Cade un aereo in Algeria, almeno 100 morti

aeroplano-schianto-aereo-militare-tuttacronaca

A bordo dell’aereo militare che è crollato oggi 11 febbraio 2014 nel nord dell’Algeria – nel dipartimento di Oum El Bouaghi, una località a 500 km da Algeri – c’erano 103 persone e almeno 100 sarebbero morte. Sull’aereo, Hercules C130, della compagnia Air Algerienne e appartenente alle forze armate algerine, viaggiavano militari con le loro famiglie diretti in Mali.

Forte scossa di terremoto nel nord dell’Algeria

terremoto-algeria-tuttacronacaIl Servizio geologico degli Stati Uniti, Usgs, ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 4.9 alle 4 ora locale (le 5 in Italia) nel nord dell’Algeria. Il sisma ha avuto epicentro a 3 km a est-nordest di Bouninan e a 4 ad ovest di Bougara, nella provincia di Blida. L’ipocentro è stato registrato a 9.7 km di profondità. Al momento non si hanno informazioni su eventuali danni a persone o cose.

Ci sono esodati ed esodati… Pietro Franco Tali è esodato con 7 mln!

pietro franco tali-tuttacronaca

Ex amministratore delegato della Saipem, Pietro Franco Tali, si era dimesso lo scorso 5 dicembre dopo essere stato iscritto nel registro degli indagati per delle presunte tangentipagate dalla società in Algeria. Come si legge nella relazione depositata dalla stessa Saipem, il manager ha percepito una una buonauscita di 3,81 milioni, a titolo di tfr e di incentivazione all’esodo a cui poi si sono aggiunti 2,28 milioni di bonus. Inoltre è stata pagata la retribuzione annua pari a 837mila euro. Insomma si sono sfiorati i 7 milioni di euro per un indagato costretto a  rassegnare le dimissioni. Ma da dove sono usciti questi soldi? La Saipem è una controllata Eni che a sua volta fa capo al ministero del Tesoro… quindi dalle casse dello Stato italiano!

L’ad di Eni indagato per corruzione internazionale: “Siamo estranei”!

L’inchiesta che coinvolge Paolo Scaroni riguarda una presunta maxitangente da quasi 200 milioni di euro per gli appalti Saipem in Algeria. Assieme a lui sono indagati anche Pietro Varone, dirigente Saipem, Tullio Orsi, ex dirigente Saipem, Pietro Tali, ex ad Saipem, Alessandro Bernini, ex direttore finanziario Saipem, Antonio Vella e Nerio Capanna, altri dirigenti Saipem. Sotto indagine anche Farid Bedjaoui, il presunto intermediario a cui era riconducibile la società di Hong Kong ‘collettrice’ delle mazzette. E intanto Eni crolla in borsa, chiudendo a -4,62%.

scaroni indagato

Dopo la “battaglia di In Amenas” Cameron in Algeria

Il Premier britannico si fermerà in visita ufficiale per 2 giorni. Al centro la sicurezza degli impianti petroliferi e i rapporti Gran Bretagna – Algeria.

5450799667_15897926ea_o

Atmosfera tesa in Libia, possibile attacco a un altro sito petrolifero.

BeFunky_ViewFinder_3k

Usate armi libanesi per l’attacco terroristico in algeria! Così la Clinton

resizer

Leggi articoli correlati.

Tra i terroristi in Algeria, anche l’ex autista del sito licenziato nel 2012

GAZ-66 - Russian military car

Vedi articoli correlati.

Nuovo bilancio provvisorio in Algeria: il numero degli ostaggi morti sale a 48

32 sarebbero invece i sequestratori uccisi.

Leggi articoli precedenti.

12! I corpi dei giapponesi, morti nell’attacco di In Amenas, portati all’obitorio.

tumblr_mfqa4ptTyl1r7qjoeo1_500

Leggi gli articoli precedenti.

Per la Francia la crisi degli ostaggi in Algeria è atto di guerra.

Mentre l’intervento in Mali non lo è???

ACF3ED22B037D3F7C86BA13165405E

Leggi articoli correlati.

Delude ancora l’esercito in Algeria, arrestano 5 terroristi, 3 scappano

19_mali_w

Leggi gli articoli precedenti.

Ostaggio liberato britannico racconta la sua prigionia. Agghiacciante!

640x392_80706_261114

Vedi articoli precedenti.

In Amenas! La sicurezza non era armata, ritrovati 25 corpi

Algeria-Ends-Desert-Siege-With-23-Hostages-Dead-408x244

Il Giappone comunica che sono stati giustiziati 9 connazionali.

Vedi articoli precedenti.

E’ più alto il numero delle vittime di In Amenas! Cameron parla di 3 morti inglesi

Mentre da Londra Cameron conferma la morte di tre cittadini britannici nell’attacco al sito petrolifero in Algeria, il ministro algerino della comunicazione parla di rivedere il bilancio delle vittime che sicuramente è molto più elevato dei 23 ostaggi uccisi e dei 32 sequestratori.

Algeria-Kidnapping_Dupr

Leggi articolo precedente.

USA condannano attacco in Algeria: ricorda minaccia di Al Qaida e gruppi estremisti

Vedi articoli precedenti.

Sequestratori del sito petrolifero in Algeria venivano anche da Olanda e Canada

img_606X341_1701-algeria-hostage-assault-gas-plant

Vedi articoli precedenti.

Dovevano partire per il Mali ma una bomba li ha uccisi: morti due soldati algerini

Altri 5 sono stati feriti dall’esplosione di una bomba collocata a Okene.

Belmoctar guida i terroristi algerini tramite un telefono satellitare

Belmoctar era stato espulso da al Qaida ed ora è a capo della brigata “Quelli che firmano con il sangue”. Al momento si trova nel nord del Mali e da là guida l’operazione terroristica In Amenas.

Vedi articoli precedenti.

Libia ed Egitto rafforzano protezioni ai siti petroliferi

Dark-Art-Edward-Burtynsky-014

Vedi articoli correlati. Leggi qui.

Sferrato attacco finale in Algeria: 7 ostaggi uccisi e 11 sequestratori.

L’esercito algerino non ha interesse a tutelare la vita degli ostaggi.

VERGOGNA!

cyberwar2

Vedi articoli precedenti.

LIBERATI! 16 ostaggi di In Amenas

Sono 16 di cui 2 americani, 2 tedeschi e 1 portoghese.

algeria

Vai all’articolo precedente.

15 corpi trovati bruciati nel “sito della morte” in Algeria.

thirddegreeburnpic

Vai all’articolo precedente.

ATROCE! L’Onu condanna l’attacco in Algeria.

Morto un ostaggio americano, liberati 3 rumeni. Ancora grande attenzione sul sito petrolifero in Algeria.

tumblr_mgujke6D951rtaetto1_500

Vai all’articolo precedente.

Algeria. Il Gruppo d’intervento speciale ha catturato uno dei terroristi

Vai all’articolo precedente.

Algeria in continua evoluzione. Intanto i sequestratori lanciano minacce

Inghilterra: Cameron fa sapere che sono meno di 30 gli ostaggi inglesi ancora in mano ai terroristi e si dichiara deluso dalla scarsa informazione che riceve dalle autorità algerine.

Francia: Ayrault comunica che l’operazione al sito di Amenas è ancora in corso. Parla di diverse vittime, ma non specifica altro.

Usa: Panetta a Londra assicura che “i terroristi non troveranno rifugio in Algeria, in Nord Africa o altrove”.

Vai all’articolo precedente

Dopo la strage arriva la notizia della liberazione di 3 ostaggi giapponesi

BeFunky_ViewFinder_7s

Tolta elettricità a campo petrolifero di Amenas: non si conosce reazione terroristi

Intanto 30 prigionieri algerini sono riusciti a scappare.

Vedi articoli precedenti.

O autorità algerine cessano attività o terroristi uccideranno ostaggio inglese

Oltralpe fanno sapere che non ci sono ostaggi francesi nel campo petrolifero di Amenas.

Leggi anche: Attacco a base petrolifera algerina.

Attacco a base petrolifera algerina: 2 vittime e 41 ostaggi

Le vittime sarebbero un inglese e un francese. Tra gli ostaggi ci sono giapponesi, irlandesi, francesi e 7 americani. Alcuni fonti affermano che l’attacco sarebbe una risposta di Al-Qaeda all’intervento francese in Mali.
2011_03_24_18_12_36

Vai all’articolo precedente.

Attacco giacimento pertrolifero Algeria: ucciso francese rapiti 8 giapponesi

petrolio ponteggi

Vai all’articolo precedente.

Thatcher pagò di tasca sua il ritrovamento del figlio Mark

Il figlio della Thatcher si perse nella Parigi-Dakar. Lui, il suo co-pilota – la francese Anne-Charlotte Verney – e il meccanico si persero per sei giorni nel Sahara al confine fra Algeria e Mali. Il 9 gennaio 1982 i tre si fermarono per la riparazione di un guasto alla loro Peugeot 504 bianca separandosi così dal convoglio di veicoli di cui facevano parte.

Il 12 gennaio 1982 furono dichiarati scomparsi. La notizia ebbe immediata e vastissima eco nei mass media di tutto il mondo e fu quella una delle due sole occasioni in cui la “Lady di Ferro” fu vista piangere in pubblico.

Il 14 gennaio 1982 i tre furono ritrovati da un aereo dell’aviazione militare algerina che localizzò la Peugeot.

Oggi emerge che in tale occasione il primo ministro inglese pagò di tasca sua 5000 sterline, affinché la scomparsa del figlio non pesasse sui soldi dei contribuenti.

CERTO CHE LA THATCHER NON AVREBBE MAI POTUTO FARE POLITICA IN ITALIA!!!

118965405_Mark_That_369070c

 

L’arrogante Hollande… “in Algeria, ma non per chieder scusa a una ex colonia!”

LabattagliadiAlgeri1

La Libia si serra dentro! Chiuse le frontiere con 4 Paesi

27-gennaio-1945-L-3QhnPD

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: