“Harry Potter” condannato a 4 anni e mezzo di carcere

ryan walker-tuttacronaca

Da vittima a carnefice questa l’evoluzione di Ryan Walker, un 19enne che spesso veniva preso di mira per quegli occhiali spessi e i capelli pettinati da bravo ragazzo. “Harry Potter” lo chiamavano a scuola, fin quando il ragazzosi accanito contro due ragazzine, Emma Keeble, 15 anni, e Leah Pearce, 16 anni, con un coltello in mano e le ha aggredite sfigurandole in volto. Poi ancora furioso ha preso la testa delle due teenagers e l’ha sbattuta ripetutamente contro un calcello urlando “Morite, dovete morire”. Walker poi è stato fermato dalla polizia e ha definito il suo comportamento mostruoso. Nonostante la provocazione delle ragazzine, il giudice ha condannato “Harry Potter” a 4 anni e mezzo di carcere.

Attento automobilista: chiunque ti spia… e ti fa arrivare la multa!

semaforo-1-rosso-tuttacronacaRaffaele Clemente, nuovo comandante dei vigili di Roma, qualche mese fa ha lanciato una particolare iniziativa: si è appellato ai cittadini affinchè segnalassero via Twitter la presenza di auto in doppia fila. Ora i privati cittadini possono spingersi oltre e segnalare alla polizia municipale il fatto che un automobilista sia passato con il rosso. E’ quanto accaduto a una persona che il 5 febbraio ha ricevuto un verbale di multa da 175,88 euro e 6 punti in meno sulla patente per essere passato col rosso. Lo spiega il Messaggero:

Nel verbale di accertamento arrivato all’automobilista è spiegato infatti che «in seguito a dichiarazione rilasciata il 10 dicembre 2013, alle ore 9.35, presso la sede del III gruppo Nomentano dal signor X (il nome è oscurato per motivi di privacy), è emerso che in data 9 dicembre 2013, alle ore 15.15, in via Talli il conducente del veicolo suindicato (una Renault Megan) oltrepassava l’attraversamento pedonale, regolamentato da semaforo, benché l’impianto emettesse luce rossa»”.

Il legale dell’automobilista multato, Paolo Franzì, annuncia che presenterà ricorso:

«Un’assurdità. Qui viene contestato il passaggio con il rosso sulla base di una dichiarazione fatta da un privato cittadino. E non da un pubblico ufficiale. E’ facilmente immaginabile cosa potrebbe succedere se una simile prassi dovesse prendere piede. Basterebbe un piccolo sgarbo del vicino perché si venga multati».

Per Raffaele Clemente la vicenda non ha nulla di assurdo:

«Non c’è nulla di incredibile. L’agente ha emesso il verbale in base all’art. 13 della legge 689/81 e dopo aver verificato le dichiarazioni del denunciante acquisendo anche testimonianze e prove documentali sul posto». L’articolo recita: gli organi addetti al controllo sull’osservanza delle disposizioni per la cui violazione è prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro possono, per l’accertamento delle violazioni di rispettiva competenza, assumere informazioni e procedere a ispezioni di cose e di luoghi diversi dalla privata dimora, a rilievi segnaletici, descrittivi e fotografici e ad ogni altra operazione tecnica.

Confessa il tradimento dopo essere rimasta incinta… ma il referto era sbagliato!

test-gravidanza-tuttacronacaUna donna di Modena si è vista costretta a confessare al fidanzato, che non poteva avere figli, di avere un amante. Questo perchè il suo referto medico, dopo essersi sottoposta a degli esami clinici per un malessere, spiegava che era al terzo mese di gravidanza. Il fidanzato di Gianna non l’ha presa bene: ha distrutto il salotto, preso le sue cose ed è andato via. Ma in seguito lei ha fatto una nuova ecografia che ha svelato la verità: non era incinta. E non lo era mai stata: nessun aborto, un semplice errore medico che le era costato una relazione. E così Gianna ha fatto causa e ha inoltrato una immediata richiesta di danni al Centro medico, che si è conclusa con un risarcimento di 15mila euro. L’avvocato Matteo Mion, suo difensore, ha spiegato: “Ci siamo messi d’accordo subito senza ricorrere al tribunale per l’evidenza dei fatti”.

Forte scossa di terremoto in Cina: magnitudo 6.8

terremoto-cina-tuttacronacaE’ stato l’istituto americano di geofisica Usgs a registrara la forte scossa di terremoto di magnitudo 6.8 che si è verificata oggi nella regione del Xinjiang, nel nord ovest della Cina. L’evento si è verificato alle ore 8 ora locale e ha avuto ipocentro a 12,5 chilometri di profondità ed epicentro a 269 km da Hotan, 493 da Leh e 903 km da Islamabad, in Pakistan.

Muore “la nota anticonformista”… Addio a Freak!

antoni-freak-skiantos-bologna-tuttacronaca

Non è facile parlare di Roberto Antoni, non lo sarebbe in nessun periodo, ma nei tempi bui della politica italiana, del bullismo fra i giovani che sembra essere pericolosamente in aumento e nella mancanza di speranza che si respira in questi anni, dove la disperazione arriva via mare con migliaia di migranti ceh cercano una via di fuga dai loro paesi dilaniati da guerre e da povertà, lo è ancora di più. Perché Roberto “Freak” Antoni, leader storico degli Skiantos, che avrebbe compiuto 60 anni il prossimo 16 aprile era un provocatore che ha sempre, con ironia e consapevolezza, fatto emergere i mali del nostro Paese. Lui, eccessivo ed eccentrico, non ha mai nascosto la rabbia per l’Italia, che davvero sarebbe potuto essere un paradiso di cultura, arte e turismo e invece è diventato solo terra di conquista di grandi gruppi economici. Già 20 anni fa Freak gridava “Brucia le banche, bruciane tante”. Ma d’altra parte era la giusta evoluzione di chi, in un concerto rimasto nella storia al PalaDozza nel ’79 era salito sul palco insieme agli altri componenti degli Skiantos e senza neppure che si sentisse una nota in sala iniziarono a cucinare spaghetti, mentre gli spettatori, infuriati, gli lanciavano di tutto, Freak Antoni rispondeva con l’ormai celebre frase: “Questa è avanguardia, pubblico di m***a”.

Ci lascia quindi un intellettuale sui generis che un anno fa scherza con il suo male affermando “Se non altro la malattia mi ha fatto smettere con la droga”. Ma chi pensa che Freak sia stato un leader di una band demenziale, sbaglia perché in ogni atto “demenziale” degli Skiantos vi era una profonda denuncia e un messaggio da cogliere.

E Freak Antoni ne era il bardo e cantore, un simbolo del rock italiano, ma che ha sempre conservato la convinzione di meritare di più di quel che poi il mercato discografico ha riservato a questi “35 anni di grandi insuccessi”, come li definiva lui. “Di questi anni ricordo grande sbattimento, la voglia di pretendere più considerazione da pubblico e critica, e una grande fatica per nuotare controcorrente”, confidava dopo il suo ultimo concerto con la band, a maggio 2012 a Bologna. Da quel giorno Freak aveva iniziato una nuova sfida musicale, un progetto solista assieme alla pianista Alessandra Mostacci.

Ma Antoni non si limitò alla musica o al teatro, si immerse anche nella scrittura con nove libri, tra cui il suo manifesto “Non c’è gusto in Italia ad essere intelligenti”. Approdò anche al cinema con  la partecipazione a film, come “Paz!” e “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” fino a diventare un fumetto, “Freak”. Bologna oggi perde un grande interprete, ma soprattutto una persona che ha sempre avuto un’onesta intellettuale e ha pagato sempre sulla sua pelle le sue scelte estreme, lanciando messaggi che oggi potrebbero essere state profezie.

Il padre che ha ucciso i due figli: “Temeva di non poter dar loro il necessario”

michele-graziano-tuttacronacaLa Brianza è sotto shock dopo che ieri sera il 37enne Michele Graziano ha sgozzato i suoi figlioletti, Thomas ed Elena, di due e otto anni per poi tentare il suicidio. Il suo avvocato prova a giustificarlo spiegando: “temeva di non poter dare ai propri figli quello di cui avevano bisogno”. Solo recentemente l’uomo aveva ripreso a vedere i figli avuti da due donne diverse e, dopo la fine delle relazioni, viveva solo. Un lavoro come cassiere allEsselunga di Lissone (Monza e Brianza), l’ultima relazione finita poco prima di Natale con la donna da cui aveva avuto Thomas, Valentina Neri, 23 anni appena. L’uomo non avrebbe neanche dovuto trovarsi in compagnia dei piccoli: i giorni per stare con Thomas erano il mercoledì e il sabato ma aveva chiamato la ex moglie e le aveva chiesto di fare uno strappo alla regola. In seguito ha portato i bimbi nella sua dismessa abitazione sopra un wine bar dove, spiega La Stampa, non c’era nemmeno la corrente elettrica. Lì ha preso un coltello da salumi, con una lama di 10 centimetri, e li ha sgozzati, con un solo fendente alla gola. Poi ha cercato di fare lo stesso su di sé, puntando il coltello al suo collo, ma non c’è riuscito. Ha chiamato il fratello, che ha dato l’allarme. Ora Graziano è piantonato all’ospedale San Gerardo di Monza, accusato di duplice omicidio. Il suo legale, che ne aveva seguito la causa di separazione, ha commentato: “Si era separato poco prima di Natale senza grandi traumi, se non le classiche problematiche che si creano tra marito e moglie in fase di separazione”. “Era preoccupato di non poter dare ai figli tutto il necessario, faticava a pagare gli alimenti, ma nulla di più”. Ma le parole dell’ex suocero mostrano un’immagine diversa: “Cosa diavolo aspettano a intervenire? Cosa doveva ancora sopportare mia figlia? Perché non lo hanno fermato prima? Quello prima o poi avrebbe fatto un macello. Ora spero che lo arrestino e marcisca in galera. Perché se così non fosse, giuro che lo ammazzo con queste stesse mie mani”.

Dalla paura al terrore: Schumacher ha contratto un’infezione polmonare

schumacher-infezione-polmonare-tuttacronaca

Dal tabloid tedesco Bild arriba una nuova preoccupazione per Michael Schumacher: il pilota tedesco avrebbe contratto un’infezione polmonare durante il coma. Il giornale di Axel Springer cita sue informazioni secondo le quali il campione di Formula Uno avrebbe contratto un’infezione polmonare in seguito al risveglio artificiale dal coma. I medici lo starebbero trattando con forti antibiotici. La manager di Schumacher, Sabine Kehm, risponde a Bild: «non commentiamo speculazioni»

Letta resisterà… o emigrerà verso Bruxelles?

Enrico-Letta-staffetta-tuttacronacaLetta sempre più solo. E’ questa la situazione in cui si trova il presidente del Consiglio che nella mattinata di oggi, alle 11, s’incontrerà con il segretario del Pd Matteo Renzi. Dopo che dal Colle fanno sapere che la situazione va chiarita innanzitutto in casa del partito democratico, vede attorno a sè spalle che si voltano. Andrea Romano, capogruppo alla Camera di Scelta civica, partito senza il quale il governo non ha maggioranza al Senato, dice: “Letta è uno di grande esperienza e sensibilità istituzionale. E sono sicuro che lui per primo comprenda l’esigenza di voltare pagina davvero, arrivando a un governo che sia guidato da un’altra personalità”. E nel frattempo, mentre il premier parla con Alfano, il vicepresidente di Ncd, come spiega l’Huffington Post, ha già iniziato la trattativa sul governo Renzi, trattativa già in fase avanzata perché si è parlato di nomi.

Con Angelino che avrebbe “chiuso” su due ministri suoi all’interno della compagine governativa, su un totale di dodici ministri. I due, Angelino e Matteo, nei giorni scorsi si sono incontrati per un’ora e mezza. È stata l’occasione in cui Alfano ha dato il via libera al nuovo governo Renzi, purché “venga tutelato Enrico”. È proprio attorno a questo punto che ruota l’ultima trattativa, la tutela di Letta. Nei panni del mediatore il vicepremier sta provando a convincere “l’amico Enrico” che la resistenza a oltranza potrebbe essere controproducente. Meglio negoziare una via d’uscita, con l’appoggio di Renzi e Napolitano. Perché se uno si schianta contro un muro, dopo non c’è niente. E in queste condizioni Letta rischia concretamente il muro. Perché gli alleati non ci sono più. Pure il capo dello Stato si è posto su una posizione di equidistanza dai duellanti: “Il problema – è la linea del Colle – è del Pd che deve indicare il premier e dare garanzie sulle riforme”. E su queste basi la direzione di giovedì rischia di diventare un Vietnam per Letta. In un processo da parte del suo partito che invoca la discontinuità dopo i risultati deludenti della sua esperienza di governo.

Proprio Alfano suggerisce che si trovi una decorosa strategia di uscita mentre presenta una timida difesa del premier: “Ho sentito Letta e gli ho detto che siamo pronti ad andare avanti. Ma se il Pd non dà una appassionata e sincera disponibilità a rilanciare l’azione del governo, allora si complica la situazione”. È come dire che quando si porrà all’ordine del giorno “in chiaro” la questione del governo Renzi allora la situazione troverà una sua nuova linearità. Insomma, nessuno dice più “o Letta o morte”. Ma lo stesso Letta non ha intenzione di cedere e chiede ai suoi di resistere. Solo che sono proprio i suoi i primi a ammettere che in queste condizioni è difficile resistere, soprattutto quando nella direzione del Pd dove Letta non ha i numeri sarà chiesto al segretario di “aprire una fase nuova archiviando questo governo”. Ma, spiega ancora l’Huffington:

Proprio la posizione apparentemente dura del premier, il “non mollo” appare più un modo di tenere aperta una trattativa con Renzi e Quirinale che una effettiva dichiarazione di guerra. Nel Palazzo circolano più ipotesi dalla Farnesina a Bruxelles come decorose way out del premier. Difficile, per come si è messa la situazione, che Enrico Letta possa entrare a far parte di un governo Renzi. Più probabile che sarebbe interessato a un incarico europeo. Raccontano i ben informati che è sin dal suo viaggio a Bruxelles ha “esplorato” la via europea. Solo che servirebbero garanzie piene di Napolitano e dello stesso Renzi sull’incarico di commissario europeo, posto che non sarà più di Tajani. Non è escluso che possa essere proprio questo il tema di un incontro di domani tra il premier e il segretario. Chissà. In casa Pd in molti sono convinti che, alla fine, sarà costretto a mollare.

Scatenatissima Jennifer: la Lopez e il video dell’inno dei Mondiali

jlo-inno-mondiali-tuttacronacaS’intitola We Are One la canzone scelta come inno dei Mondiali di Brasile 2014, per la quale Jennifer Lopez ha girato il video a Fort Lauderdale, città della Florida, sede della festa di primavera. Accanto a J. Lo, che indossa coloratissimi mini short e calze a rete, il rapper Pitbull e la cantante brasiliana Claudia Leite. Se per lo Spring Break non ci sono carri allegorici, anche a Fort Lauderdale la gente non manca: nella pausa primaverile, infatti, una fiumana di gente si riversa sulle spiagge e per le strade, con molti pochi vestiti addosso e molto alcol in corpo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ancora un’evasione! Due carcerati in fuga da Rebibbia

evasione-tuttacronacaSi chiamano Giampiero Cuttini e Sergio Di Palo, rispettivamente di 41 e 35 anni, i due carcarati evasi intorno alla mezzanotte della scorsa dal carcere di Rebibbia, a Roma. I due hanno segato le sbarre di protezione in cortile con una lima e, aiutandosi con lenzuola annodate tra loro, si sono calati dal muro di cinta. In cerca di indizi utili alla loro cattura, gli investigatori si sono recati dalle famiglie dei due, a Primavalle e a Tor Bella Monaca. Stando a quanto riporta il Messaggero i due, una volta superato il muro di cinta, si sono ritrovati nel parcheggio riservato agli agenti della polizia penitenziaria e, da lì, hanno imboccato via Tiburtina, la lunga direttrice che collega la centrale stazione Termini al Grande raccordo anulare. Non è ancora noto se dei complici fossero in loro attesa ed è difficile accertare la direzione che hanno preso. Per questo sono stati allestiti posti di blocco in tutta la Capitale e presso gli accessi del Gra. Al momento, però, Giampiero Cuttini e Sergio Di Palo, che erano in carcere per rapina a mano armata, sono riusciti a far perdere le proprie tracce.

Affare in vista per la Juventus?

giovinco-tuttacronacaC’è stato solo un periodo nel quale Giovinco ha avuto un posto stabile nelle formazioni di Conte, e risale all’inizio della seconda stagione del tecnico in bianconero. Da allora, la fiducia conquistata è andata via via scemando. La Formica Atomica era costata al club 6/7 milioni mentre oggi il suo cartellino non supera i 4. Rapido calcolo: la sua eventuale cessione potrebbe far recuperare i soldi spesi. Di fatto, con 9 milioni di euro Giovinco sarebbe nuovamente ripagato in casa bianconera e c’è chi già riflette in questi termini. Si tratta del Parma, che rivuole il suo ex attaccante soprattutto dopo lo spauracchio dei mesi scorsi quando si temeva di perdere Cassano. Pietro Leonardi non nasconde il ritorno di fiamma per il fantasista di Beinasco, mai utilizzato nel ruolo specifico da Conte. Stando a quanto riporta Calcioblog, gli scudocrociati avrebbero difatti in mente un’offerta da 8 milioni più metà del cartellino del giovane centravanti Cerri, da tempo nei radar di Fabio Paratici. Ovviamente si tratterebbe di un pagamento in almeno due tranche col patto di tenere in Emilia ancora per una stagione l’attaccante che fece vincere il titolo nazionale Allievi alla squadra di Lucarelli meno di un anno fa. Insomma, quasi 10 milioni mal contati. Con un investimento futuribile dentro. Come piace a questa gestione della Juventus. E con Giovinco che tornerebbe là dove ha saputo esprimersi ad alti livelli.

I primati di Sochi: record di preservativi distribuiti!

sochi-preservativi-tuttacronacaE’ stato battuto un primato davvero originale alle Olimpiadi Invernali di Sochi, almeno stando a quanto riporta il quotidiano Izvestia, che spiega che i 3mila atleti che prendono parte ai Giochi hanno ricevuto in totale circa 100mila preservativi: in media, circa 35 a testa. A Londra, nel 2012, erano stati circa 150mila: ma il numero di partecipanti era molto più alto (oltre 10mila), dunque nel rapporto il primato va alle Olimpiadi russe. E’ stata l’Aids healthcare foundation, Ahf, a organizzare una simile iniziativa, sotto il marchio ‘Love Condom’. In un primo momento la fondazione aveva pensato di regalarli anche ai 25mila volontari che lavorano a Sochi, ma il comitato organizzatore ha posto il veto. “Alle reception degli alberghi – hanno scherzato alcuni atleti -, non ci offrono caramelle ma preservativi”: un altro singolare primato per le Olimpiadi in Russia.

La lite di coppia che finisce nel sangue: accoltellata una donna a Milano

femminicidio-tuttacronacaOmicidio a Milano dove, al culmine di una lite di coppia, un egiziano di 44 anni ha ucciso, accoltellandola nell’appartamento dove viveva, una 48enne ecuadoriana con cittadinanza italiana. Il 118 è intervenuto sul posto ma non ha potuto salvare la donna, che è morta a causa delle gravi e numerose ferite. Per il suo omicidio è stato fermato il compagno, che all’arrivo della polizia si trovava ancora nell’appartamento di piazzale Accursio.

Ban Ki-moon sui marò: “No al coinvolgimento delle Nazioni Unite”

human-rights-maro-tuttacronacaE’ stata segnalata all’Onu, dal governo italiano, la “violazione dei diritti umani” nella vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò italiani detenuti in India. Emma Bonino, ministro degli Esteri, ha infatti spiegato di aver “avviato un contatto” con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite in tal senso. Qeusto perchè, dopo due anni, “manca un capo di imputazione” da parte dell’India. La riposta dell’Onu: “Questione bilaterale, meglio evitare un nostro coinvolgimento”. Da parte sua, l’alto commissario “Ashton ha chiarito agli altri stati membri che l’utilizzo della legge antipirateria nei confronti dei marò da parte dell’India mette in discussione l’intero impianto dello sforzo antipirateria da parte dei 28 PAesi dell’Ue e non solo di loro”. Il ministro Bonino ha aggiunto: “Dai 28 abbiamo avuto reazioni positive ai nostri sforzi e questo mette in discussione la partecipazione all’intero sforzo antipirateria sulla base delle decisioni dell’Onu e dell’Ue”. Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri del Senato, ha affermato: “Altro che Consiglio di sicurezza dell’Onu. L’India dimostra di essere un Paese veramente incivile”. E ha aggiunto: “La comunità internazionale ci deve dare una mano perché imputare di terrorismo coloro che lottano in nome della comunità internazionale contro il terrorismo è un’infamia”. E ancora: “Approveremo il decreto missioni ma stiamo valutando di presentare un ordine del giorno sulla lotta alla pirateria perche’ essere impegnati in questa lotta ed avere i nostri militari imputati di essere pirati è paradossale. Il governo deve intensificare ed internazionalizzare la questione”. Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha però gelato le speranze italiane di coinvolgere il Palazzo di Vetro: “E’ meglio che la questione venga affrontata bilateralmente piuttosto che con il coinvolgimento delle Nazioni Unite”.

Libertà di stampa: l’Italia migliora la sua posizione

libertà-stampa-tuttacronaca“Reporter senza frontiere” ha presentato a Parigi l’indice 2014 della libertà di stampa, classifica che comprende 180 Paesi e che vede l’Italia piazzarsi in 49esima posizione. Il Belpaese è progredito di 9 punti rispetto all’anno 2013, uscendo da una spirale negativa. Torniamo così tra i Paesi con una situazione “piuttosto buona” mentre in coda alla stessa classifica si trovano Siria, Turkmenistan, Corea Nord e Eritrea, che si aggiudica la maglia nera. Male molti Stati africani.

Grave un bimbo di 23 mesi: è precipitato da un balcone

bimbo-caduto-tuttacronacaSi trova nel Policlinico di Messina, ricoverato nel reparto di Rianimazione pediatrica, un bimbo di soli 23 mesi che versa in gravi condizioni dopo essere precipitato dal balcone di casa, al primo piano di un palazzo di Messina. Da quanto riportato, sembra che il piccolo, il più giovane di quattro fratelli, dopo aver eluso l’attenzione della madre, forse utilizzando dei vasi in balcone, si sia sporto precipitando poi nel vuoto e piombando sull’asfalto. Il fatto è accaduto nella giornata di martedì 11 febbraio.

“Il gatto non offre servigi. …

gatto-tuttacronaca… Il gatto offre se stesso. Naturalmente vuole cura e un tetto. Non si compra l’amore con niente.”

-William Burroughs- (Il gatto in noi, 1986)

Clamorosa ipotesi di mercato per il Milan!

milan-calciomercato-tuttacronacaClamorosa ipotesi che arriva dall’Inghilterra: per rinforzare l’attacco, il Milan starebbe monitorando Robin Vand Persie. Il centravanti olandese, infatti, dopo una stagione difficile per il Machester United, potrebbe desiderare di cambiare aria. Il Milan, tuttavia, potrebbe trovarsi a fare i conti con la Juventus, che a sua volta ha notato il giocatore. La trattativa sarebbe comunque difficile perchè il  Manchester United non farà sconti sul cartellino ed il Milan non disputerà la prossima Champions League.  Inoltre Van Persie percepisce attualmente un lauto stipendio che “sfora” il tetto imposto dal club di via Aldo Rossi.

Buone notizie in casa bianconera: la Juve scopre un tesoretto!

immobile-ciro-tuttacronacaTra i migliori cannonieri della Serie A, impossibile non citare anche Ciro Immobile, attaccante napoletano che è in comproprietà tra Torino e Juventus. La squadra di Conte, tuttavia, si trova in rosa giocatori come Llorente, Osvaldo e Tevez, difficile perciò che decida di puntare su di lui. In compenso, però, il giocatore può portare soldi in cassa. Ad ogni gol di Immobile, intanto, il prezzo del suo cartellino aumenta e, ora come ora, può valere anche sui 10 milioni di euro. A questo punto i bianconeri potrebbero cedere la loro metà al Toro, naturalmente per molti più soldi rispetto a quelli spesi dai granata la scorsa estate, ovvero 2,5 milioni di euro per la metà. E la Juve scopre un tesoretto…

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: