La Spagna specula sui turisti anche negli ospedali?

ospedali-spagnoli-tuttacronaca

In Spagna le cure mediche si fanno pagare anche ai cittadini europei. Questa è la nuova misura per reperire denaro contro la crisi?

Un turistica britannico è stato operato d’urgenza all’ospedale di Ibiza, poi gli è stato chiesto di saldare il conto: 24.600 euro. Un altro paziente, sempre inglese, si è rivolto a un ospedale per chiedere un trattamento contro il mal di schiena e anche lui è stato costretto a pagare, ben 202 euro a Malaga. Ma se la BBC ha fatto il servizio sui suoi cittadini, la Commissione europea ha dichiarato che sarebbero stati centinaia i cittadini europei che avrebbero lamentato questo tipo di trattamento negli ospedali spagnoli. In realtà in Spagna come in tutti i paesi della Comunità Europea, sarebbe sufficiente esibire la tessera sanitaria per ricevere assistenza gratuita. Così Bruxelles ha avviato una proceduta d’infrazione contro il Paese iberico dopo una lunga serie d denunce. Il fenomeno sembra che avvenisse soprattutto negli ospedali vicino alle zone più turistiche del Paese.

 

Gli europei dicono basta Europa… ma forse c’è voglia di un’Europa diversa!

austerity-europa-tuttacronaca

Basta Europa! Intervistando i cittadini europei il coro sembra unanime e se poi si analizzano i dati (Eurobarometer) lo sconforto dei cittadini lo si tocca con mano.

Il 42% dei polacchi vuole uscire dall’Europa, il 53% degli italiani non sopporta più neppure il termine, i francesi che si oppongono all’Europa sono il 56%, il 59% dei tedeschi si dichiara contrario all’Unione, seguiti dal 69% degli inglesi e dal 72% degli spagnoli.

Euroscetticismo è quindi dilagante? Diciamo che la formula di Europa applicata fino ad oggi è perdente.

Lo sa bene José Manuel Barroso  che qualche giorno fa ha dichiarato che il sogno europeo è minacciato “da una rinascita del populismo e del nazionalismo” che si è diffusa in tutta Europa e che “in un momento come questo, in cui così tanti cittadini devono vedersela con la disoccupazione, con l’incertezza e con l’ineguaglianza, è nata una sorta di stanchezza europea che procede di pari passo con la mancanza di comprensione. Chi fa cosa, chi decide cosa, chi controlla chi? Da che parte stiamo andando?”

Il populismo e il nazionalismo però sono nati dalla politica di Austerity applicata per tanti anni e ritenuta la guida suprema per uscire dalla crisi. L’austerity non funziona… anche perché chi l’ha teorizzata ha sbagliato!

Thomas Herndon, studente  della Università del Massachusetts, insieme a Michael Ash e Robert Pollin hanno “rifatto i conti” utilizzando gli stessi dati e criteri impiegati da Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff – i padri della regola del 90%, che teorizza che paesi con un alto debito pubblico hanno un livello di crescita più lento –   hanno ottenuto risultati molto diversi.

Il 90% di debito pubblico della produzione economica è già stato ampiamente superato dagli Stati Uniti, ma come dimostrano i dati dell’ultimo trimestre, se pur con una certa fatica, la crescita c’è stata… Cosa non funziona quindi nella teoria di Reinhart e Rogoff? Il problema è sulla formula di Excel sulla quale si è basato gran parte dello studio dei due economisti di Harvard. Sono stati esclusi alcuni Paesi che invece avrebbero avuto un impatto concreto se fossero stati inglobati nella ricerca, poi vi è stato un errore nell’attribuire il peso assegnato ad alcune nazioni per renderle confrontabili e per ultimo sulla teoria pesa l’esclusione di alcuni periodi storici.

Insomma sembrerebbe che due grandissimi economisti sono crollati davanti a una formula matematica sbagliata e che tutto il mondo si sia adeguato senza rifare i calcoli.

I cittadini europei non ci stanno a dover subire gli errori (ma è davvero stato solo uno sbaglio macroscopico ci calcolo?) soprattutto quelli che si sentono lesi nella loro democrazia e supremazia, uccisi dalle politiche economiche imposte da Bruxelles, traditi dai propri governi incapaci di dire “no” a questa schiavitù eonomico-finanziaria.

Cosa si è creato? Una guerra tra cittadini europei… tra i cittadini “forti” che “pagano” il prezzo dei cittadini “deboli” e li accusano di averli ridotti in povertà. La verità dove è? Che l’austerity è un ottima arma per controllare le nazioni con l’Alta Finanza, a colpi di spread che s’impenna e fa tremare i Premier europei, a colpi di Pil che non cresce e di disoccupazione che avanza… è un business che diventa oligarchia… sul quale poi le agenzie di rating fanno i loro calcoli, promuovendo e bocciando le nazioni, salendo anche sui cadaveri, vittime innocenti della crisi economica.

E’ ancora Europa?

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: