S’infuoca l’Egitto: tra massacro e instabilità politica la notte al Cairo

egitto-manifestazione-pro-morsi-tuttacronaca

Sono ancora i Fratelli musulmani a denunciare il massacro, che secondo loro, sta compiendo la polizia egiziana, che questa mattina avrebbe massacrato almeno 200 persone (e ferendone 8000) sparando sulla folla dei manifestanti Pro-Morsi. Dall’altra parte il ministero dell’Interno ha annunciato che due membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi durante lo sgombero delle piazze pro-Morsi, aggiungendo che sono stati i manifestanti ad aprire il fuoco contro la polizia. Per il ministero della Salute egiziano, poi, per il momento non si conterebbe alcuna vittima, ma solo 26 feriti, nello schieramento pro-Morsi durante il rastrellamento da parte della polizia. Il clima è infuocato e minuto dopo minuto la situazione al Cairo è in evoluzione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La notizia dei morti durante lo sgombero dei presidi pro-Morsi da parte della polizia in Egitto è «estremamente preoccupante» per la Ue. «Ribadiamo che la violenza non condurrà ad alcuna soluzione e facciamo appello alle autorità egiziane a procedere col massimo autocontrollo» ha detto il portavoce di Catherine Ashton.

L’Ambasciata d’Italia a Il Cairo invita i connazionali in Egitto a “tenersi lontani dagli assembramenti”. “Siamo sempre raggiungibili allo 0227943194/5”, si legge su Twitter.

Annunci

La notte infernale di Belfast: 56 poliziotti feriti

belfast-scontri-clashes-tuttacronaca

Terrore, follia e devastazione. Probabilmente neppure queste parole possono descrivere la notte appena trascorsa a Belfast dove a margine di una marcia repubblicana per commemorare la data del 9 agosto 1971 – quando cominciarono gli arresti senza processo in Irlanda del Nord (Internement Law, la legge, approvata durante uno dei momenti di maggiore violenza politica in Irlanda del Nord, permetteva alla polizia di arrestare e trattenere a tempo indeterminato i sospettati di legami con il terrorismo) – sono scoppiati tafferugli violenti che hanno portato al ferimento di 56 poliziotti. le forze dell’ordine sono stati attaccati dai manifestanti con lanci di mattoni, pezzi di metallo, petardi e pinte di birra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per Theresa Villiers, ministra britannica per l’Irlanda del Nord, l’attacco “contro le forze di sicurezza ad opera di estremisti protestanti a Belfast è un comportamento assolutamente vergognoso”. La Villiers ha poi aggiunto: “Qualunque cosa la gente pensi sul merito della sfilata o qualunque sia il pensiero di coloro che vi stavano pendendo parte lo stato di diritto deve essere rispettato”.

Parole dure anche dal capo della polizia dell’Irlanda del Nord, Matt Baggott, che  ha definito gli scontri della notte come un’ “anarchia insensata” e di “pura brutalità” e poi ha aggiunto: “Queste persone non avevano alcuna intenzione di manifestare pacificamente. Mancano di rispetto, anche per loro stesse, e di dignità”.

Gli Usa non fermano la guerra in Siria… via libera alle armi!

john-kerry-tutatcronaca-syria

L’involuzione di un militante contro le guerre, di un attivista civile, nonché di chi ha creduto di rivoluzionare il mondo negli anni ’70. E’ l’altro lato di Kerry, il lato buio, quello che ha preso il sopravvento, sicuramente guidato da una politica spregiudicata e da un profondo disprezzo per la vita umana. Il regime di Assad non è giustificabile, ma potrebbe essere uno di quei mali necessari, un’alternativa alla sterminio di vite umane, soprattutto, anziani e bambini indifesi, che ogni giorno subiscono la violenza dei ribelli e la guerra del regime.

E’ di oggi la notizia che gli Stati Uniti “non ostacoleranno” i Paesi europei che intendono fornire armi ai ribelli siriani che si battono contro il regime di Bashar al Assad. Lo ha detto il segretario di Stato americano, John Kerry. A Damasco, intanto, continuano gli scontri. Secondo quanto riferito dalla tv di Stato, due colpi di mortaio sparati dai ribelli hanno colpito la zona nei pressi di una delle residenze del presidente Assad, causando solo danni materiali.

DAX VIVE!

DAX-davide-cesare-tuttacronaca

Sono arrivati in 5mila da tutta Italia e anche dall’estero per ricordare “Dax” Davide Cesare, il giovane del centro sociale Orso ucciso dieci anni fa, a Milano. I primi momenti di tensione in via Tabacchi, sbarrata da un imponente cordone di  forze dell’ordine. Sono stati lanciati fumogeni e petardi. Il corteo è quindi passato davanti alla scuola militare Teuliè dove sono stati lanciati fumogeni anche attraverso alcune finestre aperte. Lungo il percorso fino a piazzale Corvetto sfondate le vetrine di diverse banche.

Scontri nelle Filippine: 21 vittime

La guerriglia è scoppiata tra due fazioni di islamici a margine della liberazione di due tecnici filippini della tv Al-Arabiya. filippine scontri

Ponte e stazione metro bloccati dai manifestanti, giornata rovente al Cairo

protesters _stop_prayers

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: