L’ombra mortale del nucleare oscura l’Impero del Sole

Fukushima-centrale nucleare-tuttacronaca

E’ sempre più drammatica la situazione alla centrale nucleare di Fukushima. Si è registrata una nuova perdita  di 300 tonnellate di acqua altamente radioattiva che l’autorità nucleare giapponese ha valutato a livello 3, cioè “incidente grave”, sulla scala internazionale degli eventi nucleari (Ines). La fuoriuscita dell’acqua radiattiva fuoriuscita da un un serbatoio è andata nel terreno e ha formato diverse pozze in superficie. Secondo la società di gestione Tepco l’acqua non sarebbe sversata nell’Oceano, ma ci sono voci contrastanti sulla vicenda. La stessa società ha ammesso di non aver capito come o da dove l’acqua è fuoriuscita, ma pensa si sia trattato di una valvola vicino a un canale di scolo. Intanto sono stati rilevati almeno 18 casi di cancro alla tiroide tra gli under 18 che abitano nella regione della centrale nucleare. Anche se una chiara corrispondenza tra cancro e nucleare ancora non è stata accertata, sembra che la zona invalicabile non sia stata sufficiente a garantire l’incolumità delle persone che vivono ai confini.

Affoga in piscina, non sapeva nuotare aperta inchiesta sulla sicurezza

piscina-villa-Osvaldo di Villastrada-agriturismo-uomo-morto-in-piscina-tuttacronaca

Massimiliano Salustri, operaio di 40 anni originario di Guidonia è morto mentre si trovava in vacanza a Villa Osvaldo di Villastrada, a due passi da Castiglione del Lago. Il tragico incidente è avvenuto nella piscina dell’agriturismo, verso le 13,30 di ieri. L’uomo, pur non sapendo nuotare ha deciso di scendere in acqua e secondo alcune testimonianze si sarebbe avventurato nella zona in cui l’acqua è più alta. Dopo pochi istanti l’uomo ha cominciato ad annaspare, inutile anche il tentativo della fidanzata che ha cercato di tendergli un retino, ma l’uomo non è riuscito ad afferrarlo. Poi ci ha pensato un turista che si è tuffato vestito riportando l’operaio a bordo piscina quando ormai però era troppo tardi. Le condizioni di Salustri sono apparse immediatamente gravi e nonostante siano state tentate anche delle manovre  di rianimazione con il coordinamento telefonico della centrale del 118, l’uomo è deceduto.

Quando è arrivata l’ambulanza medico e infermieri hanno tentato l’impossibile per lunghi minuti, ma il cuore dell’operaio non ha retto, i polmoni erano pieni d’acqua e l’uomo è morto.  Il magistrato di turno, Michele Adragna, ha disposto l’autopsia. Secondo le testimonianze raccolte dai militari della stazione, il turista aveva fatto colazione almeno tre ore prima. L’impianto dell’agriturismo è stato posto sotto sequestro. Sembra che, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, al momento dell’incidente non ci fosse il sevizio di salvataggio.

E proprio intorno a questo aspetto ruota tutta l’indagine sul tragico tuffo. C’è una normativa regionale da rispettare sulla quale, negli anni scorsi, in Umbria, ci fu una forte polemica proprio per gli obblighi imposti e legati alla presenza di personale per l’assistenza. Il regolamento attuativo è del 2008 e la legge regionale che disciplina la materia dei requisiti «igienico-sanitari delle piscine a uso natatorio» è del 2007. Secondo quelle disposizioni i titolari delle piscine classificate A2 possono derogare dalla presenza dell’assistente dei bagnanti. E nelle categoria A2 rientrano le piscine a uso collettivo inserite in strutture ricettive alberghiere, extralberghiere e agrituristiche. Come quella in cui è morto l’operaio. Ma è l’inchiesta che dovrà accertare eventuali lacune sulla sicurezza

Questa presentazione richiede JavaScript.

Attacco shock di un gondoliere: augura ai capitani ACTV una morte lenta e dolorosa

cortivo-gondoliere-tuttacronacaE’ il Gazzettino a riportale la notizia di un gondoliere, Marco Cortivo, che tre giorni dopo l’incidente costato la vita a Joachim Vogel, turista tedesco a Rialto ha pubblicato una frase shock sul proprio profilo Facebook: “Auguro a tutti i capitatani ACTV una morte lenta e dolorosa!!!!”. Ad accompagnare il testo, un’immagine del Canal Grande affollato di vaporetti. Lo stesso quotidiano online spiega che “Meno di un’ora dopo la pubblicazione su Gazzettino.it quello status, insieme ai commenti e a tutti gli altri messaggi scritti in questi anni dal gondoliere, sono stati fatti sparire, quantomeno alla vista di coloro che non sono suoi amici.” Tante erano state le reazioni e anche un’addetta alla biglietteria dell’Actv ha preso la parola: “Scusa Marco ma questa è un po’ esagerata, in fin dei conti non credo fosse intenzione del pilota uccidere una persona. Che abbiate delle dispute tra gondolieri, tassisti e piloti è chiaro a tutti, ma credo che a nessuna delle categorie abbia fatto piacere l’accaduto. Non si tratta di un incidente provocato da un pazzo ubriaco, potrebbe succedere ad ognuno di noi x strada.” E’ stato un altro gondoliere, Alberto Zecchini, a corre in aiuto al collega: “Ti sbagli Elena, quando tutti i giorni mi succede di rischiare l’incidente, non è più da considerarsi tale ma tentati omicidi… Perché tanti lo fanno apposta ad accelerare esageratamente sui pontili quando sanno che hanno le gondole dietro. Ho sentito questo stando dietro la cabina del pilota spesse volte”. Mentre Cortivo non demorde: “Io che il capitano non abbia visto la gondola dietro non ci credo e’ impossibile!!! Secondo me voleva prenderla x farlo cadere in acqua!!! Se veramente non la vista (na barca de 11 metri no un cofanetto dea min***a) e’ un incompetente e va licenziato!!”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Emergenza a Palermo, il maltempo crea danni e incidenti

palermo-nubifragio-tuttacronaca

Un fulmine ha scaricato la sua energia su una parte della montagna di Monte Pellegrino scatenando un vistoso incendio, i tombini sono stati scoperchiati e liquami fuoriescono dalle fogne (in particolare in Umberto Maddalena, piazzale Einstein, via Oreto, via dell’Orsa Minore, via Pitrè all’altezza dell’aeroporto di Boccadifalco e in via Messina Marine), allagamenti in molte zone della città e lievi incidenti a causa dell’asfalto scivoloso. Acqua alta in via Messina Marine, piazzale Einstein, via Pitrè, via Oreto e nella zona di Partanna-Mondello. Allagamenti anche in viale Regione Siciliana e via Amedeo D’Aosta. Palermo dopo il temporale estivo si presenta così.

 

“Houston, abbiamo un problema…” un oggetto vaga nello spazio

nasa-ufo-tuttacronacaChris Cassidy, astronauta della Nasa, la mattina del 19 agosto ha avvistato, al di fuori della stazione spaziale, un oggetto galleggiante non identificato nei pressi del veicolo cargo Progress. L’uomo ha quindi chiamato la base Mission Control di Houston, oltre a girare alcuni video dell’ignoto corpo volante. Si trattava forse di un Ufo? E’ stata una torre di controllo russa a svelare l’arcano e a identificare l’oggetto come il coperchio dell’antenna del modulo di servizio Zvezda. Nessun incontro ravvicinato insomma, ma un rifiuto spaziale che se ne andava indisturbato alla deriva.

Terremoto in Emilia, all’alba la terra ha tremato

terremoto-emilia-tuttacronaca

Un terremoto di magnitudo 2.4 è stato registrato dall’Ingv alle 7.32 di mercoledì, a 22,4 km di profondità, nel distretto sismico di Frignano. I comuni più vicini all’epicentro sono Frassinoro, Pievepelago e Riolunato, nell’Appennino modenese.

Ragazzo bandito dalle fattorie inglesi: ha fatto sesso con una capra

uomo-fa-sesso-con-capra-tuttacronaca

Robert Newman, un ragazzo inglese di 23 anni, dopo aver ammesso di aver fatto sesso con una capra a Devizes, nel Wiltshire è stato  bandito da tutte le fattorie del Regno Unito. Ora  sarà costretto a restare chiuso in casa fino all’udienza prevista il 12 settembre prossimo e dovrà rispettare il coprifuoco che gli è stato imposto.

 

Franco Nero e il giudice Esposito: Il Giornale dà voce all’attore.

franco-nero-silvio-berlusconi-giudice-esposito-sentenza-mediaset-tuttacronaca

“Ricordo – sorride Franco Nero – che Esposito aveva una certa antipatia per Berlusconi, altro che la riservatezza di cui i giudici dovrebbero essere maestri». Castiello ha ancora in mente le parole del magistrato: «Berlusconi mi sta proprio sulle p***e. Ma se mi dovesse capitare a tiro gli faccio un ma**o così». Eleganza e discrezione. Nero sorride: «Castiello ha ragione, Esposito non sopportava il Cavaliere. E invece il Cavaliere a me sta pure simpatico. Una volta ero a Linate, era notte e c’era una nebbia terribile, io dovevo prendere il volo per Roma, ma gli aerei non partivano. Mi ero rassegnato a tornare a casa, quando all’improvviso sbuca lui: “Che fai?” “Come che faccio, volevo prendere il volo per Roma ma mi sa che devo rinunciare”. “Ma no, che dici, il mio aereo parte, vieni con me”. M’imbarcò sul suo aereo e siamo decollati. Certo, me la sono fatta addosso, ma sono arrivato a destinazione».

Il Giornale accoglie le testimonianze di tutti, anche di Franco Nero che ha avuto la possibilità di un passaggio aereo sull’aereo di Berlusconi e che afferma, senza ombra di dubbio, che il giudice Esposito aveva una vera e propria antipatia per Berlusconi.

Le lodi del Cavaliere condannato continuano, con Nero che accusa la presunta ipocrisia dei colleghi:  ”Tanti intellettuali dicono peste e corna del Cav poi scrivono per Mondadori”. Ma non solo: “A me il Cavaliere sta simpatico: mi disse che aveva visto tutti i miei film o quasi, specie nei ruoli di magistrato”.

Vogliamo spostare la giustizia dalle aule del tribunale ai set? Così forse potremmo scrivere sceneggiature invece di sentenze?

Mirko Vucinic determinato: la Juve ha “ancora fame”

vucinic-campionato-tuttacronacaDopo la vittoria all’Olimpico contro la Lazio nella sfida per la Supercoppa e a pochi giorni dall’Inizio del campionato, Mirko Vucinic scrive sul suo sito per mettere nero su bianco le sue intenzioni. La punta montenegrina spiega infatti che  “Abbiamo avuto un inizio di stagione super e a pochi mesi dalla vittoria dello scudetto ci portiamo a casa, dopo una partita difficilissima e una straordinaria prestazione della squadra, anche la Supercoppa italiana. Un trofeo importantissimo che ci dà forza e grinta per iniziare al meglio il campionato. Perché abbiamo ancora fame e vogliamo continuare a vincere per scrivere la storia della Juventus”. Per quel che riguarda la storia bianconera, lo svizzero Zoran Josipovic si è ritagliato un piccolo spazio dopo aver incantato tutti a Villar Perosa, nella tradizionale sfida casalinga, quando ha segnato un gol con la Primavera alla Juve dei big e facendo letteralmente impazzire la difesa di Conte con una rete annullata e un palo colpito in partita. L’attaccante, che compirà tra qualche giorno 18 anni, ora giocherà le proprie carte in serie B, in prestito al Novara. La sua speranza è di tornare tra un anno alla Juve, sogno sfumato per il connazionale Reto Ziegler che ieri è stato ceduto in prestito al Sassuolo e con Conte non ha mai giocato una partita ufficiale.

Uccidono un uomo che faceva jogging perchè “annoiati”

ragazzi-assassini-tuttacronacaChristopher Lane, 22enne giocatore di baseball australiano, lo scorso venerdì sera si trovava a Duncan, vicino a Oklahoma-City, per una visita alla fidanzata. Il giovane, originario di Melbourne, stava facendo jogging per strada quando tre ragazzini lo hanno ucciso, con un colpo di pistola alla schiena. Il giovane è morto perchè il trio non aveva nulla di meglio da fare. La confessione è stata fatta dal maggiore dei tre, un 17enne (con lui un 15enne e un 16enne) che ha raccontato di aver ucciso a caso. I teenager hanno raccontato agli inquirenti di aver sparato solo perché erano “annoiati”, “non avevano nulla da fare” e “per divertimento”. Il capo della polizia locale, Danny Ford, ha riferito martedì che i tre adolescenti “hanno visto passare Christopher e uno di loro ha sentenziato: ‘quello è il nostro obiettivo’. Il ragazzo che ha confessato ci ha detto: ‘eravamo annoiati e non avevamo nulla da fare per questo abbiamo deciso di uccidere qualcuno’…solo per il divertimento di farl”. Chris Lane è semplicemente passato al momento sbagliato davanti a tre ragazzini che si annoiavano durante un giorno d’estate. Sarah Harper, fidanzata della vittima, ha raccontato ai media australiani di essere sconvolta per quanto accaduto: “E’ davvero straziante che la scelta casuale di questi ragazzi abbia distrutto la vita di tante persone”. Il padre della vittima, Peter Lane, non ha saputo trovare una spiegazione: “E’ una cosa spietata. Che non possiamo nemmeno tentare di capire per non impazzire”.

Come vi cucino l’Italia: videomessaggio shock di Berlusconi e la crisi

berlusconi-crisi-di-governo-tuttacronaca

E’ davvero già tutto pronto per far scoppiare la crisi in Italia? Dopo l’ultimatum lanciato ieri da Silvio Berlusconi attraverso il ministro dell’interno e vicepremier, Angelino Alfano, sembra che al Pd non resti molto tempo per bloccare la caduta dell’esecutivo. Dieci giorni per fermare i lavori della Giunta per le Elezioni e riconsiderare la costituzionalità della legge Severino. La “patata bollente” ora è nelle mani dei democrat e davvero può diventare una bomba a orologeria in grado di polverizzare la maggioranza o di distruggere il partito. Se infatti il Pd dovesse decidere di far decadere Berlusconi dalla carica di senatore l’esecutivo andrebbe a casa immediatamente, nel caso contrario, gli elettori si allontanerebbero ancora di più da questo partito, già da molti visto come un’ombra che si ripara nelle grandi alleanze, più che una forza di sinistra che promuove iniziative politiche. La road map della caduta del governo è pronta? Secondo il quotidiano La Repubblica ci sarebbe già un crono-programma con i tempi della nascita di Forza Italia, della crisi e del voto anticipato.  E a questo servirebbe il videomessaggio che sarebbe già pronto. Una dichiarazione shock,  una sorta di riedizione di quello della discesa in capo del 1994 di Berlusconi. Dopo vent’anni e una condanna definitiva il film si ripete? Ci sarà un rimpasto o gli italiani saranno cucinati a puntino dalla crisi?

 

Bimbo soffoca per alcuni istanti dopo aver ingoiato una polpetta: è grave

polpetta-ikea-tuttacronacaStava consumando il pasto con la sua famiglia nel ristorante dell’Ikea di Bari un bambino molisano di soli tre anni che, dopo aver ingoiato una polpetta di carne, non riusciva più a respirare. I soccorritori del 118 l’hanno condotto nella rianimazione dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII dove ora il piccolo, che risiede a Campobasso, è ora ricoverato in prognosi riservata.

Terremoto a Massa e Lucca nella notte, trema la Toscana

toscana-massa-lucca-terremoto-tuttacronaca

La Terra continua a tremare in Toscana. Una scossa di magnitudo 3.1 della scala Richter è stata registrata alle 3,11 di mercoledì tra le provincie di Massa e Lucca. I comuni più vicini al sisma, come riporta l’Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia, sono Casola in Lungiana (Ms), Giuncugnano (Lu),  (Lu) e Piazza al Serchio (Lu).

La scossa si è verificata a una profondità di 8,8 chilometri. Non si segnalano danni a cose e persone, ma tanto spavento nella popolazione. Soltanto 14 minuti prima, alle 2,48, l’Ingv aveva registrato nella zona un terremoto di magnitudo 2.8. L’entità della scossa principale è simile a quella avvertita circa 26 ore prima nella stessa zona. Infatti, nella notte tra lunedì e martedì, 16 minuti dopo l’1.00, c’è stata una scossa di magnitudo 3.0.

Altre scosse più lievi e di breve durata, sentite comunque dagli abitanti, ci sono state sempre nella notte, ma nella provincia di Roma: magnitudo 2.5 alle 3,01 e magnitudo 2.6 alle 3,27, magnitudo 2.0 alle 3,50.

Crolli alla Galleria Vittorio Emanuele a Milano

galleria-vittorio-emanuele-tuttacronaca-milano

Cadono i calcinacci a Milano in quella galleria storica che collega  piazza della Scala e piazza Duomo e il Comune di Milano nei prossimi giorni metterà una rete di nylon sotto il  portico nord della Galleria  all’altezza del civico 21. La segnalazione è arrivata da un turista e la messa in sicurezza ha richiesto anche l’intervento dei Vigili del Fuoco. Fortunatamente il cedimento del soffitto non ha procurato danni ai passanti, ma sicuramente è un campanello d’allarme sulle condizioni dei nostri beni monumentali. Solo una rete di nylon per contenere i danni? Non si dovrebbe immediatamente intervenire per restaurare la volta decorata di fregi e stucchi oltre che per mettere in sicurezza il tratto che ha ceduto?

Non è la prima volta che avvengono crolli nel “salotto buono di Milano”. Il 27 ottobre dell’anno scorso in tre punti diversi del soffitto della Galleria si erano staccati fregi e calcinacci, senza causare feriti. Anche in quel caso l’area era stata transennata. Pochi giorni dopo la triste scena si era ripetuta. Il Comune aveva predisposto un’ispezione che dai punti incriminati era stata estesa a tutta la Galleria per verificarne lo stato di salute.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Quando finirà l’India di schernire l’Italia sulla pelle dei marò?

marò-india-tempi lunghi-tuttacronaca

Secondo l’India, il rifiuto dell’Italia di inviare gli altri quattro fucilieri di Marina che formavano il team di sicurezza sulla Enrica Lexie insieme a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone “rischia di far ritardare la chiusura delle indagini” sull’incidente del 15 febbraio 2012 al largo del Kerala in cui morirono due pescatori indiani. Si allungano quindi i tempi di un possibile rientro in patria dei nostri marò. Nella notizia si ricorda anche che, in alternativa, le autorità italiane hanno offerto altre ipotesi, come un viaggio della Nia a Roma, una videoconferenza o domande e risposte scritte: proposte respinte dagli investigatori indiani secondo i quali “l’Italia è impegnata a cooperare con l’India avendo assunto al riguardo un impegno ufficiale di fronte alla magistratura”. L’agenzia aggiunge che ora, di fronte a questo nuovo scenario, “il ministero dell’Interno ha consultato quello della Giustizia sul modo migliore per far proseguire l’azione giudiziaria”. In ogni caso, conclude, “il rifiuto dei testimoni italiani (Renato Voglino, Massimo Andronico, Antonio Fontana e Alessandro Conte) di venire in India è destinato a ritardare il processo nei confronti dei due marò che risiedono nell’ambasciata d’Italia a New Delhi”. Secondo il Deccan Herald la Nia, che ha già esaurito i 60 giorni a disposizione per l’inchiesta, “può sempre chiuderla senza interrogare i quattro testimoni, anche se essi sono considerati chiave nella ricostruzione della vicenda”.

E’ questa l’Italia sulla scena internazionale che vogliamo vedere? Il nostro paese succube di fronte all’India che continua di giorno in giorno a rinviare la chiusura delle indagini nel silenzio più assoluto e assordante delle altre nazioni e dell’Europa? Dopo un anno e mezzo gli indiani devono ancora finire le indagini? La Bonino aveva affermato che ci sarebbe stata una rapida ed equa risoluzione della vicenda sui marò, ma invece le acque sembrano torbide e i tempi lunghi… per Natale il ministro degli esteri aveva promesso che i marò sarebbero tornati in Italia, vedremo!

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: