Uno sguardo a… Ossobuchi alla milanese con riso allo zafferano

La ricetta puoi trovarla QUI!

Riso_zafferano_ossobuco

Annunci

Enzo Jannacci… con Dario Fo, Ho visto un re

Enzo Jannacci… La fotografia

Enzo Jannacci… Lettera da lontano

Gente di Milano… Enzo Jannacci

enzo-jannacci

Uno sguardo a Milano… i Navigli

milano-navigli

Uno sguardo a Milano… Piazza della Scala

milano-piazza-della-scala

Uno sguardo a… MILANO

Milano

E’ svolta nel caso di Domenico Lorusso? C’è il DNA dell’assassino

veglia_domenico-lorusso-dna-assassino-tuttacronaca

Forse si è alla svolta del caso del nostro connazionale Domenico Lorusso, 31 enne  di Potenza, che è stato ucciso con un coltello da uno sconosciuto a Monaco di Baviera dopo che il giovane aveva reagito all’uomo che aveva sputato contro la sua fidanzata.  La polizia scientifica tedesca è riuscita a risalire al Dna dell’assassino grazie alle tracce di saliva rinvenute sull’abito della ragazza della vittima e ha isolato un’impronta digitale. Ora con molta probabilità sarà possibile risalire al killer. Intanto le prime indiscrezioni parlano di uno “sputatore di professione” che quella sera si è trasformato in assassino. Ci sarebbero oltre 40 informazioni sul killer che al momento resta senza nome. Nella zona sembra che più di una volta le donne siano state raggiunte dagli sputi dell’uomo. La madre di una ragazza di 17 anni infatti, sostiene che due settimane prima, sua figlia sarebbe stata presa a sputi da uno sconosciuto, il quale sarebbe poi scappato e sparito nel nulla. Si tratta di una persona mentalmente disturbata o solo di un misogeno patologico?

 

Anche Monti e Gruber alla riunione del Bilderberg di giugno!

mario-monti-Bilderberg-tuttacronaca

Ecco la lista degli invitati alla 61/a riunione del Bilderberg che si terrà alla residenza “The Grove”, a Watford, in Inghilterra, tra il 6 e il 9 giugno. La lista è finita “fatalmente” su Twitter. L’ex premier Mario Monti, diversi top manager e anche la giornalista ex Rai, ora in forza a La7 Lilli Gruber: sono questi i partecipanti italiani al prossimo Bilderberg meeting. Grande assente è Enrico Letta?

FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA Group
DEU Achleitner, Paul M. Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
DEU Ackermann, Josef Chairman of the Board, Zurich Insurance Group Ltd
GBR Agius, Marcus Former Chairman, Barclays plc
GBR Alexander, Helen Chairman, UBM plc
USA Altman, Roger C. Executive Chairman, Evercore Partners
FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA
USA Athey, Susan Professor of Economics, Stanford Graduate School of Business
TUR Aydıntaşbaş, Aslı Columnist, Milliyet Newspaper
TUR Babacan, Ali Deputy Prime Minister for Economic and Financial Affairs
GBR Balls, Edward M. Shadow Chancellor of the Exchequer
PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman and CEO, IMPRESA
FRA Barré, Nicolas Managing Editor, Les Echos
INT Barroso, José M. Durão President, European Commission
FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
FRA Bavinchove, Olivier de Commander, Eurocorps
GBR Bell, John Regius Professor of Medicine, University of Oxford
ITA Bernabè, Franco Chairman and CEO, Telecom Italia S.p.A.
USA Bezos, Jeff Founder and CEO, Amazon.com
SWE Bildt, Carl Minister for Foreign Affairs
SWE Borg, Anders Minister for Finance
NLD Boxmeer, Jean François van Chairman of the Executive Board and CEO, Heineken N.V.
NOR Brandtzæg, Svein Richard President and CEO, Norsk Hydro ASA
AUT Bronner, Oscar Publisher, Der Standard Medienwelt
GBR Carrington, Peter Former Honorary Chairman, Bilderberg Meetings
ESP Cebrián, Juan Luis Executive Chairman, Grupo PRISA
CAN Clark, W. Edmund President and CEO, TD Bank Group
GBR Clarke, Kenneth Member of Parliament
DNK Corydon, Bjarne Minister of Finance
GBR Cowper-Coles, Sherard Business Development Director, International, BAE Systems plc
ITA Cucchiani, Enrico Tommaso CEO, Intesa Sanpaolo SpA
BEL Davignon, Etienne Minister of State; Former Chairman, Bilderberg Meetings
GBR Davis, Ian Senior Partner Emeritus, McKinsey & Company
NLD Dijkgraaf, Robbert H. Director and Leon Levy Professor, Institute for Advanced Study
TUR Dinçer, Haluk President, Retail and Insurance Group, Sabancı Holding A.S.
GBR Dudley, Robert Group Chief Executive, BP plc
USA Eberstadt, Nicholas N. Henry Wendt Chair in Political Economy, American Enterprise Institute
NOR Eide, Espen Barth Minister of Foreign Affairs
SWE Ekholm, Börje President and CEO, Investor AB
DEU Enders, Thomas CEO, EADS
USA Evans, J. Michael Vice Chairman, Goldman Sachs & Co.
DNK Federspiel, Ulrik Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S
USA Feldstein, Martin S. Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER
FRA Fillon, François Former Prime Minister
USA Fishman, Mark C. President, Novartis Institutes for BioMedical Research
GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc
IRL Gallagher, Paul Senior Counsel
USA Geithner, Timothy F. Former Secretary of the Treasury
USA Gfoeller, Michael Political Consultant
USA Graham, Donald E. Chairman and CEO, The Washington Post Company
DEU Grillo, Ulrich CEO, Grillo-Werke AG
ITA Gruber, Lilli Journalist – Anchorwoman, La 7 TV
ESP Guindos, Luis de Minister of Economy and Competitiveness
GBR Gulliver, Stuart Group Chief Executive, HSBC Holdings plc
CHE Gutzwiller, Felix Member of the Swiss Council of States
NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary  General of Bilderberg Meetings
FIN Heinonen, Olli Senior Fellow, Belfer Center for Science and International Affairs, Harvard Kennedy School of Government
GBR Henry, Simon CFO, Royal Dutch Shell plc
FRA Hermelin, Paul Chairman and CEO, Capgemini Group
ESP Isla, Pablo Chairman and CEO, Inditex Group
USA Jacobs, Kenneth M. Chairman and CEO, Lazard
USA Johnson, James A. Chairman, Johnson Capital Partners
CHE Jordan, Thomas J. Chairman of the Governing Board, Swiss National Bank
USA Jordan, Jr., Vernon E. Managing Director, Lazard Freres & Co. LLC
USA Kaplan, Robert D. Chief Geopolitical Analyst, Stratfor
USA Karp, Alex Founder and CEO, Palantir Technologies
GBR Kerr, John Independent Member, House of Lords
USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.
USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa
NLD Knot, Klaas H.W. President, De Nederlandsche Bank
TUR Koç, Mustafa V. Chairman, Koç Holding A.S.
DEU Koch, Roland CEO, Bilfinger SE
USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute
CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group
GRC Kyriacopoulos, Ulysses Chairman, S&B Industrial Minerals S.A.
INT Lagarde, Christine Managing Director, International Monetary Fund
DEU Lauk, Kurt J. Chairman of the Economic Council to the CDU, Berlin
USA Lessig, Lawrence Roy L. Furman Professor of Law and Leadership, Harvard Law School; Director, Edmond J. Safra Center for Ethics, Harvard University
BEL Leysen, Thomas Chairman of the Board of Directors, KBC Group
DEU Lindner, Christian Party Leader, Free Democratic Party (FDP NRW)
SWE Löfven, Stefan Party Leader, Social Democratic Party (SAP)
DEU Löscher, Peter President and CEO, Siemens AG
GBR Mandelson, Peter Chairman, Global Counsel; Chairman, Lazard International
USA Mathews, Jessica T. President, Carnegie Endowment for International Peace
CAN McKenna, Frank Chair, Brookfield Asset Management
GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist
FRA Montbrial, Thierry de President, French Institute for International Relations
ITA Monti, Mario Former Prime Minister
USA Mundie, Craig J. Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation
ITA Nagel, Alberto CEO, Mediobanca
NLD Netherlands, H.R.H. Princess Beatrix of The
USA Ng, Andrew Y. Co-Founder, Coursera
FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell, plc
GBR Omand, David Visiting Professor, King’s College London
GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer
USA Ottolenghi, Emanuele Senior Fellow, Foundation for Defense of Democracies
TUR Özel, Soli Senior Lecturer, Kadir Has University; Columnist, Habertürk Newspaper
GRC Papahelas, Alexis Executive Editor, Kathimerini Newspaper
TUR Pavey, Şafak Member of Parliament (CHP)
FRA Pécresse, Valérie Member of Parliament (UMP)
USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute
USA Petraeus, David H. General, U.S. Army (Retired)
PRT Portas, Paulo Minister of State and Foreign Affairs
CAN Prichard, J. Robert S. Chair, Torys LLP
INT Reding, Viviane Vice President and Commissioner for Justice, Fundamental Rights and Citizenship, European Commission
CAN Reisman, Heather M. CEO, Indigo Books & Music Inc.
FRA Rey, Hélène Professor of Economics, London Business School
GBR Robertson, Simon Partner, Robertson Robey Associates LLP; Deputy Chairman, HSBC Holdings
ITA Rocca, Gianfelice Chairman,Techint Group
POL Rostowski, Jacek Minister of Finance and Deputy Prime Minister
USA Rubin, Robert E. Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury
NLD Rutte, Mark Prime Minister
AUT Schieder, Andreas State Secretary of Finance
USA Schmidt, Eric E. Executive Chairman, Google Inc.
AUT Scholten, Rudolf Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG
PRT Seguro, António José Secretary General, Socialist Party
FRA Senard, Jean-Dominique CEO, Michelin Group
NOR Skogen Lund, Kristin Director General, Confederation of Norwegian Enterprise
USA Slaughter, Anne-Marie Bert G. Kerstetter ’66 University Professor of Politics and International Affairs, Princeton University
IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International
GBR Taylor, Martin Former Chairman, Syngenta AG
INT Thiam, Tidjane Group CEO, Prudential plc
USA Thiel, Peter A. President, Thiel Capital
USA Thompson, Craig B. President and CEO, Memorial Sloan-Kettering Cancer Center
DNK Topsøe, Jakob Haldor Partner, AMBROX Capital A/S
FIN Urpilainen, Jutta Minister of Finance
CHE Vasella, Daniel L. Honorary Chairman, Novartis AG
GBR Voser, Peter R. CEO, Royal Dutch Shell plc
CAN Wall, Brad Premier of Saskatchewan
SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB
USA Warsh, Kevin Distinguished Visiting Fellow, The Hoover Institution, Stanford University
CAN Weston, Galen G. Executive Chairman, Loblaw Companies Limited
GBR Williams of Crosby, Shirley Member, House of Lords
GBR Wolf, Martin H. Chief Economics Commentator, The Financial Times
USA Wolfensohn, James D. Chairman and CEO, Wolfensohn and Company
GBR Wright, David Vice Chairman, Barclays plc
INT Zoellick, Robert B. Distinguished Visiting Fellow, Peterson Institute for International Economics
AUT Austria INT      International
BEL Belgium IRL      Ireland
CAN Canada ITA      Italy
CHE Switzerland NLD    Netherlands
DEU Germany NOR   Norway
DNK Denmark POL    Poland
ESP Spain PRT    Portugal
FIN Finland SWE   Sweden
FRA France TUR    Turkey
GBR Great Britain USA    United States of America
GRC Greece

La guerra tra Piazzapulita e Grillo continua sul web

piazza-pulita-tuttacronaca

Il popolo della rete è diviso tra Corrado Formigli, conduttore di Piazzapulita, il programma di approfondimento politico del lunedì di La7 e Beppe Grillo. Nella ventunesima puntata di Piazzapulita, dal titolo I buoni e i cattivi, andata in onda lunedì 3 giugno alle 21.10 su La7, si è discusso oltre che della finta abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, anche dei nuovi attacchi ai giornalisti, della rottura del M5S  con  Stefano Rodotà e con Milena Gabanelli.

Ed è proprio il conduttore della trasmissione a lanciare la bomba su Beppe Grillo affermando: “Se abbiamo detto delle falsità ci denunci, altrimenti ci faccia fare il nostro lavoro e lui faccia il suo”. E’ più di una sfida e la rete non poteva rimanere indifferente a questa provocazione e si è scatenata su twitter con gli hashtag #PiazzaPulita e #sefossigrillo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una jam session per Jannacci

Jannacci-jam-session

Avrebbe compiuto 78 anni il 3 giugno Enzo Jannacci, mancato il 29 marzo di quest’anno. Per festaggiarlo, un gruppo di amici si è riunito e, con il figlio del cantante, Paolo, al pianoforte, hanno improvvisato una jam session a Palazzo Lombardia, sede della Regione. Roberto Maroni ha commentato l’evento in Twitter: “Abbiamo suonato qui al 39esimo piano per essere più vicini a dove si trova Enzo adesso”. Alle 20 e 13 un tweet di Roberto Maroni spiega così il senso di quella «jam session» improvvisata a Palazzo Lombardia, sede della Regione. Tra gli altri, presenti anche Paolo Rossi, Franco Cerri, Teo Teocoli, Renato Pozzetto, Cochi Ponzoni e Massimo Boldi. Il pubblico ha pottuo seguire l’evento su un monitor al piano terra, seguendo così anche la calata di Maroni nei panni di musicista mentre duetta un pezzo blues con Paolo Jannacci. Il preferito del politico, però, resta El purtava i scarp de tennis. “È profondo, perchè ci ricorda quanto sia importante stare con i piedi per terra – ha detto il governatore – Quanto si debba stare attenti a non lasciarsi affascinare dalle sirene del potere, ma rimanere sempre in mezzo alla gente, per lavorare e cercare di risolvere i problemi concreti”. Tra le tante testimonianze di affetto, Paolo Rossi ha definito il cantante “Uno dei miei maestri”: “Ne ho avuti tanti – ha sottolineato – ma solo Enzo mi ha insegnato a trovare le idee per strada”. Commosso il grande jazzista Franco Cerri: “Enzo era nato per fare il musicista, insieme ne abbiamo fatte di tutti i colori. E soprattutto ci siamo fatti tante bellissime risate”.

A un giorno dalla prossima udienza esce il disegno di Reeva!

pistorius-disegno-reeva-tuttacronaca

Domattina alle 9 accusa e difesa staranno in campo. Una con la tesi innocentista e l’altra con la tesi accusatoria. Al centro il protagonista è sempre lui Oscar Pistorius, l’uomo che pistola alla mano, per errore o intenzionalmente, ha ucciso la sua fidanzata. Intanto tabloid britannico Daily Star mostra un disegno che Reeva aveva fatto a 14 anni. E’ shock! La ragazzina aveva disegnato un uomo con la pistola in mano e un donna angelo bionda, in un abito rosso… Quasi una premonizione? Nel disegno c’è anche una scala che va in paradiso… forse, incosciamente, Reeva lo sapeva che la sua esistenza sulla terra non sarebbe poi stata così lunga… o pure solo una tragica coincidenza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma chi potrebbe incastrare Pistorius se fosse davvero colpevole?

Una delle persone che davvero potrebbero dire la sua sulla vicenda è Francois Hougaard, un amico della modella. Pistorius era geloso della star del rugby sudafricano.? Ci sono voci di corridoio secondo le quali Hougaard avrebe mandato un sms a Reeva la notte della sua morte… fu quel messaggio a far impazzire Pistorius?

Ma oltre a Hougaard, un’altra persona che potrebbe svelare qualche utile particolare è Justin Divaris. Chi è? Un uomo d’affari e  un venditore di automobili che fu chiamato dal corridore durante la notte in cui successe la tragedia. Pistorius lo conosceva bene, erano amici e spesso si faceva prestare le auto sportive proprio da Divaris.

Marc Batchelor, x calciatore professionista sudafricano, sicuramente conosce “l’altra faccia di Pistorius” se come è vero è stato minacciato da Oscar quando provò a flirtare con una ex-ragazza del corridore. Sembra che il campione paraolimpico in quell’occasione lo avrebbe intimidito con queste parole: “Ti spezzo le gambe”.

Ci sarebbe poi la ex di Pistorius, Samantha Taylor che lo descrive come un maniaco del controllo e un dongiovanni. Secondo la ragazza Oscar “Non è sicuramente la persona che appare in pubblico”.

oscar-pistorius-tuttacronaca

Altra persona che davvero potrebbe far la differenza al processo è l’amico dell’atleta, Kevin Lerena, testimone di uno strano incidente che sarebbe avvenuto a gennaio (un mese prima della morte di Reeva) dentro un ristorante affollato. Pistorius sarebbe stato incuriosito dalla pistola nuova di un amico che si trovava con loro, avrebbe tolto la sicura e avrebbe sparato un colpo per errore. Il direttore del ristorante, Jason Loupis, ha detto di non aver riferito dell’accaduto alla polizia perchè Pistorius e amici, clienti abituali del suo locale, hanno negato i fatti ai camerieri che si erano avvicinati per capire cosa fosse accaduto. In quell’occasione fortunatamente non ci furono feriti.

Al processo potrebbero contare anche le testimonianze di dodici vicini di casa di Pistorius, cinque uomini della sicurezza e tre infermieri del pronto soccorso, intervenuti sul luogo della tragedia

Omicidio a colpi di balestra: succede a Castellammare di Stabia

freccia-balestra

Si trovava nella sua abitazione a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, Pasquale Duria, quando è stato raggiunto da un colpo scoccato da una balestra. L’uomo, un 48enne, è stato subito soccorso e quindi trasportato in ospedale dove è morto. Sembra che l’omicidio sia maturato in ambito familiare e ora la polizia sta cercando il figlio della vittima. La moglie, invece, è già stata portata in Commissariato per essere ascoltata.

Cristiano decapitato in India: rifiutava di convertirsi all’induismo

christians-protest

Tapas Bin, insegnante 35enne che viveva nel villaggio di Teliamura (West Tripura), nella zona nord-orientale dell’India ha pagato con la vita la sua decisione di non abbandonare la sua religione, il cristianesimo, a favore dell’induismo. La sua morte è avvenuta per decapitazione ed è stato il suocero, un 55enne impiegato governativo del dipartimento di scienze e tecnologia, a infliggergliela. Il corpo di Tapas è stato rinvenuto qualche giorno fa in un ruscello che scorre vicino al villaggio e, nelfrattempo, l’assassino, che è riuscito a compiere il delitto con l’aiuto di uno sciamano, il 42 enne Khrishapada Jamatiya, ha fatto perdere le sue tracce. Lo sciamano, che aveva eseguito la puja, la preghiera rituale, prima del gesto, è già stato arrestato. E’ la moglie di Tapas, Jentuly, a spiegare il gesto del padre: Mio padre non aveva mai accettato che Tapas fosse cristiano, aveva sempre esercitato pressioni, ma mio marito non aveva mai ceduto. Adesso ho paura: mio padre potrebbe uccidere anche me e mio figlio”. In India l’intolleranza religiosa si tramuta spesso in violenze: secondo dati raccolti dal Global Council of Indian Christians (GCIC), nel solo 2011, la minoranza cristiana è stata vittima di 170 attacchi di nazionalisti indù, di entità più o meno grave. Si tratta di attacchi di vario genere perpetrati da gruppi appartenenti al movimento nazionalista indù del Sangh Parivar. In questo contesto, non aiuta il fatto che, nel settembre 2011, il Parlamento abbia bloccato per l’ennesima volta l’approvazione del Communal Violence Bill, la legge sulla violenza interreligiosa.

I fotografi non servono più?

fotoreporter

La settimana scorsa il Chicago Sun-Times, secondo quotidiano più importante e l’ottavo quotidiano per copie diffuse degli Stati Uniti che nel corso della sua storia ha vinto otto premi Pulitzer, ha licenziato tutti i suoi 28 fotografi. Le immagini saranno scattate dagli stessi giornalisti e da dei fotografi freelance che dovranno anche girare i video. Tra le persone rimaste senza lavoro anche John H. White, che vi lavorava dal 1978 e vincitore di un Pulitzer per la fotografia nel 1982. Il quotidiano ha motivato la sua scelta spiegando che “sta evolvendo insieme ai suoi lettori” e che “di conseguenza dobbiamo modificare il modo in cui maneggiamo i contenuti multimediali, fotografia inclusa. Le fonti delle entrate del Sun-Times stanno cambiando rapidamente e il nostro pubblico cerca sempre più video insieme alle notizie. Abbiamo fatto grandi progressi nell’andare incontro a queste richieste e siamo concentrati nel diventare sempre più bravi a riportare le notizie con video e altri elementi multimediali”. Già sul piede di guerra il sindacato dei giornalisti di Chicago, a cui sono iscritti 20 dei 28 fotografi licenziati, che farà causa all’azienda. Il Chicago Sun-Times sta facendo i conti con il calo di investimenti pubblicitari e abbonamenti, con le nuove tecnologie e con la diminuzione delle vendite e questo appare solo come l’ennesimo dei tagli. Del resto che siano gli stessi giornalisti a scattare foto e girare video con gli smartphone è una richiesta sempre più diffusa e anche in Italia si stanno portando avanti trattative sindacali al riguardo e c’è un aspro dibattito in corso. Sa un lato i giornalisti diventano più “completi”, dall’altro il rischio è d’incappare in una mancanza di specializzazione che potrebbe danneggiare la qualità dell’informazione. L’esperto di giornalismo e nuove tecnologie Alan Mutter, ex caporedattore centrale del Chicago Sun-Times, si chiede: “continueremo ad avere molte foto, ci saranno sempre. Ma avremo ancora le grandi fotografie, le indimenticabili immagini iconografiche? Forse no”. Ci mancheranno, quelle grandi foto che facevano il giro del mondo, che viaggiavano in primo luogo sulla carta stampata e che, a distanza di decenni, ancora restano impresse nella memoria.

Le Harley toccano i 110 e a Roma festeggiano un evento internazionale

COLOSSEO-BIKES_large-tuttacronaca

Harley, si sa, non è solo una moto ma una vera e propria filosofia di vita. Hanno scelto Roma per festeggiare i loro 11o anni di storia e hanno deciso di farlo con due grandi eventi internazionali correlati da altri eventi che vedranno come protagonista sempre la moto più famosa al mondo. Il primo evento di maggior rilievo sarà la parata, del 15 giugno, che porterà le Harley da Ostia al centro di Roma. I primi sette chilometri saranno percorsi nella corsia centrale della Cristoforo Colombo da circa 2500 moto e a gruppi di 500 scortati dalla polizia locale.

L’altro evento è invece fissato per il 16 giugno a Piazza San Pietro. “Per la benedizione del papa, gli harleyisti si incontreranno domenica 16 giugno a piazza San Pietro e circa 700 di loro –  spiega Mauro Cutrufo, già vicesindaco e attualmente coordinatore dell’evento per il Campidoglio – potranno entrare e avvicinarsi alla piazza con la moto, parcheggiando a via della Conciliazione, mentre 20mila harleyisti entreranno in piazza San Pietro con il biglietto per la benedizione. Per la Capitale la festa dell’Harley, la regina delle moto, sarà anche l’occasione per rilanciare la risorsa delle due ruote per contrastare il traffico. – afferma sempre Cutrufo – Se a Roma circolano 600mila due ruote, sappiamo bene il vantaggio nell’incentivare l’uso e la diffusione del mezzo a vantaggio di una mobilità più a misura di cittadino”.

Forse meno sicura? Invece di puntare sul servizio pubblico puntiamo su un mezzo privato a due ruote?

Al di là delle polemiche, sarà un’invasione pacifica di oltre 100mila harleyisti e 400mila appassionati che parteciperanno ai festeggiamenti per il 110° anniversario di Harley-Davidson. L’evento romano, secondo la casa motociclistica, non ha precedenti in Europa e sarà secondo solo a quello che si terrà a Milwaukee, dove la casa motociclistica è nata e dove si trova il suo quartier generale.

 All’evento dovrebbero partecipare oltre 200 mila persone, ce la farà la capitale a reggere l’impatto?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli indios brasiliani rivogliono la loro terra: Occupy Mato Grosso

occupy-mato-grosso-tuttacroanca

E’ la volta di “Occupy Mato Grosso”: i popoli originari del Brasile rivendicano la terra che era stata dei loro antenati con archi e frecce. Centinaio di indios brasiliani, tutti di etnia Terena hanno occupato la “Esperança”, un’enorme fazenda di 12mila ettari ad Aquitana, nello stato del Mato Grosso, proprietà di un politico locale. La zona occupata, non lontana dai confini di Bolivia e Paraguay, in pieno Pantanal, è una delle più grandi produttrici di soia dell’intero Brasile e da sempre i nativi hanno stabilito un forte legame. Motivo per il quale in questi ultimi giorni le tensioni sono davvero forti.  Ma “Esperança” non è la prima fazenda ad essere stata occupata, la settimana scorsa, infatti, era stata presa di mira, nella stessa regione,  un’altra fazenda a Sidrolândia. In quell’occasione, difendendosi salle accuse affermando di essere stati aggrediti con archi e frecce, durante gli scontri i poliziotti hanno ucciso uno dei manifestanti e feriti altri otto nel tentativo di disperdere gli “occupanti”. Per quel che riguarda la Fazenda Esperança “la situazione continua a rimanere tesa”, spiega Moraes, portavoce della Polizia stessa. Secondo il Cimi, il Consiglio indigenista missionario, uno studio della Fondazione nazionale dell’Indio (Funai) avrebbe dimostrato e riconosciuto che 33 mila ettari di tutta questa regione sono “terra indigena tradizionale”, aggiungendo che sarebbe imminente l’ampliamento della riserva Taunay/Ipeg in grado di accogliere circa seimila indios.  occupy-mato-grosso

Gavettone killer, muore un’anziana nel triestino!

gavettone-uccide-anziana-tuttacronaca

Aveva più di 80 anni la donna che è morta all’ospedale di Cattinara, in provincia di Trieste, dopo che le era scivolato addosso un giovane che stava festeggiando la fine della scuola lanciandosi gavettoni con gli amici. La donna nella caduta ha sbattuto violentemente la testa ed è morta in ospedale dove era stata sottoposta anche a un intervento chirurgico nel tentativo di salvarla.  Nella città è una tradizione che i maturandi lancino “bombe d’acqua” tra di loro, peccato che questa “guerra” abbia causato una vittima.

10 casi di Nuova Sars in Italia. E’ lo stesso virus o uno nuovo?

new-sars-tuttacronaca

Alla fine sono 10 le persone positive al test della Nuova Sars ad affermarlo è professor Alessandro Bartoloni, responsabile del reparto malattie infettive dell’Aou di Careggi.

“Le persone risultate positive al test – prosegue il professore – non sono state isolate e sono a casa perchè non presentano alcun sintomo. Continuiamo a prelevare campioni e ad esaminarli per capire fino a che punto il virus si è diffuso. C’era la convinzione, secondo quanto indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità – prosegue l’infettivologo -, che il virus si trasmettesse poco e fosse piuttosto aggressivo. Quel che stiamo vedendo finora sembra essere, invece, esattamente il contrario. Lo schema si è ribaltato”. I test vengono quindi condotti su persone che hanno avuto contatti con chi già risulta positivo, anche se non presenta alcun sintomo. “Oltre che a tutela delle persone – spiega il professor Bartoloni – questo studio ci servirà a capire quale è la dimensione del fenomeno. L’interrogativo, a questo punto, è: il virus si è modificato o è un altro virus?”.

I pazienti ricoverati intanto migliorano e  la collega del primo paziente colpito da Nuova Sars, il quarantacinquenne giordano dipendente di un albergo fiorentino, potrebbe essere dimessa già stasera o al più tardi domani. Ma sono migliorate sensibilmente anche le condizioni del 45enne anche se ha ancora qualche difficoltà respiratoria.

 

Moratti tra cuore e ragione… chi vincerà?

massimo-moratti_tuttacronaca

Cosa c’è davvero sul tavolo di corso Vittorio Emanuele? Sicuramente a una di quelle sedie siede Massimo Moratti dilaniato tra la ragione che guida la sua parte manageriale e quella del cuore legata a una squadra che da sempre è stata anche identificata con il suo Presidente. Ma cosa prevarrà nell’affare con  l’indonesiano Thohir? In questi giorni si è detto di tutto e la maggior parte delle cose scritte non sono vere come afferma lo stesso Moratti, ma forse si è anche parlato di uno stadio e il Presidente nella risposta è puntuale “è importante”. Quindi al centro della trattativa vi è sul tavolo uno stadio di proprietà dell’Inter, una casa per la squadra nerazzurra che possa rilanciare il team in vetta alla classifica dopo un campionato disastroso anche a causa di innumerevoli infortuni. Ma cosa convincerà il patron dell’Inter? Quale sarà la decisione finale? : “E’ una decisione di tipo diverso, non è determinante (la quota), è determinante se porta vantaggi all’Inter. Se la questione non ha un vantaggio grosso per l’Inter non se ne parla”.

Come ogni buon padre Moratti si augura il meglio per “sua figlia” Inter… anche a costo di perderla se sarà per il suo bene!

Lo struzzo che provoca 9 incidenti e semina il panico.

struzzo-corre-in-città-tuttacronaca

Ancora si deve capire da dove possa essere arrivato lo struzzo che qualche giorno fa ha seminato il panico nella città cinese di Zhangzhou. L’animale ha causato 9 incidenti e si è fatto investire due volte, fortunatamente non riportando gravi ferite, tanto che, come si vede nel video, l’animale dopo essere stato investito si riprende immediatamente e ricomincia a correre. Alla fine sono riusciti a catturarlo e lo hanno trasferito allo zoo più vicino.

Il doping colpisce ancora il Giro: Santambrogio positivo all’Epo

mauro-santambrogio-doping

Il fantasma del doping sembra non lasciare tregua al giro d’Italia. Ad un controllo effettuato a Napoli il 4 maggio, al termine della prima tappa, il lombardo Mauro Santambrogio è risultato positivo all’Epo. Il test è stato disposto dall’Uci e la positività è stata riscontrata dal laboratorio di Roma. Il ciclista, che si è classificato al nono posto della corsa rosa appena conclusasi, è tesserato per la Vini Fantini Selle Italia, ossia  la stessa squadra per la quale correva Danilo Di Luca, a sua volta risultato positivo all’Epo ad un controllo a sorpresa. Santambrogio, nell’edizione appena conclusasi del Giro, ha vinto la 14/a tappa, da Cerbera a Bardonecchia.

Tornano le squadre fasciste? E’ arrivato l’esercito di Silvio.

esercito-di-silvio-tuttacronaca

Diego Volpe Pasini, ex “consigliere” di Silvio Berlusconi e ispiratore dell’Esercito di Silvio, intervistato da La Zanzara su Radio 24 ha affermato:

“Nei comizi la polizia non serve a un c***o per difendere il diritto di Berlusconi di parlare. Lo ha dimostrato in tre occasioni su tre. Ci vuole l’Esercito di Silvio, così iniziamo a darle. Non è possibile che quando il presidente Berlusconi va a parlare alla sua gente intervengano centinaia di facinorosi dei centri sociali, di Sel o dei Cinque Stelle. Qualcuno deve iniziare a prendere quattro sberle, noi non andiamo mai a disturbare i comizi di nessuno”.

E ancora:

“La polizia non ci pensa – insiste Volpe Pasini – perchè la polizia come sempre deve usare il bastoncino perchè non può fare nulla. Il presidente ha diritto di fare attività politica e nessuno ha mai protestato per il servizio d’ordine della Cgil. Vogliamo smetterla di essere insultati, di vedere le bandiere bruciate, di venire presi a sputi senza mai reagire. Reagiamo a mani aperte. Se tirano i sassi li ritiriamo. Esiste il diritto alla sberla o a tirare un calcio nel c**o”.

Gli italiani non hanno bisogno di eserciti, ma di obiettivi, di futuro e di poter ricominciare a sognare.

Predappio e il saluto romano di Giorgettti

Alberto Giorgetti-tuttacronaca

“Il saluto romano? Lo facevo da giovane e in occasioni importanti, di incontri con militanti e in altre iniziative. L’ultima volta l’ho fatto diversi anni fa’.” Così Alberto Giorgetti, esponente del PDL e Sottosegretario all’Economia del Governo Letta, oggi a ‘Un Giorno da Pecora’, su Radio2, ha raccontato come in passato fosse schierato decisamente a destra. Giorgetti aggiunge anche: “C’è stata una storia importante nella destra. Sono stato coordinatore provinciale del Fuan per alcuni anni. Ero di destra”. Ma il Fuan non era neofascista? “No, lo dicevano i comunisti”. Ed è mai stato a Predappio? “Predappio fa parte della storia, ci sono stato”.

In merito al  ” Saluto Romano”   la Cassazione penale , sez. I, sentenza 17.06.2009 n° 25184 si è così espressa:
“Il “saluto romano” non è espressione della possibilità di manifestare liberamente il proprio pensiero, ma è un gesto che istiga all’odio razziale, cioè che sconfina nell’istigazione alla violenza, e – quindi – come tale va punito ex articolo 2, legge 205/93″.

Chi occupa il ruolo di Sottosegretario all’Economia, un politico quindi che siede nell’esecutivo, può affermare liberamente di aver fatto il “saluto fascista/romano” contravvenendo a una sentenza della Cassazione Penale? Sembra indispensabile che prima di nominare un componente del governo si accerti il livello e i suoi valori democratici…

 

Denuncia i pedofili e finisce in carcere.

Ye-Haiyan-tuttacronaca

Lei è una nota attivista per i diritti delle donne e si chiama Ye Haiyan, ma in Cina protestare, si sa, può portare gravi conseguenze. Qualche giorno fa una sua foto aveva riscosso enorme successo e aveva generato una vera e propria campagna, diventata virale, sul web. La donna si era fatta ritrarre con un enorme cartello su cui era scritto:   “Preside, chiamami se vuoi andare a letto, lascia in pace i bambini“ riferito al preside di una scuola accusato, insieme a un altro dipendente della stessa, di abusare delle bambine affidate alle sue cure stuprandole.

Quando Ye Haiyan torna a casa ad attenderla ci sono delle persone che, secondo Haiyan, avrebbero cercato di aggredirla. Lei si sarebbe difesa con un coltello da cucina ferendo lievemente tre donne. Naturalmente per il governo cinese, queste persone, erano andate dalla donna per una serie di vecchie storie personali e la stessa attivista in un primo momento le avrebbe accolte in casa e poi le avrebbe ferite.

La donna è stata condannata a 15 giorni di carcere. 15 giorni in cui lei, donna sola con una figlia 13enne non sa proprio come gestire. Così sono insorti gli attivisti denunciando come in Cina nessuno può toccare i pedofili senza finire in carcere.

Gli uomini muschio!

hombres_de_musgo_tuttacronaca

Le tradizioni sono tradizioni, ma quella della cittadina di Bejar, cittadina spagnola nella provincia di Salamanca, è molto singolare.  risale alla metà del XII secolo e narra, secondo la leggenda locale, che i cristiani riuscirono a riconquistare la cittadini entrandovi di notte, coperti di muschio. In questo modo riuscirono a penetrare nella città senza essere visti dalle guardie musulmane.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ancora oggi a Bejar, per il Corpus Domini, alcuni uomini si travestono da Hombres de Musgo, per ricordare l’avvenimento e tramandare la leggenda anche alle generazioni futuro. Il passaggio degli “uomini muschio” avviene proprio all’interno delle celebrazioni religiose proprio per richiamare la riconquista cristiana di Bejar a danno dei musulmani.

Epilazione o depilazione? Il dilemma non è più solo al femminile!

depilazione-e-epilazione-tuttacronaca

Anche gli uomini si stanno avvicinando alla depilazione intima, le forme più gettonate che copiano dalle donne sono: Bermuda Triangle, Martini Glass, Hearth Breaker. Secondo un’indagine su 1000 uomini intervistati quasi la metà preferisce forme “classiche” di depilazione intima.

Se l’anno scorso c’è stato il tormentone del vajazzle (il tatuaggio inguinale fatto di strass e brillantini) quest’anno cosa andrà di moda?

vajazzle-tuttacronaca

Intanto Wilkinsons lancia la “Formina Mania”, una forma a nota musicale in grado di svelare la propria anima pop, rock o heavy metal attraverso i dettagli delle parti intime.

Poi resta sempre l’annoso dilemma epilazione o depilazione? Una più duratura ceretta o il rasoio veloce? Una rimozione definitiva o qualcosa di meno drastico e meno costoso come una bella crema depilatoria? I dilemmi dell’estate che da qualche tempo angosciano anche gli uomini!

depilazionemaschile-tuttacronaca

La testata di Nesta all’avversario… sulle orme di Zidane?

nesta-testata

9 luglio 2006: finale dei Mondiali di calcio Germania 2006. Sul campo dell’Olympiastadion di Berlino si fronteggiano Italia e Francia. Il capitano della squadra francese Zinédine Zidane, al suo ultimo incontro come professionista, assesta un colpo di testa al torace del difenzore italiano Marco Materazzi, sembra come reazione ad una provocazione verbale dell’azzurro. L’azione, inizialmente passa inosservata, frutta a Zidane il cartellino rosso.

Ora sembra proprio che Zidane abbia trovato un emulatore. Alessandro Nesta, ex difensore della Nazionale che ora gioca in Canada nei Montreal Impact, stava disputando una partita contro la squadra del Kansas City quando uno degli avversari, Claudio Bieler, ha tentato di pestargli la mano. La reazione è stata quella di rialzarsi e colpirlo con una testata. Per il calciatore italiano è arrivato il cartellino rosso e poi è stato squalificato per tre giornate.

La Polizia della Florida arresta… un lama!

lama-arrestato

E’ stato lo stesso ufficio dello sceriffo della contea di Leon, in Florida, a rendere pubblica questa fotografia. Gli agenti si sono ritrovati infatti a compiere un arresto quanto mai singolare: un lama! L’animale, che ha sette anni e si chiama Scooter, era fuggito e, per fermarlo, la polizia è stata costretta ad utilizzare il teaser. Il lama ora sta bene ed è già tornato dai suoi proprietari.

I superstipendi dei manager di Poste italiane: 142 milioni di euro

Pacco_postale-manager-posta-tuttacronaca

Tempo di crisi ma lievitano ancora gli stipendi dei dirigenti di Poste Italiane Spa. “Solo” del 4,2% rispetto all’anno passato nonostante calino gli utili. I 584 manager del gruppo costano allo Stato oltre 142 milioni di euro e per loro la spending review non vale. Ma come si regge Poste Italiane? Gran parte del merito va ai servizi finanziari e ai servizi assicurativi, mentre il trend delle maggiori controllate del Gruppo interessate all’area postale è negativo. Da dove vengono gli stipendi d’oro dei manager del gruppo? naturalmente da doppi o tripli incarichi. Oltre a Massimo Sarmi, amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane, compaiono Giovanni Ialongo (630 mila euro l’anno) presidente di Poste Italiane, presidente di Italia Previdenza Sispi S.p.A e presidente di Postel, società per la gestione dei servizi di Gestione Documental; Vincenzo Falsarano, è ad di Egi, Società del Gruppo Poste Italiane e amministratore unico di Poste Energia; Claudio Picucci è presidente di Poste Mobile e (potente) direttore delle Risorse umane di Poste; Pasquale Marchese, capodivisione Mercato Privati di Poste Italiane e amministratore di Bancoposte Fondi Spa; Stefano Grassi è ad di Poste Tutela Spa e direttore della Struttura Tutela Aziendale di Poste Italiane; Maria Farina Bianca, è ad di Poste Vita Spa, ad di Poste Assicura Spa, Presidente di Gea e Vicepresidente ANIA; Pierangelo Scappini è ad di Postel e PostelPrint; Vincenzo Pompa e ad di Postecom Spa e Posteshop Spa e infine Valter Catoni, ad e dg di SDA e responsabile nazionale grandi clienti e Pa di Poste Italiane.

Dove è la spending review? Anche le poste tirano i pacchi agli italiani?

Chiara e Paola lasciano la musica dopo 17 anni.

paola-e-chiara-giungla-tuttacronaca

Sono infuriate le due sorelle che da 17 anni portano il loro contributo alla musica italiana. Così Chiara si sfoga sul profilo della sua pagina Facebook e dichiara che il duo sta pensando seriamente a un ritiro dalle scene:  “SOLO QUESTO  DOPO 17 ANNI DEDICATI ALLA MUSICA, MI SENTO DI DIRE CHE NESSUNO MAI VERAMENTE HA CREDUTO O PUNTATO SU DI NOI. ECCO PERCHE’ GIUNGLA E’PROBABILMENTE L’ULTIMO DISCO. IL POP DANCE ALL’ESTERO E’ UNA REALTA’ E UN BUSINESS, QUI NON SI CAPISCE PERCHE’ SIAMO LE UNICHE A FARLO. LO AVETE NOTATO,VERO? NO ECCO”, queste le parole di Chiara.

“Lei sta in cielo” così Francesco su Emanuela Orlandi

Papa-orlandi-tuttacronaca

«”Lei sta in cielo”. È questa la frase che papa Francesco ha detto prima a mia madre e poi a me quando, come tanti altri fedeli, lo abbiamo incontrato dopo la messa che celebrò nella parrocchia di S. Anna in Vaticano pochi giorni dopo la sua elezione: parole che mi hanno fatto gelare il sangue». Così il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi che poi ha aggiunto «Da quando è stato eletto il nuovo papa – spiega – ho chiesto più volte di poter avere un incontro personale con lui. Ho inviato quattro fax diretti al suo segretario personale, mi sono accertato che li avesse ricevuti, ma per ora non ho avuto risposta. A questo punto, vedo poche possibilità».

E’ stata la frase di un uomo di chiesa che cerca di consolare i genitori di una ragazza scomparsa da 30 anni o è una frase da Capo di un Stato che rivela una triste verità?

Ritrovato carbonizzato il corpo di Calogero Ciulo

calogero-ciulo-scomparso-corpo-carbonizzato-tuttacronaca

Era il 27 maggio quando Calogero Ciulo, 43 anni, padre di 4 figli ed ex  gestore di una rosticceria chiusa un anno fa era scomparso nel nulla. Oggi è stato rinvenuto,  a Canicattì (Agrigento), il suo corpo carbonizzato all’interno del portabagagli della sua auto, anch’essa bruciata. Probabilmente Ciulo sarebbe stato ucciso il giorno stesso della scomparsa e il suo corpo sarebbe poi stato messo nella Fiat Bravo di proprietà dell’uomo. Sembra che ciulo avesse contratto numerosi debiti negli ultimi tempi, la polizia non ha escluso nessuna pista e sul cadavere, come da prassi, è stata disposta l’autopsia.  

 

Morto in ospedale l’uomo colpito nella sparatoria del milanese

Omicidio a Settimo milanese -tuttacronaca

Si chiamava Andrea Malcotti e aveva 51 anni (non 63 come era stato detto in primo momento). Era un pregiudicato agli arresti domiciliari condannato per una rapina, ma aveva il permesso di recarsi a lavoro tutti i giorni e per questo si trovava in strada, a Settimo Milanese, questa mattina quando è stato raggiunto da alcuni colpi di pistola. L’uomo è sembrato subito gravissimo, è arrivato in elisoccorso in condizioni disperate ed è morto poco dopo. Ora si indaga su un possibile regolamento di conti.

 

 

Stefano De Martino dà l’addio ad Amici

stefano-de-martino-dice-addio-ad-amici-tuttacronaca

Doveva essere una breve separazione e invece Stefano De Martino, neopapà di Santiago, non ci sarà neppure il prossimo anno nella popolare trasmissione di “Amici”.  Infatti sulla pagina Facebook di Maria De Filippi  è presente l’immagine del nuovo corpo di ballo maschile previsto per la tredicesima edizione: Amilcar Moret Gonzalez (già presente quest’anno), Sabatino D’Eustacchio (concorrente della terza edizione del talent), Michele Barile (concorrente di Amici 9), Marcello Sacchetta e Santo Giuliano (ex concorrente, dell’edizione 2006/2007). Nessuna traccia di De Martino… sarà costretto a fare da tata a Santiago anche il prossimo anno?

 

 

La caccia al tesoro… dopo il tradimento! Una vendetta da servire in internet!

lettera-d'addio-virale-tuttacronaca

Lei scopre il tradimento di lui e decide che in qualche modo deve vendicarsi… ma la sua è senza dubbio una vendetta di stile! Costringe il ragazzo a ripercorrere i luoghi più importanti della loro storia d’amore per recuperare le sue cose. Una giusta punizione per chi voleva mettere una pietra sopra al passato.

L’autrice naturalmente resta anonima, ma la lettera entrerà nella storia come  una delle più condivise della storia di Internet: un milione e duecento mila visualizzazioni in 72 ore.

TRADUZIONE:

“Ciao Tesoro, indovina chi ha lasciato Facebook aperto sul proprio computer, e ha ricevuto un messaggio da Kelsi? Sì, proprio tu:) Ma non ti preoccupare, non ho rotto niente. Anzi, sono stata così dolce da impacchettarti le tue cose! Ho anche inventato un gioco divertente, visto che da che ti conosco so che ti piace cercare le cose, e le altre ragazze! Ecco dove troverai le tue cose.

I tuoi vestiti sono dove ci siamo incontrati la prima volta
I tuoi videogiochi dove ci siamo dati il primo bacio
Il tuo laptop è dove abbiamo comprato il primo videogame insieme
La tua tv è dove l’abbiamo fatto la prima volta
Tutto il resto, comprese le foto degli ultimi 2 anni della nostra vita insieme sono a casa di Kelsi

Divertiti!! Ah, non ho rotto o danneggiato nulla ma non posso garantirti che tu possa ritrovare le tue cose! Buona ricerca!”

Le mille facce della realtà raccontate su Street View!

street-view-ragazza-sfrattata-tuttacronaca

Ormai la realtà è virtuale? Sicuramente, no! Certo è che su Street View di vita ce n’è proprio molta. L’ultima è una foto di una ragazza che  si è trovata “sfrattata” sul marciapiede dal proprio fidanzato. Un amico della coppia scrive “Non posso scrivere nient’altro. Voglio proteggere la privacy della ragazza e del mio amico”. L’immagine è stata pubblicata su Reddit e arriva direttamente dalla California del Sud.

Se, poi, pensate di esservi persi qualcosa potete vedere la seguente galleria…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il maltempo piega l’Europa… ma c’è chi si rialza!

maltempo-europa

Tre vittime e tre dispersi nella Repubblica Ceca, un morto e due dispersi in Austria, due dispersi in Germania. Il maltempo non dà tregua e il bilancio si è aggravato, con decine di persone evacuate anche da un ospedale a Praga, dove il fiume Moldava è straripato in alcun punti mentre Danubio e Reno sono già esondati in vari punti. A fare le spese del maltempo, a  Praga, anche la metropolitana, con otto fermate chiuse e preoccupa anche la situazione dello zoo, già duramente colpito dalle alluvioni nel 2012 e da dove alcuni animali sono già stati evacuati. Ma l’allarme rimane anche in Germania, con il Danubio che ha inondato il centro storico di Passau, nel sudest del Paese al confine con l’Austria e altre situazioni allarmanti di inondazioni vengono segnalate a Chemnitz, Rosenheim e Tubinga. All’opera anche l’esercito, impegnato in alcune delle zone piu’ direttamente minacciate dall’acqua alta mentre smottamenti e frane hanno costretto alla chiusura di vari tratti stradali e autostradali, amcora più grave se si considera che anche la circolazione ferroviaria è interrotta su alcune linee.  In Austria evacuate più di 300 persone a causa dello stato di allerta decretato in gran parte delle province occidentali del Vorarlberg, del Tirolo e di Salisburgo, così come nella provincia dell’Alta Austria. Interrotto anche il traffico a causa di frane in molte parti delle province di Salisburgo e del Tirolo. A Linz, nel nord del Paese, il Danubio è in piena e i vigili del fuoco hanno chiuso al traffico diverse zone della città.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Intanto è arrivato l’annuncio del commissario Ue alle Politiche regionali, Johannes Hahn: “L’Europa è pronta ad aiutare Austria, Repubblica Ceca, e Germania, duramente colpite dal maltempo e dalle inondazioni con le risorse del fondo Ue per la solidarietà”. Ha poi precisato: “In questa fase i Paesi non hanno fatto domanda, ma hanno dieci settimane per formularla e crediamo che tale domanda verrà sicuramente accolta”. Ma se l’Europa è in ginocchio, c’è anche chi cerca il lato ludico nella situazione. E’ il caso di un ragazzo che, nella cittadina di Chemitz, ha approfittato dello specchio d’acqua creatosi per improvvisare una sessione di surf.

La torta con le cicche finte… è arte!

torta-cattelan-tuttacronaca

Alle feste della Biennale di Venezia si vede di tutto. L’ultima provocazione si è raggiunta al party che si è tenuto all’isola San Giorgio per celebrare la Fondazione Trussardi. Oltre a un’organizzazione impeccabile, a un’ottima musica e una piacevole atmosfera, la particolarità della festa è stato poter “contemplare e mangiare” le portate-opere d’arte che gli artisti, da anni collaboratori di Trussardi, hanno voluto ideare per questa cerimonia.  Sui tavoli sono stati serviti i  cioccolatini di Darren Almond e una torta con finte cicche ideata da Maurizio Cattelan. Non è mancato neppure il portachiavi di Tacita Dean che è stato regalato a tutti i presenti.

Berlusconi duce? Lo grida Grillo dal suo blog e “svela il segreto” del governo

silvio-berlusconi-tuttacronaca

Grillo, sul suo blog,  appoggia la tesi di Fico:  il governo deve durare così tanto per passare “indenne” il semestre europeo. Questo secondo il leader del M5S sarebbe il segreto del governo Letta e il disegno delle tattiche politiche che si stanno attuando è chiaro:

Il presidenzialismo è un’idea di Berlusconi, vuol farsi eleggere presidente-duce d’Italia con l’aiuto delle televisioni che il pdmenoelle gli ha graziosamente lasciato da vent’anni ignorando ogni conflitto di interessi. Mediaset trasmette grazie a generose concessioni governative sulle frequenze nazionali.

Grillo, come si legge dal suo sito, si domanda anche se un Presidente della Repubblica può parlare della durata di un governo e fissare un termine a 18 :

Mi domando, con quale autorità il presidente della Repubblica definisce la durata di un Governo? E perché 18 mesi? Da luglio a dicembre del 2014 l’Italia avrà la presidenza del Consiglio dei ministri della UE, in contiguità con le elezioni per il Parlamento europeo, nel giugno 2014, e con il rinnovo della Commissione Europea. Se il M5S si confermasse primo partito con il dissolvimento contemporaneo di pdl, il cui condannato in secondo grado per evasione fiscale potrebbe finire nelle patrie galere, e pdmenoelle, già scisso ufficiosamente in tre tronconi, il presidente della UE potrebbe essere espressione del M5S. Un’ipotesi da scongiurare a qualunque costo.

Infine parla di “senso del pudore:

Il porcellum, che i partiti a parole vogliono cambiare, è immutato dal 2006 e ogni giorno ci spiegano l’urgenza di una nuova legge elettorale. Pudore? Cos’è il pudore? Prendere per i fondelli i cittadini con una falsa legge per l’abolizione dei finanziamenti pubblici? Letta, prendi appunti: è sufficiente lasciare i soldi dove sono. Il M5S lo ha fatto rinunciando a 42 milioni di euro. Questi pinochettini senza divisa tagliano tutto, scuola, pensioni, sanità, ma non i loro privilegi.

Tinte forti per ribadire concetti chiari che ogni giorno affollano le pagine dei giornali… ma c’è una speranza per l’Italia o ci stiamo avviando lentamente sull’orlo del baratro come la Grecia e Cipro?

“Revoca della scorta a Saviano”, la proposta senza pudore di Bertoldi.

Roberto-Saviano-tuttacronaca

L’Italia è in crisi, prima di tutto di idee e ogni frase, anche la più delirante ormai riesce a riempire le pagine dei quotidiani. Non c’è più filtro e tutto viene dato in pasto all’opinione pubblica senza verificare le gravi conseguenze che un’affermazione può comportare. Oggi è il giorno del commissario del Pdl altoatesino, Alessandro Bertoldi, che vuole condannare a morte lo scrittore Roberto Saviano solo per aver detto quella che probabilmente è una dura e semplice realtà da dover affrontare. Lo scrittore è colpevole infatti di aver dichiarato che il Brennero è un potenziale corridoio della droga. Saviano lo ha dichiarato al Festival dell’Economia di Trento, ora viene accusato di essere “un ingrato” a cui lo Stato dovrebbe “revocare la scorta”.

Bertoldi, classe 1994, ha rincarato la dose affermando:  “Anche questa volta Saviano non ci ha risparmiato i suoi sermoni patetici. Anche in questo giorno ha mancato di rispetto alle nostre forze dell’ordine. Rinunci alla scorta, altrimenti chiederemo noi cittadini che il ministero gliela revochi, visto che costa parecchio e fin troppo per un ingrato del genere. Ci sarebbero una decina di uomini in più a garantire la sicurezza dei cittadini e a lottare contro mafie e droghe. Sono davvero indignato e lo dovrebbero essere tutte le autorità istituzionali e politiche di questa regione. La mia solidarietà personale e politica va ai vertici e agli uomini delle forze dell’ordine della nostra Repubblica”.

Il pupillo di Silvio Berlusconi, che molti vedono come erede diretto del leader del Pdl, appena 19enne, è stato nominato coordinatore provinciale del Pdl da Silvio Berlusconi e naturalmente sarà capolista alla provinciali di ottobre, affiancato da due “tutor”, uno dei due è la sorella di Michaela Biancofiore, Antonella, inflessibile preside delle Marcelline, ha quindi premuto sull’acceleratore con affermazioni originali “Visto che Saviano sostiene che i trentini e gli altoatesini siano delle persone a cui piace pippare coca, mi chiedo se non piaccia anche a lui”. Forse Bertoldi è poco informato su chi sia Saviano o forse non conosce le lotte che ha portato avanti in questi anni?

In Italia poi la pena di morte è illegale, levare la scorta a Saviano sarebbe condannarlo a morte. Forse non sa che è stata abolita nel 1948 ed è sempre stata utilizzata in modi limitatissimi soprattutto sotto il Regno Lombardo- Veneto?

L’importante è che certe affermazioni non trovino seguito in un paese democratico dove la lotta alle organizzazioni criminali dovrebbe essere il primo punto di un governo al servizio del paese. Sgominando la mafia e i suoi traffici l’Italia potrebbe davvero ricominciare a crescere e ad assumere giovani che la disperazione e la mancanza di lavoro sta gettando nelle braccia delle cosche. Quando si inizieranno a  fare discorsi etici e non proposte prive di pudore?

Sconfiggere la pirateria informatica? Arriva l’università degli hacker

Hacker

Si tengono dei corsi particolari e quanto mai attuali in Francia, a Maubeuge, quasi al confine belga, dove 26 studenti, tutti geek già diplomati in informatica, imparano a penetrare a colpi di mouse nelle fortezze virtuali costruite dai loro insegnanti, così come spiega uno dei loro professori, Franck Ebel: “Insegniamo loro le tecniche che usano i pirati perché è indispensabile avere dei mezzi di difesa basati sui metodi usati dagli attaccanti”.  La facoltà è una sede staccata dell’università di Valenciennes e si sta parlando dei “buoni”. I corsi vengono sorvegliati dalla Dcri, il controspionaggio francese, dopo aver vagliato profili e curricula degli iscritti, questo in vista della delicatezza del tema, con lo spionaggio informatico che sta diventando una delle “armi” più potenti in mano alle diverse potenze. Ma non pensiate ci siano solo programmi da violare, si tengono anche lezioni di giurisprudnza tenute da un avvocato specializzato: “La formazione non è solo tecnica. Sono necessari anche dei corsi di diritto. Gli studenti si rendono progressivamente conto della potenza che hanno in mano”. I ragazzi, al termine dei corsi, diventeranno “Collaboratore per la Difesa e l’Anti-Intrusione dei Sistemi Informatici”, ossia hacker che combattono gli hacker.

Lo sbadiglio è contagioso? Il video che lo dimostra!

sbadiglio-tuttacronaca

Stando ad alcuni studi, il 60% dei soggetti sani non può fare a meno di sbadigliare quando vedono qualcuno che lo fa vicino a loro. Roman Atwood, viste queste statistiche, ha voluto testarle personalmente ed è quindi partito per un lungo viaggio, che l’ha condotto in ogni angolo del mondo, per dimostrarne la veridicità. Il ragazzo ha camminato per le strade sbadigliando vistosamente e… ha ottenuto la risposta che cercava: lo sbadiglio è contagioso! Il video che ha realizzato, comparso da soli quattro giorni in rete, ha già superato le 2.300.000 visualizzazioni. Riuscirete a non sbadigliare?

Sparatoria nel milanese, grave un uomo di 63 anni.

Elisoccorso-sparatoria-milanese-settimo-63enne-ferito-tuttacronaca

Sparatoria nella tarda mattinata a Settimo Milanese, località non troppo lontano dal capoluogo lombardo. Intorno alle ore 12.53  in via Sandro Pertini all’altezza del civico 42, in località Seguro, un uomo di 63 anni è stato gravemente ferito dopo essere stato raggiunto da alcuni proiettili. Sul posto sono giunti un’ambulanza, per le  prime cure, e un elisoccorso che ha trasportato, in codice rosso,  il ferito al San Carlo di Milano in arresto cardiocircolatorio. Giunti subito anche i Carabinieri della Compagnia di Rho, che indagano sia su quanto accaduto in modo tale da risalire al movente e all’autore del gesto.

La ribellione vola sull’aeroplanino di carta!

protesta-aeroplanini-di-carta-uruguay-tuttacronaca

Sono gli spagnoli che vivono in Uruguay. Migliaia di chilometri li separano dalla loro terra originaria che sono stati costretti ad abbandonare a causa della crisi. Il 1° giugno si sono dati appuntamento davanti all’ambasciata spagnola a Montevideo per protestare contro la Troika e hanno scelto di farlo con gli aeroplanini di carta. Il simbolo, l’aeroplano, che li ha portati lontano da casa. Loro si chiamano “Marea Granata” e la loro manifestazione è stata ribattezzata “Operazione Atterra dove puoi”. Sugli aeroplanini lanciati oltre i cancelli dell’ambasciata vi erano scritte varie frasi di dissenso verso le  misure di austerity imposte da Madrid:

“Non restiamo in silenzio, non dimentichiamo!”

“Non partiamo, ci cacciano!”

“Esilio”

 

Odore di ‘ndrangheta nel fotovoltaico di Roma?

Guido Della Giacoma-ndrangheta-fotovoltaico-roma-tuttacronaca

Sembra proprio che l’energia pulita sia sempre più terreno per le organizzazioni criminali. Il futuro è verso nuove fonti di energia e così ‘ndrangheta si organizza e si lancia a conquistare nuove fette di mercato. A Roma sembra che il business delle cosche calabresi stia cercando di infiltrarsi nel fotovoltaico. Secondo fonti investigative,  “l’uomo giusto”  per portare a termine l’operazione era l’ex assessore regionale ai lavori pubblici della giunta Marrazzo Vincenzo Maruccio, ex capogruppo Idv, anche se al momento l’uomo non è indagato.

Secondo il Corriere della Sera, in un articolo a firma di  Fulvio Fiano, questa sarebbe la ricostruzione di quanto stava accadendo nella capitale nel mercato del fotovoltaico:

Ad aprire il nuovo fronte alcune intercettazioni su uno dei nomi chiave dell’«operazione Lybra», l’imprenditore Guido Della Giacoma, titolare della Medialink. Fin qui era entrato nell’inchiesta come vittima delle estorsioni del clan Tripodi, che attraverso la sua ditta fatturavano lavori mai eseguiti e cercavano coperture per entrare in appalti importanti. Tra questi, l’impianto di videosorveglianza in fibre ottiche per Roma. L’affare sfumò, ha raccontato a verbale Della Giacoma (non indagato), quando lui stesso si tirò indietro fiutando l’illecito. Ma ora almeno tre telefonate raccontano il titolare della Medialink tutt’altro che sottomesso ai boss. Ecco quindi che gli inquirenti stanno esaminando tutti i lavori forniti in subappalto da Della Giacoma a piccole imprese con fin qui insospettabili tratti malavitosi. Una di queste è la ditta di costruzioni di Cristian Sicari, 28 enne di Vibo Valentia, già impiegata dalla Medialink in Veneto. E il fotovoltaico sarebbe il settore dove più forti sono stati (in attesa di riscontri) i tentativi di infiltrazione della ’ndrangheta. Un reticolo di imprese e di subappalti non autorizzati che gli inquirenti puntano a ricostruire con la documentazione fornita da Della Giacoma e quella che è stata invece autonomamente acquisita agli atti.

Raduno di star: tempo di Wind Music Awards

wind-music-award-2013

Al Centrale del Foro Italiaco va in scena un raduno di star stasera. L’occasione è la nuova edizione del Wind Music Awards. E’ dal 2007 che gli Oscar della musica ospitano tutti coloro che hanno avuto il maggior successo discografico, che hanno vinto un Disco d’Oro, un Disco di Platino o di Diamante, più alcuni special guest e un gruppo di giovani in gara al concorso Wind Music Award Next Generation, dedicato agli artisti emergenti. Sul palco, presieduto da Carlo Conti e Vanessa Incontrada, sfileranno dunque gli artisiti, in una staffetta rapida: il tempo di qualche chiacchiera e un po’ di buona musica, anche se non tutti si esibiranno, prima di passare il testimone. Ad aprire ci sarà Claudio Baglioni con il suo E vai, ma la lista è lunga: Renato Zero, Biagio Antonacci, Francesco De Gregori, Malika Ayane, Mario Biondi, Emma Marrone, i Club Dogo, Tiziano Ferro, i Negramaro, Emis Killa, Fedez, Fiorella Mannoia, Max Gazzè, Marco Mengoni, i Modà, Gianna Nannini, Max Pezzali, Eros Ramazzotti, Antonello Venditti, Chiara Galiazzo e così via. Non solo Italia però. La musica non conosce barriere e quindi a Roma arriveranno anche gli inglesi Bastille, il cantautore e pianista britannico Jamie Cullum e Olly Murs, nuova scoperta dell’X Factor UK  (anche lui inglese e diventato famoso grazie a X Factor UK. Ma ricordiamo anche i dieci emergenti che, grazie al voto in rete, si sono conquistati il diritto di giocasi “la finale”: Daniel Adomako, Niccolò Agliardi & Bianca Atzel, Caponord, Marco Castelluzzo, Arianna Cleri, Coez, Donatella, Erica Mou, Le Rivoltelle e Renzo Rubino. Buon divertimento.

Giallo a Trastevere sull’aggressione a un giovane

giallo-trastevere-tuttacronaca

Nella notte tra sabato e domenica, nella zona della movida romana di Trastevere un giovane, seduto al bar «Roma Libera» con alcuni amici sarebbe stato aggredito da un gruppo di giovani che passavano davanti al locale. Il giovane è stato violentemente picchiato con un casco sul volto e avrebbe ricevuto diversi pugni, prima che gli aggressori scappassero per via Mameli, tra gli sguardi impietriti e spaventati dei presenti. Secondo alcuni l’aggressione sarebbe stata una “missione punitiva” contro un esponente di destra operata dai giovani di sinistra che si trovano spesso il sabato sera nella zona. Alcuni testimoni affermano di aver sentito gli aggressori gridare al giovane seduto al bar “sei un fascio!”

Ma la versione sembra essere invece diversa: si tratterebbe di un gruppo di estrema destra che avrebbe aggredito il ragazzo che stava con i suoi amici passando la serata tra i tavoli di Roma Libera.

Il giovane non ha reagito all’aggressione ed è andato a farsi medicare in ospedale, ma a preferito non sporgere denuncia. Il giallo resta in una città che ogni giorno fa registrare sempre più casi di aggressione perpetrati soprattutto nelle zone più frequentate nei weekend. Dove è la sicurezza nella capitale?

Arrivano le prime ammissioni sulle vittime degli scontri turchi

scontri-smirne-tuttacronaca

Le rivolte in Turchia ormai vanno avanti da giorni e stanno, come un’epidemia, montando di città in città. Nell’ultima notte i manifestanti hanno protestato ad Ankara dove sono stati dati alle fiamme alcuni uffici del partito islamico Akp, la forza politica che ha permesso a  Tayyip Erdogan, di diventare premier. Nella notte si è reso necessario anche isolare le strade intorno agli uffici del primo ministro e sono stati lanciati alcuni lacrimogeni dalla polizia per far indietreggiare i manifestanti che si stavano avvicinando al palazzo.

Arrivano anche le prime ammissioni sulle vittime degli scontri. In particolare è stata diffusa la notizia della morte di un giovane ferito da un colpo d’arma da fuoco alla testa ad Ankara.

Non si placa ancora la rivolta in Turchia, che entra ormai nel quarto giorno: nella notte tra il 2 e il 3, la protesta si è trasferita da Istanbul alla capitale Ankara dove i manifestanti hanno dato fuoco ad alcuni uffici del partito islamico Akp del premier Tayyip Erdogan. Sempre nella notte, le strade intorno all’ufficio del primo ministro sono state isolate mentre i poliziotti hanno usato gas lacrimogeni per respingere l’avanzata dei manifestanti.. Lo ha riferito il segretario generale della Fondazione turca per i diritti umani, Metin Bakkalci, da Ankara. «Il giovane si chiama Ethem Sarisuluk ed è stato raggiunto da un colpo di pistola alla testa. Si trova in stato agonizzante e i medici hanno dichiarato la sua morte cerebrale», ha spiegato Bakkalci.

Nelle prime ore dell’alba di lunedì ad Ankara la protesta sembra che sia stata sedata, almeno al momento non si registrano scontri. Invece, è notizia delle ultime ore, che gli scontri si sono spostati a Smirne (Izmir), città nel centro-occidentale della Turchia.

cartina-turchia-scontri-tuttacronaca

Qui i manifestanti hanno lanciato molotov contro le sedi del partito Akp. Intanto a Instabul sono state danneggiate fermate dei bus e segnali stradali.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: