Un calvario lungo 30 anni: dall’acne alla paralisi. La storia di Nicoletta

nicoletta-breda-tuttacronacaTrent’anni fa Nicoletta Breda ha contratto una forma aggressiva di acne che prima l’ha colpita al volto e alla bocca ma poi si è propagata anche alla gola, impedendole così di nutrirsi. A nulla è valso il pellegrinaggio intrapreso con i genitori per contattare i migliori dermatologi: all’età di 15 anni pesava appena 28 chili, di fronte al suo metro e 78 cm di altezza. Una magrezza che le causa problemi muscolari per i quali la famiglia si rivolge all’ospedale di Padova dove le viene prescritto un busto correttivo che dovrebbe sostenerla ma le schiaccia le vertebre, il midollo osseo e l’intestino, atrofizzandole un braccio e una gamba. I genitori, oltre alla medicina ufficiale, percorrono tutte le strade possibili ma, attualmente, la parte sinistra del corpo di Nicoletta è semi paralizzata, due vertebre sono schiacciate e le è stato riconosciuto uno stato di disabilità del 100%. Ora sono gli specialisti dell’Arep a curarla ed a tentare di alleggerire una situazione che è diventata cronica con lo scorrere degli anni. Quello che lei, supportata dalla famiglia ma abbandonata dal sistema sanitario e sociale, chiede è un’accompagnatoria che le permetta di pagare le spese sanitarie e il supporto dei servizi sociali per accompagnarla alle terapie riabilitative.”Ancor oggi i medici non sanno dare spiegazioni sulla patologia di mia sorella – spiega Morena, che ora ha promosso una crociata in difesa dei diritti di Nicoletta -. Mia sorella sopporta quotidianamente dolori fortissimi dovuti alla sua condizione fisica, ma è abbandonata da tutti. I miei genitori hanno ottant’anni ed è problematico anche solo metterla a letto e accompagnarla alle visite specialistiche. Ogni due ore, giorno e notte, papà e mamma le somministrano le terapie. Passa le sue giornate in piedi o al massimo seduta in cucina, perchè anche portare la carrozzina al piano terra o farle fare una passeggiata è complicato. Gli è stata riconosciuta una pensione di invalidità di 286 euro, ma le spese dei medicinali ammontano mensilmente a 600 euro. In passato mio padre ha investito tutti i suoi risparmi nel tentativo di far curare Nicoletta, ma le istituzioni hanno voltato le spalle a lui e a tutta la nostra famiglia. Da anni presentiamo le nostre istanze alla Commissione invalidità all’Usl 9 alla Madonnina. L’ultima richiesta è stata depositata a gennaio, ma ancora non abbiamo avuto risposte. Ed è comunque paradossale che Nicoletta abbia l’invalidità riconosciuta completamente, ma le venga negato qualsiasi supporto assistenziale”.

Annunci
Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: