Sul blog di Grillo… la pubblicità è obbligatoria, o niente video!

beppe-grillo--tuttacronacaSi chiama Adblock ed è il nuovo, grande nemico del blog di Beppe Grillo, gestito dalla Casaleggio & Associati. Si tratta di  un’estensione utilizzata per bloccare pubblicità e per filtrare i contenuti per i browser Opera, Google Chrome e Safari, come spiega Wikipedia. Non solo, fa “scomparire” gli annunci pubblicitari dal sito che l’utente sta visitando facendo così perdere click per la trasmissione dello spot dai video, e con questo una perdita economica che, moltiplicata per tanti utenti, non può essere definita piccola. Proprio per far fronte a questo problema alla Casaleggio non hanno perso tempo per correre ai ripari e cos’, ad esempio, se si visita il video“Sorial denuncia i lobbisti in aula e fa i nomi”, che si riferisce all’intervento del deputato e a Luigi Tivelli con Adblock inserito, il messaggio che compare è un palese aut-aut:

beppe-grillo-pubblicità-adblockLa scelta può anche essere ritenuta comprensibile, anche se è innegabile che molti utenti non amano le pubblicità “imposte”. Tom’s Hardware qualche giorno fa ha raccontato che Adblock non bloccherà più le pubblicità “non invasive” con le impostazioni predefinite:

 

“Sfortunatamente è l’unico modo per raggiungere gli obiettivi. Se chiedessimo agli utenti di abilitarlo manualmente la maggior parte non lo farebbe – semplicemente perché non cambiano mai nessuna impostazione a meno che non sia strettamente necessario. […] gli inserzionisti saranno stimolati a scegliere modelli d’inserzione migliori”, spiega lo sviluppatore Wladimir Palant.

 

Le Monde ci insulta!!! Questi sono i cugini francesi?

le monde -tuttacronaca

Quanti altri insulti dovremo ricevere? Perchè nessuno alza la voce? Perchè l’Europa non mette a tacere questi scandalosi politici e giornalisti ceh si permettono di giudicare non capendo nulla della situazione italiana?

«Cari amici italiani, questa volta l’avete combinata grossa», questo il titolo del lungo articolo pubblicato su Le Monde.fr, firmato dal corrispondente da Roma, Philippe Ridet. Ridet è famoso per aver scritto il libro Le Président et moi dove racconta la sua esperienza al seguito delle campagne elettorali di Nicolas Sarkozy, nulla di più, niente degno di nota, al di fuori di un libro che è più un gossip che un analisi profonda del personaggio Sarkò.

Nel pezzo, Ridet sottolinea che dopo il successo del Movimento Cinque Stelle nelle ultime elezioni ora a «condurre le danze sono Beppe Grillo e il suo guru, Gianroberto Casaleggio».
Sul sito di Casaleggio Associati – scrive Le Monde – «un video profetizza l’arrivo, nel 2054 della ‘civiltà di Gaia’, il cui presidente verrà eletto sul web. ‘Un nuovo ordine mondiale senza partiti politici, senza ideologie, senza religionì. Pare una canzone di John Lennon. Ma prima, una guerra (a partire dal 2018) tra le ‘democrazie on-line’ e il resto del mondo avrà ucciso 6 milioni di persone.
Cari italiani, siete pronti all’imbarco?», si chiede dunque Ridet, sottolineando che ai suoi occhi gli italiani «sono un enigma». Proprio come al Festival di Sanremo, dove la canzone per la quale «non spenderei nemmeno 0,99 euro su iTunes finisce sempre nel trio di testa», osserva il giornalista, aggiungendo: «Come tutti, ho ammirato la bellezza dei vostri paesaggi, la vostra cultura, i vostri monumenti, l’incredibile ricchezza e vivacità delle vostre città, la calma di Ferrara e il caos di Napoli, la vostra eleganza – anche se si fà più rara – l’estremo fluidità nei rapporti umani e la vostra gentilezza, anche quando è finta. Tra molti di voi, ho percepito il malessere, per non dire la vergogna, che vi sommerge nella lettura quotidiana degli scandali del berlusconismo al tramonto. Ma questa volta – conclude Ridet – davvero, sono arrabbiato. Ancora una volta mi sfuggite. Anche se me l’aspettavo un pò, il risultato delle elezioni è San Remo moltiplicato per mille. Nessuno ci capisce più niente. E se facessimo venire degli etnologi? Dare le chiavi di un Paese a Beppe Grillo…».

Si evince perfettamente che il giornalista non è stato in grado di fare (o non ha voluto fare per ideologia politica) un’analisi sociologica e politica profonda per avvicinarsi a capire il messaggio elettorale del popolo italiano.

Come è caduto in basso un giornale internazionale e progressista come Le Monde per avere tra i suoi corrispondenti figure di così basso profilo! Anche Le Monde ha finito per appartenere al passato e non avere più un occhio sul futuro.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: