Il carciofo che esplode: bufala tra i fornelli?

carciofo-esplosivo-tuttacronacaMaggiori agenzie e quotidiani ne hanno parlato: a Olginate, in provincia di Lecco, una donnaaveva tagliato un carciofo appena acquistato al supermercato e questo era esploso”. Stando alla versione che circolava ieri, la sfortunata acquirente non ferita ma piuttosto spaventata, avrebbe chiamato i carabinieri che, una volta arrivati sul posto, avrebbero constatato come le foglie dell’ortaggio fossero “lesionate e bruciacchiate”.  Una prima spiegazione fornita parlava di una possibile reazione chimica di un fertilizzante. Dopo tanto clamore, tuttavia, la notizia sembra essersi risolta in un nulla di fatto, o almeno in una bufala, come riporta il sito Bufale un tanto al chilo che ridimensiona l’intera faccenda e smentisce la ricostruzione operata da agenzie di stampa e quotidiani: telefonando ai carabinieri di Olginate il sito ha scoperto che sì, è effettivamente successo “qualcosa” al carciofo della signora, ma il tutto sarebbe accaduto in modo molto meno drammatico di quanto descritto:

Il carciofo non è esploso, la signora l’ha acquistato il 17, portato a casa, lavato, e nel mentre si accingeva a tagliarlo il carciofo ha fatto PUFF, e si è come sgonfiato, la signora per nulla preoccupata ha continuato ciò che stava facendo, ha cucinato e mangiato il carciofo e solo il giorno dopo (il 18) ha raccontato il fatto al supermercato da dove l’aveva comperato…il titolare solo allora ha avvertito i carabinieri e l’ASL che hanno potuto ritirare gli altri carciofi per controllare andasse tutto bene

Insomma, ci sarebbe stato del fertilizzante o meglio, di una piccola quantità di fertilizzante rimasta intrappolata in una sacca d’aria formatasi all’interno dell’ortaggio e che sarebbe fuoriuscita nel momento in cui la signora lo ha tagliato. Ma nessuna esplosione o fiammata. Anzi, l’ortaggio sarebbe proprio stato mangiato. Scrive ancora Bufale un tanto al chilo:

Si, le foglie del carciofo DOPO la cottura  forse erano bruciacchiate, ma non per l’esplosione (che non c’è stata) ma perché era stato cotto, e comunque nessuno lo sa, visto che il carciofo è stato comunque mangiato con gusto…non vi erano ordigni di sorta all’interno!

Annunci

Minerali e vitamine: il benessere arriva dall’Estratto Secco di Carciofo!

estratto di carciofo - tuttacronaca

Molto apprezzato in cucina per la molteplicità di cotture a cui si presta e per il basso contenuto calorico, l’estratto del carciofo gode anche di effetti benefici sull’organismo, in particolare sul fegato, ed è quindi utilizzato in ambito farmacologico e facilmente reperibile sotto forma di capsule in erboristeria o in farmacie omeopatiche. Costituito principalmente da acqua, carboidrati e fibre, il carciofo contiene diversi minerali quali potassio, calcio, sodio e fosforo, oltre a vantare un buon contenuto vitaminico (B1, essenziale per il metabolismo in quanto prende parte al processo di trasformazione di zuccheri in energia, B3, importante nel funzionamento dell’apparato gastrointestinale, C, che svolge diverse funzioni legate al sistema immunitario ed al rafforzamento di vasi sanguigni, ossa e muscoli perché coinvolta nella sintesi del collagene). Nonostante questi valori, gli effetti terapeutici dell’estratto del carciofo sono tuttavia dovuti in particolar modo alla presenza di metaboliti secondari come la cinarina e i flavonoidi. Tra gli effetti benefici dell’estratto secco di carciofo sono riscontrabili  quelli epatoprotettivi ed antiossidanti. Nel primo caso, la cinarina stimola la secrezione della bile e non solo protegge le funzioni epatiche ma agisce anche per combattere i disturbi del fegato. Rispetto all’effetto antiossidante, invece, l’estratto di carciofo si rivela un ottimo alleato per combattere i radicali liberi e proteggere il corpo grazie all’elevata concentrazione di flavonoidi. L’estratto secco di carciofo è inoltre un potente diuretico e, di conseguenza, depurativo, benefico anche per la cura di particolari tipi di dermatidi e di reumatismi. Gode inoltre di effetti ipoglicemici, agendo positivamente sull’equilibrio tra insulina e glucagone. Questa sostanza, sotto forma di pillole, è uilizzata anche per curare omeopaticamente la sindrome dell’intestino irritabile e la dispepsia. Infine, non va scordata la sua capacità di eliminare il colesterolo in eccesso. Da assumersi seguendo le indicazioni del medico o del farmacista, questi rimedi vanno evitati in caso di calcoli, in particolar modo se delle vie biliari.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: