Per partecipare a NekNominate… fa lo spogliarello in un supermercato

Rebecca-Dagley-neknominate-tuttacronacaNon si placa la moda del NekNominate, con giovani e non che accettano la sfida di filmarsi mentre si dedicano a bevute sensazionali e potenzialmente dannose per la salute. Ma ora è Rebecca Dagley a far parlare di sè e della sua prodezza, grazie a un video che spopola su YouTube e che mostra la donna, che ha accettato la sfida di NekNominate, entrare in un supermercato con un soprabito e poi ha improvvisato uno spogliarello, rimanendo in lingerie.

Neknominate: la foto shock. Ecco come riduce la nuova moda

keiren_hunter_tuttacronacaIl “gioco” Neknominate, per il quale più o meno giovani si filmano mentre bevono incredibili quantità d’alcool per poi postare il filmato in rete, e che già è costato la vita a due ragazzi, continua a spopolare nonostante gli allarmi lanciati. L’ultimo caso è quello del 19enne Keiren Hunter. Quando la madre Nikki è rientrata a casa, l’ha trovato in stato d’incoscienza e coperto di vomito dopo che aveva bevuto quasi tre bottiglie di miscela micidiale di vodka whisky, Southern Comfort, Bacardi e sherry. La donna ha temuto fosse morto e ha provato a prestargli soccorso: “L’ho messo in posizione di recupero, non riusciva nemmeno a respirare bene. Poi l’ho portato in bagno e lui ha iniziato a parlare ‘Mamma mi dispiace'”. La madre, in seguito, ha postato la foto del figlio su Facebook, per denunciare questa usanza e invitando i suoi contatti a condividere l’immagine per dissuadere i ragazzi a ridursi in queste condizioni rischiando la loro vita. In seguito, Keiren ha raccontato: “Sono stato uno stupido”. E aggiunto: “Anche il giorno dopo sono stato malissimo, se avessi saputo che qualcuno è morto nel Neknominate, non avrei mai accettato la sfida”.  “Oltre ai danni per l’alcol e al rischio di coma etilico il ragazzo ha anche rischiato di soffocare con il suo vomito”, ha detto il dottor Evelyn Gillan al Mirror.

Il video shock degli abusi sui gay in Russia! Ma Letta volerà a Sochi.

pestaggio-russia-gay-tuttacronaca

A partire alla fine del 2012 , numerosi gruppi costituiti prevalentemente da nazionalisti radicali hanno cominciato ad attaccare e molestare le persone gay in decine di città russe. Il fenomeno è in larga espansione e sempre più numerosi sono i video postati sui social network e in particolare su YouTube in cui ci si vanta di aver malmenato un gay, a volte neppure ci si preoccupa di nascondere la propria identità in quanto si è quasi certi che si rimarrà impuniti. Spesso le vittime sono picchiate in luoghi pubblici, vengono minacciati e maltrattati psicologicamente senza che nessuno intervenga a interrompere la violenza.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Anche quando le vittime denunciano, le indagini spesso cadono nel nulla. Ora, nell’imminente inizio dei Giochi di Sochi, la popolazione spera di poter far emergere il problema che è già conosciuto a livello internazionale, tanto che molti leader europei e lo stesso Obama hanno deciso di non essere presenti all’inaugurazione proprio per mostrare il dissenso verso la politica di repressione contro gli omosessuali. In maniera nettamente opposta il governo italiano, infatti, Enrico Letta ha già assicurato la sua presenza. Da tempo si muovono anche le associazioni come The Human Right a sostegno del movimento LGBT. Questo è il video di un montaggio di The Human Rights Watch che incorpora vari spezzoni di alcuni dei peggiori esempi di violenza omofobica in Russia:

+++ VIDEO CONSIGLIATO A UN PUBBLICO ADULTO +++

#Neknominate: la nuova follia della rete. E’ già allarme

keep-calm-and-nek-nominate-tuttacronacaFilmarsi mentre s’ingurgitano esagerate quantità d’alcool in un’unica volta. E’ questa la nuova, pericolosa moda che spopola in rete con i giovani che pubblicano i video delle loro prodezze etiliche sui social networks. L’allarme è già stato lanciato dagli esperti che hanno spiegato si tratta di una tendenza pericolosa. Ma il popolo della rete non teme nulla e i giovani continuano a lanciare le loro sfide. E non bisogna pensare siano coinvolti solo ragazzi: anche adulti vi prendono parte. Il direttore della University of New South Wales’ National Drug and Alcohol Research Centre, ha detto che questa moda è potenzialmente mortale, visto il rischio di intossicazioni da alcol e i problemi legati all’eccessivo consumo di alcol.

Nascondino! Nessuno batte i bimbi in fantasia

nascondino-tuttacronacaI bimbi amano giocare a nascondino e c’è da dire che sono imbattibili… nel fatto di trovare i più fantasiosi modi di “nascondersi”. Qualsiasi cosa per loro diventa un sipario che li cela agli occhi degli adulti, e poco importa che spuntino piedi da un armadietto o da dietro un cuscino: con il viso a terra, dietro un accappatoio appeso appeso o a una tenda, a volte anche “cammuffati” da alligatore peluche, non perdono occasione per cercare di sfuggire a quel fatidico “tana”. E i genitori si divertono ancora di più, intenti come sono a scattar foto che poi appaiono in rete.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Quali sono i peggior regali ricevuti quest’anno?

giocattoli-natale-tuttacronaca

Ogni Natale porta doni e regali… ma non sempre sono adeguati, desiderati e soprattutto ci sono quei giocattoli pericolosi. Che dire di fronte all’immancabile fucile o al gonfiabile in cui inserire il fratellino o la sorellina più piccola per poi centrifugarla? Ma lascia senza parole anche la vedova nera o il tamburo con cui il piccolo farà diventare sordo l’intero vicinato!

Ecco a voi la gallery dei giochi peggiori del 2013!

Questa presentazione richiede JavaScript.

C’era una volta il Tamagotchi… e presto ci sarà ancora!

tamagotchi-tuttacronacaErano gli anni ’90 e gli allora bambini impazzivano per il Tamagotchi. La domanda è: nell’era 2.0, i bimbi si divertiranno ancora con il giocattolo digitale in plastica o presi dalla frenesia di sms e cinguetii si dimenticheranno di sfamare i loro cuccioli tecnologici? La risposta si avrà a breve, visto che il Tamagotchi sta tornando in una nuova, più moderna versione e con una grafica decisamente migliorata, come riporta il Daily Mail. Nel 2014 la versione del piccolo animale che se viene lasciato senza cure troppo a lungo rischia la vita tornerà nel Regno Unito, con anche la possibilità di trasferirsi su altri dispositivi mobili, come gli smartphone.

Giocare online ti costa il posto di lavoro? Si, no, forse…

poker-online-tuttacronaca300 ore trascorse al computer in orario di lavoro. Tempo durante il quale ha giocato online sbizzarrendosi con solitari, giochi vari e affini. Un simile passatempo, nel 2007, era costato il lavoro a F.C., licenziato dalla K24 Pharmaceuticals di Roma. L’azienda, in seguito, ha dovuto reintegrarlo perchè così deciso dalla Corte d’Appello al quale il “lavoratore” aveva presentato ricorso. Ora, però, la Cassazione ha annullato la sentenza d’Appello invitando la Corte a pronunciarsi nuovamente. Questo perchè l’Appello aveva accolto la tesi del dipendente, che parlava di “motivazioni troppo generiche”. Nel dettaglio il datore di lavoro non era in grado di dire esattamente quando e quante partite abusive erano state fatte sul posto di lavoro. Pensiero però non condiviso dalla Cassazione. Come spiega il Messaggero:

In particolare, la Suprema Corte ha fatto notare che «l’addebito mosso al lavoratore di utilizzare il computer in dotazione ai fini di gioco non può essere ritenuto logicamente generico per la sola circostanza della mancata indicazione delle singole partite giocate abusivamente dal lavoratore».

È, dunque, «illogica – ha sottolineato la Cassazione – la motivazione della sentenza impugnata che lamenta indicazione specifica delle singole partite giocate, essendo il lavoratore posto in grado di approntare le proprie difese anche con la generica contestazione di utilizzare in continuazione, e non in episodi specifici isolati, il computer aziendale» per motivi ludici. Il lavoratore subirà un nuovo esame davanti alla Corte d’appello di Roma che «provvederà ad una diversa decisione non considerando generica la lettera di contestazione da cui poi è conseguito il licenziamento».

Il gioco entra in crisi!

giocattoli-crisi-settore-tuttacronaca

I giocattoli non si comprano più e secondo i dati emanati da Assogiocattoli, le vendite sono calate del 3,4% in valore e del 2,4 in volume, a conferma del trend registrato nel 2012 con meno 2% in valore rispetto al 2011. Ma sul settore giocattoli forse incide, in parte, anche un altro fenomeno: cioè l’interesse dei bambini verso i giochi elettronici che stanno da anni surclassando i classici giochi. Alcuni siti poi offrono giochi gratis e si organizzano in community per far interagire i giocatori fra loro. Altro tassello essenziale per capire il calo dei giocattoli è da ricercare nelle chat o nei social network che spesso “consumano” il tempo libero dei ragazzi e si sostituiscono ai giochi. Sicuramente la crisi però ha influito negativamente su questo settore e sempre più famiglie cercano giochi a basso costo spesso reperibili in esercizi gestiti da cinesi. L’importante è stare attenti che i giochi comprati siano a norma, perché spesso vengono acquistati giochi pericolosi, nonostante gli sforzi delle forze dell’ordine che cercano di sequestrare un numero sempre crescente di articoli dedicati ai più piccoli che potrebbero però risultare pericolosi. 

 

Nell’Imu ci sono 700 milioni per gli esodati!

imu-700-milioni-esodati-tuttacronaca

Il Consiglio dei ministri, convocato per le 17 di questo pomeriggio, sarà decisivo per la controversa abolizione definitiva dell’Imu 2013. L’obiettivo del governo è quello di cancellare la tassa sia sulla prima, che sulla seconda casa: per la copertura economica dell’operazione servono 4,6 miliardi, ci saranno aumenti delle accise su alcolici, giochi e tabacchi. Ma alla quadratura dei conti mancherebbe un altro miliardo, ma si sono stanziati 700 milioni per gli esodati. Secondo fonti de La Stampa è stato trovato l’accordo quindi per dare la pensione a 10mila esodati in due anni. Arrivano anche 400 milioni per rifinanziare la cassa in deroga. Insomma si è dati un colpo al cerchio e uno alla botte: il Pdl può sventolare la carta dell’Imu e il Pd risponde con esodati e cassa in deroga… la quadratura politica è perfetta, quella finanziaria meno. Chi pagherà?

Monti e il governo che cede alle pressioni del PdL

mario_monti_imu-tuttacronacaConsiglio dei ministri convocato oggi alle 17 per l’esame, come recita la convocazione, “del seguente ordine del giorno: – Decreto-legge: Disposizioni urgenti in materia di IMU, abitazioni e cassa integrazione guadagni (Presidenza – Vicepresidenza e Interno – Economia e Finanze – Lavoro e politiche sociali – Infrastrutture e Trasporti – Affari regionali e Autonomie); – Leggi regionali; – varie ed eventuali.” E se Brunetta, ai microfoni del Tg1, è apparso soddisfatto, “Finalmente ci sarà la soluzione per l’Imu sulla prima casa e i terreni agricoli. Cancellazione per il 2013 e riforma complessiva della tassazione degli immobili, in termini di service tax, dal 2014. Stiamo definendo le coperture in maniera seria, responsabile, trasparente”, lo stesso non dicasi per Mario Monti. Intervenuto stamattina a Omnibus, ha attaccato la scelta del governo sull’IMU, definendola un “cedimento di Enrico Letta e del Ministro Saccomanni, di cui ho in grandissima stima, e del PD alle pressioni del PDL”. E ha proseguito: “L’Europa chiedeva da tempo che l’Italia introducesse una tassazione per la prima casa, non per un sadico gusto di far pagare di più ai cittadini ma per poter ridurre semmai la tassazione sul lavoro, stimolando la produttività”.  Monti ha poi detto: “Il Governo ha scelto una strada diversa, quella di arrendersi alla forte pressione del PDL. Quindi si avrà, se ho capito bene, un successo politico del PDL, un’apparente soddisfazione per i proprietari di case e tutti i cittadini finiranno a pagare tutto questo con piccoli aumenti a piccole tasse e l’aumento dei tassi d’interesse”. Ha quindi concluso: “Il Governo è guidato da un partito, con il PD pronto ad accondiscendere alle pressioni, anche se non le condivide, del PDL e con Scelta Civica che non ha i numeri per impedire questa evoluzione. Tutto questo dà la sensazione, all’interno e all’esterno del Paese, che anche se c’è un Governo, si accettano pressioni che non hanno molto senso dal punto di vista economico e civile”.

L’Imu sulla prima casa abolita per il 2013: tasse su alcolici, giochi e tabacchi

Imu-tuttacronaca-2013

Come verranno coperti i 4,8 miliardi a cui lo Stato rinuncerà abolendo l’Imu sull’abitazione principale e sugli immobili agricoli?

Nel menu delle coperture entreranno anche voci che rappresentano di fatto un aumento di imposta: ritocchi delle accise su alcol e tabacchi, interventi sui giochi e forse anche una maggiorazione della stessa Imu a dicembre per gli altri immobili, in particolare le seconde case.

 E potrebbe anche tornare in ballo l’aumento dell’Iva destinato a scattare il primo ottobre, in assenza di un intervento che vale un miliardo per gli ultimi tre mesi dell’anno. Sul piano politico sarebbero così state superate le resistenze del Pd, che ancora ieri al termine di un vertice tra il segretario Epifani e la delegazione governativa, aveva ricordato come tra le proprie priorità figurino altre voci, dalla cassa integrazione in deroga agli esodati.

Sarebbe contraddetto anche, se questa ipotesi si concretizzasse, quanto invocato dal ministro Zanonato e cioé che l’operazione Imu non avrebbe provocato un aumento del prelievo fiscale sotto altra forma.

Da questa operazione dovrebbero essere esclusi prodotti di più ampio uso quali benzina e gasolio, anche se potrebbero poi verificarsi aumenti se le risorse non bastassero nel proseguo dei mesi.

Per il 2014 c’è invece sul tavolo l’ipotesi di una service tax per i servizi da pagare nel Comune o nella circoscrizione di residenza.

Resteremo senza FarmVille?

farmville

Zynga, il produttore di videogiochi molto famosi su Facebook come FarmVille e ChefVille, licenzierà circa 520 impiegati nelle prossime settimane, uno su cinque, per tagliare i costi e avviare una riorganizzazione interna, necessaria per un suo rilancio. La società si è quotata in borsa da poco più di due anni e un tempo era vista come uno dei produttori più promettenti di videogiochi su Internet, normale quindi che l’annuncio abbia provocato non poche discussioni. Preso positivamente dagli investitori, il piano prevede la chiusura degli uffici a San Francisco, a Pechino, a Bangalore e di alcune divisioni più piccole a Seattle e a San Diego e dovrebbe consentire di risparmiare tra i 70 e gli 80 milioni di dollari all’anno.

Nata nel 2007, Zynga, dopo un immediato successo, ha dimostrato di non essere pronta a sfruttare il settore delle applicazioni per giocare su smartphone e tablet. Proprio per cambiare la situazione ha poi aquisito Draw Something, un gioco diventato molto popolare in rapidissimo tempo e giocato su iPhone e dispositivi Android. L’operazione, con l’acquisizione di OMGPOP, la società che lo produceva, costò 180 milioni di dollari, ma si rivelò presto un fenomeno effimero. In tutto questo Mark Pincus, amministratore delegato, sembra essere comunque ottimista. Nell’autunno del 2012 ha presentato FarmVille2, una nuova versione del gioco più conosciuto della società, che ora funziona con una grafica migliorata e un sistema più intuitivo, ma non è chiaro quanti utenti abbia giornalmente. Ora l’azienda cercherà di trasferire il proprio modello di giochi da fare e condividere con gli amici, attraverso i social network, anche sulle applicazioni per iPhone, iPad, telefoni Android e compagnia. I tempi sono stretti, considerato i concorrenti e la rapida evoluzione della tecnologia, ma la conversione non sarà semplice e richiederà nuove risorse anche economiche. Secondo gli analisti, comunque, grazie ai tagli al personale effettuati Zynga potrebbe tornare a produrre profitti già a partire dal prossimo anno.

Questa presentazione richiede JavaScript.

I giovani e il web… ora i medici lanciano l’allarme!

Internet-Addiction-Disorder-web-dipendenza-tuttacronaca

I dati sono allarmanti, i medici dichiarano che circa 80% dei giovani dai 13 ai 24 anni vive di dipendenza patologica dal web. Una vera e propria droga dalla quale non si riesce a smettere. Staccare dal web significa piombare in stati depressivi o violenti per alcuni di essi. Un esempio eclatante è  Li Meng che da 6 anni vive in un Internet Cafè. Particamente la vita di Li è attaccata al computer, ora dopo ora, le sue giornate passano tra i giochi e la chat. Sono intervenuti anche degli psicologi, ma Li Meng li ha allontanati. Il ragazzo si alza raramente dalla sua postazione dove passa giorno e notte senza neppure curarsi di mangiare, al massimo ha un pacchetto di cibo-spazzatura che consuma al tavolo senza mai smettere di guardare lo schermo. Una vita completamente alienata. Ma come lui sono molti i ragazzi in Cina che vivono in questo modo, tanto che sono sorte alcune strutture specializzate per curare i disordini del web,  proprio come qualsiasi altra malattia.

Cheerleader cade in acqua ai giochi panamericani!

cheerleader-fall_swimming-pool-tuttacronca

Imbarazzante esibizione per una cheerleader che, ai giochi panamericani, è finita dritta in piscina. La ragazza, che assieme alle compagne si stava esibendo su un materassino blu, ingannata dal riflesso dell’acqua probabilmente non si è accorta che la pedana era finita… e ha concluso la sua piroetta in acqua.

Violentata a 6 anni, vittima di un 70enne.

child-abuse-bedroom-tuttacronaca

Un 70enne chiamato a rispondere di violenza sessuale nei confronti di una bambina di sei anni ha cercato di difendersi dicendo: «Mai sesso completo, soltanto giochetti erotici». Se così fosse l’uomo avrebbe non solo aggravato la sua posizione, ma anche allargato le indagini alla scoperta di altri “orchi”. Ma purtroppo la verità è ancora più sconcertante.
La vittima oggi ha 12 anni e le violenze sarebbero cominciate nel 2007. L’uomo era un amico di famiglia del patrigno della piccola, che viveva in casa con loro. Gli abusi sessuali sono stati scoperti in seguito a una visita pediatrica e ginecologica dovuta a una malattia della bambina, che ha svelato come la piccola avesse avuto tra il 2007 e il 2010 rapporti sessuali completi che le hanno fatto perdere la verginità. Dopo la scoperta mamma e figlia sono scappate e hanno denunciato il 70enne.

L’uomo vive tuttora con il patrigno della vittima. Durante un interrogatorio in Questura ha spiegato: «Nessun contatto con la bambina fino al 2010. Poi, è vero, ci sono stati dei giochetti sessuali, ma era lei a venire nella mia camera. Io non sono mai andato a trovarla nel cuore della notte».

L’agghiacciante confessione del 70enne, solleva il sipario su quell’ancestrale e immorale idea della provocazione femminile. Nei casi di pedofilia appare ancora più vergognoso e umiliante attribuire atteggiamenti sessuali a una bambina di 6 anni.

Stadio chiuso a Rio de Janeiro… gare a rischio, anche i giochi 2016!

stadio-crollo-rio-de-janeiro-tuttacronaca

Lo stadio ‘Joao Havelange’ di Rio de Janeiro è stadio chiuso a tempo indeterminato per motivi di sicurezza. I problemi maggiori riguardano la copertura, il tetto è pericolante e rischia di cadere. Lo stadio, costruito sei anni fa e con una capienza di 47 mila persone, ospita le gare interne di Botafogo, Flamengo, Fluminense e Vasco da Gama, quattro prestigiosi club di Rio. L’Havelange non ospiterà gare della Confederations Cup di quest’estate, ma le preoccupazioni maggiori riguardano i Giochi Olimpici del 2016.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Arrivano gli “uccellini arrabbiati”, ora l’intrattenimento è reale!

angry -birds-tuttacronaca

L’invasione degli “Angry Birds”, gli ‘uccellini arrabbiati’ in lotta contro i maialini ‘ruba uova’ del popolare videogioco per smartphone, è appena cominciata: dopo essere sbarcati sui tablet, su Facebook, nello spazio e perfino in libreria ora per la gioia dei fan dei pennuti accigliati arriva anche il primo parco giochi. Si chiamerà Angry Birds Land e sarà inaugurato quest’estate a Tampere in Finlandia, luogo tutt’altro che casuale visto che il Paese è patria della Rovio, la software house che ha partorito il videogioco.

Con oltre 700 milioni di download, Angry Birds è fra i passatempi più popolari su iPhone e simili e anche fra quelli che creano più ‘dipendenza’ quadro dopo quadro. Ci sarebbe in cantiere anche un film d’animazione, ma nel frattempo che arrivino novità da Hollywood ci si potrà consolare giocando dal vivo in Finlandia. Il parco sarà presentato alla stampa il 25 aprile e sarà ufficialmente inaugurato l’8 giugno, anche se il pubblico potrà cominciare a visitarlo e ad averne un assaggio già da fine aprile.

La battaglia tra uccellini e maiali si trasformerà in divertimento per ogni età. Molti dei dettagli sono ancora ‘top secret’, ma sicuramente ci saranno giostre e giochi a tema, oltre a un’area chiamata “Magic Places” dove, spiegano gli organizzatori, “il mondo reale e quello virtuale si combineranno per offrire un’esperienza di intrattenimento interattivo”. E poi, secondo alcune indiscrezioni, ci dovrebbe essere anche una fionda gigante da usare per radere al suolo costruzioni, fortezze e perfino palazzi di ghiaccio dove si annidano i malefici maialini. A costruire una simile attrazione in realtà ci avevano pensato già in Cina a settembre scorso: nel parco Window of the World di Changsha era entrata in funzione una catapulta gigante azionata dai visitatori per lanciare angry birds di peluche. Tuttavia per problemi di copyright l’attrazione ‘abusiva’ ha dovuto chiudere rapidamente i battenti.

Animals e i Pink Floyd, Battersea diventa un luna park!

battersea-pink floyd-tuttacronaca

La centrale elettrica di Battersea, a Londra, quella fotografata sull’album di Animals, diventerà un luna park. La centrale, simbolo della cover dei Pink Floyd targata 1977  rischia veramente di essere snaturata e adibita a parco giochi.  L’idea è del team svizzero Atelier Zündel Cristea, che con questo progetto ha vinto il primo premio del concorso “Museum of Architecture”, organizzato dalla piattaforma web ArchTriumph, previste montagne russe altissime che si affaccino sul Tamigi. Sarebbe l’ennesimo pezzo di storia musicale spazzato via per scopi commerciali e anche un ulteriore scempio a Londra.

La casa rotta e le famiglie abominevoli!

casa rotta

Otto bambini venivano portati alla «casa rotta», un edificiodiroccato nel quartiere palermitano di Ballarò, lì venivano violentati e minacciati da alcuni familiari.
Un uomo e una donna – A.G. e L.G -, padre e madre di tre delle piccole vittime sono stati condannati dalla quinta sezione del tribunale di Palermo, rispettivamente a 9 anni e mezzo e a 9anni per violenza sessuale e maltrattamenti su minori. Quello che si è concluso oggi è una delle tranche di un’agghiacciante vicenda, durata mesi, che ha portato alla condanna in abbreviato a14 anni di due donne – madre e nonna – di altre tre piccole vittime.
A svelare gli orrori di abusi mascherati da giochi è stata una bambina che ha raccontato le violenze subite agli psicologi della casa famiglia alla quale era stata affidata. A mettere in allerta gli psicologi e gli insegnanti del centro era stato il rifiuto della piccola nei confronti della madre.
Da lì le indagini condotte dal pm Alessia Sinatra si sono spinte agli altri minori violentati(alcuni erano compagni di scuola della bambina) che hanno raccontato i «giochi» erotici in cui venivano coinvolti nella «casa rotta», mentre gli adulti, tra uno spinello e l’altro, abusavano di loro. Gli imputati avrebbero fatto partecipare agli abusi anche i fratelli maggiori – tutti più piccoli di 14 anni – anche loro persone offese nel processo. Il Tribunale ha anche risarcito le parti civili, rappresentate da un curatore speciale, l’avvocato Francesco Crescimanno, rappresentato in giudizio dal difensore, Roberta Pezzano: a ciascuna vittima sono andati 25mila euro. Le vittime sono state tutte tolte alle famiglie e date in adozione.

SENZA PAROLE

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: