Disinfettanti davvero “scandalosi” per l’Asl di Foggia: 1920 euro al pezzo

ospedale-asl-tuttacronaca

I disinfettanti professionali hanno costi elevati, ma pagare ogni pezzo 1920 euro quando costerebbe solo 60 è davvero eccessivo, eppure la Asl di Foggia e in particolare 5 dipendenti e due imprenditori sarebbero coinvolti in quello che è stato soprannominato la truffa dei disinfettanti d’oro. Ogni flacone da 5 litri, di quelli che vengono usati per disinfettare le camere operatorie, veniva fatturato a 1.920 euro mentre il valore di commercializzazione da parte del produttore estero era di 48,53 sterline inglesi, pari a circa 60 euro. Dal 2009 al 2011 erano state irregolarmente deliberate forniture per ulteriori 929 flaconi, per una spesa complessiva di 1.783.680 euro. Le società fornitrici, si legge tra le carte, avrebbero corrotto i pubblici dipendenti con tangenti e altre utilità per almeno 14mila euro. Agli arresti domiciliari un imprenditore e due impiegati dell’Asl: Ettore Folcando, di Foggia, di 35 anni, amministratore della Fly srl, società fornitrice del disinfettante,  Giovanni Grilli, di 46 e Nicola Marinaro, di 50, entrambi dipendenti dell’Asl.

Annunci

Mistero in provincia di Foggia: cadavere in un’auto data alle fiamme

cadavere-foggia-tuttacronacaSi trovava sulla provinciale 105, che collega Foggia ad Ascoli Satriano, l’auto data alle fiamme dentro la quale si trovava il cadavere di un’uomo, presumibilmente ucciso con colpi di arma da fuoco. Il ritrovamento è avvenuto ieri sera, giovedì 16, e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri. La vittima non è stata ancora identificata.

Agguato a Foggia: ucciso un pregiudicato 50enne

sparatoria-foggia-tuttacronacaOmicidio alla periferia di Foggia, nel quartiere popolare di Ordona sud, dove un 50enne pregiudicato, Antonio Petracca, con precedenti penali soprattutto per reati contro la persona, è stato ucciso con colpi di arma da fuoco. Sono i Carabinieri della locale Compagnia, giunti sul posto, a condurre le indagini. Stando ai primi accertamenti, Petracca sarebbe stato raggiunto da almeno due colpi di pistola ed è morto sul posto. L’uomo si trovava nei pressi della sua abitazione e di una sala giochi.

Dai cortei alle schegge sciolte: le manifestazioni spontanee a Torino

forconi-tuttacronacaMariano Ferro, uno dei leader del Movimento dei Forconi, parlando della “marcia su Roma” aveva spiegato che “non è il momento“, aggiungendo: “Bisogna vivere qualche altro giorno di passione e far salire l’adrenalina degli italiani”. Nel frattempo, a Torino sono ripresi i cortei a cui hanno preso parte anche un migliaio di studenti che per tutta la mattina hanno intonato l’inno di Mameli di fronte al Palazzo della giunta regionale di Roberto Cota. Il gruppo, podo dopo le 11, si è sciolto e le persone hanno iniziato a spostarsi per le vie del centro. A questo punto, è difficile contare cortei e presidi, come conferma anche Andrea Zunino, portavoce del Coordinamento 9 dicembre: “Noi abbiamo dato il La ma adesso le manifestazioni non sono più organizzate dal Coordinamento 9 dicembre. Questa notte siamo stati convocati dai capi della Questura. Ci hanno detto che ieri si sono verificati troppi episodi di delinquenza di strada. Se oggi avessimo continuato ci avrebbero dato la responsabilità di tutto quanto avrebbe potuto succedere. È stata una sorta di ricatto, ma non lo dico in senso polemico, perché rispetto il lavoro che hanno fatto ieri. All’alba siamo quindi passati nei presidi per avvisare lasciando però le persone libere di scegliere se e come continuare a manifestare. Anche ieri d’altronde gli autotrasportatori che sono intervenuti qui a Torino, quando hanno visto che erano in pochi, hanno deciso da soli di spostarsi per unirsi ai colleghi che protestavano a Genova”. Azioni eclatanti in vista della fiducia di Letta? “Dal Comitato 9 dicembre no. Dal nostro punto di vista questo è un governo illegittimo. Con dei giuristi stiamo studiando per capire se esistono strumenti conformi alla Costituzione per destabilirlo. Senza ricorrere ad azioni militati: intenzione che non abbiamo mai avuto e che invece qualcuno ci ha attribuito”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Forconi: “marcia su Roma” in stand-by

forconi-tuttacronacaSono iniziate ieri le proteste del Movimento dei Forconi e mentre proseguono uno dei leader, Mariano Ferro, smentisce al momento l’ipotesi di una manifestazione nazionale nella Capitale, affermando che “Non è il momento della ‘marcia su Roma’”. E spiega: “Bisogna vivere qualche altro giorno di passione e far salire l’adrenalina degli italiani”. Per quel che riguarda la guerriglia di ieri, Ferro l’ha attribuita a “quattro scalmanati, la stragrande maggioranza era pacifica”. Le manifestazioni dovrebbero durare cinque giorni, ma sarà importante attendere di vedere cosa accadrà domani, quando si voterà per la fiducia al governo guidato da Enrico Letta: “Se i politici non andranno a casa e domani sarà votata la fiducia al governo Letta, ci sarà un’azione eclatante non violenta a Roma e forse in altre città: non ci arrendiamo” ha detto Danilo Calvani, uno dei coordinatori del movimento “9 dicembre”.

Protesta dei Forconi: a Torino si va avanti

Forconi-tuttacronacaLa protesta dei Forconi prosegue e nel Torinese i presidi del movimento proseguono. Nel capoluogo sono ancora presenti i blocchi di piazza Derna e piazza Pitagora, nella zona nord e sud della città.  Piccoli presidi si sono formati, lungo la tangenziale che oggi è interamente percorribile, fuori dallo svincolo Collegno-Pianezza, sulla circonvallazione di Avigliana e su quella di Pinerolo, con disagi per il traffico. Si tratta di trattori e camion che viaggiano a passo d’uomo. Ma anche a Imperia la protesta continua, con i manifestanti che hanno bloccato lo svincolo di Imperia Est dell’Autostrada dei Fiori, come nel pomeriggio di lunedì. Dei blocchi sono stati segnalati anche in vari punti della città ligure. Per quel che riguarda Savona, questa mattina le forze dell’ordine hanno allontanato i manifestanti che bloccavano il traffico sulla via Aurelia, nei pressi della Torretta. “La manifestazione ha superato i limiti della libertà di protesta – ha detto il prefetto savonese, Gerardina Basilicata – interferendo con la vita dei cittadini. E’ durata troppo a lungo e ha avuto forme intollerabili”. A Genova, infine, i manifestanti si stanno concentrando in zona Corvetto ed è possibile che un nuovo corteo sfili nelle vie della città.

Forconi in strada: disagi tra Bari e Foggia

forconi-tuttacronacaAnche a Bari si chiedono le dimissioni dei rappresentanti di governo. Qui gli esponenti del Movimento dei Forconi hanno bloccato il traffico sulla tangenziale di Bari, tra le uscite di Poggiofranco e Carrassi, dove i mezzi pesanti non possono passare mentre le vetture procedono con notevoli rallentamenti. Lo stesso accade sulla statale 231 in agro di Corato, in provincia di Bari. La protesta ha visto un gruppo di manifestanti radunarsi in piazza Libertà, davanti alla Prefettura, per dare vita ad un corteo, che è partito alle 10 per attraversare le strade del centro cittadino. In giornata, ad Andria i forconi hanno bloccato la linea ferroviaria che va da Barletta a Bari e viceversa mentre sulla provinciale 231, ex Ss98, al km 35+100 all’altezza di Corato, in direzione sud, una decina di mezzi pesanti è stata parcheggiata in un’area di servizio, dove si sono radunati circa 200 manifestanti. Come spiega il Corriere, la zona è presidiata dalle forze dell’ordine; il traffico è scorrevole e vengono utilizzate le complanari anche per i mezzi di soccorso. A Conversano, in piazza Castello, si è svolto un presidio pacifico al quale hanno partecipato circa 1.500 persone, con un corteo che ha percorso via Di Vittorio. Problemi anche in provincia di Foggiam dove sulla statale 16 c’è stato un blocco totale dei mezzi pesanti al km 670, con rallentamenti alla circolazione delle auto. Una quarantina di autotrasportatori si è concentrata in una piazzola di sosta, nei pressi di una stazione di servizio tra Foggia e San Severo. In mattinata, verso le 5, un centinaio di autotrasportatori aveva manifestato anche sulla statale 613 Lecce-Brindisi in direzione nord, rallentando e a tratti bloccando il traffico veicolare in prossimità dello svincolo per Surbo. Una protesta che si inserisce in quella nazionale ma che non era stata autorizzata, facendo subito scattare l’intervento delle forze dell’ordine.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Costretti a essere criminali dai genitori! L’inferno di due bambini

tuttacronaca-baby-pusher-droga

Hanno 10 e 13 anni ma erano costretti, dai genitori, a fare i corrieri della droga e se provavano a rifiutarsi venivano picchiati. Ai bambini, un maschietto di 10 anni e una femminuccia di 13, appartenenti a due famiglie diverse, i genitori, in più occasioni, hanno affidato il compito di consegnare le sostanze stupefacenti ai tossicodipendenti e di portare a casa i soldi. Solo dopo i piccoli potevano tornare a giocare in strada con i loro amichetti. I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Foggia, su richiesta della Procura. Diciotto persone sono finite in carcere, 16 agli arresti domiciliari, in sei sono state sottoposte all’obbligo di firma in caserma. Un altro indagato è sfuggito alla cattura ed è ricercato.

 

D’Alema torna in campo!

massimo-d-alema-tuttacronaca

E’ arrivato l’annuncio ufficiale anche se già da tempo si vociferava su un impegno in prima linea di Massimo D’alema a favore di Cuperlo. Oggi  il presidente della commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Partito democratico ha annunciato “A nome dell’area Cuperlo ho chiesto a Massimo D’Alema di candidarsi come capolista a Foggia per le primarie del Pd e lui ha accettato. Siamo onorati di questa sua decisione” e poi ha aggiunto “l’ex premier, cittadino onorario di Foggia, ha da tempo un forte legame con la città, con la Capitanata e la Puglia”. E poi ha sottolineato Bordo “sono certo che con la candidatura di D’Alema a Foggia, il Mezzogiorno tornerà al centro del dibattito politico nazionale. Massimo ha dedicato, e dedica, molta parte del suo impegno politico e istituzionale proprio per il Sud del nostro Paese”.

Giornalista querelata per diffamazione: ha postato un commento in Fb

Marina-Morpurgo-tuttacronacaSe qualche giorno fa si era scoperto che un’utente di TripAdvisor dovrà rispondere di diffamazione per aver parlato di “vino avariato” con riferimento a una nota osteria di Bologna, ora si viene a sapere che una giornalista in pensione, Marina Morpurgo, è stata querelata a causa di un post pubblicato in Facebook nel quale criticava la pubblicità di un salone di Bellezza di Foggia. Il manifesto in questione raffigurata una bambina di circa 6 anni che si mette il rossetto. La giornalista, sul suo profilo, aveva citato i fumetti di Paperino, commentando in modo ironico la foto. Poche parole che le sono valse un avviso di garanzia per diffamazione alla quale non riusciva a credere: “Non mi era mai successo nel corso della mia lunga carriera – ha raccontato – e mi chiedo perché sono stata scelta proprio io tra tanti che hanno commentato anche in modo ben più duro”. “Io avevo solo detto che l’ideatore del manifesto andava impeciato e impiumato, come nelle strisce di Paperino – ha continuato la Morpurgo – e avevo citato la frase, una citazione dai Caroselli mi pare dell’amarena Fabbri, ‘Lo possiamo torturare?’, ma scambiare queste battute e citazioni fumettistiche per non so cosa è davvero assurdo.” Quello che la Morpurgo invoca ora è l’articolo 21 della Costituzione, che garantisce la libertà d’espressione, mentre nega un intento diffamatorio: “Spero si vada verso l’archiviazione perché altrimenti sarebbe veramente grottesco. Oltretutto mi chiederei se un magistrato di un territorio difficile come Foggia, che non è certo un paesino sperduto della Svizzera, non ha altro da fare che perseguire me a Milano per un post su Fb”.

Si è tolto la vita Gabriele Scalfarotto, presidente di AGedO e padre di Ivan

gabriele-scalfarotto-tuttacronaca-agedoAveva sempre mostrato di essere un combattente Gabriele Scalfarotto, padre dell’onorevole del Pd Ivan Scalfarotto, fondatore dell’AGEDO (Associazione genitori, parenti e amici di omosessuali) e, in precedenza, presidente provinciale dell’AVIS. L’uomo, come riporta il Mattino di Foggia, si è tolto la vita nella sua abitazione, tra Zapponeta e Manfredonia, in Puglia. Non si conoscono le ragioni del gesto, anche se sembra che soffrisse di crisi depressive. Sul letto, accanto al suo corpo, è stato rinvenuto un biglietto con un messaggio ai figli. Stando alle prime notizie sembra che si sia tolto la vita sparandosi un colpo di pistola alla testa nella sua villa tra Zapponeta e Mandredonia.

Trema la terra tra Avellino e Foggia: scossa di terremoto alle 7:43

terremoto-foggia-tuttacronacaL’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato questa mattina, alle ore 7:43, una scossa di terremoto di magnitudo 2 tra le provincie di Avellino e Foggia. L’evento, che ha avuto ipocentro a una profondità di 10.6 km, è stato localizzato nel distretto Sismico dei Monti della Daunia, con epicentro tra i comuni di Zungoli e Scampitella, nell’Avellinese. La scossa è stata avvertita nei comuni del comprensorio della Valle dell’Ufita, non ha provocato danni a persone o cose.

Scossa di terremoto sul Gargano

terremoto-gargano-tuttacronacaLa Rete sismica nazionale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 2.1 alle ore 6:38 sul promontorio del Gargano. Non sono stati registrati danni nè a persone nè a cose. La scossa, che ha avuto ipocentro a una profondità di 3.7 km, è stata localizzata nel territorio di San Nicandro Garganico,e ha interessato nel raggio di 20 chilometri anche i centri di Apricena, Lesina, Poggio Imperiale, Rignano Garganico e San Marco in Lamis, tutti in provincia di Foggia.

Laura Boldrini in visita all’Università di Foggia: flash mob e striscioni di protesta

flashmob-foggia-boldrini-tuttacronacaIl presidente della Camera Laura Boldrini è arrivata a Foggia in occasione dell’inaugurazione del Polo Bio-Medico e del dipartimento degli Studi Umanistici dell’università cittadina. Ad accoglierla, flash mob e striscioni affissi nelle vicinanze dell’Università di Foggia e all’ingresso del CUS di via Napoli. Sullo striscione preparato da militanti di Forza Nuova, Nuovo Ordine Nazionale e Lotta studentesca, la scritta: “La Boldrini pensa agli immigrati, ma i foggiani muoiono disoccupati”. I movimenti, riguardo l’inaugurazione, dicono: “Una bella notizia, seppur alla vigilia di due campagne elettorali, quella comunale e della regione Puglia, dove il Rettore Volpe si è autocandidato alla guida della città, e dove Vendola, suo concittadino di Terlizzi, dopo averlo messo di sana pianta a Foggia, ne sarà il suo sponsor naturale”. Da parte loro “dissentono dal tono adulatorio e servile di tutta la politica foggiana” e rincarano la dose “è la vecchia tattica democristiana di fare quattro anni di danni per mano della sanità pugliese, con scandali, sperpero di denaro pubblico, lista di attese annuali per esami di vitale importanza, aumenti dei ticket, e decine di disservizi, salvo poi gli ultimi mesi tagliare nastri con tanta bella gente che batte le mani, ma non è di questo che vogliamo parlare, perlomeno non ora”. Ecco quello che interessa loro: “Ognuno ha le sue priorità, le nostre sono quelle degli Italiani, delle famiglie italiane e quelle dei giovani una volta precari, ora solo disoccupati, quelle della Boldrini, è solo e comunque quella degli immigrati, altro non esiste, ed anche in occasione di inaugurazioni di un polo universitario, s’inventa un percorso tortuoso per ignorare i problemi italiani, ed ancor di più foggiani; La Boldrini rappresenta un autogol clamoroso per le istituzioni italiane, ed è comunque libera di dare le priorità che meglio crede. Noi dal canto nostro siamo altrettanto liberi di contestarne le scelte, in quanto lo stipendio del presidente della Camera è anche pagato con i nostri soldi, quelli degli italiani”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il video shock del tentato omicidio

Tentato omicidio Di Bari- foto sparatoria via Ricca -tuttacronaca

Il video è la prova che ha consentito agli agenti della Squadra Mobile di Foggia di sottoporre a fermo di polizia Michele Morelli, 24 anni, accusato di essere l’autore del tentativo di omicidio di Mario Di Bari, 31 anni. Il 22 agosto Di Bari venne ferito ad una gamba, al comparto Biccari, alla periferia di Foggia. Morelli, dopo aver incrociato la vittima in via Rizza, nella zona di Parco San Felice, l’avrebbe inseguita sparando sei-sette colpi con una pistola calibro 7.65. Un proiettile ferì ad una gamba Di Bari, che cadde e venne raggiunto da Morelli: nonostante le suppliche della vittima, il presunto killer avrebbe puntato la pistola per sparare il colpo di grazia, ma probabilmente l’arma si inceppò o non aveva più proiettili. Ancora da chiarire i motivi del tentato omicidio.

+++ Video adatto a un pubblico adulto e consapevole +++

 

Rapinano un 89enne, lasciandolo agonizzante e vanno in un locale

aggredito-anziano-tuttacronaca

Quattro ragazzi – un 23enne ed un 21enne originari della provincia di Foggia, un 24enne nato in Costa d’Avorio ed un diciassettenne – hanno massacrato un 89enne di Chiusi, il cui corpo è stato trovato da un nipote. In un primo momento si era pensato a una morte per cause naturali, poi invece è affiorata la tragica verità: morte violenta. E’ anche emerso che quando i giovani sono scappati dopo aver rubato all’anziano 200 euro, l’uomo era ancora in vita, agonizzante sul pavimento. Ancora più agghiacciante sembrano essere le motivazioni che hanno spinto al gesto, il denaro sarebbe stato usato per entrare in un locale notturno e passare una serata di divertimento. I tre maggiorenni si trovano in carcere, mentre il minore è stato affidato a una struttura fiorentina. 

 

Continua l’emergenza Escherichia coli: NAS al lavoro e sequestri

escherichia-coli-tuttacronaca A seguito dell’infezione da Escherichia Coli che nelle ultime settimane si è verificata in Puglia, sono stati posti in essere dei controlli a opera del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute in accordo con il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Il monitoraggio è stato esteso anche alla provincia di Foggia. Durante l’attività d’indagine, 42mila litri di latte all’origine fresco e arbitrariamente sottoposto a congelazione e oltre 130 tonnellate di alimenti sono stati sequestrati da dieci squadre dei Carabinieri del Nucleo Anti Sofisticazione di Foggia, Bari e Taranto a seguito di ispezioni igenico-sanitarie che hanno coinvolto aziende agricole, ditte produttive, depositi, ingrossi e negozi alimentari. Nello specifico, come spiega FoggiaToday, si tratta di “oltre 48 tonnellate di pomodori posti all’essiccazione al sole su telai creati con tondini di ferro arrugginiti e reti in materiale plastico non idonei all’uso alimentare, esposti a diretto contatto con l’aria senza alcuna protezione dall’azione infestante di insetti ed animali, dalle intemperie e dalle contaminazioni di agenti atmosferici”. Ma sono state sequestrate anche circa 79 tonnellate  “di conserve di pomodoro e vegetali (tra cui peperoni e carciofi) ed alimenti vari confezionati e non (tra cui sacchi di riso e farina, peperoncino, pollo e pesce congelati, acqua e birra) prodotti o detenuti in precarie condizioni igienico-sanitarie ed in depositi non autorizzati”. Alimenti preconfezionati di varia tipologia, per il peso di una tonnellata, sono stati sequestrati in tre negozi, gestiti rispettivamente da un rumeno, un pachistano ed un bengalese. Motivazione: le confezioni erano sprovviste di etichette con informazioni in lingua italiana. Mezza tonnellata di pasta alimentare fresca all’uovo con ripieno a base di carne è stata invece sequestrata perchè conservata a temperatura ambiente anzichè a temperatura refrigerata. Due aziende agricole, una ditta di conserve vegetali e un deposito di alimenti etnici, tutti privi della prescritta dichiarazione di inizio attività e versanti in precarie condizioni igienico-sanitarie e strutturali, hanno invece dovuto sospendere l’attività.

Bimbo di 3 anni investito da un auto: grave!

bimbo-investito-strada-campobasso-tuttacronaca

E’ ricoverato in condizioni molto gravi nell’ospedale di Foggia, dove è stato trasferito, un bimbo di 3 anni di Petacciato (Campobasso), travolto in pieno da un automobilista mentre si trovava ai margini di una strada del centro per attraversare. Il piccolo era in compagnia di un bambino più grande che oltre allo spavento ha riportato qualche graffio.

Trema la Puglia: lieve scossa di terremoto

terremoto-puglia-tuttacronacaL’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Ingv, ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 2.3 alle 5:57 in Puglia, nel nord del promontorio del Gargano (Foggia). Il sisma ha avuto ipocentro a 10 km di profondità ed epicentro in prossimità del comune foggiano di San Nicandro Garganico. Non sono stati registrati danni a persone o cose.

Poliziotto tenta di sedare una lite: gli strappano l’orecchio a morsi

lite-poliziotto-orecchio-tuttacronacaLite tra automobilisti in Pugli, sulla provinciale tra Vieste e Mattinata, in provincia di Foggia. Un litigio tra due uomini, entrambi di Mattinata, ha reso necessario l’intervento della polizia e proprio uno degli agenti ha avuto la peggio: si è visto strappare un orecchio a morsi. Ora i due aggressori, Leonardo D’Ercole, di 41 anni, già noto alle forze di polizia, e Leonardo Ricucci, 26enne, incensurato, sono in arresto e dovranno rispondere di violenza a pubblico ufficiale e lesioni gravi.

“Flagelli d’estate”: tromba d’aria alle Tremiti, pioggia al Gargano

tromba-d'aria-gargano-tuttacronaca

Nella notte scorsa un violento temporale ha coinvolto le zone del Gargano, provocando disagi e frane sulle strade. A San  Menaio, Ischitella e Lido del Sole sono ancora all’opera alcune squadre di vigili del fuoco del comando provinciale di Foggia che stanno lavorando insieme all’Anas e all’amministrazione provinciale.

In particolare sono state interessate la statale 693 nel tratto tra Vico del Gargano e Peschici. Sul manto infatti si è riversato oltre ai detriti anche tronchi d’albero e altro materiale che ha causato problemi alla circolazione. Tutt’ora ci sono rallentamenti in zona.

Anche hotel e abitazioni sono stati allagati al punto di richiedere l’intervento dei vigili del fuoco sia a San Menaio che a Vico del Gargano. I soccorsi sono intervenuti anche per gli automobilisti che sono rimasti in panne sulla statale 89 che è stata interessata da frane.

Una tromba d’aria ha invece investito le Tremiti:

 

Scosse nel resto d’Italia… la terra trema.

terremoto-umbria-puglia-tuttacronaca

Non solo in Toscana, ma le scosse sismiche attraversano la nostra penisola da nord a sud. Ieri alle 23.54 si è registrata una scossa di terremoto pari a 2.5 al al largo del golfo pugliese di Manfredonia (Foggia), mentre un’altra di magnitudo 2.3 è stata registrata alle 23:59 al largo delle coste settentrionali della Sicilia tra le isole Eolie e lo stretto di Messina. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), i terremoti hanno avuto ipocentro rispettivamente a 5 e 132,3 km di profondità ed epicentro entrambi oltre i 20 km dalla terra ferma. Non si registrano danni a persone o cose.

Altre lievi scosse si sono registrate in Umbria. Rispettivamente hanno fatto registrare una magnitudo di 2 e 2.1. La prima alle 2:27, la seconda alle 3:51, entrambe nel nord della provincia di Perugia. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), i terremoti hanno avuto ipocentro tra gli 8,1 e i 9,1 km di profondità ed epicentro in prossimità del comune di Pietralunga. Non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Sono 79 le scosse di terremoto di magnitudo uguale o superiore a 2 registrate nella zona dall’inizio dello sciame sismico.

Lieve scossa di terremoto al largo delle isole Tremiti

terremoto-tremiti

Alle 23:34 di ieri, al largo delle isole Tremiti (Foggia), è stata registrata una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.1. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 7,6 km di profondità ed epicentro tra i 10 ed i 20 km a nord-nordovest dell’arcipelago pugliese. Non si registrano danni a persone o cose.

Il coraggio di una madre: sventa il rapimento del figlio

zapponeta

Una madre che vede il proprio figlio tra le braccia di un estraneo, entrato furtivamente nella sua abitazione, trova in sè il coraggio per affrontare qualsiasi pericolo pur di proteggere la propria prole. E’ quello che dimostra quello che è accaduto a Zapponeta, in provincia di Foggia. Una donna ha colto in fragrante un uomo che si era introdotto in casa e ne stava rapendo  il bambino. La donna è risuscita a bloccarlo e gli ha strappato dalle mani il piccolo dopo una breve collutazione. L’autore del tentato rapimento è riuscito a fuggire ed ora le forze dell’ordine sono impegnate nella ricerca di uno straniero, dell’Est Europa, “impegnato in lavori agricoli nell’area”.

I Luoghi del CUORE: Museo di Totò nel Rione Sanità di Napoli

FAI: LUOGO DEL CUORE CITTADELLA DI ALESSANDRIA, 1MLN VOTI

I LUOGHI del CUORE: Abbazia Benedettina Ss.Trinità di Monte Sacro

Abbazia-SS-Trinità-2

I LUOGHI del CUORE: Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate

FAI: LUOGO DEL CUORE CITTADELLA DI ALESSANDRIA, 1MLN VOTI

I LUOGHI DEL CUORE: Cittadella di Alessandria

FAI: LUOGO DEL CUORE CITTADELLA DI ALESSANDRIA, 1MLN VOTI

I LUOGHI del CUORE!

FAI

Dal fai la classifica dei luoghi più amati d’Italia.

PRIMO POSTO: Cittadella di Alessandria, uno degli esempi più importanti di fortificazione settecentesca in Europa.

SECONDO POSTO: Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate in provincia di Foggia.

TERZO POSTO: Abbazia Benedettina della Ss. Trinità di Monte Sacro, in provincia di Foggia.

Segnaliamo anche il quarto posto del  Museo di Totò nel Rione Sanità di Napoli.

 

 

Bruciano i rifiuti! Foggia, roghi nelle vie principali

rifiuti

Spari da un’auto nel foggiano: un albanese ucciso e uno ferito

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Avenues2

Just another WordPress.com weblog

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

max lucien

il linguaggio della passione

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: