Morì sulla sedia elettrica a 14: ora si riapre il caso. “Condannato perchè nero”

george_junius_stinney_jr_tuttacronacaAveva solo 14 anni George Stinney, il più giovane condannato a morte negli Usa nel secolo scorso. Lui, adolescente di colore nella “segregatissima” Carolina del Sud, venne accusato dell’omicidio di due bambine bianche nel 1944. Ora il suo caso potrebbe venire però riaperto. I tragici eventi che sconvolsero la piccola comunità di Alcolu nel marzo del 1944 verranno rivisti domani dagli avvocati della famiglia Stinney, che hanno presentato nei mesi scorsi una mozione per la riapertura del processo. Semra infatti che nuove prove e testimonianze potrebbero scagionare il ragazzino. Quell’anno vennero uccise Betty Binniker di 11 anni, e Mary Emma Thames di 7: due bimbe bianche che in un giorno di primavera inforcarono la bicicletta per andare a raccogliere fiori di campo. Le piccole non tornarono mai a casa e furono trovate massacrate il giorno dopo dietro la chiesa del paese. George Stinney, allora 14 enne, e la sorellina Amy – due bimbi di colore – avevano incontrato le ragazzine bianche alla ricerca di fiori. I legali sostengono ora che, una volta scoperto il crimine, la polizia locale venne a sapere che il ragazzino aveva visto le bimbe uccise il giorno del delitto e lo arrestò, tenendolo per cinque giorni in stato di fermo.George fu poi condannato a morte sulla base della sua stessa “confessione” resa agli investigatori. Il processo durò un mese, durante il quale nessun testimone della difesa venne chiamato e al termine del quale una giuria di 10 uomini bianchi condannò il giovane di colore. L’avvocato della famiglia Stinney, Steven McKenzie, sostiene che un compagno di cella di George testimonierà che il ragazzo gli aveva detto di essere stato costretto a confessare un reato mai commesso. Non solo: Amy, la sorella del giovane condannato, non fu mai convocata al processo e ora testimonierà che il fratello non si era mai allontanato da lei il giorno del delitto. “È un caso orrendo, giustizia deve essere resa che sia un giorno o 70 anni dopo”, ha dichiarato McKenzie. Ad ascoltare le ragioni della famiglia sarà il procuratore Ernest Finney III. L’avvocato dello Stato ha riconosciuto che si tratta di un caso interessante, ma ribatterà che gli atti del vecchio processo sono andati perduti ed in loro assenza sarebbe difficile rivedere la sentenza.

Annunci

Sei cadaveri in due auto: mistero degli anni ’70

lago-cold-case-tuttacronaca

Un cold case nel lago Foss in Oklahoma, risalente agli anni ’70. Due auto una  Camaro del ’60 e una Chevrolet risalente addirittura agli anni 50 sono riemerse dal fondo con 6 cadaveri. Nella Camaro sono stati rinvenuti tre cadaveri di teenager mentre nella Chevrolet ne hanno trovato altrettanti, di età superiore ai 60 anni.  Tutti i corpi sono stati identificati, alcuni risultano dispersi da almeno 4 decadi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ritrovato il corpo carbonizzato di Loretta Rossati. Femminicidio?

polizia-scientifica-germania-loretta-rossati-tuttacronaca

Potrebbe trattarsi di femminicidio anche se è ancora troppo presto per fare ipotesi. Quel che è certo è che il corpo ritrovato in Germania carbonizzato è quello di Loretta Rossati scomparsa 35 anni fa. Il riconoscimento è stato possibile attraverso il test del Dna. Secondo il fratello della vittima, Enzo Rossati, 64 anni, di Torino potrebbe esser stato l’allora fidanzato Marino Roviera: «Quando Loretta scomparve – ha raccontato Enzo Rossati all’ANSA – ricordo che era andata in Francia con Marino. Poi non abbiamo più avuto notizie, ma io ho sempre pensato che fossero andati ad Augsburg, dove abitava uno zio di lui. In famiglia abbiamo sempre sospettato di lui, era un tipo poco raccomandabile» poi ha aggiunto: «Ma quando tre mesi fa la polizia ci ha contattato per dirci di aver trovato ad Augsburg un corpo che poteva essere il suo, io non ho più avuto dubbi. Lui l’aveva già minacciata. E credo anche che lei si fosse stancata di lui. Ma sapeva un sacco di cose sul suo conto…».

 

Condannato dopo 21 anni. Risolto il cold case del medico ucciso nel ’92

Agli arresti domiciliari un ex-vigile urbano Pietro Fontanesi.

Cold-Case-Files_1

“A sangue freddo”! Riesumati i killer che ispirarono Capote

Il 15 novembre 1959 Richard Hickock e Perry Smith massacrarono l’intera famiglia Clutter, padre, madre e due bambini, in una cittadina del Kansas. Nel marzo del ’60 vennero condannati a morte e impiccati nel ’65. Divennero famosi non solo per il brutale fatto di cronaca ma anche perché la ferocia del loro gesto fu raccontata nel romanzo di Truman Capote: “A sangue freddo”. A distanza di 47 anni le salme dei due assassini sono state riesumate per riuscire, grazie ai nuovi test del Dna, a ricollegarli a un altro omicidio simile avvenuto il 19 dicembre 1959 in Florida, luogo dove i due fuggirono subito dopo il massacro dei Clutter.

120512-news-in-cold-blood-killers-3-ss-662w-at-1xhickock_012

Cold case Bottega risolto dopo 22 anni! Parla sacerdote che raccolse confessione

Teresa Bottega, 35 anni, scomparve improvvisamente dalla casa dove abitava con il marito e i figli. A distanza di 22 anni emerge la verità. Un sacerdote che raccolse la confessione del marito ha deciso di parlarne con un suo amico. Così Cesare Morrone, 58 anni, ha confessato di aver ucciso la moglie e di aver buttato il corpo in un canale a Ferrara.

boxing_helena_1993_1

Pescara. “Non è scomparsa, l’ho uccisa”. Marito confessa dopo 22 anni

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: