I tifosi del Bayern Monaco e il messaggio lanciato dagli spalti

bayern-striscione-tuttacronacaMentre sia dall’Italia che dalla Russia arrivano notizie di aggressioni e pestaggi ai danni degli omosessuali, dalla Germania arriva un segnale positivo che non poteva certo passare inosservato. Sugli spalti dello stadio, infatti, i tifosi del Bayern Monaco, in occasione del match contro l’Eintracht Francoforte hanno esposto espongono due striscioni molto insoliti. Come spiega Repubblica:

“I tifosi bavaresi, primi in classifica in Germania e campioni d’Europa, esibiscono prima una coreografia enorme per rendere omaggio a Kurt Landauer, ex presidente ebreo del Bayern perseguitato dai nazisti. Poi espongono uno striscione con scritto: “Fußball ist alles, auch schwul” (Il calcio è tutto, anche gay). Solidarietà quindi dalla principale società tedesca verso gli ebrei dell’olocausto e verso gli omosessuali”.

Annunci

Anche Pep Guardiola ha un lato debole… una bionda!

pep-guardiola-tuttacronacaL’Oktoberfest è probabilmente l’evento più atteso dagli amanti della birra e neanche Pep Guardiola, allenatore del Bayern Monaco, è riuscito a resistere alla tentazione di una bionda: in compagnia della moglie e degli uomini della sua squadra, a loro volta accompagnati dalle famiglie. L’ex tecnico del Barcellona ha perfino indossato la caratteristica ‘divisa’ formata dal cappello e dai pantaloncini Lederhosen. Bayern Karl-Heinz Rumenigge, presidente del club tedesco, ha esortato i suoi: “Festeggiate liberamente. Il nostro prossimo incontro non è che tra due settimane. Possiamo goderci la birra”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Bayern fa tripletta… e festeggia a gavettoni di birra

tripletta-bayern-tuttacronaca

Nuovo trionfo del Bayern ieri, che ha battuto lo Stoccarda 3-2 a Berlino. Porta a casa tutto quest’anno la squadra di Heynckes: Coppa di Germania, Bundesliga e Champions League. Dopo esser diventata la settima squadra ad aggiudicarsi campionato, coppa campioni e coppa nazionale nella stessa stagione – prima di loro Celtic (’67), Ajax (’72), Psv Eindhoven (’88), Manchester Utd (’99), Barcellona (2009) e Inter versione Mourinho (2010) -, ha festeggiato con i tifosi bavaresi, coppe al cielo e… gavettoni di birra! “La squadra ha fatto a se stessa e a me il regalo più bello. Quando si vince il triplete, è qualcosa di unico”, ha detto Jupp al termine del match, senza chiarire se si ritirerà o no.

Questo slideshow richiede JavaScript.

1-2: il Bayern è Campione d’Europa!

borussia-bayern

E’ l’emiliano Nicola Rizzoli l’arbitro che dà il via a questa attesa finale di Champions. Al Wembley scendono due squadre determinate, Borussia e Bayern, per una finale, per la prima volta nella storia della Coppa dei Campioni, tutta teutonica. Hanno incantato l’Europa intera nelle semifinali contro Real Madrid e Barcellona e per entrambe la finale è più che meritato. Ma se la nazionalità è la stessa, diverso è il passato. Per gli schwarzgelben di Jurgen Kloppsi tratta solamente della seconda finale di Champions League della propria storia mentre per gli avversari si tratta della terza negli ultimi quattro anni.

Ma il clima pre-partita non è dei migliori, con maxi scontri tra tifosi tedeschi nel cuore della capitale britannica. La violenza non ha lasciato tregua neanche a questa finale, con centinaia di supporters che si sono affrontati a viso aperto cercando il contatto con un fitto lancio di oggetti.

Dopo i primi minuti di gioco, in campo è già apparsa chiara tutta la determinazione di entrambe le squadre: ritmi rapidissimi ma senza conclusioni, con un Borussia che regala più spettacolo rispetto al nervosismo del Bayern. Sono infatti i ragazzi i Klopp i primi ad agguantare l’occasione gol: al 15′ Blaszczykowski prova il destro, ma Neur è prontissimo a mettere in corner. Solo quattro minuti e ci prova Reus, che salta Dante e Lahm in velocità per poi concludere di sinistro: ma Neuer devia in corner. Altri tre minuti e il portiere è di nuovo preso d’assalto, questa volta para a terra il destro di Bender. Il Bayern appare al 26′, quando Mandzukic colpisce la traversa: un’ottima occasione per lui. Il suo compagno di squadra Robben ci prova poco dopo, ma spreca un tiro da solo davanti alla porta permettendo a Weidenfeller di spedire in corner. Il Bayern ha un altro volto ora, continua a salire mentre il Borussia, in questa frazione, sembra destinato a subire, ma l’intervallo non dura molto: al 35′ sfiora il gol Lewandowski: parato. Se le emozioni continuano a susseguirsi, per l’ultima occasione del primo tempo bisogna attendere il 43 con Robben che da centro area, forse dopo un fallo su Hummels, tira di sinistro da distanza ravvicinata e colpisce Weidenfeller in pieno volto. Termina dunque a reti inviolate un grande primo tempo, con occasioni importanti per entrambe le squadre. L’attesa è alta per la ripresa.

borussia-bayern-1

Le squadre tornano in campo a formazioni invariate, e lo stesso gioco si vede sull’erba: giocatori indiavolati, buone azioni da ambo le parti, ma per avere la prima occasione gol bisogna attendere il 14′: Schweinsteiger dalla bandierina, prima Javi Martinez poi Mandzukic toccano di testa ma Weidenfeller si ritrova la sfera tra le braccia. Il Bayern però non si lascia scoraggiare e subito dopo parte nuovamente in attacco: pallone filtrante di Ribery per Robben in area, cross di quest’ultimo da sinistra e Mandzukic da due passi non deve fare altro che portare la squadra in vantaggio: 0-1! Klopp in panchina è agitato, quando restano circa 25′ di gioco, serve assolutamente annullare la distanza. I suoi ragazzi non se lo fanno ripetere e approfittano di un fallo in area di Dante su Reus. Al 23′ Gundogan realizza il rigore: 1-1! I ragazzi di Heynckes non mollano, determinato a riconquistare il vantaggio, Alaba prova un gran sinistro dalla distanza, ma l’estremo difensore del Borussia riesce a mettere in corner. E’ sempre il Bayern a pressare in questo parziale e quando il Borussia prova a rispondere lo fa quasi con violenza, tanto che Lewandowski atterra Boateng, e forse gli dà un pestone volontario, pur di fermare l’attacco. Ma al 44′ è ancora la squadra di Monaco a raggiungere il vantaggio: lancio dalla difesa, grande lavoro spalle alla porta di Ribery al limite dell’area avversaria, palla a Robben che in percussione trafigge Weidenfeller di sinistro: 1-2! Tre minuti di recupero, e il Bayern è Campione d’Europa!

boateng-a-terra

L’impresa impossibile va in frantumi! Juve-Bayern 0-2 risultato finale!

juve-bayern-tuttacronaca

Inizia la ripresa con la Juventus che è subito aggressiva. Al 46′ c’è la percussione di Vucinic, fallo di Dante al limite, punizione per la Juve da una posizione molto interessante. Ci prova Pirlo, la palla viene deviata e Neuer non ha problemi a bloccare il pallone. E’ il 48′ e Quagliarella prova a fare tutto da solo, peccato che il tiro risulti di poco fuori dalla porta. Brutto errore di Pirlo, al ’52, che regala palla a Muller, si salva la difesa juventina solo perchè il tiro di Alaba termina in curva. Al 56′ c’è un gran rischio per la Juve sbilanciata all’attacco. Il Bayern riparte in contropiede dopo un’azione di Chiellini in area avversaria,  Robben  tira dal limite e colpisce il legno, brividi per Buffone disperazione per il Bayern per questo palo preso in pieno. Un minuto più tardi ancora il Bayern in avanti con Alaba, pallone bloccato facilmente da Buffon. Al 64′ il Bayern chiude la partita! Una punizione a giro dei bavaresi, pallone colpito di testa da Javi Martinez e respinto da Buffon, sulla ribattuta c’è Mandzukic che non sbaglia, 1-0 per i bavaresi e la Juventus dice addio alla Champions League. Potrebbe anche esserci il raddoppio per i tedeschi, ma Muller sbaglia un colpo facilissimo. Al 66′ esce Quagliarella ed entra Matri, in una condizione psicologica durissima per i bianconeri. E’ il 69′ quando Conte manda in campo Islan e fa uscire Padoin. Qualche minuto più tardi Vucinic prova a reagire, ma Neuer lo anticipa. Al 74′ Pogba a provare il tiro, ma è troppo centrale, blocca facilmente il portiere tedesco. Al 78′ va ancora all’attacco il Bayern. Il tiro è di Muller,   per fortuna  finisce a lato. Intanto esce Marchisio ed entra Giaccherini per i bianconeri. Sembra la Juve sia in gran affanno su questo finale di partita. Mancano 10′ quando iniziano le sostituzioni per i tedeschi: esce Ribery ed entra Luis Gustavo, dentro Pizarro fuori Mandzukic. All’87’ ancora una parata stratosferica di Buffon che devia in angolo un pallone impossibile. Raddoppio negato al Bayern. Arriva però al 91′ con Pizzarro. Il lancio  di Schweinsteiger in area per l’attaccante che con un preciso destro rasoterra in girata batte in diagonale Buffon.  E’ l’ultima beffa!

Una partita che era quasi una scommessa. La Juventus ci ha provato con convinzione a portare a termine la “mission impossible” poi è arrivato il gol e non c’è più stata lucidità. Il Bayern ha continuato a spingere fino alla fine, impedendo anche il gol di consolazione. I ragazzi di Conte escono così  Champions con tanta stanchezza e rabbia, ma con la convinzione di averci provato fino alla fine. Peccato la beffa finale di Pizzarro!

L’impresa impossibile! Juve-Bayern 0-0 Primo tempo!

juve-bayer-tuttacronaca

“Undici leoni, noi vogliamo undici leoni’, è il coro che si è alzato dalla curva sud bianconera all’inizio della gara. La tifoseria non fa mancare l’appoggio alla Juve per questa Mission Impossible. C’è anche una magnifica scenografia che i tifosi bianconeri hanno preparato e che a cinque minuti dall’inizio della partita esibiscono:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si parte con la Juve all’attacco e Vucinic non perde tempo. Lo juventino cerca di piazzare il pallone, ma nessun problema per Neuer. Ci prova poi Chiellini che lancia in area sulla sinistra Marchisio, anticipato di testa da Van Buyten. E’ alto il ritmo impresso dalla Juve alla partita. Scatta l’ammonizione per Mandzukic per un fallo su Chiellini. In realtà è il giocatore juventino che dopo aver colpito il pallone colpisce il croato. Il tiro della punizione affidato a Marchisio va al lato della porta. Cambio repentino di campo e l’occasione ce l’ha il Bayer. All’11 Mandzukic viene servito da Ribery in area di rigore ma non riesce a colpire il pallone adeguatamente a due passi da Buffon! Al 13′ viene ammonito Bonucci per fallo su Muller. Il giocatore non era diffidato, se la Juve passa il turno potrà ugualmente giocare. Sulla punizione, è pericoloso il Bayern: la palla va verso Van Buytne che però non riesce a colpire di testa in area di rigore. Sembra che dopo un inizio guardingo il Bayer abbia preso le misure e ora sia in grado di essere pericolo sono in attacco. Il Bayern sta tentando di rallentare i ritmi e Juve, in questa fase, perde terreno e non riesce a essere pericolosa. Al 22′ c’è la punizione centrale al limite dell’area per la Juve per un fallo su Marchisio. La punizione di Pirlo è pericolosissima, ma Neuer riesce nel miracolo e la devia in angolo. La grande occasione per la Juve ce l’ha Pogba al 27′ che crossa rasoterra in mezzo all’area, ma non c’è nessuno dei suoi compagni. La Juve è tornata ad essere pericolosa.  Passano altri 2′ e gli juventini tornano nell’area del Bayern. E’ Quaglierella che prova il tiro che termina alto. Al 33′ però è il Bayer che reagisce e prova la conclusione con un tiro al volo di Muller che finisce fuori. Al 34′ Van Buyten è dolorante così viene sostituito da  Boateng. Prima sostituzione per il Bayern. E’ ancora la Juve a cercare il gol e al 36′ si Vucinic cede a Pogba che si accentra per tirare, ma la difesa del Bayern è impenetrabile. Tre minuti più tardi Buffon riesce a volare e salvare un pallone impossibile. Il tiro di Alaba era magistrale, ma la risposta del portiere bianconero è stata strepitosa. A l41′ arriva la risposta della Juventus. Su punizione, dalla trequarti sinistra di Pirlo, respinta da Boateng, Quagliarella gira in mezzo di sinistro al volo per Bonucci che di punta in spaccata anticipa Neuer, ma non riesce a indirizzare il pallone verso la porta! Sul finale del primo tempo ancora Bayern all’attaco con Robben che prova una conclusione di forza, ma il tiro è da dimenticare. Al 46′ ci prova Ribery, ma il tiro è bloccato facilmente da Buffon.

Primo tempo con buone incursione da una parte all’altra. La Juve ha tentato di penetrare la difesa tedesca, ma purtroppo non è riuscita a passare in vantaggio. Una gran parata di Buffon ha salvato il risultato. Nel secondo tempo bisognerà non solo spingere, ma anche concludere per non perdere la qualificazione.

L’impresa impossibile in cui si spera! Juventus – Bayern

juventus-bayern-champions-ritorno

Non è facile e non è probabile,ma è possibile e allora perchè non sperare nella rimonta della Juventus contro il Bayern? L’incoraggiamento viene anche dall’australia, da Alessandro Del Piero che manda il suo messaggio da Sydney “Forza ragazzi, fatemi stare sveglio stanotte… In bocca al lupo Juventus per la Rimontona”. E allora l’impresa assume un valore diverso e quello 0 a 2 incassato a Monaco di Baviera forse pesa di meno sulle gambe dei bianconeri.

Le formazioni probabili sono:

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin, Pogba, Pirlo, Marchisio, Asamoah; Vucinic, Quagliarella.

Bayern Monaco (4-2-3-1): Neuer; Lahm, Van Buyten, Dante, Alaba; Javi Martinez, Schweinsteiger; Robben Muller, Ribery; Mandzukic.

  

L’ora della verità! Bayern Monaco-Juve 2-0. S.T. non c’è storia.

bayern monaco-juve-tuttacronaca

La ripresa inizia con i bavaresi all’attacco, Mandzukic scatta e tira, devia il pallone Buffon. Al 53′ è sempre il Monaco protagonista.  Tiro di Luis Gustavo alle stelle, ma il Bayern tiene in mano le redini della partita. Probabilmente Conte sta pensando ad un cambio. Un minuto più tardi viene ammonito Chiellini, per fortuna non era nella lista dei diffidati. Al 55′ è la punizione calciata da Alaba, a impensierire Buffon che riesce però a  deviare lontano.

Al 63′ E’ ancora gol per il Bayern con Thomas Muller. Sinistro di Gustavo da fuori, respinge Buffon ma Mandzukic serve Mueller per un comodo e meritatissimo raddoppio. Ora si fa dura per la squadra di Conte. E’ 2 – 0 allo stadio Allianz Arena. Al 65′ Conte cambia la formazione: Mirko Vucinic sostituisce Alessandro Matri e Fabio Quagliarella lascia il posto a Sebastian Giovinco. Al 67′ fallo di mano di Vidal, il cileno prende l’ammonizione. Era diffidato, salterà la sfida di ritorno. Al 69′ ci prova ancora Vidal ma il portiere bavarese è attento. Passa un minuto ed è sempre il cileno a provare il tiro, ma la conclusione è imprecisa. Poi attacco Bayern: Alaba da fuori area, ma Buffon non si lascia sorprendere. Al 75′ altro cambio per la Juve Paul Pogba è il sostituto di Federico Peluso, su quella fascia è da inizio partita che la Juve soffre troppo.

Ammonizione per giallo per Stephan Lichtsteiner al 76′. Ora il giocatore della Juventus salterà per squalifica il prossimo match. E’ il 78′  quando il Bayern con Thomas Muller cerca la rete con un tiro che però non trova lo specchio della porta.

81′ è sempre il Monaco all’attacco con Bastian Schweinsteiger che cerca il gol senza fortuna con un tiro nello specchio della porta. Ammonito anche Gustavo per simulazione. All’84 ci potrebbe essere il cartellino giallo per di Ribery che commette un bruttissimo fallo ai danni di Vidal, l’arbitro lascia proseguire, protesta il cileno. Ancora la squadra di casa in attacco con Franck Ribery che tenta un tiro in porta, senza trovare lo specchio. 90′ con il Monaco in attacco, è Thomas Muller ora a cercare il terzo gol senza fortuna, brvissimo Buffon in questa occasione a respingere. E’ un vero e proprio assalto alla porta bianconera. La Juve sembra incapace di reagire, travolta dal Monaco e costretta a rifugiarsi nella sua area nella speranza di non subire altri gol. L’arbitro decreta 3 minuti di recupero, altri tre minuti di sofferenza per la Juve. Sul finale guadagna tempo la squadra di casa Xherdan Shaqiri sostituisce Franck Ribery.

Una Juve che non è riuscita a entrare in partita, anche perché immediatamente trafitta dal gol al primo minuto di gioco. Ora non c’è che sperare nel ritorno, ma sicuramente con questa gara la Juve ha compromesso la sua permanenza in Champions, solo un riscatto in casa può salvarla, ma la Juve ci ha abituato a queste imprese. Quindi la rivincita è rinviata al 10 aprile.

L’ora della verità! Bayern Monaco-Juve 1-0. P.T. Juve in apnea.

alaba-juventus

La partita inizia con una fiammata del Bayern Monaco. Al 1′ è già in rete con Alaba. Complice anche Buffon che si addormenta e si fa sorprendere da un sinistro apparentemente innocuo di Alaba (deviato da Vidal) spostandosi sul palo sbagliato, vantaggio dei tedeschi, Juventus colpita a freddo! Prova a rispondere la Juve con Pirlo che all’11 prova una conclusione che esce fuori dalla porta di pochi centimetri. Ancora in pressing la Juve al 13′ con Vidal che ci prova da fuori area e mette i brividi a Neuer, la palla finisce di nuovo a lato della porta. Sostituzione per il Bayern Monaco, al 15′ entra Robben ed esce Kroos che forse si è stirato. sale il Bayern e Buffon prova a farsi perdonare, l’errore che ha portato la squadra di casa in vantaggio, respingendo un tiro ravvicinato di Robben! C’è solo il Bayern in campo, Barzagli perde palla, Ribery tira sull’esterno della rete. Tedeschi pericolosissimi, in questa prima parte di gara. Sul calcio d’angolo Dante manda di testa il pallone fuori. La Juventus soffre, soprattutto sulla fascia occupata da Peluso. Al 27′ fallo duro di Vidal su Ribery, proteste dei tedeschi che chiedono l’ammonizione, ma c’è solo calcio di punizione e Schweinsteiger manda la palla alta sulla traversa.  al 32′ Muller va via sulla destra e cede al compagno tutto solo in area di rigore, ma l’olandese spara fuori. Brutto momento per la Juventus.

Al 37′ contatto sospetto in area juventina, Chiellini in ritardo aggancia Mandzukic, ma l’attaccante del Bayern accentua parecchio la caduta. La Juve è in apnea.  42′ Il Bayern è inarrestabile anche quando sembra allentare il ritmo. Tiro di Schweinsteiger che esce fuori di pochissimo.

Quasi allo scadere del primo tempo viene ammonito Mandzukic per un fallo su Vidal. E’ il primo giallo della partita.

Al 46′ calcio d’angolo teso di Pirlo, il difensore juventino trova il pallone che esce di poco.

Brutto tempo per la Juve che non è solo sotto di un gol ma ha sempre sofferto il gioco degli avversari. Speriamo che il secondo tempo prenda un andamento diverso e che i bianconeri ritrovino una squadra e i loro schemi.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: