“Uomo libero, sempre tu amerai il mare! …

mare-tuttacronaca

… Il mare è il tuo specchio; tu miri, nello svolgersi infinito delle sue onde, la tua anima. Il tuo spirito non è abisso meno amaro.” 

-Charles Pierre Baudelaire- (L’uomo e il mare)

Annunci

Viene pestato dal gruppo a cui aveva negato una sigaretta

fumare

Aveva negato una sigaretta a un diciottenne e ad altri quattro minorenni e per questo è stato selvaggiamente picchiato. L’episodio era avvenuto il 20 aprile scorso e la vittima, un ragazzo di 17 anni di Pescara, è stata costretta ad un intervento chirurgico. Oggi i poliziotti della Squadra Mobile della città hanno arrestato un 18enne gravemente indiziato come autore del gesto. Per l’identificazione dei colpevoli, è stata determinante l’opera di due amici della giovane vittima che, anche attraverso internet, si sono improvvisati investigatori.

Il nuovo tormentone dell’estate… “alla fiera del Pd”?

crozza-ballarò

Tra i tagli nelle bollette e il “decreto del fare… quello che si può fare senza avere un euro”, anche questa settimana Maurizio Crozza ha riassunto gli eventi più salienti degli ultimi giorni, compreso l’Esercito di Silvio che “fa il car al Billionaire” ma del resto il Cav “si è fatto indagare in Irlanda pur di essere al G8”. Ma c’è anche il M5S, che è di parola: “aveva detto tutti a casa… e sta dando il buon esempio”. Conclusione con una versione PD della canzone “Alla fiera dell’Est”: imperdibile!

E la chiamano… pizza?

pizza-pazza

La pizza è un’arte, non c’è molto da dire. Improvvisarne la ricetta o “sperimentare” non è forse l’idea più brillante che possa attraversare il pensiero. Eppure c’è chi ci prova, come dimostrano queste immagini che, gli improvvisati pizzaioli, condividono in rete. C’è chi esagera con salse strane e irriconoscibili, chi tenta una versione su fette di pan carrè, chi prova a usare la pita come impasto e perfino chi fa un “calzone” con dentro un hamburger. Ma non possono certo passare inosservate neanche la pizza senza base o quella decorata con caramelle gommose… Buon appetito? 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quando un club sandwich diventa un vero lusso…

Club-Sandwich

Dimenticatevi i panini al volo: ora anche un club sandwich può rientrare nella lista degli oggetti di lusso, come dimostra la creazione del Hullett House Hotel, un cinque stelle di Hong Kong dove se ne può gustare uno  davvero speciale per la cifra di 46 euro (KHD480). Il club sandwich è preparato con alcuni degli ingredienti più costosi al mondo: tra tre fette di pane tostato, si trovano caviale Beluga, manzo A5 Wagyu, salmone Balik, fette di pancetta di maiale nero, prosciutto iberico, fichi belga, fette di pomodoro italiano, lattuga romana, cetriolo, pollo francese, uova biologiche italiane, maionese, insalata mesclun e asparagi verdi. L’Executive Sous Chef dell’hotel, Peter Lee, ha dichiarato: “Per permettere ai nostri clienti di sperimentare quanto un Club Sandwich possa essere lussuoso, abbiamo incluso ingredienti di prima qualità, come il caviale Beluga, uno dei più costosi al mondo, il manzo A5 Wagyu e il salmone Balik, che costa circa 126 euro al chilo”.

Paura a Verona per una scossa di terremoto

terremoto-verona

E’ stata nettamente avvertita dalla popolazione una scossa di terremoto verificatasi alle 22:25 in Veneto, a nord della città di Verona. Il sisma, di magnitudo 3, è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV (Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia) nel distretto sismico delle Prealpi Venete. La profondità del sisma è stata stimata attorno ai 10 km mentre l’ipocentro è stato localizzato tra i Comuni di Bosco Chiesanuova, Fiumane, Cerro, Grezzana e Marano di Valpolicella

Trema la capitale del Perù per una forte scossa di terremoto

terremoto-lima

Un sisma di magnitudo 5.6 è stato chiaramente avvertito dalla popolazione di Lima, la capitale del Perù, dove gli edifici hanno tremato. I sismografi dell’Istituto geologico peruviano hanno registrato l’evento il cui epicentro è stato localizzato nel Pacifico, a 73 chilometri a ovest di Lima. Non ci sono state segnalazioni di danni a cose o persone.

Justin Bieber fugge dai paparazzi… ma ne investe uno!

justin-bieber-investe-fotografo

Ancora riflettori puntati su Justin Bieber che ieri notte, all’uscita da un locale notturno sul Sunset Boulevard di Los Angeles, ha investito un fotografo. Il cantante pop idolo delle ragazzine è uscito dal night club Laugh Factory e si è trovato accerchiato dai paparazzi che l’hanno abbagliato a forza di flash. Il 19enne si è quindi rifugiato nella sua Ferrari bianca, seguito dall’amico Lil Twist, seduto sul sedile passeggero. Bieber ha cercato di nascondere il volto ma i flash si sono susseguiti senza tregua, nonostante lui provasse a far manovra per immettersi nella corsia stradale e invitasse con la mano i paparazzi a spostarsi. Nel video diffuso, lo si vede quando infine si allontana, mentre uno degli uomini che lo accerchiavano cade a terra dopo aver avuto uno scontro con l’auto. La polizia comunque sta cercando di chiarire la dinamica. Ovviamente la notizia ha scatenato le Beliebers, che in Twitter hanno creato anche l’hashtag #prayforjustincar per difendere le azioni del loro idolo.

Allagata la grotta di Lourdes: pellegrini evacuati

lourdes_inondata_pellegrini_evacuati_qua

L’organizzazione dei “Santuari” ha reso noto che tutti i pellegrini presenti a Lourdes, nell’ovest della Francia, nella grotta dove la Vergine Maria sarebbe apparsa a Bernardette, sono stati fatti evacuare dopo che il luogo di culto è stato inondato da 1,40 metri di acqua a causa dello straripamento del fiume della Gave de Pau. “Avevamo previsto 3,50 m. sul livello medio alle 16, con 1,40 m. nella grotta e la situazione sta cambiando molto velocemente”, ha detto il direttore della comunicazione dei Santuari, Mathias Terrier. “Supereremo senza dubbio la piena dell’ottobre 2012”, ha aggiunto. Il riferimento è ai 3,49 metri di quell’evento, che causò danni per oltre 1,3 milioni di euro. Già ieri sera la zona era stata insediata un’unità di crisi e si era provveduto a togliere tutti gli ornamenti liturgici dalla sacrestia davanti alla Grotta dell’apparizione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il secondo miracolo di Papa Giovanni Paolo II “stupirà il mondo”

miracolo-papa
E’ stato approvato, dalla commissione dei teologi della Congregazione per le Cause dei Santi, il secondo miracolo compiuto da Karol Wojtyla, compiuto dopo la beatificazione. E’ questo un passo decisivo nel percorso di canonizzazione di Giovanni Paolo II e, come riferiscono fonti vaticane, per la proclamarne la santità manca ora solo il via libera della commissione di cardinali e vescovi del dicastero, a cui dovrà far seguito la firma di Papa Francesco sul decreto. Acquista quindi credito la possibilità che Wojtyla venga proclamato santo domenica 20 ottobre, una data che cadrebbe a cavallo tra il 35esimo anniversario dell’elezione al pontificato (16 ottobre) e del solenne avvio del ministero petrino (22 ottobre). Già il 22 aprile era trapelata la notizia che la consulta dei medici aveva riconosciuto la “guarigione inspiegabile”, ma il Vaticano ha finora mantenuto il più stretto riserbo sulla natura di questo secondo miracolo avvenuto per intercessione del Santo Padre. Quello che è stato reso noto è che si tratta di un evento, compiuto la sera della beatificazione, il 1 maggio 2011, che “stupirà il mondo”. Nel frattempo, non resta che ammirare la più grande statua al mondo di Papa Giovanni Paolo II, alta 14 metri e presente nel Miniature Park, a Czestocowa, in Polonia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Precipita un aereo da turismo: due morti

aereo-precipita
E’ precipitato sui monti tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto un aereo da turismo Piper PA28, con a bordo tre francesi. Il velivolo era partito da Locarno e diretto a Portorose (Slovenia) ma il suo volo è terminato nella zona tra Barcis e la Val Salatis, a cavallo tra le province di Belluno e Pordenone. Due passeggeri sono morti nell’impatto mentre un terzo è grave ma non in pericolo di vita e l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore (Belluno) l’ha recuperato all’esterno dell’aereo per trasportarlo all’ospedale di Belluno. Il mezzo è stato localizzato grazie al sorvolo di un aereo dell’Aeronautica Militare decollato dalla base di Istrana (Treviso), che per primo ha notato il ferito nella zona, molto boscosa. La zona è stata raggiunta via terra dai Vigili del Fuoco di Maniago e dal Suem 118 del Friuli Venezia Giulia. Il velivolo stava operando secondo le regole del volo e ora l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (ANSV) ha aperto un’inchiesta inviando un investigatore sul luogo.

1364 multe a una Smart… la cui proprietaria è morta!

smart-multe

1364 infrazioni al codice della strada, con oltre 500 accessi fraudolenti nella zona a traffico limitato, tutti riconducibili a una Smart la cui carta di circolazione era intestata a una donna morta nel 2008. Quando il dipartimento Risorse Economiche Contravvenzioni l’ha scoperto, è scattata l’indagine e la polizia locale di Roma ha iniziato a cercare il mezzo, poi individuato in un’officina del quartiere Parioli. Il Dipartimento ora potrà rinotificare le multe al responsabile, un professionista di quella zona che in famiglia ha una disponibilità di 10 vetture. L’uomo poteva utilizzare l’auto, pur non essendo tra gli eredi della defunta, nessuno dei quali ha mai fatto il passaggio di proprietà.

Prima rapina una farmacia, poi prende un ostaggio: è caccia all’uomo

sequestro-bergamo

Ha rapinato una farmacia di Treviglio, in provincia di Bergamo, attorno alle 17.30 e poi un cittadino straniero di colore, molto alto, è fuggito sequestrando un automobilista fermo in sosta e la sua auto. Sulle tracce dell’uomo sequestrato ci sono ora i carabinieri, la polizia e un elicottero. Stando ai testimoni, il malvivente aveva il volto coperto da un fazzoletto e brandiva una pistola. Dopo aver preso l’incasso è fuggito a piedi, inseguito da alcuni clienti e da altri negozianti. E’ stato allora che ha fermato l’automobilista, è salito nella vettura e l’ha costretto, minacciandolo con l’arma, ad allontanarsi.

S’infrange contro la Spagna il sogno dell’Under 21

italia-spagna

Si è infranto al Teddy Stadium di Gerusalemme il sogno dei ragazzi di mister Mangia, contro gli spagnoli che hanno bissato il successo del 2011 per 4-2, con una tripletta di Thiago Alcantare che ha sfavillato nei 90′. Nulla da ridire sugli azzurrini, se non per qualche disattenzione in difesa: si sono battuti generosamente, ma la differenza in campo era notevole, con una superiorità netta delle Furie Rosse, che sin dal fischio d’inizio hanno preso d’assalto la porta di Bardi che ha capitolato già al 6′ con un colpo di testa ravvicinato di Alcantara. Immobile pareggia dopo soli quattro minuti e il portiere difende il risultato con tre grandi interventi. Ma al 31′ arriva l’errore in difesa: Caldirola e Regini chiudono male su un pallone alto e Thiago Alcantara non si lascia sfuggire il gol del 2-1. Cinque minuti più tardi invece, l’arbitro si inventa un rigore per un intervento di Donati su Tello: il difensore prima tocca il pallone, poi l’esterno. Dal dischetto il numero 10 realizza. Nella ripresa la stanchezza si fa sentire e a nulla vale lo sforzo d’Insigne di riaprire la partita. Il 4-1 lo firma Isco, grazie a un rigore dopo che Regini atterra Montoya in area. Borini vuole almeno salutare l’Europeo con una rete e l’impresa gli riesce, ma è troppo poco. Gli iberici continuano a dominare la scena, che si parli di nazionale maggiore o di giovanili, ma gli azzurrini possono essere fieri del loro torneo e di esser stati gli unici a violare la porta di De Gea.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un terremoto “che potrebbe essere distruttivo” minaccia l’Italia?

Terremoto_Irpinia2

L’allarme arriva dal blog di Marco Mucciarelli, direttore del Centro Ricerche Sismologiche dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale, laureato in fisica e professore universitario di Sismologia Applicata presso l’Università della Basilicata: “L’Italia è sotto la minaccia di un terremoto che potrebbe essere distruttivo.” Mucciarelli ha anche sottolineato la veridicità delle dichiarazioni rilasciate dal Capo Dipartimento della Protezione Civile riguardo il fatto di aspettare un imminente terremoto che interesserebbe l’Italia. Il direttore propone un’analisi che inizia con il conteggio delle scosse con magnitudo superiore a 6.3, ossia quelle definite catastrofiche: dal 1100 a oggi se ne sono contati 59, anche se alcuni potrebbero non essere arrivati fino a noi. Se si considera valido il dato, significa che la loro media si aggira su uno ogni 15 anni. Ma l’ultima catastrofe verificatasi risale al 1980, quando a tremare fu l’Irpinia. Ben 33 anni fa, ossia più del doppio del tempo della media attuale. Inoltre, siamo prossimi a raggiungere il periodo massimo intercorso tra scosse di questo tipo: 38 gli anni intercorsi tra il sisma dell’Irpinia del 1930 e quello del Belice del 1968. Mucciarelli, consapevole dell’impossibilità di fare stime precise o d’individuare data e luogo, invita, vista la prossimità di un terremoto significativo, a non farsi trovare impreparati. Il direttore conclude spiegando che, ad essere più a rischio, potrebbe essere il sud: “Dividendo brutalmente l’Italia in due metà quasi uguali a Nord e a Sud del 43°parallelo, si vede che al Sud sono capitati il 60% dei terremoti forti. La probabilità che al Sud capiti un terremoto forte in due anni qualsiasi (inlcusi quindi i prossimi due) è pari al 60% del 50%, ovvero al 30%. Non è una probabilità bassa per scommettere. Un bookmaker darebbe una quota 3/1. Per la prossima Confederation Cup il Brasile è dato  1,4/1  la Spagna 1,75/1, l’Italia 7/1 e L’Uruguay 10/1. Insomma c’è più del doppio delle probabilità che venga un forte terremoto al Sud nei prossimi due anni rispetto alla vincita dell’Italia in Brasile. Nessuno è tifoso, vero?”

A chi gli ha fatto notare il rischio allarmismo, il professore, sempre sul suo blog, ha fatto notare che “Forse ci sono persone che ritengono ‘allarmistico’ scrivere sulle sigarette che il fumo causa tumori ed infarti, ma la mortalità per certe malattie diminuisce solo quando se ne parla e le si affronta. Lo stesso è per il terremoto, che per essere reso inoffensivo richiede cittadini responsabili ed informati.”

A volte è meglio consegnare un pacco personalmente!

pacchi-aeroporto

Sono stati i passeggeri a bordo a riprendere il metodo “particolare” con il quale un dipendente della China Southern carica i pacchi in un aereo. L’uomo si limita a lanciarli, senza far caso al fatto di aver centrato o meno il nastro trasportatore. E il risultato si nota: ci sono più pacchi a terra rispetto a quelli che arrivano sul nastro. Non pago, risponde anche al cellulare mentre prosegue la sua attività con una sola mano. Se dovete inviare pacchi all’estero scegliete con cura la compagnia aerea… o evitate oggetti fragili!

Condanna all’ergastolo per Giovanni Vantaggiato

processo-vantaggiato-melissa-bassi
E’ stato il giorno della sentenza del processo a Giovanni Vantaggiato oggi. Per il reo-confesso dell’attentato del 19 maggio 2012 davanti la scuola Morvillo-Falcone di Brindisi che è costato la vita alla studentessa di Mesagne Melissa Bassi e nel quale altre nove persone rimasero ferite, la Corte d’Assise presieduta dal giudice Domenico Cucchiara ha emesso la condanna all’ergastolo. Rita Bassi, la madre della giovane vittima, ha così commentato la sentenza: “Abbiamo avuto un minimo di giustizia. Nessuna condanna ce la restituirà, ma noi abbiamo sempre creduto nella giustizia”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Paola Pinna: il M5S tra talebani e dissidenti

Paola-Pinna-tuttacronaca
Si è votato per espellere la senatrice Adele Gambaro in casa pentastellata e ora la decisione finale spetterà alla rete, ma intanto sembra rischiare anche la deputata Paola Pinna, già schieratasi a favore dell’epurata e che ai microfoni di Piazza Pulita ha parlato della “brutta atmosfera” all’interno del MoVimento, con un clima da “psicopolizia”. “I duri e puri controllano i dissidenti”, afferma. Perchè la spaccatura interna ormai è palese e la deputata lo spiega: ci sono i talebani, gli incorruttibili, e i traditori, quelli che se esprimono dissenso diventano subito i nemici. Pinna non è nuova ad esprimere il suo dissenso per quel che riguarda una certa linea adottata: “Io non posso competere con un blog, per questo cerco di parlare in interviste, per far capire fuori come stanno le cose”.

Berlusconi nemico dell’euro e dell’Europa? “Niente di più falso”

silvio-berlusconi-euro
Dopo le dichiarazioni di ieri, che non sono piaciute al premier Letta e hanno innescato la polemica, Berlusconi scrive oggi una nota in cui spiega:  “Si sta cercando di farmi apparire come un nemico dell’euro e dell’Europa. Niente di più falso”, aggiungendo: “Quanto ho detto ieri va a difesa dell’Europa e non contro”. Il leader del Pdl ribadisce quindi: “In questo senso, il mio appello deve essere inteso come un incitamento e un incoraggiamento all’attività di quel governo che stiamo sostenendo con assoluta lealtà”. Sottolinea anche: “Vorrei che chi mi critica leggesse quanto scrive stamani su Le Monde l’economista liberal e premio nobel Paul Krugman: ‘Finché i dirigenti politici non avranno da offrire ai cittadini altro che sacrifici e disoccupazione – cita il virgolettato – i discorsi saranno vana emissione di fiato'”. E ancora: “Quando sento Wolfgang Schaeuble, ministro delle Finanze tedesco, allarmarsi per i pericoli di una politica monetaria troppo espansionista della Banca centrale europea, mi dico ‘Oh, mio Dio!’, perché la Bce è la sola istituzione che resta all’Europa per nutrire e sostenere la crescita. E’ questo spirito che può distruggere l’Europa’”. Il Cavaliere ribadisce quindi: “Quanto ho detto ieri coincide in tutto e per tutto con quel che Krugman e altri grandi economisti vanno sostenendo da tempo, a difesa e certamente non contro l’Europa, affinché l’Unione Europea si spinga finalmente sulla strada del rilancio produttivo e della creazione di nuovi posti di lavoro. In questo senso, il mio appello deve essere inteso come un incoraggiamento al governo Letta”.
C_2_fotogallery_1021955__ImageGallery__imageGalleryItem_0_image
Nel frattempo, il presidente di “Giovani Forza Insieme” Alessandro Bertoldi, il presidente di “Forza Insieme” Simone Furlan, Alessio Zanon e l’imprenditore Diego Volpe Pasini si sono riuniti a Roma per presentare l’iniziativa “L’Esercito di Silvio”, un movimento politico che “intende difendere Berlusconi in nome dei valori di Forza Italia”. La ‘Valanga Azzurra’ ha intenzione, per iniziare, di presentare un’istanza alla commissione dell’Unione Europea per “chiarire” che il leader Pdl “ha subito solo processi indiziari, senza che mai sia stata trovata una pistola fumante”. Da questo, la richiesta di intervenire per escludere almeno la pena accessoria dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici che impedirebbe al leader del Pdl di continuare a fare politica, “privando 9 milioni di elettori del loro punto di riferimento politico”. 

Metodo Stamina: governo dà l’ok alla sperimentazione

metodo-stamina
Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, l’ha confermato: “Ho firmato il decreto per l’avvio della sperimentazione del metodo ‘Stamina’ che utilizza cellule staminali con il protocollo messo a punto dal medico Davide Vannoni”, spiegando: “Entro il primo luglio via alle cure”. Ha quindi concluso: “Speriamo in risultati positivi”. Dubbioso al riguardo, però, è proprio il dr Vannoni, presidente di Stamina Foundation: “Mi sembra molto strano. Ancora non ci è stato chiesto di consegnare il nostro Protocollo, nè è stata fissata la date del primo incontro” con le istituzioni competenti per la definizione della sperimentazione. “Ci fa piacere – ha affermato Vannoni – che il ministro della Salute abbia firmato il decreto, perché questo è indice della volontà di andare avanti con la sperimentazione, ma mi pare molto strano il fatto che Stamina non sia stata ancora convocata per un incontro”. Come data, del resto, quella del primo luglio “è molto vicina e da parte nostra c’è la piena disponibilità ad incontrarci per capire le caratteristiche che la sperimentazione avrà”. Al momento però, ha aggiunto Vannoni, “non sappiamo nulla: nè quanti pazienti saranno coinvolti, nè quale cell-factory produrrà le cellule staminali, nè su quali patologie verrà avviata la sperimentazione con il nostro metodo”. Ha poi concluso con una precisazione: “Ribadisco comunque che saremo disponibili a fornire il nostro Protocollo di cura solo a determinate condizioni, a partire dal fatto che la produzione delle cellule staminali possa essere fatta dai biologi di Stamina”.

Minaccia di suicidarsi gettandosi dalla Tour Eiffel

Parigi-Tour-Eiffel

E’ stata evacuata la Tour Eiffel, come confermano le autorità francesi, per un uomo di origini polacche di circa 30 anni è salito sul monumento parigino minacciando di suicidarsi buttandosi nel vuoto. Stando a quanto raccontato da alcuni testimoni, l’uomo si trova tra il secondo e il terzo piano quando sono intervenuti le squadre di soccorso dei vigili del fuoco, la polizia e alcuni negoziatori. Sono ancora ignote le motivazioni del gesto.

Prostitute ritratte sui muri: la nuova campagna argentina

prostituzione-argentina

In Argentina non può essere ignorato il fatto che l’87% delle prostitute siano anche madri single ed è per questo che l’Anmar, Asociaciòn de Mujeres Meretrices de la Argentina, un’associazione molto simile a un sindacato, ha creato una campagna singolare che fa bella mostra di sè sui muri di Buenos Aires. Nella capitale, infatti, sono apparsi degli “stencil” che ricordano lo stile di Bansky al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni di vita di queste donne e madri. Sono 19 anni l’Anmar è impegnata nella lotta per cambiare l’attuale legislazione argentina permettendo alle prostitute di registrarsi presso gli uffici competenti, pagare le tasse e ottenere una pensione. In questo Paese la prostituzione è legale, purchè non ci sia la mediazione di un protettore, tuttavia queste donne sono prive di di tutela e assistenza da parte dello stato. E proprio per questo si è voluto “renderle parte” della vita della città ritraendole. “Volevamo mostrare che prima di tutto siamo tutte donne, madri e lavoratrici ancora prima di essere delle prostitute – spiega Georgina Orellano, attivista di Ammar – Le leggi devono proteggerci, non emarginarci. C’è una parte della società che non può scegliere. La governante sceglie di fare quel lavoro? Le prostitute non sono differenti. Usano il proprio corpo per lavorare, come fanno tutti. Non è una scelta facile, ma spesso è l’unica cosa che possiamo fare”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Madre e figlia colpite da un fulmine: sono salve!

russia_madre_figlia

Ha del miracoloso quanto successo nella cittadina russa di Omsk, in Siberia: una madre 27enne si trovava sotto il temporale in compagnia della figlia di appena 6 anni quando sono state colpite da un fulmine. Entrambe si sono salvate e, soccorse, sono state ricoverate immediatamente in ospedale con ustioni di primo e secondo grado.

Morire per la puntura di un’unica ape

ape-morto

E’ morto per shock anafilattico dopo esser stato punto a una gamba da un’ape il fotografo 43enne Venerando Rino Arnone. L’uomo, da sempre appassionato di apicultura, non si occupava più di api da tempo, dopo aver scoperto di essere allergico. Non ha però esitato ad accorrere in aiuto di un amico che gli aveva chiesto una mano per rimuovere un alveare a Grotte, nell’Agrigentino. Dopo la puntura, Arnone ha accusato un malore ed è deceduto.

La morte di Meredith: forse gioco hard

meredith-amanda

Il 26 marzo scorso, la prima sezione penale della Cassazione ha annullato con rinvio le assoluzioni pronunciate in appello per Amanda Knox e Raffaele Sollecito. Oggi sono state presentate le motivazioni del verdetto. Una delle ipotesi avanzate è che l’omicidio di Meredith Kercher potrebbe essere stato conseguenza di una “esclusiva forzatura”  della vittima “a un gioco erotico spinto di gruppo, che andò deflagrando, sfuggendo al controllo”. Nella sentenza depositata oggi, la Suprema Corte traccia un “ventaglio di situazioni ipotizzabili” che vanno “dall’accordo genetico sull’opzione di morte”, alla “modifica di un programma che contemplava inizialmente solo il coinvolgimento della giovane inglese in un gioco sessuale non condiviso”, fino all’ipotesi della costrizione di Meredith a partecipare a un “gioco erotico spinto di gruppo”, conclusosi con la morte della ragazza. La Cassazione ha inoltre sottolineato che Rudy Guede non avrebbe agito da solo e che la Corte d’assise d’appello ha “sottovalutato gli indizi a carico di Knox e Sollecito”. Si legge inoltre che “La pronuncia impugnata presta il fianco al lamentato vizio di violazione di legge e di difetto di adeguata motivazione nel passaggio cruciale della ricostruzione del fatto che attiene alla presenza di concorrenti nel reato, nell’abitazione nella disponibilità oltre che della vittima, della sola Knox, in quella maledetta serata, profilo che non va sicuramente inteso in un automatismo probatorio, ma che costituisce un segmento significativo nell’itinerario costruttivo”. Guede, giudicato con il rito abbreviato, sconta una pena di 16 anni di reclusione dopo esser stato condannato in via definitiva “per concorso in omicidio”. Nella sentenza d’appello, inoltre, secondo la Suprema Corte ci sono “molteplici profili di manchevolezze, contraddittorietà ed illogicità manifesta”. “Il giudice del rinvio dovrà porre rimedio – si legge nelle motivazioni depositate oggi – nella sua più ampia facoltà di valutazione, agli aspetti di criticità argomentativa, operando un esame globale e unitario degli indizi, attraverso il quale dovrà essere accertato se la relativa ambiguità di ciascun elemento probatorio possa risolversi, poiché nella valutazione complessiva, ciascun indizio si somma e si integra con gli altri”. L’esito di tale “valutazione osmotica – rilevano i giudici della Cassazione – sarà decisiva non solo a dimostrare la presenza dei due imputati nel locus commissi delicti, ma ad eventualmente delineare la posizione soggettiva dei concorrenti” di Rudy Guede.

Hamburger, questo sconosciuto: la Generazione Y abbandona il Mac?

mcdonald's-tuttacronaca

Verso la crisi del Mac? Sembra proprio che i Millennials, o Generazione Y, ossia i nati tra il 1980 e il 2000, preferiscano cucinare e conoscere i prodotti che consumano, motivo per il quale la più famosa catena di fast food  è uscita dalla top ten delle preferenze in fatto di cibo. E’ quello che emerge da una ricerca di Slow Food (dati NPD Group), che mostra come il Mac stia perdendo attrattiva per il range di consumatori statunitensi tra i 18 e i 32 anni, ossia tra i 59 e gli 80 milioni di persone. Per opera di questi “delusi”, la catena, negli ultimi quattro anni, ha registrato un calo del 16% dei pasti consumati fuori da questa fascia di clienti. Il fatto è che la Generazione Y preferisce passare un po’ di tempo in cucina, cosa che permette loro di conoscere i cibi che mangiano e se escono optano per consumare dei pasti elaborati. Un sondaggio condotto da Mtv, su un campione di ragazzi tra i 12 e i 34 anni, provenienti da 15 Paesi diversi, ha fatto emergere che i valori sono più classici rispetto a quelli dei predecessori, tanto da manifestare, come più grande desiderio, “Un buon lavoro, vivere bene e che i miei siano fieri di me”. E se alla fine degli anni ’90 il rifiuto era dettato da una spinta anti-consumistica, ora la disaffezione è dovuta ai criteri qualitativi dei prodotti da fast-food. “Mi piace conoscere la storia dei posti dove mangio. Penso che sia fondamentale nutrire sia lo stomaco che lo spirito”, ha spiegato la 26enne americana Vera Chang. Don Thompson, amministratore delegato di McDonald’s, il rischio per il gigante del cibo a portare via è che hamburger e patatine fritte non siano più di moda e che catene come Subway, che prepara panini espressi su richiesta del cliente, abbiano la meglio sul mercato della ristorazione veloce. A cosa stiamo andando incontro, quindi? Un economista della Columbia University, Jeffrey Sachs, pensa che quando i Millennials entreranno in politica, riusciranno a cambiare la società ricostruendola non sul consumismo ma sull’umanesimo responsabile. Le multinazionali sono avvisate: sarà necessaria una maggiore attenzione ai prodotti, per non perdere ulteriori “affezionati”.

113 giorni di governo Letta: approvate 3 leggi, costati 504 mln

COSTI-DELLA-POLITICA-tuttacronaca.jpg

Sono 113 giorni che il Governo Letta si è insediato e al suo attivo ci sono 3 leggi. Il costo è di 504 milioni, ogni provvedimento è costato in media 168 milioni di euro. Naturalmente ai 113 giorni conteggiati dall’Adusbef, associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi. Il presidente Elio Lannutti, ha fatto emergere i costi scandalosi e i tempi lunghi. Anche volendolevare dai 113 giorni i sabati e le domeniche, il risultato non migliora, anzi peggiora se si calcolano anche i venerdì, in cui si registra per lo più l’aula vuota. Lannutti ha ricordato come i “costi della democrazia per il funzionamento del Parlamento”, nel 2013, “ammontano complessivamente a 1,628 milioni di euro, con una spesa quotidiana di 4.462.000 euro al giorno”. I bilanci, approvati e pubblicati online, attestano in 1,1 miliardi di euro i costi della Camera e in 557 milioni quelli del Senato. Il governo Letta, un governo di servizio, costa ancora troppo agli italiani?

E’ il corpo di una donna quello rinvenuto nella scatola?

cadavere-donna-scatolone-tuttacronaca.jpg

Quello che sembrerebbe essere il cadavere, in avanzato stato di decomposizione, di una donna è stato rinvenuto all’interno di uno scatolone lungo la strada tra Spello e Foligno, in provincia di Perugia (Umbria), lungo la via Pasciana, che costeggia i binari della ferrovia, non distante dalla stazione I carabinieri ora stanno decidendo se eseguire gli accertamenti sul posto o portare lo scatolone nei loro laboratori. La segnalazione ai carabinieri è arrivata da un uomo che si trovava in zona intorno alle 11.20 e ha avvertito un forte odore che lo ha insospettito provenire dallo scatolone abbandonato… poi ha fatto la macabra scoperta.

I monaci buddisti che viaggiano sul jet privato!

monaci-jet

Impazzano le polemiche in Thailandia per un video pubblicato su Youtube in cui si vedono due monaci buddisti a bordo di un jet privato e attorniati da gadget costosi, tra cui iPod e una borsa Louis Vuitton. E’ l’ennesimo episodio che mostra le contraddizioni tra l’immagine tradizionale del buddismo e le tentazioni offerte da modernità e potere e che mette ancora una volta in discussione lo stile di vita da parte dei religiosi. La difesa dei monaci è che il jet è un dono dei loro fedeli, ma l’Ufficio nazionale del buddismo ha comunque redatto una ‘nota di biasimo’ contro uno dei due anche se il direttore Nopparat Benjawattantnun ha aggiunto che tale comportamento “non costituisce una violazione del codice monacale tale da portare a una rimozione dall’ordine”. In Thailandia il 95% della popolazione è buddista e i monaci nel Paese sono oltre 61 mila. Di questi, l’anno scorso più di 300 sono stati biasimati ufficialmente dall’Ufficio nazionale per cattiva condotta, in episodi che vanno dal consumo di alcolici a rapporti sessuali con donne. Violazioni che, in casi estremi, hanno anche portato alla rimozione della tunica.

Le slot seminano morte? L’omicidio di Daniele legato al videopoker?

francesco-daniele-omicidio-videopoker-tuttacronaca.jpg

Ha 43 anni e al momento si conoscono solo le iniziali P.O., dell’uomo che è stato fermato dai carabinieri per l’omicidio del muratore 44enne, Francesco Daniele, trovato ieri nelle campagne tra Torino e Vercelli. P.O., è stato interrogato a lungo dai magistrati della Procura di Torino che stanno indagando sull’omicidio. Questa mattina le forze dell’ordine con il supporto dell’unità cinofila ha effettuato un nuovo sopralluogo nel luogo in cui è stato rinvenuto il cadavere. Si sta ancora cercando l’arma e si stanno ricostruendo le ultime ore della vittima. Sembra che Daniele fosse uscito dal Bar Sport di Crescentino, dove aveva anche incrociato un familiare ed era apparso felice poichè aveva vinto 300 euro inserendo il resto del caffè in un videopoker dove aveva trascorso ore invano un altro avventore. E’ proprio su questo dettaglio che nelle ultime ore si sono incentrate le investigazioni degli inquirenti. Alle 19.00 c’è poi la testimonianza di Luana, una ragazza che vive con i genitori a pochi metri dal luogo dell’omicidio che ha dichiarato si essersi affacciata alla finestra dopo aver udito dei colpi di pistola, ben diversi da quelli di fucile che è abituata a sentire nel periodo di caccia. La ragazza però non aveva notato nulla di strano sulla strada. E’ quindi tra le 18,30 e le 19,00 che Daniele ha incontrato il suo assassino, un uomo che probabilmente conosceva e che lo ha convinto ad arrivare in quel tratto di campagna, lontano dalla vista di testimoni, in cui è poi stato ritrovato morto.

La polizia sta lavorando anche sui tabulati del cellulare dell’uomo che è sparito, insieme alle chiavi dell’uomo, e poi è stato disattivato domenica sera. L’ultima telefonata è quella che ha tentato invano il figlio rimasto ad attenderlo alle giostre.

«Franco era un bravo padre di famiglia e un grande lavoratore» dicono amici e colleghi di lavoro accorsi nelle campagne di Verrua Savoia. Forse davvero la morte di Daniele è legata a quei 300 euro vinti al videopoker?

Giuliano Ibrahim Delnevo: l’italiano ucciso in Siria

giuliano_ibrahim_delnevo

E’ morto un giovane italiano in Siria, combattendo contro il governo di Bashar Assad. Il ragazzo, la cui storia è stata anticipata da Il Giornale e confermata da fonti attendibili, sarebbe lo studente genovese Giuliano Ibrahim Delnevo, 22 anni, convertitosi all’Islam ha assunto il nome di Ibrahim. Intanto la questione siriana è tema al G8 che si sta tenendo in Irlanda del Nord e alcune fonti della delegazione della Casa Bianca hanno riferito che Barack Obama intende annunciare ai partner lo stanziamento da parte degli Usa di 300 milioni di dollari in aiuti umanitari da destinare ai profughi e alle vittime del conflitto siriano. Più precisamente, poco più della metà della somma andrà in Siria e il resto sarà trasferito ai Paesi vicini che ospitano masse di rifugiati siriani. Ma i contrasti con Vladimir Putin non sono ancora stati risolti, neanche dopo l’incontro di ieri tra il presidente Usa e il leader russo, possibile quindi che al termine del G8 sulla Siria ci sia una dichiarazione sottoscritta solo dai leader dei Sette e non da Vladimir Putin. L’idea è di confermare la volontà di convocare una conferenza di pace (denominata Ginevra 2). Il premier britannico ha proposto cinque principi per un confronto sul ritorno della pace in Siria: governo di transizione senza Assad, condanna dell’uso di armi chimiche nel mondo, accesso delle agenzie internazionali per gli aiuti alla popolazione siriana, impegno a combattere i gruppi estremisti, progettare la ri-partenza della ‘nuova Siria.

 

Espulsa la Gambaro! Cosa succede al M5S ? Oggi la manifestazione

manifestazione-grillo-tuttacronaca.jpg

Sono stati 79 parlamentari ha decidere per l’espulsione di Adele Gambaro, mentre 42 erano contrari. Ora il verdetto finale è nelle mani degli iscritti al movimento, in quella base che sembra ormai essersi colorata di mille sfumature diverse come lo è, nell’ultimo periodo, anche il M5S. Come mai si è persa la coesione? Dove è l’unità dei pentastellati? Al centro vi è sempre lui, Grillo. C’è chi lo ama e lo segue, chi lo odia e diventa dissidente… La decisione di espellere la Gambaro appare oggi una summa di quelle tensioni che si respirano all’interno. Lo streaming annunciato alla fine non si è fatto: si è preferito gestire la questione in “privato” piuttosto che darla in pasto al web. Molti sono i nodi da sciogliere, ma tutto ruota sempre e comunque sull’idea di “democrazia”. C’è chi sostiene la linea del Semplice Portavoce del Movimento e c’è invece chi vuole affermare il proprio protagonismo. Si può attribuire al colpa a Beppe Grillo per il deludente risultato delle amministrative? E’ possibile che qualcuno abbia minato dall’interno il movimento oppure c’è solo l’insofferenza di dover obbedire a una linea non più condivisa?

“Chi vuole stare in Parlamento e cambiare il Paese e’ il benvenuto, chi vuole fare bar sport e’ fuori”. Così Roberta Lombardi, ex capogruppo del M5s alla Camera, parlando in piazza Montecitorio, alla manifestazione che i pentastellati stanno portando avanti per supportare Grillo e la sua linea. La Lobardi ha poi aggiunto “Adele Gambaro non e’ stata espulsa” per le sue dichiarazioni, secondo l’ex capogruppo dei pentastellati, ma “l’espulsione decisa perche’ lunedi’ scorso c’e’ stata un’altra assemblea congiunta tra i due gruppi in cui e’ stato detto siccome sono tre mesi che non riusciamo a fare venire fuori quello che stiamo facendo come lavoro in Parlamento ma viene fuori solo ed esclusivamente il chiacchericcio da bar, mettiamoci alla prova. Evitiamo questa settimana di fare i commenti da vecchia politica da salotto televisivo, parliamo solo di contenuti. Il giorno dopo la signora Adele Gambaro invece ha riparlato di nuovo di commenti da bar sport. E quindi ha violato una decisione presa a maggioranza 24 ore prima”. Le fa eco la deputata del Movimento Carla Ruocco “Gli italiani si stanno suicidando” a causa della crisi economica “e voi parlate di Adele Gambaro, che e’ solo fuffa”.

Strage di Erba: Olindo e il diario in codice

olindo-rosa
Olindo Romano, che sta scontando la condanno all’ergastolo per la strage di Erba a Opera, trascorre le giornata compilando un diario in cui riporta parole e frasi misteriose e criptiche. E mentre un nuovo pool di avvocati sta lavorando alla riapertura del processo, l’uomo incontra la moglie Rosa per due ore a settimana per tre venerdì su quattro. Gli incontri avvengono a Opera nella cella di “transito” dove il 50enne trascorre le sue giornate da solo, ormai da sei anni, mentre Rosa sconta la pena nel carcere di Bollate. La coppia è stata condannata per gli omicidi commessi l’11 dicembre 2006 in cui morirono Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la nonna del bambino Paola Galli, e la vicina di casa Valeria Cherubini. Tra le frasi trovate nel “codice Olindo”, che si pensano dedicate alla sua metà, “Fimine Romixsmecu meficumixs” o “fine xs Romi cufiRome Ro” mentre sulla Bibbia, in stampatello, si legge invece: “La vita e l’amore non hanno una sola unità di misura” e poi altre frasi criptiche, perchè Olindo si sente un perseguitato. Nel frattempo, in rete ogni giorno aumentano gli iscritti al comitato “Rosa-Olindo: giustizia giusta”, guidato dall’avvocato Diego Soddu.

Chi convive ha stessi diritti delle coppie sposate: cade tabù in India

 sesso-prematrimoniale-india
Crolla il tabù del sesso prematrimoniale in India, grazie alla sentenza storica della Corte di Madras, nella regione meridionale indiana, che ha stabilito che una coppia che ha rapporti sessuale gode degli stessi diritti di una sposata: “Un celibe che ha raggiunto i 21 anni di età e una donna nubile di 18 hanno quindi tutte le libertà garantite dalla Costituzione” e “se decidono di avere una relazione sessuale devono essere considerati come marito e moglie”. In un Paese tanto dedito alla religione, i giudici hanno pronunciato una frase rivoluzionaria: ” lo scambio di ghirlande o di anelli oppure la registrazione dell’unione è solo per soddisfare una prassi religiosa o una consuetudine sociale”. La sentenza è arrivata a seguito del ricorso di  di una donna che chiedeva il mantenimento per i suoi due figli dopo la separazione dal compagno. Il fenomeno delle convivenze e delle coppie di fatto si sta diffondendo, principalmente nelle metropoli anche se, tradizionalmente, la maggior parte dei matrimoni in India sono combinati dai genitori degli sposi in base alla casta e al ceto sociale.

Ancora proteste in Brasile, tra scontri e samba

scontri-brasile

Continuano le proteste in Brasile e ieri in almeno otto città oltre 100 mila persone sono scese in piazza. Le manifestazioni sono contro l’aumento dei prezzi dei trasporti, e gli scarsi servizi sanitari, di educazione e di sicurezza, nonostante l’aumento della pressione fiscale. Ma è stata contestata anche la polizia, per l’uso eccessivo della forza messa in campo contro i dimostranti scesi in piazza la settimana scorsa a San Paolo, contro cui sono stati sparati proiettili di gomma. Disordini hanno avuto luogo a Rio de Janeiro, Porto Alegre e Belo Horizonte con scontri tra manifestanti e polizia e che hanno provocato, secondo alcuni funzionari della città di Rio citati dal giornale O Globo, feriti in entrambe le fazioni: almeno 20 agenti e 10 manifestanti. Nella sola San Paolo, in una piccola piazza si sono ritrovate almeno 65mila persone che poi hanno iniziato a sfilare in tre direzioni diverse a passo di samba, suonando tamburi e cantando slogan anti-corruzione. Le proteste derivano dall’aumento del biglietto di autobus e metropolitana, ma anche per le spese ingenti in vista del Mondiale di calcio che si terrà l’anno prossimo. Marcia pacifica anche a Brasilia, in direzione del Congresso dove alcune finestre sono state rotte, ma la polizia non è intervenuta con la forza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scandalo a luci rossi a Firenze. Parla una escort: anche politici tra i clienti

escort-firenze-tuttacronaca
Ha rilasciato un’intervista a La Nazione una delle escort intercettate nello scandalo a luci rosse che ha investito Firenze. La sexy studentessa 27enne che voleva sfondare nel campo della musica racconta che dal suo letto sono passati almeno 400 uomini: “Gente di ogni tipo, anche politici, di sicuro non faccio nomi”. Ha tenuto anche a precisare che “Io sono libera, nessuno mi ha costretto” e sottolinea di non far parte del giro di escort agli Hotel Mediterraneo e Villa Fiesole. Lo stesso quotidiano, riporta che il suo fidanzato è tra i 14 indagati dell’inchiesta per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.
Il giornale ha parlato anche della 42enne romena Adriana, la donna che gestiva il giro di escort e che ha raccontato dell’incontro a luci rosse con un funzionario di Palazzo Vecchio in un ufficio comunale. Nel quotidiano si legge che “Nei primi mesi del 2012, ha alloggiato gratuitamente in un appartamento della cooperativa sociale ‘Il Borro’, di cui è stato amministratore, fino al 2009, l’assessore dimissionario Massimo Mattei”. Al riguardo, l’attuale amministratore Alessio Gratelli ha spiegato:  “Credevamo di aiutare una persona in difficoltà, non sospettavamo nulla”.

Alessia Polita: “Non muovo le gambe ma voglio correre”

alessia-polita

Alessia Polita, reduce da un’intervento chirurgico di allineamento della spina dorsale dopo il gravissimo incidente di sabato scorso a Misano, si è svegliata dalla terapia intensiva, dimostrando una volta di più la sua grinta. Purtroppo i medici non hanno lasciato speranze e la paralisi delle gambe sembra certa. La campionessa, molto probabilmente, dovrà sottoporsi a ulteriori operazioni. Il fratello Alessandro, al risveglio della pilota, ha subito voluto rassicurare tutti coloro che sono preoccupati per le sue condizioni di salute e in Twitter si può leggere: “Alessia si è già svegliata! È un toro! Parla ed è cosciente. Mi ha fatto promettere una cosa che dovrò fare. Siamo ‘pronti’ anche per questa sfida!”. La ragazza, appena sveglia, non ha mancato di far sapere ai familiari che “Non muovo le gambe ma voglio correre”. Nel frattempo, il padre Giancarlo, 53 anni, meccanico di professione, ha chiarito le cause dell’incidente, provocato dalla rottura del potenziamento di un sistema elettronico che controlla l’accelerazione.

E’ stato rilasciato Daniele Stefanini, il fotografo fermato in Turchia

daniele-stefanini

Daniele Stefanini, il fotografo free lance livornese picchiato e fermato durante gli incidenti di domenica scorsa a Istanbul, è stato rilasciato. E’ stato lui stesso a telefonare ai familiari per informarli e la Farnesina ha confermato la notizia. Stefanini, fino a due anni fa, era era impiegato alla compagnia di navigazione Moby ma aveva lasciato il lavoro proprio per seguire la sua passione, come aveva spiegato all’ANSA la madre nei giorni scorsi:  “Mio figlio? Troppo appassionato di fotografia…”. Stefanini non è stato l’unico fotografo a subire un simile trattamento: anche molti altri reporter sono stati fermati e picchiati durante l’intervento repressivo delle forze dell’ordine turche voluto da Erdogan. La Turchia è il Paese al mondo con il più alto numero di giornalisti in carcere e molti altri sono in attesa di giudizio ben da prima che cominciassero le proteste, che tra l’altro hanno portato sanzioni per quei canali televisivi che hanno trasmesso le immagini delle folle in piazza.

Sanremo nasconde la statua di Mike

statua-mike
Lo scorso 16 febbraio la statua di Mike Buongiorno è stata presentata a Sanremo, in onore al grande conduttore italiano. Ora, tra lo sbigottimento generale, la stessa scultura è stata celata da un manifesto che sponsorizza le attività del Comune. E così passando per via Matteotti, in pieno centro, a pochi passi dal teatro Ariston, Mike non si vede più. Insomma, se già era posta in una traversa e quindi notarla non era poi così immediato, ora l’impressione è che sia stata ignorata. Anche se i turisti, qualora riescano a scovarla, non mancano di farsi ritrarre nella stessa sua posa con il braccio alzato come se ripetesse, all’infinito, la sua parola d’ordine: “Allegria”.  Paolo Grasso, in riviera per qualche giorno di relax, ha commentato: “E’ una vergogna. Ho visto la statua solo perché ho notato delle persone che facevano delle foto, ma non capivo a che cosa. Mi sono incuriosito e, andando a guardare dietro al cartello, ho visto Mike Bongiorno. Pazzesco!” Ma non è il solo a pensarlo. Giulia Bertacchini, di Reggio Emilia, che in queste zone viene da quando era bambina, ha commentato: “Ora speriamo che rimedino a questa clamorosa gaffe. Questo, poi, è un cartello del Comune di Sanremo, neanche la pubblicità di un privato… Ma non potevano metterlo nell’altro angolo dell’incrocio? E’ grottesco” E un’altra signora, in compagnia del marito e della figlia ha aggiunto: “Mi sono fermata proprio per fotografare questa cosa vergognosa. Mia figlia vuole pubblicare le foto su facebook.” Ma a lamentarsi sono anche i residenti, come il signor Umberto: “Spero che il Comune torni sui suoi passi e ridia dignità alla memoria di Mike Bongiorno, anche per rispetto della famiglia che questa statua l’ha pagata e regalata alla nostra città, facendoci un grande onore” .

Questo slideshow richiede JavaScript.

#standingman: nuova forma di protesta in Turchia

turchia___protesta_standing_men

Ha cambiato volto la protesta in Truchia. Dopo gli scontri, ieri Piazza Taksim e le strade di Istanbul sono state caratterizzate dall’immobilità. Alcuni manifestanti sono rimasti immobili, in piedi, senza parlare. Dopo i primi che si sono paralizzati, in molti li hanno imitati, restando fermi sul posto fino a tarda sera, quando ormai erano una folla. La polizia, inizialmente, si è avvicinata ai dimostranti silenziosi e li ha perquisiti mentre loro restavano immobili. Alcuni sono stati fermati e subito dopo rilasciati. Con il passare del tempo, gli agenti si sono limitati a osservare a distanza, senza intervenire. Immediata la risposta delle rete dove hanno iniziato a circolare le foto dell’iniziativa e su Twitter è apparso un hashtag coniato per l’occasione: #standingman (“uomo in piedi” in inglese).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lieve scossa di terremoto al largo delle isole Tremiti

terremoto-tremiti

Alle 23:34 di ieri, al largo delle isole Tremiti (Foggia), è stata registrata una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.1. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 7,6 km di profondità ed epicentro tra i 10 ed i 20 km a nord-nordovest dell’arcipelago pugliese. Non si registrano danni a persone o cose.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: