“La televisione crea l’oblio, …

televisione-tuttacronaca…il cinema ha sempre creato dei ricordi”

-Jean-Luc Godard- 

Il mulino diventerà arcobaleno? Marcia indietro di Barilla

mulino_bianco-gay-guido-barilla-tuttacronaca

Alla fine le scuse sono arrivate. Dopo che tutto il mondo si era indignato per le parole di Guido Barilla sui gay, l’imprenditore ha dovuto fare marcia indietro. Ha postato quindi un video su Facebook in italiano e in inglese (soprattutto per il pubblico internazionale dove il consumo dei prodotti Barilla è da sempre sinonimo di made in Italy, ieri sentire quelle parole era stato uno shock soprattutto nei paesi anglofoni). Nel messaggio Guido Barilla ha dichiarato: ”E’ chiaro che ho molto da imparare dal dibattito in corso sull’ evoluzione della famiglia: ho sentito le numerose reazioni in tutto il mondo alle mie parole che mi hanno rattristato e depresso”.

”Nella mia vita – sottolinea Barilla – ho avuto rispetto nei confronti di tutte le persone che ho incontrato, inclusi i gay e le loro famiglie, senza alcuna distinzione”.

Precisa poi di non aver mai discriminato nessuno. ”Ho sentito le innumerevoli reazioni alle mie parole in tutto il mondo, e mi hanno reso molto triste . E’ chiaro che ho molto da imparare sul vivace dibattito sull’evoluzione della famiglia”.

Per questo, ha affermato che nelle prossime settimane incontrerà alcuni “membri dei gruppi che rappresentano nel modo migliore l’evoluzione della famiglia, inclusi coloro che ho offeso con le mie parole”.

La storica telefonata: lo squillo tra Usa e Iran arriva dopo 34 anni!

obama-rohani-telefonata-tuttacronaca

Barack Obama ha telefonato a Hassan Rouhani. Una telefonata storica. I rapporti tra Usa e Iran erano bloccati dal 1979. Nella telefonata poi i due hanno auspicato di trovare insieme soluzioni sul nucleare. Dopo la telefonata è arrivato il Twitter di Hassan Rouhani che ringraziava il suo omologo statunitense e mostrava la sua gratitudine per “l’ospitalità e per la telefonata”.

https://twitter.com/HassanRouhani/status/383677581586755585

Obama scherzando si è anche scusato con Rouhani per il traffico di New York, infatti il premier iraniano si trovava nella città americana per partecipare all’incontro all’Onu sul nucleare.

Obama ha confermato il colloquio: “Quella con il presidente iraniano Hasan Rohani è stata la prima comunicazione tra i nostri due Paesi dal 1979: è indicazione che stiamo andando verso il superamento delle difficoltà affrontate nel corso della storia. Credo ci siano le basi per una soluzione” della questione del nucleare.

 

La storia della dodicenne uccisa, che sconvolge la Spagna

Asunta Basterra-tuttacronaca

Ore di shock per la Spagna dove è stata arrestata la madre adottiva di Asunta Basterra, la dodicenne trovata morta a Santiago lunedì scorso. Inoltre nelle ultime ore sarebbe emerso un particolare raccapricciante. A luglio la ragazzina avrebbe rivelato a un insegnante di musica che sua madre voleva ucciderla. La ragazzina quel 16 luglio sarebbe arrivata all’accademia di musica privata che frequentava confusa e e stordita. La dodicenne faceva anche fatica a parlare, ma avrebbe rivelato a un insegnate che la madre, Rosario Porto l’aveva imbottita di farmaci per ucciderla. Gli insegnanti ne avrebbero parlato anche con il padre, il giornalista Alfonso Basterra. La cosa però sarebbe finita così. Ora la Spagna è sotto shock e i due professori sarebbero distrutti dal dolore, in colpa per non aver denunciato il fatto quando Asunta era ancora viva.

Secondo una prima ricostruzione la ragazzina sarebbe stata soffocata domenica notte. Il corpo poi è stato rinvenuto il giorno seguente in un bosco di Cacheiras, una località vicina a Santiago, dove la donna possiede un casolare. La donna aveva denunciato sabato sera la scomparsa della bambina, sostenendo di essere uscita nel pomeriggio per fare la spesa e di non averla trovata al suo rientro. La sua versione, ribadita al magistrato, non ha però convinto gli investigatori che avevano trovato una corda simile a quella usata per strangolare la piccola nel casolare. Inoltre dai primi esami medici effettuati sul corpo della bambina, hanno riscontrato tracce di un sonnifero usato della madre e presumibilmente utilizzato per stordire la piccola. Le forze dell’ordine non trovando corrispondenza neppure nella deposizione del padre, separato dalla moglie da anni, avrebbero deciso di arrestare anche lui. Entrambi i genitori adottivi si sono dichiarati innocenti.

Come mai Asunta è stata uccisa? Una delle ipotesi è quella dell’eredità che i nonni materni avevano lasciato alla nipote. I genitori infatti avevano difficoltà economiche e non riuscivano, ultimamente neppure a pagare le bollette. Ora si indaga anche sulla morte dei nonni morti a poca distanza l’uno dall’altro.

La linea calda di Napolitano: la Merkel chiede il voto subito

merkel-napolitano-tuttacronaca

“In Italia è meglio votare subito”, secondo Dagospia, lo avrebbe detto Angela Merkel in una telefonata a Napolitano. Sembra proprio che Berlino sia stanco della debolezza del governo Letta e che chieda all’Italia quindi di tornare alle urne e costituire una maggioranza solida. Ma torneremo a  votare con il porcellum? Sempre secondo Dagospia, il piano della Merkel sarebbe chiaro: prima la decadenza di berlusconi e poi le urne. A quel punto, in vista dell’europee, far uscire Forza Italia dal Ppe. Ma chi vorrebbe la Merkel come premier italiano? Ancora una volta Dagospia non ha dubbi e individua il nome in quello del sindaco di Firenze. Insomma un asse Berlino-Roma con una Merkel che tifa Matteo Renzi. Forse le dichiarazioni di Dagospia sono un po’ “sui generis”, ma in politica alla fine tutto è possibile. Sulla strada delle elezioni tuttavia ci sarebbe Napolitano che non vuole sciogliere le Camere e Enrico Letta sarebbe contrario a lasciare Palazzo Chigi. Poi sembrerebbe che la data per le elezioni Napolitano l’abbia già pensata: non prima del 2015. La linea è calda e tra consigli e pareri chissà se qualcosa si concretizzerà nelle prossime ore?

 

Quegli strani movimenti in classe… 16enne arrestato per droga

scuola_droga-tuttacronacaAd Aprilia, in provincia di Latina, a seguito di un controllo all’interno dell’istituto Rosselli, avvenuto su segnalazione di un insegnante che aveva notato un movimento sospetto legato a un portasigarette in metallo, i carabinieri hanno arrestato uno studente 16enne. Il docente aveva chiesto che gli fosse consegnato il pacchetto, ma dei ragazzi l’hanno fatto cadere a terra. A quel punto ha capito che qualcosa non quadrava e per questo ha richiesto l’intervento dei militari che hanno chiesto chi normalmente utilizzasse il banco sotto al quale si trovavano 3,2 grammi di marijuana. Dopo che una perquisizione personale degli studenti ha dato esito negativo, da prassi hanno esteso i controlli alle abitazioni. In quella del 16enne sono stati rinvenuti altri 103 grammi di marijuana e un bilancino elettronico di precisione. Oltre al materiale per il confezionamento delle dosi, hanno trovato anche 85 euro in contanti. Segnalato il caso alla Procura presso il Tribunale per minori di Roma, si è proceduto all’arresto del giovane.

I toni della politica che l’Italia non merita

Picierno-video-vaffa-m5s-tuttacronaca

Tempo fa era stato Schifani ad alzare il dito medio verso gli italiani, poi di toni politicamente “sbagliati” ce ne sono stati molti. Dalle magliette ai finocchi in aula si è veramente visto di tutto. Oggi c’è stato l’ultimo “Va**a” pronunciato da Pina Picierno (Pd) che in un concitato discorso in Aula elencando le presunte parentele del M5S ha allontanato il microfono prima di pronunciare una parola che forse, in un periodo davvero drammatico della storia politica italiana, fa ancora più male ai cittadini. Sacrifici sono stati chiesti e sono stati fatti dai cittadini che continuano a dover subire la violenza verbale che si scambiano in Aula i rappresentati eletti dal popolo sovrano.

 

Discount che vai, promozione che trovi…

guerra-discount-tuttacronacaLa crisi economica ha portato sempre più famiglie a spingere il carrello lungo le corsie dei discount. Per assicurarsi il massimo numero di clienti possibili, ora anche questi negozi sono entrati in competizione tra loro, a suon di promozioni. Ecco che in cerca di nuove idee accattivanti, l’Eurospin ha deciso di regalare, per ogni 25 euro di spesa, un biglietto per vincere la ‘Casa dei tuoi sogni’, ovvero un’abitazione da 200mila euro, acquistabile sul territorio italiano. E per chi non riuscisse ad accaparrarsi il premio, può sempre sperare in una crociera nel Mediterraneo o in buoni acquisto. La risposta di Lidl non si è fatta attendere. La catena ha infatti indetto un concorso e chi indovinerà il valore di un carrello virtuale potrà portarsi a casa la spesa gratis per 20 anni. Da cosa saranno più tentati gli italiani?

Booom! Salta il rinvio dell’Iva.

iva-salta-manovra-tuttacronaca

Il primo chiarimento c’è stato ed è stato uno stop al rinvio dell’Iva a gennaio e ridurre il deficit. Secondo quanto riferito da una fonte governativa: “Non ci sono le condizioni”. Per l’approvazione del dl bisognerà quindi attendere il chiarimento in Parlamento sulla tenuta del governo che il premier Enrico Letta ha intenzione di chiedere nei prossimi giorni. Se il governo non supererà la prova, l’Iva e l’Imu piomberanno sulle spalle degli italiani. Ma in Cdm sembra anche che si sia parlato di  giustizia. Sarebbe stato il vice premier, Angelino Alfano ad aprire il dibattito: “Non vogliamo chiarimenti che servono per tirare a campare: il governo va avanti se centra gli obiettivi. Occorre mettere la giustizia dentro il chiarimento. Senza questo sarebbe ipocrita”, avrebbe detto nel corso del Cdm per poi aggiungere “Il governo l’ha voluto il Pdl e il Pdl non si fa scaricare le responsabilità di un’eventuale crisi”.

Roma-Napoli diventerà Napoli-Roma?

san-paolo-tuttacronaca

Inversione di campo questa l’ipotesi più probabile per far disputare Roma Napoli che diventerebbe Napoli Roma, questa è la soluzione alla quale si sta lavorando nelle ultime ore nella Lega di serie A. Questo per evitare problemi di ordine pubblico a Roma dove il 19 ottobre è prevista la manifestazione dei No Tav. D’altra parte fino a dicembre non ci sarebbero altre finestre disponibili ed entrambe le società hanno fatto sapere che non gradirebbero un lungo posticipo.

Drammatica esplosione a Parigi: tre morti e un disperso

esplosione-parigi-tuttacronacaUna violenta esplosione ha scosso oggi il centro di Parigi, a causa di un incidente che ha visto coinvolti degli operai al lavoro in un deposito di carburante nel piano interrato in rue d’Enghien nel decimo arrondissement della capitale francese. Il bilancio è di tre morti e un disperso e le forze dell’ordine proseguono le ricerche tra le macerie. Sul luogo dell’esplosione si è recato il ministro dell’Interno, Manuel Valls mentre si è provveduto a evacuare il palazzo.

Trovato un fungo… da record! Oltre 80 kg

fungo-pergola-tuttacronaca“La stagione comincia bene perché siamo alle porte della Fiera nazionale del tartufo bianco pregiato e dei prodotti tipici, tra cui proprio i funghi”. E’ questo il commento entusiasta del sindaco di Pergola, comune della provincia di Pesaro e Urbino dopo il ritrovamento di un fungo enorme, un Grifola Gigantea, commestibile, scoperto dai membri dell’associazione micologica Valcesano. Continua il primo cittadino: “Io ho misurato il fungo nel bosco ed è lungo 2 metri e 20 per un metro e 40 di larghezza. Poi è stato asportato con molta cura e pesato. Risulta pesante circa 82 chili. Ora faremo i dovuti studi per capire se alle sue dimensioni e al suo peso possano essere riconosciuti dei primati”. Ecco che l’incredibile ritrovamento farà bella mostra di sè in occasione della fiera, che inizia il 6 ottobre, accanto ai bronzi di Cartoceto e Pergola, un eccezionale gruppo scultoreo in bronzo di età romana.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Si spezzano i fili per salvare Telecom… governo diviso!

telecom-italia-pd-pdl-tuttacronaca

Si spezzano i fili per salvare Telecom. Con la crisi in corso sembra che il piano per salvare Telecom da Telefonica sia ormai lontano. Il Pdl ha già attaccato le misure pensate da Palazzo Chigi per bloccare la scalata. Prima è intervenuto il capogruppo Renato Brunetta, sparando ad alzo zero sulla “golden share”, i poteri speciali che il consiglio dei ministri dovrebbe riconoscere a breve al Tesoro, accusando il governo di voler far cessare “la certezza del diritto”. Poi Antonio Catricalà ha dato il colpo di grazia e ha minato il progetto di revisione delle norme sull’Opa, cioè sulle offerte pubbliche di acquisto, affermando che le modifiche  sono “possibili ma non probabili”. Cosa propone Catricalà? Praticamente di consegnare agli spagnoli Telecom poiché l’alternativa sarebbe quella dello scorporo “volontario” della rete, da rendere obbligatorio solo nel caso in cui la società non procedesse.

Alla fine Bernabé si arrende e si fanno insistenti le voci secondo cui il presidente di Telecom Italia starebbe trattando la buonuscita. Le dimissioni potrebbero essere messe sul tavolo del consiglio di amministrazione di giovedì prossimo. La decisione sarebbe giustificata con la volontà di non creare spaccature all’interno dello stesso board sull’offerta di Telefonica.

 

Governo Letta: attenzione, fragile!

larghe-intese-fragilità-tuttacronacaE’ andato male l’incontro a palazzo Chigi tra Letta e Alfano, con il premier che ha detto no a ogni ipotesi di rinvio alla Corte costituzionale della legge Severino e ora ha deciso di accelerare per poi poter parlare con chiarezza con Napolitano: va valutata la modalità di una crisi che sembra sempre più inevitabile. Quello che ha chiesto al proprio vice, dopo l’umiliazione di trovarsi in America a sponsorizzare il programma Destinazione Italia mentre dal suo Paese arrivavano i ricatti del Pdl, è stato un chiarimento vero “senza se e senza ma”. Nessuna fiducia per poi ripartire con il balletto delle dimissioni, in poche parole. L’ultimatum ora è lui a porlo, in occasione del Consiglio dei ministri: se si esce con dei provvedimenti, significa che si va avanti, altrimenti la responsabilità della crisi se la devono assumere loro, da subito. La crisi si è materializzata sulla questione della decadenza di Berlusconi che si è materializzata la crisi. Alfano, che cerca un appiglio per tentare a frenare Berlusconi, prova l’ennesimo cambio di rotta: “Separiamo i piani – lo schema del vicepremier – se convinci il Pd a rinviare alla consulta la Severino o a votare una legge interpretativa che rallenti, noi votiamo la fiducia e prendiamo tempo”. Ma di tempo non ce n’è più: la sentenza per l’interdizione sta per arrivare da Milano e il Pd ha già i suoi grattacampi in casa. Dall’altro lato c’è Letta che ha spiegato: “Questa volta non si può far finta di niente e ognuno si assumerà le sue responsabilità di fronte al Parlamento e al paese”. In programma per martedì prossimo ha intenzione di proporre in Aula un patto di legislatura fino a dopo il semestre europeo, dettagliato nelle priorità economiche e rivendicando la necessità delle riforme. E la verifica viene prima del tema della decadenza. Nel frattempo fermento c’è stato anche a palazzo Grazioli, dove Berlusconi si è incontrato con Alfano e i capigruppo e ha tenuto a ribadire la sua linea dura. Del resto si è già pronti ad accusare gli altri. Chi è vicino a Letta sostiene che “Se cade il governo si pagano Imu e Iva per colpa del Pdl”. Dalla parte dell’ex premier sono pronti a bombardare Saccomanni: “Se la grande trovata è aumentare la benzina per coprire l’Iva allora…”. Le larghe intese sono fragili come bicchieri in equilibrio instabile: non resta che aspettare la folata di vento che li farà cadere…

Funny or Die lo sketch comico in cui Bieber è preso a cinghiate!

justin-bieber-a-funny-or-die-tuttacronaca

Justin Bieber preso a cinghiate da Zach Galifanakis, l’attore di Una notte da Leoni. Lo sketch comico dal titolo “Funny or Die” è disponibile sul sito  Funnyrodie.com ed anche su YouTube.

Galifanakis Leoni si sfoga sul cantante canadese, facendogli pagare tutti i guai di quest’anno: la marijuana, le corse in macchina, le battute infelici e la pipì nel secchio delle pulizie con relativa urlata contro Clinton. Ecco il video:

Google festeggia il compleanno… con un nuovo algoritmo! Risposte più congrue

HUMMINGBIRD-google-tuttacronacaFesteggia i suoi primi 15 anni oggi Google, e per coinvolgere il popolo del web ha condiviso un doodle interattivo. Ma non solo. Proprio oggi è stato reso pubblico “il più grande cambiamento dal 2001 nei meccanismi di funzionamento della nostra ricerca”, come s’è lasciato andare con i giornalisti il grande capo della Search, Amit Singhal. Era il 1998 quando Larry Page e Sergey Brin affittarono la loro prima sede fuori dal campus di Stanford, nel garage di Susan Wojcicki al 232 di Santa Margarita a Menlo Park. Il 4 settembre era stato registrato il nome del loro motore di ricerca, inglesizzando la grafia della parola googol che i matematici usano per indicare il numero 1 seguito da 100 zeri. Andy Bechtolsheim, loro primo finanziatore, aveva dato loro centomila dollari, che i ragazzi terminarono in poche settimane per ottenere il maggior spazio sui server per la loro creatura. A quel punto, però, trovare nuovi investitori non era più un problema. E oggi la notizia: Google ha da qualche settimana un nuovo algoritmo: Hummingbird, colibrì. Contiene più di duecento programmi tra cui anche il famoso e segretissimo PageRank che ha fatto la fortuna del motore di ricerca. Tutti insieme scandagliano la rete pagina per pagina, parola per parola, immagine per immagine ordinandole e indicizzandole. Google, nei propri server, immagazzina ogni “oggetto” apparso in rete ed è proprio in questa immensa raccolta che Hummingbird va a cercare quel che gli utenti chiedono.

o-GOOGLE-SEARCH-TIMELINE-tuttacronacaLo scopo del nuovo algoritmo è di essere preciso e veloce quando estrae un contenuto per mostrarlo ai suoi utenti. Stando a quanto spiegano gli ingegneri, Hummingbird sta fornendo da giorni risposte più congrue, puntuali ed efficienti, più vicine cioè, sono parole loro, “alla verità”. E se anche gli utenti non se ne sono resi conto è probabile se ne stiano accorgendo gli esperti di SEO, anche se a Mountain View assicurano che le regole per la Search Engine Optimization non non cambiano perchè Hummingbird lavora a un livello molto profondo e le caratteristiche che un contenuto deve avere per essere correttamente individuato e indicizzato da Google restano le stesse di prima. Ma il colibrì ha portato anche un’importante novita: la Conversation Search, ossia dare una risposta il più pertinente possibile a una domanda in linguaggio naturale. Questo perchè ora l’algoritmo tende a concentrarsi sulla frase nella sua totalità, invece di focalizzarsi su alcune parole. Da Menlo Park, chiaramente, non escono indiscrezioni su come tutto questo funzioni. Quello che non cambia sono i dubbi sulle politiche di Google per quel che riguarda il trattamento equo nel ranking dei contenuti e di discriminazione a favore dei propri prodotti e di quelli dei partner. Come si ricorda sull’Huffington Post, appena una settimana fa una delegazione di editori ha sottolineato alla Commissione europea che “sono illegittimi i privilegi che Google assegna ai proprio servizi nella pagina di risposta: li piazza nelle posizioni migliori, relegando molto sotto e nelle pagine successive i risultati della ricerca naturale. E questo avviene mentre Google ha ovunque in Europa oltre il 90 per cento del mercato della search”.

Colle rovente: un’ora a colloquio Letta e Napolitano

politica-crisi-governo-tuttacronaca

Un’ora per dare una speranza all’Italia, un’ora per trovare un’alternativa, un’ora nella quale articolare una contromossa. Un’ora in cui il Colle è stato rovente. Ora l’incendio si trasferirà al Cdm e qui si farà la verifica. Intanto Letta ha riferito sui suoi incontri preliminari quelli che oggi aveva svolto con ngelino Alfano, Dario Franceschini, Guglielmo Epifani e Gianni Letta. Intanto arrivano anche le prime dichiarazioni da parte di Cicchitto: «Ascolteremo Letta con attenzione, vedremo». Più deciso il fronte del Pd  con Guglielmo Epifani che invita Letta ad aprire in Parlamento un «chiarimento risolutivo». «In questo – dice – il Pd lo sosterrà».  Epifani ha osservato che dall’attuale situazione «non si può uscire con un nuovo giro di valzer, sotterrare oggi l’ascia di guerra e dissotterrarla domani». Poi esprime anche il «sostegno» suo e di tutto il partito a Napolitano «di fronte agli attacchi volgari che si sono registrati in queste ore». Se giovedì «Letta ha parlato di umiliazione, io aggiungerei che è stato anche un colpo alla schiena per l’Italia che lavora, che cerca di uscire dalla crisi». Inoltre, «il Pdl scherza con il fuoco, una crisi è da irresponsabili».

Gli fa eco il presidente di confindustria Giorgio Squinzi “Con tutti i sacrifici che hanno fatto gli italiani in questi ultimi anni in termini di tasse e altro, oggi mettere a repentaglio tutto mi sembra folle” poi ha aggiunto “E’ inutile auspicare qualcosa: spero che prevalga il buon senso”.

Renato Brunetta, presidente dei deputati Pdl ha risposto immediatamente «Rispediamo con decisione al mittente le opportunistiche accuse che ci rivolge il segretario pro tempore del Pd. Dal nostro schieramento politico nessun “colpo alla schiena del Paese”, ma anzi un’iniziativa senza precedenti nella storia della Repubblica proprio per difendere i principi di libertà e democrazia sulle quali si fondano le nostre istituzioni repubblicane». Non tutto il Pdl però appare coeso. «Non ho firmato e non firmerò le dimissioni perché ritengo non siano la modalità giusta per costringere le forze politiche ad assumersi le responsabilità nei confronti del paese, soprattutto in vista della prossima imminente campagna elettorale» sostiene il senatore Pdl Carlo Giovanardi, pur ribadendo come la decisione della giunta su Berlusconi sia «una mascalzonata»

Cadavere di donna in decomposizione in una casa nel Salernitano

rosa-tuttacronaca-donna-deceduta-costiera-amalfitana

Un’agghiacciante scoperta è stata fatta dai carabinieri allertati da alcuni parenti di una 60enne che da alcuni giorni non riuscivano a mettersi in contatto con la donna. Le forze dell’ordine hanno così deciso di recarsi nell’abitazione di Ponte frazione di Tramonti, sulla costiera amalfitana in provincia di Salerno per cercare la donna. Qui hanno rinvenuto il cadavere in avanzato stato di decomposizione. Le cause del decesso al momento non sono note.

 

“Sessista e noioso”: lo spot che scatena le polemiche in Francia

guerlain-pubblicità-tuttacronacaCi si reca a vedere un film al cinema e, è risaputo, bisogna fare i conti con gli spot pre-proiezione. Ma che dire se invece dei soliti trailer e di qualche pubblicità ci s’imbatte in un filmato della durata, infinita, di 5 minuti e 46 secondi? E’ quanto capita in Francia dove gli spettatori sono esasperati dalla pubblicità “Shalimar”, profumo femminile di Guerlain. Libération, quotidiano d’oltralpe, ne ha parlato come di qualcosa di un “sadismo interminabile”, considerato che la réclame è esasperante, grottesca, sessista e iper-kitsch. Alberto Mattioli descrive sulla Stampa quello che si vede:

“Lo spot di  In un’India tipica che più cartolinesca non si può (pare che l’occupazione principale di tutti sia suonare il sitar), la principessa, preso il terzo bagno di fila, si annoia a morte nel suo castello aspettando il principe che per raggiungerla l’ha presa decisamente lunga e attraversa a cavallo deserti, fiumi, montagne con carovane di elefanti tipo Annibale. Finché i due si ritrovano, lui getta il profumo nel lago e dalle acque spunta il Taj Mahal. Fine (finalmente)”.

Curiosity scopre, la NASA conferma: c’è acqua su Marte!

curiosity-acqua-tuttacronacaI dati trasmessi dalla sonda Curiosity certificano la presenza di acqua su Marte: è la NASA a darne la conferma. L’acqua sul pianeta rosso è inglobata nel suolo, nel terreno e nelle rocce che lo compongono. Curiosity l’ha riscaldato con i suoi laser per poi analizzarne i vapori così prodotti. I risultati dimostrastrano che la polvere marziana contiene il 2% di acqua, una percentuale tale che autorizza ottimismo anche sulla possibilità di utilizzarla per una futura colonizzazione del pianeta. E’ anche probabile che ve ne sia anche nel sottosuolo e non è impossibile che sia in forma liquida: l’idea di poter utilizzare acqua locale per sostenere una futura base marziana diventa oggi molto più realistica.  Laurie Leshin, che ha diretto lo studio poi pubblicato sulla rivista Science, ha spiegato che la polvere marziana si trova ovunque e questa rappresenta una buona notizia in vista delle esplorazioni umane visto che scaldando la polvere del pianeta è possibile estrarne abbastanza ovunque e l’acqua distillata in questo modo può essere recuperata dopo l’evaporazione. Sul pianeta, attualmente l’acqua esiste solo in forma di ghiaccio in corrispondenza delle calotte polari, che poi sono state sepolte dal terreno. Quello che è chiaro è che un tempo le acque scorrevano e, con tutta probabilità, anche l’atmosfera era simile a quella terrestre e vi si dispiegava il ciclo dell’acqua. Il prossimo compito di Curiosity è cercare tracce di vita: gli scienziati sostengono vi possa trovare tutte le sostanze necessarie al suo sviluppo e forse un tempo c’erano anche le condizioni perché prosperasse. Sempre più Marte appare come un pianeta abitabile.

L’Italia in crisi, la Grecia a un passo dal colpo di Stato?

italia-grecia-colpo-di-stato-tuttacronacaIn Italia le prove generali per la crisi di governo, in Grecia il dramma di un possibile colpo di Stato!  Lì riemergono, come morti viventi, quelle vecchie storie di intrecci tra politica ed esercito che avevano caratterizzato il periodo dei colonnelli. E se cinque membri di Alba Dorata, come riporta il Sole 24 ore, sono sotto inchiesta per l’uccisione di un rapper di sinistra, e una squadraccia ha devastato la redazione del giornale Protothema per aver pubblicato le foto strazianti del giovane morente, un sindacato di militari greci della riserva, finora poco conosciuto al grande pubblico, ha chiesto a sorpresa le dimissioni del governo del premier conservatore Antonis Samaras e la formazione di un governo di unità nazionale, suscitando, come è ovvio, forti preoccupazioni negli ambienti politici e giudiziari della capitale greca.

Ieri è stato diffuso anche un filmato dal titolo  “Confraternita degli ufficiali e dei soldati riservisti delle Forze Speciali” sul sito web dell’associazione ed è finito immediatamente all’esame della magistratura che ha convocato in seduta straordinaria la Corte Suprema, in cui da giorni si stanno interrogando testimoni che depongono contro le attività illegali di Alba Dorata. I toni in Grecia si sono fatti preoccupanti e la paura sale mentre le soluzioni sembrano sfuggire di mano giorno dopo giorno…  L’Italia sembra al sicuro… C’è solo il vociare di Silvio Berlusconi che giorni fa aveva parlato di “colpo di Stato”!

Ricorso respinto al Milan, chiusa per un turno la Curva Sud

tifosi_milan_curva_sud_tuttacronaca

E’ stato respinto il ricorso presentato dal Milan contro la chiusura della Curva Sud. La decisione del Giudice sportivo che aveva sanzionato la curva dopo i cori razzisti verso i tifosi  napoletani viene confermata e durante la sfida contro la Samp non ci potrà essere il supporto dei tifosi milanisti costretti fuori dallo stadio a vedere la partita.

L’incontro tra zio e nipote in tempo di crisi!

con-lo-zio-gianni-letta-tuttacronaca

Crisi di governo, ma non crisi di famiglia. Gianni Letta ed Enrico Letta, zio e nipote si sono incontrati per l’ultimo faccia a faccia a Palazzo Chigi. Lo zio ha ascoltato le condizioni di pace del nipote per poi riferirle a Silvio Berlusconi, il quale valuterà se far saltare o meno il governo delle larghe intese. Sembra difficile che il cavaliere ritorni sulle sue decisioni ora che in tasca ha firmate le dimissioni di massa e l’ipotesi di elezioni anticipate sembra allettare molto il leader di Forza Italia. Enrico Letta è atteso al Quirinale da Giorgio Napolitano alle 18, mentre alle 19.30 è previsto il consiglio dei Ministri che dovrà discutere dell’aumento dell’Iva.

La Sagrada Familia? Nel 2026, a lavori ultimati, sarà così…

sagrada-familia-tuttacronacaUn video postato in Youtube mostra l’aspetto che avrà la Sagrada Familia, a Barcellona, nel 2026, quando saranno completati i lavori della Basilica la cui prima pietra venne posta nel 1882. E’ stato il comitato promotore a darne l’annuncio. Il Temple Expiatori de la Sagrada Família, nome completo in catalano, è il capolavoro di Gaudì, massimo esponente del modernismo catalano e attualmente è stato edificato per il 65%, secondo i calcoli di chi dirige i lavori, Jordi Faulì, che ora ne prevede il completamento della parte architettonica tra 13 anni: “Ci riusciremo se manterremo il ritmo attuale dei lavori” ha dichiarato l’architetto, che aspira a diventare colui che ha terminato la Sagrada Familia, anche se per allora ancora mancheranno molti dettagli artistici. Faulì, che ha studiato architettura a Barcellona, iniziò a lavorare nell’ufficio tecnico della Basilica all’età di 31 anni, la stessa età che aveva Gaudì quando subentrò come progettista dell’opera, che era stata iniziata in stile neogotico, nel 1883 per poi ridisegnarla completamente. La chiesa è stata consacrata ancora non conclusa, il 7 novembre 2010, da papa Benedetto XVI, che l’ha elevata al rango di Basilica minore. La vastità della scala del progetto e il suo stile caratteristico ne hanno fatto uno dei principali simboli della città, nonché una delle tappe obbligate del turismo di massa. Secondo i dati del 2011 è il monumento più visitato in Spagna, con 3,2 milioni di visitatori (seguito dal Museo del Prado e dall’Alhambra di Granada) e ora è destinato a essere completato, cambiando l’aspetto noto a intere generazioni.

Infarto ad alta quota, muore il pilota, atterraggio d’emergenza per i passeggeri

cabina-pilotaggio-tuttacronaca

L’infarto colpisce il comandante di un Boeing  737, partito giovedì sera da Houston e diretto a Seattle. A pilotare l’aereo resta solo il copilota che con l’aiuto di un pilota fuori servizio presente tra i passeggeri è riuscito a compiere un atterraggio di emergenza nell’aeroporto di Boise in Idaho. I due dottori a bordo dell’aereo che hanno provato a salvare il pilota non sono riusciti nell’impresa, l’uomo è deceduto appena arrivato in ospedale.

Fiamme a Detroit, a fuoco un centro commerciale

HAZMAT_situation_and_large_fire_on_Detroit-tuttacronaca

Fiamme in un centro commerciale di Hazmat della zona a sud ovest di Detroit. L’Hazmat è stato completamente raso al suolo dall’incendio e per domare le fiamme i vigili del fuoco sono stati a lavoro diverse ore. La causa sembra essere stato un corto circuito che ha innescato l’incendio.

Mistero sull’imprenditore morto con la calza di nylon intorno al collo

rosario-salemi-tuttacronaca

Si chiamava Rosario Salemi l’imprenditore, originario di Noto, trovato morto, a Chisinau in Moldavia, con una calza di nylon attorno al collo. Salemi si era trafserito da qualche tempo a Novara, ma spesso si spostava nell’Est Europa per lavoro. La polizia sta indagando sulla sua morte e sull’auto della sua convivente ritrovata carbonizzata nei pressi del luogo dove è stato rinvenuto il cadavere. La polizia sembra privilegiare l’ipotesi di un suicidio, ma restano aperte le altre ipotesi. Secondo alcune fonti, aveva da poco ricevuto un finanziamento di un milione di euro dalle banche, fondi richiesti a causa delle difficoltà economiche che stava attraversando e che potrebbero averlo spinto al folle gesto.

 

L’eleganza scivola sul ghiaccio: il Trofeo internazionale Nebelhorn

pattinaggio-ghiaccio-tuttacronacaA Oberstdorf,  comune nel Land della Baviera in Germania, presso il confine con l’Austria, si sta svolgendo il Trofeo internazionale Nebelhorn, dal nome di una montagna vicina, di pattinaggio.

La gara, che si svolge ogni anno dal 1969, rappresenta una delle prime gare internazionali della stagione ed è una delle competizioni più longeve del pattinaggio di figura a livello internazionale. Quest’anno, il Trofeo Nebelhorn è valido per la qualificazione per le Olimpiadi Invernali del 2014.

Questa presentazione richiede JavaScript.

L’alternativa alle patatine fritte, così McDonald’s tenta la strada salutistica

insalate-fast-food-mcdonald's-tuttacronaca

McDonald’s sentiva la pressione sul collo e ha cercato un’alternativa. Sotto accusa da sempre ci sono le patatine fritte amate e odiate da sostenitori e denigratori del cibo spazzatura. McDonald’s propone oggi i menù con la possibilità di sostituire la confezione di patatine con insalate, frutta e verdura…

Ma non parliamo di svolta salutistica. Basti pensare alle salse dentro il panino per capire che forse è solo un limitare i danni e non un prevenire il colesterolo. Inoltre i Mc Menu così detti “dietetici” saranno inizialmente disponibili solo nel 20% dei fast food McDonald’s di tutto il mondo.

L’annuncio è stato fatto dal Ceo di McDonald’s Don Thompson alla Clinton Global Initiative, la fondazione filantropica globale dell’ex presidente Bill Clinton, lui stesso un fan delle patatine fritte dopo che una serie di problemi di cuore lo costringessero a mettersi a dieta.

 

Lutto in casa Reggiani, muore Aldo, ne dà notizia Primo! Addio Dick Shelton

aldo-reggiani-morto-tuttacronaca

Aldo Reggiani sarà ricordato sempre come Dick Shelton, il suo personaggio nello sceneggiato  La freccia nera  nel quale recitava vicino a Loretta Goggi. L’attore, lo scorso 26 giugno, durante una vacanza in Sardegna, era stato colto da un’ischemia e ricoverato all’ospedale di Lanusei, poi trasferito a Roma, dove è morto all’età di 66 anni. Recitò anche per Dario Argento ne Il gatto a nove code nel  ruolo del dottor Casoni, nel 1975 aveva recitato in Conviene far bene l’amore di Pasquale Festa Campanile e poi per Luigi Comencini ne La donna della domenica  e La Gatta. Aldo Reggiani era famoso anche come doppiatore per aver prestato la voce a Jeremy Irons in Il danno, Patrick Swayze in A Wong Foo, grazie di tutto!, Indus Arthur in M*A*S*H. La notizia è stata data dal figlio Primo. I funerali si svolgeranno a Roma lunedì alla Chiesa degli artisti alle 15.

 

Le intercettazioni della Guardia di Finanza che smentiscono Berlusconi

berlusconi-tarantini-intercettazioni-tuttacronacaE’ il Fatto a riportare la notizia di un’informativa depositata il 22 marzo in Procura di Bari nell’indagine che vede Silvio Berlusconi e Walter Lavitola indagati per aver indotto a mentire davanti ai pm Gianpaolo Tarantini. Scopo dell’informativa era trovare “i punti di contrasto e contraddizione tra le dichiarazioni fatte dal Tarantini e quanto invece emerso dall’attività di indagine”. Passano due mesi e, il 17 maggio, l’ex premier, interrogato, conferma tutto quanto detto da Lavitola. A questo punto il confronto tra dichiarazioni e informativa mette in luce tutte le menzogne pronunciate: l’informativa del tenente colonnello Andrea di Cagno elenca infatti le intercettazioni che smentiscono quanto detto da Berlusconi ai pm. Due sono i punti in questione: ha riferito di non avere aiutato Tarantini nei suoi affari con Finmeccanica e negato di essere consapevole del pagamento delle ragazze ospitate nei suoi palazzi: “da parte mia ribadisco di non aver mai pagato alcunché per ottenere prestazioni sessuali”. Le intercettazioni dimostrano il contrario. Come si legge nell’articolo a firma Marco Lillo e Antonio Massari:

L’informativa riporta invece le dichiarazioni di Tarantini del novembre 2009 (“il Presidente non ha mai saputo, ma neanche lontanamente, che io potessi dare un centesimo alle ragazze”) e poi lo infilza così: “Si riporta un episodio da cui si evince che Gianpaolo Tarantini è stato sostanzialmente reticente sulla specifica questione”: è la serata del 16 ottobre 2010 a Palazzo Grazioli alla quale partecipano Ioana Visan, Patrizia D’Addario, Clarissa Campironi, Barbara Guerra con l’amica Milena Chellino. Secondo la Finanza: “trascorrevano la notte in compagnia del presidente Berlusconi, Barbara Guerra e Ioana Visan. L’indomani Berlusconi e Tarantini intrattenevano una conversazione avente ad oggetto un compenso riconosciuto alle donne che avevano trascorso la notte a Palazzo Grazioli. Berlusconi chiamava Tarantini e riferendosi alle ragazze tra l’altro sottolineava: “guarda che hanno tutto per pagarsi tutto da sole eh (…) “E vabbé, ma non … perché tanto … sono …. sono foraggiatissime”. Ad abudantiam la Guardia di Finanza cita le intercettazioni di telefonate nelle quali Tarantini parlava con le ragazze dei pagamenti o di altri favori da Berlusconi dopo le serate del 6 settembre 2008, 23 settembre 2008, 28 settembre 2008, 8 ottobre 2008, 9 ottobre 2008, 16 ottobre 2008, 16 ottobre 2008, 4 novembre 2008, dal 26 al 30 novembre 2008 fino alla serata del 2 dicembre 2008, riguardo alla quale si legge: “Come già era accaduto in occasione della serata del 23 settembre 2008, Silvio Berlusconi, dopo essere stato informato da Tarantini su quali ragazze avrebbero partecipato alla serata, riferiva di voler invitare anche Fabrizio Del Noce che poteva interessare a Manuela Arcuri”. Riguardo al fatto che l’attrice volesse ottenere qualcosa in cambio dal presidente, la Finanza è più esplicita di mille articoli: “Era la stessa Arcuri, in più occasioni a ‘battersi’ per ottenere il compenso prima della prestazione sessuale a favore di Silvio Berlusconi”. Dice la Arcuri al telefono a Tarantini : “Poi se me lo fa il favore, poi, sarà ben ricompensato”. Poi.

Oltre ad aver negato di essere consapevole del pagamento delle ragazze ospitate nei suoi palazzi, l’ex premier ha anche detto ai magistrati di non avere aiutato Tarantini nei suoi affari con Finmeccanica. Anche in questo caso, l’informativa lo smentisce:

Nella sua memoria ai pm Berlusconi scrive “Per quanto riguarda Fimeccanica non ricordo di aver fatto alcuna segnalazione né di aver presentato il Tarantini ai vertici aziendali”. A verbale ha aggiunto categorico: “Sono sicuro di non aver mai telefonato al dr. Guarguaglini (ex presidente di Finmeccanica, ndr) per presentargli qualcuno. Io personalmente non ho mai fissato un appuntamento tra Guarguaglini e Tarantini”. La Finanza, per smentire Tarantini che dice ai pm nel 2009: “I miei contatti con Finmeccanica furono tutti grazie a Rino Metrangolo” riporta una telefonata del 5 dicembre del 2008 nella quale Tarantini chiede a Berlusconi se Bertolaso era rimasto contento del loro incontro, favorito da Cavaliere, e Berlusconi risponde: “Non ne abbiamo parlato. Invece ho fissato un appuntamento per martedì con Guarguaglini per quella cosa”. La Finanza riporta anche una telefonata del 10 dicembre nella quale Berlusconi dice: “Ho visto Guarguaglini e poi ti riferisco”. E poi una telefonata del 5 febbraio 2009 nella quale, scrive la Finanza, “a rassicurare definitivamente Tarantini ci pensava lo stesso Berlusconi che lo informava di avere parlato con Guarguaglini, il quale gli aveva assicurato che le trattative stavano proseguendo regolarmente”. Segue la trascrizione della telefonata nella quale Berlusconi dice a Tarantini: “Ora ho parlato personalmente”. Tarantini lo interrompe e si fa richiamare sul fisso di casa. Precauzione inutile. È intercettato pure quello.

Roma- Napoli rinviata? Garcia non ci sta!

Roma-Napoli tuttacronaca

«Io contro il Napoli voglio giocare in quel weekend». Rudi Garcia non vuole il rinvio del derby del Sud. La data è stata fissata per il 19 ottobre, ma a provocare lo slittamento della partita sarebbe la manifestazione dei No Tav prevista nella capitale per lo stesso giorno.

«Rinviarla? Per essere chiari, io voglio giocare in quel weekend. Non è possibile restare tre settimane senza giocare, o fare tre partite di fila in trasferta. Ripeto, io voglio giocare, poi vedremo» ha concluso Garcia. In caso di rinvio, la Roma resterebbe ferma dal 5 di scena a San Siro con l’Inter al 27 ottobre in casa dell’Udinese.

Il tecnico poi ha aggiunto «Il pericolo è pensare che la gara di domenica sia già vinta. Invece probabilmente col Bologna sarà la partita più difficile dall’inizio della stagione. Dovremo essere al 100%, e forse anche qualcosa in più, per vincere». Con queste parole Rudi Garcia mette in guardia la Roma da pericolosi cali di concentrazione a 48 ore dall’incontro dell’Olimpico col Bologna. Il tecnico francese, che dovrà rinunciare all’infortunato Maicon, ha anche sottolineato: «Non esiste una partita vinta prima di giocarla. Lo abbiamo visto nell’ultimo turno per altre squadre (il riferimento è al pari interno del Napoli col Sassuolo). Per ora abbiamo vinto 5 partite, ma dobbiamo fare di tutto per allungare la striscia, e per riuscirci serve la massima concentrazione. Siamo al comando per il momento, ma se vediamo dietro abbiamo solo due punti di vantaggio e non su piccole squadre, quindi c’è ancora tanto da fare, non serve a nulla parlare ora della classifica». Meglio quindi concentrarsi sull’avversario. «Abbiamo studiato quasi tutte le partite del Bologna ed è vero che è una squadra che ha molte qualità e può segnare gol – conclude Garcia – E poi ha un giocatore molto importante come Diamanti: l’ho visto nell’amichevole dell’Olimpico con l’Argentina ed ha cambiato il gioco dell’Italia quando è entrato».

Il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, ha cofermato «Ci sono in contemporanea due manifestazioni una il 18 e una il 19, non sappiamo ancora quante persone possono parteciparvi e quindi ho chiesto, in via precauzionale, lo slittamento della partita alle autorità sportive». e ha proseguito: «Vorrei evitare di imporre il rinvio, le altre decisioni le ho prese con la Lega e la Federazione, vorrei evitare decisione autoritarie. A breve avremo un incontro con la Lega per coordinarci. Al 90% la partita verrà rimandata. Se il preavviso per la manifestazione del 19 in particolare viene ritirato, allora possiamo vedere. Se non viene ritirato allora rimandiamo la partita. E’ una partita di cartello ed è previsto un grande afflusso, nonché un grande impegno delle forze dell’ordine. Ad oggi è una decisione ineluttabile». «Ho chiesto alla Lega il rinvio, terranno conto del calendario, ci contatteranno e faremo un incontro per coordinarci, sia per l’impegno delle forze dell’ordine, sia tenendo conto degli impegni delle squadre, andando incontro alle esigenze di tutti. Sarei anche favorevole a una partita in notturna fra Roma e Napoli, anche perché negli ultimi anni non ci sono stati grossi problemi».

Iva che verrà: il kamikaze per le imprese

iraq-tuttacronaca-22

Da ottobre slitta al primo gennaio, ma l’aumento c’è e si farà sentire soprattutto sulle imprese: l’Iva raggiungerà quota 22. Questo è quanto è emerso dalla bozza del decreto legge sull’imposta secondo cui entro al fine dell’anno saranno “ridefinite le misure delle aliquote ridotte” della stessa tassa, come anche gli elenchi dei beni ad esse riferiti. Lo stesso dl stabilisce che la cassa integrazione in deroga viene rifinanziata per il 2013 con un’ulteriore somma di 330 milioni di euro.

Il rifinanziamento, si legge nella bozza, è “da ripartirsi tra le regioni”. Arriva inoltre il rifinanziamento della carta acquisti per 35 milioni di euro.

Le coperture per il mancato rialzo dell’Iva a ottobre arriveranno dall’aumento dell’acconto dell’Ires (al 103%) e dell’Irap per il 2013, oltre che dall’incremento delle accise sui carburanti per 2 centesimi al litro fino a dicembre 2013 e poi fino al 15 febbraio 2015 di 2,5 2,5 cent al litro. Si legge nella bozza del decreto legge.

I vegani in sit-in a Milano: persone come animali a macello

manifestazione-vegetariani-milano-tuttacronacaL’evento promosso da 269Life, movimento nato a Tel Aviv qualche mese fa con l’intento di promuovere una vita vegana e cruelty free, è arrivato a Milano. La rappresentazione di quanto avviene negli allevamenti di carne bovina si è tenuta in piazza San Carlo dove dei volontari sono rimasti stesi a terra, macchiati di sangue e impacchettati nel cellophane e su confezioni di polistirolo, contrassegnate con prezzo e codice a barre. Accanto a loro, altri interpreti travestiti da macellai e armati di coltelli finti. Il nome 269Life ha preso spunto dall’azione di tre attivisti che, a fuoco vivo, si fecero marchiare con lo stesso numero di un vitello di un’industria di latticini israeliana nella quale i vegani avevano fatto irruzione per filmare le condizioni di vita nell’allevamento.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Tasse su tasse, l’autunno a suon di scadenze

tasse-30-settembre-calendario-tuttacronaca

Unica incertezza nel calendario del Fisco è la seconda rata dell’Imu per il resto sono scadenze su scadenze, tasse su tasse. Lunedì 30 settembre sarà il “T-day”. A Milano bisogna pagare la tassa rifiuti, ma ci sono anche le scadenze previdenziali come il versamento dei contributi volontari, o la revisione delle auto, in totale le tasse da pagare saranno 49 adempimenti. I soggetti colpiti saranno molteplici:  dai lavoratori dipendenti agli artigiani e commercianti, dai pensionati ai proprietari immobiliari, dai «creditori pignoratizi», agli enti creditizi, dalle Onlus alle associazioni sportive dilettantistiche, dalle società di capitali agli enti senza scopo di lucro. Il fisco e la burocrazia non risparmiano nemmeno il Senato, la Camera, la presidenza della Repubblica e la Corte costituzionale che devono trasmettere alcuni elenchi.

E tutto questo quando si parlava di semplificazione e soprattutto di minor pressione fiscale. Secondo Unioncamere le scadenze amministrative alle imprese sono arrivate a costare ben 22 miliardi l’anno. Come può riprendersi l’Italia? Come è auspicabile una ripresa se l’industria continua ad essere imbottigliata tra scadenze e tasse? Anche assumere un lavoratore ormai sembrerebbe esser diventato un lusso!

 

Grillo all’attacco, in tempo di crisi ci resta solo il «Poker con morto»

poker_morto__grillo-governo-letta-tuttacronaca

Ma mentre Napolitano piange c’è Grillo che non perde tempo e posta la fine del Governo con un post dal titolo: «Poker con morto».

Come nei romanzi gialli per capire quello che sta succedendo ora bisogna fare un passo indietro. Tornare a quella notte né buia, né tempestosa di primavera quando si riunirono tre persone per decidere le sorti della legislatura. Ognuno di loro aveva qualcosa da guadagnare dalla partita a poker.
Napolitano la rielezione e, forse, la certezza della distruzione dei nastri delle sueconversazioni con Mancino, Bersani la presidenza del Consiglio per il pdmenoelle, Berlusconi la certezza dell’impunità. Su questo ultimo dettaglio investigativo vale la pena di soffermarsi. Perché stringere un patto di legislatura, o anche di semi legislatura che doveva durare almeno il tempo di mettere mano alla Costituzione per stravolgerla in senso presidenziale e per limitare la magistratura e insediare Capitan Findus Letta alla presidenza della UE con un condannato in pectore? A Napolitano si può imputare tutto, ma non l’ingenuità. E’ altamente probabile che a Berlusconi siano state date delle garanzie che in seguito non sono state rispettate, o più probabilmente non si è riusciti a far rispettare. In altri termini l’assicurazione della prescrizione per scadenza dei termini del processo che lo ha condannato in via definitiva per truffa fiscale. Altrimenti che senso aveva fare un governo intestato alla presidenza della Repubblica, che mai si è esposta come in questo caso? Per vederlo cadere rovinosamente per un processo e una condanna altamente probabile pochi mesi dopo? Berlusconi ha la faccia di chi pensa “Chi mi ha fregato?“. L’accelerazione della sentenza della Cassazione lo ha inchiodato come una farfalla al muro. Continua a sbattere le ali, ma non può più muoversi. E’ finito, e lo sa. Però gli altri giocatori non se la passano molto meglio. Barbara Berlusconi ha fatto una domanda sensata al pdmenoelle “Se mio padre è un delinquente perché ci governate insieme?“. La risposta non è ancora arrivata. Al pdmenoelle i delinquenti di lotta, ma soprattutto di governo, piacciono. Hanno quel fascino innegabile di appalti e di poltrone. E il terzo giocatore, Napolitano? Lui ha perso la partita, ma si ostina a negarlo come chi avendo sempre vinto (o almeno pareggiato) non riesce a darsi pace per la sconfitta. Si alzi dal tavolo di gioco, e prima di uscire, spenga le luci del Quirinale. Il morto, ma già lo sapevate, è la democrazia.

Marino spreme Roma: cocktail a base di tassa di soggiorno, Irpef e Imu!

marino-spremuta-tasse-tuttacronaca

Il sindaco ecologista, che pedonalizza i Fori avrà pensato che a settembre è tempo di vendemmia e perché non spremere Roma? D’altra parte i conti sono in rosso e necessitano di un cocktail salutare che possa far abbassare il debito di circa 800 milioni. Per il momento quindi sul tavolo ci sono le ipotesi dell’aumento della tassa di soggiorno, l’aumento Irpef comunale che passerebbe dallo 0,9 all’1,2% del reddito di ciascun contribuente e l’aumento dell’Imu sulla prima casa. Non era abolità? Sì, ma ritorna. Giovanna Vitale su cronaca di Repubblica scrive:

“Aumentare di un punto l’Imu sulla prima casa (dallo 0,5 allo 0,6 per mille). Un aumento in realtà fittizio, visto che la tassa è stata abolita, che vale però 120 milioni: sempre che, quando a fine anno il ministero dell’economia rimborserà i comuni, lo faccia sul mancato incasso effettivo e non sullo storico”. Aumentare l’aliquota Imu cioè, per poter chiedere allo Stato un rimborso più corposo a fine anno. Uno stratagemma che sembra, ad una lettura distratta, a costo zero ma che comunque pesa sulle casse pubbliche.

Se poi dovesse cadere il governo la seconda rata dell’Imu non sarebbe più solo virtuale. Non l’unico aumento però. Un altro ben più pesante e molto più direttamente nelle tasche dei romani sarà quello dell’addizionale comunale Irpef che aumenterà di uno 0,3%.

“Per chiudere la manovra 2013 – scrive Ernesto Menicucci sul Corriere della Sera -, rifatti i calcoli, servono 815 milioni di euro e, per reperirli, una parte arriverà dall’aumento delle aliquote. Quali? La tassa di soggiorno (da 5 a 10 euro al giorno per gli hotel a 4 e 5 stelle) e, molto probabilmente, da un ulteriore innalzamento dell’Irpef: dall’attuale 0,9 per cento, secondo le simulazioni fatte dal Campidoglio, si dovrebbe arrivare a 1,2. In questo modo, si recupererebbero circa 240-250 milioni di euro”.

Sul tavolo c’è anche il federalismo fiscale per i municipi,  tagli agli sprechi ma, inevitabilmente anche ai servizi. L’assessore al bilancio Daniela Morgante, giudice della Corte dei Conti, è infatti accusata anche da alcuni colleghi di partito di ragionare troppo con la calcolatrice e poco con la politica e starebbe, secondo indiscrezioni riprese sia da Repubblica che dal Corriere della Sera, pensando di lasciare l’incarico subito dopo il varo della manovra in questione.

Derby della Mole: accesso vietato per nove tifosi

derby-della-mole-tuttacronacaHanno recentemente preso parte a tafferugli e risse in occasione di manifestazioni sportive e per questo motivo a nove tifosi, tra bianconeri e granata, verrà vietato l’accesso al Derby della Mole valido per la settima giornata di campionato. A prendere la decisione il questore di Torino Antonino Cufalo, nell’ambito del dispositivo di sicurezza predisposto per evitare incidenti. Come già accaduto in occasione del precedente incontro tra le due squadre del capoluogo piemontese, è stato anche disposto di aprire un ufficio distaccato, allo stadio, per l’emissione dei Daspo durante la partita.

RINVIO A GIUDIZIO: Bertolaso, Balducci e Anemone

berlusconi-bertolaso-tuttacronaca

Rinviati a giudizio l’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, l’imprenditore Diego Anemone, l’ex presidente alle opere pubbliche Angelo Balducci e altri 15 persone coinvolte nell’inchiesta sugli appalti del G8 e alcuni “Grandi eventi”. I reati contestati vanno dall’associazione per delinquere alla corruzione. Bertolaso è imputato solo per quest’ultima accusa: avrebbe favorito Anemone ricevendo benefit anche di natura sessuale.

Il titolo shock del Quotidiano del Friuli Venezia Giulia

prostituzione_minorile_il_quotidiano_berlusconi-tuttacronaca

Il titolo shock del Quotidiano del Friuli Venezia Giulia non lascia molto spazio all’immaginazione. Oggi il giornale è uscito con un articolo in prima pagina dal titolo: ” Prostituzione minorile in manette un 70 enne”. Accanto al titolo c’è un editoriale dal titolo: “Berlusconi alle prese con delitto e castigo”.

Un effetto simile lo ha ottenuto il Quotidiano Nazionale (Resto del Carlino-Giorno-Nazione), aprendo con il titolo “Il Pdl minaccia dimissioni” e sotto una foto con Toni Servillo sorridente: “Che bellezza sarebbe”.

pdl_minaccia_dimissioni_che_bellezza_sarebbe_tuttacronaca

Parola d’ordine della nuova cucina: “contaminazione”

cucina-contaminata-tuttacronacaLa nuova regola per essere alla moda in cucina è magiare “contaminato”, ossia abbinando sapientemente ingredienti che giungono da ogni parte del mondo e grazie ai quali i nuovi chef stanno rivoluzionando il concetto di gusto. Il risultato sono ricette creative e raffinate, mix di sapori che gli chef del futuro propongono nei ristoranti più “in” del mondo. Ne parla il giornalista gastronomico Enzo Vizzari su Republica, dove ha provato a raccontarli. Tra gli altri troviamo, al Maido di Lima, Mitsuharu Tsumura, detto Micha, colonna della cucina nikkei, nata dalla contaminazione tra le usanze degli immigrati giapponesi e quelle peruviane. Sempre nella capitale peruviana, lo chef Virgilio Martinez crea piatti con ingredienti provenienti dall’Amazzonia, dalle Ande, dal Pacifico. Risalendo il continente e raggiungendo gli Stati Uniti, lo chef Daniel Humm è riuscito a far conquistare 3 stelle Michelin all’Eleven Park di New York grazie a piatti mai banali, così come quelli proposti da Rodolfo Guzman che utilizza, come contorno dei suoi piatti, bacche, radici e foglie. Ma se si parla di buona tavola non può non apparire qualche italiano ed ecco che lo chef Luca Fantin al Ginza Tower Restaurant a Tokyo propone piatti italiani “contemporanei” conditi con tocchi tipicamente giapponesi. E’ invece rimasto in Europa il belga Kobe Desramaults che al ristorante In de Wulf di Lille si sbizzarisce in cucina “naturale” utilizzando esclusivamente ingredienti che lui stesso raccoglie nel corso di lunghe passeggiate.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il tassista che denuncia le forze dell’ordine: presunta aggressione

giuseppe boccia-tuttacronaca

Il tassista napoletano Giuseppe Boccia ha rilasciato una dichiarazione a Il Mattino in cui sarebbe emerso che l’uomo il 25 settembre sarebbe stato aggredito dalle forze dell’ordine.

Pur facendo spesso i turni di sera a Giuseppe Boccia non era mai capitato di essere aggredito. Due sere fa, giorno della partita intorno alle 23 risponde ad una chiamata del radiotaxi, deve prendere un cliente in via Rossetti.

Boccia prende e parte, arrivato in via Giambattista Vico all’incrocio con viale Augusto trova la strada transennata e protetta da sette agenti, cinque sono delle Municipale, due sono in borghese. Si ferma, spiega della chiamata, fa presente che i taxi – è sempre stato così – possono passare. E scoppia il finimondo conclusosi a tarda sera prima all’ospedale San Paolo e poi negli uffici della Questura in via Medina.

Concordia, smentite le voci di resti umani.

costa-concordia-tuttacronaca

Resti sono stati rivenuti, ma non sarebbero umani e quindi non apparterebbero ai due dispersi del naufragio della Costa Concordia: Maria Grazia Trecarichi e Russel Rebello. Questo sarebbe stato il responso sui reperti ossei che invece avrebbero rivelato che i resti sono quelli di un animale. Le ricerche dei corpi dei diseprsi continuano.

Scoppia la polemica: perquisita la casa del leader del Movimento No Tav

Alberto-Perino-perquisizione-tuttacronacaE’ indagato per istigazione a delinquele Alberto Perino, leader No Tav, la cui abitazione a Condove, in Val Susa, è stata perquisita dalla digos di Torino dipo che la procura del capoluogo piemontese aveva disposto la misura. La vicenda è legata alla diffusione online (tra i siti che possono essere ricondotti al movimento che si batte contro la realizzazione dell’infrastruttura) di informazioni sui mezzi e le imprese impegnate nei lavori dell’Alta velocità Torino-Lione, al cantiere di Chiomonte. Perino è accusato per aver invitato gli attivisti a praticare forme di sabotaggio nei confronti delle stesse aziende le targhe dei mezzi delle quali erano state pubblicate in rete. I mezzi pesanti circolavano sull’autostrada del Frejus e secondo i NoTav erano responsabili di trasportare materiale utilizzato dalla “talpa” per il cantiere dell’Alta Velocità di Chiomonte. L’abitazione era stata perquisita precedentemente nel 2011, con il leader sempre accusato di istigazione a delinquere. Le prime reazioni da parte degli esponenti politici sono arrivate in seguito  alla pubblicazione della notizia da parte di diverse agenzie di stampa. Tra questi Roberta Lombardi, ex capogruppo alla Camera del M5S, che si è scagliata contro la perquisizione sia in Twitter che in Facebook:

lombardi-facebookE’ iniziato tre giorni fa, a Torino, il processo per “invasione di terreni” che vede imputato lo stesso leader No Tav, Alberto Perino, e altri 9 attivisti, compresi due amministratori dei Comuni della valle. Il fatto risale al 12 gennaio 2010 quando, a Traduerivi a Susa, alcuni manifestanti tentarono di ostacolare un lavoro preliminare legato all’Alta velocità. Ad avviare la causa civile la società Ltf, che si occupa dei lavori per il Tav in Valsusa, che chiese il risarcimento dei danni. Il leader ha replicato contro quelle che ha definito azioni condotte per delegittimare il Movimento No Tav e ha denunciato: “Nelle azioni dei magistrati nei nostri confronti non c’è più una motivazione. Riteniamo che sia un accanimento che va al di là di ogni senso giudiziario. La situazione si è talmente incattivita che stiamo valutando, assieme al nostro team di legali, di denunciare la magistratura per stalking. Perché di questo si tratta; non è più una situazione normale”. Nel frattempo, la tensione in Val di Susa resta alta.

Il dramma al Colle, Napolitano piange su Spaventa, ma forse anche sulla crisi

napolitano-che-piange-tuttacronaca

Giorgio Napolitano, ricorda i bei tempi che furono e si commuove in memoria dell’economista Luigi Spaventa, mentre afferma: “Le distanze e gli scontri sul piano delle idee tra maggioranza e opposizione – ha sottolineato il capo dello Stato – non producevano come oggi smarrimento di ogni nozione di confronto civile e di ogni costume di rispetto istituzionale e personale”.

Con la voce rotta dall’emozione spiega: “Quanto più tu abbia la ventura di inoltrarti in età avanzata nel tuo percorso di vita tanto più avverti il vuoto di quelle che sono state presenza assai care, venute meno via via meno nel corso degli anni. E finisci per avere il senso del dissolversi del tuo mondo come sfera di affetti radicati e di comunanze essenziali”. Forse nelle parole del Presidente della Repubblica c’è anche il difficile momento della politica italiana e il Governo Letta che sembra davvero condannato dall’interesse di chi sembrerebbe non avere il coraggio per fare un passo indietro e lasciare lo spazio a una destra che ancora potrebbe, insieme al Pd, attuare le riforme di cui l’Italia ha bisogno.

 

Condannata suora per i metodi correttivi contro un bimbo con problemi di salute

bimbi-asilo-suora-tuttacronaca

Piera Squenna, 71 anni, suora in servizio come maestra all’asilo di Vespolate, nel Novarese, è stata condannata, in primo grado, per gli atti correttivi sproporzionati al comportamento dei bambini. In particolare alla suora sono state contestate alcune frasi inquietanti che la religiosa avrebbe pronunciato nei confronti di alcuni bambini, tra cui un bimbo con problemi di salute.

Erano frequenti, seconda l’accusa, frasi tipo:

«Andate al cimitero perché, ricordate, non muoiono solo i vecchi ma anche i bambini»,

«Lo sapete che anche i bambini muoiono»,

«Non guardarmi, girati, altrimenti ti faccio cadere gli occhi».

E poi schiaffi e scapaccioni per riprendere i bimbi più agitati.

Il giudice d’Assise ha infatti riconosciuto che quelle frasi potevano compromettere  la salute psichica dei piccoli e soprattutto è stata ritenuta una condotta inadeguata per il bimbo con problemi di salute, per questo la suora è stata condannata, con rito abbreviato a un mese e 10 giorni di reclusione (pena sospesa).

Il suo legale, l’avvocato Claudio Bossi, ha annunciato appello. Nell’arringa difensiva ha detto che «tre episodi sono provati e un quarto per il quale c’è solo la parola di una mamma».

Infatti la vicenda era emersa a luglio scorso, quando una mamma aveva notato delle crisi di ansia notturne del figlio e il bambino, fragile caratterialmente e con problemi di salute, più volte aveva espresso la volontà di non andare all’asilo. La maestra, secondo l’accusa, avrebbe detto al bambino  «Ti faccio una puntura in testa». «I bambini piccoli non si trattano in questo modo», ha ricordato l’avvocato Gianni Correnti, legale di parte civile, nel chiedere un risarcimento del danno simbolico: 10 euro.

 

Barilla nel centro del mirino: tra boicottaggio e petizione di Dario Fo

-barilla-pubbicità-gay-tuttacronacaSolo ieri Guido Barilla, con la sua affermazione che l’azienda non farà mai pubblicità gay perché  “preferiamo la famiglia tradizionale”, ha fatto scoppiare la polemica in rete e la notizia, e il boicottaggio, ha già fatto il giro del mondo, apparendo sulle principali testate internazionali. E se nel web appaiono le immancabili vignette e le frasi di scherno, Dario Fo utilizza internet per lanciare una petizione su Change.org con la quale chiede a Barilla di rappresentare, nelle sue prossime campagne pubblicitarie, tutti i tipi di famiglia. Del resto il premio Nobel l’azienda la conosce, essendone stato testimone negli anni Cinquanta.
Nella lettera aperta al presidente dell’azienda emiliana, Fo lo invita a diventare “ambasciatore di integrazione e voce del presente”:

Ricordo i primi spot televisivi di Barilla, a cui ho partecipato non solo come attore ma anche come autore dei testi e della sceneggiatura nonché del montaggio. Ebbero un enorme successo e, in quel tempo, ho avuto anche l’occasione di conoscere Pietro, vostro padre. […] In quegli spot abbiamo raccontato di prodotti che sono diventati simbolo dell’Italia e degli italiani tutti, nelle nostre case e nel mondo. La pasta soprattutto è sinonimo d’Italia, di casa e di famiglia. Per tutti. Ecco: oggi il nostro Paese è fatto di tante famiglie unite solo dall’amore delle persone che ne fanno parte. Amore che non è in grado di discriminare, che non ha confini: e l’amore, in tutto il mondo, può nascere tra un uomo e una donna, due donne, due uomini. […] Ecco, Guido. La sua azienda rappresenta l’Italia: nel nostro Paese e in tutto il mondo. Un’Italia che è fatta anche di coppie di fatto, di famiglie allargate, di famiglie con genitori omosessuali e transgender. Ecco perché le chiedo di cogliere questa occasione e di ritornare allo spirito di quegli spot degli anni ’50 dove io stesso interpretavo uno spaccato della società in profondo mutamento. Ecco perché le chiedo di uscire dalla dimensione delle polemiche e farsi ambasciatore della libertà di espressione di tutti.

E conclude con un appello:

E chiedo quindi che lo faccia con le prossime campagne pubblicitarie del gruppo Barilla, dove la famiglia potrà finalmente essere rappresentata nelle sue infinite e meravigliose forme di questi nostri tempi. Come ho già scritto: “Buttiamoci con la testa sotto il getto del lavandino e facciamo capire ai briganti che qui siamo ancora in molti in grado di dimostrare di far parte di un contesto di uomini e donne libere e pensanti”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Gli auguri di Alex a Francesco: da capitano a capitano

alessandro-del-piero-e-francesco-totti-tuttacronaca-auguri-capitano

Da capitano a capitano, dall’Australia a Roma, attraverso twitter Alessandro del Piero ha festeggiato Francesco Totti. 

«Chi ben comincia…Buon Compleanno Francesco!!!// …happy bday Francesco!», poi l’ex numero 10 della Juve ha postato anche la foto che lo ritrae insieme al capitano della Roma. 

Sul sito ufficiale Del Piero poi ha anche  spiegato il momento che sta attraversando al Sydney: «La preparazione per il nuovo campionato prosegue qui a Sydney. Ci stiamo allenando per trovare la forma migliore e per crescere insieme sotto tutti i punti di vista, nel percorso già avviato durante il ritiro estivo a Jesolo. Domenica giocheremo l’ultima amichevole della stagione, l’11 ottobre avrà inizio il nostro campionato: faremo di tutto per essere protagonisti e per lasciarci alle spalle la scorsa stagione, ripartendo da basi nuove. È importante partire bene, sapete… chi ben comincia è a metà dell’opera, ma anche reggere il ritmo fino al decisivo epilogo della stagione, che in Australia si decide con i playoff. Sono il capitano della squadra e sento la responsabilità di questa avventura, le aspettative mie, dei miei compagni e dei nostri tifosi corrispondono: vogliamo fare una grande stagione».

Poi ancora su Totti: «A proposito di capitani e di “chi ben comincia”, anche da distante seguo il campionato italiano e la Champions League, mi informo sull’andamento della Juventus e non soltanto… dunque ho visto il grande inizio di stagione della Roma e del mio amico Francesco. Sono felice che abbia rinnovato il suo contratto con la squadra del suo cuore e della sua storia, dove intende finire la sua carriera. Ti auguro di scrivere ancora tante belle pagine… In bocca al lupo Francesco e soprattutto… Buon Compleanno!!! Alessandro».

Parolisi al proccesso d’Appello: “volevo bene a Melania, anche se la tradivo”

salvatore-parolisi-processo-tuttacronacaSeconda udienza del processo d’Appello a Salvatore Parolisi, ex caporalmaggiore che è stato condannato in primo grado per l’omicidio della moglie, al Tribunale de L’Aquila. Uscendo dall’aula Michele Rea, il fratello della vittima, Melania, ha riferito: “Nella sua deposizione Parolisi ha ribadito la sua innocenza. Riguardo a Melania, ha detto che le voleva bene, anche se la tradiva”. Ha quindi aggiunto: “Per la prima volta ha indirizzato il suo sguardo verso di noi, dopo due anni non so come ha fatto. Il tutto per ringraziarci del fatto che noi facciamo tutto per la bambina. Delle bugie e dei trans non si è parlato per niente, Parolisi ha parlato cinque minuti. Per me lui rappresenta il nulla, non mi fa né caldo né freddo, mi dispiace solo per quella povera bambina che comunque un giorno dovrà sapere e mi dispiace anche per Melania che ha avuto a che fare con questa persona”. Oltre al fratello, in aula era presente anche il padre di Melania. Michele Rea ha parlato nel corso di una breve interruzione di qualche minuto dell’udienza. IlProcuratore Generale, Romolo Como, anch’egli uscito momentaneamente nell’occasione, non ha voluto fare alcun commento.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: