“Panebianco cuore nero”: la contestazione al docente a Bologna

Panebianco-contestato-tutttacronaca“Panebianco cuore nero, le consegniamo noi il foglio di via”. E’ la contestazione degli studenti del collettivo Hobo contro il docente Angelo Panebianco che ha avuto luogo nella facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna a seguito di un articolo pubblicato sulle pagine del Corriere: testo che affronta le problematiche legate all’immigrazione e che per il collettivo presenta contenuti “razzisti”. II docente ha tentato un confronto con i ragazzi, che per tutta risposta glielo hanno negato. A scatenare la contestazione l’articolo intitolato “Troppe ipocrisie sugli immigrati”nel quale  Panebianco propone di mettere in atto una distizione tra immigrati, basata su alcuni criteri specifici. Primo tra tutti la religione di appartenenza. “La richiesta di Matteo Renzi di inserire la riforma della Bossi-Fini fra i temi del contratto di governo, al di là delle motivazioni del neosegretario del Pd, potrebbe essere una occasione da cogliere per dare basi più razionali alla nostra politica dell’immigrazione” è la premessa. “Dobbiamo solo limitarci a tamponare e contenere i flussi migratori o abbiamo bisogno di interventi più attivi e, soprattutto, più selettivi?” si chiede poi Panebianco che prosegue:

“Per esempio, certi gruppi, provenienti da certi Paesi, dovrebbero essere privilegiati rispetto ad altri gruppi. È possibile che convenga favorire l’immigrazione dal mondo cristiano-ortodosso a scapito, al di là di certe soglie, e tenuto conto del divario nei tassi di natalità, di quella proveniente dal mondo islamico”. E infine la conclusione: “Una politica realistica, fondata sulla convenienza, si dovrebbe insomma porre problemi di scelta, di selezione (da monitorare e rivedere nel tempo, alla luce dell’esperienza). Non si tratta di inventare nulla. Altri Paesi hanno già imboccato questa strada”.

Annunci

Trovato morto in casa il giornalista Marafioti di Radio Radicale

radioradicale-dino-marafioti-tuttacronaca

Il giornalista di Radio Radicale, Dino Marafioti, è stato trovato morto nella mattinata di sabato 17 agosto nella sua abitazione di Roma. Aveva 53 anni e da oltre venti era una delle voci della radio. Marafioti si è occupato prevalentemente di diritti civili e di politica.

BERSANI IL TEDESCO!

BersaniMerkel

Dopo il via libera della Corte ue sulla possibilità che le coppie gay adottino i figli di uno dei due partner, il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, torna ad aprire a questa possibilità “Prendo la legislazione tedesca, tale e quale”, spiega il candidato premier del centrosinistra. ANCORA PIU’ SUCCUBI DELLA GERMANIA? Perchè non va a prendersi la cittadinanza tedesca? Possiamo avere una legge sui gay italiana? Siamo incapaci di farla o abbiamo paura della Chiesa e ci limitiamo a copiarla? Perchè non ci preoccupiamo di vedere le esigenze delle coppie italiane (gay o etero che siano) senza nessun tipo di discriminazione, ma parlando solo di diritti civili uguali per tutti?

 

Corte di Strasburgo… il partner è partner anche se gay!

famiglia_gay_adozioni

Via libera all’adozione da parte del partner anche nelle coppie gay!

Nelle coppie omosessuali i partner devono avere il diritto ad adottare i figli dei compagni, cosi come avviene per le coppie eterosessuali non sposate. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani in una sentenza emessa su un ricorso presentato da una coppia di donne austriache e dal figlio di una di loro.

La sentenza, definitiva perché emessa dalla Grande Camera della Corte di Strasburgo, riguarda l’Austria, ma i principi valgono per tutti gli altri 46 Stati membri del Consiglio d’Europa. Nella sentenza la Corte afferma che l’Austria ha violato i diritti dei ricorrenti perché li ha discriminati sulla base dell’orientamento sessuale dei partner, visto che in Austria l’adozione dei figli dei compagni è possibile per le coppie eterosessuali non sposate. Il caso in questione è nato da un paradosso: la concessione dell’adozione alla partner avrebbe fatto perdere i diritti alla madre naturale, sua compagna. I giudici di Strasburgo hanno affermato che il governo austriaco non è riuscito a dimostrare che la differenza di trattamento tra coppie gay ed eterosessuali è necessaria per proteggere la famiglia o gli interessi dei minori. Tuttavia la Corte ha nel contempo sottolineato che gli Stati non sono tenuti a riconoscere il diritto all’adozione dei figli dei partner alle coppie non sposate. Il caso su cui la Corte ha stabilito la violazione dell’articolo 14 e 8 della convenzione europea dei diritti umani, che sanciscono la non discriminazione e il diritto al rispetto della vita familiare, riguarda due donne che vivono da anni in una relazione stabile e il figlio che una di esse ha avuto da un uomo con cui non era sposata. Nel 2005 le donne hanno concluso un accordo di adozione per creare un legame legale tra il minore e la compagna della madre. Ma quando si sono rivolte al tribunale per far riconoscere l’accordo, questo ha opposto un rifiuto. In base l’articolo 182.2 del codice civile austriaco la persona che adotta “rimpiazza” il genitore naturale dello stesso sesso, interrompendo quindi il legame con quel genitore. Nel caso in questione quindi l’adozione non avrebbe creato un nuovo legame o rimpiazzato quello con il padre, ma avrebbe reciso quello con la madre naturale del bambino.

La Chiesa per i diritti ai gay? E’ una bufala?

Pare che Monsignor Paglia abbia solo ripetuto quello che la Chiesa sostiene da anni e che “L’autosufficienza del sentimento non giustifica da solo il matrimonio. Certo, c’è anche l’amore, ma esso ha una struttura pubblica che non può essere allentata. Se poi ci sono diritti individuali da garantire, è bene percorrere altre strade. Solamente l’uomo e la donna possono dar luogo a una famiglia. Gli altri affetti non giustificano il matrimonio, perché quest’ultimo implica generatività. Se per matrimonio intendiamo qualunque affetto, allora abbiamo distrutto tutto e a perderci siamo tutti.”  Ha poi aggiunto ” la Chiesa è favorevole affinché lo Stato trovi una tutela per le coppie di fatto attraverso soluzioni di diritto privato e prospettive patrimoniali all’interno dell’attuale Codice civile”.

Secondo altri, però, l’apertura c’è stata… Vedremo ora come evolve!

francia-Matrimonio-gay-chiesa

E “se a mia madre piacciono le donne?”

Insorge la destra Usa contro gli omosessuali proprio nel giorno che Obama rilancia la riforma. La bomba la lancia il senatore repubblicano Lindsey Graham “Non votero’ la legge se la sanatoria venisse estesa alle coppie omosessuali clandestine, anche se sono regolarmente sposate secondo le leggi vigenti nei loro stati”.

2091a2

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: