Gli statali costano troppo… in pensione per decreto!

pensione-statali-decreto-tuttacronaca

Gli statali che lavorano fino a 70 anni costano troppo e così arriva il decreto per mandarli in pensione.

Il decreto legge 101/2013 contiene una norma che obbliga la pubblica amministrazione a pensionare tutti i dipendenti che ne abbiano maturato i requisiti entro il 2011, facendo salvi i limiti previsti nei diversi ordinamenti. In questo modo vengono tagliati tutti i contenziosi che si erano aperti fra gli enti pubblici e quei dipendenti – soprattutto alti dirigenti e professori universitari – che vogliono restare al lavoro fino a 70 anni.

Il decreto 101,  che tra l’altro allunga fino a tutto il 2015 la validità dei requisiti pensionistici pre riforma Fornero, consentirà di mandare in pensione il personale in soprannumero nella pubblica amministrazione. Si dà forza di legge primaria a quello che, spiega Marco Rogari sul Sole 24 Ore, era:

“un dispositivo che era già stato espresso in una circolare (la n. 2/2013) dal Dipartimento Funzione pubblica, condiviso dai ministeri dell’Economia e del Lavoro, ma che poi annullata dal Tar Lazio (n. 2446/2013). Bisogna insomma evitare che il contenzioso che s’è aperto dopo il varo della riforma delle pensioni si consolidi con danno economico per amministrazioni obbligate a gestire al ribasso il costo del personale”.

Con l’applicazione della Legge Fornero si era infatti creato un blocco per le amministrazioni che da una parte non riuscivano a pensionare i dipendenti che erano costretti a rimanere sino a tarda età sul posto di lavoro, dall’altra però avevano l’esigenza di fare spending review e quindi pensionare chi alle soglie della pensione aveva avuto un aumento di stipendio grazie agli scatti di anzianità di servizio. Le amministrazioni pubbliche quindi si trovavano a dover pagare stipendi più alti a persone che erano costrette a rimanere sul posto di lavoro.

Non è un caso che in media vadano in pensione più tardi quelli che hanno gli stipendi più alti:

“A impugnare gli atti di pensionamento sono soprattutto alti dirigenti e professori universitari, che per resistere alla procedura di collocamento a riposo avevano opposto l’articolo 24 comma 4 del decreto “Salva Italia”. […]

Nel 2012, stando ai dati forniti dall’Inps nell’ultimo Rapporto annuale sulle nuove pensioni ex Inpdap, sono state 109.076 le nuove pensioni. La Cassa dov’è stato registrato il più alto numero di nuove liquidazioni è quella dei trattamenti pensionistici statali (58%) seguita dalla Cassa pensioni dipendenti degli enti locali (38%). […] Se si guarda agli importi complessivi dei nuovi assegni erogati dall’Inps ad ex dipendenti pubblici – intesi come media delle prestazioni dirette e indirette – si scopre che questi variano dai 4.549 euro mensili per la Cassa pensioni sanitari (sono il 3% delle nuove prestazioni sorte nel 2012) ai 1.502 euro mensili della Cassa pensioni insegnanti. Gli importi medi più elevati si registrano nell’ambito della magistratura (8.225 euro mensili), settore seguito dall‘Università (3.546 euro) e delle Forze Armate (2.614 euro). Ma se in quest’ultimo caso l’età media alla decorrenza del pensionamento è attorno ai 59 anni, per i magistrati si sale al 68,7 mentre per l’Università a 65,1. Solo per il personale delle aziende autonome (1.311 pensionamenti l’anno scorso) si è riusciti ad andare oltre, con un’età media al momento dell’incasso del primo versamento Inps di 72,2 anni”.

Annunci

Un fermo per l’omicidio della brasiliana

Marilia Rodrigues Martins-tuttacronaca

Il mistero intorno all’omicidio di  Marilia Rodrigues Martins, la 29enne brasiliana uccisa a Gambara nel Bresciano potrebbe fra qualche ora essere risolto. Al momento risulta in stato di fermo Claudio Grigoletto, uno dei due datori di lavoro della vittima. L’uomo è stato ascoltato dai carabinieri per tutta la notte. Grigoletto, in un primo tempo, aveva raccontato di aver visto la giovane per l’ultima volta giovedì scorso. Secondo il suo racconto, quel pomeriggio, alle 18, Grigoletto avrebbe mandato un messaggio alla ragazza per chiedere come andava il lavoro. Lei avrebbe risposto: “Tutto tranquillo”. Al momento Grigoletto sarebbe stato fermato per omicidio aggravato dopo che dall’autopsia è emerso che la giovane donna è stata prima strangolata e successivamente colpita con un oggetto pesante. L’assassino poi avrebbe provocato una fuga di gas per simulare un suicidio o per sperare in un’esplosione che cancellasse le prove. Marilia era incinta di alcuni mesi. 

Le reazioni di Twitter alla nobildonna intervistata da Presa Diretta

MARISELA-FEDERICI-tuttacronaca

Non sono a volte le frasi a essere sbagliate, ma il momento in cui vengono pronunciate. Questa sembra essere la sintesi di ciò che ieri è andato in onda a Presa Diretta con l’intervista della nobildonna  Marisela Federici, “la signora più chic dei salotti romani”, grande organizzatrice di feste nella Capitale. Presa Diretta, il programma di Riccardo Iacona è andato a intervistare la Federici nella sua villa sfarzosissima, nella quale c’è anche la camera dei bicchieri, per capire come la nobildonna sta vivendo questa fase storica del nostro Paese.

Iacona ha presentato così la sua puntata, la prima dopo la pausa estiva, sul tema dei super-ricchi:

Un viaggio dentro il mondo dei ricchi e super ricchi italiani, vi faremo vedere la vita che fanno, le case dove abitano, dove e come investono i loro soldi e le enormi possibilità che hanno di investire nel futuro dei loro figli. Mentre continua ad allargarsi la platea delle italiane e degli italiani che non riescono a vivere dignitosamente, anche dove meno te lo aspetti.

A far scattare la reazione sui social network sono state alcune frasi della Federici:

“Sono gesti disperati  che non portano a nulla. Molto meglio la speranza. Non voglio essere cinica. Secondo me hanno un altro tipo di problemi. Hanno problemi mentali, più che economici o altro. Sono persone che hanno già una tara mentale che li porta a gesti disperati. Allora che parole useresti a gente che si trova in queste condizioni? Speranza è molto bello perché almeno ti fa riflettere. Poi sta a lui. Lavorassero un po’ di più questi che si lamentano tanto. Che si mettessero a lavorare.”

“Il lusso senza cultura è un abuso”.

“Preferisco fare una festa al mese che andare dallo psicanalista una volta alla settimana. Fare una festa non vuol dire non essere coscienti della situazione. Se continua così andiamo tutti in depressione”

Dopo la puntata di ieri gli interrogativi si pongono: era il caso, in un clima di tensione fra classi, come quello che si sta vivendo in Italia in questo periodo, fare un servizio del genere su una tv pubblica? Le reazioni chiaramente si potevano immaginare e allora perché innescare una miccia che potrebbe davvero diventare pericolosa e ingestibile?

Questa mattina il social infatti è bollente:

Nonostante la rabbia innescata, quel che dovrebbe però far riflettere è come a volte i cosiddetti super-ricchi siano davvero fuori dal mondo. Non sono state forse ingenue e un po’ ai “confini della realtà” le frasi della Federici? C’è da chiedersi se davvero si può essere ricchi e continuare a guardare il mondo nelle sue sfaccettature diverse oppure la lente della ricchezza tende a opacizzare la vita.

Batterio killer? Muore una donna dopo un intervento chirurgico

immacolata monaco-tuttacronaca

Immacolata Monaco, 39enne, napoletana di Santa Lucia,  dopo essersi sottoposta a n intervento di microchirurgia al cervello per l’asportazione di un tumore benigno dal terzo ventricolo destro, avrebbe, secondo quanto raccontato dal coniuge, Massimo Mazzarella, contratto, in camera operatoria, un batterio che l’avrebbe portata alla morte. La donna, madre di due figli di 15 e 13 anni, che gestiva insieme al marito una panetteria alla Pignasecca, è morta in un ospedale lombardo dopo circa un mese e mezzo di calvario. La Procura della Repubblica di Milano ha disposto l’autopsia.

Mistero sulla morte di uno skipper, indagini in corso

pozzuoli,luigi,piccolo,tuttacronaca

E’ mistero sulla morte dello skipper di Capri, Luigi Piccolo, 51enne ritrovato  agonizzante ieri notte, in strada, a Pozzuoli, e morto poco dopo il suo ricovero all’ospedale «La Schiana». I medici avevano riscontrato immediatamente una grave frattura del bacino. Una delle ipotesi è che l’uomo sia caduto dal suo motorino. Il corpo si trovava a pochi metri dal mezzo, ma è giallo su cosa sia accaduto. secondo gli inquirenti l’uomo può essere stato colpito da un’auto o da una moto pirata, oppure colto da malore mentre stava percorrendo via Montenuovo, a Pozzuoli. I poliziotti hanno inoltre eseguito un’ispezione sull’imbarcazione di un noto professionista napoletano, per cui lavorava Piccolo, attraccata nel porto di Baia. E’ stata disposta l’autopsia per chiarire meglio le cause del decesso e quindi dare una risposta al mistero della morte dell’uomo.

Il film sul Papa interpretato dall’attore che fu nel cast di Che Guevara.

Alejandro_Agresti-tuttacronaca

Regista argentino tra i più acclamati  Alejandro Agresti, si appresta ora a girare “Storia di un prete”, ovvero un film che ripercorre la vita di Papa Francesco.

«Più che una rapida biografia dei principali eventi nella vita di Jorge Bergoglio, vorrei riuscire a far emergere quel che sente una persona così singolare come il Papa», ha sottolineato Agresti alla rivista Variety. «Pensando al film, credo che la decisione di seguire la sua vocazione, la fede e la ragione, e i suoi studi da gesuita siano tra gli aspetti più interessanti del Papa», ha aggiunto Agresti.

L’attore scelto per interpretare Jorge Bergoglio è Rodrigo de la Serna, attore vincitori di diversi premi e reso celebre da i «Diari della motocicletta» del brasiliano Walter Salles. Nel film de la Serna interpretava l’amico del «Che», Alberto Granado.

 

Ecco la verità raccontata in diretta dalla mamma di Sarah!

madre-sarah-scazzi-cosima-concetta- tuttacronaca

Concetta Scazzi in esclusiva a Domenica Live: «L’ergastolo per Cosima e Sabrina? È il minimo per loro che hanno ucciso una bambina».
All’indomani della richiesta di pena del pm, nel corso del processo Scazzi, la madre di Sarah, la piccola vittima di Avetrana, non ha dubbi in merito alle responsabili di quel delitto orrendo.
«Tutto ruota intorno a loro, dai testimoni agli indizi, tutto conferma che sono state loro. Abbiamo tutti gli accertamenti e il pm ha fatto un ottimo lavoro. Cosa possiamo chiedere di più? Mi chiedo solamente, queste persone in quale famiglia sono vissute? In una famiglia di criminali? Non hanno avuto un briciolo di pietà per Sarah».

Barbara D’Urso rivolge le sue domande ad una mamma attonita, chiusa nel suo dolore e quasi raggelata nella consapevolezza che chi ha ucciso sua figlia forse pagherà con il carcere a vita la propria colpa.
«Dopo la richiesta di pena del Pm, ho visto Cosima impassibile e non ho visto piangere Sabrina, anche se i giornalisti dicono che sia scoppiata a piangere».
E i 9 anni chiesti per Michele Misseri?
«Se la legge prevede questo, è bene che li faccia: sarà anche innocente per l’omicidio, ma ha pur sempre seppellito una bambina. La legge umana prevede questo. È inutile chiedere di più o di meno».
Ma Concetta non si è fermata all’evidenza o ai risultati delle indagini. Ha voluto rendersi conto da sola di cosa fosse successo quel giorno maledetto: «Sono stata dove Michele ha seppellito Sara. E sono ricordi che fanno molto male. Ma ho voluto rendermi conto, vedendo i luoghi e le distanze, che non ha potuto fare tutto da solo. Ho visto l’albero di fico. Ha fatto troppe manovre, l’ha vestita l’ha spogliata. Sarebbe trascorso troppo tempo. Non poteva essere da solo. Il pm dice che fosse lì con il nipote ed il fratello».
E le affermazioni di Michele Misseri?
«Michele si sta ingarbugliando da solo. Il pm ha tutti gli orari e non può dire una cosa che non è vera. Vuole girare la frittata. E se dice che si suiciderà, non ci credo affatto. Lo fa solo per impietosire gli altri».

E poi si parla dei famigerati festini!


Perché Sarah era un pericolo?
«Si parla di sms che svelavano festini e spogliarelli segreti a pagamento. Ma non sappiamo se dietro quegli sms c’era altro di più losco e nascosto. Da quegli sms di Sarah è emerso quello che di immorale facevano.
Sembra che le persone coinvolte abbiano una coperta troppo piccola per scaldarsi, si copre uno e scopre l’altro e vorrebbero coprirsi a vicenda. Ma è impossibile».
Sarah avrebbe raccontato qualcosa se non fosse morta?
Sarah conosceva quasi tutti i segreti di Sabrina: magari l’hanno portata a qualche festino e ha visto qualcosa che l’ha sconvolta. C’è gente che sa e se non parlano non possiamo sapere tutta la verità fino in fondo. Gli amici, Ivano, Alessio, Mariangela, forse sanno e non dicono nulla.
Sogno ancora Sarah. E la sogno viva, nei suoi gesti di sempre. Tra un mese, mi auguro che il presidente condanni coloro che meritano la pena».

Uno sguardo a… poulette en demi-deuil!

poulette en demi-deuil-tuttacronaca

La ricetta puoi trovarla QUI!

Danièle Delpeuch sulla scena di… Les saveurs du Palais di C. Vincent

Clip 2.

Danièle Delpeuch sulla scena di… Les saveurs du Palais di C. Vincent

Clip 1.

Danièle Delpeuch sulla scena di… Les saveurs du Palais di C. Vincent

Danièle Delpeuch è interpretata da Catherine Frot.

Gente del Perigord… Danièle Delpeuch

 danièle delpeuch-tuttacronaca-biografia-biography-recipes

Uno sguardo al Perigord… il castello!

perigord

Uno sguardo al Perigord… il ponte medievale!

perigord-medevial-bridge-over-the-dordogne-river-perigord-france

Uno sguardo a… alla regione del PERIGORD, Francia!

perigord_dordogne-francia-tuttacronaca

Torna di moda l’ombelico… ma ora si chiama lato O!

ombelico-mania-lato O- tuttacronaca

Non tutti lo trovano attraente, ma il lato-O delle star, ovvero il loro ombelico , è considerato una delle parti più sexy del corpo. E se tra gli studiosi ancora si dibatte sulla possibilità che possa essere scientificamente considerato un’arma di seduzione, le star non esitano a metterlo in bella mostra.

Scoppia in Italia la SPOTTED – MANIA!

cosè-spotted-significato-tutatcronaca

Le pagine “spotted” sono semplicemente pagine di università, di altre scuole oppure di luoghi frequentati regolarmente dove coloro che la frequentano possono dichiarare il proprio amore in totale anonimato oppure scrivere apprezzamenti o qualsiasi altra cosa su gente della stessa scuola o università, il bello del “gioco” è che l’autore rimane del tutto anonimo. Ora si stanno creandopagine “spotted” anche per bar, locali e ritrovi notturni.

Tutto cominciò nel 2010 dall’università di Londra quando uno studente decide di creare un sito dove lui e i suoi amici possono scrivere commenti sulle ragazze dell’Università anonimamente e in meno di due mesi era arrivato ad avere 250mila utenti, ma il sito non ha avuto lunga vita dato che dopo reclami e proteste è stato chiuso in meno di tre mesi dalla nascita.

Ma l’idea era buona e ora si fa tutto tramite social network, più precisamente tramite le pagine di facebook che ormai sono migliaia dedicate agli “spotted” delle università o delle scuole superiori dove gli studenti si divertono a scrivere cose in modo anonimo.

PRESIDENZIALI VENEZUELANE 14/4!

chvez-elezioni-14 aprile-tuttacronaca

La salma di Chavez è ancora esposta. In milioni sfilano per ore per per vedere il feretro all’Accademia militare dopo i funerali. Ma il nuovo governo già si muove e il nuovo presidente ad interim del Venezuela, Nicolas Maduro ha chiesto al Consiglio Nazionale Elettorale (Cne) di fissare “immediatamente” una data per le elezioni anticipate. Si svolgeranno già il 14 aprile. L’opposizione antichavista, che ha definito anticostituzionale l’assunzione di Maduro, ha offerto la candidatura a Henrique Capriles, già sconfitto da Chavez nel voto del 7 ottobre scorso. Una scelta annunciata. La lotta sarà tra lui e il presidente ad interim Nicolas Maduro, subentrato alla guida del Paese dopo la morte di Chavez. “A nome della più assoluta lealtà nei confronti del comandante Chavez, giuro che rispetteremo e faremo rispettare questa Costituzione bolivariana, con la mano dura di un popolo deciso ad essere libero”, ha detto Maduro durante la cerimonia e ha aggiunto, visibilmente emozionato, “scusate il dolore e le nostre lacrime, ma questa presidenza appartiene al comandante Chavez”.

Ecco quanto ci costano gli errori del ministero! Miur condannato.

precari_scuola-tuttacronaca

Un riscatto da precari!  L’assunzione a tempo determinato potrebbe presto infatti rivelarsi più sconveniente per il datore di lavoro (in questo caso lo Stato, rappresentato dal ministero) che per il docente. E’ questo lo scenario che si profila, dopo le sentenze emesse – l’ultima lo scorso 22 febbraio – da un giudice del lavoro di Trapani nei confronti del Miur (Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca). Nel giro di due settimane il dicastero guidato da Francesco Profumo è stato condannato a risarcire tre insegnanti precari: uno di educazione fisica con 150mila euro, un altro di elettrotecnica a cui spettano 169.700 euro e un terzo che avrà diritto ad un risarcimento di quasi 173mila euro.

Le motivazioni? Le stesse per tutti e tre i casi: abuso dei contratti a termine, mancati scatti d’anzianità e stipendi estivi (luglio e agosto) non corrisposti per gli anni passati e per quelli futuri, fino all’età pensionabile. Una decisione significativa quella del giudice Mauro Petrusa che, non potendo imporre la stabilizzazione dei tre insegnanti – vista la sentenza della Cassazione che lo scorso giugno aveva rigettato la richiesta di un precario della scuola – ha trovato lo strumento per condannare la discriminazione da parte dello Stato nei confronti di chi ha un contratto a termine. Insomma il trattamento economico di un insegnante precario – puntualmente licenziato il 30 giugno, per poi essere riassunto dal 1 settembre – deve essere uguale a quello di un suo collega di ruolo, progressione economica compresa.

Il Miur a questo punto potrebbe dover sborsare molti più soldi, rispetto al mezzo milione di euro che, come stabilito dal giudice Petrusa, verserà ai tre insegnanti siciliani. In Italia infatti si stimano circa 20mila ricorsi già notificati, promossi dalle varie sigle sindacali di categoria, come la Flc-Cgil, l’Ugl-Scuola e l’Anief (Associazione nazionale insegnanti e formatori). E’ stato proprio quest’ultimo ad assistere i docenti siciliani. “Stiamo assistendo ad una striscia di condanne esemplari sul trattamento economico dei lavoratori precari – commenta il presidente Marcello Pacifico – ma è solo l’inizio: anche se ogni controversia presenta situazioni specifiche abbiamo serie motivazione per pensare che i giudici del lavoro di tutto il Paese non vogliano assecondare l’abuso cronico del datore di lavoro, in questo caso lo Stato, nel negare l’assegnazione di cattedre nella loro interezza, compresi i periodi estivi, e di quegli scatti stipendiali concessi erroneamente sino ad oggi solo al personale di ruolo. Al ragionamento del loro collega di Trapani – auspica Pacifico – potrebbero perciò adeguarsi tutti i giudici del lavoro d’Italia”.

E questo per il Miur vorrebbe dire scucire qualcosa come tre miliardi di euro.

E in tutto questo il Ministro Profumo che fa? NON COMMENTA!

Udinese – Roma, la sfida si fa dura! Finisce 1-1

roma-udinese-secondo-tempo-tuttacronaca

Vai alla cronaca del primo tempo.

Inizia la ripresa con la Roma in vantaggio per 1-0 nei confronti dell’Udinese.

Al 3° c’è il tiro di destro di Florenzi che termina a lato di molto, senza impensierire il portiere.

Al 6° c’è l’ ammonizione per Domizzi. Il difensore bianconero cade in area dopo aver svirgolato il pallone, topica dell’arbitro Guida che lo ammonisce per simulazione Proteste di Domizzi per la decisione.

10°  Tiro di Maicosuel bloccato da Stekelenburg. Preme l’Udinese alla ricerca del pareggio.

12°  Colpo di testa di Marquinho che finisce alto dopo un cross di Florenzi.

16° Esce Totti ed entra Osvaldo nella Roma. Il capitano della Roma stasera non è mai entrato in partita.

Al 17° arriva il pareggio dell’udinese con Muriel. Maicosuel serve Mauriel nello spazio. L’attaccante poi manda a vuoto prima Burdissimo poi Torosidis e calcia a rete infilando Stekelenburg sotto le gambe.

26°  Esce Maicosuel ed entra Pereyra per l’Udinese

27°  La Roma chiede un rigore per un intervento duro di Gabriel Silva su Torosidis.  L’arbitro decide di ammonire Torosidis per simulazione. Decisione molto dubbia.

27°  Espulso Heurtaux per un fallo duro su Florenzi. Rosso diretto, tackle sui piedi del romanista che resta dolorante e a terra.

40° Esce Florenzi ed entra il giovane Nico Lopez nella Roma. Cambio anche nell’Udinese, esce Di Natale ed entra Ranégie.

43° Tiro cross di Torosidis, respinge in angolo Brkic

Allo scadere del tempo grande occasione per la Roma con Osvaldo. L’attaccante, servito da Florenzi, sbaglia il pallonetto davanti a Brkic, si salva l’Udinese!

Nella prossima giornata la Roma incontrerà in casa il Parma, mentre l’Udinese incontrerà il Catania.

Cellino: Concessi i domiciliari al centro sportivo di Assemini!

cellino- tuttacronaca- arresti - domiciliari

Il presidente del Cagliari calcio, Massimo Cellino, è stato condotto nel centro sportivo di Assemini, dove proseguirà con gli arresti domiciliari, luogo indicato dai suoi difensori come sede ottimale per questo scopo. Il patron rossoblù si trovava da una settimana nella comunità Terramanna di Villamassargia, nel Sulcis. Il trasferimento deciso dopo che i suoi legali si erano lamentati per le condizioni della struttura, definita “simile a un lager”.

Metti un grasso al Senato… si cerca alleanza bipartisan!

tuttacronaca. pietro_grasso_pd_bersani

Per la presidenza del Senato il Pd è intenzionato a giocarsi la carta Piero Grasso. Secondo i calcoli che si fanno al Nazareno, il nome dell’ex procuratore nazionale antimafia sarebbe il più adatto per sbloccare la trattativa sullo scranno più alto di Palazzo Madama, calcio di inizio della legislatura e insieme test preliminare per la eventuale formazione del governo. Grasso, al suo primo mandato parlamentare, ex magistrato stimato non solo in casa Pd, ma anche in area Monti nonché tra le ‘colombe’ del Pdl, potrebbe essere una scelta gradita anche tra i cinque stelle in quanto verrebbe presentato anche come garante di riforma sul fronte giudiziario. Grasso, che intervenuto tempo fa alla trasmissione di Vespa, Porta a Porta, dichiarava che alcune piccole quotidianità, le stava scoprendo solo ora che era entrato in politica. Sembra giusto metterlo alla Presidenza del Senato!

Sicuramente, ragionano in casa Dem, è candidatura più adatta a questa fase rispetto a quella immaginata finora: Anna Finocchiaro, senatrice al suo ottavo mandato parlamentare e dalle caratteristiche meno ‘bipartisan’. Insomma, è attraverso l’elezione di Grasso che potrebbe passare un’eventuale intesa di governo a guida Bersani.

Morire a 13 anni travolti da un tir!

tuttacronaca_martina-bonavera

Una ragazzina di soli 13 anni, Martina Bonavera, è morta dopo essere stata investita questa mattina non lontano da casa a Giamosa, alle porte di Belluno. La giovane, studentessa di terza media, stava attraversando la statale del Grappa per raggiungere la fermata dell’autobus che l’avrebbe portata a scuola a Belluno quando è stata travolta da un furgone diretto verso Feltre. La tragedia si è consumata in uno dei punti più pericolosi dalla strada, già oggetto di denunce da parte di cittadini e amministratori.

Udinese-Roma ovvero sfida tra bomber! 0-1 al P.T.

roma-udinese-tuttacronaca

Udinese e Roma provengono da due vittorie conquistate rispettivamente contro Pescara, fuori casa, e Genoa. I giallorossi attraversano un momento estremamente positivo avendo vinto le ultime 3 gare contro Juventus, Atalanta e appunto Genoa. Un trittico di vittorie sicuramente poco prevedibile un mese fa e coinciso quasi del tutto con l’arrivo del nuovo allenatore sulla panchina. La cura Andreazzoli sta funzionando e l’allenatore toscano ha già precisato che non si sente “di passaggio” e mira alla riconferma anche per l’anno prossimo.

Dall’altra parte c’è un’Udinese che sta tentando di raddrizzare una stagione iniziata male, con l’eliminazione precoce in Champions League, e continuata peggio, almeno in campo europeo, con il disastroso girone di qualificazione in Europa League. In campionato i bianconeri ora si trovano in una posizione tranquilla di classifica e sono sgombbri da pensieri per tentare una rincorsa al treno europeo.

La partita inizia subito con una conclusione di destro di Totò Di Natale che però non sorprende Stekelenburg.

Al 19° c’è la prima grande occasione per la Roma. Florenzi si trova a tu per tu con Brkic dopo un calcio di punizione e si fa parare il tiro, mancando un gol ceh sembrava essere già fatto. Ma il pallone ribalza sulla traversa e viene spinto in porta da Lamela, 1.0 per i giallorossi al 21°.

37° Tiro di Basta che finisce abbondantemente fuori

41° Tiro di De Rossi svirgolato dopo un passaggio di Totti

43°  Ammonito Maicosuel per simulazione. Dal replay sembra fallo, ma il giocatore bianconero cade qualche secondo dopo.

46° Cartellino giallo per Totti per una gomitata ai danni di Danilo.

Termina il primo tempo, Udinese-Roma 0-1.

Leggi la cronaca del secondo tempo.

Il presidente del Kenya è Uhuru Kenyatta!

tuttacronaca-uhuru-kenyatta-852-6col

Uhuru Kenyatta e’ il nuovo presidente del Kenya. Lo ha annunciato ufficialmente la Commissione elettorale indipendente secondo la quale Kenyatta, figlio del primo presidente della storia postcoloniale del Paese, ha ottenuto il 50,07% delle preferenze. Il suo principale avversario, Raila Odinga, ha annunciato di voler fare ricorso contro il risultato alla Corte Suprema ma ha anche detto che intende rispettarne il verdetto.

Kenyatta, figlio di Jomo, il padre della patria che ottenne l’indipendenza del Kenya, è accusato dalla Corte penale internazionale dell’Aja di crimini contro l’umanità, per le violenze post elettorali verificatesi nel 2007.

Un rimedio universale: l’Olio Essenziale di Timo

olio-essenziale-di-timo - tuttacronaca

Antibatterico, antimicotico e antisettico, quest’olio può essere definito come un rimedio universale per i malanni più o meno blandi. Lo si può utilizzare per combattere diversi tipi di infezioni, da quelle che riguardano i bronchi e la gola a quelle che riguardano intestino e vie urinarie.Se estratto dal Timo Bianco gode anche di un notevole potere antisettico e si rivela un ottimo antiparassitario in grado di contrastare efficacemente funghi, micosi ed eczemi. L’olio essenziale di timo è anche un valido antidolorifico in grado di alleviare dolori come i crampi muscolari, l’infiammazione del nervo sciatico e i reumatismi. Vi si può far ricorso quando è necessario ripristinare le difese immunitarie, senza scordar le sue proprietà anticatarrali ed espettoranti che lo rendono un valido alleato nei casi di muchi e tosse grassa. Altre proprietà di quest’olio sono quelle diuretiche, stimolanti ed ipertensive. Quest’olio si presta anche a finalità cosmetiche per le sue proprietà astringenti, cicatrizzanti, toniche e antisettiche: è un toccasana per le pelli affette da acne, brufoli e dermatiti. In generale, esso purifica l’epidermide, la asciuga e lenisce i rossori. Non è da sottovalutare neppure il suo effetto benefico a livello cerebrale: ottimo ricostituente, manifesta i suoi effetti su memoria e concentrazione, oltre ad aiutare coloro che soffrono d’insonnia a dormire più serenamente e a liberarsi dalle angosce.

La posologia di quest’olio è correlata alla patologia per il quale lo si assume. In caso di di tosse, mal di gola e febbre, o in presenza di difficoltà di digestione se ne diluiscono due o tre gocce in un cucchiaino di miele e lo si assumere una volta al giorno fino alla risoluzione del problema. Se l’affezione interessa le vie respiratorie è consigliabile diffondere l’essenza nella stanza in cui si dimora. In caso di problemi legati alla cute sono invece indicati degli impacchi due volte al giorno ottenuti mescolando in una bacinella d’acqua cinque o sei gocce di olio essenziale di Timo Bianco. Per ritrovare energia dopo una goirnata particolarmente intensa, un bagno rivitalizzante è invece il rimedio più efficace: cinque o sei gocce nella vasca colma d’acqua calda saranno sufficenti per eliminare la stanchezza e ne beneficerà anche la pelle, che ne emergerà liscia e luminosa.

Una pietra che dona serenità: la Tormalina Azzurra!

tormalina azzurra - tuttacronaca

In generale, la tormalina cura e rinforza i sistemi corporei, bilancia il sistema endocrino, favorisce il sonno, rinforza e vitalizza sia corpo che mente, allontana la paura e le condizioni negative, oltre a portare concentrazione e ispirazione, esaltare sensitività e comprensione e ad aiutare a risolvere situazioni apparentemente senza via d’uscita. A questi doni, la tormalina azzurra somma le sue proprietà specifiche. Innanzitutto, questa pietra favorisce la respirazione: appoggiata sul 5° chakra, infatti, è di beneficio per i polmoni oltre che per laringe, trachea ed esofago. Inoltre, aiuta a prevenire le malattie linfatiche e combatte l’anemia. Se il suo colore è un indaco chiaro, stimola una cosciente e serena visione della realtà, aiuta a rilassarsi e favorisce un sonno riposante, oltre a donare pensieri positivi.

Da digestivo ad antipiretico: tutti i pregi della Genzianella!

genzianella - tuttacronaca

Questa pianta, utilizzata fin dall’antichità come rimedio curativo, vanta proprietà digestive, antianemiche, vermifughe, antipiretiche e antifermentative. Coadiuvente del funzionamento epatico, aiuta a risolvere patologie legate al fegato e, grazie alla sua capacità di stimolare la produzione di globuli bianchi, è in grado di accrescere le difese immunitarie dell’organismo. E’ utile anche in caso di febbre, visto che ha la capacità di far diminuire la temperatura corporea. Oltre a ripristinare il giusto equilibrio della flora batterica, godendo di una discreta quantità di acido tannico, questa pianta gode di effetti astringenti benefici per l’intestino. Inoltre la genziocaulina, principio che le conferisce il sapore amaro, ha effetti vermifughi, antipiretici e digestivi. Per godere degli effetti benefici della genzianella, oltre ad utilizzare le tinture, è possibile preparare una tisana con la parte interna dei fiori: ne bastano tre grammi lasciati in infusione per circa 20 minuti in una tazza d’acqua bollante. E’ preferibile assumerla prima dei pasti principali. Questa tisana è un toccasana per l’organismo in quanto lo stabilizza rinforzandolo, aiuta in caso di anemia, è consigliata ai pazienti convalescenti ed è un ottimo rimedio contro l’inappetenza. La sua assunzione è da evitare in caso di gravidanza o allattamento e in presenza di gastriti o ulcere.

Art Nails: The Color Purple!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Catena contro il nucleare! Parigi scende in piazza.

paris-fukushina-catena-umana-tuttacronaca-nucleare

Diverse migliaia di persone, 20mila secondo gli organizzatori, 4.000 per la polizia, sono scese in piazza oggi a Parigi per dire ”no al nucleare civile e militare” in Francia, a due anni dalla catastrofe di Fukushima in Giappone. Al grido ”Mai piu’ Fukushima”, i manifestanti, molti dei quali abbigliati con gilet giallo fluorescenti, si sono tenuti per mano, formando una catena umana che collegava il nord-ovest della capitale, dal quartiere della Defense al ministero dell’Economia a sud.

Il 15/3 tutti gli italiani al Parlamento!

tutatcronaca-m5s-palazzo_montecitorio

«Il 15 marzo per la prima seduta del Parlamento vorremmo arrivare tutti a piedi, partendo dal Colosseo. Venite con noi ad accompagnarci fino alla porta». Così il neo deputato del Movimento 5 Stelle, Simone Vignaroli, a una conferenza di attivisti del movimento a Roma annuncia l’iniziativa dei parlamentari M5S. Si cerca così di far partecipare le persone alla politica, di coinvolgerle in iniziative che possano far sentire meno distante il gap che in queti anni si è venuto a creare tra istituzioni e popolazione. Sicuramente l’iniziativa di  Vignaroli farà molto discutere e sarà tacciata di populismo gratuito, ma è meglio chi invita la popolazione o chi spende il finanziamento pubblico per comprarsi il salmone e beni di lusso?

Renzi spara su Bersani… via il finanziamento ai partiti!

matteo renzi-fabio fazio-che tempo che fa-finanziamento pubblico-tuttacronaca

“Se Bersani aggiunge l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, non fa un atto di demagogia ma di serietà”. E’ quanto ha affermato Matteo Renzi, intervistato da Fabio Fazio nella registrazione di ‘Che tempo che fa’ in onda questa sera su Raitre. “Si ristabilirebbe una sintonia con il Paese”, ha aggiunto.

Nei giorni scorsi il segretario, illustrando alla direzione del partito gli otto punti programmatici su cui spera di ottenere la convergenza del Movimento 5 Stelle per far nascere un “governo di scopo”, ha presentato una piattaforma con molti punti condivisibili dal M5S, a cominciare dal taglio dei costi della politica, ma sul finanziamento pubblico ai partiti ha mantenuto la sua impostazione. “Non sono disposto a discutere sul principio che la politica debba avere qualche forma di sostegno pubblico, altrimenti la politica la fanno solo ottimati e miliardari”, ha ribadito Bersani.

Del resto la prima reazione di Beppe Grillo alla piattaforma programmatica del leader democratico è stato sprezzante. Nel suo blog il fondatore del M5S ha sottolineato infatti come a suo avviso abbiano “più punti in comune tra loro Pd e Pdl di quanti ne abbiano Pd e Movimento 5 Stelle”. “Entrambi – citava tra gli altri Grillo – sono per i rimborsi elettorali”.

LO SCANDALO DEGLI F35… NON HANNO VISIBILITA’ POSTERIORE!!!

f35- fallimento-progetto-italia-crisi economica-tuttacronaca

Per il cacciabombardiere F-35 potrebbe essere la mazzata definitiva. C’è un nuovo rapporto del Pentagono secondo cui il jet da combattimento che dovrebbe equipaggiare anche l’Aeronautica italiana non funziona, e stavolta la bocciatura americana è più pesante di quella di qualche settimana fa, perché riguarda difetti strutturali e non problemi ordinari, di quelli che normalmente si scoprono e si risolvono nella fase di sviluppo di qualunque macchina. La critica all’F-35 è così radicale che il nuovo caccia viene definito per diversi aspetti peggiore dei velivoli più vecchi di decenni, che è destinato a sostituire.

L’F-35 viene prodotto dall’americana Lockheed Martin ma, come ormai è d’uso, lo si fabbrica nell’ambito di un’ampia collaborazione internazionale, che coinvolge anche l’Italia nello stabilimento di Cameri, in provincia di Novara. Ne esistono varie versioni, in particolare a decollo corto o verticale, pensate soprattutto per le portaerei, e a decollo normale per l’impiego da basi terrestri. Finora, i rapporti critici del Dipartimento della Difesa americano avevano coinvolto solo le varianti del primo tipo, mentre l’ultimo dossier le mette sotto accusa tutte.

La questione che aveva fatto rumore qualche tempo fa era la vulnerabilità dell’F-35 ai fulmini. Si era obiettato che il difetto c’è ma si può risolvere. Il nuovo rapporto invece cita, fra nuovi problemi, alcuni impossibili da eliminare, e in particolare la visibilità posteriore che risulta pessima e sarebbe molto penalizzante in un combattimento aereo. E non si dica che il problema non esiste, perché il pilota del terzo millennio non vede con gli occhi ma con gli strumenti elettronici: sull’F-35, dice il rapporto, fanno cilecca anche quelli, perché il display nel casco di volo non fornisce un orizzonte artificiale analogo a quello reale, a volte l’immagine è troppo scura o scompare, e il radar in alcuni voli di collaudo si è mostrato incapace di avvistare e inquadrare bersagli, o addirittura si è spento.

La tragica considerazione finale di questo rapporto del Pentagono è che in un futuro duello aereo l’F-35 verrebbe abbattuto dai vecchi caccia americani F-15, f-16 e F-18, che volano da 30 o 40 anni, dal pan-europeo Typhoon e dal Sukhoi 30 russo e dal J-10 cinese.

Ma non finisce qui perchè è stato riscontrato anche il problema della manutenzione che risulta troppo laborioso e limita l’efficienza operativa. Inoltre l’affidabilità tecnica generale lascia a desiderare e il dispositivo di carica delle batterie tende a non funzionare quando fa freddo, e, tanto per gradire, viene confermata la vulnerabilità dell’aereo ai fulmini.

E l’Italia ha investito 16 miliari di euro per la sola acquisizione, quindi a questa somma poi dovranno essere aggiunti i costi di gestione e manutenzione, più gli eventuali (che eventuali poi non sembrano data l’analisi del Pentagono) costi in caso di problemi tecnici e guasti.

ERA UNA SPESA INDISPENSABILE IN TEMPO DI CRISI ECONOMICA? CHI CI HA MANGIATO? CHI CI DOVRA’ MANGIARE? CHI CI DOVRA’ MORIRE SU QUESTI APPARECCHI CHE NON SONO SICURI E NEPPURE EFFICIENTI? POI PIANGEREMO I MORTI CHE SI POTEVANO EVITARE?

Svegliati!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

wake up- tuttacronaca

Svegliarsi non è mai semplice, ma c’è anche chi si diverte a renderlo ancora più traumatico! I filmati mostrano una sequenza dei peggiori  scherzi che circolano su YouTube ai danni dei poveri “belli o belle addormentate”!  Si va da quelli più innoqui a quelli in cui può venire davvero un infarto… il must è “ridiamoci su!”

 

Porno a rischio in Europa… il web si mobilita!

porno-parlamento ue- tuttacronaca

Porno a rischio in Europa, per la ‘Mozione per eliminare gli stereotipi di genere in Ue’, al vaglio del Parlamento dell’Unione. Ma il solo rischio che si possa arrivare un giorno a vietare il porno  ha provocato uno tsunami di proteste dei cittadini contro Bruxelles, con il Parlamento europeo costretto a mettere dei filtri alle sue caselle di posta elettronica perchè subissate da centinaia di migliaia di messaggi a difesa della libertà della Rete.

Tutto nasce da una risoluzione “non vincolante”, cioè una presa di posizione politica che quindi non ha alcun vincolo legislativo, che il Parlamento voterà martedì prossimo. La mozione “per eliminare gli stereotipi di genere in Ue” chiede agli Stati membri di fare ogni sforzo per eliminare la discriminazione delle donne dalla pubblicità e chiede il bando di ogni forma di pornografia dai media. E’ la seconda parte del documento a generare le proteste.

Preoccupati dalla libertà di diffondere contenuti in rete che con un simile bando verrebbe messa in discussione, migliaia di cittadini hanno scritto email di protesta ai parlamentari: oltre 600 mila in soli tre giorni, un vero ‘attacco’ iniziato giovedì scorso e che ha costretto il Parlamento ad innalzare le difese ‘filtrando’ le caselle di posta degli eurodeputati. La vicenda ha messo in allarme il Parlamento che, ammettendo confidenzialmente di aver scelto parole ‘poco felici’ e troppo generiche per la sua risoluzione, sta monitorando la situazione in vista di martedì, con il timore di attacchi hacker ai suoi siti web.

Vita da Daino… In the Wild!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Voli dirottati… vento troppo forte a Catania!

vento, catania, lametia, tuttacronaca

Il vento che all’improvviso aumenta la potenza ha costretto due aerei in atterraggio a Catania a essere dirottati all’aeroporto di Lamezia. Il fenomeno del “wind shear” ha colpito i voli U2 2847 di Easy Jet, in arrivo da Milano, l’ AZ 1741 di Alitalia, da Roma Fiumicino. Il fenomeno si è rapidamente esaurito e lo scalo di Fontanarossa è tornato alla piena operatività, con normali atterraggi già effettuati.

Se questa è la tv pubblica… aboliamola!

 the voice of italy-tuttacronaca

Escluso dal nuovo talent di Rai 2, “The Voice of Italy”, perché avrebbe la voce “troppo femminile”. Fa discutere la scelta dei giudici di penalizzare l’aspirante concorrente Francesco Zoffoli, cantante romano di 22 anni“. Fatale la scelta di interpretare “Don’t know why” di Norah Jones. All’inizio era stato scambiato per una donna. “E’ un uomo o una donna?”, chiede Noemi, uno dei “coach” del programma. L’interrogativo contagia gli altri. Nessuno dei quattro insegnanti che, da regolamento, in questa fase di provini, rivolge le spalle al candidato, senza poterlo vedere in faccia lo sceglie e, quindi, la sua esperienza nel nuovo programma può dirsi conclusa.

Sui social network è scoppiata la polemica. C’è chi parla di una vera e propria “discriminazione canora”. Così come non è piaciuto il commento di Piero Pelù, l’altro giudice-big, insieme a Raffaella Carrà e Riccardo Cocciante, che ha detto: “Hai una voce femminile e un aspetto fisico che non corrispondono alla tua anagrafe”. Francesco, per nulla imbarazzato, ha fatto spallucce, forse abituato a quel tipo di considerazioni.
“L’esclusione l’ho presa bene”, commenta il giorno dopo la puntata. Ma non nasconde di essere rimasto deluso per le motivazioni fornite dal quartetto di coach vocali: “Mi hanno fatto sorridere. Uomo, donna, voce o non voce. Alla fine il senso di The Voice è ‘la voce’ a prescindere da tutto”, fa notare. E prosegue, con un pizzico di polemica: “Se ne saranno dimenticati in quel momento. Di questo sono un po’ deluso. Credevo che qui si puntasse davvero sulla voce”. Di orientamento sessuale non vuol parlare: “Non c’entra nulla col programma”, taglia corto. In queste ore, comunque, sta ricevendo molti messaggi di incoraggiamento, da quanti hanno apprezzato la sua esibizione e lo avrebbero voluto vedere andare avanti.

Paghiamo il canone per vedere insultate le persone? Già programmi come talent show su una televisione pubblica, che dovrebbe anche avere il compito di educare, sono semplicemente scandalosi. Sono programmi  che istigano al giudizio, che condannano gratuitamente le persone e le umiliano davanti alel telecamere… emozioni forti? No, solo cattivo gusto!

Vedere oltre il fumo… ora è possibile!

fumo-soccorsi-ricerca-tuttacronaca

Visualizzare oggetti e figure umane in movimento, nascosti da un “muro” di fumo e fiamme diventa possibile grazie a una tecnica sviluppata nell’ambito di ricerche svolte presso l’Istituto Nazionale di Ottica (Ino-Cnr) di Firenze e Napoli. Pubblicata sulla rivista specializzata Optics Express. La ricerca ha catalizzato l’attenzione della comunità scientifica internazionale per le possibili applicazioni a supporto degli operatori che si trovino ad agire in scenari di emergenza: soccorritori, in particolare, e vigili del fuoco.

 “L’olografia digitale – spiega Eugenio Pugliese, uno dei ricercatori fiorentini coinvolti nel progetto – permette di ricostruire numericamente l’immagine di un oggetto a partire da una figura d’interferenza, detta ologramma, registrata su un supporto digitale con l’impiego di un fascio laser. Mentre con un fascio laser visibile questa tecnica permette di ottenere ologrammi di oggetti di piccole dimensioni, l’utilizzo di un laser nell’infrarosso rende possibile la visualizzazione di oggetti a dimensione umana in movimento”. Insomma, un occhio digitale in grado di vedere dove nessuno strumento è arrivato finora, e di distinguere dettagli in grado di salvare vite.
“Poichè in olografia digitale non si utilizzano lenti per la messa a fuoco, è possibile registrare ologrammi di oggetti posti dietro le fiamme senza che queste saturino il sensore, accecandolo”, prosegue Pugliese. Che spiega: “Come è noto con le normali termocamere è possibile vedere attraverso spesse coltri di fumo, anche in condizioni di buio totale, ma non è possibile individuare oggetti nascosti dietro un muro di fiamme poichè l’immagine del fuoco, creata dall’obiettivo sul sensore, lo satura rendendolo incapace di rivelare cosa c’è dietro”.

Gli articoli che fanno male al Pd? Quelli degli pseudo-intellettuali!

lettera-pd-intellettuali-tuttacronaca

”Quando il pdmenoelle chiama, l’intellettuale risponde. Sempre! In fila per sei con il resto di due”. E’ ironica – e si rifa’ anche ad una vecchia canzona di Giorgio Gaber – la risposta di Beppe Grillo all’appello di un gruppo di intellettuali su Repubblica a favore di un governo Pd.

QUI SOTTO TROVATE L’ARTICOLO DE LA REPUBBLICA!

Una grande occasione si apre, con la vostra vittoria alle elezioni, di cambiare dalle fondamenta il sistema politico in Italia e anche in Europa. Ma si apre ora, qui e subito. E si apre in questa democrazia, dove è sperabile che nessuna formazione raggiunga, da sola, il 100 per cento dei voti. Nessuno di noi può avere la certezza che l’occasione si ripresenti nel futuro.

Non potete aspettare di divenire ancora più forti (magari un partito-movimento unico) di quel che già siete, perché gli italiani che vi hanno votato vi hanno anche chiamato: esigono alcuni risultati molto concreti, nell’immediato, che concernano lo Stato di diritto e l’economia e l’Europa. Sappiamo che è difficile dare la fiducia a candidati premier e a governi che includono partiti che da quasi vent’anni hanno detto parole che non hanno mantenuto, consentito a politiche che non hanno restaurato ma disfatto la democrazia, accettato un’Europa interamente concentrata su un’austerità che – lo ricorda il Nobel Joseph Stiglitz – di fatto «è stata una strategia anti-crescita», distruttiva dell’Unione e dell’ideale che la fonda.

[chi ha detto che non può diventare più forte se è stato appena fatto un sondaggio ed è stato dimostrato che l’M5S è cresciuto del 5%? Inoltre le citazioni dotte come quella del Nobel Joseph Stiglitz sembra solo l’esibizione gratuita della propria cultura! E’ mai possibile che ci dobbiamo sempre far riconoscere per queste cadute di stile e per il nostri sfoggi di cultura? ]

Ma dire no a un governo che facesse propri alcuni punti fondamentali della vostra battaglia sarebbe a nostro avviso una forma di suicidio: gli orizzonti che avete aperto si chiuderebbero, non sappiamo per quanto tempo. Le speranze pure. Non otterremmo quelle misure di estrema urgenza che solo con una maggioranza che vi includa diventano possibili. Tra queste: una legge sul conflitto di interesse che impedisca a presenti e futuri padroni della televisione, della stampa o delle banche di entrare in politica; una legge elettorale maggioritaria con doppio turno alla francese; il dimezzamento dei parlamentari il più presto possibile e dei loro compensi subito; una Camera delle autonomie al posto del Senato, composta di rappresentanti delle regioni e dei comuni; la riduzione al minimo dei rimborsi statali ai partiti; una legge anti-corruzione e anti-evasione che riformi in senso restrittivo, anche aumentando le pene, la disciplina delle prescrizioni, bloccandole ad esempio al rinvio a giudizio; nuovi reati come autoriciclaggio, collusione mafiosa, e ripristino del falso in bilancio; ineleggibilità per condannati fin dal primo grado, che colpisca corruttori e corrotti e vieti loro l’ingresso in politica; un’operazione pulizia nelle regioni dove impera la mafia (Lombardia compresa); una confisca dei beni di provenienza non chiara; una tutela rigorosa del paesaggio e limiti netti alla cementificazione; un’abolizione delle province non parziale ma totale; diritti civili non negoziati con la Chiesa; riconsiderazione radicale dei costi e benefici delle opere pubbliche più contestate come la Tav. E vista l’emergenza povertà e la fuga dei cervelli: più fondi a scuola pubblica e a ricerca, reddito di cittadinanza, Non per ultimo: un bilancio europeo per la crescita e per gli investimenti su territorio, energia, ricerca, gestito da un governo europeo sotto il controllo del Parlamento europeo (non il bilancio ignominiosamente decurtato dagli avvocati dell’austerità nel vertice europeo del 7-8 febbraio).

[La riduzione del finanziamento pubblico ai partiti è una vergogna che non dovrebbe stare sulla bocca di un partito che eredita la tradizione partigiana, che abolisce, in teoria, ogni forma di casta e che dovrebbe pensare ai ceti più poveri. Con la scusa di uan politica aperta a tutti tramite il finanziamento pubblico abbiamo ottenuto solo corruzione e concussione! Chi vuole entrare in politica e non ha i mezzi può rivolgersi sempre agli sponsor. Ma con la mentalità del Pd degli ultimi anni, entra in politica solo chi ha il “Bersani-pensiero” e si inginocchia davanti al Dittatore che impedisce primarie “pulite” facendo fuori un possibile avversario, salvo richiamarlo quando ormai si è perso tutto anche cioè che non si credeva possibile perdere]

Non sappiamo quale possa essere la via che vi permetta di dire sì a questi punti di programma consentendo la formazione del nuovo governo che decida di attuarli, e al tempo stesso di non contraddire la vostra vocazione. Nella giunta parlamentare si può fin da subito dar seguito alla richiesta di ineleggibilità di Berlusconi, firmata da ormai 150.000 persone : la fiducia può essere condizionata alla volontà effettiva di darvi seguito. Quel che sappiamo, è che per la prima volta nei paesi industrializzati e in Europa, un movimento di indignati entra in Parlamento, che un’Azione Popolare diventa possibile. Oggi ha inizio una vostra marcia attraverso le istituzioni, che cambieranno solo se voi non fuggirete in attesa di giorni migliori, o peggiori. Se ci aiuterete a liberarci ora, subito, dell’era Berlusconi: un imprenditore che secondo la legge non avrebbe nemmeno dovuto metter piedi in Parlamento e tanto meno a Palazzo Chigi.

Avete detto: «Lo Stato siamo noi». Avete svegliato in Italia una cittadinanza che vuole essere attiva e contare, non più delegando ai partiti tradizionali le proprie aspirazioni. Vale per voi, per noi tutti, la parola con cui questa cittadinanza attiva si è alzata e ha cominciato a camminare, nell’era Berlusconi: «Se non ora, quando?»

[tutto il resto son chiacchiere!]

Firmato da:

Remo Bodei – filosofo che insegna a Ucla. Classe 1938.
Roberta De Monticelli – filosofa. Classe 1952
Tomaso Montanari – Storia dell’arte moderna. Classe 1971.
Antonio Padoa-Schioppa -Storico italiano e giurista- Classe 1937
Salvatore Settis – Archeologo e storico dell’arte italiano. Classe 1941
Barbara Spinelli – giornalista e scrittrice italiana. Classe 1941

Cioè persone che stanno a contemplare la grotta di Platone mentre le persone muoiono di fame?

Batterio killer nel salame… gravi due bimbi, 18 mesi e 7 anni!

salame- batterio-tuttacronaca

Sono in fin di vita due bambini di 18 mesi e 7 anni nel trevigiano. I piccoli avrebbero mangiato del salame troppo fresco e ingerito un micidiale batterio, l’Escherichia coli, che ha provocato loro una grave insufficienza renale. L’occasione era la “macellazione” del maiale organizzata da due famiglie. Poche ore dopo aver mangiato l’insaccato hanno iniziato a star male, con violenti attacchi di dissenteria. Il malessere è via via aumentato, tanto che i genitori hanno deciso di portarli in ospedale a Treviso. Terribile la diagnosi: il batterio aveva attaccato l’apparato urinario compremettendo i reni. Ora i due bambini sono sottoposti a dialisi. Le loro condizioni, stando ai primi bollettini medici, sono molto gravi.
Il batterio Escherichia coli è presente nell’intestino di numerosi animali, tra i quali l’uomo, perché aiuta la digestione. Ma in alcuni casi si trasforma in un batterio killer. Attacca le vie urinarie, distrugge i reni o causa la meningite. Per prevenire infezioni è necessario cuocere bene i cibi.

Darth Vader ascende al cielo!

Darth Vader-canberra- tuttacronaca-mongolfiere

A forma di tartaruga, di pennuto o raffigurante la maschera di Darth Vader. Sono le fantasiose mongolfiere che fino al 17 Marzo ogni mattina coloreranno i cieli di Canberra, capitale dell’Australia, in occasione del Festival Annuale che quest’anno coincide con le celebrazioni per il centenario della città.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Traffico bloccato causa… LEGO!

lego-strada-tutatcronaca

Restare in fila a causa dei mattoncini di LEGO!  Sull’interstatale 79, non troppo lontano da Clarksburg, West Virginia, la strada è stata bloccata da un rovesciamento di mattoncini LEGO che si sono sparsi a terra. A quanto pare, sopra una macchina che stava percorrendo l’interstatale, c’era una cesta piena di mattoncini di plastica legata al tettino: improvvisamente, la cintura che teneva ferma la cassa contenente i giocattoli si slacciò seminando a terra i piccoli laterizi colorati. Per ripulire la strada c’è voluto un po’ di tempo e la polizia ha dovuto bloccare una corsia, causando inevitabili rallentamenti.

A quanto pare, i LEGO appartenevano al figlio undicenne della signora Tiffany Lantz, la quale si è assunta la colpa di questo disguido. Giustificandosi, la donna ha affermato di essersi accorta immediatamente di ciò che era successo, così, scesa in fretta e furia dall’auto, ha cercato di raccogliere quanti più mattoncini possibili. Suo figlio piangeva perché sapeva che non avrebbero potuto permettersi economicamente di ricomprare i LEGO. Per la signora soltanto un avvertimento, senza alcun tipo di conseguenza penale

Morto Trevisan… si sarebbe potuto fare di più?

silvano-trevisan-tutatcronaca

Sarebbe stato ucciso Silvano Trevisan, l’ingegnere italiano sequestrato in Nigeria insieme ad altri sei colleghi lo scorso 18 febbraio. L’annuncio è stato dato dai rapitori, fondamentalisti islamici appartenenti al gruppo Ansaru. La Farnesina sta «facendo le verifiche». «L’unità di crisi -aggiungono fonti della Farnesina- è al lavoro con tutte le strutture dello stato coinvolte».

La società di costruzioni e ingegneria civile presa di mira a Jama è la libanese Setraco. Altre vicende simili, negli anni scorsi, si erano concluse nel sangue. Tre persone rapite nella Nigeria settentrionale – un britannico e l’italiano Franco Lamolinara nel 2011 e un tedesco nel 2012 – erano state tutte uccise durante blitz delle forze di sicurezza locali e straniere che tentavano di liberarle. Intanto, nel Paese, prosegue l’offensiva contro gli islamisti.

L’esercito nigeriano ha annunciato di avere condotto un’ operazione a Maiduguri, roccaforte della setta islamica dei Boko Haram nel nord-est della Nigeria, nel corso della quale sono stati uccisi una ventina di presunti militanti del gruppo fondamentalista, oltre a due soldati.

Ieri «abbiamo assaltato una zona a Maiduguri dove si trovavano uomini dei Boko Haram – ha affermato Sagir Musa, portavoce dell’esercito nigeriano -. Dopo vari scambi di colpi di arma da fuoco sono morti una ventina» di militanti e «noi abbiamo perso due soldati, mentre altri tre sono rimasti feriti». La stessa fonte ha riferito di avere arrestato 25 terroristi dei Boko Haram.

Altre fonti hanno poi fatto sapere di avere udito diverse esplosioni ieri a Maiduguri, in concomitanza con la partenza del presidente Goodluck Jonathan, che ha effettuato una visita di 48 ore in quest’area del Paese, la prima dalla sua elezione nel 2011. I locali non hanno però fatto sapere se nelle esplosioni vi siano state delle vittime.

Il tempio di Bangkok e l’elefante 3d!

elephant- 3d- tuttacronaca-bangkok

L’artista olandese Remko Van Schaik, famoso per i suoi dipinti 3D, ha realizzato a Bangkok, davanti a un tempio, un elefante immerso nell’acqua che si bagna. L’opera è stata realizzata nell’ambito della campagna di sensibilizzazione sulle specie a rischio e ha subito riscosso un enorme successo.

Il nuovo look di Facebook? Solo per fidelizzare la pubblicità!

facebook-new -feed-tuttacronaca

Facebook e la sua faccia nuova, ma di sicuro non pulita! Il social network più famoso al mondo ridisegna il ‘news feed’, il flusso di aggiornamenti che ogni utente riceve dai propri “amici”, per fidelizzare ancora di più i visitatori del social network e aumentare l’appeal per gli inserzionisti pubblicitari.

Facebook vuole rendere il ‘feed’, la prima pagina che l’utente apre una volta effettuato l’accesso, più rilevante, interessante da un punto di vista visivo e con varie parti correlate le une alle altre. “Stiamo cercando di dare alle persone il migliore giornale personalizzato possibile”, ha detto l’amministratore delegato Mark Zuckerberg, durante un evento al quartier generale di Menlo park. Mentre Mark Zuckerberg, conia anche un nuovo motto “condividere tutto con tutti”!

In realtà sembra solo  l’ennesimo tentativo di Facebook di capire i gusti personali e poi rivederli alle aziende. Capire i gusti musicali, avere dei veri e propri gruppi già formati, con amici e amici di amici che parlano dell’ultimo video virale o del singolo del cantante appena uscito. Vedere cosa mangiamo a pranzo e che leggiamo prima di addormentarci. Quello che indossiamo e a cosa aspiriamo. E-bay, shopping on line e pizza a domicilio. Tutto emerge dalle nostre foto, frasi e video che postiamo sul “grande fratello” Una campionatura che è meglio di un indice Istat, meglio di qualsiasi statistica. I dati sono lì a portata delle aziende che analizzanno i nostri gusti e ci preparano il prodotto proprio secondo i nostri desideri… salvo il prezzo! Insomma siamo in vendita, ma i soldi li prende solo Facebook!

Sarah tra festini e strip, bugie o verità nascoste?

sarah- scazzi- avetrana-sms-ivano-russo-sabrina - messeri

Un nuovo inquietante particolare emerge nel processo Scazzi che se confermato aprirebbe la strada a un nuovo filone d’indagine. Sembrerebbe che Sarah qualche giorno prima della sua morte, sia stata portata dalla cugina, Sabrina Misseri, a una festa in una località chiamata il Villino. Qui le due ragazze avrebbero preso parte a una festa a base di droga e alcol. Alcune indiscrezioni parlano anche di possibili striptease. Qui Sarah, ancora minorenne, avrebbe visto Sabrina in alcuni atteggiamenti provocanti. Si suppone che nella lite avuta nel giorno della morte di Sarah, la quindicenne possa aver minacciato al cugina di raccontare a tutti quello che era successo pochi giorni prima. Questo avrebbe innescato la follia omicida di Sabrina, che improvvisamente avrebbe perso la sua aurea da “brava ragazza” con l’intero paese.

In merito a queste indiscrezioni Ivano Russo, che si ritiene fosse presente anche a questi festini, è intervenuto nella trasmissione a “Quarto Grado” smentendo ogni tipo di party a luci rosse. “Il mio gruppo… quello che facevamo è andare in birreria, scherzare… ma non abbiamo mai frequentato festini scabrosi, non è mai accaduto…”, così si è difeso il ragazzo.

Ma c’è invece chi conferma la prima ipotesi: gelosia! Quel sentimento così ancestrale che era divampato dopo che la cugina era diventata un’adolescente e non più una bambina. Sarah che si era innamorata di Ivano, quel ragazzo che per Sabrina era “l’universo intorno al quale ruotare”.  Sarah aveva rivelato a suo fratello, Claudio di un rapporto sessuale infelice tra Sabrina e Ivano e quel pettegolezzo era dilagato tra gli amici, «e aveva determinato la rottura dei rapporti». Da quel punto in poi Sabrina era impazzita di rabbia e di dolore, quando Ivano aveva messo la parola fine al loro già fallimentare rapporto di coppia.

Quello che resta sono gli sms tra Sabrina e Ivano, sms che mostrano come quella relazione andasse oltre al sesso. Che quel sentimento, sicuramente non ricambiato da Ivano, fosse una vera e propria ossessione per quella “fragile e insicura Sabrina” tanto da trasformarla in carnefice senza pietà.

Una ricostruzione, quella della Procura, dunque basata su alcuni sms spinti scambiati proprio tra Sabrina e Ivano… Ma lui non è d’accordo con l’iterpretazione che ne è stata data. “Se queste cose sono nate dai messaggi letti in tribunale stiamo tornando l’assurdo… Ritorno a dire, Claudio Scazzi ha frequentato qulla compagnia, sennò se c’era qualcosa di strano non l’avrebbe fatto… Coppiette? non sapevano cosa fare scherzavano in questa maniera”. Oggi Ivano chi è? “Sono un papà che cerca di sistemarsi e vivere vita tranquillamente”.

Nessun impedimento… ma Berlusconi resta in ospedale!

berlusconi-processo- ruby-leggittimo-impedimento- tuttacronaca

LA VISITA FISCALE

Si è conclusa la visita fiscale disposta dai giudici della Corte d’appello di Milano nei confronti di Silvio Berlusconi imputato al processo Mediaset. La Corte, che aveva sospeso l’udienza, ha dato appuntamento alle parti in aula non prima delle 13:30. «Non sussiste un impedimento alla partecipazione» all’udienza di oggi di Silvio Berlusconi, imputato al processo Mediaset. È questo l’esito della visita fiscale disposta dai giudici della corte d’appello. Il processo prosegue.

IL MEDICO DEL SAN RAFFAELE

«Confermo che il presidente Berlusconi è affetto da uveite bilaterale. Il quadro appare solo parzialmente migliorato rispetto al momento in cui ieri mattina è stato deciso di trattenerlo in ospedale. A noi appare opportuno che resti ricoverato. Io lo tratterei almeno fino a domani». A dichiararlo è Francesco Bandello, primario di Oculistica e Oftalmologia dell’ospedale San Raffaele di Milano. Bandello spiega che «permangono nell’occhio sinistro numerose aderenze tra iride cristalloide anteriore che, solo molto parzialmente, hanno ceduto con la terapia midriatica e antinfiammatoria topica e sistemica in corso. Persiste dunque la necessità di proseguire con una terapia scrupolosa e un assiduo monitoraggio che dia garanzia di poter valutare adeguatamente l’evoluzione della situazione clinica». Rispondendo alle domande dei giornalisti Bandello ha precisato che «nessun altro paziente è ricoverato in questo momento nel reparto per uveite». Il primario ha anche confermato che «la visita fiscale è stata eseguita». Quanto alla durata del ricovero Bandello precisa che «dipenderà dalle sue condizioni. Ma io lo tratterrei almeno fino a domani».

SFIDA ALLA COSTITUZIONE

“Qualsiasi generalizzazione, qualsiasi attacco alla magistratura, idea di manifestazioni dirette contro di essa costituiscono una sfida a principi che sono fondamento della nostra Costituzione e delle democrazie mature”. Così il presidente dell’Anm Rodolfo Maria Sabelli sulle posizioni espresse da Berlusconi sulla giustizia. Sabelli, a margine di un incontro a Catania promosso da Unità per la Costituzione, ha sottolineato che “il principio di autonomia e di indipendenza della magistratura è non soltanto uno dei principi fondamentali ai quali si ispira l’azione dell’Anm, ma – ha osservato – è uno dei principi fondamentali della nostra Costituzione e, aggiungerei, di qualsiasi sistema democratico maturo”. “Noi difendiamo e difenderemo sempre questi principi – ha aggiunto il presidente dell’Associazione nazionale magistrati – che non sono fine a sé stessi. Non difendiamo dei privilegi della magistratura: sono delle realizzazioni, dei principi strettamente collegati al principio di eguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge”.

Viva per miracolo! Appena nata per 14 minuti resta senza battito cardiaco

jasmine-Jill Aitken-tuttacronaca

Jasmine, una bambina inglese di otto mesi, è viva per miracolo. Era appena venuta al mondo e già rischiava di morire a causa di un problema al cuore. Per 14 minuti è stata senza battito cardiaco e i medici erano convinti che non sarebbe sopravvissuta. La madre, Jill Aitken, era entrata in travaglio dopo 26 settimane temendo di perdere il suo bambino ed è stata costretta a sottoporsi a una trasfusione di sangue di emergenza. Due mesi prima di rimanere nuovamente incinta aveva subito già un aborto spontaneo e la piccola Jasmine è nata prematura. Appena nata, i medici hanno cercato di rianimarla. “Ho chiesto a un medico – racconta la madre al Daily Mail – se ce l’avrebbe fatta, ma non ha saputo rispondermi”. Alla piccola ha dato il nome di “dono di Dio”.

Lo sguardo di Michelangelo!

antonioni-mostra-centenario- tuttacronaca

Non solo regista ma artista completo: pittore, scrittore e capace di far dialogare nel suo cinema diversi linguaggi. Così, nel centenario della nascita, Ferrara vede «Lo sguardo di Michelangelo». Antonioni e le arti, una mostra a Palazzo dei Diamanti, dal 10 marzo al 9 giugno, riaperto dopo il sisma dell’Emilia. Curata da Dominique Paini, è tratta dai suoi oltre 47.000 pezzi donati al Comune: film, libri, dischi, foto, sceneggiature, oggetti, documenti rari, lettere, quadri che lo influenzarono.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: