La cicogna che finisce in carcere: scambiata per una spia!

cicogna-imprigionata-egitto-tuttacronacaUna “spia” francese caduta in mano agli egiziani a Qena, a circa 450 km dal Cairo e finita dietro le sbarre? L’idea era quella. Solo che la presunta “spia” era atipica: una cicogna con un dispositivo elettronico nell’ala. Il mistero però è stato presto svelato: il dispositivo non era altro se non un piccolo microcip utilizzato da scienziati transalpini per condurre uno studio sulla fauna selvatica.

Chi leggerà nel futuro i nostri pensieri? Il pc

Passthought-pc- tuttacronaca

Chi leggera nel futuro i nostri pensieri? Il pc. Inoltre la nuova generazione di computer potrebbero scannerizzare la retina e le impronte digitali, oltre a fare un riconoscimento vocale.  UC Berkley School of Information ha già messo a punto un sistema  per leggere le password nella mente di un utente. Questo renderebbe la vita molto più difficile anche agli hacker. Nell’università californiana l’esperimento è stato condotto da John Chuang che ha usato un apparecchio già in commercio che costa circa 100 dollari e si chiama NeuroSky MindSet. È una specie di caschetto con funzioni di elettroencefalogramma non invasive, molto simile alle cuffie che si usano per ascoltare musica. Il dispositivo viene connesso tramite Bluetooth ad un computer che riesce a decifrare le onde cerebrali. Nel corso della ricerca è stato chiesto a diverse persone di immaginare di compiere azioni specifiche, come cantare una canzone, ma anche generiche, come muovere un dito. In tutti i casi è stato possibile usare le onde cerebrali di chi si è sottoposto all’esperimento per identificare le azioni in modo accurato, con un livello di errore inferiore all’1%. Da qui la possibile applicazione, secondo il ricercatore, al mondo delle password che potrebbero essere così sostituite dalle ‘passthought’

Big Brother per micio e fido!

app-animali-domestici-tuttacronaca

Alla fiera di telefonia mobile di  Barcellona, quest’anno, il Mobile World Congress, è stato presentato un sistema in grado di controllare, a distanza, gli animali domestici. Il suo funzionamento si basa, sostanzialmente, su due elementi: un piccolo dispositivo da applicare al collare di fido o micio e un iPhone sul quale scaricare un’apposita “App”. Il dispositivo messo sul collare del cane o del gatto contiene infatti un chip GPS in grado di comunicare, al cellulare, le coordinate di micio o fido. Nome del – passateci il termine – congegno: Tractive Pet Tracking che, tra le diverse possibilità, ha anche quella di segnalare, con un allarme sonoro, quando Micio o Fido sorpassano l’area considerata sicura per avventurarsi nel mondo esterno. Una proposta che, per quel che riusciamo a capire, non passerà certo inosservata visto che il sistema permette di conoscere la posizione dei nostri quattro zampe – e quindi di localizzarli – in ogni momento.

Disponibile sul mercato a partire da aprile il dispositivo può costare fino a un massimo di 250 euro (mentre l’applicazione per il cellulare è di 4,99 euro)

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: