“Le foglie stanno volando via dal mondo …

la-foglia

… e sopra c’erano dei messaggi e degli enigmi che non abbiamo decifrato. Anche le mani: lette poco, troppo poco; anche le rughe, i lobi… Non abbiamo letto che dei libri.”

-Guido Ceronetti- (Pensieri del tè, 1987)

Annunci

“Resistere non serve a niente”, ma vale il Premio Strega a Walter Siti

walter-siti-premio-strega-tuttacronaca

“Resistere non serve a niente”, ma è valso il Premio Strega 2013 a Walter Siti. Con 165 voti lo scrittore e saggista classe 47, che si è formato alla Normale di Pisa che ha imposto la storia di Tommaso: ex ragazzo obeso, matematico mancato e giocoliere della finanza; tutt’altro che privo di buoni sentimenti, con un complesso di Edipo irrisolto e con inconfessabili frequentazioni. Quello che viene ritratto è il mondo del denaro, dove possedere significa esistere, il corpo diventa moneta per assicurarsi un futuro e la violenza un vantaggio commerciale. Conosciamo un’olgettina intelligente e una scrittrice impegnata, un sereno delinquente di borgata e un mafioso internazionale che interpreta la propria leadership come una missione. Dove è il confine tra soldi sporchi e puliti? Forse è quel confine flebile tra bene e male. Ma lo scrittore di Rizzoli che si è aggiudicato il premio confessa:

«Mi sono dato perdente già da ieri. È una bella tattica per restare tranquillo. Un esercizio zen. Tutto quello che viene è in più. Ho pregato fin dall’inizio il mio editore di non informarmi e di tenermi fuori dai meccanismi del premio perché mi rendeva ansioso».

Ma la vera sfida è stata per il secondo posto  conquistato per un soffio da Alessandro Perissinotto con “Le colpe dei padri” (Piemme), 78 voti. Soltanto un voto in più di Paolo Di Paolo con “Mandami tanta vita” (Feltrinelli), 77 voti. Il seggio è stato presieduto da Alessandro Piperno, vincitore della scorsa edizione del premio.

Donna si tuffa nel laghetto e annega… suicidio o malore?

parco delle Cave-milano-donna-annega-nel-lago-tuttacronaca

Al parco delle Cave, a Milano, una donna è morta annegata dopo essersi tuffata. L’allarme è stato dato da un uomo che era intento a pescare e a visto la donna gettarsi nelle acque, annaspare senza riuscire a tornare a riva. La vittima non aveva con sè i documenti quindi non è stato ancora possibile identificarla. Sul posto le forze dell’ordine e l’elisoccorso.

 

Non solo voci, Cavani è del PSG… tutto come previsto!

cavani-psg-tuttacronaca

Lo avevamo scritto in un articolo del 6 maggio e ora arriva la conferma, Cavani con ogni probabilità andrà al Psg. Nessuna squadra inglese quindi, ma la Francia attende il fantasista uruguayano. Il d.s. del club francese ha incontrato a Roma Aurelio De Laurentiis: intesa raggiunta sulla base di 64 milioni di euro, ora non resta che convincere il Matador. E il Napoli piomba su Jovetic.

Il vulcano erutta e sei compagnie cancellano i voli

popocatepetl-tuttacronaca-eruzione

Fa le “bizze” il vulcano messicano Popocatepetl che oggi, secondo il centro per la prevenzione delle calamità naturali del Paese,  ha emesso una nube di gas e cenere fino ad un’altezza di 3.500 metri. Il centro ha rilevato ottantaquattro emissioni di gas di moderata e bassa intensità. In aggiunta sono stati rilevati due terremoti nei pressi del vulcano.

Questo slideshow richiede JavaScript.


A causa delle attività vulcaniche il livello di guardia è stato alzato al secondo livello su una scala di sette punti. Nella zona non è stata disposta l’evacuazione della popolazione, ma 6 compagnie aeree statunitensi hanno annullato i voli in Messico per le polveri emesse dall’eruzione.

Le avevamo viste di tutti i colori… le scarpe blu con il tacco di Elkann

lapo-elkann-mocassino-blu-scarpa-tacco-tuttacronaca

Non è insolito vedere Lapo Elkann in abiti stravaganti eppure quando pensiamo che ormai non potrà più stupirci ecco che invece, ancora una volta, riesce a mettere a segno il look che ci lascia a bocca aperta. Per fare shopping in Via Montenapoleone, ha scelto un completo azzurro-blu, occhiali, braccialetto con un paio di occhiali blu, maglietta a righe orizzonatali… e un paio di scarpe di velluto blu con coccarda una tonalità più scura e… tacco. Un mocassino femminile, che fa molto fashion!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Italia-Argentina: la partita in onore di Papa Francesco

italia-argentina

Come omaggiare un Papa che è da sempre un grande tifoso di calcio se non organizzando un’amichevole tra le nazionali del Paese che gli ha dato i natali e quello della cui capitale ora è vescovo? La Federcalcio italiana ha quindi annunciato che il 14 agosto si disputerà, proprio in onore del Pontefice, un’amichevole tra Italia e Argentina a Roma. Le due squadre torneranno così a sfidarsi dopo quasi 13 anni dall’ultima gara, giocata sempre a Roma il 28 febbraio 2001. Per i ragazzi di Mr Prandelli si tratterà del primo impegno dopo la Confederations Cup ma rappresenterà anche un test utile in vista del doppio confronto nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo Fifa 2014: la nazionale azzurra scenderà infatti in campo il 6 settembre contro la Bulgaria a Palermo e il 10 settembre a Torino contro la Repubblica Ceca.

La minaccia di boicottaggio dei piloti di F1

gomme-f1-tuttacronacaIl “sindacato” dei piloti di F1, il Grand Prix Drivers Association, ha assicurato che i piloti hanno intenzione di ritirarsi dalla corsa in Germania se si dovessero verificare nuovi problemi alle gomme, che possono mettere in pericolo la loro stessa vita ma anche quella di “direttori di gara e spettatori”. Il problema di affidabilità e sicurezza è sorto dopo quanto successo durante il Gp di Silverstone, dove ci sono state cinque forature alle gomme.  Fernando Alonso, che se n’è visto esplodere una, si è sfogato al Nurburgring: “La cosa più importante è tornare a casa la domenica sera”, mentre ai nuovi test organizzati dalla Pirelli “non ho nessuna intenzione di andare”. Lo spagnolo della Ferrari accusa l’unico fornitore di pneumatici, che quest’anno ha sbagliato le scelte: “con gomme che si sono rivelate non adatte alla F1. Prima è stato necessario cambiarle per la delaminazione, poi la delaminazione è in parte rimasta e si è dovuto cambiare ancora, quindi sono capitate le esplosioni di Silverstone e arrivano altre modifiche. Speriamo di riuscire a fare tre gare con le stesse gomme”. Alonso non ha quindi intenzione di prender parte ai test Pirelli dal 17 al 19 luglio a Silverstone, che la stessa Fia ha introdotto al posto dei preventivati test giovani proprio come prima misura dopo le anomale esplosioni nel Gp d’Inghilterra. “Non ho nessuna intenzione di andare, non penso che provare le proto-tyres sullo stesso circuito e la stessa macchina sia una cosa troppo sicura in questo momento e non sento la necessità di andare. Penso che non siamo dei collaudatori Pirelli, siamo dei piloti. Però se la squadra mi dice di andare, vado, perché sono loro che hanno il potere. Quindi non ho sicuramente l’intenzione di andare, però devo vedere il team cosa decide”. Lo spagnolo ha quindi continuato: “ero impegnato nel sorpasso di Sergio sulla destra, il che è stata una fortuna. Se fossi andato sulla sinistra forse i detriti della gomma avrebbero colpito il mio casco. Piccoli pezzi di acciaio che viaggiano a 300 km/h sono come proiettili o un coltello. Hanno fatto delle modifiche, e abbiamo fiducia che Pirelli risolverà il problema perché sa quello che sta facendo. Staremo a vedere, nella speranza che queste criticità non si ripresentino perché non sono un bene per lo sport. Dobbiamo aspettare e vedere come i cambiamenti influenzeranno le nostre performance. È il terzo o quarto cambiamento che fanno in questa stagione. Alcuni ci hanno penalizzato, altri sono stati positivi per noi. È un altro punto di domanda di questo fine settimana. Ma quest’oggi le prestazioni sono una priorità secondaria. Quello di cui abbiamo bisogno è un pneumatico con cui è possibile terminare la gara e tornare a casa”. Altre voci però si sono levate in difesa della Pirelli, come quelle di Nico Rosberg (Mercedes), Sebastian Vettel (Red Bull), Nico Hulkenberg (Sauber), Sergio Perez (McLaren), Daniel Ricciardo (Toro Rosso) e Adrian Sutil (Force India): in questo caso si dicono certi che con le nuove gomme portate in Germania la sicurezza dei piloti non sarà a rischio. “Fia e Pirelli hanno preso le decisioni giuste – afferma Rosberg – e credo che si vedranno dei progressi durante il week end. Non sappiamo se a Barcellona abbiamo corso con queste gomme dovete chiederlo a Pirelli e non credo che per noi ci saranno vantaggi. È possibile però che ci sia un rimescolamento delle carte”. Anche Vettel è positivo: “credo sia positivo avere nuove gomme, sono fiducioso che ci sarà un passo avanti”.

Verde come… Coca Cola Life.

coca-cola-life-bottiglia-tuttacronaca

La Coca Cola Light ha fatto il suo corso, leggera sì, ma non naturale e allora bisogna adeguarsi alla corsa ecosostenibile per arrivare al cuore dei vegani convinti e dei consumatori di biologico. Coca Cola come tutti i grandi marchi fa ricerche accurate di mercato e cerca di carpire informazioni importanti.  Arriva ora la bibita “naturale” e “ipocalorica”, cambia anche l’etichetta… non più rosso, ma verde ( un chiaro richiamo alla natura). Quindi al supermercato non pensate che sia un plagio o un prodotto che vuole copiare la Coca Cola… nascosta sotto l’etichetta verde c’è sempre la bibita analcolica più amata al mondo.

Ma cosa ha davvero di diverso Coca Cola Life?

E’ la prima Cola fatta con la stevia, un dolcificante naturale ottenuto da una pianta originaria del Sud America. Il suo sapore è più pronunciato e il suo potere edulcorante è di 200 volte superiore a quello dello zucchero tradizionale.

Una lattina di Coca Cola Life da 33 cl contiene, infatti, meno della metà delle calorie di una lattina classica (64 contro 139).

E’ quindi veramente naturale? La può bere chi ha il diabete o problemi di obesità?

“Lo slogan della Coca Cola suggerisce che quella della Coca Cola Life, a base di stevia, sia davvero una soluzione per chi non sa rinunciare alla cola pur non potendo berla per problemi di salute. Eppure resta una bevanda piena di calorie derivanti dallo zucchero e senza sostanze nutritive” ha detto all’Huffington Post statunitensela dottoressa Sharon R. Akabas, direttore dell’Istituto di Nutrizione Umana presso la Columbia University,

 Ma niente paura al momento verrà distribuita solo in Argentina.

E’ giusto concedere il processo a porte chiuse a Schettino?

Francesco-Schettino-processo-tuttacronaca

”Ho espresso per iscritto al tribunale di Grosseto manifestazione di mancato consenso di qualsiasi ripresa televisiva del dibattimento al fine di evitare qualsiasi forma di spettacolarizzazione del processo e, soprattutto, per il rispetto delle parti coinvolte”. Lo dice il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, a proposito delle regole fissate dal tribunale per le riprese audio-tv nel processo al via il 9 luglio dove e’ unico imputato per il naufragio del 13 gennaio 2012.

Legalmente non ci sono dubbi che un processo possa essere celebrato a porte chiuse se l’imputato ne fa richiesta, ma eticamente il dubbio si solleva nel caso della Costa Concordia. Perché non rendere pubblico un dibattimento così controverso in cui si cerca ancora, a distanza di più di un anno, una verità che possa spiegare una tragedia di una nave che si incaglia a circa 500 metri dal porto dell’Isola del Giglio e ci sono 30 vittime.

 

E per Marino arriva la caduta… dalla bicicletta!

marino-caduta-biciclettaE’ rimasto “vittima” della sua stessa passione il sindaco di Roma Ignazio Marino. E’ stata l’agenzia Dire la prima a raccontare come il politico sia finito a terra mentre pedalava tra le strade della capitale, più precisamente in piazza del Collegio Romano mentre il primo cittadino stava raggiungendo il ministro Bray per una riunione in cui si è discussa anche la pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali. Il sindaco non ha comunque riportato danni ed è salito nuovamente in sella per percorrere gli ultimi metri che lo separavano dalla meta: a pagare le spese della caduta, sembrerebbe, solo il pantalone strappato. Neanche i soliti vigili urbani che scortano Marino con la bici elettrica hanno potuto fare nulla per impedire la caduta, nella quale non sono rimasti coinvolti. Forse è stato un sanpietrino a tradire il neo eletto, di certo ora si sentirà vicino ai cittadini che chiedono più piste ciclabili chiare e visibili.

La Juve fa reclamo contro la Lazio per la Supercoppa

supercoppa-italiana-juventus-lazio-tuttacronaca

La Juve ha presentato reclamo alla Corte di giustizia federale contro la delibera del Consiglio di Lega dello scorso 27 giugno relativa alla ripartizione dei proventi della Supercoppa contro la Lazio. Per il club, come anticipato nei giorni scorsi, la Lega non ha infatti competenza sulla ripartizione degli incassi della competizione.

Cassano al Parma tra polemiche e ringraziamenti

parma-cassano-maglia-tuttacronaca

Cassano e il suo primo giorno in maglia giallo-blu, numero 99. L’entusiasmo del giocatore barese è tutto proiettato per questa nuova avventura che lo attende, ma anche a polemizzare sul suo passato all’Inter:  «Dell’Inter devo ringraziare tutti, a partire dal presidente Moratti. Ma non Mazzarri. Prima che lui firmasse mi ha detto che sarei stato titolare fisso, dopo che ero titolare sì ma per andare a casa».

Nella sua prima conferenza stampa da giocatore del Parma, Cassano ha poi dichiarato: «Parma sarà la mia ultima piazza. Voglio finire alla grande, qui mi toglierò tante soddisfazionì. La speranza è anche quella di tornare in nazionale». L’anno prossimo è anche l’anno dei Mondiali: «Siamo qui a Parma, dobbiamo essere protagonisti per non so quale traguardo. Non so chi arriverà, ma non sono qui in vacanza».

La porta di un treno cade in testa a un passeggero

treno-porte-regionale-cade-in-testa-a-passeggero-tuttacronaca

Un incidente anomalo, ma che denota anche il degrado dei treni regionali. Questa mattina, intorno alle ore 7, la porta di una carrozza del treno Chiusi-Firenze, si è staccata e ha colpito la testa di un passeggero di 39 anni originario di Reggello. Immediato il trasporto in ospedale di Santa Maria Nuova, dove i medici gli hanno diagnosticato un trauma cranico e lo hanno dimesso. Sull’episodio indaga la polfer. Episodio ”inconcepibile” il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis.

 

La toppa reale! In tempo di crisi si riciclano i vestiti anche tra i principi.

charles-prince-principe-carlo-toppa-vestito-tuttacronaca

Non è la prima volta e forse ormai è un segno distintivo del Principe Carlo d’Inghilterra. Impegnato in una serie di eventi ufficiali nel Galles, con la moglie Camilla al suo fianco, il principe, è stato fotografato in visita al set di “Doctor Who” – serie cult di fantascienza in onda dal 1963 sulla Bbc e prossima a festeggiare il mezzo secolo con una puntata in 3D a novembre – indossando un vestito grigio che però aveva un vistoso rattoppo su un fianco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In passato c’erano state scarpe lise e abiti rammendati,  come in un programma della Bbc sulla vita rurale in cui l’erede al trono, forse per essere in tema,  indossava un giaccone tenuto insieme da toppe.

Effetto crisi anche sul tormentone estivo: il ventilatore!

carletto-dj-tuttacronaca

Effetto crisi anche sul tormentone estivo? Sembrerebbe proprio di sì. Niente aria condizionata, in tempo di ristrettezze economiche arriva “il ventilatore”! Il tormentone estivo è prodotto da Blue Side srl, scritto da Fabrizio Murgante e Carletto, il dj di Rtl 102.5. Quindi quest’anno la calura estiva si batterà a colpi di vento proprio come la coreografia che richiama un ventilatore ideata dalla celebre Claudia Rossi,  che in un crescendo di movimenti simula proprio il ventilatore che dà il titolo a un pezzo che mira a far ballare adulti e bambini sulle spiagge e nei villaggi. Protagonisti del video sono anche alcuni volti  del mondo della televisione: Angela Melillo, Roberto Ciufoli e Fabrizio Ferrari, che si sono messi in gioco testando in prima persona il nuovo ballo dell’estate.

Carletto poi spiega «Non sono un cantante, non sono un ballerino, e soprattutto non sono attore, sono semplicemente un DJ,  ma quando mi hanno chiamato per propormi di cantare, ballare e recitare ne Il Ventilatore, non c’ho pensato un attimo e ho accettato immediatamente. Ho posto solo una condizione: che una parte dei proventi dalle vendite del disco andassero in beneficenza, e sono son stato accontentato. Nessuna pretesa artistica, ma solo la voglia di fare un ballo/tormentone per tutti, semplice da ricordare e facile da ballare, con un unico scopo: divertire grandi e piccini. È una sfida, il brano cambia di velocità ogni ritornello, diventando sempre più difficile da ballare, una sorta di competizione a fare al meglio fino in fondo la canzone».

Sesso e orge davanti al Duomo, il vescovo vuole recintare la piazza

Ferrara-duomo-sesso-orge-davanti-a-chiesa-ferrara-tuttacronaca

Il vescovo Luigi Negri, arrivato in Emilia da appena 100 giorni, vuole recintare la piazza del Duomo di Ferrara per evitare atti promiscui davanti al luogo di culto… Ma non è suolo comunale quello che si trova di fronte alle chiese? Il vescovo risponde così: “Vedremo cosa diranno il prefetto e il questore, il sindaco e tutte le autorità. Ma se le cose non dovessero cambiare, adotterò un intervento drastico: la recinzione della parte della piazza antistante all’ingresso del Duomo”.

La polemica era scoppiata sulle pagine del Carlino di Ferrara, dove Luigi Negri spiega: “Tornavo a casa alle tre di notte. C’erano persone intente in atti di promiscuità. Ho visto scene di sesso tra due ragazzi e un gruppo, evidentemente ubriaco, coinvolto in atteggiamenti orgiastici. Io non ho mai visto un postribolo. Ma l’idea era quella”. Come mai un vescovo torna alle tre di notte? Ferrara è una città in cui un vescovo deve fare le ore piccole per portare la parola di Cristo nella città? Un esempio di dedizione che davvero deve essere sottolineato.

Ma proprio dopo queste parole inizia un aspro dibattito tra politica, amministrazione e Università. Tutti si domandano se bisogna chiudere i locali, limitare gli orari o recintare la piazza. E’ il vescovo a mostrare la strada giusta da percorrere e illuminato dalla grazia propone di chiudere i bar gestiti in strutture che la Curia dà in affitto. “Il problema esiste, prosegue Negri su – La Nuova Ferrara – e va affrontato, senza girarsi dall’altra parte: è una questione di carattere morale e culturale”. La politica? Non c’entra, assicura l’alto prelato: “Ma cosa fanno le istituzioni in favore dei giovani? Ancora troppo poco. Certo, credo di avere smosso un po’ le acque stagnanti”.

Le brutte notizie per l’Italia: mercato debole e disoccupazione alle stelle

fmi-italia-report-tuttacronaca

Fmi ci regala una doccia fredda. Dopo le parole di speranza di Letta e la ripresa economica prospettata da Saccomanni ( ma immediatamente stroncata da Squinzi) arriva l’ennesima tegola sulla testa degli italiani: «Le prospettive di crescita restano deboli, la disoccupazione è a livelli alti in modo inaccettabile e la fiducia del mercato è ancora debole». Questo si legge nell’Article IV del Fmi sull’Italia. E poi il report prosegue dicendo che state adottate «azioni decise dalla fine del 2011 per rafforzare i conti pubblici», ma «il lavoro non è ancora completato».
L’Fmi ha tagliato dal -1,5% al -1,8% le stime sul Pil italiano del 2013. Ha alzato quelle per il 2014 dal +0,5% al +0,7%. «La ripresa è attesa a fine 2013, sostenuta dall’export e da una modesto miglioramento degli investimenti», si legge nell’Article IV sull’Italia. Quindi -1,8% e +0,7% (presunto) ci porterebbe ad avere ancora un Pil negativo per il prossimo anno: – 1,1%. Possiamo parlare di ripresa economica o solo di non esser caduti nel baratro?

Inoltre le cattive notizie non finiscono qui:  L’Fmi si schiera contro la cancellazione dell’Imu sulla prima casa. «La tassa sulla proprietà sulla prima casa dovrebbe essere mantenuta per ragioni di equità ed efficienza e la revisione dei valori catastali accelerata per assicurare l’equità»,

«La priorità deve essere data ad aumentare la bassa occupazione dell’Italia, soprattutto di giovani e donne». Dimezzare il gap con il resto dell’Europa, spiega l’Article IV del Fmi, «potrebbe alzare il Pil di circa il 2,5% entro il 2018». È necessario agire «per migliorare la bassa produttività e competitività dell’economia».
«Un ribilanciamento del risanamento fiscale è assolutamente necessario per sostenere la crescita», si legge nell’Article IV del Fmi sull’Italia, «modificare la composizione del risanamento attraverso tagli di spesa e minori tasse». Un efficace pagamento dei debiti P.A «può ridurre le difficoltà del credito delle aziende».

Uccisa a 6 anni… shock in America!

alanna-gallagher-tuttacronaca

Storia macabra e triste quella che oggi ha sconvolto gli Usa. Alanna Gallagher, una bimba di 6 anni è stata ritrovata avvolta in un telo a   Saginaw, periferia di Fort Worth in Texas. Al momento del rinvenimento del cadavere, la piccola era senza abiti, portava solo gli slip e la testa era avvolta in un sacchetto di plastica. Le mani e i piedi della bimba erano legali.  L’Fbi ha offerto una ricompensa di  10mila dollari per chi può dare informazioni sul mostro che ha dilaniato la vita di una bambina. . Al momento l’unico indizio su cui stanno lavorando gli investigatori sarebbe la segnalazione di un pick up rosso con una macchia verde sulla carrozzeria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’Italia chiude le porte a Snowden

ed-snowden-italia-tuttacronaca

Dopo che Emma Bonino ha usato toni più che blandi per giustificare le intercettazioni americane, l’Italia, ancora una volta, non si contrappone alla potenza americana: nonostate Edward Snowden, la talpa del caso Datagate, abbia chiesto asilo nello Stivale, così come ha fatto con molti altri stati, nel Belpaese le porte per lui restano chiuse proprio per bocca del ministro degli Esteri. Snowden sempre più in fuga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si riapre il caso Maddie!

madeleine-mc-cann-tuttacronaca

Riapre l’inchiesta su Madeleine McCann, la bimba britannica che sparì nel 2007 da un appartamento di Praia de Luz, in Portogallo, dove la sua famiglia era in vacanza. La polizia ritiene che la piccola possa ancora essere in vita e ha deciso di stilare una lista di 38 persone che potrebbero essere coinvolte nella vicenda.

“E’ un grande passo in avanti”, hanno affermato i genitori di Maddie. Le autorità portoghesi avevano concluso le loro indagini, senza un nulla di fatto, nel 2008. La polizia di Londra ha condotto una revisione, avviata nel 2011 dal governo di David Cameron in seguito alle richieste dei McCann.

La Corte d’Appello condanna un uomo per vilipendio alla nazione

italia-insulto-tuttacronaca

«Italia, paese di m…», l’espressione è stata sanzionata con una multa da mille euro a un uomo 71enne che ha pronunciato la frase dopo essere stato fermato dalle forze dell’ordine perché alla guida di un veicolo con un faro spento. La Corte d’appello di Campobasso lo aveva condannato a pagare una multa di mille euro, pena interamente coperta da indulto, sentenza poi confermata dai giudici della prima sezione penale della Cassazione. Perché non si far pagare i 1000 euro, può esistere un indulto anche sul vilipendio alla nazione? Quindi è una condanna senza pena?

 

L’acqua non è potabile e i cittadini hanno tutti mal di pancia

acqua-inquinata-tuttacronaca

In una frazione del Comune di Loria, Ramon, i cittadini hanno quasi tutti avuto forti dolori addominali dovuti all’acqua bevuta dal rubinetto delle proprie abitazioni. Dopo alcune segnalazioni il sindaco ha emesso un’ordinanza con la quale vietava, agli abitanti del paesino in provincia di Treviso, di bere acqua dai rubinetti. Un campione è stato analizzato da ATS, l’azienda che si occupa del servizio idrico della zona. Visibilmente poco limpida, l’acqua presentava l’assenza di cloro. Questo dato può essere indicativo in quando ci potrebbe essere una mancata cura delle tubature, ma si non esclude una contaminazione della rete idrica da parte di una fonte esterna.

La zona più colpita è quella di via Brenta. La sua linea è stata prontamente chiusa ed in seguito è stato attivato il processo di iperclorazione, che disinfetterà le tubazioni indagate. Per permettere agli abitanti del Comune di avere acqua ad uso alimentare, ATS ha provveduto a posizionare sul posto una cisterna da 8000 litri.

Collassa la strada e l’auto viene risucchiata!

auto collassa in voragine-tuttacronaca

E’ impressionante il video che mostra l’enorme voragine, di circa 10 metri di profondità, che si è improvvisamente inghiottita l’auto in cui era alla guida una donna, Pamela Knox, che miracolosamente è rimasta illesa. La polizia di Toledo (Ohio) ha dichiarato che probabilmente la voragine che si è aperta sulla strada principale della città è stata causata da alcune infiltrazioni.

L’amore è vegan: arriva la manifestazione degli animalisti Italiani

loredana cannata-vegan-tuttacronaca

Manifestazione degli “Animalisti Italiani” con uno slogan che non lascia davvero indifferenti “L’amore è vegan”.  A Roma, tra sostenitori, animalisti e una testimonial come l’attrice Loredana Cannata si è svolta la promozione di un messaggio volto alla salvaguardia degli animali e al rispetto dell’ambiente: “L’amore è vegan”!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quella trasparenza che manca nel governo italiano…

governo-letta-trasparenza-tuttacronaca

Un governo al servizio dei cittadini che dimentica la trasparenza? Questo sembrerebbe essere il leit motiv dei governi che si succedono in Italia e forse anche quest’ultimo sembra non far eccezione.

Sembra che il governo Letta non abbia applicato il  decreto trasparenza (33/2013) entrato in vigore lo scorso 20 aprile che obbliga tutti i nominati e gli eletti – ministri, viceministri, sottosegretari, sindaci, consiglieri, assessori, presidenti di regione e province – a pubblicare entro tre mesi dalla nomina la dichiarazione dei redditi, i compensi connessi alla carica e la situazione patrimoniale propria e dei parenti entro il secondo grado. Sono infatti solo quattro su 19 ad aver presentato online il 730.

Lo stesso Letta che a differenza di altri ha pubblicato il suo 730 lo ha fatto in modo impreciso e sommario. Il premier forse non ha avuto il tempo necessario per leggere con attenzione la normativa e ha quindi pubblicato soltanto nel proprio sito personale, e non in quello di palazzo Chigi, la dichiarazione dei redditi del 2011 senza indicare la situazione patrimoniale né quella della moglie e dei parenti.

Enzo Moavero Milanesi è l’unico invece a usare un formulario corretto nella “Scheda trasparenza” del dipartimento delle Politiche europee: anche lui però dimentica di segnalare eventuali situazioni patrimoniali di famigliari e parenti.

Lo stesso ministro della giustizia Anna Maria Cancellieri, che pure lo scorso anno aveva pubblicato insieme con i colleghi ministri il proprio reddito sul sito del Viminale, non lo ha ancora trasportato sul portale della Giustizia. Forse anche perché dovrebbe aggiornare alcuni dati a partire  dalla situazione patrimoniale del figlio Piergiorgio Pelusi, che proprio lo scorso anno è finito nella bufera per un brutto conflitto di interessi quando venne alla luce che lavorava come top manager alla Telecom, nello stesso ramo d’azienda al quale la madre ministra aveva appena ordinato una nuova commissione milionaria per i braccialetti elettronici destinati ai detenuti.

Datagate francese: spiati i telefoni

francia-telefono-tuttacronaca

Anche la Francia dispone di un “dispositivo di spionaggio su ampia scala delle telecomunicazioni”, simile al sistema Prism americano, gestito dalla Direzione generale della sicurezza esterna (Dgse). Lo rivela il sito del quotidiano Le Monde, secondo cui l’intelligence francese “raccoglie sistematicamente i segnali elettromagnetici emessi da computer e telefoni” nel Paese e i flussi da e verso l’estero.

Sale ancora la pressione fiscale: 39,2%

pressione-fiscale-tuttacronaca

Sembra inarrestabile la corsa della pressione fiscale in Italia,  nel primo trimestre del 2013 sale al39,2%, risultando superiore di 0,6 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo rileva l’Istat, diffondendo il conto economico delle Amministrazioni pubbliche. Di solito nei primi tre mesi dell’anno la pressione fiscale risulta meno accentuata rispetto ai trimestri successivi. L’andamento, infatti, nella maggiora parte dei casi è crescente durante i 12 mesi dell’anno, per toccare i massimi nel quarto trimestre. Quindi non possiamo che attenderci dati peggiori? 

Cinque Stelle al Colle mercoledì mattina… Slitta l’incontro!

napolitano-grillo-incontro-m5s-tuttacronaca

Slitta a metà della prossima settimana l’incontro tra il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, come si è appreso da fonti parlamentari si è poi deciso per un rinvio.  A quanto si apprende l’incontro si terrà mercoledì mattina, quando il leader del Movimento 5 stelle guiderà la delegazione parlamentare al Colle per essere ricevuto da Napolitano.

Repressione violenta contro le Femen davanti all’Eliseo

amina-tunisia-femen-eliseo-filo-spinato-tuttacronaca

Protestavano a Parigi davanti al Palazzo presidenziale dell’Eliseo e invocavano la liberazione della tunisia Amina Sboui, le tre Femen che sono state vittime di una repressione violenta da parte della polizia. Per manifestare le ragazze si erano presentate davanti al palazzo del governo francese indossando una maschera davanti alla bocca e un reggiseno di filo spinato. La protesta è avvenuta in occasione della partenza di Hollande per la Tunisia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I disabili in Italia sono discriminati lo dice la Corte di giustizia Ue

disabili-comunità-europea-tuttacronaca

Secondo la  Corte di giustizia Ue, l’Italia non ha adottato tutte le misure necessarie per garantire un lavoro ai disabili e viene invitata a porre rimedio in tempi brevi. L’Italia, sempre secondo la Corte, sarebbe «venuta meno agli obblighi» sanciti nel diritto comunitario per aver recepito in maniera incompleta e inadeguata la direttiva prevista nel 2000 sulla parità di trattamento in materia di occupazione e condizioni di lavoro.

I giudici europei hanno in sostanza accolto i rilievi mossi all’Italia dalla Commissione Ue nella procedura d’infrazione conclusasi con il deferimento alla Corte di giustizia del nostro Paese poiché ha ritenuto insufficienti le garanzie e le agevolazioni previste a favore dei disabili in materia di occupazione dalla normativa italiana. In particolare, secondo Bruxelles, le norme nazionali non riguardano tutti i disabili, tutti i datori di lavoro e tutti i diversi aspetti del rapporto di lavoro. Inoltre, l’attuazione dei provvedimenti legislativi italiani è stata affidata all’adozione di misure ulteriori da parte delle autorità locali o alla conclusione di apposite convenzioni tra queste e i datori di lavoro e pertanto non conferisce ai disabili diritti azionabili direttamente in giudizio.

La Corte ha ora stabilito che gli Stati membri devono prevedere l’obbligo, per i datori di lavoro, di adottare provvedimenti efficaci e pratici (sistemando i locali, adattando le attrezzature, i ritmi di lavoro o la ripartizione dei compiti) in funzione delle esigenze delle situazioni concrete, per consentire ai disabili di accedere a un lavoro, di svolgerlo, di avere una promozione o di ricevere una formazione, senza tuttavia imporre al datore di lavoro un onere sproporzionato. O lo paga lo Stato l’adeguamento, ma si sfora il patto di stabilità o lo si mette a carico del datore di lavoro, quindi in ogni caso sembra un obiettivo irraggiungibile in tempo di crisi. Che soluzioni ha l’Italia?

 

Arrestati due uomini hanno drogato Sara Tommasi per farle girare un hard

Sara-Tommasi-arrestati-uomini-tuttacronaca

Hanno convinto Sara Tommasi a girare un film hard a Buccino, in provincia di Salerno approfittando del momento di difficoltà della ragazza e somministrandole anche cocaina. I due uomini arrestati oggi sono uno di Roma e l’altro di Milano, rispettivamente il produttore e l’organizzatore artistico della pellicola. Indagate anche altre persone che hanno preso parte alla realizzazione del film. La pellicola, girata in un albergo di Buccino, “Confessioni private” è stata sequestrata.

La disabile che è “sana” per Equitalia

ricami-disabile-equitalia-tuttacronaca

Lei, una 49enne trentina, è invalida al 47% , ma Equitalia dice che deve pagare i contributi come se fosse sana.

«Non ce la faccio più a sopportare questa umiliazione e non riesco più a lavorare come un asino, quando ho le commesse per farlo, con conseguenti giornate a letto per il mal di schiena, che non vengono conteggiate come possibili fermi lavoro dall’Agenzia delle Entrate», dice la donna che a Riva del Garda effettua ricami personalizzati su capi di abbigliamento o su altro materiale pubblicitario. Per questa attività in proprio ha dovuto acquistare una macchina da 20mila euro che gli fa guadagnare poco più di 30 centesimi l’ora.

Secondo lo Stato se ha investito 20 mila euro è perché ne guadagna altrettanti. «Questa è una ingiustizia, la signora lavora, se ha lavoro, quelle poche ore al giorno e non tutti i giorni, pagando ogni imposta diretta e indiretta», afferma il presidente di Federcontribuenti Marco Paccagnella. «La tassazione sul lavoro, e la politica fiscale in generale, annulla tutti quei diritti costituzionali a partire dal contribuire alle spese dello Stato secondo le proprie possibilità, al diritto al lavoro e alla salute e alla casa».

19enne si suicida dopo che ha perso tutti i soldi al gioco

chiesa-del-soccorso-suicidio-19-anni-tuttacronaca

M.C. 19 anni, di Barano d’Ischia, ha scritto su un biglietto prima di lanciarsi nel vuoto dal piazzale della chiesa del Soccorso, a Forio d’Ischia:

‘Cara mamma, scusa: ho sciupato tutti i soldi al gioco”

Il giovane è morto sul colpo dopo un volo di 50 metri. Il corpo è stato rinvenuto sul selciato della scogliera.

I lavoratori senza stipendio tentano di bloccare la A1

blocco-a1-lavoratori-napoli-tuttacronaca

Circa 200 lavoratori dei consorzi di Bacino hanno tentato di bloccare l’autostrada la A1 Napoli-Bologna, all’uscita del capoluogo campano. La protesta era volta a sensibilizzare le amministrazioni locali per il mancato  pagamento degli stipendi dei lavoratori. Il blitz tentato questa mattina è stato immediatamente bloccato dalle forze dell’ordine. Ora i lavoratori sono vicino al Punto Blu dell’autostrada e stanno comunque cercando di sollevare l’opinione pubblica sul loro problema. In questi giorni di esodo estivo, una protesta sulla più importante arteria che collega il nostro Paese da nord a sud metterebbe in ginocchio buona parte del traffico vacanziero e degli approvvigionamenti su gomma.

Paura in municipio, nel bolognese un uomo vuole incendiare il comune

uomo-incendia-comune-bologna-tuttacronaca

L’altro ieri  gli spari, oggi il fuoco. Lavorare in comune è diventato pericoloso. A Casalecchio di Reno, alle porte di Bologna, un uomo è entrato in municipio con una tanica di benzina e un accendino e ha minacciato di dare alle fiamme l’edificio. Immediato l’intervento dei carabinieri che lo hanno bloccato poco prima delle 8.30. Dalle prime indiscrezioni sembrerebbe che l’uomo volesse parlare con il sindaco Simone Gamberini per risolvere alcuni problemi personali e quando è stato fatto accomodare nella sala d’attesa ha minacciato di dare fuoco al comune.

I fazzoletti sporchi di sangue nel caso Ragusa

ragusa-roberta-fazzoletti-sporchi-di sangue-tuttacronaca

Dopo i continui appelli degli investigatori e della famiglia di Roberta Ragusa a coloro che conoscono la verità ma che stanno tacendo per paura qualcuno sembra essersi fatto finalmente avanti.

«Non ce la faccio più a tenermi dentro questa cosa…» ha detto, lunedì scorso, una dipendente della Geste al suo direttore. La donna, sulla cinquantina, abita in un paese dell’hinterland pisano, è una collega di Logli che per la società di servizi comunali ha lavorato come elettricista a tempo pieno fino alla scomparsa della moglie, ora, invece, fa un part time. La donna ha preferito prima confidarsi con il dirigente, il quale ha avvisato immediatamente i carabinieri e martedì la donna è stata ascoltata in Procura dal magistrato che conduce l’inchiesta, il sostituto procuratore Aldo Mantovani. La deposizione è durata quasi due ore e in particolare la testimone ha raccontato che intorno a febbraio-marzo dello scorso anno, ha trovato  due fazzolettini di carta macchiati di sangue, mentre stava pulendo uno dei furgoncini della Geste. I fazzolettini sono poi stati buttati dalla testimone nella spazzatura. Si tratta di un Fiat Fiorino che fino al novembre del 2011 era solitamente usato per lavoro da Antonio Logli. Il quale, appunto un paio mesi prima della scomparsa della moglie, disse che quel furgoncino non andava più e, quindi, Geste gliene mise a disposizione un altro. In realtà quel Fiorino aveva bisogno solo di un intervento di manutenzione di poco conto, quindi chi aveva le chiavi o sapeva dove trovarle avrebbe potuto servirsene senza problemi. Quando il 29 febbraio 2012 i Ris dei Carabinieri di Roma vennero a Gello per la prima volta, quel veicolo non fu preso in considerazione, essendo ‘ufficialmente’ fermo da tre mesi. Ora il  furgoncino è stato posto sotto sequestro e sarà sottoposto agli accertamenti tecnico-scientifici del caso.

Si lancia dal Duomo, atterra in piazza e fugge in metro

duomo-paracadutista-tuttacronaca

Milano d’estate e i colpi di testa! Questa potrebbe essere la sintesi del fatto davvero singolare che oggi ha coinvolto il capoluogo meneghino. Il protagonista è un giovane paracadutista, che non è stato identificato, che per fare un gesto goliardico, si è lanciato dal Duomo, è atterrato in piazza ed è fuggito in metro. La notizia naturalmente non è passata inosservata e in rete già è iniziato il tam tam per conoscere il nome dell’artefice di questa bizzarra trovata estiva.

  

La visita del Papa incrementa gli sbarchi a Lampedusa?

clandestini-sbarchi-viaggi-della-disperazione-tuttacronaca

Il viaggio deciso da Papa Francesco per l’8 luglio sta incrementando lo sbarco dei clandestini a Lampedusa? E’ uno dei dubbi che si sta diffondendo in queste ora. Certo l’estate ha sempre favorito l’approdo dei “viaggi della disperazione”, ma sembra che negli ultimi giorni ci sia stato proprio un incremento dovuto all’imminente visita del Pontefice. Sarebbero un numero elevatissimo i migranti  che vorrebbero incontrare sua Santità e avere una parola di speranza, che in un paese in crisi, che non riesce a dare lavoro ai suoi cittadini, sembra essere l’unica certezza a cui aggrapparsi in questo momento. L’Italia non offre più occasioni neppure a loro, eppure il “traffico” di clandestini non si arresta.

Un barcone con a bordo circa cento immigrati, presumibilmente di nazionalità siriana, è giunto nella notte al porto di Siracusa. Il barcone  giunto alle 3.30 a Siracusa aveva a bordo diversi minorenni e dieci donne, di cui una in stato di avanzata gravidanza.

Ma poco dopo, al largo di Malta  la Guardia Costiera italiana, insieme a quella maltese, ha soccorso 300 migranti in balìa delle onde. Il comando della Guardia costiera italiana, ha riferito che nelle prime ore di questa mattina l’imbarcazione soccorsa al largo di Malta è giunta a La Valletta. Era sta la Centrale Operativa di Roma della Guardia Costiera, alle 14 di ieri, a ricevere una segnalazione telefonica dal sacerdote eritreo don Mosè Zerai relativa a un barcone in difficoltà con a bordo circa 300 migranti. A bordo di questa imbarcazione c’erano alcuni feriti che sono stati trasbordati sul pattugliatore italiano e successivamente trasferiti a bordo di un elicottero maltese per essere trasportati d’urgenza in un centro ospedaliero di Malta. Gli altri 265,  tra cui donne e bambini, sono stati trasferiti, su due motovedette della Guardia Costiera maltese e sono giunti nel porto di La Valletta alle prime luci dell’alba.

 

Uno sguardo al… Gazpacho.

La ricetta puoi trovarla QUI!

Gazpacho-tuttacronaca-ricetta

Pedro Almodovar sul set di… Parla con lei.

Pedro Almodovar su set di… Donne sull’orlo di una crisi di nervi.

Pedro Almodovar sul set di… Che ho fatto io per meritare questo?

Gente della Ruta Cinematografica… Pedro Almodovar!

pedro-almodovar-ruta cinematografica-tuttacronaca

Uno sguardo a… LA RUTA CINEMATOGRAFICA, Calzada de Calatrava, Spagna!

Parque Pedro Almodóvar.

granatula-de-calatrava-ruta-cinematografica-almodovar-tuttacronaca

Uno sguardo a… LA RUTA CINEMATOGRAFICA, Puertollano, Spagna!

Auditorio Municipale.

auditorio- Puertollano-almodovar-spagna-ruta-cinematografica-tuttacronaca

Uno sguardo a… LA RUTA CINEMATOGRAFICA, Almagro, Spagna!

Plaza Mayor.

Almagro- plaza mayor-almodovar-spagna-tuttacronaca

Lo scandalo dei fallimenti a Report!

giovanna-boursier-report-tuttacronaca

Si parla di fallimenti di Stato ma nessuno poi ha chiara la dinamica di ciò che succede veramente. L’Italia è l’unico paese al mondo dove i commissari straordinari sono nominati dal governo di turno, ma la prassi poi in cosa consiste? I debiti vengono accantonati e si prova a vendere la parte migliore con le new company… il risultato è disastroso. Le procedure di dismissione sono non solo costose e infinite nel tempo, ma anche poco trasparenti così che i creditori non rientrano, quasi mai dei loro soldi. Ma chi è che gestisce questo meccanismo e chi ha la responsabilità di questo sistema assurdo, oneroso e ingiusto verso i creditori?

Giovanna Boursier, per report,  è andata a vedere a che punto è la procedura Alitalia, dichiarata insolvente nel 2008. Dopo 5 anni dalla nomina del primo commissario straordinario, Augusto Fantozzi, che nel 2011 è stato sostituito, con norma ad hoc, da tre nuovi commissari: Ambrosini, Fiori e Brancadoro. Fantozzi aveva appena consegnato al Ministero azione di responsabilità contro 43 ex amministratori dell’ex Alitalia. Intanto ci sono 35mila creditori che aspettano di veder saldate le loro fatture… ma intanto ci devono pagare l’Iva.

E le new company nate dalle ceneri dalle ceneri dei fallimenti? Alitalia non decolla, Tirrenia, la compagnia marittima di Stato privatizzata nel luglio scorso, è in stallo, per non parlare di Cit, l’ex azienda del Turismo di Stato: privatizzata a fine anni ’90 e poi fallita, con 300 dipendenti che non hanno fatto altro che transitare, come fossero pacchi postali, da un fallimento a un altro; mentre alberghi e villaggi sono finiti nelle mani di una fiduciaria.

Anche nei fallimenti l’Italia è scandalosa!

Vendola parla all’Unità…

nichi, vendola,sel,tuttacronaca

Vendola sa di dover uscire fuori dall’angolo buio in cui è stato condotto da Bersani. Così lancia l’idea del “rimescolamento”, anche in risposta all’invito di Matteo Orfini che chiedeva un superamento della visione Pd. Il governatore della Puglia sa perfettamente i rischi che corre con questa nuova proposta e si affretta a chiarire che non si tratta di una “cosa” ma bensì di «ripartire dall’analisi della crisi, recuperare un giudizio condiviso sugli ultimi trent’anni di rivoluzione liberale nella prospettiva di un socialismo del futuro, keynesiano e ambientalista, che non sia una variante effervescente dell’egemonia dei mercati finanziari»

Ma quando il giornalista chiede se si può definire un socialismo epurato dal blairismo, la risposta di Vendola è secca:

«Non voglio sfregiare gli album di famiglia, però quel ciclo si è concluso e il problema ora è: può esistere la prospettiva di Stati Uniti d’Europa, cioè di una forte democrazia europea, mutilando il Vecchio continente del suo welfare? O si può intendere che le politiche economiche e sociali delle destre europee hanno spinto le nostre società entro un precipizio recessivo che oggi mescola drammaticamente la crisi sociale con la crisi democratica, povertà, violenza razzista, nazionalismo, localismi, corporativismo. Siamo di fronte al pulviscolo di quello che fu una narrazione civile e una proposta politica».

Allora il giornalista devia il discorso e lo allarga all’Europa “La casa comune dei progressisti in cui Sel potrebbe occupare una stanza, in Europa avrebbe come riferimento i socialisti?”

«Dove si gioca la partita? Lo vorrei dire anche ai compagni delle formazioni della sinistra radicale: dove si combatte? Noi sappiamo che è globale il problema della ricostruzione della sinistra. E coincide con il tema della ricostruzione dell’Europa. Di una sua anima, del suo essere un paradigma di civiltà. Penso che le forze del socialismo europeo siano il luogo in cui far convivere le tante culture politiche, che lì possano competere sul piano delle idee invece che sul piano elettorale. C’è una tendenza minoritaria, chiusa in un minimalismo di partito che rischia di essere mero fenomeno ornamentale. Ma anche una cultura minoritaria in un contenitore grande diventa contaminazione e lievito. Del resto chi, su quale atollo di questo universo frastagliato, può dirsi sicuro di avere gli strumenti adeguati per rappresentare la politica del futuro? Più utile che suddividerci in tanti comitati elettorali, può essere alimentarci reciprocamente come parte di una intelligenza collettiva. Pensando ai grandi partiti progressisti nel mondo e non solo in Occidente, anche in America latina dove una sinistra iperideologica e vissuta per tanto in clandestinità è stata in grado di smetterla di essere prigioniera di formazioni ideologizzate, creando partiti post ideologici in cui la cultura politica si è arricchita. È preferibile l’ininfluenza piuttosto che giocare in mare aperto? Certo, a determinate condizioni».

E se fondamentalmente il discorso di Vendola ha una sua logica e un suo preciso obiettivo da raggiungere è sulla pratica che sembra fallire ancor prima di iniziare.

Anche se non la definiamo “Cosa” per pura speculazione terminologica, in realtà quello che propone il Governatore della Puglia è un “reimpasto” che potrebbero fare diversi candidati provenienti da diverse forse politiche e che pongano al centro la crisi sociale e la crisi democratica. Quindi un apertura al M5S, soprattutto a quei deputati che sono favorevoli al dialogo con le altre forze politiche. Poi l’altra questione dell’Europa. I socialisti europei hanno anime profondamente diverse che difficilmente possono trovare un accordo con la sinistra/non sinistra italiana dilaniata a sua volta da correnti diverse. Il Sel di vendola come può dialogare con il partito socialista di Hollande dilaniato tra paradisi fiscali e fondi neri? Come può il Sel trovare dei punti d’incontro con la nuova linea  liberal-democratica del Spd tedesco?

I politici in piazza contro loro stessi!

berlusconi-manifestazione-sabato-13-aprile-tuttacronaca

All’inizio c’è stato l’annuncio del Cav: grande manifestazione di piazza a Bari, il 13 aprile, per promuovere gli 8 punti che diano un segnale forte al Paese.

E Bersani che fa? riunisce i suoi militanti, nello stesso giorno, “contro la povertà e per il governo di cambiamento”. La manifestazione sarà promossa dai circoli Pd di Scampia, San Salvario, Corviale, Torbellamonaca, Laurentino e San Basilio, quartieri poveri della Capitale, di Napoli e Torino.

 Quello che ci si chiede, se già sembra strano che senza un governo una forza politica scenda in campo per protestare, perché di solito è l’opposizione che va contro la maggioranza, almeno lo era fino a quando c’è stata una vecchia politica (che almeno era ancora un politica).  Ma è ancora più strano che vada in piazza colui al quale è stato dato il mandato per formare il governo e non è riuscito a portare al Presidente della Repubblica una maggioranza. Bersani protesta contro se stesso?

Vogliamo Renzi, dateci Renzi… anche ad Amici!

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

Avenues2

Just another WordPress.com weblog

Chef and Dog

In the Kitchen with Cara and Abner

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Stacy Alexander

Arte California

max lucien

il linguaggio della passione

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: