148 anni ma finalmente… STOP alla SCHIAVITU’!

La-schiavitù

Sono serviti 148 anni, ma finalmente anche il Mississippi mette al bando la schiavitu’: secondo quanto riportato dai media statunitensi, ancora non era successo a causa di una svista storica. Fino al 7 febbraio 2013, lo stato del Sud non aveva mai presentato la documentazione necessaria per ratificare il Tredicesimo emendamento della Costituzione americana che fu adottato nel 1865 appunto per abolire la schiavitu’.

Annunci

C’è Comico e… Comico!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Carlo Verdone racconta Albertone. Lo fa partendo dalla casa, da quello che è lo specchio di ogni persona, che ci conosce intimamente, che contiene la “nostra vita” prima che le nostre cose. Alberto e la sua casa museo con tanto di teatro costruito negli anni Sessanta, il ricordo delle sue ‘discrete’ storie d’amore da parte di Goffredo Fofi e, soprattutto, Carlo che “indaga”  e fa emergere una figura, quella più privata, che non è nota al grande pubblico. Sulle tracce di un grande attore comico scomparso dieci anni fa, i fratelli Verdone cercano di ricostruire la storia di quegli anni, il cinema, la commedia dell’arte, i personaggi nati dalla capacità di osservazione e di riproduzione caricaturale che solo i grandi geni sanno compiere attraverso un percorso di rielaborazione.

Vanno in scena anche le testimonianze di Gigi Proietti, Emi De Sica, Gian Luigi Rondi, Christian De Sica, la sorella dell’attore Aurelia, Franca Valeri, Carlo Vanzina, Pippo Baudo, Dino De Laurentiis, Ettore Scola, Claudia Cardinale e Fulvio Lucisano. Tutti raccontano il “rivoluzionario” Sordi, “l’inquisitore dei difetti italiani”!

“Questo nostro documentario – dicono i due autori – vuole essere un omaggio a un grande attore che rappresenta la tradizione dello spettacolo romano ai più alti livelli e che negli anni si è rivelato anche di fondamentale importanza per la nascita e lo sviluppo della migliore commedia all’italiana.

Un attore assolutamente rivoluzionario, all’inizio della sua carriera, tanto da scardinare le impostazioni da Accademia Teatrale canonica creando stupore e sbalordimento sia nel pubblico che nella critica. Sordi è stato una maschera ineguagliabile che conteneva tutte le fragilità, le miserie, i tic e i difetti dell’italiano meglio. Non quindi una maschera regionale ma una maschera universale”. Alberto Sordi, spiega Verdone nell’incontro con la stampa, é stato un attore “troppo imitato”, un uomo “abitudinario e anarchico allo stesso tempo, lo scopo di questa operazione é quella di far capire ai giovani, a chi non conosce Alberto Sordi, che c’é stato prima di loro. Non è possibile che si conoscano solo Tarantino e Lynch. Bisogna invece omaggiare il passato e far conoscere non solo Sordi, ma personaggi come Pietro Germi e Blasetti. Bisogna rituffarsi nel passato per poter creare il cinema del futuro”.

In un’Italia allo sbando, dilaniata da politiche sbagliate, da poteri occulti, da una finanza oppressiva, forse ripartire dai nostri “difetti” con uno sguardo al futuro, ricordarci da dove veniamo e avere davanti agli occhi chi è in grado di farci sorride… è un ottimo turbo per ripartire e invertire la rotta. In fondo la corruzione c’era, era insita nel nostro animo, ma c’era anche la generosità e un po’ di sana ingenuità… ora c’è solo rabbia, odio e invidia… abbiamo lasciato il marcio dei personaggi di Sordi e non abbiamo conservato il lato ludico… gli italiani ormai sono tetri e sorridono solo quando possono volgere lo sguardo altrove… a un Tarantino, a un Linch… a quell’estero che tanto ci piace, perchè ci accoglie, perchè non ci fa sentire al posto sbagliato nel momento sbagliato… ma veramente non possiamo più avere un occhio “italiano”?

 

Bersaglio su Monti… Grillo!

grillo11

“Mi rivolgo agli elettori di Grillo, ho altri elettori. I miei elettori hanno proteste e proposte, quelli di Grillo solo proteste. Quindi chi vota Grillo può votare anche per noi!”

Perchè Mentana non ha chiesto a Bersani la questione su Mps? Perchè non si è parlato di banche? Perchè non si è parlato di riforma della giustizia con Berlusconi? o della riforma Fornero con Monti?

 

Bersaglio su Monti… Economia!

Monti-terminato

” La recidiva dei non condonati comporta un aggravio di 4 mld, l’equivalente dell’Imu” (ma se uno non può pagare? Non sarebbe il caso di vagliare diverse soluzioni secondo i modelli più ricorrenti da chi non può a chi non vuole?)

“Sicuramente si potevano fare delle cose in modo migliore, ma c’era l’urgenza di andare in pareggio” (solo noi? La Francia però non l’ha fatto!)

“L’Italia ce l’ha fatta, senza aiuti!”  (andando alla Caritas?)

Ma l’economia reale sta male? “Il Fondo Monetario ha pubblicato uno studio e l’Italia è solida, si prevede poi, un 6% di Pil in aumento in 5 anni” (1% l’anno è nulla a livello globale con Paesi come la Cina o il Brasile in sviluppo costante)

Bersani è un elemento con cui dialogare? ” Ho sviluppato delle capacità di dialogo con tutti, quindi è possibile! La coalizione di sinistra mi preoccupa sotto molti aspetti: sulle infrastrutture che vanno fatte, lavoro a costo della spesa pubblica” (Bersani ha dichiarato di emettere bond per favorire lo sviluppo, quindi alla fine lo stipendio lo pagano gli italiani con le tasse)

Presidente del Consiglio con Berlusconi Ministro dell’Economia? “non sovvertiamo i ruoli!”

 

Bersaglio su Monti!

gli_sgommati_ninna_nanna_monti

“Lavoriamo tutti per la campagna elettorale anche Casini e Fini ci sono, sono sul territorio” (sottoterra?)

Cairo a La7? “Mi astengo! Certo che la normativa sulla pluralità dei media va rafforzata”  (allora non si è astenuto?)

Confronto televisivo? “Secondo me è più significativo a 3, Berlusconi a 2 tra lui e Bersani, Bersani voleva il confronto a 6”

“Le parole di Berlusconi sono un cocktail tra fantasia e verità… Berlusconi ha accettato il dictat di una lettera dell’Europa? Perchè se era così forte non si è opposto? Io ho dovuto applicare l’austerità, per la mancanza di legittimazione che è stata eredità di Berlusconi”

“Berlusconi non era più in dialogo con il ministro dell’Economia e delle Finanze… poi ha anche fatto il ministro dello Sviluppo…”

La riunione di Bruxelles in cui eravate presenti Lei e Berlusconi? “Berlusconi non è il rappresentante del PPE italiano, mi avevano inviato e ci hanno fatto parlare entrambi e si sono espressi a mio favore.”

“I moderati hanno uno stile di vita tranquillo, sono orgogliosi del loro paese… ma Berlusconi è smodato, non ha nulla a che vedere con gli elettori moderati” (cioè i moderati sono quelli a 2D?) NINNA NANNA?

 

Bersaglio su Berlusconi… Equitalia!

Moldavia-al-bando-la-falce-e-martello_large

“Per gli evasori ci deve essere una multa… ma poi non sequestrare l’azienda o la prima casa”

“Io sono preoccupato per Grillo che riesce ad avere consenso senza sapere cosa c’è dentro”

“Io sono un’imprenditore prestato alla politica… e Grillo viene contro tutti nello stesso modo. Viene votato per mandare a casa i politici e invece si mandano al governo  gli uomini della sinistra”

“Bersani è una persona gradevole, ma non in politica. Quando abbiamo gli italiani alla fame… lui pensa al falso in bilancio. Ma è già previsto con una condanna da 1 a 6 anni”

“Contratto con gli italiani: impignorabilità della prima casa e degli impianti.”

Una domanda a Mario Monti?  “Ha fatto molto male all’economia del paese, applicando l’austerity a un paese strangolato. Monti non capisce nulla di economia, la sà come professore universitario”

IL PROSSIMO E’ MARIO MONTI!

 

Bersaglio su Berlusconi… il potere tv è limitatissimo!

berlusconi-ultimo-atto

“I partiti non hanno soldi e quindi si va in tv, i partiti hanno un costo e se io ho la pubblicità posso annullare il finanziamento pubblico ai partiti”

“ABOLIAMO IL FINANZIAMENTO AI PARTITI (e perchè non l’ha fatto?), noi li abbiamo mai avuti… ora c’è un rimborso dello Stato! Io penso che nel mio partito non ha mangiato nessuno ad esempio, chi ha mangiato lo ha fatto mangiando al mio partito.”  (AH! Non nelle tasche degli italiani? Solo al suo partito con i soldi degli italiani?)

Mentana mette alle corde Berlusconi sul finanziamento alle regioni, in particolare al comune di Roma con Rutelli e Veltroni: Berlusconi può solo dire “sono di pensiero opposto!”

“Tutto il contratto con gli italiani è stato rispettato! Sono stati tutti realizzati tutti e 6 i punti”

Perchè in Europa nessuno la può vedere? “Solo la Francia e la Germania. In Francia ci è stata l’opposizione di Sarkò che è un uomo arrogante su la carica di Draghi.”

Cosa fa al primo consiglio dei ministri? “Abolizione dell’Imu e rimborso di quella pagata!”

 

Bersaglio su Berlusconi!

berlusconi-otelma

“Io andrei al ministero dell’Economia e dello sviluppo perchè è da lì che devono partire le riforme, non sarò io a fare il Presidente del Consiglio”

Una cosa buona che viene tramandata che lei a fatto?

“L’alta velocità! In Italia non c’era e ci furono delle situazioni di stallo durante la realizzazione e io ci fui affinchè riuscimmo a ottenere i risultati”

Ai No Tav cosa dice?

“Sbagliato dire no alla Tav, ci si autoescluderebbe dall’Europa, soprattutto per il porto di Genova”

Se le passasse in casa?

“Io capisco che qualcuno ha dei danni, ma ci sono dei vantaggi per i comuni”

Cairo che succede, con La7?

“Mi ha fatto da assistente, poi ha fatto Pubblitalia, poi in Mondadori… io l’ho sempre apprezzato, anche quando è entrato nel calcio, ora entra nel settore televisivo e gli faccio gli auguri”

“Io mi auguro che diventi simile alle mie reti” (democrazia?)

“è tutto a favore della sinistra, nelle mie mai una trasmissione contro la sinistra” (il Tg4???)

 

Bersaglio su Bersani… diventeremo un partito stabile!

equilibrio

“Governo e fare un partito stabile di riferimento per l’Italia” (cosa andiamo a votare noi? Un non partito!)

” Io non l’ho sentito Casini e già questo è sintomo negativo”

Bersani ironizza su Prodi. Ma la battaglia del Quirinale?

” io ho la mente sgombra e poi si affronterà questo problema. Vogliamo una figura condivisa… almeno i 2/3″

Una domanda per Berlusconi? “quando ti riposi? quel che è fatto è fatto”

ADESSO A SEGUIRE BERLUSCONI!

Bersaglio su Bersani… Proposte: bond per pagare i debiti!

161845744-c76a32d8-1e74-4d79-9ca3-c44d4263daad

Lavoro?

“Dignità e prospettiva. Bisogna fare una discussione sulle regole e discutere” (Discutere? Gli italiani si mangiano la discussione?)

“Poi si farà partire lo sviluppo e la ripresa” (poi quando?)

“In Italia bisogna fare un discorso in Europa con il lavoro, con la recessione forse anche la Germania capirà”

“Prima  pagare i debiti dell’amministrazione, banda larga anche a discapito della Tav, ma è in corso e non si può toccare”

“Facciamo ricerca, artigianato e industria… e vediamo l’unità Italia, siamo un Paese e abbiamo gli stessi problemi, ma dobbiamo potenziare il sud”

 

Bersaglio su Bersani: Grillo ha le sue responsabilità!

dmc

“Ha responsabilità per portare la gente alla rabbia e per aver raccontato bugie”

Se lei vince che fa, priorità?

“Rinnovamento abbiamo anche il 40% di donne in parlamento. Sulle cose da fare voglio portare  la Caritas e le parti sociali in concertazione e fare un discorso sulle prospettive future, poi si partirà successivamente per un piano di fattibilità. Poi bisogna fare un piano sull’abolizione delle leggi ad personam, antitrust che va rivisto, falso in bilancio, poi una norma sull’antiriciclaggio, una legge sui diritti civili e poi cittadinanza a tutti i nati in Italia!”

 

 

Bersaglio su Bersani!

Bersani-e-Medusa

La7 è acquisita  da Cairo: “Io ragiono come se stessi al governo e allora scatta il conflitto d’interesse!”

(Ma è al governo?)

Ministro delle Comunicazioni?

“ci sarà qualcuno!”

Confronti in tv?

“me lo posso fare da solo o tutti insieme, davanti a un confronto a due sarei in imbarazzo!”

Politica o show?

“io ci sono stato meno degli altri, io voglio girare…”

In tv ci sono solo i leader,  si può mettere mano sui meccanismi della campagna elettorale?

“io sono interessato a una legge sui partiti, con regole e con collettivi… via tutti i partitini che non sono entro le regole. Grillo comanda a distanza senza andare in tv, in modo trasversale, non doveva presentarsi alle elezioni. Non capisco la gente che va ad ascoltarlo… lui porta fuori dalla politica”

 

CAGLIARI – TORINO BLINDATA: A IS ARENAS A PORTE CHIUSE!

impraticabile-is-arenas-per-cagliari-milan_1_big

Il Cagliari non ci sta: il club rossoblù non si rassegna all’idea di dover giocare la sfida interna contro il Torino in continente, lontano dalla Sardegna. Dopo il rifiuto dell’Comune di Quartu di firmare l’autorizzazione provvisoria per giocare la partita all’Is Arenas, e la successiva sentenza del Tar, che ha rigettato il ricorso della società di Viale La Playa, stamattina una delegazione si è recata nel Municipio della città per provare a smuovere le acque.

La richiesta rivolta agli amministratori locali è quella di dare l’assenso all’apertura dell’impianto. A capeggiare la delegazione del club c’era il direttore generale Francesco Marroccu, che ha avuto un colloquio cordiale con il vicesindaco Fortunato Di Cesare.

L’amministrazione comunale, pur ribadendo le ragioni del no alla richiesta di autorizzazione presentata nei giorni scorsi dal Cagliari, ha tuttavia assicurato di essere pronta a dialogare con la società di viale La Playa nell’eventualita che il Cagliari presenti una nuova richiesta relativa all’apertura di solo alcuni settori dello stadio ritenuti sicuri.

Ora arriva l’annuncio ufficiale. La partita si giocherà a Is Arenas a porte chiuse!

Il baco nella mela… hackers alla Apple!

PhotoSpin Visual Metaphors Objects © 2001 PhotoSpin www.photospin.com

Dopo Facebook, anche Apple è stata vittima di un attacco hacker. Lo conferma l’azienda spiegando che solo “un piccolo numero di Mac” dei suoi dipendenti è stato preso di mira. I pirati informatici avrebbero sferrato l’attacco sfruttando una falla in Java. “Stiamo lavorando con le autorità”, ha sottolineato Cupertino, spiegando che per i Mac dove è installato Java sarà messo a disposizione un aggiornamento dell’antivirus.

 

Il nobel Dario Fo sul palco con Grillo!

dario fo - beppe grillo

“Il grido è: arrendetevì”. Così Beppe Grillo ha cominciato il suo comizio in piazza Duomo a Milano, gremita di gente. “So che qui ci sono stati altri comizi, si sente un po’ odore di naftalina”, ha aggiunto riferendosi al comizio di domenica del centrosinistra.

“Siamo nati tre anni fa senza soldi, con i giornali e le televisioni contro e adesso siamo la terza, no la seconda, no la prima forza politica del paese”, ha detto Grillo nel corso del suo comizio. “Voglio una visione a due generazioni – ha aggiunto – non a due legislature”.

“Sta finendo un’epoca e allora si vogliono coalizzare e zampettano in tv”, ha detto Grillo nel corso del suo comizio a Milano riferendosi ai politici che “vanno in tv a prenderci per il culo. Se ne devono andare tutti a casa”. “A quali domande dovrei rispondere? – ha aggiunto – dietro a Grillo c’é Grillo e dietro a Casaleggio c’é Casaleggio”.

E POI ARRIVA IL PREMIO NOBEL DARIO FO!

”Mi sembra di esser tornato indietro di molti anni, alla fine della guerra mondiale quando c’era tanta gente piena di gioia e con la speranza di cambiare. Tutti vogliono sapere che cosa e’ questa cosa straordinaria, non mollate per favore!”. Cosi’ il premio Nobel Dario Fo dal palco del comizio di Beppe Grillo in piazza Duomo a Milano.

Pezzi di sogni… di Ben Hein!

Abile disegnatore e amante della fotografia, il belga Ben Hein ha unito da tempo queste due passioni per dare vita a una serie di “scatti”, chiamati “Pencil vs. Camera”, in cui le sue illustrazioni, tenute in punta di dita dall’autore davanti all’obbiettivo della sua fotocamera, aprono squarci di fantasia sulla realtà.

Hein ha iniziato il tutto nel 2011, sovrapponendo a paesaggi e persone dei “semplici” disegni a matita. Ora la sua tecnica si è evoluta e prevede anche l’utilizzo del colore su carta nera, una combinazione che conferisce al suo lavoro un aspetto cinematografico. “E’ un progetto eccitante perché è come se potessi condividere “pezzi di sogni” con il resto del mondo attraverso l’illusione e il surrealismo” dice lui. “Mi piace concentrarmi sulla vita delle persone, sui ritratti, sulla natura e sugli animali”.

La moda di strada ci trascina per le vie di Londra…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Grande kermesse a Londra per la settimana della moda. Tante le foto scattate per le strade della capitale inglese con modelle e modelli in posa. L’occasione è stata il giorno dedicato allo Street style. Tra echi antichi e tendenze moderne, i colori hanno invaso le strade di Londra… una vera e propria festa per gli occhi. Oggi è il terzo giorno e continuano a spopolare le pellicce e i coat animalier, ma c’è spazio naturalmente anche per il classico cappotto cammello, da portare in un total look, spezzato da accessori rosso fuoco, magari senza calze per le più impavide, e l’intramontabile giacca di pelle dall’ allure rock irresistibile. C’è chi punta sull’eccentrico per stupire, e chi preferisce outfit comodi e casual, come la jumpsuit da lavoro, bomber e stivali comodi per girarsi la città. Non mancano, come sempre, tanto optical e stampe all over, dal geometrico al floreale.

 

Dormire in… auto!

Questo slideshow richiede JavaScript.

La casa auto è stata progettata dall’architetto tedesco Markus Voglreiter, ed è stata costruita vicino a Salisburgo, in Austria. E ‘stata chiamata dal suo creatore Voglreiter Auto Residence. L’edificio appare piccolo e compatto, in realtà ospita tutti i comfort che ci si aspetterebbe da un buon progetto. Dentro vi sono 3 stanze da letto e due bagni. Per illuminare e per riscaldare la casa, si è scelto di usare l’energia sostenibile, tanto che la casa è ritenuta ecologica sotto ogni aspetto. I fari sono finestre da cui si può guardare il panorama e il barbecue è vicino al tubo di scarico!

La duchessa di Cambridge diventa la “principessa di palstica”

news-kate-middleton-e-davvero-incinta-L-uQAIQe

La famiglia reale non riesce a risollevarsi dal mirino della stampa. Dopo le serate molto “indie” di Henry e la copertina di Chi che ritrae William e Kate su una spiaggia privata, adesso arriva anche la pluripremiata scrittrice britannica Hilary Mantel. La Mantel ha definito Kate una “principessa di plastica”, senza personalità e il cui unico scopo è quello di procreare. La Mantel, 60 anni, ha pronunciato queste parole in occasione di una lettura al British Museum dedicata alle grandi donne della storia britannica, da Anna Bolena a Diana. Una donna che pronuncia tante parole forse non è in crisi con se stessa? Appare evidente che la Mantel, forse, ha cercato in questo modo di fare notizia, anche per rilanciare i suoi libri e la sua immagine pubblica. Quel che è triste è l’attacco di una donna a un’altra donna in una manifestazione per le donne. Dove è finitala solidarietà femminile?

Questo slideshow richiede JavaScript.

“L’intervento di Hilary Mantel contro la duchessa di Cambridge è stato incauto e del tutto sbagliato”. E’ quanto ha dichiarato, secondo la Bbc, il premier britannico David Cameron. Il primo ministro, che si trova in visita ufficiale in India, è intervenuto per criticare le dichiarazioni della scrittrice britannica.

Il tramonto dell’ultimo dandy

436222_902687_0302BB23_15090894_medium

“Se è vero che si vota noi turandosi il naso io me ne vado, domani la direzione nazionale di ‘Fare’ si convocherà per valutare la vicenda, sono disponibile a qualsiasi tipo di soluzione”. Lo ha affermato Oscar Giannino facendo riferimento alla gaffe del master.”Chiedo scusa ai nostri elettori. Il mio è stato un errore gravissimo – ha detto Giannino – Chiedo scusa a tutti. La linea di chiarezza che vogliamo portare avanti è netta e mi sono assunto tutte le responsabilità”.

Giannino ha spiegato di aver frequentato a Chicago negli anni ’90 delle lezioni di inglese tecnico-economico con un insegnante privato. ”Mi sono state attribuite online lauree e master a Chicago e il mio gravissimo errore è stato non essermene accorto. La discussione su questi titoli su Wikipedia andava avanti da tempo, ma io non uso Wikipedia e non me ne ero accorto. L’equivoco è nato perché io sono stato più volte a Chicago e perché la mia scuola economica di riferimento è quella. Anche il curriculum sbagliato sul sito dell’istituto Bruno Leoni è dovuto ad un giovane stagista che ha preso e messo dentro quanto trovato su Wikipedia”. A SUA INSAPUTA? MA ALMENO UNA LAUREA IN ALBANIA SE LA POTEVA COMPR… LA POTEVA CONSEGUIRE!

Quanto all’uscita di Zingales dal partito, Giannino ha detto: “Non faccio illazioni. Non so perché ha detto questa cosa a quattro giorni dalle elezioni, spero che ci ripensi”. “La cosa che mi fa stare peggio è la sofferenza e l’amarezza che ho provocato nella comunità dei nostri sostenitori – ha proseguito Giannino – Se la mia credibilità totale offusca quella di Fare, la mia credibilità si separa da Fare. Sono disposto a sparire nel nulla”. La vicenda, secondo Giannino, “è una testimonianza importante. Se cominciamo da casa nostra a fare chiarezza a quattro giorni dal voto, vuol dire che non ci fermeremo davanti a niente”. ANCHE PERCHE’ A QUESTO PUNTO RESTERA’ SOLO IL NIENTE CHE SI SOSTITUIRA’ AL FARE!

Sesso… bollente!

acqua bollente
La scapatella con l’amante a Nefer Netan è costata cara. L’uomo aveva raccontato alla moglie di essere stato fuori con alcuni amici per prendere una cosa da bere e scambiare quattro chiacchiere, in realtà aveva passato la notte con l’amante. La moglie irritata dal tradimento gli ha versato sui genitali una pentola di acqua bollente.A scatenare la rabbia della Lopez, le parole dell’amante, che, probabilmente stanca di essere la seconda scelta, ha telefonato alla donna e le ha rivelato: “Abbiamo fatto sesso”. Ora la colombiana dovrà affrontare il processo.

MALAGO’ PRESIDENTE DEL CONI!

malago'

Il colpo grosso chiude un’era nello sport italiano. Ora è verosimile che cambino tantissime cose. Almeno così traspare dalle voci dei presidenti, che parlano di “necessità di dare una scossa”. Malagò è scoppiato in lacrime ed è corso ad abbracciare le figlie Vittoria e Ludovica. “E’ facile vincere – ha detto il presidente dopo l’elezione – ma è più difficile mettersi nei panni di chi non vince. Da sportivo e in assoluta sincerità voglio fare un abbraccio a Lello. Farò di tutto per onorare la più importante carica del Paese, e non solo di questo Paese”. La figlia Vittoria: “Anche se le ultime voci lo davano per sconfitto lui ci ha sempre creduto, ci abbiamo creduto”. La figlia Ludovica, arrivata ieri da Los Angeles: “Lui trasformerà lo sport italiano”.

Così Malagò ha commentato il suo successo: “Sono partito da zero, ho giocato questa partita in modo chirurgico, voto dopo voto, e sono sempre stato conscio della mia forza elettorale. Una cosa so fare: conoscere la gente, per me i rapporti personali sono tutto nella vita. Quando guardi negli occhi le persone, stringi loro la mano e ti impegni in un programma, mostrando lealtà e credibilità, puoi credere di poter vincere. E io ne ero consapevole da qualche settimana, anzi potevo avere qualche voto in più”.

CHI E’ MALAGO’

La Roma nel cuore, il calcetto per passione, e poi l’Aniene, il circolo diventato il suo gioiello. Giovanni Malagò, 54 anni il prossimo 13 marzo, papà separato di Vittoria e Ludovica, le gemelle 25enni avute da Lucrezia Lante della Rovere, in Giunta nel 2000 e poi nel 2009, è il nuovo presidente del Coni. Una laurea in economia e commercio con il massimo dei voti, è un imprenditore (Samocar) che non ha mai nascosto la grande passione per lo sport: da ‘agonista’ ha praticato il calcio a 5, vincendo tre titoli italiani con la Roma RCB e con la Nazionale ha partecipato ai mondiali in Brasile nel 1986. Nel suo curriculum sportivo ci sono però anche tennis, sci, nuoto, atletica, basket e canottaggio.

“REEVA E’ MORTA TRA LE MIE BRACCIA!”

Oscar-Pistorius-Blade-Runner-ai-Giochi_h_partb

Ci sarebbero dei nuovi indizi a rendere ancora più grave la posizione di Oscar Pistorius nel processo che lo vede accusato dell’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp. Analizzando le immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza sarebbe stato infatti rilevato che l’auto della modella sudafricana è entrata all’interno della villa del campione paralimpico verso le 18 del giorno prima, e non di notte come affermato fino ad ora.

Inoltre ora c’è un’altra agghiacciante verità che se fosse confermata sicuramente andrebbe ad aggravare ancor più l’immagine di Oscar Pistorius. Lui stesso ha dichiarato che “Reeva è morta fra le mie braccia!” Perchè non ha chiamato il 118? Perchè non ha avvertito un medico prima che fosse troppo tardi e come mai i genitori lo hanno trovato con il corpo della ragazza in braccio sulle scale del suo appartamento?

La follia dilagante della Corea del Nord!

le provocazioni di pyongyang

Dopo che l’ ennesima esercitazione nucleare di Pyongyang, l’Unione Europea insorge e applica sanzioni alla Corea del Nord.   Sono state inasprite anche  le restrizioni imposte sui prodotti associati con i programmi nucleari o balistici della Corea del Nord.

Arriva secca la risposta del Nord Corea e viene indirizzata alla “sorella” Corea del Sud e ai suoi alleati all’Onu. Il diplomatico di Pyongyang, Jon Yong Ryong, alla Conferenza Onu  parla di distruzione finale.  La follia in Corea del Nord dilaga e la paura aumenta.

SCANDALO ITALIANO: L’ILVA CHIEDE LA CIGS! Il RICATTO CONTINUA

ilva cig

Seimilacinquecento cassa integrati per il gruppo Ilva. E’ questa la richiesta dell’azienda. Si tratta di cassa integrazione straordinaria per ristrutturazione nell’ambito della procedura per la bonifica degli impianti. La cassa dovrebbe iniziare il 3 marzo e avere durata di 24 mesi. Il piano di ristrutturazione aziendale presentato oggi prevede anche la chiusura di alcune linee, in particolare l’altoforno 1 che è già chiuso, e l’altoforno 5.

«Non sono previsti esuberi almeno secondo quanto dichiara l’azienda e sono previsti investimenti per la bonifica», spiega Rocco Palombella, segretario generale della Uilm. «Si parla in particolare di due miliardi e mezzo di euro di investimenti». La cassa interesserebbe 6417 addetti nello stabilimento di Taranto su 6507, il totale della richiesta. Altri addetti andranno in cassa negli impianti di Novi Ligure e Pratica di Mare.

«Sono numeri drammatici. Adesso si aprirà la trattativa sindacali per attenuare la cifra per la rotazione, la formazione e eventuali contratti di solidarietà. Sono numeri che prevedono per due anni lacrime e sangue, ma è anche vero che investimenti per la bonifica significano che l’Ilva non chiuderà e quindi tra due anni ci sarà nuovo lavoro», dice Palombella. In questi due anni la produzione, che a regime ammontava a 30mila tonnellate giorno, e che attualmente è a 18mila tonnellate giorno con la chiusura dell’ altoforno 1. Con la chiusura dell’altoforno 5 passerà a diecimila tonnellate giorno.

Un ponte per le barche!

Se andate in Scozia non dimenticate di fare una sosta a Falkirk vicino a Edimburg. Il posto merita una visita per la presenza di un congegno unico al mondo che permette alle imbarcazioni che transitano di superare il notevole dislivello tra due canali. Il tutto senza utilizzare le classiche chiuse ma bensì delle vasche basculanti. Sono chiamate le Falkirk   Wheels. Avete voglia di farvi un giro?

25 minuti di spari in California, almeno 3 morti!

sparatoria usa

3 morti mentre è ancora imprecisato il numero dei feriti. È questo il primo bilancio di scontri a fuoco avvenuti all’alba, lungo un’autostrada nella zona di Tustin, alla periferia di Los Angeles, California. I primi spari nei pressi della Red Hill Avenue. Quindi, venti minuti dopo, altri colpi poco lontano, lungo la 55 Freeway. La zona è stata circondata dagli agenti. Non è chiaro se lo sparatore sia ancora in zona, o sia tra le vittime.

Colpita la residenza di Assad, ora è ufficiale!

latuff-carlos-Bashar-al-Assad-Syria-unrest

Un colpo di mortaio ha colpito stamani l’area nei pressi di una delle residenze presidenziali a Damasco. Lo riferiscono testimoni oculari, che confermano quanto affermato poco fa dalla tv panaraba saudita al Arabiya. Secondo il testimone oculare, raggiunto via Skype a causa dell’interruzione delle linee telefoniche nell’area dell’esplosione, piu’ di un colpo di mortaio ha raggiunto l’area superfortificata dove si trova una delle residenze del presidente, nel quartiere Malki, vicino all’imbocco dell’autostrada di Mezze. Non si tratta del palazzo presidenziale, che si trova invece sulla collina di Mezze. Sul posto – afferma la fonte che preferisce rimanere anonima per ragioni di sicurezza – sono accorsi numerosi membri dei servizi di sicurezza in abiti civili.

Quando il palazzo diventa un marchio!

Questo slideshow richiede JavaScript.

La sede aziendale della Longaberger, una compagnia che è specializzata nella realizzazione di cesti fatti a mano in legno di acero, sorge sulla Strada Statale 16. Nessuno può sbagliare indirizzo… Dave Longaberger, fondatore della società, volle che la sede venisse edificata come uno dei suoi prodotti il “cesto per la spesa di medie dimensioni”. L’edificio è quindi un enorme cesto da 180.000 mq con maniglie che pesano circa 150 tonnellate. Le maniglie per resistere al freddo dell’inverno vengono riscaldate con un apposito sistema termico che evita al cemento di ghiacciarsi. L’edificio è stato inaugurato nel 1997. Dave Longaberger  morì nel 1999 e questo fu l’unico edificio della società che vide completato.

 

Una spirale selvaggia!

Questo slideshow richiede JavaScript.

La casa di Hundertwasser “Waldspirale” o “Spiral Forest” è stata costruito a Darmstadt, in Germania, tra il 1998 e il 2000. Friedensreich Hundertwasser, il celebre architetto e pittore austriaco, è universalmente noto per le sue idee rivoluzionarie, per i suoi disegni colorati che incorporano forme organiche, come ad  esempio le cupole a forma di cipolla.

La struttura che comprende 105 appartamenti, si avvolge attorno ad un cortile molto naturalistico nel quale vi è anche un ruscello. La parte alta della torretta all’angolo sud-est, è adibita a  un ristorante e cocktail bar.

Celentano irrompe sulla scena politica…

celentano

”Se non voti ti fai del male, se non voti non cambia niente”. Lo ‘spot’ elettorale arriva da Adriano Celentano, che sul suo blog, ilmondodiadriano.it, regala una ‘chicca’ elettorale ai suoi fan. Il brano, dal titolo ‘Ti fai del male’, e’ critico nei confronti della politica ma allo stesso tempo e’ un invito ”a riscrivere la storia del nostro Paese”, grazie a ”un’onda nuova che e’ partita dal niente come una valanga. Sta avanzando come un ciclone per abbattere il marcio della Nazione”.

Facciamo un patto… MPS!

monte-paschi-siena-215421

In un foglio word del 2008, ora al vaglio dei magistrati che indagano su Monte Paschi, i nomi del coordinatore del Pdl Denis Verdini e dell’allora sindaco di Siena Franco Ceccuzzi del Pd. Il centrosinistra avrebbe concesso spazio dentro la banca e la fondazione in cambio di aiuti a livello nazionale e di una competizione elettorale “annacquata”. I diretti interessati smentiscono ogni attribuzione.

La garanzia di aiuti da parte del Pdl anche “a livello di governo nazionale per le problematiche relative alla banca e alla fondazione” Monte dei Paschi di Siena in cambio di una poltrona nel cda dell’istituto di credito toscano e della conferma della “presidenza di Antonveneta” da parte del Pd. Questo il testo dell’accordo che sarebbe stato raggiuno il 12 novembre 2008 tra Denis Verdini e Franco Ceccuzzi, all’epoca, rispettivamente presidente del Credito fiorentino nonché coordinatore nazionale del Pdl l’uno, e sindaco di Siena oggi ricandidato alle prossime amministrative nella città commissariata dal giugno scorso l’altro.
Il documento in word, con il nome dei due in calce (ma senza firma autografa), che il Fatto Quotidiano riporta, è al vaglio degli inquirenti dell’inchiesta sul Monte dei Paschi che stanno tentando di accertarne la veridicità e ieri in merito hanno sentito a Firenze, assieme ai magistrati titolari della vicenda Ccf, Angelo Pollina, ex consigliere regionale Pdl, ex capogruppo in comune a Siena e attuale coordinatore regionale di Fli.

“Obiettivo primario – è scritto ancora – è quello di mantenere i livelli di autonomia senza particolari ingerenze da parte delle autorità centrali”. Inoltre il Pdl si impegna, in vista delle amministrative del 2009, “a ricercare una candidatura del Pdl per la presidenza della provincia di Siena che non tenti di sconvolgere gli attuali equilibri” e a rifuggire a “qualsiasi accordo destabilizzante con le liste civiche” in diversi comuni senesi.

Ceccuzzi, in cambio, garantiva per il rinnovo del cda della Banca nel 2009 “un consigliere di amministrazione” e di “confermare la presidenza di Antonveneta” oltre, a garantire due deputati nella “deputazione generale della Fondazione” e uno in quella amministratrice.

Entrambi i protagonisti del presunto accordo respingono con sdegno la veridicità del documento. Per Verdini, “lo pseudo-documento circa un presunto e fantomatico accordo di non belligeranza fra Pdl e Pd che sarebbe stato sottoscritto da me e dall’ex deputato del Pd e sindaco di Siena, Franco Ceccuzzi, è totalmente falso, inventato di sana pianta, una polpetta avvelenata”. Verdini si riserva di “perseguire ogni via legale contro chiunque persevera” ad attribuire a lui un ruolo. “Diffido chiunque – continua – dall’attribuirmi questa bufala totale, invito le Procure di Siena e di Firenze a un minimo di serietà, a evitare di dare peso a simili fandonie, peraltro diffuse nel pieno di una campagna elettorale assai delicata, alimentando una possibile, quanto inesistente, responsabilità del Pdl nello scandalo e nella gestione dell’Mps e di Antonveneta”.

Parla di “polpetta avvelenata” e “atto intimidatorio” anche Franco Ceccuzzi: “Smentisco categoricamente di aver mai siglato con Denis Verdini o Angelo Pollina del Pdl un qualunque accordo o firmato un qualunque documento relativo a Banca Mps o alle problematiche di governo del territorio senese. Si tratta di un atto palesemente falso, tanto da non essere né firmato né siglato dal sottoscritto. Qualcuno – aggiunge – sta disseminando polpette avvelenate per interrompere il percorso per la mia candidatura a sindaco di Siena”.

Intanto Gianluca Baldassarri, ex capo dell’area finanza di Mps detenuto a San Vittore, ha riferito al gip durante l’interrogatorio di garanzia che la ristrutturazione di Alexandria “era stata decisa direttamente dal direttore generale, Vigni, senza che il comitato finanza prendesse una decisione poiché aveva competenze solo sul passivo”. Ma per il gip, Baldassarri “può indubbiamente definirsi il regista” dell’operazione, come scrive nelle 26 pagine dell’ordinanza di detenzione.

Dall’altare alla cella!

Daniel Richards, Kymberly Frederic

Daniel Richards e Kymberly Frederick sono convolati prima a nozze e poi in prigione. Sicuramente uno strano modo di festeggiare!

I due, già conviventi da qualche anno, hanno lasciato i loro figli di 1, di 2 e di 3 anni soli a casa per andare a celebrare il loro matrimonio. Su un auto prestata da un vicino, non si sono preoccupati minimamente dei loro tre figli lasciati a casa da soli. Poi a qualcuno dei due, durante il viaggio, forse è venuto in mente che era il caso di avvisare la vicina di casa e di pregarla di dare un’occhiata ai figli. La donna sconvolta, ha chiamato la polizia denunciando che 3 bambini erano stati abbandonati da soli all’interno di un’abitazione.  Così appena finita la cerimonia Rick e Kim sono fini dietro le sbarre con l’accusa di maltrattamenti e abbandono di minori.

 Tanti auguri!

Demolizioni!

monumento vodka

Era il simbolo della città di Glazov, negli Urali (a circa 1.000 km da Mosca), ma una mattina gli abitanti si sono svegliati e non l’hanno più trovato. Di cosa stiamo parlando? Del monumento alla vodka: una bottiglia alta tre metri e realizzata in metallo, eretta nel 2000 per celebrare il centenario della fondazione della distilleria locale.

Il monumento era stato distrutto dalle autorità locali durante la notte!
In Russia infatti si sta portando avanti una campagna per combattere l’alcolismo, e lo scorso luglio Putin ha firmato una legge che vieta ogni pubblicità di alcolici.

E’ proprio questo che ha spinto alla rimozione dell’insolito monumento: a fare partire la richiesta di rimozione sono stati proprio i dirigenti della distilleria, nel timore che il monumento potesse essere considerato una pubblicità dei loro prodotti.

BERSANI IL TEDESCO!

BersaniMerkel

Dopo il via libera della Corte ue sulla possibilità che le coppie gay adottino i figli di uno dei due partner, il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, torna ad aprire a questa possibilità “Prendo la legislazione tedesca, tale e quale”, spiega il candidato premier del centrosinistra. ANCORA PIU’ SUCCUBI DELLA GERMANIA? Perchè non va a prendersi la cittadinanza tedesca? Possiamo avere una legge sui gay italiana? Siamo incapaci di farla o abbiamo paura della Chiesa e ci limitiamo a copiarla? Perchè non ci preoccupiamo di vedere le esigenze delle coppie italiane (gay o etero che siano) senza nessun tipo di discriminazione, ma parlando solo di diritti civili uguali per tutti?

 

Il meteo politico!

meteo
Oggi giornata di tregua, ma già domani comincerà a peggiorare per l’avvicinarsi di un nucleo di aria gelida di origine siberiana che poi per tutta la seconda parte della settimana influenzerà il tempo sull’Italia, portando a più riprese la neve fino in pianura al Nord e piogge insistenti, anche intense, al Centrosud. Domenica e lunedì maltempo e clima freddo in gran parte del Paese.

Oggi avremo nuvole residue al Sud e in Sicilia ma senza precipitazioni di rilievo. In prevalenza sereno o poco nuvoloso sul resto d’Italia, con appena qualche nuvola innocua in più sulle zone alpine. Temperature massime senza grandi variazioni e in generale comprese tra 7 e 12 gradi con punte di 14-15 solo in Sicilia. Venti dai quadranti settentrionali, moderati al Sud, in generale deboli altrove.

Rischio valanghe  sulla maggior parte del settore alpino centro-orientale. Rischio anche sulle Alpi occidentali e sull’Appennino Pesarese e Fabrianese. Possibilità di valanghe anche sui Monti Sibillini. Si raccomanda dunque di prestare la massima attenzione laddove vengano praticate attività di fuoripista o di sci alpino.

Le temperature minime – Ecco quali sono i valori previsti in alcune città italiane nella notte tra oggi (martedì 19 febbraio) e domani (mercoledì 20 febbraio): Aosta: – 5 gradi, Brescia: 0 gradi, Milano: 1 grado, Torino: – 2 gradi, Bologna: 0 gradi, Treviso: 1 grado, Venezia: 1 grado, Ancona: 1 grado, Firenze: 2 gradi, Perugia: – 3 gradi, Roma: 2 gradi, Bari: 1 grado, Napoli: 3 gradi, Catania: 4 gradi, Palermo: 5 gradi, Cagliari: 5 gradi.

Mercoledì nubi al Nord, Toscana, Umbria, Marche e Isole: deboli piogge su Levante Ligure, Alta Toscana, Lombardia e Veneto, con neve fino a 700-800 metri sui rilievi. In generale bello nel resto d’Italia. Nel corso della notte il limite delle nevicate si abbasserà fino a quote collinari (300-400 metri) al Nord. Piogge sparse in Liguria e sulle coste dell’alto Adriatico. Più giù, qualche piovasco anche sulle estreme regioni meridionali. Temperature massime in calo al Nord, stazionarie o in leggero aumento nel resto del Paese.

Le temperature massime – Queste sono le temperature previste per le ore centrali di domani (mercoledì 20 febbraio): Aosta: 7 gradi, Brescia: 7 gradi Milano: 8 gradi, Torino: 9 gradi, Bologna: 7 gradi, Treviso: 8 gradi, Venezia: 7 gradi, Ancona: 9 gradi, Firenze: 10 gradi, Perugia: 11 gradi, Roma: 12 gradi, Bari: 13 gradi, Napoli: 13 gradi, Catania: 15 gradi, Palermo: 16 gradi, Cagliari: 14 gradi.

Da giovedì torna la neve al Nord – Da giovedì assisteremo alla scontro sull’Italia di un nucleo di aria gelida di origine siberiana con le più miti e umide correnti atlantiche. Tale scontro riporterà la neve fino in pianura al Nord e piogge che da venerdì potranno essere anche di forte intensità. In particolare, giovedì nevicherà fino in pianura su quasi tutto il Nord con fenomeni più intensi tra Emilia e Venezie; venerdì, in forma più debole e intermittente, su Triveneto ed Emilia; sabato al Nordest; domenica probabile, temporanea tregua al Nordest, con possibile nuovo peggioramento al Nordovest. Gli accumuli più importanti si prevedono in alcune zone di Emilia e Veneto.

Italia al voto con il maltempo – Nei due giorni in cui gli italiani saranno chiamati a votare, domenica 24 e lunedì 25 febbraio, si prevede maltempo in gran parte d’Italia con neve fino a bassa quota al Nordovest e clima freddo dappertutto.

Al passo di Lady Gaga!

L’esercito russo è impegnato in un’esercitazione: si marcia, ma cantando. Invece di una marcia militare, però, i soldati preferiscono un successo pop. Intonano  “Bad Romance” di Lady Gaga”. I tempi cambiano e le marce militari si adeguano… la prossima marcia sarà una canzone di Rihanna, Bieber o Taylor Swift?

Mini… acrobazie!

A Tignes, in Francia, le acrobazie sulle neve si fanno a bordo di una Mini Cooper invece che dello snowboard. A riuscire nell’impresa di eseguire un salto all’indietro di 360° con un’auto è il campione di rally Guerlain Chicherit, 34 anni. Sulle Alpi francesi è riuscito a saltare una barriera nevosa alta 22 metri. Un’impresa davvero da stuntman!

Quando si dice… una casa di legno!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dalla cucina alla caffettiera, dalle posate alle tovaglie. Tutto in questa casa è in legno. Pezzi unici intagliati dall’artista Livio De Marchi per la sua casa di vacanza a Belluno. Lo scultore veneziano 69enne ha passato tutta la vita a creare oggetti utilizzando solo martello, scalpello e i suoi tipi di legno preferiti. Così ha arredato e decorato la sua residenza delle ferie con centinaia di libri sempre nello stesso materiale, allineati sugli scaffali, con giacche che stanno appese al muro come pronte ad essere indossate. La stessa sala da pranzo è perfettamente funzionante con vasellame e posate sempre ricavato dai tronchi degli alberi. Sul tavolo troneggia persino una pagnotta che verrebbe voglia di addentare.

 

Arte nuda!

Forse per immedesimarsi completamente nelle opere e per capirle, al Leopold Museum di Vienna è andata in scena un’insolita visita alla mostra “Nude men, from 1800 to today”: protagonisti infatti una comitiva di nudisti. Per loro, macchina fotografica alla mano e poi via come “mamma li ha fatti” per le sale del museo viennese. Sicuramente un’esperienza diversa per gustare senza “sovrastrutture” il linguaggio dell’arte.

Politica groud zero! Solo fango.

fango politica

Sembra che le elezioni 2013 siano sotto una bufera giudiziaria. Ogni giorno ci sono dimissioni, arresti e indagati che vanno a indebolire le forze politiche che si contendono la vittoria.

“La costante di questa campagna elettorale è la macchina del fango che ha colpito, colpisce e sta colpendo. Ci sono ancora insinuazioni di tangenti o finanziamenti alla Lega legate alla vicenda Orsi-Finmeccanica. E’ un atto di terrorismo”, così Maroni.

Dalla parte opposta troviamo invece i processi che vengono rinviati per “legittimo impedimento” o quelli che vengono svolti nel massimo riserbo, lasciando i giornalisti all’oscuro e la popolazione succube di un sistema giudiziario poco trasparente.

Mps è l’esempio più ecclatante… probabilmente faremo insediare un governo guidato dal Pd per poi travolgerlo negli scandali? Oppure insabbieremo tutto come al solito? E la fondazione ancora una volta grazie a Monti e Bersani verrà rimpinguata con i soldi degli italiani?

O, se vincerà Berlusconi archivieremo il processo Ruby? Annulleremo anche il concetto di giustizia? Spazzeremo via quel poco che resta della parola onestà?

In ogni caso sarà FANGO!

“Non volevo uccidere ero innamorato”, così Pistorius.

oscar-pistorius

Forse non la voleva uccidere, ma lo ha fatto. Lo ha fatto con la freddezza di un marines che non si ferma davanti a nulla finchè il suo nemico non è steso a terra in una pozza di sangue. Ma il nemico quella notte per Pistorius era Reeva, la sua fidanzata. Perchè non si è fermato davanti alla porta del bagno chiusa? Perchè non si è fermato e ha colpito a morte una ragazza disarmata? Perchè ha vinto la morte e non l’amore proprio nel giorno di San Valentino?

Ma dopo la confessione del suo “amore” poi cerca ancora di scagionarsi “pensavo ci fosse un ladro!” E’ ancora forte in Oscar la voglia di uscire indenne (o quasi) da questa vicenda piuttosto che ammettere una verità scomoda… piuttosto che fare un gesto da innamorato e raccontare la verità che è l’unica giustizia che può far riposare in pace la povera Reeva, vittima innocente del suo fidanzato carnefice!

Come in un macabro videogames? Lanza vs Breivik?

Sandy-Hook-Times-cartoon-600

Adam Lanza era ossessionato dallo stragista norvegese Anders Breivik e voleva fare più morti di lui. Questo era il motivo principale dell’attacco alla scuola Newton. La Sandy Hook era un bersaglio facile e affollato: perfetto per compiere il suo gesto folle. Per “fortuna” Lanza non è riuscito a trucidare le 77 persone come Breivik. Una ricostruzione inquietante lanciata dalla tv Cbs e attribuita a due funzionari anonimi coinvolti nell’inchiesta ma smentita da fonti ufficiali della polizia che hanno parlato di «speculazioni». Secondo l’emittente Lanza si sentiva quasi in competizione con Breivik e dunque ha pianificato con cura l’attacco per poterlo superare nel bilancio di vittime. Solo l’intervento della polizia ha bloccato la sua azione e Adam si è suicidato con una delle sue armi.

Lanza, sempre secondo le indiscrezioni della Cbs, si sarebbe ispirato anche ad alcuni videogiochi, molto violenti che la polizia ha sequestrato nel seminterrato della sua abitazione. Diverse testimonianze hanno raccontato che il giovane trascorreva intere giornate al computer. E quello era il suo unico passatempo insieme a qualche puntata al poligono insieme alla madre. Per ora gli investigatori non hanno precisato quali siano gli elementi che hanno permesso di collegare a Lanza a Breivik, attualmente detenuto in una prigione in Norvegia. Forse hanno rinvenuto dei documenti, degli scritti di Adam. Oppure è emerso qualcosa online.

Va ricordato che il giovane, poco prima dell’eccidio, ha distrutto la memoria del pc, una mossa per nascondere la navigazione sul web ed eventuali contatti. E all’indomani dell’attacco alla scuola si è parlato della possibilità – o meno – per l’Fbi di recuperare dei dati. Contrastanti le risposte delle fonti investigative, anche se molti ritengono che l’agenzia federale sia in grado di ricostruire una parte della vita digitale di Adam. Aspetto non secondario per comprendere il movente della strage del 14 dicembre e il profilo, davvero, enigmatico del suo protagonista.

Corte di Strasburgo… il partner è partner anche se gay!

famiglia_gay_adozioni

Via libera all’adozione da parte del partner anche nelle coppie gay!

Nelle coppie omosessuali i partner devono avere il diritto ad adottare i figli dei compagni, cosi come avviene per le coppie eterosessuali non sposate. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani in una sentenza emessa su un ricorso presentato da una coppia di donne austriache e dal figlio di una di loro.

La sentenza, definitiva perché emessa dalla Grande Camera della Corte di Strasburgo, riguarda l’Austria, ma i principi valgono per tutti gli altri 46 Stati membri del Consiglio d’Europa. Nella sentenza la Corte afferma che l’Austria ha violato i diritti dei ricorrenti perché li ha discriminati sulla base dell’orientamento sessuale dei partner, visto che in Austria l’adozione dei figli dei compagni è possibile per le coppie eterosessuali non sposate. Il caso in questione è nato da un paradosso: la concessione dell’adozione alla partner avrebbe fatto perdere i diritti alla madre naturale, sua compagna. I giudici di Strasburgo hanno affermato che il governo austriaco non è riuscito a dimostrare che la differenza di trattamento tra coppie gay ed eterosessuali è necessaria per proteggere la famiglia o gli interessi dei minori. Tuttavia la Corte ha nel contempo sottolineato che gli Stati non sono tenuti a riconoscere il diritto all’adozione dei figli dei partner alle coppie non sposate. Il caso su cui la Corte ha stabilito la violazione dell’articolo 14 e 8 della convenzione europea dei diritti umani, che sanciscono la non discriminazione e il diritto al rispetto della vita familiare, riguarda due donne che vivono da anni in una relazione stabile e il figlio che una di esse ha avuto da un uomo con cui non era sposata. Nel 2005 le donne hanno concluso un accordo di adozione per creare un legame legale tra il minore e la compagna della madre. Ma quando si sono rivolte al tribunale per far riconoscere l’accordo, questo ha opposto un rifiuto. In base l’articolo 182.2 del codice civile austriaco la persona che adotta “rimpiazza” il genitore naturale dello stesso sesso, interrompendo quindi il legame con quel genitore. Nel caso in questione quindi l’adozione non avrebbe creato un nuovo legame o rimpiazzato quello con il padre, ma avrebbe reciso quello con la madre naturale del bambino.

Arriva “Alberto il grande” firmato Carlo Verdone!

IL racconto di un’amicizia, una storia lunga e bellissima, gli aspetti privati di un personaggio fra i più amati che la storia dello spettacolo ricordi. Alberto il Grande: così si intitola il documentario realizzato da Carlo Verdone e dal fratello Luca (con l’assessorato alla Cultura della Regione Lazio) per celebrare i dieci anni dalla morte di Alberto Sordi, scomparso il 24 febbraio del 2003. Un viaggio appassionante nei luoghi-simbolo della vita dell’attore, dal rione Trastevere, dove nacque, a via delle Zoccolette, dove visse a lungo, “dirimpettaio” di casa Verdone, a via Druso, vicino alle Terme di Caracalla, dove sorge la magnifica villa in cui abitò dal 1958 fino alla sua morte.

“Questo documentario è una carezza che abbiamo voluto dare ad Alberto – dicono Carlo e Luca Verdone – e vorremmo che tutti coloro che come noi lo hanno amato, tutte quelle migliaia di persone che hanno fatto la fila per ore alla camera ardente per dargli l’ultimo saluto dieci anni fa, avessero la possibilità di ricordarlo ancora una volta insieme a noi”. Il debutto di Alberto il Grande sarà quindi un evento popolare: il documentario sarà presentato con una serie di anteprime aperte a tutti, martedì 19 febbraio al cinema Adriano: tre sale dedicate, con due spettacoli gratuiti, alle 19.30 e alle 21.30. Per entrare in sala bisogna prenotare sulla pagina dedicata del sito dell’assessorato alla Cultura.

 

 

Addio a Reeva! Corona di fiori bianchi e cremazione.

reeva

Si sono tenuti oggi a Port Elizabeth, in Sud Africa, i funerali di Reeva Steenkamp, l’ex modella 30enne fidanzata di Oscar Pistorius uccisa dallo stesso atleta giovedi’ scorso. La salma, arrivata in una bara coperta da una corona di fiori bianchi, e’ stata cremata. La cerimonia e’ coincisa con l’udienza, cominciata questa mattina a Pretoria, per stabilire se concedere la liberta’ provvisoria a Pistorius, il quale e’ accusato di omicidio premeditato.

PISTORIUS E’ OMICIDIO PREMEDITATO!!!

pistorius omicidio premeditato

Una vera e propria esecuzione a sangue freddo, secondo la dinamica descritta dal pubblico ministero Gerrie Nel. Oscar Pistorius, il campione sudafricano accusato di avere ucciso la fidanzata Reeva, è tornato stamane nell’aula del tribunale di Pretoria per chiedere, attraverso i suoi avvocati, la libertà su cauzione. Vestito in blu, Pistorius ha chiesto e ottenuto di non essere fotografato, nascondendo gli occhi lacrimanti con le mani, prima dell’inizio della requisitoria.

ORRORE ALLO STATO PURO: Il pm ha ricostruito una dinamica dell’omicidio che se fosse provata potrebbe essere definita senza ombra di dubbio “agghiacciante”: Pistorius che spara a Reeva rifugiata in bagno attraverso la porta. Il proiettile che ha colpito la mano sarebbe stato diretto alla testa, mentre Reeva si proteggeva istintivamente il viso. Pistorius, ha detto Nel, “indossò le protesi per percorrere sette metri” e andare a sparare attraverso “la porta chiusa a chiave” da Reeva, “innocente e disarmata”, perciò “quand’ anche fosse stato un ladro, sarebbe omicidio premeditato: il ladro si sarebbe trovato indifeso dietro la porta. L’imputato ha detto a sua sorella che pensava che fosse un ladro – ha affermato il pm -. Perché un ladro si chiuderebbe in bagno?”

ORA RISCHIA L’ERGASTOLO

A questo punto sembra impossibile, salvo colpi di scena, che a Pistorius venga concessa la libertà su cauzione, come chiesto dalla difesa. Secondo i giornalisti che seguono il processo, il giudice può decidere in un secondo tempo di modificare i termini dell’accusa, se emergeranno nel frattempo nuove prove a favore dell’ex campione.

A sfavore dell’atleta paraplegico ci sarebbero poi gli steroidi trovati nella lussuosa villa di Pretoria: farmaci illegali e pericolosi che possono incidere sull’aggressività di chi ne fa uso. Il campione sudafricano sarà sottoposto di nuovo ad analisi del sangue per verificare la presenza delle sostanze e anche per confermare il sospetto che prima dell’omicidio avesse bevuto pesantemente. Poi la ricostruzione dell’assassinio: Reeva, che si era portata una borsa con il necessario per la notte e il suo iPad, sarebbe stata colpita una prima volta al fianco nella camera da letto, poi avrebbe tentato di proteggersi chiudendosi nel bagno. Inutilmente, perché con la sua pistola da 9mm ‘Speed gun’ – come è stato ribattezzato dalla stampa – l’avrebbe colpita altre tre volte.

Rimane il mistero della mazza da cricket insanguinata trovata sulla scena del delitto: per qualcuno il campione di atletica l’avrebbe usata per colpire alla testa – sulla quale sono state trovate delle ferite – la fidanzata, per altri sarebbe stata usata da lei per difendersi.

Intanto, si rafforza la tesi dell’omicidio passionale: la notte di San Valentino, Reeva avrebbe ricevuto un sms della stella sudafricana del rugby Francois Hougaard, aitante 24enne a cui la modella sarebbe stata legata prima di Pistorius e del quale l’atleta sarebbe stato gelosissimo. Il rugbista continua a ripetere di non avere nulla a che fare con “la triste vicenda” della morte della modella. Nelle ultime ore è spuntata anche una testimone chiave, una vicina accorsa nella villa che lo avrebbe visto in uno stato “delirante”, il corpo della fidanzata ricoperta di sangue tra le braccia.

Come si moltiplicano in questi giorni le testimonianze di chi descrive il campione come un “maschilista dal grilletto facile”. Un mese fa in un affollato ristorante di Johannesburg Pistorius avrebbe preso in mano la pistola di un amico, gli avrebbe tolto la sicura “senza motivo” e sparato un colpo per errore che ha sfiorato un altro amico seduto al tavolo. Un episodio passato sotto silenzio, come altri nella vita dell’ex leggenda, ma che dimostra la sua dimestichezza con le armi.

Inoltre Pistorius avrebbe chiesto a gennaio la licenza per il porto di sei armi pesanti. In particolare, scrive il quotidiano The Star, l’atleta paralimpico sudafricano, che la notte di San Valentino ha ucciso la fidanzata Reeva Steenkam con il suo revolver Parabellum, aveva chiesto la licenza per un fucile Maverick, un fucile Mossberg, un fucile Winchester, una carabina Vextor 223, un revolver Smith & Wesson 500 e un revolver 38 Special.

Sempre secondo il quotidiano di Johannesburg, Pistorius non possedeva invece la licenza per l’arma del crimine, una calibro 9.

Avrebbe avuto 60 anni! Auguri a Massimo!

Una intera classe che si ritrova a piu’ di 25 anni dal diploma per ricordare Massimo Troisi, nel giorno in cui l’attore di San Giorgio a Cremano (Napoli) avrebbe compiuto 60 anni. Accadra’ oggi a Torre del Greco (Napoli), nella sede centrale dell’istituto Pantaleo in via Cimaglia, li’ dove Troisi si diplomo’ nel 1977.

Si tratta di una mattinata dedicata al ricordo dell’attore scomparso nel 1994, per una serie di manifestazioni alle quali prendera’ parte anche Luigi Troisi, fratello di Massimo, oltre al sindaco di San Giorgio a Cremano, Domenico Giargiano.

Sara’ il preside del Pantaleo, Carlo Ciavolino, a tratteggiare la figura dell’attore specie nei suoi anni trascorsi nell’istituto torrese. Per l’occasione il dirigente scolastico ha riunito i compagni di classe dell’attore, diplomatosi geometra, che a loro volta racconteranno episodi di vita vissuta all’epoca della frequenza con Troisi nella scuola. Sarà poi l’attore Ernesto Mahieux a declamare la poesia che Roberto Benigni dedico’ a Troisi nei giorni della prematura scomparsa.

Cade aereo militare nella capitale dello Yemen!

Almeno 5 sarebbero morti in seguito all’incidente avvenuto a Sanaa, nella capitale dello Yemen. Un aereo militare sarebbe precipitato in una zona abitata, seminando il panico. Al momento non si conoscono maggiori dettagli

 

Cobra d’oro! Esercitazione tra marines e soldati thailandesi!

marines tahilandesi

Esercitazione congiunta tra marines Usa e soldati tailandesi nella base militare di Sattahip, in Thailandia. I soldati, muniti di tute protettive, simulano l’attacco chimico, battereologico, nucleare.

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: