Punk is undead: i miti del rock tornano a vivere in un horror-fumetto

punk-is-undead-tuttacronacaS’intitola Punk Is Undead ed è il nuovo fumetto della 80144 Edizioni. Questo “ritorno dei morti viventi” miscela rock e zombie, il tutto inserito in una “Los Angeles oscura e perversa dove i soldi dettano regole e destini”. Gli zombi che tornano a solcare quelle strade, poi, non sono certo di quelli comuni: si tratta dei miti della musica Jimi Hendrix, Jim Morrison e Jaco Pastorius. L’Huffington Post parla così del nuovo fumetto:

Dopo il fortunato Suburbans, la casa editrice continua sulla strada del fumetto lanciando questa serie venata di horror ambientata nel mondo del rock americano. Il primo volume Live in Los Angeles conta 64 pagine di disegni accattivanti e nella versione ebook, disponibile su Itunes e realizzata nell’innovativo formato epub3/fixed layout, si trova anche un’opzione sonora. Il lettore potrà infatti attivare i suoni di sfondo, un supporto sonoro all’azione delle tavole, per leggere la storia con un effetto di coinvolgimento mai provato.

Gli autori sono Paolo Baron ( ideatore delle collane Toilet e Lineagialla per 80144 edizioni e autore di racconti) e Ernesto Carbonetti (ex-membro del T.i.n.a. comics lab per il quale ha realizzato il graphic novel Suburbans e disegnatore di videogames). Aspettando i prossimi volumi, non resta che caricare una playlist ad hoc di classici del rock ’70 per godersi appieno questo “spaventoso” viaggio nelle viscere di L.A.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Topolino è già 3.0?

topolino-3000-tuttacronaca

Topolino fa 3000, lo dicono tutti, lo festeggiano ovunque. Ma dove è il successo di Topolino? Probabilmente è nel suo esserci fin da quando siamo piccoli, ma a differenza di altri personaggi dell’infanzia, perdurare anche nell’età adulta. Topolino, è in fondo la rivincita nei confronti degli adulti, lui che a differenza di Paperino, è più borghese, ma anche più scaltro. E’ quella furbizia “buona” che risolve i problemi. Secondo Valentina De Poli, direttrice del settimanale: “Non abbiamo avuto dubbi nel voler dedicare questo numero 3000 ai personaggi a fumetti Disney. Sono loro uno dei segreti del successo di Topolino, sono loro che ci consentono di ritrovare, sorridendo, i nostri tic e quelli di chi ci vive accanto, di riconoscere attraverso una risata i nostri caratteri e le nostre relazioni. Un meccanismo che ha permesso a Topolino, attraverso 3000 numeri di storie, di coinvolgere e appassionare lettori di ogni età; gli stessi lettori che, in un sondaggio realizzato per questo traguardo, confermano che c’è un pezzo di noi in ogni personaggio, con un protagonista sopra a tutti: Paperino!”.

Dalla carta al web Topolino rimane un grande protagonista anche in rete e per festeggiarlo si è anche creata una caccia al tesoro in rete. Sul sito www.topolino.it, completamente rinnovato per l’occasione, c’è, oltre che una serie di giochi e storie interattive disponibili anche con app  iPhone e iPad, anche “grande caccia alla tavola scomparsa”: una vera e propria caccia al tesoro sul web in sei tappe, per permettere ai lettori di recuperare la pagina del numero 3000 dedicata a DoubleDuck e completare così il proprio Topolino 3000 da collezione.

 

Le copertine dei grandi album diventano fumetto!

copertine-fumetto-tuttacronaca

Vi siete mai chiesti come sarebbero potute essere le copertine dei vostri album preferiti se gli artisti fossero stati… personaggi dei fumetti? Se l’è domandato lo staff di Comic Book Resources che, ogni settimana, propone un tema diverso ai propri lettori e, ricevute idee tramite il profilo Twitter, si mette all’opera per realizzarle. Recentemente hanno chiesto di indicare un personaggio dei fumetti e una famosa copertina di album. Le risposte sono state numerose ed entusiaste e gli artisti si sono messi subito all’opera per realizzare il mash-up. Che ve ne pare?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Addio a Comes, muore il fumettista di Pilote

Il fumettista belga Didier Comes, uno dei maestri europei degli album a tavole in bianco e nero, e’ morto all’eta’ di 71 anni. La notizia della scomparsa e’ riportata dalla stampa belga. Nato a Sourbrodt in Belgio l’11 dicembre 1942 con il vero nome di Dieter Herman, Comes debutto’ nel fumetto nel 1969 su un supplemento settimanale per ragazzi del quotidiano belga di lingua francese ”Le Soir”. Collaboro’ poi alle riviste francofone di fumetti ”Spirou”, ”Pilote” e ”Tintin”.

Dove abita Batman? Ora si può andare a trovarlo!

batman

E’ ufficiale, Gotham City, la città dove coabitano Batman e i suoi compatrioti è situata geograficamente sulla costa Est degli Stati Uniti. Per essere esatti l’eroe vive nel New Jersey, a qualche chilometro da New York.

Un po’ si sapeva- lo aveva scritto nel 1990 The Atlas of the DC Universe. Ma il sito americano BuzzFeed l’ha ricordato agli internauti, con annesse mappe e gift animate sul New Jersey.

Per i suoi creatori Batman sarebbe nato in campagna. Willam Safire scriveva per esempio nel 1990 sul New York Times che Gotham City era una certa parte che si vedeva della metropoli.

“Come tutti i fans di Batman sanno, Gotham City è New York, in particolare la parte della città sopra la 14. avenue: da Soho a Greenwich Village, il quartiere di Bowery, Little Italy, Chinatown e le zone vicine ai ponti di Manhattan e a Brooklyn”.

Christopher Nolan, regista di The Dark Knight Rises, ultima opera della sua trilogia consacrata al super-eroe, ha pregferito girare la maggior parte delle scene a Chicago, salvo qualcuna a Wall Street.

Ecco, la mappa di Gotham secondo Nolan:

GOTHAM-NOLAN- batman - map

MUORE ROBIN E I FANS SONO IN RIVOLTA SUL WEB.

Ma mentre si svela posizione geografica esatta di Batman, i fans piangono la morte programmata di Robin, il figlio del super-eroe, la cui fine è raccontata nel numero apparso martedì 26 febbraio, Batman Incorporated. Il personaggio partner di Batman dal 2006, non è altro che Damian Wayne, figlio di Bruce Wayne e di Talia al Ghul  (interpretato da Marion Cotillard in The Dark Knight Rises).

“Salva il mondo e muore da eroe assoluto”, ha annunciato in una intervista esclusiva al New York Post lo sceneggiatore Grant Morrison.

E subito i fans rendono pubblico il loro malcontento. Sul blog di DC Comics, hanno espresso il loro rimpianto. Lo sceneggiatore ha affermato che “non si può mai dire mai nei fumetti. In ogni caso Batman avrà sempre un compagno”.

robin-muore- batman

 

Captain America diventa donna!

captain girl america

Alla fiera del fumetto di Pechino se ne vedono veramente di tutti i tipi. Una ragazza appassionata di Capitan America si veste come il suo supereroe e Captain America diventa donna! naturalmente la foto sta facendo il giro del web, incuriosendo e divertendo il pubblico della rete!  Ma la ragazza non è stata l’unica a travestirsi per la fiera… molti altri ragazzi si sono presentati con gli abiti dei loro supereroi!

China Cosplay

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: