledì 20 febbraio): Aosta: 7 gradi, Brescia: 7 gradi Milano: 8 gradi, Torino: 9 gradi, Bologna: 7 gradi, Treviso: 8 gradi, Venezia: 7 gradi, Ancona: 9 gradi, Firenze: 10 gradi, Perugia: 11 gradi, Roma: 12 gradi, Bari: 13 gradi, Napoli: 13 gradi, Catania: 15 gradi, Palermo: 16 gradi, Cagliari: 14 gradi.

Da giovedì torna la neve al Nord – Da giovedì assisteremo alla scontro sull’Italia di un nucleo di aria gelida di origine siberiana con le più miti e umide correnti atlantiche. Tale scontro riporterà la neve fino in pianura al Nord e piogge che da venerdì potranno essere anche di forte intensità. In particolare, giovedì nevicherà fino in pianura su quasi tutto il Nord con fenomeni più intensi tra Emilia e Venezie; venerdì, in forma più debole e intermittente, su Triveneto ed Emilia; sabato al Nordest; domenica probabile, temporanea tregua al Nordest, con possibile nuovo peggioramento al Nordovest. Gli accumuli più importanti si prevedono in alcune zone di Emilia e Veneto.

Italia al voto con il maltempo – Nei due giorni in cui gli italiani saranno chiamati a votare, domenica 24 e lunedì 25 febbraio, si prevede maltempo in gran parte d’Italia con neve fino a bassa quota al Nordovest e clima freddo dappertutto.

Zaia prova a mettere il Nord vs Sud… quando la finiremo con questi giochetti?

BeFunky_B&w_4

L’abito bianco si trasferisce in comune: al Nord preferiscono il matrimonio civile

Nel Nord Italia il 51,7% delle coppie preferisce sposarsi in municipio.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: