“Quando scrivo sono cosciente che un libro ha il potere …

il-potere-delle-parole-tuttacronaca… di cambiare la vita a una persona o influenzare le sue azioni; la parola ha la capacità di imprimersi in una persona, fissare pensieri, idee, trasformarsi in sentimento fino a divenire esperienza di vita.”

-Hernán Huarache Mamani-

La Tape Art: quando per fare arte… si usano i nastri!

tape-art-tuttacronacaBasta del nastro adesivo o quello delle vecchie cassette per creare delle opere d’arte, come si può vedere anche nel sito della Tape Art Society che riunisce in rete i migliori esempi di questa disciplina che s’immette nel filone della street art. Alcuni nomi di questi originali artisti? Erika Iris Simmons fa un tributo alla cultura pop e alle sue icone con uno dei suoi oggetti più rappresentativi: le musicassette e i VHS. Anna Dominguez, uno dei nomi più rappresentativi di questa corrente, spiega all’HuffingtonPost spagnolo: “Cercavo qualcosa diverso dal solito, oltre il linguaggio tipico della pittura o del disegno. La Tape Art offre tutte le possibilità di un’arte che praticamente nessuno fa più. Questo fa sì che il mio lavoro sia apprezzato come qualcosa di unico e originale”. Max Zorn utilizza invece il nastro adesivo marrone per creare opere che riescono a essere realiste come delle fotografie mentre la tedesca Monika Gryzmala utilizza il nastro per creare delle installazioni all’interno delle gallerie d’arte. Infine El Bocho, artista che lavora a Berlino, ha iniziato a lavorare per le strade a metà degli anni ’90 e i suoi progetti sono tra i più ambiziosi: è l’autore dell’opera di Tape Art più grande del mondo: ha utilizzato 15mila metri di nastro adesivo per coprire più di mille metri quadrati dello Stadtbad Wedding, nella capitale tedesca.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma la Tape Art può essere rappresentata anche dal fotografo Wes Naman, che utilizza il nastro adesivo per “modificare” i suoi modelli:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Marco Carta al Lido! “Insieme” per i suoi fan

CARTA-marco-lido-venezia-insieme-tuttacronaca

Ecco le primissime immagini di Marco Carta che sbarca la Lido di Venezia, in un classico smoking nero con papillon, per partecipare alla 70° Mostra del Cinema di Venezia. Molti fan lo hanno atteso per poterlo vedere sul red carpet nel  giorno della presentazione del cortometraggio “Insieme”, diretto da Annamaria Liguori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Marco si è presentato come musicista, con  le sue canzoni “Ti sorridero’” e “Dentro ad ogni brivido” che sono state inserite nella colonna sonora ufficiale del corto. Prima di approdare sull’isola,  nel pomeriggio Carta si e’ concesso un giretto in barca, presentandosi su Facebook come perfetto turista, con tanto di video registrato per immortalare la sua nuova, piacevole avventura.

La donna che uccide il marito, lo fa a pezzi e poi lo cuoce

donna-uccide-cuoce-marito-tuttacronacaL’HuffingtonPost riporta la notizia di una donna cinese che, stanca delle violenze inflittele dal marito ha deciso di ucciderlo, farlo a pezzi e poi bollire il tutto in pentola. Ad aiutarla la figlia, a sua volta vittima del padre. L’uomo ha pagato la sua violenza prima  con tre giorni di torture e poi con la morte. Per eliminare ogni traccia del delitto le donne hanno quindi eliminato le tracce mettendo a bollire le parti del corpo ma poi, piegata dal senso di colpa, la moglie ha confessato il fatto consegnandosi alle autorità. A causa del rimorso e dello stress, avrebbe anche perso 6 chili. Al momento non ci sono però prove dell’omicidio e la polizia prosegue con le indagini.

La politica dell’M5S è terapia di gruppo?

gruppi-tuttacronaca

Quali sono i problemi fondamentali del M5S?
I «personalismi», la «mancanza di una piattaforma», la «mancanza di riflessione comune sugli obiettivi», la «condivisione degli elementi base del M5S», i «post di Grillo», la «frustrazione per obiettivi e ruoli», «l’aggressività e il grillismo». Il dibattito si fa intenso, tanto che Elisa Bulgarelli – e non solo lei- vorrebbe rimandare a domani, perché sono argomenti che richiedono «un dibattito molto approfondito». Nicola Morra, sostenuto da Vito Crimi, chiede invece di non fermarsi: «Non rimandiamo a domani, apriamo subito il dibattito. Mezza Italia è in attesa di questo nostro dibattimento»

Problemi vecchi e nuovi, già attraversati negli anni ’70 dall’allora partito comunista. Non c’era la rete ma c’è la linea politica che si scontrava con la coscienza personale. Era disdicevole andare a vedere “Guerre stellari”, ma ci si annoiava ai film russi che il partito imponeva. E’ il solito dilemma tra ortodossia partitica e realtà sociale. E’ anche ovvio l’avversione dei grillini verso la stampa: «I giornalai – parola usata da tutti in modo sarcastico, ndr – sono al servizio del potere». E su questo l’assemblea grillina si è mostrata compatta. «Abbiamo i social network – dice Gianluca Castaldi – per comunicare con i media abbiamo un portavoce oppure comunichiamo con i media previa una condivisione». Ma l’appello di molti è: non rilasciate dichiarazioni ai giornalisti. Paola Taverna polemicamente chiede: «Ma perché rilasciate delle interviste prima di un’assemblea che va in streaming? È una curiosità a livello umano, da non politica quale sono e quale voglio rimanere».

Il problema è non la stampa ma semmai la comunicazione. Cioè riuscire  a far passare un messaggio, attraverso un media. Il pubblico raggiunto attraverso un tg è diverso, infatti, da quello di un social.

È stata la senatrice Elisa Bulgarelli a spiegare le regole del gioco: «Ci dividiamo in sei gruppetti da sei senatori circa. Tre, i gruppetti con il numero dispari, si occuperanno della cronologia dei fatti, di stabilire oggettivamente cosa è successo. Gli altri tre (con il numero pari) devono scomporre quello che è successo in questi ultimi giorni, tutto questo caos in problemi che possono essere risolvibili. Ogni gruppo lavorerà a sé. Poi i gruppi si scambieranno».

Ma la politica è terapia di gruppo?

Incidente in superstrada all’altezza di Empoli: traffico paralizzato

incidente-tir-empoli-tuttacronacaUn’auto e un camion sono rimasti coinvolti questo pomeriggio in un grave incidente lungo la superstrada Firenze-Pisa-Livorno, all’altezza dell’uscita di Empoli Est, in direzione Livorno. Il tratto fra le uscite di Empoli Ovest e Montelupo Fiorentino è stato chiuso in tutti e due i sensi di marcia. Chiuso anche il tratto da Ginestra a Empoli Est in direzione Livorno. Stando alle prime ricostruizioni, per motivi ancora da accertare sarebbe stato il mezzo pesante a sbandare finendo contro il new jersey e invadendo parzialmente l’altra carreggiata. A quel punto l’auto, che procedeva nella stessa direzione, l’ha tamponato. Tre i feriti: due persone anziane, di 74 e 75 anni, rispettivamente di Fiesole e Livorno che viaggiavano a bordo dell’auto e un 51enne croato, alla guida del camion. Gravi le ripercussioni sul traffico con la superstrada chiusa per ora in attesa arrivasse la gru destinata a spostare il camion. Il traffico è stato riaperto attorno alle 20.15 in direzione mare. Le auto potevano però percorrere solo una corsia su due. Sempre chiusa da Empoli Est a Montelupo, invece, la carreggiata verso Firenze.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La bimba di 4 anni malata di leucemia che commuove uno stadio

bimba-leucemia-stadio-inno-tuttacronacaLo scorso giovedì si giocava la partita di baseball tra i Baltimore Orioles e i Boston Red Sox al Fenway Park ma quella che resterà impressa è l’esecuzione dell’inno nazionale God Bless America da parte di Darla Holloway.

La piccola, di soli quattro anni, combatte da un anno contro la leucemia ed è ancora lungo il percorso che l’aspetta, ma con lei c’è anche la madre, che l’ha accompagnata alla kermesse durante la quale Darla si è esibita nel silenzio degli spettatori, molti dei quali si sono commossi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anna Tatangelo senza trucco…

anna-tatangelo-struccata-tuttacronacaTroppe polemiche intorno ai presunti interventi estetici di Anna Tatangelo. E lei risponde,come molti vip, postando sul web una foto senza trucco. La cantante 26enne ha commentato così: ” A tutti coloro che si divertono a inventare storie sul mio viso… negli anni sono cambiata é vero, sto diventando donna, tutti mi conoscono da quando avevo 15 anni, dal mio primo festival… Si! In questi ultimi 10 anni sono cresciuta, sono diventata mamma e ancora tanto tempo se Dio vuole dovrà passare sulla mia pelle… Su ogni mia foto, senza trucco o col trucco, c’è stato e ci sarà sempre chi dovrà sparlare e esprimere giudizi…”

 Agli utenti il giudizio finale!

50 sfumature di grigio: Charlie Hunnam presterà il volto a Christian Grey!

Charlie-Hunnam-50sfumaturedigrigio-Christian-Gray-tuttacronacaE’ ufficiale! Charlie Hunnam, l’attore visto recentemente nel kolossal Pacific Rim e protagonista della serie tv Sons of Anarchy, interpreterà Christian Grey nella trasposizione cinematografica di 50 sfumature di grigio, il besteseller-caso letterario del 2012 scritto dall’inglese E. L. James (Erika Leonard) che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. Ad innamorarsi, nella finzione, dell’affascinante miliardario appassionato di sadomasochismo l’attrice e modella 23enne Dakota Johnson, che vestirà i panni di Anastasia Steele. A dare l’annuncio è stata l’autrice della trilogia, via Twitter: «sono felice di informarvi che l’adorabile Dakota Johnson ha accettato di essere la nostra Anastasia per film adattamento di 50 sfumature di grigio» ha detto la James scatenando cascate di retwett e commenti, oltre 2000 in meno di un ‘ora. La notizia è stata confermata anche dalla pagina ufficiale del film “Fifty shades of grey the movie” che recita: «Prima le donne…Ms Anastasia Steele sarà interpretata da Dakota Johnson». Il film, che uscirà nelle sale il 1 agosto 2014 prodotto da Focus Features e Universal Pictures, sarà diretto dalla regista Sam Taylor-Johnson, nota per Nowhere Boy. Quest’ultima è al momento concentrata sulla sceneggiatura assieme a Kelly Marcel.

Che ne penseranno le fan di Ian Somerhalder, che si auguravano il “succhiasangue” di The Vampire Diaries vestisse i panni di Christian?

Lite finisce in dramma nel Biellese: 82enne uccisa dalla figlia

uccide-madre-ronco-biellese-tuttacronacaIn un’abitazione di via Eugenio Regis, a Ronco Biellese, in Piemonte, i carabinieri si sono imbattuti in una scena che fa pensare a un’omicidio. L’82enne Bianca Busato, ex operaia tessile e vedova, era a terra, senza vita. In casa c’era la figlia, la 53enne Antonella Orlando, ferita alla testa e grondante di sangue. A chiamare i militari il panettiere e un tecnico comunale. Il primo era preoccupato perchè non aveva visto l’anziana andare a fare la spesa ed è così andato a controllare a casa, per accertarsi stesse bene. Non ha ricevuto risposta dopo aver suonato, salvo che, poco dopo, dalla casa è uscita la figlia. A quel punto, si trovava a passare in zona anche il tecnico comunale e i due uomini hanno chiamato i soccorsi. La 53enne soffre da anni di crisi nervose e, stnado alcuni conoscenti, a volte la donna è fuori di sè. Si pensa ci possa essere stato un brutto litigio tra le due donne, conclusosi in tragedia. Il fratello della vittima ha raccontato ai giornalisti: “Ci aspettavamo che un giorno sarebbe successo qualcosa di brutto”. La Orlando è al momento ricoverato in ospedale mentre la Procura indaga a fondo per capire che cosa sia accaduto nella casa, per ora senza formulare ipotesi e senza parlare esplicitamente di omicidio, e disporrà l’autopsia sul corpo della vittima.

“Mai più guerra! Mai più guerra!”: l’appello di Papa Francesco

papa-francesco-basta-guerra-tuttacronacaSi riferiva alla situazione in Siria Papa Francesco quando sul suo profilo Twitter è apparso il seguente messaggio:

papa-guerra1-tuttacronacaE sempre oggi, in mattinata, tramite il responsabile del dicastero vaticano Giustizia e Pace monsignor Mario Toso, ha fatto sapere che “la via di soluzione dei problemi della Siria non può essere l’intervento armato. La violenza non ne verrebbe diminuita. C’è, anzi, il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi. Il conflitto in Siria contiene tutti gli ingredienti per esplodere in una guerra di dimensioni mondiali”. Alla Radio Vaticana il segretario di Giustizia e Pace ha detto: “Le società civili e le loro organizzazioni sollecitano i loro rappresentanti per un verso a lasciare definitivamente da parte il conflitto armato e per un altro verso a lavorare, con convinzione ed intensamente, per la pace”. E spiega: “Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. La guerra chiama guerra anche perchè intrappola i popoli in una spirale mortale: porta in sè una visione distorta del potere inteso come sopraffazione e dominio e, inoltre, accentua il pregiudizio che tutti cercano di distruggere gli altri. Su tali presupposti l”altro’ rimane sempre un antagonista, un nemico da sconfiggere, non sarà mai un fratello. La guerra non finisce mai e le ragioni della giustizia sono disattese”. Del resto in Siria “occorre essere angosciati per i drammatici sviluppi che si prospettano, alla luce di come si stanno muovendo i grandi della terra. La via di soluzione dei problemi della Siria non può essere quella dell’intervento armato. La situazione di violenza non ne verrebbe diminuita. C’è, anzi, il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi”. E ancora: “Il conflitto in Siria contiene tutti gli ingredienti per esplodere in una guerra di dimensioni mondiali e, in ogni caso, nessuno uscirebbe indenne da un conflitto o da un’esperienza di violenza. L’alternativa non può essere che quella della ragionevolezza, delle iniziative basate sul dialogo e sul negoziato”.

Il tema della armi, Papa Francesco l’ha toccato anche nel pomeriggio, con un nuovo messaggio, sempre in Twitter:

papa-guerra2-tuttacronacaMa il Pontefice aveva espresso la sua preoccuazione anche ieri, durante l’Angelus: “Il mio cuore è particolarmente ferito da quello che sta accadendo ed è angosciato per i drammatici sviluppi che si prospettano”.

Operatore di un allevamento emiliano positivo al virus dell’aviaria

aviaria-operatore-tuttacronacaCome rende noto il ministero della Salute, è stata registrata, dall’Istituto superiore di Sanità, la positività per il virus dell’influenza aviaria H7N7 in una persona “affetta da congiuntivite ed esposta per motivi professionali a volatili malati appartenenti agli allevamenti presenti nella Regione Emilia Romagna”, nei quali era stata riscontrata la presenza dell’infezione virale. Uno dei primi sintomi del virus è infatti la congiuntivite. Ad essere stato contagiato un dipendente della ditta Eurovo a Mordano, in provincia di Bologna: “Sugli oltre 100 addetti, solo in un caso è stata accertata una forma di lieve congiuntivite”. Si tratta di uno degli addetti all’abbattimento delle galline colpite dall’influenza aviaria e alla sanificazione degli stabilimenti. Il ministero, in una nota, spiega che tutti gli addetti impegnati nelle attività di bonifica “sono, a titolo precauzionale, sottoposti a visite di idoneità e controllo sanitario e, sugli oltre 100 addetti, solo in un caso è stata accertata una forma di lieve congiuntivite che rappresenta la più frequente conseguenza possibile di infezione che l’uomo può contrarre dal virus H7N7 ed esclusivamente nel caso di diretto contatto con animali malati o morti, come è per chi sta operando nella sanificazione degli allevamenti”. L’addetto è sottoposto, così come i suoi familiari, a terapia antibiotica e si trova a casa sua. La situazione è comunque costantemente monitorata. Il ministero ha ricordato che “Il virus H7N7 non viene facilmente trasmesso all’uomo che può infettarsi solo se viene a trovarsi a contatto diretto con l’animale malato o morto. A differenza di altri virus aviari (quali ad esempio H7N9 o H5N1), H7N7 tende a dare nell’uomo una patologia di lieve entità (come la congiuntivite), come già osservato in un focolaio umano verificatosi anni fa in Olanda”. Nella nota si legge inoltre: “Essendo rara la trasmissione da persona a persona i focolai umani tendono ad autolimitarsi, per cui il rischio di comunità è estremamente basso o addirittura irrilevante”. La Regione Emilia Romagna, di concerto col ministero della Salute, avendo “prontamente identificato i focolai animali, ha adottato tutte le procedure necessarie a porre sotto controllo l’infezione”. Nel frattempo, il ministero della Salute continua il monitoraggio sull’influenza aviaria i cui focolai accertati sono quattro.

Scossa di terremoto al largo delle Isole Lipari

terremoto-scossa-lipari-tuttacronaca

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremto terremoto di magnitudo 2.3 con ipocentro a una profondità di 201.3 km alle ore 18:28 italiane nel distretto sismico delle Isole Lipari. Il terremoto si è verificato in mare e non ci sono stati danni a persone o a cose.

Alla Mostra del Cinema di Venezia si parla d’integrazione

kyenge-venezia-integrazione-tuttacronacaE’ arrivata a Venezia in compagnia delle figlie il ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge che all’ANSA ha detto: ”Il cinema, con il suo linguaggio capace così tanto di coinvolgere e toccare nel profondo, è fondamentale per l’integrazione e i cambiamenti culturali sui migranti”. Tra i suoi impegni al lido, dopo l’incontro con il Garante per l’infanzia e l’Adolescenza Vincenzo Spadafora, un convegno su cinema, diversità e integrazione in occasione della presentazione del nuovo film di Ettore Pasculli ‘Italy amore mio’.

Ma il ministro ha incontrato anche Vladimir Luxuria: entrambe sono presenti per la campagna lanciata dall’Authority per l’Infanzia e l’Adolescenza contro razzismo e omofobia. Spiega la Kyenge: “Sento il dovere e la responsabilità di fare le cose giuste. Tutto il resto non conta. Con i nostri figli, dovviamo essere bravi a sostenere l’ingenuità dei bambini che non sanno che cosa sono le differenze”. Valdimir Luxuria, prima transgender eletta al Parlamento di uno Stato europeo, dice: “Nei confronti delle coppie omosessuali, c’è oggi lo stesso scetticismo che c’era nei confronti delle coppie miste. Omofobia e xenofobia vanno combattute con un solo cuore e un solo cervello”.

Prende la figlia di 8 anni a frustate: non lo lascia dormire

frusta-figlia-tuttacronacaLa cintura come arma per frustare la figlia di 8 anni perchè non lo lasciava dormire. Non solo, avrebbe anche picchiato la piccola con un vaso rompendoglielo in testa. Con quest’accusa il 44enne disoccupato Salvatore Tiano, di Casabona, in provincia di Crotone, è stato arrestato dai carabinieri. L’uomo è inoltre accusato di aver picchiato la moglie che, in un’occasione, sarebbe stata colpita con il manico di una scopa. E’ stata la donna a presentare la denuncia che ha portato all’arresto. La bambina, a causa delle frustate ricevute, ha subito lesioni giudicate guaribili in venti giorni. In un’informativa di reato presentata alla Procura della Repubblica dai carabinieri della Compagnia di Crotone i militari hanno sottolineato “le ripetute e costanti violenze perpetrate da Tiano nei confronti dei familiari, costringendoli a vivere in una clima di insicurezza e paura”.

Kerry a cena con Assad, quindi anche con Hitler e Hussein?

kerry-assad-tuttacronaca

La foto pubblicata da Ali Mohtadi  e oggi ripresa dal Daily mail non lascia dubbi. Una cena tra John Kerry e Bashar al-Assad svoltasi nel febbraio del 2009. Oggi però le cose sono cambiate e Kerry ha paragonato Assad a  Saddam Hussein e Adolph Hitler. Come mai allora appena 4 anni fa Kerry metteva a repentaglio la sua vita andando a tavola con un dittatore? Ancora più perfido è il tabloid inglese

Ecco “l’immagine che Kerry non vorrebbe mai veder pubblicata”

La cena – a cui parteciparono anche le rispettive consorti – si svolse in occasione di una visita in Siria da parte di Kerry. L’attuale capo della diplomazia Usa era allora senatore del Massachusetts e guidava una delegazione americana incaricata di discutere le prospettive di pace nella regione.

 

Oceanarium: il più grande acquario del mondo… quando verrà ultimato!

oceanarium-acquario-tuttacronacaFa parte della Far Eastern Russian Academy of Sciences quello che diventerà il più grande acquario del mondo: Oceanarium. La struttira si trova sull’isola Russky Island, in prossimità di Vladivostok, il più grande porto della Russia sul Pacifico, che è da un anno collegata alla terra ferma da un colossale ponte. L’opera, che nasce sia come attrattiva turistica che come luogo di studio, ha iniziato ad essere costruita nel 2006 e si pensava sarebbe stata ultimata ancora nel settembre 2012, in concomitanza con il Summit dei Paesi dell’Asia-Pacifico (Apec). In quell’occasione venne inaugurato invece il solo ponte. L’acquario conterrà 30 mila tonnellate d’acqua, 7mila delle quali nella sola vasca principale e l’intenzione è quella di ospitare 800 specie di animali marini: si potrà camminare in mezzo a loro grazie a un tunnel “sottomarino” lungo 70 metri e dotato di tapis roulant.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tornado in Giappone, devastazione e feriti

TORNADO-KOSHIGAYA-tuttacronaca-tokio

Gravi danni e decine di feriti nella prefettura di Saitama, a nordovest di Tokyo dopo che la città di Koshigaya è stata attraversata da un violento e improvviso tornado.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Case scoperchiate o rase al suolo, pali della luce divelti, numerosi crolli e danni ingenti all’agricoltura. Sono circa 30.000  le famiglie rimaste senza energia elettrica.

 

La Juve e gli ultimi due colpi da sferrare sul mercato: ecco a chi si mira!

nuovi-acquisti-juve-tuttacronacaUltime ore concitate di calciomercato e in casa bianconera Marotta tenta di realizzare il suo piano: regalare a Conte Nainggolan e Gilardino. Il centrocampista belga del Cagliari è a Milano, scortato dal suo agente. Ai microfoni di Sky Sport ha però tagliato corto: “Io alla Juve? Sono qui, aspetto, vediamo che succede”. Ma il ds rossoblù Salerno a TuttoJuve.com nega: “Per Radja sono solo voci. Non c’è nulla in corso. Resta con noi”. Fatto sta che dopo la partita con il Milan il giocatore è rimasto in città. Si tratterebbe di un’operazione difficile quindi, ma non impossibile. E in caso non andasse a buon fine, per riempire la casella liberata da Giaccherini, c’è sempre il brasiliano della Roma Marquinho. Su di lui, però, sembrerebbe essere in vantaggio l’Inter. Ma in casa bianconera potrebbe approdare anche Gilardino, attaccante in forza al Genoa che, in caso, arriverebbe in prestito. Ma solo in caso di partenza a titolo definitivo di Quagliarella: su di lui Roma, Lazio e West Bromwich. L’arrivo di Gilardino è appoggiato da Conte, che vorrebbe inserire un centravanti d’area in un reparto avanzato dove ci sono principalmente seconde punte: il Gila sostituirebbe a livello tecnico l’attaccante lombardo più che quello campano.

L’Imu ci costa il lavoro e le energie rinnovabili?

lavoro-imu-tuttacronaca

Si sapeva che per finanziare la cancellazione dell’Imu ci sarebbe dovuto essere il taglio su altri fondi, ora si ha nel dettaglio la situazione e farne le spese sono l’occupazione (con un taglio di 250 milioni) e le energie rinnovabili con un “prelievo”  di 300 milioni degli investimenti.  Tra queste non mancano sforbiciate ai fondi per le assunzioni alla sicurezza; la riduzione delle risorse per la lotta all’evasione; e la scure da 300 milioni per la manutenzione ferroviaria. A quando il prossimo incidente ferroviario e le condoglianze dei politici? Intanto chi ha una casa di proprietà non paga l’Imu mentre i giovani una casa non l’avranno mai! Era davvero necessaria la cancellazione o serviva a mantenere in vita il governo esangue?

 

La Fiat minaccia di investire all’estero, l’Italia strangolata?

fiom-fiat-tuttacronaca

A ritorno dalle ferie, la tensione in una delle fabbriche simbolo nel nostro Paese sale. E’ stata la sentenza della Corte Costituzionale del 23 luglio scorso che aveva dichiarato illegittima quella parte dell’articolo 19 delle legge 300 – lo Statuto dei lavoratori – che consente la rappresentanza solo ai sindacati firmatari dei con tratti, a infiammare i vertici Fiat. Ora devono accettare la nomina dei delegati Fiom.

Ma la Fiat ribadisce anche che senza legge sulla rappresentanza si mette a rischio il suo impegno industriale. Scrive: «In ogni caso, come peraltro suggerito anche dalla Corte Costituzionale, un intervento legislativo è ineludibile: la certezza del diritto in una materia così delicata come quella della rappresentanza sindacale e dell’esigibilità dei contratti è una condicio sine qua non per la continuità stessa dell’impegno industriale di Fiat in Italia».

Allo scenario delineato dal Lingotto reagisce Roberto Di Maulo, segretario generale della Fismic: «La situazione è molto grave. Il governo Letta sta dimostrando una assoluta inettitudine per affrontare i problemi reali del Paese e in particolare dell’industria manifatturiera». E aggiunge: «Rischiamo la completa delocalizzazione non solo della Fiat ma di tutti i gruppi industriali rimasti nel Paese senza quadro di riferimento certo per il sistema di relazioni industriali». Polemico con la Fiat, invece, il segretario Uilm, Rocco Palombella: «Per noi gli investimenti vanno rispettati, non possono essere subordinati a un intervento legislativo pur importante e necessario. Per gli investimenti c’è stata con la Fiat una fase di confronto molto sofferta. Chiediamo il rispetto degli impegni assunti dall’azienda in Italia».

I portieri di serie A prendono gol? “Accattatavell”! Parla Tacconi

juventus-stefano-tacconi-tuttacronacaSeconda giornata di campionato di Serie A caratterizzata da tante reti quella a cui abbiamo assistito, certo. Ma a farla da padrone sembrano essere stati gli errori dei portieri, con quasi nessuno, tra gli estremi difensori, che ne è uscito indenne. Un week-end indimenticabile, in eccezione negativa, quasi per tutti. Ma le colpe dove vanno ricercate? E’ Stefano Tacconi, storico portiere della Juve e della Nazionale che tenta di rispondere alla domanda. “I nuovi palloni non aiutano, è vero – spiega il 56enne perugino – ma è anche vero che i preparatori devono adeguarsi e cercare di lavorare anche in base ai nuovi fattori esterni. Portieri non si diventa, ma per diventarlo appieno bisogna acquisire sicurezza, tranquillità, carisma. Oggi invece vedo tanta inesperienza e poca qualità”. Tarzan, così era soprannominato il portiere numero 1 in Italia tra gli anni ’80 e ’90, parla anche di Perin, anch’egli ieri vittima delle gaffe: “Con tutto il rispetto, mi pare che sia sopravvalutato, come altri alle prime armi. Non capisco questa mania di puntare su portieri giovani. Fra i pali conta l’esperienza, la personalità. Poi, se mandiamo all’estero gente come Viviano e Cudicini, non dobbiamo lamentarci del livello in serie A. Come dicono a Napoli: Accattatevell”. Nessun Tacconi all’orizzonte? “Per carità. Oggi potrei quasi tornare in campo io”. Ma proprio il suo successore tra i pali bianconeri ieri ha incassato un gol: che Gigi stia invecchiando? “L’errore può capitare a tutti, Buffon sbaglia una volta all’anno. Poi, quando ti operi alla schiena qualcosa paghi, soprattutto in termini di spinta sulle gambe. La Juve è stata un po’ sorpresa in occasione del gol di Klose, ma dopo cinque minuti di black-out è tornata a giocare come sa”. Tanti errori ma anche bravura di chi ha tirato, vedi Pjanic? “Rafael non poteva farci nulla. Quando l’avversario calcia da fuori area, il portiere deve avanzare leggermente, quello di Pjanic è stato un colpo d’astuzia”. Ma come innalzare il livello dei portieri italiani? “Partiamo dai preparatori. Vedo che diverse squadre ne hanno alcuni che non hanno mai giocato in porta. E poi, ripeto, il ruolo del portiere non si impara. Zoff mi diceva: io non ti devo insegnare niente, ti devo solo allenare. Nel fisico, ma soprattutto nella testa. Quella è fondamentale”. Però a Tacconi c’è almeno un estremo difensore che piace: “Leali del Cagliari. Uno di quelli che sbaglia di meno. Oggi lo si può dire con certezza, visto che le tv mostrano nel dettaglio ogni intervento. A proposito, una volta veniva definito ‘miracolo’ quando paravi un pallone diretto all’incrocio, oggi è pure se te la tirano addosso. Ma di miracoli ne vedo sempre meno”.

Stoccolma, percorsi di guerra per tutti alla “corsa vichinga”

corsa-vichinga-tuttacronaca

A Stoccolma ogni anno si tiene un’originale corsa di 12 chilometri, un vero e proprio percorso a ostacoli ideato dalle forze speciali dell’esercito. I 12 km sono disseminati di “trappole” che i podisti devono superare:  ghiaccio, fuoco, filo spinato, fango, reti e tunnel. Un vero e proprio percorso di guerra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pisa: sono stati i bimbi del corso di nuoto a lanciare l’allarme per Rachele

bimba-morta-piscina-pisa-tuttacronacaSono sconcertati gli sviluppi delle indagini della procura di Pisa sulla morte della piccola Rachele, la bimba morta in una piscina comunale della città lo scorso mercoledì. Se già si era a conoscenza che le due istruttrici sono state indagate dalla procura per omicidio colposo, ora emerge dal video delle telecamere di sorveglianza che non solo una delle due donne non era in campo ma anche che la piccola è rimasta sott’acqua senza essere soccorsa almeno 4-5 minuti. Inoltre, nessuna delle due, che sono state indagate dalla procura per omicidio colposo, si è accorta di quanto stava accadendo: è stato un altro bambino del corso a lanciare l’allarme. L’istruttrice che non appare nella ripresa  era ai bordi piscina, come da regolamento, mercoledì mattina all’ora della tragedia? E per quali motivo né lei né la collega si sono accorte che la piccola stava annegando? Per ora si possono faresolo ipotesi perchè, come spiegano gli investigatori, le risposte arriveranno solo dopo indagini approfondite e un’analisi più dettagliata del filmato. Al momento della tragedia le due istruttrici hanno raccontato ai carabinieri  di aver visto la bambina affondare quasi in verticale. Si sono quindi tuffate e, afferratala, hanno praticato respirazione bocca a bocca e massaggio cardiaco, poi ripetuto dal medico del 118. “E’ stato un malore”, avevano detto. Ma anche tale ipotesi è messa in discussione dall’autopsia effettuata. I risultati ufficiali si avranno soltanto tra un mese, ma secondo Carlo Porcaro D’Ambrosio, medico legale della famiglia della piccola, l’esame non avrebbe “rivelato evidenze macroscopiche di patologie pregresse” e dunque la piccola al momento della sciagura pare fosse in perfetta salute. Pierpaolo Medda, padre della piccola e medico psichiatra all’ospedale di Pisa, era accorso in bicicletta dopo essere stato avvertito dell’incidente, ma ha trovato la figlia già morta. Dopo aver accusato un malore, è stato lui stesso ad avvertire la moglie Cristiana Manzi, anche lei psichiatra.

Bologna: la sposa costretta a bere detersivo.

bologna-marito-fa-bere-detersivo-a-marito-tuttacronaca

E’ riuscita a scappare e a rivolgersi ai carabinieri la donna che da un mese e mezzo, cioè da quando era arrivata in Italia, viveva segregata in una casa di Bologna. Il marito la maltrattava e la picchiava, fino ad arrivare a punirla facendole bere detersivo. Lei è una giovane afghana che aveva sposato, con nozze combinate in patria, un connazionale 37enne. Lei così era fuggita venerdì e aveva tentato di partire per raggiungere una parente all’estero. Ma l’uomo era arrivato in stazione e le aveva strappato il biglietto. In strada l’ha anche malmenata, ma è qui, tra viale Pietramellara e via Amendola, che un tenente della Compagnia Bologna Centro, che aveva appena finito il servizio e si stava recando a casa, ha bloccato lo straniero. La ragazza è stata portata all’ospedale Sant’Orsola e dimessa con 4 giorni di prognosi. Sull’età di lei sono in corso accertamenti. Ha sostenuto di avere 16 anni, pur spiegando di non sapere con esattezza quale fosse la propria data di nascita. Un esame auxologico cui è stata sottoposta la colloca tra i 18 e i 19 anni. C’è poi il fatto che il passaporto con il quale era arrivata in Italia, pur riportando una sua foto, era intestato ad un’altra donna nata nel 1981. L’uomo è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni. Incensurato, è stato processato in direttissima: ha patteggiato un anno senza sospensione della pena e ora si trova in carcere.

Incedibile Cannavaro: il Napoli rifiuta lo scambio. Questione aperta…

Cannavaro-Paolo-tuttacronaca-napoliIl capitano è incedibile e quindi, per ora, la società azzurra ha respinto lo scambio con il Milan intenzionato a portare in rossonero Cannavaro lasciando partire Zaccardo. Il capitano è legato al Napoli fino al 2015 e le trattative per un nuovo accordo (l’ultimo anno di contratto sarà legato alle presenze) finora non hanno portato a nulla. Al riguardo il giornalista Toni Iavarone, intervenuto ai microfoni di Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete”, ha rilasciato delle dichiarazioni così sintetizzate da NapoliSoccer.NET: “Il Napoli deve risolvere la questione Cannavaro perché la mancata sostituzione di Britos contro il Chievo, lascia pensare che Benitez non ha una grande valutazione del capitano azzurro. Bisogna capire se Cannavaro può dare ancora tanto a questa squadra e se così fosse, dovrebbe essere nuovamente titolare. Altrimenti, credo che Cannavaro debba avere la possibilità di giocare e se nel Napoli non ci sono spazi, bisogna pensare di cedere il calciatore. Cannavaro è un innamorato folle del Napoli. Credo che il mercato in entrata sia chiuso. Il tesoretto restante, può essere reinvestito a gennaio. Hamsik è un autentico fuoriclasse che abbina la tecnica alla qualità. Si può fare a meno di Cavani e Lavezzi, ma mai dello slovacco che è da anni un faro del Napoli. Higuain ha dalla sua un curriculum di grande livello e darà un contributo notevolissimo. Higuain è molto più tecnico di Cavani, magari non segnerà tutti quei gol ma è determinante anche nello sviluppo della manovra e sa aiutare la squadra”.

Incidente mortale ad alta quota in Val Gardena: muoiono tre alpinisti

alpinisti-morti-valgardena-tuttacronacaTragico incidente in val Gardena dove tre alpinisti hanno perso la vista mentre stavano affrontando la via Pichl sulla parete nord del Sasso Lungo. E’ stato allora che sono improvvisamente precipitati per circa 300 metri. In un primo momento si pensava si trattasse di due persone, ma la cordata era formata da tre rocciatori. L’allarme è stato lanciato da un testimone oculare. Per l’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites non è stato facile recuperare le salme. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri e il soccorso alpino.

Un amore solido come la roccia: la donna che sposa un ponte

donna-sposa-ponte-tuttacronacaJodi Rose ha trascorso gli ultimi 10 anni visitando dozzine di ponti attorno al mondo per realizzare il suo progetto musicale Singing Bridges e, in questo suo peregrinare, ha trovato quello “perfetto”. Talmente giusto da decidere di… unirsi in matrimonio con lui! Il neo-sposo è il “Pont du Diable” (il Ponte del Diavolo) che da 600 anni attraversa un corso d’acqua a Ceret, nel sud della Francia. La donna, un’australiana, ha spiegato che si tratta del marito perfetto “Anche se è fatto di pietra, è una presenza molto forte, e io mi sento in pace nel suo forte abbraccio. […] È fisso, stabile, e con i piedi ben piantati a terra, mentre io sono nomade, fugace e sempre in giro. Mi dà un posto sicuro dove tornare, ma poi mi lascia andare per la mia strada, senza tenermi legata ai suoi bisogni o ai suoi desideri. È il marito perfetto: forte e silenzioso”. Insomma, sembra proprio che, alla presenza di 14 invitati, Ms Pont du Diable abbia trovato la sua (rocciosamente)dolce metà!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Paul Gascoigne a Ballando con le stelle? 470mila euro di ingaggio

paul gascoigne -ballando con le stelle-tuttacronaca

Sono solo voci, ma se fossero confermate risulterebbero quanto meno “originali” le scelte di Ballando con le Stelle, programma condotto da Milly Carlucci che starebbe per ingaggiare, a circa 400 mila sterline (circa 470mila euro) , l’ex giocatore della Lazio, del Tottenham e della nazionale inglese,  Paul Gascoigne. Ultimamente Gascoigne è salito alla ribalta della cronaca per i suoi problemi legati all’alcolismo. Per il momenti non ci sono conferme, ma la notizia è riportata anche nel sito del settimanale Sorrisi e Canzoni.

Guida turistica attaccata… da un elefante!

elefante-attacca-jeep-tuttacronacaIl 29 agosto è stato pubblicato su Youtube un video che ha già ricevuto più di 3.2 milioni di visualizzazioni. Ma di cosa tratta? Nel filmato, girato nel Kruger National Park in Sudafrica, si vede un’elefantessa che attacca la Jeep della guida turistica Johann Lombard. La stessa “vittima” del tremendo scontro con il pachiderma, che ha 23 anni di esperienza, ha spiegato a The Guardian che “non è usuale” che gli elefanti partano alla carica delle auto in questo modo. Fortunatamente, non ci sono stati feriti.

Quando i “cervelli” restano… e ce la fanno! Storie di successo made in Italy

italiani-successo-tuttacronacaE’ il Secolo XIX che porta alla luce, finalmente, una buona notizia: in Italia c’è chi ce la fa! E non si tratta di soliti noti o “amici di”. Sono le storie di sei giovani che hanno creduto in loro stessi e nei propri sogni, si sono impegnati, hanno rischiato e… ce l’hanno fatta, restando nella loro città, Genova. Elisabetta, Emanuele, Enrico, Marco, Massimiliano e Piergiorgio stanno vedendo giorno dopo giorno i loro sogni diventare realtà. Hanno storie diverse alle spalle, si sono messi in gioco in modi e in ambiti differenti, ma hanno raggiunto la loro meta o, quanto meno, sono sulla strada che conduce ad essa. In una società in crisi e che difficilmente finanzia i progetti delle nuove leve, hanno scommesso su loro stessi. Emanuele Gugliemino ha messo a punto una microturbina nei laboratori di Morego dell’Iit ed ha già ottenuto più di un apprezzamento dalla Silicon Valley, l’El Dorado di chi ancora ha la capacità di sognare. Marco Gaudina, al contrario, dopo aver accumulato esperienza alla Siemens si è rintanato nel garage dei genitori, dove ha visto la luce il suo rivoluzionario sensore. Storia simile per Massimiliano Bonacci e Piergiorgio Beruto, che dopo aver lavorato negli uffici della Marconi/Ericsson hanno deciso di passare alla corsa in solitario. E’ partito invece puntando direttamente su se stesso Enrico Botte: nel 200′, dopo una laurea in storia, ha creato con un socio un’impresa ad alta tecnologia partita grazie al finanziamento di Ligurcapital. I soldi pubblici non potevano essere spesi in maniera migliore: la Field Organization System oggi ha centocinquanta dipendenti e sedi a Genova e in Campania. Ma non dobbiamo pensare che per costruirsi un futuro si sia obbligati a dedicarsi all’alta tecnologia: Elisabetta Comotto, ancora giovanissima, si è imegnata in bottega, con quell’umiltà di partire dalla base che spesso manca ai futuri adulti, ed ha così trovato un mentore che, dopo averle svelato i segreti dell’arte orafa, le ha lasciato il laboratorio: ora il suo futuro è tutto nelle sue mani.

Il mito dell’eterna giovinezza: le foto supersexy di Cher a 67 anni

cher-tuttacronaca

A 12 anni dall’ultimo disco tutto ora è pronto per la nuova campagna pubblicitaria che accompagnerà l’ultimo lavoro di Cher dal titolo “Closer to the truth”. E’ stata la stessa cantante e attrice a pubblicare su Twitter e Facebook le sue foto sexy: sottoveste di seta, con lunghi capelli biondi, dita inanellate e generosa prospettiva sul seno, poggiata su un letto e in particolare su un cuscino di morbida pelliccia bianca. A 67 anni Cher sceglie ancora una volta, come in passato, la via della sensualità più consumistica per sponsorizzare la sua musica.

Rincaro “nero”: la benzina a quasi 2 euro.

benzina-prezzi-tuttacronaca

Forse è l’effetto Siria, forse l’Imu, forse il possibile aumento dell’Iva o forse il controesodo, ma qualsiasi sia la motivazione il risultato non cambia, la verde arriva oltre a oltre 1,88 mentre il diesel schizza fino a 1,77. Si tratta del quarto giro di aumenti per i prezzi dei carburanti all’indomani dell’avvio dell’effetto Siria, ricorda Quotidiano Energia e Staffetta Quotidiana. E tutto ciò avviene mentre si assiste al  calo dei prezzi sui mercati internazionali.

Il Codacons, come riporta la Stampa, attacca i gestori che speculano sul rientro dalle ferie.

“Puntualmente, in occasione del controesodo estivo, i prezzi dei carburanti schizzano al rialzo”. E il presidente Carlo Rienzi spiega che “ormai la verde sfiora quota due euro al litro lungo le autostrade in molti distributori il prezzo alla pompa supera quota 1,960 euro al litro”. L’Unione petrolifera però non ci sta e ricorda di avere tenuto un atteggiamento “cauto e responsabile” consigliando ai gestori prezzi ben al sotto. In ogni caso c’è da tener presente che esistono tensioni internazionali che “pompano” il prezzo del greggio, come il possibile attacco Usa alla Siria. Il Codacons chiama in causa il governo: “Letta, invece di pensare ad altri aumenti delle accise (con la clausola di salvaguardia dell’Imu ndr), dovrebbe intervenire per punire i petrolieri”.

Il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta ospite di ‘Nove in punto’ su Radio 24 ha poi puntualizzato: “Entro fine mese bisogna trovare 1 miliardo per evitare l’aumento dell’Iva, bisogna fare di tutto perché come effetto immediato avrebbe delle complicazioni” ma “non si può evitare di aumentarla per sempre” anche perché “l’Europa che ci ci chiede di spostare le tasse dalle persone alle cose”.

Coldiretti attacca: “L’aumento dei prezzi della benzina sotto la spinta della crisi in Siria colpisce 4,4 milioni gli italiani in vacanza nel mese di settembre incoraggiati dalle previsioni meteo sull’arrivo dell’ultimo scampolo di estate”. Lo afferma la Coldiretti in occasione dei nuovi aumenti dei prezzi del carburante, sottolineando che “il costo dei trasporti è uno dei fattori che ha condizionato pesantemente le ferie degli italiani”. Infatti, “il 32 per cento dei vacanzieri – sottolinea la Coldiretti – ha scelto di trascorrere le vacanze in località più vicine rispetto allo scorso anno con ben sette italiani su dieci in vacanza in Italia e di questi ben il 24 per cento che non si allontana neppure dalla propria regione”, secondo l’indagine Ipr marketing.

L’autopsia conferma: Marilia Rodrigues Silva è stata uccisa

Marilia Rodrigues Silva-autopsia-morta-tuttacronaca

Marilia Rodrigues Silva, la 29enne brasiliana trovata morta giovedì scorso nell’ufficio dell’azienda in cui lavorava, “Alpi aviation do Brasil”, a Gambara, nel Bresciano, è stata uccisa. Lo ha stabilito l’autopsia e la notizia è stata confermata in ambienti giudiziari. Gli inquirenti hanno già sentito il fidanzato, i conoscenti e il datore di lavoro della donna, che secondo alcune testimonianze aveva scoperto da poco di essere incinta.

Verso la riapertura delle scuole: gli ispettori “mancanti”

scuola-italiana-crisi-tuttacronacaL’autonomia che, dal 2000, dovrebbe spingere le scuole ad assumersi maggiori responsabilità, costringendole a migliorare la loro offerta per poter essere “competitive” non sembra aver sortito effetti. Anzi. Come denuncia Tuttoscuola, con il riconoscimento della parità alle “non statali” sarebbe dovuto arrivare anche un aumento dei controlli, invece è successo l’opposto: “prima” c’erano in organico 695 “ispettori”, oggi 301, ma solo sulla carta, perchè in realtà, a causa di circa 200 vuoti, sono solo un centinaio: “in intere regioni, con centinaia di istituzioni scolastiche e migliaia di insegnanti, opera a volte un solo ispettore”. Per chiarire le idee: in Gran Bretagna si trova un ispettore ogni 13 scuole, in Francia uno ogni 22, in Lazio un ispettore lo troviamo ogni 2076 istituti. Guardando le altre regioni: ci sono due ispettori a disposizione dell’ufficio scolastico regionale in Piemonte, uno in Liguria, uno nelle Marche, neppure uno in Toscana. La “scusante” potrebbe essere che si possono sempre inviare per un’ispezione dei dirigenti scolastici investiti volta per volta del ruolo, ma ciò non toglie che restano dei buchi. Per cercare una soluzione a questo, inoltre, il tempo si è allungato a dismisura: “Il concorso per reclutare nuovi dirigenti tecnici (con funzioni ispettive) è stato bandito quasi sei anni fa per coprire 144 posti vacanti, ma si è concluso solo nella primavera di quest’anno con circa 70 vincitori, che però non sono stati ancora nominati. Si parla della prossima primavera… E nel frattempo sono diventati vacanti per pensionamento altre decine di posti”. Senza contare che sul concorso sono piovuti i ricorsi per il sospetto che ad aver vinto siano stati “amici degli amici”. Ma il dossier sottolinea anche deficit di qualità ed equità: “come spiegare che a Milano solo un maturando su 381 è valutato meritevole di lode, e a Crotone uno ogni 35?”, senza contare la necessità di una dura lotta all’abbandono scolastico. Il 65% degli italiani tra i 16 e i 65 anni ha livelli di “competenze funzionali effettive” valutate “fragili” o addirittura “debolissime”. Questo in un Paese che fa parte dell’Europa e vorrebbe inserirsi in un contesto mondiale: come competere con i Grandi se questi sono i presupposti?

Denuncia del Verona, on line le foto del pullman distrutto

hellas_verona_twitter_foto_pullman_distrutto-tuttacronaca

Denuncia dura quella della squadra veronese dopo l’incontro di ieri all’Olimpico di Roma. Le foto pubblicate su twitter non lasciano dubbi sul vandalico attacco operato dagli ultrà romanisti subito dopo la partita Roma-Hellas Verona vinta dalla squadra di casa con uno schiacciante 3 a 0. Il danneggiamento del pullman ha costretto così la  squadra di Mandorlini a rinviare il rientro a casa e a rimanere nella Capitale. Il Verona però ha pubblicato le foto.

Un atto violento, compiuto ”da qualche delinquente, il calcio non c’entra”: è il commento del tecnico Andrea Mandorlini, sui sassi lanciati ieri sera a Roma contro il pullman del Verona. ”Poteva davvero finire male – dice -. Soprattutto per il nostro autista”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pericolo guerra mondiale? Il Vaticano lancia l’allarme sull’attacco alla Siria

Siria-tuttacronaca-conflitto-chiesa

Un no deciso all’attacco arriva dal Vaticano che teme l’estensione della guerra ad altri Paesi: “La via di soluzione dei problemi della Siria non può essere l’intervento armato. La violenza non ne verrebbe diminuita. C’è, anzi, il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi. Il conflitto in Siria contiene tutti gli ingredienti per esplodere in una guerra di dimensioni mondiali”, ha detto Mario Toso, del dicastero vaticano Giustizia e Pace. Già questa mattina erano state sollevati molti dubbi, da diversi organi di stampa, circa le prove dell’utilizzo di armi chimiche, esibite dagli Usa, per motivare un possibile attacco alla Siria. 

 

Terremoto nel golfo di Patti e Milazzo, magnitudo 2,1

terremoto-patti-milazzo-tuttacronaca-sisma

La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha localizzato un terremoto di magnitudo 2.1  e di profondità 111 km, avvenuto alle ore 12:03:14 italiane, he ha interessato i Golfi di Patti e di Milazzo. Il terremoto si è verificato in mare e non ci sono stati danni a persone o a cose.

Obiettivo rimettersi in forma… ma con le novità!

palestra-blue-fitness-tuttacronacaSe tra maggio e giugno ci s’inizia a “preoccupare” per la prova costume, quando l’estate finisce è tempo di pensare a rimettersi in forma dopo gli stravizi estivi oppure si cercano valide alternative agli sport all’aria aperta. Ecco allora che in molti iniziano a cercare qualche allenamento nuovo, per non cadere nella routine. Blue Fitness, convention promossa dalla Federazione Italiana Fitness dal 30 agosto al 1 settembre all’Acquafan di Riccione, ha presentato diverse novità. Tra i tanti istruttori, il greco Marios Meletis, il francese Mathias Dauve e il russo Taras Klimov, curatori di masterclass che spaziano dall’aerobica danzata all’esercizio olistico, dalla tonificazione al fit cycle e fit walking. Ma cosa possiamo aspettarci dall’autunno che sta per iniziare? Per chi ama “pedalare” anche in uno spazio chiuso, il Fitcycle è una delle attività più coinvolgenti ed entusiasmanti. Chi è in cerca di un’alternativa allo spinning potrà provare il Real Ryder, che simula una vera corsa su strada. Per gli appassionati del tapis roulant arriva invece il Fitwalk, un metodo rinnovato per l’allenamento sul walking che, con le sue tecniche di camminata e le sue varianti, è una disciplina adatta a tutti, facile, naturale e di grande gradimento nei fitness club. Per dimagrire e tonificarsi ecco l’allenamento metabolico, mix di sequenze cardiovascolari anaerobiche e aerobiche ad alta intensità integrate a fasi di condizionamento muscolare ad elevato consumo energetico. Perchè non provare il One Side Condition? Si tratta di un  allenamento cardio-tone globale composto da un circuito che comprende: sequenze cardiovascolari e di condizionamento muscolare globale caratterizzate da esercizi bilaterali e unilaterali oltre a esercizi simmetrici per gli arti inferiori coordinando movimenti e unilaterali per gli arti superiori. Si effettuano quindi transizioni al suolo che stimolano l’apparato vestibolare e attivano in agilità/stabilizzazione le due grandi catene cinetiche principali anteriore e posteriore. E ancora un set di lavoro con piccoli attrezzi con esercizi bilaterali e unilaterali, sovraccarico asimmetrico, esercizi diversi mantenendo una frequenza cardiaca media utilizzando transizioni semi-pliometriche prevalentemente sul piano frontale. La Flex Core Routine è invece un allenamento a corpo libero caratterizzato da variazioni di frequenza cardiaca. Lo scopo è allungare le principali catene cinetiche attivando costantemente il controllo del Core e della postura. Dimitris Gourgos, uno dei più popolari trainers greci, presenta invece la “rielaborazione” del classico allenamento funzionale: il Funcional Playground è molto più coinvolgente e divertente. Per chi proprio non sopporta allenarsi da solo, invece, arriva il One On One Circuit: un allenamento in coppia che si svolge con l’ausilio di tubi o elastici e a tempo di musica. Si tratta di un allenamento che potenzia la forza ed è molto popolare tra i giocatori di calcio, tennis o anche tra chi pratica atletica e nuoto. Per chi invece desidera risvegliare la memoria corporea, la risposta metabolica dell’organismo, l’equilibrio mente-corpo, la concentrazione e l’ascolto di sé, arriva infine il Natural Body Art che riunisce diverse discipline del mondo orientale e occidentale; dalla più antica arte marziale indiana – il Kalarypaiattu – ai sistemi di allenamento posturali del Gyrotonic e Gyrokinesis; dalla consapevolezza attraverso il movimento del Metodo Feldenkrais, al metodo di allenamento ad alta intensità Hirt. Si esprime attraverso quattro aree: acqua, aria, fuoco e terra.

Ad Ancona uomo s’incatena in Comune: basta vivere nei parchi!

catena-uomo-jesi-comune-ancona-tuttacronaca

Vuole un alloggio popolare, l’uomo di 50 anni che oggi per protesta si è incatenato al Comune di Jesi in provincia di Ancona. Il cittadino italiano, probabilmente travolto dalla crisi, infatti avrebbe trascorso l’ultimo mese e mezzo nei parchi dormendo sulle panchine e in rifugi provvisori, come un clochard. Ora però chiede al Comune una soluzione. Sul posto sono intervenuti i  vigili del fuoco che sono stati costretti a tagliare la catene per liberarlo ed ora è a colloquio con le forze dell’ordine e rappresentanti del Municipio.

 

Identificato il corpo dell’uomo ripescato nel Lago d’Iseo

prima-villa-faccanoni-lago-iseo-tuttacronaca

Oggi è stato ripescato dalle acque del lago d’Iseo, nella zona di Sarnico, in provincia di Bergamo, il corpo di Antonio Rech, 84 anni. L’uomo da oltre 50 anni era il custode e giardiniere della Villa Faccanoni, nelle cui acque ha trovato la morte. La causa del decesso non è ancora chiara e gli investigatori continuano a lavorare.

Il mattatoio umano: a Pordenone uomo vende rene per mantenere la famiglia

vendo-un-rene-disoccupato-tuttacronaca

L’Italia forse sta fuori dal tunnel, gli italiani assolutamente no! L’ultima storia arriva da Pordenone e racconta la drammatica vita quotidiana di una famiglia di cinque persone costrette a vivere con quattrocento euro al mese, stipendio che la moglie riesce faticosamente a portare a casa lavorando per un’impresa che fa le pulizie negli uffici postali. Alessandro era un metalmeccanico manutentore, ma la sua azienda ha chiuso i battenti e lui si è ritrovato senza lavoro.

«È due anni che ho perso il lavoro e dopo aver venduto tutto l’oro e i gioielli di famiglia facciamo fatica a mangiare. Ora è anche finito l’aiuto dei servizi sociali del Comune. Perciò ho deciso di vendere un rene al miglior offerente, solo così posso continuare a sfamare la mia famiglia», così parla Alessandro.

La moglie racconta «da quindici giorni mangiamo bietole e uova solo grazie a qualche vicino che ha le galline e che ci dà una mano».

L’altro giorno è arrivata anche la lettera del Comune dove si dice che il figlio piccolo non può usufruire dello scuolabus perché non sono stati pagati i 52 euro della retta dell’anno scorso.

Il video della tragedia sfiorata: frana in strada!

frana-strada-taiwan-tuttacronacaTragedia sfiorata a Keelung, in Taiwan. Come si può vedere nel video, una frana sembra “lanciare” dei detriti in strada ma, nonostante questo, le auto continuano a circolare. Almeno fino a quando un enorme masso non si stacca dalla parete e finisce la sua corsa sull’asfalto, vicinissimo a una vettura in transito. Una fortuna immensa che non ci siano state vittime!

Capalbio, no al campo da golf… inquina.

campo-golf-capalbio-tuttacronaca

Sulle pagine del Corriere della Sera si legge dell’ennesima scelta turistica,  che secondo alcuni, sarebbe quanto di più dannoso per la località turistica di Capalbio (Grosseto). una storia di vip e di ambientalismo che vede al centro un campo da golf.

“Orribili succhia acqua che deturperanno uno dei paesaggi e degli ambienti più belli, delicati e complessi dell’interno collinare della Maremma”,

I comitati che hanno presentato un esposto contro il progetto, che:

“prevede di realizzare nella zona collinare del Lago Acquato. È un posto magico perché il lago affiora e scompare rientrando in falda secondo le precipitazioni e il paesaggio che lo adorna è una delle cartoline della Maremma: da vigneti doc, oliveti, boschi, aziende agricole.

In questo piccolo Eden, nell’ex podere della Porcareccia, si vuole costruire un agri-albergo, di 22 ettari, ovvero circa la metà, dei 52,3 ettari acquistati dalla società G & T per il progetto. «In esso sono presenti pochi ruderi di fabbricati rurali di modestissima entità – spiegano i comitati – e, quale attività agricola, soltanto una piccola vigna verso l’alto. Tutto il resto è intatto e non modificato dall’uomo, cioè rappresenta ancora una Maremma antica, selvaggia».

Sempre secondo le informazione dei comitati, su questi ettari sorgerebbe un complesso edilizio di forma «stellare», «che nulla a che fare con l’architettura tradizionale della zona e che impatta violentemente con il contesto ambientale e paesaggistico tradizionale con 6.000 metri cubi di costruzioni (corrispondenti a circa 2.000 metri quadrati di superficie edificata). Progetto che non dialoga minimamente con la trama paesaggistica, naturalistica e agraria»”.

Oltre le preoccupazioni estetiche, ci sono quelle ambientali, come spiega al Corriere Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la Bellezza:

“«Il “green” dei golf richiede, per essere mantenuto – spiega Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la Bellezza -, una quantità d’acqua molto ingente difficile da reperire nella siccitosa Maremma e, insieme, un costante trattamento chimico a base di erbicidi e pesticidi che dal prato penetrano poi in falda e che hanno suscitato proteste diffuse in tutto il mondo». Un golf di 18 buche consuma 1.600-2.000 metri cubi d’acqua al giorno, l’equivalente dei consumi giornalieri di un comune fra i 6.000 e gli 8.000 abitanti. Un golf da 9 buche dovrebbe consumarne la metà, fra gli 800 e i 1.000 metri cubi al giorno, pari all’80-85 per cento dei consumi idrici di Capalbio”.

Italiani che trovano il successo all’estero: il caso del marchio Kinabuti

kinabuti-moda-italia-tuttacronacaCaterina Bortolussi e Francesca Rosset, entrambe poco più che trentenni, sono arrivate in Nigeria alcuni anni fa e proprio nella capitale del Paese, Lagos, hanno creato il loro marchio di abbigliamento: Kinabuti. Come loro spiegano: “pensiamo di essere al posto giusto nel momento giusto”. La società risponde alla domanda di prodotti di “lusso” che sta sorgendo in alcune fasce di una popolazione che sta vivendo una progressiva crescita del benessere: la Nigeria è infatti uno dei paesi africani più ricchi di petrolio e il suo Pil aumenta al ritmo del 7-8% annuo. Qui ci si rivolge non solo ai prodotti importati dall’estero, ma anche a quelli realizzati in loro, che consentono di rispondere in modo più rapido ed efficace alle richieste della clientela valorizzando contemporaneamente le capacità artigianali del territorio. Si creano inoltre nuovi posti di lavoro e infatti l’azienda delle due italiane ha finanziato un programma di formazione che si rivolge a giovani donne che vivono nelle aree più degradate del paese.

Da qui sono uscite 21 ragazze che ora, a un anno e mezzo dall’avvio del progetto, lavorano stabilmente come modelle professioniste: le loro storie sono state raccontate dal regista svedese Marcus Wemer Hed nel docu-film “In our ghetto”.

15 donne della comunità di Rumolumeni, nel delta del Niger, stanno inoltre seguendo un corso di cucito e confezione per imparare a tagliare e cucire gli abiti secondo i canoni internazionali. Caterina racconta: “Ci sono i talenti, la voglia di fare ma non le competenze. Mancano le scuole di formazione, un sistema distributivo definito e una supply chain sicura”. E poi ci sono i problemi logistici, tipici di un paese in via di sviluppo (“le strade non funzionano, manca l’elettricità”).

Anche per questo i quantitativi prodotti attualmente da Kinabuti sono ancora limitati, ma – promettono le due socie – “non appena riusciamo ad aumentare la produzione, puntiamo ad esportare i nostri abiti anche in altri paesi”.

Pompei, corpo carbonizzato in auto.

incendio-auto-fiamme-cadavere-carbonizzato-pompei-tuttacronaca

Il corpo di un uomo carbonizzato è stato trovato questa mattina a Pompei, in provincia di Napoli, all’interno di una vettura data alle fiamme. L’auto era in un’area privata di via Mariconda, utilizzata come parcheggio. Il cadavere non è stato ancora identificato. L’allarme è stato dato da un passante il quale si è accorto che una delle vetture parcheggiate, una Renault Scenic, era avvolta dalle fiamme. Quando i vigili del fuoco sono giunti sul posto per spegnere il rogo, si sono accorti che nell’auto c’era una persona, ormai carbonizzata. Sull’accaduto sta indagando la Polizia di Pompei.

Gli assenteisti italiani ora hanno un nemico virtuale: il web!

assenteisti-tuttacronaca

L’ultimo scandalo era stato a luglio dove 14 persone, di cui 11 dipendenti del Comune di Napoli, erano stati arrestati con l’accusa di assenteismo, e si erano anche accesi i riflettori su altri 25 dipendenti. Oggi, come riporta Il Mattino, documentandolo con un video “un uomo estrae il portafoglio, recupera il badge e fa la sua strisciata magnetica. Finita? Al lavoro? Niente affatto. C’è ancora da smanettare per una buona manciata di secondi, con una serie di giravolte lì davanti alla macchinetta segnatempo, dove qualche giorno prima era stata fissata una telecamera nascosta.”

Da un po’ di tempo facendo un giro in rete si può notare come ci siano molti video che ritraggono i dipendenti che timbrano i cartellini di altri colleghi, sembra quasi che ora gli assenteisti italiani hanno un nuovo nemico, ma stavolta è virtuale!

Solo per citare alcuni esempi.

Comune di Pedace, nella presila cosentina:

Comune di Reggio Calabria:

Il servizio di Striscia la Notizia

Sepolto vivo dopo aver commesso uno stupro: interviene la polizia

sepolto-vivo-ipanema-tuttacronacaAveva stuprato una vicina di casa l’uomo che ha rischiato di venire sepolto vivo nella spiaggia di Ipanema, a Rio de Janeiro in Brasile, per opera del fratello della vittima e due suoi amici. I tre giovani, due dei quali minorenni, avevano già scavato una fossa in spiaggia, dentro cui stavano per gettare lo stupratore dopo avergli infilato un sacchetto di plastica in testa, quando sono stati sorpresi dalla polizia. Ora si trovano tutti e quattro in carcere: i ragazzi con l’accusa di tentato omicidio, l’uomo per stupro.

Emergenza Grecia: 1 milione lavorano senza stipendio.

greci senza stipendio-tuttacronaca

Emergenza in Grecia per quel milione di cittadini costretti a lavorare senza stipendio per non perdere il posto di lavoro. Questo è l’ennesimo dramma che si sta vivendo nella nazione ellenica a seguito della crisi economica che ha portato il Paese a far registrare un picco record del 27,6% di disoccupati nel mese di maggio. A rivelare la tragica novità è stato   l’Ispettorato del lavoro dell’Ika (il maggiore istituto di previdenza sociale greco), secondo cui nel settore privato, su un totale di 1.800.000 dipendenti, solo 700mila ricevono lo stipendio, pur ridotto. Gli altri lavorano solo per non perdere il posto nella speranza poi di ricominciare a guadagnare se ci dovesse essere una ripresa.

Ika non precisa però se le aziende ritardano solo i pagamenti o invece non si sta affatto pagando il lavoratore. I ritardi nel pagamento degli stipendi vanno da un minimo di tre ad un massimo di 12 mesi, ma ci sono anche lavoratori che ormai temono di non essere mai più pagati e che il governo non farà nulla per difendere i loro diritti.

Dai dati dell’Ika risulta inoltre che quest’anno un milione di lavoratori greci si sono visti rifiutare dalle aziende il pagamento delle ferie e che, nonostante le norme in vigore e le multe che ogni tanto vengono inflitte ai datori di lavoro disonesti, i reclami da parte dei dipendenti sono piuttosto rari perché temono di essere licenziati e perché alle compagnie costa molto meno pagare le multe che gli stipendi degli impiegati.

Rapina che finisce in rissa alla stazione Trastevere di Roma

stazione-trastevere-roma-scippo-tuttacronaca

Era domenica sera quando tre uomini hanno avvicinato una ragazza di 21 anni a Piazzale Flavio Biondo, davanti alla stazione di Trastevere a Roma. I tre le hanno puntato un coltello e l’hanno minacciata, ma la ragazza è riuscita comunque a far resistenza e a fuggire dopo aver ricevuto alcuni calci e pugni. La 21enne poi terrorizzata ha chiamato il 112 ed è stata raggiunta da una pattuglia dei carabinieri. La ragazza è riuscita anche a fornire una  descrizione dei suoi aggressori ai militari che hanno intercettato e arrestato i tre con l’accusa di tentata rapina aggravata. Si tratta di un 21enne polacco e di due 32enni romani, già noti alle forze dell’ordine. Lo straniero è stato anche denunciato a piede libero per porto di strumento atto ad offendere poiché trovato in possesso di un cacciavite e del coltello. Gli arrestati saranno processati con il rito per direttissima. La ragazza, invece, è stata medicata presso l’ospedale San Camillo per una ferita al braccio e se la caverà in 5 giorni.

Avenues2

Just another WordPress.com weblog

Dear Sis

Bring Me Food!

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

Francesca Morgera

www.francescamorgera.it

max lucien

il linguaggio della passione

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

Pensare amare costruire

"Non si vive se non il tempo che si ama"

sanilaine

Its my Life

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.186 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: