Il video di Luciano Ligabue che cade sul palco a Verona

ligabua-arena-2013-verona-tuttacronaca-cade-dal-palco

Luciano Ligabue, che ieri sera ha portato a termine la prima di 6 serate, all’arena di Verona ha avuto un piccolo incidente. E’ infatti caduto dal palco, ma si è immediatamente rialzato senza danni. Il video è stato diffuso su Wake Up News:

Dopo gli accertamenti clinici il responso è stato: “microfrattura alla spalla destra”. Ligabue ha comunque voluto garantire la presenza agli altri cinque concerti, che si terranno nei giorni 17-19-20-22-23 settembre, tornando sul palco più carico di prima.

Ligabue, incanta l’arena con “Sale della Terra”

ligabue-arena-di-verona-tuttacronaca

Stasera è stata solo la prima serata per Ligabue all’arena di Verona, ma per tutti i suoi fan è stato davvero un concerto indimenticabile in attesa del suo ultimo album, dal titolo ancora top secret, che uscirà il 26 novembre.

tante le emozioni e soprattutto per Ligabue questo è stato anche un saluto, anzi un addio a un album che è uscito tre anni fa e che ha segnato profondamente il percorso professionale e personale del cantante. Tante le immagini anche che si sono succedute su “Buonanotte all’Italia”. Tanti volti che non ci sono più da Margherita Hack, Lucio Dalla, Little Tony, Vincenzo Cerami, Pietro Mennea, Stefano Borgonovo, Enzo Jannacci. Una Buonanotte triste, malinconica per un Italia che non c’è più.

 

“L’esistenza è uno spazio che ci hanno regalato …

spazio vuoto

… e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque.”

-Enzo Jannacci-

Uno sguardo a… Ossobuchi alla milanese con riso allo zafferano

La ricetta puoi trovarla QUI!

Riso_zafferano_ossobuco

Enzo Jannacci… con Dario Fo, Ho visto un re

Enzo Jannacci… La fotografia

Enzo Jannacci… Lettera da lontano

Gente di Milano… Enzo Jannacci

enzo-jannacci

Uno sguardo a Milano… i Navigli

milano-navigli

Uno sguardo a Milano… Piazza della Scala

milano-piazza-della-scala

Uno sguardo a… MILANO

Milano

Una jam session per Jannacci

Jannacci-jam-session

Avrebbe compiuto 78 anni il 3 giugno Enzo Jannacci, mancato il 29 marzo di quest’anno. Per festaggiarlo, un gruppo di amici si è riunito e, con il figlio del cantante, Paolo, al pianoforte, hanno improvvisato una jam session a Palazzo Lombardia, sede della Regione. Roberto Maroni ha commentato l’evento in Twitter: “Abbiamo suonato qui al 39esimo piano per essere più vicini a dove si trova Enzo adesso”. Alle 20 e 13 un tweet di Roberto Maroni spiega così il senso di quella «jam session» improvvisata a Palazzo Lombardia, sede della Regione. Tra gli altri, presenti anche Paolo Rossi, Franco Cerri, Teo Teocoli, Renato Pozzetto, Cochi Ponzoni e Massimo Boldi. Il pubblico ha pottuo seguire l’evento su un monitor al piano terra, seguendo così anche la calata di Maroni nei panni di musicista mentre duetta un pezzo blues con Paolo Jannacci. Il preferito del politico, però, resta El purtava i scarp de tennis. “È profondo, perchè ci ricorda quanto sia importante stare con i piedi per terra – ha detto il governatore – Quanto si debba stare attenti a non lasciarsi affascinare dalle sirene del potere, ma rimanere sempre in mezzo alla gente, per lavorare e cercare di risolvere i problemi concreti”. Tra le tante testimonianze di affetto, Paolo Rossi ha definito il cantante “Uno dei miei maestri”: “Ne ho avuti tanti – ha sottolineato – ma solo Enzo mi ha insegnato a trovare le idee per strada”. Commosso il grande jazzista Franco Cerri: “Enzo era nato per fare il musicista, insieme ne abbiamo fatte di tutti i colori. E soprattutto ci siamo fatti tante bellissime risate”.

Claudia Cardinale sul set di… L’udienza di Marco Ferreri

Ciao Enzo, nell’abbraccio di Milano!

jannacci-enzo-funerali-tuttacronaca

Il suono degli strumenti di una banda ha accompagnato l’uscita della bara di Enzo Jannacci dalla Basilica di Sant’Ambrogio dove si sono appena conclusi i funerali. L’uscita del feretro, come l’ingresso, è stata accompagnata anche da un lungo applauso e da momenti di commozione. La salma del cantautore sarà sepolta al Famedio al cimitero monumentale di Milano.
Fra i primi ad arrivare anche l’amico Roberto Vecchioni: «Nessuno è mai riuscito a dare la dimensione di Milano come ha fatto lui». «Enzo era una persona che quando non c’era si faceva sentire ugualmente perché quando era presente dava un senso diverso alla serata. È lui che mi ha fatto cambiare carriera, è lui che mi ha fatto diventare un artista», le parole con cui Teo Teocoli ricorda l’amico Jannacci. «Era il vero collante tra di noi – ricorda il comico arrivato ai funerali con il collega Massimo Boldi -, tant’è vero che i suoi primi pazienti siamo stati io, Massimo Boldi, Cochi e Renato».

Ha preso le mosse da una una delle più famose canzoni di Enzo Jannacci ‘Vengo anch’io, no tu no’ l’omelia di Don Roberto Davanzo, direttore della Caritas ambrosiana che sta celebrando i funerali del cantautore nella basilica di San’Ambrogio a Milano. «Si potrebbe andare tutti quanti al tuo funerale… cantavi anni fa caro Enzo – ha esordito Don Davanzo – ebbene ora ci siamo al tuo funerale e siamo in tanti e siamo tutti».
«Ma nella canzone precisavi il motivo, la curiosità – per vedere se la gente poi piange davvero – ha proseguito il sacerdote durante l’omelia -. E anche questo te lo possiamo garantire: la gente ti voleva bene, ti vuole bene, perchè non si può non voler bene a chi con la sua arte ha dato voce a quelli che la voce non ce l’hanno, ai tanti anonimi sconfitti della storia».

Ma c’è anche chi rinuncia alla cerimonia… Adriano Celentano e la moglie Claudia Mori non riescono ad entrare nella Basilica di Sant’Ambrogio.  La coppia si è quindi soffermata fuori dalla Chiesa per alcuni minuti e poi si è allontanata: «Avrei preferito poter assistere alla cerimonia – ha spiegato il Adriano – ma c’era troppa gente ed è giusto così».

CIAO ENZO! Addio a “El portava i scarp del tennis”

enzo_jannacci_morto-tuttacronaca

Ciao Enzo,

Tu che sapevi avvicinare a quel mondo complesso che è la musica, tu che sapevi parlare di sociale con l’armonia delle tue note, tu che non avevi bisogno di parolacce per stupire nei tuoi monologhi, era il ritmo a trascinare il pubblico. Tu che facevi vivere lo spettatore, là sul palco insieme a te, raccontando del barbone morto di cui restano impresse solo le scarpe da ginnastica o dell’Armando…  i drammi umani, i sentimenti e le emozioni. Ciao a te che sapevi sorridere e carezzare quella solitudine umana, quella nostalgia che si respira e che diventa poesia in ogni tua canzone. Tu che sapevi unire leggerezza e contenuti, tu che trasformavi uno spettacolo in un esperienza di vita, tu che sapevi dare al pubblico la tua visione del mondo, senza mettere maschere, filtri. La tua immediatezza, la tua arte e il tuo sguardo sulla vita saranno per sempre un insegnamento per ogni generazione, sia per quelle che ti hanno conosciuto, che per quelle che ti conosceranno attraverso le tue canzoni, i tuoi spettacoli, il tuo esempio. Ciao, Enzo!

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: