Ecco cosa ci hanno fatto negli ultimi anni con il fondo per i giovani!

fondo-giovani-tuttacronaca

La vergogna del fondo per i giovani. Un fondo diventato una voragine e gestito in modo “superficiale” per usare un eufemismo. Eppure Enrico Letta vuole fare dell’occupazione giovanile la sua ossessione… Ma forse questo fondo ha già ossessionato a lungo Letta. Il fondo fu infatti istituito nel lontano 2006 quando Enrico Letta era sottosegretario alla Presidenza del Consiglio… per avere i primi stanziamenti servirono 2 anni… poi si abbatté sul fondo l’accetta dei governi e fu ridotto a mera dizione priva di ogni significato contabile. In 5 anni sono volati via 500 milioni di euro.   

C’è, ad esempio, la Compagnia delle Opere (Maurizio Lupi, l’attuale Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e assessore all’edilizia privata del Comune di Milano dal 1997 al 2001, è stato indagato per tentata truffa e tentato abuso d’ufficio per la “concessione a una federazione della Compagnia delle opere della cascina San Bernardo, vicino all’abbazia di Chiaravalle, e sul suo uso post-ristrutturazione”, insieme al collega Verro, entrambi membri di Forza Italia; l’indagine si è conclusa con l’assoluzione perché il fatto non sussiste)  che si fa finanziare un progetto, spende meno del previsto, e si tiene la differenza.

Ma su questo fondo pesano anche le domande di partecipazione a un bando da un milione di euro che nessuno ha mai aperto, i cv e i titoli continuano a giacere inascoltati. Però qualcosa per i giovani è stato fatto: un museo ha organizzato un master per under 30, ha fatto il corso alle sue guide e ha realizzato un bel cofanetto promozionale…

C’è poi il fiore all’occhiello (o quello che avrebbe dovuto esserlo) cioè il sito giovaneimpresa.it del fondo e che doveva diventare il vero punto di riferimento per la giovane impresa. Costato 350mila euro è capace di convogliare solo 200 visitatori in dieci mesi, meno di uno al giorno!

 Poi governo dopo governo quel fondo è diventato una “barzeletta tragica” in un’ Italia devastata dalla disocuppazione giovanile.

Se poi vogliamo entrare nello specifico e vedere solo alcune delle tante voci che agonizzano in questa “voragine-fondo” possiamo ad esempio vedere come il capitolo dedicato a sport e servizio civile sia sceso da 173 a 71 milioni (nel 2013 arriverà a 64).

  

“Il reddito di cittadinanza cela problema lavoro” così Renzi.

reddito-cittadinanza-tuttacronaca

«Il reddito di cittadinanza, che qualcuno confonde con il reddito minimo garantito, è la negazione dell’articolo 1 della Costituzione». Lo ha detto Matteo Renzi, sindaco di Firenze, nel suo saluto all’assemblea nazionale della Compagnia delle Opere. «Il reddito minimo garantito – ha aggiunto – è una cosa seria, c’è in tutta Europa, ma il reddito di cittadinanza è basato sull’idea che non lavori e ti do un sussidio. Le imprese non chiedono allo Stato sussidi, ma libertà in cambio di responsabilità».
Secondo il sindaco di Firenze oggi «la priorità è il lavoro», ma «viviamo in un tempo in cui il lavoro sembra essere considerato un problema: e quando il lavoro non c’è, accade che le forze politiche trovino soluzioni dettate dalla volontà di andare incontro alle esigenze degli altri, ma che sono la negazione del lavoro».
Renzi ha ricordato quindi che «oggi quando si parla di lavoro si parla solo di modalità di assunzione e di licenziamento. Il dibattito in campagna elettorale sul lavoro, anche nella mia parte politica, è stato sulla libertà o meno di licenziare, sull’articolo 18. È una follia. È inutile discutere di regole del gioco se intorno ho un sistema che mi blocca».

Poi parla anche dell’elezione a Papa…

«Da cattolico, da credente, mi ha colpito la scelta del nome, l’umiltà profonda che ha espresso ieri, ed anche il fatto che ci sia un Papa non solo francescano nel nome, e io spero anche nel programma, ma anche il fatto che venga dall’esperienza dei gesuiti, che è una esperienza di grande discernimento e di straordinaria crescita personale e morale», ha detto Renzi parlando del nuovo Papa Francesco a margine dell’assemblea nazionale della Compagnia delle Opere. «Da sindaco di Firenze – ha aggiunto – dico che aspettiamo il Papa nel 2015, per il Convegno della Cei. Saremo felicissimi di accoglierlo, e gli formuliamo i migliori auguri per il pontificato».
Sulla sua pagina Facebook Renzi ha ribadito la sua gioia per l’elezione di Papa Francesco: «Da sindaco – ha scritto – dico che la città di Firenze formula i migliori auguri di buon lavoro a Papa Francesco, sperando di accoglierlo nel 2015 per il Congresso Cei. Da credente condivido l’emozione di queste ore per il primo papa americano, il primo papa gesuita, il primo Francesco. E gioisco per la scelta di un nome che è già un programma».

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: