Dal cucù allo smile ecco i cambiamenti della politica italiana?

letta-smile-tuttacronaca

Correva l’anno 2008 e il Premier era Silvio Berlusconi. Durante il vertice italio-tedesco di Trieste il presidente del Consiglio, accogliendo la Merkel a piazza dell’Unità d’Italia, si era nascosto dietro uno dei grandi lampioni della storica piazza cittadina e al passaggio della Merkel, il premier era uscito fuori e aveva detto, secondo alcuni, ”Cucu”. Il cancelliere, allargando le braccia e con aria divertita, aveva risposto: ”Silvio..”.

Passano gli anni e arriviamo alla fine di ottobre del 2013 Enrico Letta “fa lo smile” a Angela Merkel durante la  prima giornata del vertice europeo. Nel video si vedono i due leader conversare poi dal labiale del presidente del consiglio italiano si intuisce l’invito alla cancelliera tedesca a sorridere e per rafforzare il concetto Letta fa il segno dello smile.

Annunci

“Sono stata aggredita in aula dal deputato Lattuca (Pd)”, così Spadoni (M5S)

spadoni_giallo_m5s-tuttacronaca

La denuncia è arrivata attraverso Facebook e ha shoccato molti utenti che sono ancora increduli e attendono chiarimenti su quanto è avvenuto in aula ieri sera. Una prima versione dei fatti viene data da  Alessandro Di Battista sul social network:

«Quel che è accaduto in aula è intollerabile in una Repubblica parlamentare, il collega Manlio Di Stefano fa un intervento legittimo sul Capo dello Stato. Lo critica duramente ma correttamente. La Presidente Sereni (Pd) si comporta in modo parziale, più realista del Re Giorgio, censura, toglie la parola, mente (quando dice ‘ha finito il tempo’ al secondo 48 quando si hanno 2 minuti negli interventi di fine seduta). Al momento della censura il gruppo del M5S, compatto, ha protestato sonoramente costringendo la Presidente a tornare sui suoi passi e ridare la parola al collega Di Stefano che conclude il suo fastastico intervento». Nel mentre, racconta Di Battista, «Enzo Lattuca, deputato Pd, aggrediva fisicamente e verbalmente la collega del M5S Maria Edera Spadoni, prima firmataria della Convenzione di Istanbul sulla violenza sulle donne, dimostrando un atteggiamento da squadrista di bassa categoria».

Di Battista aggiunge:

«Tutta questa bagarre nasce dal fatto che ormai, in questa legislatura dell’inciucio e della ‘rielezione’, Presidenti di Camera e Senato ritengono il Presidente Napolitano innominabile e non criticabile ma dove siamo in dittatura? Se pensate di intimorire sappiate che state ottenendo l’opposto».

Anche Giulia Di Vita affida alla Rete il suo racconto: «Manlio finisce il suo intervento nei tempi e nei modi previsti, si vede Lattuca (Pd) palesemente urtato, tra le flebili proteste del Pd lui spicca notevolmente, come al solito direi. Intanto i deputati che avevano già cominciato a scendere dai propri scranni si ritrovano tutti giù per uscire, anche Lattuca e lì dallo scontro verbale si passa a quello fisico (non so ancora per quale motivo), i commessi cercano di bloccarlo, Villarosa e Tripiedi di calmarlo. Maria Edera Spadoni resta bloccata, ferma appoggiata agli scranni e si guarda attorno, Lattuca le ha fatto ‘toc toc’ sulla testa mentre le urlava contro a distanza ravvicinata continuando a mimare pugnetti sulla testa».

«Ho chiesto che l’Ufficio di Presidenza della Camera esamini urgentemente il comportamento del deputato Lattuca del Pd in aula a fine seduta- scrive invece Luigi Di Maio- Lattuca ha aggredito la nostra deputata Maria Edera Spadoni (tra l’altro prima firmataria della convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne…ironia della sorte)». Anche Manlio Di Stefano accusa: «Mentre parlavo l’onorevole Lattuca del Pd aggrediva la collega Maria Edera Spadoni».

Arriva anche il post della diretta interessata:

1

Ma Lattuca viene difeso anche su Facebook dai colleghi del Pd. Tra questi c’è la deputata Enza Bruna Bossio, eletta in Calabria: «Ma siete tutti bruciati! Non c’è stato nessun evento e nessuno ha picchiato nessuno. È una invenzione della Maria Spadoni. Io c’ero. Se avete un video che dimostra il contrario di quello che sto scrivendo mostratelo!!», ha replicato la democratica.

2

E ancora:

Peccato per quell’errore di “digitazione” del deputato Lattuca… ma forse è meglio tornare ai fatti con gli altri post pubblicati da Lattuca:

Maria-Edera-Spadoni-aggredita-Enzo-Lattuca-tuttacronaca-risposta

E #toctoc diventa un hashtag popolare:

Alessandro Di Battista, vicepresidente “grillino” della Commissione Affari Esteri e Comunitari ribadisce sul proprio blog il concetto dei “paracadutati del Pd” e poi su Facebook ricostruisce:

“Il collega Manlio Di Stefano ha fatto un intervento legittimo sul Capo dello Stato. Lo critica duramente, ma correttamente. La Presidente Sereni (PD) si comporta in modo parziale, più realista del Re Giorgio, censura, toglie la parola, mente (quando dice “ha finito il tempo” al secondo 48 quando si hanno 2 minuti negli interventi di fine seduta). Al momento della censura il gruppo del M5S, compatto, ha protestato sonoramente costringendo la Presidente a tornare sui suoi passi e ridare la parola al collega Di Stefano che conclude il suo fastastico intervento”.

“Nel mentre Enzo Lattuca, deputato PD, aggrediva fisicamente e verbalmente la collega del M5S Maria Edera Spadoni, prima firmataria della Convenzione di Istanbul sulla violenza sulle donne, dimostrando un atteggiamento da squadrista di bassa categoria”.

Le Alpi hanno “la febbre”: addio cime innevate

alpi-riscaldamento-tuttacronacaMartin Beniston, climatologo dell’università di Ginevra, durante una conferenza internazionale High Summit 2013, organizzata a Lecco dal comitato EvK2Cnr, ha affermato che le Alpi sono destinate a fare i conti con il caldo. Entro il 2100, infatti, le temperature medie saranno sopra lo zero pure in inverno e la distribuzione del manto nevoso sarà ridisegnata mentre le nevicate cederanno il posto alle piogge. Stando ai dati che appaiono nel progetto di ricerca europeo Acqwa, la “febbre” delle Alpi aumenta a una velocità maggiore rispetto alla media del riscaldamento globale: da mezzo grado a 1,5 in più. Spiega Beniston: “Per il periodo 2071-2100 i modelli prevedono temperature sopra lo zero anche in inverno e primavera: una temperatura non in grado di mantenere ghiaccio e neve a 2500 metri. Sotto i duemila metri ci saranno strati di neve meno profondi ma più estesi, mentre a quote più alte la copertura nevosa sarà più consistente ma più localizzata”. Questo equivale a dire che a duemila metri ci sarà una perdita dal 40 al 60% di neve.

Uccide il figlio di 3 anni, notte di follia a Lecco

mamma-uccide-figlio-di-3-anni-tuttacronaca

Ucciso dalla mamma a soli 3 anni. Un gesto che sembrerebbe stato dettato da un raptus della donna, originaria della Costa d’Avorio e sposata con un idraulico italiano, che al momento non si riesce a spiegare. nella notte si è consumata la tragedia di Nicolò Imberti che è stato ucciso barbaramente con un coltello da cucina da colei che avrebbe invece dovuto proteggerlo. Il delitto si è consumato nell’abitazione di Abbadia Lariana, in provincia di Lecco, dove la coppia vive insieme anche alla bambina di pochi mesi. Il piccolo portato d’urgenza all’ospedale di Lecco è morto poco dopo.

 

Tutto da calciare! Debutta il nuovo pallone della Serie A

pallone-seriea-tuttacronacaPer vederlo “all’opera” bisognerà attendere sabato, quando si giocherà l’anticipo di campionato Sampdoria-Atalanta e il Nike Incyte Hi-Vis farà il suo debutto in campo. Il nuovo pallone, oltre che nella Serie A, verrà utilizzato anche in occasione delle partite di Coppa Italia, Liga e Premier League. La nuova sfera, per merito dei colori utilizzati, migliora la visibilità consentendo di reagire più rapidamente ai giocatori, merito anche della tecnologia RaDaR (Rapid Decision and Response – Decisione e risposta rapida) che permette di vedere meglio anche la sua traiettoria. Altra caratteristica tecnica è il sistema di struttura a cinque strati, che garantisce una distribuzione uniforme della pressione su tutta la superficie del pallone per un migliore tocco e controllo. Ma lo strato di superficie presenta anche un’elevata elasticità che consente di imprimere maggiore potenza e velocità al pallone. Infine, le micro-scanalature della superficie ne migliorano la stabilità in volo e garantiscono una maggiore precisione di traiettoria.palloni-seriea-tuttacronaca

Di città in città ecco come variano le tasse… spesso crescono!

imu-tasi-chi-paga-di-più-tuttacronaca

Saranno le tasse locali a pesare ulteriormente sulle spalle dei contribuenti. E’ il quotidiano La Repubblica a pubblicare un’attenta analisi di come cambieranno i tributi nelle maggiori città italiane alle prese con la chiusura di bilanci deludenti e in molti casi in rosso.

Secondo il quotidiano:

Molti municipi hanno varato aliquote Imu sulla prima casa più alte dello scorso anno. Ma l’imposta è stata cancellata (da ieri il decreto che azzera la prima rata è legge) e le compensazioni statali non saranno sufficienti, perché calcolate sul gettito 2012. A questo si aggiunge l’ansia per la nuova Trise, specie la componente Tasi che dal 2014 sostituirà l’Imu.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quindi la Tasi sarà posta al massimo consentito, proprio perché il miliardo di compensazione che è stato stanziato da Saccomanni potrebbe non bastare. Insomma lo stato riduce le tasse, ma sono gli enti locali costretti a innalzarle, questi sembrerebbero essere i primi frutti del governo di larghe intese.

«Ci vorrà qualche risorsa in più. Tra i 400 e gli 800 milioni, come prima valutazione»,confermava ieri Guido Castelli, responsabile per la finanza locale dell’Anci e presidente Ifel. A caccia di risorse, i sindaci sembrano ripiegare su tariffe rifiuti e addizionali Irpef. Con il rischio sempre più concreto che la pressione fiscale locale, sommata a quella record nazionale, arrivi a un punto di non ritorno e sopportazione per i cittadini.

Su questa base vediamo cosa accade a Roma secondo La Repubblica:

Prima di definire l’atteggiamento per le aliquote della nuova tassa, la giunta Marino vuole essere certa che quel finanziamento arrivi davvero, in una Capitale che già ha un’addizionale Irpef comunale dello 0,5 per cento a cui se ne somma una seconda, per il debito commissariato, dello 0,4 per cento. Roma è quindi l’unico Comune italiano a sfondare il tetto dello 0,8 per cento previsto per legge.

E a Milano?

Capitolo Imu: nei giorni scorsi il Consiglio comunale ha votato l’aumento dell’Imu sulla prima casa, con l’aliquota portata al massimo, lo 0,6 per cento. Prelievo virtuale, per le tasche dei milanesi, visto che l’aumento è stato deliberato dalla giunta Pisapia nella prospettiva che sia il governo a coprire l’intero importo, compreso l’ultimo aumento, che dovrebbe portare nelle casse comunali 110 milioni extra, indispensabili per chiudere in pareggio il bilancio 2013. Lunedì sera, poi, c’è stata la sofferta votazione anche sull’addizionale Irpef: la soglia di esenzione è scesa da 33.500 a 21mila euro, con un’aliquota unica per tutti, quella massima dello 0,8 per cento. Una scelta non certo indolore: perché, per quanto la soglia di esenzione resti tra le più alte tra i grandi Comuni, gli aumenti peseranno fino a cinque volte, rispetto al 2012, anche sui ceti medi.

13enne filmato e deriso in classe: presente anche la prof

bullismo-cellulare-tuttacronacaUn video proiettato in aula, dicono fosse presente anche un’insegnante, è il caso che fa discutere oggi. Nel filmato, realizzato con un cellulare e poi caricato su Youtube (da cui ora è stato rimosso) appare un 13enne che cade dalla bici. Titolo e sottotitolo sono eloquenti: “Sfigato cade dalla bici – Questo ragazzo, essendo un po’ stupido, si butta dal portapacchi della bici in movimento e si fa male…”. L’adolescente in questione è un normalissimo ragazzino della sua età, senza alcun deficit di apprendimento, solo fragile, insicuso e con bassa autostima. Per questo negli ultimi cinque anni è stato seguito dai medici dell’Ausl. Nel referto, riporta Il Resto del Carlino, si manifestano prevalentemente in ambito scolastico. Nel 2010 la sua famiglia cambia casa, e il giovane, con l’aiuto dei medici e di un ambiente scolastico meno ostile, alle elementari migliora a vista d’occhio. Le sue paure però tornano alle medie. Nascono ripetuti problemi con i compagni di classe e incomprensioni, anche pesanti e plateali, con alcuni professori. Inutilmente i genitori hanno tentato di trasferirlo, mentre la sua neuropsichiatra riferisce: “Kevin (nome di fantasia) racconta frequenti episodi di vomito, insonnia e facilità a pianto che collega ai fatti avvenuti a scuola, che continuano a tornargli in mente”. I genitori del giovane, cittadini italiani di origine marocchina, ricostruiscono così i fatti: “Era domenica, i suoi compagni di classe sono venuti a casa e gli hanno citofonato. Lui è sceso, contento che finalmente lo avessero chiamato con loro. Una volta arrivati al parco, però, uno di quei ragazzini lo ha caricato sulla bici e si è messo a correre e sgommare”. Il 13enne ha paura e vuole scendere, ma non glielo permettono. Alla fine, mentre gli altri filmano e si divertono, cade e si fa male. “Lo abbiamo trovato in forte stato d’ansia. Gli altri ragazzi invece continuavano a ridere e a offenderlo. Noi però abbiamo cercato di tranquillizzarlo: tendiamo sempre a evitare che prenda le cose troppo sul serio e che ci stia male”. Martedì sembrava già tutto dimenticato, ma poi il video è comparso in rete e poi proiettato sulle pareti dell’aula scolastica: “La cosa che mi fa rabbia è che la docente — spiega la madre — era presente, ha visto il contenuto del filmato e ha ritenuto che fosse tutto ok, distraendosi a parlare con una collega”. Il ragazzino ora non ha più voglia di tornare in classe, dov’è stato messo alla gogna. Per i genitori il fatto che i video (ne erano stati caricati tre) siano stati rimossi non è abbastanza e denunciano l’accaduto alla polizia postale. “Ma non siamo in cerca di responsabili. Vorremmo solo tutelare nostro figlio trasferendolo in un’altra scuola. È fragile e sappiamo che un clima migliore gli gioverebbe, come è già successo in quinta elementare. Chiediamo, perciò, che qualcuno finalmente ci ascolti”.

La carne rossa fa male… ma c’è a chi fa ancora più male!

carne-rossa-tuttacronaca

La scoperta  presentata al meeting annuale della American Society of Human Genetics 2013 in corso a Boston aveva già posto il problema della carne rossa e della frequenza con cui tale prodotto può essere mangiato per evitare che possa causare, se assunto in grandi quantità il rischio del cancro al colon e al retto. Ci sarebbe secondo, quanto hanno evidenziato i ricercatori, un gene, presente in una persona su tre, che aumenta il rischio di cancro in presenza di grandi quantitativi di carne rossa.  Sono stati presi in esame 9.287 pazienti con il tumore e 9117 soggetti sani per studiare 2,7 milioni di sequenze genetiche del Dna. Hanno così visto che nei soggetti portatori di una certa mutazione il rischio tumore associato al consumo di carne è molto più elevato: si tratta della mutazione ‘rs4143094’ in una regione del cromosoma 10 che include anche il gene GATA3, già noto per essere collegato a vari tipi di cancro.

Uno studio poi condotto da Jane Figueiredo dell’Università della California Meridionale, ha messo in evidenza  anche un secondo gene che, al contrario, riduce il rischio di tumore se gli individui portatori consumano tanta frutta e verdura.

In particolare il rischio aumenta se si fa un largo consumo di carni lavorate come le salsicce.

Secondo gli scienziati queste scoperte mostrano come con la genomica si può arrivare a ”prescrivere” delle diete personalizzate per ridurre il più possibile il rischi di certe malattie.

I diamanti sono i migliori amici delle donne? Valeria Marini in tribunale

valeria-marini-processo-tuttacronacaSi è dovuta presentare in tribunale a Roma Valeria Marini, a causa dell’accusa di appropriazione indebita. Un suo ex collaboratore ha infatti sostenuto che la showgirl non avrebbe restituito al legittimo proprietario, Manuel Pirino, due bracciali di diamanti e due gemelli d’oro. Accusa che l’attrice ha respinto in aula. Pirino era stato consulente di marketing delle linea di abbigliamento della Marini. Al viceprocuratore Giovanni Nostro la stilista ha detto: “Quest’uomo si è inventato tutto per danneggiarmi. Ho restituito a Pirino tutti i suoi effetti personali. E comunque non ricordo che tra queste cose ci fossero i gioielli”. Spiega il Corriere della sera che la vicenda risale a tre anni fa, all’epoca della collaborazione tra i due.Il legale della showgirl ha fatto sapere di aver già presentato un esposto per calunnia.

“Stamina non è una terapia”, così gli Spedali Civili di Brescia

stamina-tuttacronaca-spedali di brescia

Lo ribadiscono gli Spedali Civili di Brescia,  in quanto non può essere definita terapia «ed è sempre stato e resta sconosciuto» ai medici. L’azienda ospedaliera «non è mai stata, e non lo è tuttora, in grado di definire un percorso terapeutico e quindi, dopo le infusioni, di prendere in cura e monitorare le condizioni degli stessi».  Lo ha precisato l’ospedale lombardo dove vengono somministrate le infusioni prodotte secondo il protocollo di Stamina Foundation, dopo l’incontro con la stampa organizzato ieri a Roma dal presidente di Stamina, Davide Vannoni.

Secondo l’ospedale, «non si può sottacere la condotta del dottor Andolina, il quale opera in stretta collaborazione con Stamina ed è pertanto a conoscenza delle caratteristiche del trattamento, e che ha sottoscritto centinaia di prescrizioni seriali cambiando solo il nome del paziente e l’indicazione della patologia, talvolta senza nemmeno visitare i pazienti. Circostanze, queste, emerse nei vari giudizi innanzi ai tribunali del Lavoro».

Gli Spedali Civili ribadiscono che le cellule staminali mesenchimali prodotte secondo il metodo Stamina «sono somministrate ai pazienti attualmente in trattamento o per ordine dei tribunali o in forza del decreto-legge 24/2013, al di fuori di una sperimentazione clinica e sotto la esclusiva responsabilità del medico prescrittore». L’ospedale ricorda anche che «la Commissione scientifica istituita dal ministero ha evidenziato la ‘inadeguata descrizione del metodo’ e la ‘insufficiente definizione del prodotto’, cioè la mancanza delle precondizioni per progettare una verifica che abbia carattere di scientificità».

«Va anche tenuto presente – prosegue l’Ao – che i pazienti, spesso provenienti da altre regioni, hanno preferito non presentarsi alle visite di controllo programmate dall’azienda ospedaliera di Brescia e rivolgersi a medici o strutture di propria fiducia, sulle valutazioni dei quali l’azienda non può in alcun modo interferire o entrare nel merito». Ma «in ogni caso l’azienda ospedaliera, nel rispetto di quanto disposto dalla legge, provvede ad inviare alle competenti autorità sanitarie i dati relativi alla somministrazione del trattamento».

La foto storica: la regina e i tre eredi

famiglia-reale-tuttacronacaIeri sera sono state diffuse le fotografie ufficiali del principino George con la sua famiglia nel giorno del suo battesimo, lo scorso mercoledì. Dopo la cerimonia, a  Clarence House è stata scattata, in particolare, una foto che si può davvero definire storica in quanto non succedeva dai tempi della regina Vittoria che un sovrano venisse immortalato con tre suoi eredi: appare Elisabetta II, seduta, con in piedi alle sue spalle gli eredi, il figlio principe Carlo, il nipote principe William e il bisnipote principe George. Ossia, i prossimi 100 anni di dinastia Windsor che siederanno sul trono. Come si diceva, l’immagine evoca quella del 1894. Allora era il futuro re Edoardo VIII il principe battezzato, sul trono sedeva la regina Vittoria e gli altri eredi erano Giorgio V ed Edoardo VII.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Germania: arrestato l’uomo barricato nel fast food

friburgo-ostaggi-tuttacronacaE’ stato arrestato questa mattina il 36enne curdo che ieri sera si era barricato in un fast food di Friburgo, in Germania, con altre 12 persone e armato: nel suo arsenale, anche due bombe. Sembra che le 12 persone presenti, che inizialmente si era pensato fossero ostaggi, siano in realtà suoi parenti e amici, chiusi nel locale con lui volontariamente e che alla fine proprio loro lo abbiano convinto ad arrendersi. Nonostante questo, quella che era iniziata giovedì sera attorno alle 19 era comunque una “situazione di pericolo” poiché l’uomo, noto per violazioni della legge sul possesso di armi e con una provenienza criminale, aveva con sé armi e delle bombe. La polizia ha trattato con lui tutta la notte fino a quando non è riuscita ad arrestarlo. Ancora sconosciuto il movente del gesto.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: