Freedom-Ship: la città galleggiante sempre in movimento

freedom-ship-tuttacronacaSembra aver ritrovato vitalità il progetto per la città galleggiante Freedom-Ship. Si tratta di una nave lunga 1.6 km che viaggerà perennemente intorno al mondo e che sarà in grado di ospitare 50mila persone, perlopiù miliardari residenti. Il progetto della città mobile, che era nato nei primi anni 2000 salvo poi essere abbandonato alla fine della scorsa decade, ha lo scopo di rivoluzionare il concetto di viaggiare per lavoro o di lavorare viaggiando. In questi giorni è stato ripresentato, in una nuova versione. Spiega il nuovo mentore, Roger Gooch, che l’intento è di trovare “50 mila persone interessate in un bacino di utenza di 3 miliardi”, anche se si dice fiducioso di riuscire a trovarne almeno il triplo. Costo dell’operazione, 10 miliardi di dollari (7-8 miliardi di euro).

Questa presentazione richiede JavaScript.

Balotelli via dal Milan, voci insistenti… questo il piano di Raiola

Balotelli_via-dal-milan-tuttacronaca

Forse la tensione c’era già prima della sfuriata di Balotelli a San Siro, prima anche della squalifica,  prima di quel match tra Milan e Napoli che ha alzato il polverone e che ora sembra spianare la strada, dopo che il Milan ha rinunciato al ricorso per difendere il suo giocatore, a un possibile addio da parte di Balotelli al Milan.

A giugno si potrebbe avere la cessione del giocatore all’estero, questo è quanto è nei piani del procuratore dell’attaccante, Mino Raiola. A conferma è arrivata anche l’affermazione di Balotelli che ha definito il calcio inglese “il calcio più bello d’Europa”. Forse in Premier ci sono anche altre somme che girano e a quelle vorrebbe mirare Raiola. Addio al Milan a fine stagione?

Copione già visto con Balotelli nei passaggi dall’Inter al City e da Manchester al Milan. Del resto Mino è abituato a gestire la sua scuderia di calciatori con un solo criterio: il suo iban personale deve essere sempre sollecitato, in movimento. Con almeno 5-6 operazioni ogni sessione di mercato. Ma in questo momento il valore di Balotelli rischia di diminuire sensibilmente trasformandosi alla fine in una vera e propria “minus-valenza”.

A.A.A. squadra per El Shaarawy cercasi? Il Borussia osserva…

elshaarawy-borussia-milan-tuttacronacaSi era già parlato dell’interesse del Manchester City per Il Faraone ma ora il sito internet 4-4-2.com riporta che anche il Borussia Dortmund avrebbe chiesto informazioni sull’attaccante rossonero scontento della troppa panchina fatta dal suo club. Klopp avrebbe convinto la sua dirigenza a fare un’offerta per El Shaarawy, il cui contratto è in scadenza nel 2018, e che vede aleggiare su di lui lo spettro della panchina. Adriano Galliani ha confermato che l’arrivo di Kakà e Matri impone ad Allegri un cambio di modulo: il Milan tornerà a giocare con il 4-3-1-2, rosa prevista Matri, Balotelli, Pazzini e Robinho. Bisgonerà attendere e vedere quanto l’italo-egiziano punterà i piedi per giocare: a gennaio, tutto è possibile.

El Shaarawy: “io voglio restare nel club al quale mi sento legato”

el-shaarawy

E’ una lunga intervista quella a cui si è sottoposto El Shaawary per Repubblica, al suo arrivo in Brasile con la Nazionale per la Confederations Cup e il primo quesito riguarda uno degli argomenti più caldi del calciomerato: la sua cessione al Manchester:  “Nessun pensiero, non penso proprio che andrò via dal Milan. Se è vero che il City mi vuole, la cosa mi lusinga. Però io voglio restare nel grande club in cui mi trovo benissimo e al quale mi sento legato”. Il calciatore tiene a ribadire che “io al Milan ho sempre sentito e sento la totale fiducia da parte di tutti” : della società, di Allegri, che mi ha lanciato e incoraggiato, e dei compagni: anche quando non ho più fatto gol come prima, tutti mi hanno riconosciuto un lavoro importantissimo. Se sono qui in Nazionale, lo devo anche a loro”. Una squadra che, lo scorso venerdì contro il Praga, non è stata memorabile: “Siamo stati poco brillanti, inutile nasconderlo. Ma il punto è stato importantissimo per avvicinarci al Mondiale. Alla Confederations Cup andremo meglio, ne sono sicuro”. Parlando della stagione “fantastica”, ha affermato di essere stato il primo a sorprendersi: “Perché io sapevo di avere bisogno di giocare con continuità. Ma non mi apettavo così tanti gol, né di restare tanto a lungo in cima alla classifica cannonieri e di ritrovarmi in Nazionale e di segnare il mio primo gol, addirittura a una squadra come la Francia: è stata una tra le emozioni più grandi che io abbia mai vissuto”. E quali sono dunque le altre? “Il debutto in Nazionale, il primo gol in serie A e il primo gol in Champions, a San Pietroburgo con lo Zenit, anche perché è arrivato in un momento un po’ difficile per il Milan”. Tutto perfetto nella vita del Faraone? “Direi proprio di sì, però un piccolo cruccio a me e alla mia famiglia è rimasto: non ho mai giocato con la maglia del Genoa a Marassi, anche se ho esordito in serie A a 16 anni, in trasferta. Mi sarebbe piaciuto, quello stadio dà una carica tutta particolare. Ora sono qui, a giocare in Nazionale con Pirlo e Buffon, ma quella rimane una cosa che mi manca un po’”. Un grande percorso, ma “Devo ringraziare Antonio Rocca, uno dei miei primi ct, che me l’aveva predetto”. Cosa aveva detto l’allenatore al ragazzo dal futuro splendente? “Che avrei bruciato le tappe. Lui, che è stato appunto uno dei miei ct nelle giovanili come Salerno, Zoratto, Francesco Rocca, Ferrara e Mangia, a un torneo in Ucraina, in cui segnai due gol in semifinale e in finale, mi disse questo: “Non ti preoccupare, tra un anno e mezzo sarai nell’Under 21″. Avevo 16 anni e già tanti idoli da imitare”.

Ma una domanda resta: da quando Balo è sbarcato al Milan, lui ha smesso di segnare: “Non c’entra niente. Anzi, lui mi agevola, è uno che ti sa mettere davanti alla porta. Ci siamo scambiati assist e occasioni da gol. E comunque intesa ce n’era e ce n’è tanta, dentro e fuori dal campo”. Ma lui, cosa crede di aver imparato strada facendo? “Tanto, come calciatore e come uomo. Dai grandi campioni ho preso qualcosa in tutto: a livello tecnico e umano. Ho imparato, ad esempio, a rapportarmi di più con le persone, a gestire il gossip, anche se, essendo un tipo riservato, preferirei rimanerne fuori: vorrei che si parlasse di me soltanto per quello che faccio in campo. Con Allegri ho dialogato molto di più e lui mi ha dato molti consigli, soprattutto su come gestire la vita fuori dal campo”. Si trova anche il tempo per parlare degli episodi razzisti negli stadi e, in questo senso, la nazionale multietnica aiuta: “E’ un aspetto importantissimo. E’ un altro segnale forte di un paese moderno, quando calciatori con cognomi stranieri o diversi tra loro per il colore della pelle fanno parte della stessa nazionale. Tre o quattro di noi sono già inseriti in squadra, altri ne arriveranno negli anni”. Ma ora che è un idolo di molti, cosa conta di fare? “E’ una bella responsabilità. Però, non lo nego, mi fa anche piacere che tantissimi gioivani mi prendano come esempio. Me ne sono accorto piano piano: dai complimenti che ricevo, da qualche pagina su Facebook e naturalmente dalla percentuale di ragazzini con la cresta come la mia che vedo in giro. Sento l’obbligo di tenere sempre un certo comportamento. Cioè devo continuare a comportarmi come facevo prima di essere famoso: restare semplice è il migliore esempio che io possa dare”.

Il Milan soffia Tevez alla Juventus? Si tratta in casa rossonera

Tevez-city-juve

Si muovono rapide le pedina sulla scacchiera del calciomercato e oggi arriva l’ennesimo nuovo colpo di scena: il Milan potrebbe soffiare Tevez alla Juve? Qualche giorno fa Galliani aveva riflettuto su un’eventuale acquisizione da parte dei bianconeri del giocatore del City: “Un po’ mi spiacerebbe se Tevez dovesse vestire la maglia bianconera della Juve. Con lui si è creato un rapporto amicale, ma penso che un anno e mezzo fa abbia avuto ragione il presidente Berlusconi, perché se fosse arrivato Tevez quest’anno non sarebbe arrivato Balotelli.”. Però ora sul piatto c’è El Shaarawy e SuperMario è già rossonero, quindi? Potrebbe essere proprio il club inglese a proporre l’affare: Carlitos Tevez più 20 milioni per El Shaarawy, il Faraone e la possibilità di soffiare l’Apache alla Juve. Del resto bisogna pensare anche al fronte offensivo e ai vertici si valuta l’affare: sono quasi in partenza Bojan, Robinho e Boateng e se va via anche il Faraone il Milan sarebbe totalmente ristrutturato.

Milan shock: El Shaarawy venduto al Manchester City?

el-shaarawy-venduto-manchester-city-tuttacronaca

Ma non era incedibile? Sembra di no! Stephan El Shaarawy potrebbe andare al Manchester City per 40 milioni di euro. Il City in queste ore sta pressando il Milan e sembra che i vertici della società un pensierino ce lo stiano facendo davvero. Anche perchè ora il Milan deve costruire una squadra a misura di Balotelli… e forse El Shaarawy non è più indispensabile!

C’è chi la famiglia ce l’ha nel cuore e chi sulle scarpe… come Balo!

fanny-mario-scarpini-balotelli-tuttacronaca

Chi l’ha detto che Fanny e Mario si erano lasciati? I due sembrano essere sempre più uniti, tanto che sugli scarpini di Mario Balotelli compare la scritta ricamata del nome della modella. Ma sull’altro scarpino? Naturalmente ci mette mamma e papà (Franco e Silvia)… così da poter portare tutta la famiglia in campo!

 scarpini-balotelli-mamma-e-papa'-tuttacronaca

Balo e Fanny di nuovo insieme?

mario-balotelli-e-fanny-neguesha-ritorno-di-fiamma-tuttacronaca

Se Pellegrini – Magnini è una storia naufragata, almeno stando alle dichiarazioni della ex coppia di nuoto, sembra invece esserci un ritorno di fiamma tra Mario Balotelli e Fanny Neguesha. C’è chi infatti è pronto a mettere la mano sul fuoco di aver visto Balo e Fanny per le vie di Milano mano nella mano. Sono cossi passati vicino agli uffici di Moratti e poi in gioielleria… forse un regalo per metterci una pietra sopra e ricominciare da capo? E l’altra ragazza? La mora avvistata una settimana fa sugli spalti? Nessuna conferma e nessuna smentita… Il “romanzo milanese” Balo-Fanny è pronto a scrivere un altro capitolo?

 

Balotelli lascia Fanny… chi è la prossima?

Mario-Balotelli-with-his-girlfriend-Fanny-Neguesha-rottura fra balo e fanny

Balotelli non trova pace e quello che sembrava essere un rapporto ormai consolidato con Fanny Neguesha, si è rivelato l’ennesimo flirt di pochi mesi. Balò è stato infatti trovato da solo in discoteca con il suo amico Antony dopo la partita con il Catania. Nonostante Balotelli avesse dichiarato che Fanny aveva il carattere giusto, ciò non è bastato per farli rimane insieme.  “Non è facile star con me”, aveva dichiarato, ma poi era andato a convivere con la modella belga in quella che fu la casa di  Hernan Crespo a Limido Comasco. Forse proprio la convivenza ha fatto emergere i limiti del rapporto e spezzato la catena dell’amore. Avanti la prossima o indietro tutta da Raffaella Fico che lo attende ancora per presentarle Pia?

 

 

Le scelte di Cavani, ora arriva l’offerta del Bayern

edinson-cavani-napoli-calcio-mercato-tuttacronaca
A Cavani non mancano certo le scelte dopo il Real, il City e il Chelsea, ora arriva anche l’offerta del Bayern Monaco. La squadra tedesca è la più ricca al mondo e si è già aggiudicata la Bundesliga e sembra spianata la strada per la Coppa di Germania, mentre si avvicina anche la semifinale di Champions.  I progetti poi per l’anno prossimo sono veramente entusiasmanti con l’arrivo in panchina di Pep Giurdiola. Sembra che sia stato lo stesso allenatore spagnolo a chiedere alla dirigenza di fare l’offerta per Edinson.
L’offerta però sarebbe di 55 milioni di euro, massimo 60 e non i 70 milioni richiesti da De Laurentis, ma se gli altri club chiedono una contropartita, mentre il Bayern offre solo denaro contante… la partita è apertissima!

Balotelli è un… sorvegliato speciale!!!

Fanny -Neguaesta- balotelli-milan-tuttacronaca

Ritornato in Italia per giocare con il Milan, dopo l’addio al Manchester City di Mancini, sembrava che Mario Balotelli potesse in qualche modo riallacciare i rapporti con Raffaella Fico, mamma di sua figlia Pia. Dall’Inghilterra però Mario è arrivato fidanzato della bella Fanny Neguaesta, che lungi da essere un flirt passeggero, è sempre vicino al calciatore, in occasioni ufficiali e non. Allo stadio per esempio è una costante e domenica ha potuto festeggiare con gli amici in tribuna i due gol del suo fidanzato al Palermo che hanno regalato tre punti al Milan.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il City e lo United agguantano la vittoria nella 17/a di Premier League

Vittoria per il Manchester United, saldamente in testa nella classifica inglese

 

Lo United resta al primo posto con 36 punti, lo segue il City di Mancini a 33 punti.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: