Il pilota di linea costretto da un Ufo a una manovra d’emergenza!

ufo-tuttacronacaSta facendo il giro del mondo in questi giorni la storia di un capitano d’aviazione di linea inglese, anonimo, che nessuno può smentire e che lui non si rimangia. Racconta che, il 13 luglio 2013, alle 18 e 35 vicino a Heathrow, Inghilterra, un oggetto a forma ovale, color argento, splendente e velocissimo, sarebbe entrato in rotta di collisione con il suo Airbus. Per evitarlo, il Capitano racconta di aver eseguito una manovra di emergenza portando l’aeroplano in picchiata per qualche attimo, tempo sufficiente ad evitare l’impatto. Con un oggetto che giura di aver visto e aver rilevato come minaccia per il velivolo, ma che nessuno strumento a terra ha rilevato. Ecco come parla Repubblica dell’accaduto:

L’Airbus A320 volava a 34000 piedi sulla zona del Berkshire, non lontano dall’aeroporto principale di Londra. Subito dopo l’incidente il Capitano racconta di aver avvisato i controllori di volo e controllato gli strumenti dell’aereo. Ma da nessuno dei due elementi di controllo risultava nulla. Sul Telegraph la vicenda viene descritta come una “apparizione improvvisa di un oggetto dalla forma allunga, a sigaro, tendente all’ovale, color argento brillante”, diretto a velocità sostenuta verso l’aeromobile. La mancanza di tempo per intraprendere una manovra di allontanamento avrebbe indotto il Capitano a entrare in picchiata, con l’oggetto che a quel punto sarebbe passato a poca distanza dall’Airbus, con l’impatto evitato per il rotto della cuffia. Le indagini su quanto accaduto per ora non hanno prodotto conferme. Rimane da verificare se nella scatola nera ci sia qualcosa che aiuti a fare luce sul presunto incontro ravvicinato. In grado di terrorizzare un capitano e di indurlo a una manovra azzardata per contrastare una minaccia di impatto.

Fare luce sì, ma come? Secondo i radar militari e la Airprox Board, l’ente che indaga sugli incidenti di volo in Inghilterra, non c’erano altri velivoli in prossimità dell’Airbus al momento del fatto. La stessa autorità nega che possa essersi trattato di palloni meteo o giocattoli. Ufficialmente insomma in aria nei pressi dell’aereo non c’era nulla: “Non è stato possibile determinare le cause dell’avvistamento”, conclude il rapporto. Il dottor David Clarke, consulente per gli oggetti volanti non identificati per i National Archives inglesi, ha un’idea chiara: “E’ un avvistamento interessante perché è chiaro e dettagliato. I piloti non scrivono rapporti per nulla, è certamente successo qualcosa”. Ma in Inghilterra, il ministero della Difesa ha chiuso il suo ufficio dedicato agli Ufo nel 2009, per il “calo di avvistamenti”. E anche per questo, in mancanza di altri elementi la storia del pilota dopo essere diventata virale su siti e giornali del mondo, sembra proprio destinata a finire nel cassetto dei parecchi casi di avvistamento in volo, rimasti insoluti e poi facilmente dimenticati. Difficilmente però, da chi li racconta in prima persona.

L’auto che “tenta” di entrare in vetrina a Napoli

auto-frette-napoli-tuttacronacaIncidente a Napoli, in via dei Mille, all’interno della Ztl, dove un automobilista ha perso il controllo della sua vettura finendo per schiantarsi contro la vetrina del negozio Frette. Sul posto, agenti della Polizia Municipale e carabinieri mentre s’indaga per accertare la dinamica dell’incidente. La strada è delimitata da dissuasori che sono rimasti in piedi. Il conducente dell’auto è rimasto illeso ma ha provocato ingenti danni sia al negozio sia alla struttura muraria che incornicia le vetrine. L’incidente si è verificato poco dopo le 14,30.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Gli aggiornamenti su Schumi: condizioni “stabili ma sempre critiche”

Michael-Schumacher-condizioni-di-salute-tuttacronacaIl nuovo comunicato dell’ospedale di Grenoble, dov’è ricoverato l’ex pilota Michael Schumacher, ancora in coma indotto, recita: “La privacy del paziente esige che non vengano dati dettagli sul suo trattamento ed è per questo che non prevediamo di tenere conferenze stampa né di diffondere comunicati scritti. Chiediamo di rispettare il segreto medico e di attenersi solo alle informazioni date dal nostro staff o dal suo management”. Le condizioni di Schumi, è stato reso noto, restano stabili ma sempre critiche. Nel frattempo la procura e i gendarmi che indagano sull’incidente sciistico occorso al sette volte iridato hanno fatto sapere che terranno una conferenza stampa mercoledì alle 11, al palazzo di giustizia di Albertville, nelle Alpi francesi. E’ stato il procuratore Patrick Quincy, citato da diversi media transalpini, a darne l’annuncio. La conferenza stampa, ha spiegato, fornirà aggiornamenti sull’avanzamento delle indagini per ricostruire la dinamica della caduta. Il procuratore, nativo della Repubblica del Congo dove ha vissuto per 20 anni,  ha lavorato come pubblico ministero per oltre 28 anni, sei anni dei quali trascorsi sull’isola francese d’oltremare della Riunione. Ad Albertville ha lavorato dal 2009 come procuratore. A “Le Dauphiné Libéré” Quincy ha dichiarato: “Sono testardo, perseguirò il mio obiettivo fino alla fine”.

Si sgancia un filo e cade la Befana, in prognosi riservata un vigile del fuoco

befana-caserta-tuttacronaca

Il clima di festa trasformato in tragedia da un incidente che si è verificato a Caserta nella serata di domenica durante “il volo” dal campanile del Duomo al palazzo di fronte. Il vigile del fuoco -attore che impersonava la Befana, il 45 enne Salvatore Alfano di Santa Maria La Fossa è andato a sbattere violentemente contro il campanile e ha riportato un trauma cranico fortissimo. Lo stupore e la disperazione di centinaia di famiglie che erano accorsi in piazza per assistere all’evento hanno immediatamente trovato fondamento nella gravità delle condizioni in cui versa il vigile del fuoco, ricoverato d’urgenza all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, è ora in prognosi riservata.

Questa presentazione richiede JavaScript.

 

Responso shock: “Schumi vivrà ma rischia la paralisi”. La famiglia smentisce

schumacher-tuttacronacaE’ in coma da una settimana Michael Schumacher, in lotta contro il tempo e un edema cerebrale che non si riassorbe. Nel frattempo sono arrivate notizie sulle sue condizioni di salute in forma non ufficiale tramite l’ex pilota Philippe Streiff che spiega come l’ex ferrarista non rischia più la vita, ma la voce, l’uso delle braccia e delle gambe. Streiff ha parlato con Gerard Saillant, il famoso chirurgo francese amico di Schumacher e Ronaldo, volato a Grenoble “a titolo personale”. Si tratta del medico che operò Schumi nel ’99 al ginocchio, due anni dopo il suo incidente al gran premio d’Inghilterra. A lui Ronaldo dedicò due gol, dopo che per due volte Saillant lo aveva riportato sui campi di calcio. Saillant mi ha detto che le condizioni di Michael sono serie, ma che la sua vita non è più in pericolo, per fortuna” ha raccontato Streiff a Radio Monte Carlo. Ma il pericolo resta. “Adesso gli fanno scanner ogni giorno per vedere come si riassorbe l’edema cerebrale. Più si riassorbirà velocemente, meno ci saranno conseguenze. Ormai sappiamo che l’edema era bilaterale lunedì scorso e che ora resta soltanto sul lato sinistro e questo è già un progresso. Ma se non ci saranno evoluzioni presto, c’è il rischio di emiplegia del lato opposto, il destro, che purtroppo è anche il lato della voce. Ci sarà sicuramente rieducazione, spero che riuscirà a ritrovare l’uso della parola e degli arti”. Streiff si è voluto mostrare ottimista sulle possibilità di farcela per il suo amico. “E’ la più importante corsa della sua vita – ha detto – ma ha un mentale talmente forte che ce la farà, ce la farà senza conseguenze, me lo sento”. Ma per avere certezze bisogna attendere domani, quando arriverà il nuovo bollettino, con i medici che nei giorni scorsi si sono limitati a parlare di “condizioni stabili ma critiche”. Ma nel frattempo è giunto un comunicato della portavoce di Schumacher, Sabine Kehm, con il quale ha raccomandato di considerare come “pura speculazione qualsiasi informazione sulla salute di Schumacher che non provenga dai medici che si occupano di lui o dalla direzione dell’ospedale”. Per ora i medici che seguono il sette volte campione del mondo hanno soltanto evocato uno “choc ad alta cinetica”, ovvero uno schianto ad alta velocità. Impossibile però fino a questo momento determinare le cause della violenza della caduta, su una prima e poi probabilmente una seconda pietra, talmente forte da spaccare in due il casco, recuperato “pieno di sangue” secondo i testimoni.  Streiff, che è di Grenoble, e che ha conosciuto bene le piste di Meribel, ha detto al quotidiano L’Equipe di non trovare normale “che tra le due piste regolarmente segnalate ci sia questo passaggio con rocce sporgenti il cui accesso non sia stato vietato da barriere”.

Schumi non è più in pericolo di vita

Michael-Schumacher-tuttacronacaE’ stato l’ex pilota di Formula 1 Philippe Streiff, grande amico di Schumacher, a riferire all’Associated Press di aver parlato con il dottor Saillant, secondo cui la vita di Michael non sarebbe più in pericolo. “Non sono un medico – ha precisato Streiff parlando con i giornalisti – sto solo riferendovi quello che mi ha detto Gerard Saillant. E lui mi ha detto che Schumacher è ancora in gravi condizioni, ma ora per fortuna non è più in pericolo di vita”. La manager del sette volte iridato, Sabine Kehm, ha tuttavia invitato tutti alla cautela, ribadendo che “le sue condizioni sono ancora critiche ma stabili e non ci sarà nessun bollettino medico fino a lunedì”. Nel frattempo anche questa mattina presto gli amici e i familiari di Schumi sono arrivati all’ospedale di Grenoble, dove l’ex campione di Formula 1 è ricoverato da domenica in coma indotto dopo un incidente sugli sci. La moglie di Schumacher, Corinna, in compagnia del padre Rolf e del fratello Ralf sono stati i primi ad arrivare. Con loro c’era il medico di famiglia, il professor Gerard Saillant e il presidente della Fia Jean Todt con la moglie. L’ex team principal della Ferrari, grande amico di Schumi dopo i tanti trionfi di Maranello, praticamente tutti i giorni si reca a far visita allo sfortunato pilota.

La clamorosa gaffe dall’Inghilterra: “Michael Schumacher …”

gaffe-tuttacronacaSimon Darby, portavoce di Nicholas “Nick” John Griffin, presidente del British National Party (il Partito Nazionale Britannico) e membro del Parlamento europeo da Giugno 2009, ha fatto un’incredibile gaffe parlando del sette volte campione del mondo di Formula 1 attualmente in coma dopo un incidente sugli sci. “Michael Schumacher ha milioni in banca, ma ora farebbe di tutto per essere nella posizione di Nick, giusto”, ha detto. Mr Griffin è stato costretto a dichiarare la bancarotta dopo aver contratto enormi debiti per una controversia legale per negligenza professionale. Lui stesso, via Twitter, ha precisato che la dichiarazione di insolvenza non gli impedisce di continuare a essere un parlamentare Ue né tantomeno di ricandidarsi. Semplicemente, ha detto, “mi libera da preoccupazioni finanziarie. È una bella giornata!”. Sentito da UffPost Uk, il suo portavoce si è lasciato sfuggire l’infelice paragone.

La morte di Paul Walker: la Porsche lanciata a oltre 160 km/h

Paul-Walker-tuttacronacaDall’autopsia e dagli esami condotti dal medico legale è emerso che la Porsche su cui viaggiava l’attore Paul Walker, morto lo scorso 30 novembre per uno schianto dell’auto contro un albero a nordest di Los Angeles, andava a più di 160 chilometri orari. Il giorno  successivo all’incidente erano state molte le voci sulla possibilità che l’auto, su cui l’attore si trovava con un amico, fosse impegnata in una gara con un altro bolide. L’entourage della star di Fast & Furious ha sempre smentito, ribadendo che l’attore era di ritorno da una manifestazione benefica.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Schumacher e il mistero della telecamera sul casco

michael-schumacher-casco-tuttacronacaEra nato un mistero attorno alla telecamera istallata sul casco protettivo di Michael Schumacher al momento dell’incidente: non era infatti certo che fosse stata ritrovata e, secondo il quotidiano francese, l’ex pilota aveva sul casco una Gopro (quella utilizzata per riprendere scene di sport amatoriali), che sarebbe finita in un primo momento nelle mani della famiglia, non disposta a consegnarla agli inquirenti. I familiari del pilota avrebbero voluto tenere per loro la telecamera perché “non tenuti a consegnarla” , per motivi di privacy, secondo Bfm Tv. Ora, tuttavia, il mistero sembra essersi risolto e la videocamera sarebbe nelle mani degli inquirenti francesi. A riferirlo, fonti riservate vicine all’inchiesta. Al pari della videocamera, erano già stati sequestrati per essere esaminati anche gli sci del sette volte campione del mondo di Formula Uno

Schumi indossava un casco con telecamera al momento dell’impatto

schumi-grenoble-tuttacronacaIl quotidiano francese Dauhinè Libèrè ha scritto che Michael Schumacher, al momento del tragico incidente a meribel, indossava un casco munito di telecamera. Quello che non è chiaro, tuttavia, è se la telecamera fosse accesa al momento dell’incidente e se le immagini eventualmente registrate siano ancora disponibili dopo lo schianto. Ancora, con l’incidente che è oggetto di un’inchiesta di Albertville, gli inquirenti, riferisce ancora il quotidiano, stanno ascoltando il figlio di Schumacher e un altro giovane: i due ragazzi potrebbero fornire informazioni sull’accaduto.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il triste compleanno di Schumacher: i tifosi riuniti per lui. VIDEO

schumacher-compleanno-tuttacronacaCompie 45 anni oggi il campione di Formula 1 Michael Schumacher, ricoverato a Grenoble dopo il terribile incidente sugli sci. Per l’occasione, tifosi da tutto il mondo inviano messaggi di affetto e testimonianze di vicinanza a lui e alla famiglia e in molti stanno organizzando manifestazioni per augurargli la guarigione.  La famiglia ha diffuso un messaggio in cui ringrazia tutte le persone che sono vicine a Michael: “E’ un combattente e non si arrenderà”.  Nel frattempo il piazzale davanti alla struttura ospedaliera dove si trova l’ex pilota, in lotta per la vita, i  supporters del Cavallino si sono riuniti per esprimere il loro sostegno.

Il 45° compleanno di Schumi: la Ferrari e i doppi auguri

schumacher-doppi-auguri-tuttacronacaSta lottando per vivere Michael Schumacher, dopo aver sbattuta la testa la scorsa domenica a causa di una brutta caduta dagli sci. Ma oggi è anche il suo compleanno e la Ferrari, sul suo sito, ha voluto fare al suo campione i migliori (doppi)auguri. “È un giorno speciale per la Ferrari e tutti i suoi tifosi. Oggi è il compleanno di Michael Schumacher, in queste ore impegnato nella corsa più importante della sua vita, e a lui vogliamo dedicare un omaggio particolare”. Sul sito appare una galleria fotografica che ripercorre i successi del sette volte iridato ex pilota. “Sono moltissimi i momenti belli in tanti anni trascorsi insieme e ne abbiamo voluti scegliere 72. Non è un numero casuale ma è quello che identifica il numero di vittorie conquistate da Michael con la Scuderia dal 1996 al 2006: 72 Gran Premi che hanno fatto gioire noi e i milioni di tifosi del Cavallino Rampante sparsi in tutto il mondo. Sono state emozioni indimenticabili che, insieme alla passione, all’impegno e alla dedizione hanno reso Michael per sempre parte della grande famiglia ferrarista”.  E il sito del Cavallino conclude: “Tutta la Ferrari, a cominciare dal Presidente Luca di Montezemolo e dal Team Principal Stefano Domenicali che sono in continuo contatto con la famiglia di Michael e le persone a lui più vicine, sta seguendo costantemente l’evolversi della situazione. Gli auguri che vogliamo fargli oggi sono doppi, ovviamente!”
Nella giornata di oggi sono attesi davanti all’ospedale di Grenoble numerosi fan del campione, provenienti tanto dall’Italia che dalla Francia che si riuniranno in una veglia silenziosa per Schumi.

Il campione di F1 sugli sci che fa infuriare il web in pena per Schumi

barrichello-sci-tuttacronacaPrima Lewis Hamilton, ora anche Rubens Barrichello. I campioni di Formula 1 sono incappati nelle ire del popolo della rete, con i moltissimi tifosi che sono in pena per le condizioni di salute di Michael Schumacher, in ospedale da domenica scorsa a causa di una caduta dagli sci. Il sette volte iridato si trova ora in coma farmacologico, dopo aver sbattuto la testa mentre sciava fuori pista. E se Hamilton aveva postato le foto delle sue vacanze in montagna, con tanto di sci ai piedi, su Instagram, Rubens Barrichello appare sorridente ad alta quota con la famiglia. Gli scatti che il pilota ha pubblicato su Facebook non sono certo passati inosservati, se non altro per la mancanza di tatto.

Auto travolta da un treno: un morto alle porte di Roma

passaggio a livello-tuttacronacaStava attraversando un passaggio a livello a Castelnuovo di Porto, in provincia di Roma, un’auto travolta da un treno. Nell’impatto con il convoglio, la vettura è stata scaraventata in una scarpata e il conducente è morto. Per estrarre il suo corpo dalle lamiere si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

Web infuriato con Hamilton: le foto sugli sci mentre Schumi è in coma

hamilton-sci-tuttacronacaSchumacher si trova nell’opsedale di Grenoble, in coma dopo una caduta dagli sci e Lewis Hamilton ha deciso, proprio ora, di postare su Instagram delle foto che lo ritraggono in montagna, sorridente e con gli sci ai piedi. Una settimana bianca che certo non desta scalpore se ha come protagonista un pilota di Formula 1 appassionato per lo sci, come lo stesso Schumacher, ma che manifesta una mancanza di tatto per il fatto di averle rese pubbliche. Proprio per questo motivo la bacheca del pilota si è riempita di insulti e frasi di sdegno da parte degli utenti, con alcuni che hanno sottolineato come sia stato poco ‘carino’ mostrarsi in tuta da sci, quando un collega e rivale storico lotta tra la vita e la morte per un’incidente sciistico. Hamilton ha comunque fatto un grande augurio di pronta guarigione al pilota tedesco.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Schumi: caduto per aiutare una bambina

schumacher-incidente-sci-tuttacronaca E’ il quotidiano tedesco Bild a spiegare che l’ex campione di F1 voleva aiutare una bambina, figlia di un suo amico, caduta mentre sciava e per questo si sarebbe allontanato dalla pista. La testata ha inoltre precisato che Schumi stava scendendo con sci presi a nolo lungo la pista del monte Saulire, dietro a un gruppo di bambini che voleva sorvegliare durante la discesa. All’improvviso una di loro è caduta e, per soccorrerla, Schumacher ha abbandonato il tracciato addentrandosi per una ventina di metri sulla neve fresca, tra le piste ‘Biche’ e ‘Mauduit’. La portavoce del pilota ha inoltre spiegato che Schumi è andato a cozzare contro una roccia che non aveva visto, perdendo l’equilibrio. Il fatto che sia poi andato a sbattere con la testa contro un secondo masso è stato dovuto solo a una coincidenza sfortunata. La Kehm ha sottolineato quindi che l’ex pilota non sciava troppo veloce e stava compiendo una normale curva. Ancora, il quotidiano tedesco ipotizza che a distrarre Schumacher durante la caduta, evitandogli di proteggersi il capo con le mani, possa essere stata la circostanza per cui uno degli sci non si è sganciato come avrebbe dovuto. La polizia francese li ha comunque sequestrati entrambi. Nel frattempo il sette volte campione del mondo ha trascorso la sua quarta notte consecutiva in ospedale a Grenoble. Secondo fonti mediche, rimangono ‘stabili’, anche se critiche, le condizioni di Schumacher, che domani compirà 45 anni, ed è ancora mantenuto in coma farmacologico: la sua temperatura corporea è stata abbassata artificialmente a circa 35 gradi centigradi, onde contribuire a ridurre l’edema cerebrale formatosi a seguito della caduta. Intanto si stanno facendo sempre più insistenti le voci di una possibile inchiesta sull’assenza di segnali di pericolo nel luogo in cui Schumacher è caduto. Nonostante il direttore della stazione sciistica di Meribel, Olivier Simonin, si dica tranquillo (“Tutte le nostre piste sono indicate alla perfezione”, ha detto), nel tratto in cui è avvenuto l’incidente non c’è alcun cartello di divieto.

Schumi: condizioni stabili ma il futuro resta incerto

schumi-aggiornamenti-tuttacronacaIn occasione di un incontro con i giornalisti Sabine Kehm, portavoce dell’ex pilota Michael Schumacher, rimasto gravemente ferito a seguito di un incidente sugli sc,i ha spiegato che le condizioni del sette volte campione del mondo di F1 continuano ad essere stabili. Il campione è ancora ricoverato in coma farmacologico nell’ospedale di Grenoble.” Ha passato una notte tranquilla – si è limitata a dire – non ci sono stati peggioramenti”. Per Schumacher quello di oggi è il terzo giorno in ospedale. Il sette volte campione del mondo è stato ricoverato domenica nel Centro ospedaliero Universitario di Grenoble, trasportato in elicottero da una struttura di Moutiers, in Savoia, dopo il terribile incidente sulle nevi di Maribel, dove si trovava con il figlio quattordicenne. Nella caduta, Schumacher ha battuto la testa contro una roccia, riportando più ematomi al cervello, nonostante indossasse il casco. Schumi è già stato sottoposto a due interventi durante i quali sono stati tolti alcuni ematomi mentre altri sono controllati in quanto non accessibili. “Schumacher è stato monitorato tutta la notte e il fatto che la pressione intracranica non sia aumentata è positivo. Le sue condizioni restano però critiche e sul futuro non ci si può ancora sbilanciare”.

Tenta di entrare nella camera di Schumi vestito da prete

schumi-tuttacronacaHa dell’incredibile la notizia riferita dal quotidiano tedesco Die Welt e che arriva dall’ospedale di Grenoble, dove un uomo ha tentato di introdursi nella camera in cui è ricoverato da domenica Michael Schumacher. L’intruso, forse un giornalista, ha tentato il blitz vestito da sacerdote. L’uomo sarebbe stato subito intercettato e scortato fuori dalla stanza. Il manager di Schumacher, Sabine Kehm, ha commentato sgomenta: “Non avrei mai immaginato che sarebbe potuto accadere qualcosa del genere”.

Schumacher: il casco spezzato in due e il nuovo bollettino medico

schumi-sci-tuttacronacaSi è spezzato in due al momento dell’impatto contro la roccia il casco che Michael Schumacher indossava domenica, quando è caduto sciando fuori pista a Meribel, nelle Alpi francesi. E’ un soccorritore che lo ha riferito alla Bild: “Quando siamo arrivati sul luogo dell’incidente il casco era spaccato”. La testata tedesca precisa di non avere conferma ufficiale dell’informazione. Secondo gli esperti, senza casco Schumacher sarebbe morto. Nel frattempo si è svolta una nuova conferenza stampa durante la quale il direttore dell’ospedale ha riferito che di un leggero miglioramento transitorio nelle condizioni di salute di Michael Schumacher che ha consentito, ieri pomeriggio, di effettuare una Tac sull’ex campione. Sono ottimisti i medici dell’ospedale di Grenoble, che hanno effettuato nella notte un secondo intervento.  I medici sono intervenuti sull’ematoma in prossimità del cervello e sono riusciti a prosciugarlo. Hanno poi inserito un dispositivo per diminuire la pressione cranica. La Tac di controllo ha mostrato, però, che ci sono altre lesioni. Per il momento il paziente – dice il direttore -, continuerà a stare in rianimazione. “Qui la situazione può precipitare da un momento all’altro, non si può dire che sia fuori pericolo”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Schumi: in lotta per la vita

Schumacher-tuttacronacaIl nuovo bollettino medico sulle condizioni di Michael Schumacher, redatto dai medici dell’ospedale di Grenoble recita: “Le condizioni di Michael Schumacher sono molto gravi. La situazione resta critica, ci sono lesione cerebrali diffuse, al momento è nel reparto di rianimazione e non possiamo pronunciarci sul suo futuro. Abbiamo ridotto l’edema cerebrale, è in coma artificiale per limitare la crescita della pressione intercranica”. Nel comunicato si specifica anche che, contrariamente a quanto era trapelato, Schumacher è stato operato “una sola volta”, che l’intervento, effettuato immediatamente dopo il suo arrivo “è andato bene” e che al momento “non sono previsti altri interventi”. Molto dipenderà dalla reazione che avrà Schumi nelle prossime ore (bisogna attendere la seconda notte) perché al momento non si possono escludere nemmeno danni al cervello, anche se i soccorsi sono stati tempestivi. Un nuovo bollettino medico è atteso per le 12. I medici spiegano che l’ex pilota ha riportato, nella caduta, un “severo traumatismo cranico”. “Quando è arrivato in ospedale era in stato confusionale e non rispondeva alle domande. L’impatto con la roccia è avvenuto nella parte destra del capo. La violenza dell’impatto è stata tale che senza casco non sarebbe arrivato vivo”. A favore di Schumacher, secondo medici, giocano “l’età, la forma fisica generale e l’assenza di altri problemi”. Tuttavia, parlando del futuro, hanno detto: “Non si possono fare previsioni ma tutte le persone che hanno avuto un trauma così non tornano esattamente quelle di prima”.

Ieri Schumi stava sciando insieme al figlio 14enne in un tratto fuoripista sulla discesa verso Meribel, dove possiede uno chalet, quando è caduto, sbattendo violentemente la testa contro una roccia e l’urto è stato così violento da rompere il casco. Nonostante sia conosciuto come un ottimo sciatore, Schumacher ha perso il controllo nella neve fresca cadendo per alcuni metri.

Questa presentazione richiede JavaScript.

“Prematuro trarre conclusioni”: restano stazionarie le condizioni di Schumi

michael_schumacher_tuttacronacaMichael Schimacher è ricoverato da ieri, dopo la rovinosa caduta sulle piste di Meribel, all’ospedale CHU Nord di Grenoble. Marc Penaud, il Vice-direttore della struttura, ha annunciato in mattinata che le condizioni del 7 volte iridato pilota tedesco restano critiche: “Schumacher, come ieri sera, rimane in una situazione critica e il quadro clinico non ha subito alcuna variazione”. Il primario del reparto di rianimazione Dottor Jean-François Payen, appare un po’ più critico sulle condizioni dell’ex Ferrari: “Michael Schumacher è giunto ieri in gravi condizioni, uno stato che potremmo definire critico sul piano della rianimazione cerebrale. Soffre di ipertensione intracranica, ci sono ematomi, contusioni e un edema cerebrale piuttosto seri. Confermiamo pertanto l’emorragia cerebrale, e una prognosi che rimane pertanto riservata. Schumacher resta in coma indotto e mantenuta in uno stato di ipotermia tra i 34 e i 35 gradi centigradi. Smentisco le voci che parlavano di un secondo intervento chirurgico. Lavoriamo ora per ora e diamo tempo al pilota di reagire alle cure. Non posso per ora darvi alcun responso o dirvi in quale direzione si svilupperanno le cose. Per ora queste sono le informazioni ufficiali e non diremo nulla di piú, anche perché ritengo sia ancora prematuro trarre conclusioni.”

Schumacher è in coma: secondo intervento nella notte

schumacher_ospedale_grenoble-tuttacronaca“Sto pregando Dio per proteggerti fratello! E mi auguro una tua pronta pronta guarigione Michael!”, ha scritto ieri in Twitter Felipe Massa, mentre Adrian Sutil, sempre tramite il social, ha detto: “Spero che Michael si riprenda presto! Auguro il meglio a lui e alla sua famiglia”. Romain Grosjean si è aggiunto alla lista dei piloti che sui social network hanno scritto un pensiero rivolto a Schumi: “Tutti i nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolte a Michael e alla sua famiglia. Spero che tu possa recuperare presto”. L’ex pilota di Formula 1 è stato vittima ieri di una grave caduta sugli sci e nella notte è stato operato una seconda volta all’ospedale di Grenoble. Lo riferisce l’edizione online del quotidiano francese “Le Dauphiné Libere”. Nella caduta il pilota ha riportato un “severo trauma cranico”.

Più tardi, tuttavia, il primario del reparto di rianimazione ha negato il secondo intervento.

Si aggravano le condizioni di Schumi dopo la caduta dagli sci: è in coma

schumi-tuttacronacaSarebbero peggiorate le condizioni dell’ex campione di F1 Michael Schumacher, dopo la violenta caduta dagli sci di oggi, nella località Meribel, in Alta Savoia, Francia. La nota diffusa dall’ospedale in cui si trova ricovarato recita: “Michael Schumacher è in condizioni critiche dopo l’incidente occorsogli mentre sciava”. In precedenza, prima che l’ospedale di Grenoble diffondesse la sua breve nota, l’emittente Rmc, citando fonti mediche dirette, aveva sostenuto via radio e sul proprio sito che le condizioni di ‘Schumi’ erano in peggioramento parlando appunto di “stato critico” e di “emorragia cerebrale in corso”. L’emittente aveva anche reso noto che in ospedale, oltre alla moglie e ai figli del pluricampione del mondo di F1, era arrivato il professor Gerard Saillant, proveniente da Parigi, che operò il ferrarista dopo l’incidente di Silverstone (1999).”Il signor Schumacher è arrivato a Grenoble alle 12.40, in seguito a un incidente sugli sci avvenuto in tarda mattinata. Presentava un grave trauma cranico ed è arrivato in ospedale in coma. Si è reso necessario un immediato intervento neurochirurgico e la situazione resta critica”, recita testualmente il bollettino. “La polizia sta indagando per capire cosa ha provocato l’incidente”, ha detto Christophe Gernignon-Lecomte, direttore generale dell’ente Meribel Tourisme.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Stella, la bimba morta in un incidente, salverà la vita a 5 persone

stella-bimba-morta-tuttacronacaE’ morta ieri la piccola Stella, ricoverata in gravissime condizioni al Bambin Gesù di Roma dopo che un romeno ubriaco, sotto l’effetto di droga e senza patente, aveva provocato un gravissimo incidente stradale la sera del 26 dicembre nel quale la piccola era rimasta coinvolta. Ora i suoi organi salveranno cinque persone. Il primo trapianto è avvenuto stamani all’ospedale di Padova dove una ragazzina di undici anni ha ricevuto il fegato di Stella. Il cuore è destinato a Napoli, i due reni a Milano e i polmoni a Roma. Luca Zaia, governatore del Veneto, ha ringraziato pubblicamente i genitori della bimba: “Il primo pensiero ed il primo grazie vanno ai genitori della piccola tragicamente scomparso. Il loro gesto d’amore nel donare gli organi non verrà dimenticato. Complimenti anche all’organizzazione del nostro sistema trapianti, che ha saputo gestire la difficile logistica e tempistica del tutto con grande efficacia e all’equipe del professor Umberto Cillo”.

Trauma cranico per Schumacher: caduto mentre sciava

schumi-sci-tuttacronacaStava sciando sulle nevi di Meribel, in Francia, il sette volte iridato Michael Schumacher, che è stato ricoverato a Grenoble con un trauma cranico. Christophe Gernignon-Lecomte, direttore della stazione sciistica dov’è avvenuto l’incidente, ha parlato alla radio RMC, come riportato dal quotidiano francese L’Equipe: “La caduta è avvenuta alle 11.07, Schumacher indossava il casco. I soccorsi sono intervenuti rapidamente, era sotto shock, un po’ agitato ma cosciente. Si è trattato di un trauma cranico, ma non dovrebbe essere troppo grave”.

Shock in Usa: il sito che annuncia che Paul Walker non è morto

paul_walker-tuttacronacaLa morte di Paul Walker ha gettato nella disperazione migliaia di fan e c’è chi ha tentato di dare un senso al terribile incidente che ha tolto la vita alla star hollywoodiana e all’amico Roger Rodas. In sole 48 ore era già pronta la teoria di un complotto ad hoc e ora il sito americano nodisinfo.com lancia un’altra bomba: Paul Walker non solo non sarebbe morto ma l’incidente sarebbe stato inscenato così come il suo decesso sarebbe stato falsificato. Il sito dedica numerosi articoli a questa ipotesi, cercando di dimostrare in tutti i modi l’incidente-fake che ha coinvolto il famoso attore di ‘Fast and Furious’. A questo punto resta aperta la questione del perchè mai avrebbe dovuto inscenare la sua morte. “Paul Walker non è morto, neppure Roger Rodas. Sono entrambi vivi e vegeti, i loro parenti lo sanno bene”, scrivono sul un’articolo nel sito.  Ad essere presa di mira è anche la ragazza di Walker, accusata di aver cambiato stato d’animo, da sorridente a disperata, non appena ha visto l’arrivo delle telecamere.  “Perché tormentano la gente? Vogliono confondere volutamente e ingannare il popolo. Perché? I decessi di Walker e Rodas sono stati falsificati sulla base di un incidente d’auto fasullo coinvolgendo in stile hollywoodiano”, conclude l’articolo.

Questa presentazione richiede JavaScript.

L’incidente causato dal romeno drogato: la bimba di 9 anni non ce l’ha fatta

stella-morta-tuttacronacaNon ce l’ha fatta la piccola stella, di appena 9 anni: è morta questa notte al Bambin Gesù dopo esser finita sull’asfalto giovedì sera durante lo scontro frontale avvenuto sulla Nettunense. La bimba si trovava in auto con la madre, la sorellina minore e due cugini quando il romeno Daniel D., 21enne residente a Nettuno, è piombato contro la loro vettura mentre effettuava un sorpasso a rischio. Nell’impatto ha perso la vita il cagnolino della bimba mentre la madre è gravemente ferita. Stando ai rilievi della polizia stradale di Albano, il 21 era alla guida ubriaco e sotto l’effetto della cocaina. Ora per lui è scattata l’accusa di omicidio colposo. L’incidente era avvenuto attorno alle 19 di sera in via Nettunense, nei pressi della stazione ferroviaria di Campo di Carne.  La Ford Ka guidata dal cittadino romeno ha invaso la corsia opposta contromano centrando in pieno una Fiat Panda guidata dalla mamma di Stella, Eugenia C., detta Gianna, 45 anni, di Roma, che si è vista piombare addosso quel bolide. A bordo della Panda c’erano anche l’altra figlia della donna, Selvaggia, di 4 anni, ora ricoverata con lei all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, i nipoti Manuel M., di 20 anni, e Luana M., di 21, che stava riaccompagnando a Nettuno dopo la giornata di festa e il cagnolino della piccola Stella, morto sul colpo. Entrambi sono ricoverati all’ospedale di Anzio. Politraumatizzato, in particolare con un femore rotto e ricoverato anche lui a Latina, Daniel D. che – secondo i rilievi della polizia stradale – guidava spericolato in direzione di Aprilia, pur non avendo mai conseguito la patente automobilistica come è stato poi appurato.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Foto shock: l’auto di Iturbe dopo uno spaventoso incidente stradale

iturbe-auto-tuttacronacaSi trova in vacanza in Paraguay, suo Paese natale, Juan Manuel Iturbe, attaccante del Verona che oggi è rimasto coinvolto in uno spaventoso incidente stradale del quale non è ancora chiara la dinamica. Le foto che già rimbalzano su Twitter mostrano il volto del calciatore evidentemente scosso al di fuori della vettura quasi completamente distrutta, soprattutto nella parte anteriore. L’incidente sarebbe avvenuto a circa 150 chilometri da Asuncion.

iturbe-tuttacronaca

Il romeno ubriaco e drogato alla guida: gravissime madre e figlia

schianto-nettuniana-tuttacronacaStava guidando in fase di sorpasso un cittadino romeno ieri sera, attorno alle 19,  in via Nettunense Roma al km 25.300, nei pressi della stazione ferroviaria di Campo di Carne. la manovra l’ha portato a invadere la corsia opposta contromano centrando in pieno una Fiat Panda con a bordo due nuclei familiari che rientravano a Nettuno dopo aver passato il giorno di Santo Stefano a casa di parenti a Roma.  Il bilancio è drammatico: 6 feriti, un cagnolino morto ed una bambina di 9 anni, gravissima, in pericolo di vita ricoverata all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Anche il 25enne che procedeva a velocità folle è rimasto ferito ed è stato trasportato all’ospedale Città di Aprilia, dove ha rifiutato di sottoporsi agli esami del sangue. Al volante della Panda la madre della piccola, a sua volta in gravissime condizioni. Dietro di lei si trovavano la figlia più piccola, il suo cagnolino e una sua nipote di 20 anni, un altro nipote più grande, di 22 anni, era seduto davanti. Questa al momento una prima ricostruzione sommaria del tragico incidente.  I feriti sono stati portati da varie ambulanze del 118 e ricoverati agli ospedali di Anzio e Latina. La via Nettunense è rimasta bloccata per diverse ore ed è stato difficile anche per i soccorritori raggiungere il posto visto la paralisi del traffico provocato dall’incidente. La donna che guidava, abita nel quartiere romano di Capannelle, insieme al marito e alle due bambine. Stava riportando a casa a Nettuno i due nipoti che abitano a Nettuno. Il romeno era sotto effetto di droga e alcool.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Tragico Natale: un’etiope travolge e uccide un ragazzo napoletano

via_colonne_giugliano-paolo-iannello-tuttacronaca

E’ successo in via Colonne, il giorno di Natale, a Giuliano di Napoli. Un etiope a bordo della sua Peugeot 307, per schivare una Fiat Punto che stava effettuando un’inversione, ha perso il controllo della vettura e ha travolto Paolo Ianniello, un ragazzo di 25 anni che si trovava sul marciapiede, nei pressi di un supermercato. C’è da chiedersi a che velocità andassero sia la Punto che la Peugeot 307 per causare un incidente mortale nel cuore della città, dove la velocità  dovrebbe essere moderata proprio per evitare simili tragedie. Lo straniero è stato denunciato per omicidio colposo e il conducente della Fiat Punto per concorso in omicidio.

 

Esplode uno zaino pieno di botti: 23enne perde un braccio

botti-natale-tuttacronacaSi celebrava la trdizionale festa del Maio, un grosso albero che ogni anno la sera di Natale viene trasportato in processione fino alla piazza del paese, accompagnato da spari di carabine a salve e fuochi d’artificio, ieri sera a Baiano, in provincia di Avellino, quando un ragazzo ha perso un braccio. Giuseppe Lippiello, un 23enne, aveva dei fuochi artificiali nel suo zaino: una scintilla provocata dai botti vi è finita sopra, facendolo eplodere e causando la perdita di un arto al ragazzo che ora  si trova ricoverato con prognosi riservata nell’ospedale Cardarelli di Napoli. Altre due persone sono rimaste lievemente ferite: si tratta di Salvatore Crisci, che ha tentato di soccorrere Lippiello, e Pellegrino Alaia che stava assistendo alla manifestazione seduto su una panchina. Sul posto, sono intervenuti carabinieri e Guardia di Finanza che hanno sequestrato circa 800 botti e buste di polvere pirica.

Il pilota sbaglia la corsia: l’aereo s’incastra in un edificio

aereo--incastrato-tuttacronacaA Johannesburg, in Sudafrica, un Boeing 747-400 della British Airways diretto a Londra Heathrow è andato a sbattere contro un edificio durante la fase di decollo all’aeroporto Or Tambo. L’incidente è avvenuto perchè il pilota ha imboccato una corsia troppo piccola rispetto le dimensioni del velivolo: la torre di controllo gliene aveva infatti assegnata una diversa. L’aereo si è così incastrato con un’ala in una palazzina. La foto, diffusa da alcuni siti online e scattata da uno dei passeggeri, Harriet Tolputt, mostra il momento dell’impatto. La donna ha commentato in Twitter: “Non mi stupisce che i passeggeri di prima classe scendano prima dei passeggeri dell’economy durante un’emergenza”.Feriti in modo lieve, quattro ufficiali di terra, illesi i 185  passeggeri e i 17 membri dell’equipaggio.

Questa presentazione richiede JavaScript.

 

L’auto che si fionda contro il corteo e travolge tre ciclisti a Milano

auto-criticalmass-tuttacronacaE’ stato Radiobici.it a pubblicare il video che mostra come oggi, a Milano, durante il corteo della critical mass una minicar sia stata lanciata dalla persona alla guida contro i partecipanti alla manifestazione, gettando a terra tre ciclisti. Il facco è accaduto all’altezza di piazza Diaz, durante una manifestazione del gruppo in bicicletta che solitamente si ritrova il giovedì sera e sfila lungo le strade del centro in gruppo bloccando il traffico. In questo video si vedono due ciclisti che avvertono il pericolo e sferrano un pugno sulla vettura, che continua il suo slalom nel corteo. Passano solo alcuni secondi prima dello scontro con i ciclisti. 

L’inseguimento della polizia che termina con un incidente

Polizia-stradale-tuttacronacaMercoledì sera, sulla A/3, la Napoli-Pompei-Salerno, ha avuto luogo un inseguimento protrattosi per oltre 90 km e terminato con un incidente: l’auto inseguita dalla polizia si è infatti ribaltata. Mentre tre dei quattro occupanti sono riusciti a fuggire, l’uomo che era alla guida è rimasto gravemente ferito. L’incidente è avvenuto nei pressi dell’uscita di Angri dopo che l’auto con quattro persone sospette a bordo era stata segnalata alla Polizia nei pressi di Sicignano degli Alburni (Salerno) dove è stata intercettata dalle pattuglie.  In quel momento è scattato l’inseguimento sulla Salerno-Reggio Calabria che è poi culminato nell’incidente. Il ferito è un uomo di nazionalità straniera che ora è ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore.  Nell’auto, da quanto si è appreso, pare che vi fosse refurtiva. Secondo gli investigatori i quattro farebbero parte di una banda di ladri. Le indagini proseguono per catturare i tre fuggitivi.

Scontro mortale tra un’ambulanza e un’auto: perde la vita un 22enne

ambulanza-incidente-tuttacronacaSi è rivelato fatale per un giovane di 22 anni, residente a Balangero, in provincia di Torino, uno scontro frontale tra la sua auto e un’ambulanza. Stando alle prime indiscrezioni, sembra sia stata la vittima a perdere il controllo della vettura. Il conducente dell’ambulanza e un infermiere che si trovava a bordo hanno invece riportato ferite lievi. L’incidente è avvenuto sulla strada provinciale 2 a Mathi.

Amore incondizionato: il cane che si sacrifica per salvare i padroni

cora-cane-eroe-tuttacronacaArriva dall’America la storia di Cora, il cane eroe. Era in auto con i suoi padroni, Shelby e Joshua Keller, quando la vettura è rimasta coinvolta in un incidente stradale in una strada buia di Othello (Washington)ed è finita in un campo. La coppia non riusciva ad uscire dalle lamiere ma Cora è fuggita dal finestrino e si è diretta verso la strada. Qui ha incrociato l’auto guidata dall’agente di polizia Adolfo Colorado: per attirare l’attenzione dell’uomo, il cane è andato a schiantarsi contro la vettura, trovando la morte sul colpo. Il poliziotto, fermatosi, ha così trovato l’auto incidentata dei Keller, riuscendo a salvare la loro vita. “Le cose sono andate così – rivela l’agente – Credo che il cane si sia sacrificato per farmi scoprire dov’erano i padroni”.

joshua_and_shelby_keller-tuttacronaca

Maxitamponamento sull’A3: 12 feriti dei quali 3 in condizioni gravi

poliziastradale-tuttacronacaNove auto incolonnate a causa di un tamponamento sono state a loro volta tamponate da un mezzo pesante che trasportava un natante. Il fatto è avvenuto sulla A3 Salerno-Reggio in direzione sud, all’altezza dello svincolo di Salerno-Fratte. Il bilancio è di dodici feriti, di cui tre in condizioni più critiche trasferiti dalle ambulanze del 118 all’ospedale Ruggi. Sul posto i vigili del fuoco e la polizia stradale per i rilievi. Sono ancora da stabilire le cause che hanno provocato il maxi tamponamento ma nel frattempo la polizia stradale ha ritirato la patente all’autista del mezzo pesante. Il traffico in direzione sud ha subito notevoli rallentamenti.

Un’auto si schianta contro un treno nel Ravennate: grave una donna

Schianto-treno-auto-tuttacronacaQuesta mattina, attorno alle 8.30, un’auto ha sfondato il passaggio a livello ed è finita contro un treno in marcia, il Regionale che percorre la tratta Castelbolognese-Ravenna, il 6483, a Solarolo, in provincia di Ravenna. Come riporta RavennaToday, una donna di circa 40 anni, per cause ancora in corso di accertamento da parte della polizia ferroviaria di Faenza, mentre era alla guida di una Fiat 500 ha abbattuto la sbarra del passaggio a livello, finendo contro il secondo vagone del treno. La donna, soccorsa dai sanitari del 118, è stata trasportata in eliambulanza all’ospedale di Cesena in gravi condizioni. Nessun ferito fra i passeggeri e i componenti dell’equipaggio del treno, danneggiato dall’impatto.  Coinvolti 13 treni regionali, parte dei quali instradati via Faenza e parte cancellati fra Castelbolognese e Russi. Istituito un servizio di bus sostitutivi; i ritardi medi sulla linea sono stati di circa 40 minuti.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il fratello di Paul Walker in Fast & Furious 7? Rumors da Hollywood

cody-walker-tuttacronacaCody Walker, fratello minore dello scomparso Paul e con un’esperienza come controfigura sui set cinematografici, sarebbe candidato per girare le scene finali di Fast & Furious 7. Subito dopo la tragica morte dell’attore si era parlato del fatto che le riprese del nuovo capitolo della saga cinematografica erano state sospese a tempo indeterminato. Ora arriva però questo rumor, riportato dal DailyMail e dalle riviste hollywodiane dopo essere arrivato, così sembra, da una fonte vicina alla Universal. Di certo c’è che la casa di produzione lavorerà vicino alla famiglia Walker sul personaggio di Brian O’Connor, che l’attore scomparso interpretava.

Questa presentazione richiede JavaScript.

I funerali di Paul Walker

paul walker-tuttacronaca-funerali

Paul Walker, l’attore di Fast and Furious, è stato cremato il 12 dicembre a Glendale, in California. I funerali si svolgeranno in forma privata e solo per la famiglia e i più intimi sabato 14 dicembre, scrive il RadarOnline.

Le sue ceneri saranno divise: una parte sarà seppellita in un’urna, il resto sarà tenuto dalla famiglia in suo ricordo.

Oltre alla famiglia, solo alcuni degli amici più intimi di Walker e le co-star dei film Fast and Furious prenderanno parte alla cerimonia funebre.

La decisione di limitare il pubblico ai funerali è stata presa per proteggere la figlia di Walker, Meadow, che ha perso il papà a 15 anni ed è distrutta dal dolore.

Cody Walker, fratello di Paul, ha eseguito un sopralluogo del cimitero di Los Angeles per scegliere il luogo della sepoltura.

Elle Macpherson citata in giudizio per omissione di soccorso

ellemacpherson-tuttacronacaL’ex top model Elle Macpherson è stata citata in giudizio per omissione di soccorso: l’accusa è di aver insabbiato le responsabilità del marito in un incidente in elicottero alle Bahamas, costato la vita al suo migliore amico. A puntare il dito contro di lei Daria Valdez, vedova di Lance, morto a novembre nello schianto. Alla guida del velivolo si sarebbe trovato Jeff Soffer, il marito di The Body. The Telegraph riporta che, secondo l’accusa, il proprietario del famoso albergo di Miami Fontainebleau sarebbe stato “incapace di far volare e controllare” l’elicottero, “senza una licenza di pilota valida”. L’incidente è avvenuto durante un tentativo di atterraggio all’esclusivo Bay Golf & Ocean Club. Nello schianto perse la vita solo Valdez, fiscalista internazionale di successo, mentre sopravvissero Soffer e altri quattro passeggeri. Secondo il legale della vedova, la Macpherson avrebbe coperto il marito, anche chiamando un testimone, sostenendo che alla guida del velivolo non c’era il consorte.

Quando la polizia provoca l’incidente

ferrari-polizia-tuttacronaca

A Londra si è assistito a un incidente fuori dalla norma. Una auto della polizia infatti avrebbe tamponato una Ferrari 458 Spider. Immediatamente si è aperta un’indagine per accertare di chi fossero le responsabilità ma alcuni testimoni oculati hanno dichiarato di aver visto l’auto della poliziafare inversione a U su   Edgware Road. L’agente alla guida ha sostenuto di non essersi accorto dell’arrivo della Ferrari, che ha riportato danni per almeno 2500 sterline (circa 3000 euro).

Questo il video filmato da alcuni passanti subito dopo l’incidente:

 

L’auto di Walker e i problemi di frizione, parla l’ex proprietario!

porsche-walker-incidente-tuttacronaca

La macchina, la porsche che ho venduto a Paul Walker aveva un difetto, aveva dei problemi con la frizione”, a parlare è il vecchio proprietario della Porsche di Paul Walker: “Aveva dei problemi soprattutto per mettere la prima ma ho guidato spesso quella Porsche in montagna, anche a velocità elevata, e non ho mai avuto problemi”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Secondo le ultime dichiarazioni della polizia di Los Angeles, riportate dallo sceriffo, intervistato da NBC News, l’attore sarebbe morto nell’impatto mentre procedeva a un’andatura di 70 km/h.

Nessuna corsa clandestina, ma un incidente come tanti che poteva accadere a chiunque. Le autorità affermano, inoltre, che sembrerebbe priva di fondamento la notizia per cui ci fosse una seconda macchina coinvolta nell’incidente.

A 6 mesi muore in un incidente stradale, grave la mamma in ospedale

ambulanza- tuttacronaca

Nel tardo pomeriggio a Sernaglia della Battaglia, in provincia di Treviso, si è verificato un tremendo incidente tra due veicoli. Un bimbo di appena 6 mesi è rimasto ucciso nello scontro, mentre la mamma è ricoverata  in fin di vita all’ospedale Ca’ Foncello nel capoluogo veneto. Madre e figlio viaggiavano su un’auto che, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrata frontalmente con un’altra vettura con a bordo altre tre persone rimaste ferite.

Paul Walker: una settimana dopo, il rally in suo onore

paul-walker-rally-tuttacronacaIl dolore per la morte di Paul Walker è ancora vivo e, dopo una settimana dall’incidente che ha spezzato la vita all’attore di Fast and Furious e all’amico Roger Rodas, i fan hanno organizzato un rally in loro memoria. A Santa Clarita, a nord di Los Angeles, lungo la strada dell’incidente, è stato creato una sorta di santurio con candele, fiori e piccoli pensieri. Non manca neanche un enorme pannello per lasciare il proprio messaggio mentre sui vetri delle auto si legge: ”R.I.P. Paul Walker”, ma c’è anche chi indossa felpe personalizzate su cui sono stampati il volto e le frasi dell’attore.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Autopsia shock per Paul Walker!

paul-walker-tuttacronacaE’ la Cnn che rende nota una notizia shock: il giorno dell’incidente che gli è costato la vita, Paul Wlaker non sarebbe morto sul colpo, ma il suo corpo sarebbe rimasto incastrato nel rottame in fiamme della Porsche. Questo stando ai risultati dell’autopsia che spiegano come la star di Fast and Furious sarebbe sopravvissuta all’impatto e morta poco dopo per una combinazione di lesioni d’urto e termiche. La relazione preliminare di una pagina, rilasciata dall’ufficio del medico legale di Los Angeles County, elenca le multiple lesioni traumatiche del conducente della Porsche, ma precisa che “non è chiaro se Walker fosse ancora vivo al momento dello scontro”. Tali particolari, emergeranno chiaramento solo quando verrà rilasciato l’intero rapporto, per il quale ci vorranno ancora un paio di settimane. Quello che appare certo, invece, è che non si sia trattato di un incidente dovuto a gare di velocità con altre automobili. La vettura viaggiava almeno a 90 miglia orarie (l’equivalente di 144 Kmh) ed era uscita dalla curva prima di trovare l’impatto a 45 miglia (corrispondenti a 72 chilometri orari, il triplo di quanto consentito in quel tratto). Bisegnerà invece attendere ancora sei-otto settimane per avere risultati attendibili per quel che riguarda i test tossicologici delle due vittime dell’incidente fatale. La Porsche Carrera Gt del 2005 è considerata dagli esperti di guida un’auto dalle prestazioni velocistiche impressionanti ma difficile da controllare alle più alte velocità. Per ricordare Paul Walker, la Universal Picture ha creato un video della durata di due minuti con il quale, sulle note di “I’m coming home”, ripercorrono la carriera dell’attore:

Il pilota sospettato di aver ucciso la moglie, arrestato a Londra

sean-emmett-tuttacronaca

Lui Sean Emmett, 43 anni, campione di motociclismo, era stato fermato negli Emirati Arabi dopo che sua moglie, Abbie, 27 anni, sposata pochi giorni prima, con la quale era in viaggio di nozze era volata giù dal balcone di un hotel grattacielo, febbraio scorso. A Emmett fu ritirato il passaporto e lui non potè far rientro in Gran Bretagna. Fino a quando Emmett, qualche giorno fa aveva postato su Twitter una foto del suo passaporto, appena restituitogli, descrivendolo come “il miglior regalo di Natale mai ricevuto“… non sapeva che attenderlo in aeroporto ne avrebbe trovato un altro… molto molto meno piacevole.La polizia britannica lo ha arrestato in attesa che venga chiarita la sua posizione. Ora Sean si difende: “E’ stato un incidente, non è colpa mia”.  Nella tarda mattinata poi Sean Emmett è stato rilasciato su cauzione. Le Autorità inglesi stanno indagando sulla vicenda che venne risolta come un tragico suicidio dal Tribunale dell’Emirato arabo, ma che ora sembra avere nuovi risvolti.

Dopo la morte di Paul Walker… basta un video e arriva la teoria del complotto!

paul-walker-tuttacronacaE’ un complotto degli Illuminati. Paul Walker è morto lo scorso primo dicembre in un incidente automobilistico e, come segnala Protesi di Complotto i fan dei complotti in meno di 48 ore hanno creato un complotto ad hoc per la morte dell’attore di Fast and Aurious. Prove non ce ne sono, ma a quanto pare è bastato un video nel quale non si vede quasi nulla per decidere che si tratta di una cospirazione.

UNA PRIMA E POI UNA SECONDA ESPLOSIONE DIMOSTRANO L’ESISTENZA DI UN COMPLOTTO? LE ‘COINCIDENZE’ CHE ORA CIRCONDANO LA MORTE DI PAUL WALKER SI STANNO ALLINEANDO E SONO IMPOSSIBILI DA TRASCURARE.
I COLLEGAMENTI FATTI DALLO YOUTUBER PAUL GARDINER DIMOSTRANO CHE LA MORTE DI PAUL WALKER E’ UNA ‘MORTE DE GLI ILLUMINATI’?

La premessa dalla quale parte il pezzo in questione, che mette i punti interrogativi solo per porre domande retoriche, è che:

I VERI GIORNALISTI DI CRONACA, (DAI PENNIVENDOLI CHIAMATI TEORICI DEL COMPLOTTO) STANNO DISCUTENDO SE IL FILMATO REGISTRATO DALLA TELECAMERA DI SORVEGLIANZA CHE MOSTRA L’AUTO DI PAUL WALKER MENTRE COLPISCE UN ALBERO, RIVELA UNA COSPIRAZIONE O UN REALE INCIDENTE. QUELLO CHE EMERGE DA ALCUNI FRAME È CHE SEMBRANO ESSERCI DUE ESPLOSIONI. SEMBRA CHE CI SIA UNA ESPLOSIONE AL MOMENTO DELL’IMPATTO E UNA SECONDA POCHI ISTANTI PIÙ TARDI.

Ovviamente non manca un movente, che giunge da fonte irreprensibile:

NEI FORUM DI COSPIRAZIONE E’ ANDATA VIA VIA FORMANDOSI UN’INTERESSANTE TEORIA RIGUARDO LA MORTE PREMATURA DI PAUL WALKER E SAREBBE CHE L’ATTORE DI FAST & FURIOUS FACENDO PARTE DELL SOCCORSO FILIPPINO PER IL TIFONE, VOLEVA ESPORRE “UNA COSPIRAZIONE CHE MIRA A FORNIRE LE VITTIME DEL TIFONE HAIYAN UN FARMACO PROTOTIPO DI CONTROLLO DELLE NASCITE PERMANENTE NASCOSTO NELLE FORNITURE DI MEDICINALI E AIUTI ALIMENTARI”

E per sicurezza, arriva anche una seconda teoria:

UN’ALTRA TEORIA È CHE WALKER ABBIA SCOPERTO IL DENARO SPORCO CHE GIRAVA ATTORNO AL SISTEMA DEGLI AIUTI E “AVREBBE SENSO PERCHÉ POSSEDEVA UNA SOCIETA’ SPECIALIZZATA NELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO RAPIDO”.

A questo punto, non può mancare la conclusione frutto del brainstorming:

SE QUESTE TEORIE SONO CORRETTE, ALLORA, LE PAROLE CHE WALKER HA PRONUNCIATO NEL SUO FILM DEL 2000 ‘THE SKULLS’, QUANDO DISSE  “SE CONTINUATE A SCAVARE VI SCAVATE LA TOMBA”, ERANO ALTAMENTE PROFETICHE.

E così, anche per questa nuova morte la teoria del complotto è servita. In attesa di trovare nuovi spunti…

Quello che non si conosceva di Paul Walker. E il video tributo

paul-walker-tuttacronacaAlla CBS, Kyle Upham ha raccontato una storia che l’ha visto coinvolto assieme alla sua fidanzata nel 2004 e della quale il protagonista era Paul Walker. La coppia era entrata in una gioielleria per acquistare un anello di fidanzamento. Per loro, però, erano tutti troppo costosi. E a questo punto entra in gioco l’attore che ha perso la vita lo scorso 1 dicembre in un incidente stradale: è stato lui a comprare l’anello e a regalarlo alla coppia. “Io sono un militare e nel 2004 stavo per partire per una nuova missione in Iraq” ha raccontato il ragazzo. “Kristen e io volevamo sposarci e quel giorno in gioielleria siamo andati per scegliere quello che doveva essere il simbolo della nostra unione”. Ma… “Guardavamo i gioielli e Kyle continuava a dire: ‘Bello questo’ ” ricorda la ragazza, “ma io gli ripetevo: ‘Guarda i prezzi: non possiamo permettercelo'”. E’ poi la fidanzata a proseguire la storia: “Ho notato che c’era qualcun altro lì dentro, ma non vi ho dato molto peso”, racconta ancora Kristen. “Poi Kyle ha iniziato a parlare con lo sconosciuto ed a un certo punto si è reso conto che si trattava proprio di Paul Walker”. I ragazzi non c’hanno fatto caso e se ne sono usciti a mani vuote ma a quel punto Walker, dopo aver scoperto che Upham stava per essere spedito in Iraq, ha comprato l’anello di 9 mila dollari, circa 6 mila e 600 euro, che la coppia aveva scelto e ha incaricato la commessa di recapitarglielo, mantenendo il riserbo sull’identità del benefattore. Prosegue Kristen: “Una volta usciti dal negozio, una commessa ci ha rincorso porgendoci il sacchetto con dentro l’anello. Potete immaginare il nostro stupore”. “Sospettavamo che il benefattore fosse Paul Walker, ma non ne avevamo la certezza e nessuno nel negozio ha voluto tradire il segreto”. E’ stato un commesso, il giorno della morte dell’attore, a raccontare l’aneddoto. “E’ la cosa più generosa che qualcuno abbia mai fatto per me”, ha detto Kristen, commossa.

Il tributo di Fast and Furious a Paul Walker:

Terribile incidente ferroviario in Piemonte: coinvolto un bus

incidente-ferroviario-domodossola-tuttacronacaUn pullman è stato travolto da un treno in transito a un passaggio a livello tra Premosello a Ornavasso, nella provincia del Verbano Cusio Ossola. Al momento non è noto se vi siano persone ferite tra quelle presenti sui mezzi di trasporto, ma sul posto sono già arrivati i soccorsi del 118. Sul luogo anche le forze dell’ordine. A seguito dello schianto, il treno è uscito dai binari finendo nel giardino di un’abitazione. Stando a quanto riporta la stampa locale, il mezzo sarebbe rimasto incastrato tra le sbarre del passaggio a livello. Il bilancio provvisorio parla di un ferito: si tratta di una persona che al momento dell’incidente si trovava in una casa vicina ai binari ed è stata colpita dai detriti.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: