Corpo carbonizzato trovato in un’auto nel Napoletano: quinto caso in un mese

corpo-auto-carbonizzata-tuttacronacaSi trovava a Casandrino, nel Napoletano, l’auto rinvenuta con all’interno un cadavere carbonizzato di un uomo la cui l’identita non è ancora nota. La Fiat Punto era ancora fumante quando sul luogo sono giunti i carabinieri. Il corpo si trovava sul sedile posteriore, con la faccia rivolta verso il basso. Si tratta del quinto episodio del genere in meno di un mese tra i comuni napoletani di Giugliano in Campania, Caivano, Grumo Nevano e Casandrino. Il primo caso risale al 6 febbraio, con un’auto rinvenuta a Giugliano, dove fu trovato un corpo nel bagagliaio di una Renault Megane. Il 17 dello stesso mese sono stati invece trovati due cadaveri in un’auto divorata dalle fiamme a Caivano. La quarta vittima invece è stata trovata a Grumo Nevano il 21 febbraio all’interno di una Fiat Multipla.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

La nuova arma della camorra: le donne killer

donne-killer-tuttacronacaLunedì scorso due corpi carbonizzati erano stati rinvenuti all’interno di un’auto data alle fiamme a Caivano, nel Napoletano. Indagando sul duplice delitto, gli investigatori hanno fatto una clamorosa scoperta: ora i clan della camorra assoldano anche donne killer per portare a termine le proprie vendette. La scoperta è avvenuta mentre gli inquirenti analizzavano le immagini delle telecamere di sorveglianza, nelle quali hanno scorto i profili degli assassini: due donne. Il Mattino racconta che le due sono state riprese mentre scendevano dalla Fiat Punto nella quale erano stati appena uccisi Aniello Ambrosio e Vincenzo Montino, boss del clan Cennamo di Crispano; poco dopo l’auto è stata data alle fiamme. Le telecamere hanno registrato solo l’apparizione di due ombre, niente più, ma dalle analisi risulta chiaro che i killer dei due fossero donne per via della silhouette, del portamento, dell’andatura. E ciò, secondo il quotidiano partenopeo, spiega anche come mai i due pregiudicati uccisi si siano fatti cogliere con le difese abbassate: mai si sarebbero appartati in auto con altri elementi del clan, mentre avrebbero tranquillamente accettato un’avventura con due donne. Che invece si sono rivelate essere altrettanto pericolose.

Giustiziati e poi bruciati in un’auto: orrore nel Napoletano

caivano-auto-bruciata-tuttacronacaMacabra scoperta a Caivano, nel Napoletano, dove sono stati rinvenuti due cadaveri in un’auto data alle fiamme. Il ritrovamento è avvenuto in via Palmieri, località Casolla, e l’identificazione delle vittime risulta essere complessa per le condizioni in cui sono stati trovati i corpi. Al momento non è chiaro neppure il sesso e non sono stati trovati documenti. Stando ai primi accertamenti, si sarebbe trattato di un’esecuzione, con diversi bossoli rinvenuti attorno a una Fiat Punto risultata rubata ad Aversa tre giorni fa. I carabinieri di Castello di Cisterna, giunti sul posto, conducono le indagini.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I due giovani eroi che salvano una coppia dall’auto in fiamme

jacopo-caccia-nicola-bertasa-tuttacronacaHanno rischiato la morte il 24enne Giordano Lanfranchi e la fidanzata Stefania dopo uno schianto sulla strada tra Gandino e Cazzano Sant’Andrea, in provincia di Bergamo. Lungo la stessa via si sono trovati a passare anche Jacopo Caccia, 18 anni, e Nicola Bertasa, 20, che viste le fiamme che avviluppavano l’auto sono accorsi ad aprire le portiere per estrarne i passeggeri.  Ora Giodano sta ancora lottando in terapia intensiva, mentre Stefania ha riportato un trauma alla schiena ed è fuori pericolo. La vettura, la Mercedes del padre del giovane, si era ribaltata e aveva preso fuoco dopo essere finita contro la ringhiera di una villa. Fortunatamente Jacopo, che ha un contratto di due mesi in una ditta della zona e stava viaggiando in motorino, e Nicola, imbianchino disoccupato che percorreva la strada in auto, non hanno perso tempo ad intervenire, come racconta il Corriere della Sera. Racconta il primo:”Ho riconosciuto Giordano. Ho aperto la portiera e tirato fuori la sua fidanzata”. E spiega: “Si lamentava – dice ancora Jacopo -. Non ce l’avrebbe fatta a uscire da sola”. La 22enne, impiegata, sarà forse operata a giorni alla schena per il brutto trauma riportato nello schianto. Aggiunge Nicola: “Ero in macchina con Erika (la sua fidanzata ndr) e altri amici. Abbiamo sentito il botto. Sono andato a segnalare l’incidente, ho suonato alla casa di fronte per chiedere una canna dell’acqua”. Contemporaneamente, Jacopo cercava di tirare fuori dall’abitacolo Giordano. Ma non ne aveva la forza. Ha cominciato a gridare, sono arrivate alcune persone, ma erano tutti troppo spaventati per intervenire.” Il 18enne ricorda ancora: “Dicevano di non andare perché quell’auto sarebbe esplosa. Poi ho visto dentro quel ragazzo che tentava di fare qualcosa e mi sono buttato anch’io. Insieme abbiamo salvato anche Giordano”. I vigili del fuoco sono arrivati, ma l’auto ormai era carbonizzata. “Senza Jacopo e Nicola – dice il papà di Giordano, Marino, meccanico – oggi ci sarebbero due funerali”.

Lo spazzacamino di Mary Poppins tratto in salvo dall’auto in fiamme

Dick van Dyke-tuttacronaca

Dick van Dyke, 87 anni,attore americano noto per aver interpretato il ruolo dello spazzacamino di Mary Poppins, è stato tratto in salvo dalla sua Jaguar in fiamme su una freeway di Los Angeles. L’attore si deve ritenere davvero miracolato e ringraziare un altro automobilista, un certo Jason Peterson, che gli ha prestato i primi soccorsi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Peterson ha riferito di aver visto un auto in fiamme a bordo strada con un uomo anziano accasciato sul volante, così si è fermato e ha estratto l’attore, proprio pochi istanti prima che il motore della Jaguar andasse a fuoco. L’attore ora si troverebbe illeso sotto shock.

Esplosione in Libia, nell’area ambasciate

1libia-esplosione-ambasciate-tuttacronaca“Ho sentito un boato e guardando fuori dalla finestra ho visto una macchina in fiamme.” Sono queste le parole di una fonte che lavora nel “Tripoli Towers”, l’area dove sono situati gli edifici delle ambasciate inglese e canadese nella capitale della Libia, a seguito dell’esplosione avvenuta oggi nel parcheggio del compound.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commando con kalashnikov assalta portavalori in Puglia: illese guardie

Strade bloccate con auto in fiamme, come in un film d’azione. La prontezza di una guardia giurata che ha preso uno svincolo contromano per arrivare a una caserma dei carabinieri ha messo in fuga i rapinatori.

BeFunky_ViewFinder_7

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Avenues2

Just another WordPress.com weblog

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

max lucien

il linguaggio della passione

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: