I colori, come i lineamenti…

emozioni-tuttacronaca…seguono i cambiamenti delle emozioni.

– Pablo Picasso –

Raoul Bova divorzia? Sì, no, forse.

raul-bova_tuttacronaca

Giallo dopo giallo. Prima la malattia, il ricovero, la smentita, la conferma, intanto da appendicite si passa a febbre alta. Poi oggi un nuovo mistero. Durante una puntata di Mattino 5 è stato lanciato un servizio che aveva come tema le coppie vip che sono scoppiate, stanno scoppiando, scoppieranno a breve. Niente di più succoso per il pubblico attento a questo tipo di notizie. Nella lista di coppie compare anche – ed è questo a dare sorpresa – anche Raoul Bova e la moglie che, non solo non andrebbero più d’accordo, ma starebbero già per concludere il divorzio. Ma la cosa più divertente – proprio perché si tratta di gossip e di null’altro – è stata la reazione della conduttrice Federica Panicucci la quale, non riuscendo a trattenere la sorpresa, ha dichiarato in diretta di dissociarsi da quella notizia, perché lei, la Panicucci, non ne era assolutamente al corrente. Dopodiché la Panicucci avrebbe cercato nuove informazioni dalla massima esperta di gossip, Silvana Giacobini, la quale, pur mostrandosi preoccupata per la situazione che corre tra Raoul Bova e la moglie, ha ribadito di non essere a conoscenza di eventuali richieste di divorzio. Probabilmente solo un errore dalla regia, ma in questi casi, purtroppo, il gossip vola.

Crolla un’ala dell’ospedale di Fabriano, tragedia sfiorata

fabriano-tuttacronaca

Sfiorata la tragedia oggi all’Engles Profili, l’ospedale di Fabriano dove è crollato una parte del pavimento (circa due metri quadri) in un’ala dell’edificio. La stanza dove è avvenuto il crollo è di solito usata dagli infermieri del laboratorio d’analisi come spogliatoio. Fortunatamente non ci sono stati feriti, gli ultimi infermieri erano usciti appena una decina di minuti prima. La palazzina è composta da un piano terra con tetto a volta. E un primo piano concesso in uso all’ospedale e utilizzato come spogliatoio. Proprio una volta ha ceduto di schianto, determinando il crollo del pavimento del primo piano.

 

Festeggiano gli uomini di Benitez: 2-0 contro l’Atalanta

napoli-atalanta-tuttacronacaL’Atalanta sfida il Napoli al San Paolo in questo anticipo serale della terza giornata di campionato. In campo, per il Napoli, scendono Reina; Mesto, Albiol, Cannavaro, Armero; Dzemaili, Inler; Insigne, Pandev, Mertens; Higuain. Risponde l’Atalanta con Consigli; Stendardo, Yepes, Lucchini; Raimondi, Migliaccio, Cigarini, Carmona, Del Grosso; Bonaventura; Denis.

Nei primi minuti sono i partenopei a partire all’attacco, con Dzemaili e Higuain che cercano la rete avversaria ma senza riuscire a sorprendere Consigli. L’Atalanta ci prova all’11’ con una conclusione di Cigarini parata in due tempi da Reina. Anche Denis ci prova senza esito. Al 13′ il Napoli sfiora il gol con Pandev: gran parata di Consigli. Il giocatore ci riprova al 27′ con lo stesso esito, ma intanto l’Atalanta sembra essere entrata in partita e inizia a preoccupare maggiormente. Dopo 5 minuti Denis sbaglia un gol clamoroso ma anche se avesse segnato sarebbe stato comunque tutto inutile perché l’arbitro ha fischiato una trattenuta dell’argentino in area di rigore. Consigli è obbligato a una parata dal Insigne al 45′, dopo di che, il primo tempo termina 0-0. Il Napoli non ha brillato fino ad ora.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Alla ripresa, dopo solo due minuti di gioco è l’Atalanta che rischia di passare in vantaggio con uno splendido tiro a giro di Denis deviato in angolo da Reina. Risponde Higuain, ma la palla schizza alta sopra la traversa. Al 9′ Consigli impegnato da Inler, ma l’estremo difensore salva il suo specchio. Anche Pandev si avvicina al gol, ma ci pensa Yepes a deviare: la palla sfiora il palo. Al 21′ Brivio s’incarica di una punizione che termina lontanissima dalla porta di Reina. La situazione si sblocca quattro minuti dopo: Higuain arccoglie un pallone vagante in area di rigore (deviato da Yepes per fermare Hamsik) e batte Consigli con un destro a giro sul secondo palo. 1-0!

Al 29′ l’Atalanta resta in 10 uomini: fuori Cigarini per doppia ammonizione. Il Napoli gioca in attacco, alla ricerca del raddoppio, e pressa gli avversari: il gol arriva al 36′, grazie a Callejon che deve ringraziare il tacco di Dzemaili che ha lo ha liberato al tiro. Il minuto successivo, Armero va vicino al 3-0 con un sinistro sotto misura deviato in angolo da un difensore atalantino. Dopo tre minuti di recupero, arriva il fischio finale: il Napoli è in testa alla classifica a punteggio pieno

Questa presentazione richiede JavaScript.

I granata ospitano il Milan: 2-2 tra le polemiche!

toro-milan-tuttacronacaA Torino si gioca uno dei due anticipi serali di questa terza gionata di campionato: i granata sfidano i rossoneri. Le squadre sono scese in campo con le seguenti formazioni:

TORINO (3-5-2): 30 Padelli; 25 Glik, 5 Bovo, 24 Moretti; 36 Darmian, 33 Brighi, 20 Vives, 7 El Kaddouri, 3 D’Ambrosio; 11 Cerci, 9 Immobile

MILAN (4-3-1-2): 32 Abbiati; 81 Zaccardo, 5 Mexes, 17 Zapata, 28 Emanuelson; 18 Montolivo, 34 De Jong, 4 Muntari; 22 Kakà; 45 Balotelli, 7 Robinho

E’ il Milan a partire subito all’attacco anche se già al 4′ il Toro risponde con una buona azione di Cerci che crossa di destro per servire Immobile, ma Abbiati arriva prima sul pallone e subisce anche fallo. Al 7′ anche Vives cerca la porta, senza esito. Bisogna aspettare altri tre minuti perchè i rossoneri cerchino la porta con Montolivo che però calcia troppo centrale. Al 15′ ha un’occasione Balotelli, che però sfuma per la buona difesa rossonera. Dopo un periodo di pressing da parte del Milan, è il Toro a farsi pericoloso per una frazione. Negli ultimi minuti di questo primo tempo il Milan si fa più aggressivo, ma senza riuscire a sbloccare il risultato. Al 44′ Montolivo chiede la sostituzione: ha accusato un problema ai flessori della coscia sinistra, per questo si è subito fermato e ha chiesto di uscire. La fascia di capitano passa a Kakà. Il primo tempo si conclude con un nulla di fatto.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Dopo solo due minuti di gioco, nella ripresa D’Ambrosio riceve palla sul lato destro rispetto ad Abbiati, dell’area piccola e dopo un ottimo dribbling mette in porta, sul primo palo: 1-0!

La risposta rossonera è immediata e il match s’infiamma: ci provano in rapida successione sia Kakà per il Milan che Cerci in cerca del raddoppio, ma i difensori fanno il loro lavoro. Al 10′ punizione per il Toro: Cerci tira in porta, palla deviata dalla barriera, ma non se ne è accorto nessuno, neanche l’attaccante granata. Al 12′ cambio tra le fila rossonere: Matri sostituisce Robinho. Al 15′ occasione per il Milan con Balotelli che la spreca malamente calciando malissimo dopo essersi sbilanciato all’indietro: in seguito si scusa con i compagni. contemporaneamente, Kakà finisce a terra: Bovo l’ha colpito con un pestone alla caviglia: il giocatore chiede il cambio al 24′, al suo posto entra Brisa. I rossoneri non riescono a colmare le distanze mentre i granata non danno tregua: Cerci raddoppia al 25′: 2-0!

Tre minuti dopo occasione per SuperMario ma Padelli para e Balo si arrabbia. Al 37′ De Jong commette fallo su Immobile, che resta a terra e ha bisogno dell’intervento dei sanitari. Poi esce momentaneamente dal campo. Due minuti dopo Larrondo sanguina da un labbro per una gomitata e una spinta da De Jong che tuttavia non è stato punito, in compenso viene ammonito Poli per protesta: voleva un calcio di punizione. A 8′ dal termine, il Milan accorcia le distanze grazie a Muntari. I granata protestano perché Balotelli era in fuorigioco.

Durante 4 minuti di recupero, arriva un calcio di rigore per il Milan per fallo di Pasquale su Poli e intanto Larrondo esce in barella. E’ Balotelli a tirare dal dischetto: ed è pareggio! 2-2! La partita finisce tra le polemiche e le proteste del Torino che aveva Larrondo a terra quando il Milan ha rimesso velocemente in gioco la palla. I granata avevano chiesto il cambio, ma l’arbitro non si è accorto, da lì è nata l’azione del rigore per i rossoneri.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il fronte anti-Renzi: Bersani sta con Cuperlo

gianni - cuperlo-tuttacronaca

Gianni Cuperlo ha dalla sua parte Pier Luigi Bersani, colui che sarebbe dovuto essere il premier, guidare l’Italia in un momento di grave difficoltà, traghettare questo paese fuori dalla recessione e dalla crisi e invece non è riuscito a vincere le elezioni e poi è stato anche così testardo di non voler aprire a un governo di larghe intese. Un uomo che doveva essere vincente e che si è mostrato fragile (chi non ricorda quello streaming con Crimi e la Lombardo?) Ora però scende di nuovo in campo per il fronte anti-Renzi e lo fa parlando al margine della festa democratica milanese, proprio mentre Matteo Renzi incassava un altro tutto esaurito a Torino.

«Tra i candidati che si sono affacciati, ho cercato di capire quale potesse avere l’idea di Pd che ho io e quella di Cuperlo è un’idea di partito molto vicino alla mia» ha detto Bersani che ha abbracciato Cuperlo sul palco all’inizio del suo intervento alla festa Democratica milanese. «Gli darò una mano – ha aggiunto – perché questa sua idea possa essere compresa dalle varie anime del partito e quindi adesso ci mettiamo a lavorare e vediamo di ottenere qualche risultato». «Cuperlo può essere l’uomo dei miracoli», ha poi scherzato Bersani con chi gli chiedeva se potrà convincerlo a fare pace con Massimo D’Alema, visto che entrambi sostengono la sua candidatura alla segreteria del partito. Sul candidato Cuperlo converge con convinzione tutta l’area legata a Pier Luigi Bersani. Mentre, a sorpresa, anche dal fronte ex Ppi arriva «il sostegno convinto» di Domenico Cella, ex parlamentare della Margherita.

Ma l’attenzione dei più è focalizzata sul confronto Letta-Renzi. Il primo affondo oggi arriva dal premier. A Bari per la Fiera del Levante, il presidente del Consiglio si leva un sassolino dalla scarpa e, pur senza citarlo, replica con forza al sindaco di Firenze. Elenca le attività del suo esecutivo, poi sbotta: «Questi sono fatti non annunci, sono fatti: lo dico a tutti quelli che raccontano altre storie», urla dal palco. Il fronte renziano non replica subito. Letta si sposta nel pomeriggio a Chianciano, dove è ospite della Festa dell’Udc. «A volte bisogna mordersi la lingua, molto…», dice rispondendo ad una domanda sulle «difficoltà incontrate in questi mesi al governo» e sulle «questioni interne al partito». Mentre Letta a stento nasconde un mezzo sorriso, tutti già pensano che si riferisca alle critiche del sindaco fiorentino al governo. Poco importa se, passati pochi minuti, lo stesso premier assicura che per lui «non c’è un problema che si chiama Matteo Renzi». Anzi – precisa – «al congresso non sosterrò nessun candidato. È meglio per tutti se io mi concentro sul lavoro del governo». Anche la risposta di Renzi è una sorta di ‘crescendò.

A Torino, dove è ospite della Festa del Pd, il «rottamatore» dice di voler fare «un fioretto, ovvero non intervenire in replica al presidente del consiglio del mio Paese che sta facendo cose serie». Ma poi alza il tiro. Ieri, Letta ha detto che non ama i ‘battutisti’. E qualcuno in sala a Torino rinfaccia al «rottamatore» proprio il fatto di «fare battute». «Non è che per fare politica bisogna per forza avere la faccia triste», risponde Renzi. In realtà, il sindaco sembra concentrato sul congresso di partito. «Il Pd non deve fare un congresso per eleggere un nome, ma farsi tre domande – dice – come si esce dalla crisi? Come si fa a non perdere come l’altra volta? Come si fa a governare un Paese che ha bisogno di riforme radicali?».

In vista dell’Assemblea del 20-21 settembre, dove, senza un accordo preventivo, potrebbe esserci un braccio di ferro su date e regole del Congresso, anche Gianni Cuperlo alza i toni. «Il governo Letta è necessario, lo dobbiamo sostenere con forza e lealtà perché ci sono questioni che vanno affrontate attraverso una larga condivisione parlamentare – spiega – ma dopo aver fatto la riforma del Porcellum, io penso che serva un governo che faccia scelte chiare e nette in direzione dell’equità, che guardi alla drammaticità dell’occupazione, alla situazione dei precari. Sì, serve più sinistra».

“Il Napoletano… una sorta di Chernobyl premeditata” così la Boldrini

rifiuti-industriali-giglianese-tuttacronaca

Il territorio a nord di Napoli, nell’area del Giuglianese secondo il presidente della Camera, Laura Boldrini è  «un fatto imperdonabile, una sorta di Chernobyl premeditata. Si tratta  di un crimine contro quella popolazione» i cui responsabili devono essere individuati.

La Boldrini ha poi aggiunto in merito alla richiesta giunta nei giorni scorsi di desecretare le dichiarazioni del pentito di camorra Carmine Schiavone sul traffico illecito di rifiuti nocivi in alcune aree della Campania «In Italia troppo spesso si è messo il segreto per nascondere situazioni che non erano proprio nell’interesse dei cittadini»

Boldrini ha detto che è stata aperta l’istruttoria e l’incarico è stato affidato al vicepresidente Sereni. «Ci sono però due esigenze – ha aggiunto – quella di dare risposte ai cittadini ma anche quella di non interferire nel lavoro della magistratura».

Gomathi, uccisa a 17 anni dai fratelli: voleva sposare un paria

ragazza-uccisa-fratelli-tuttacronacaVoleva sposare un giovane “paria”, cioè un appartenente alla casta più bassa della scala sociale, e per questo motivo i suoi fratelli l’hanno impiccata. E’ l’orribile storia di Gomathi, una ragazza indiana di 17 anni che viveva a Seevalaperi, villaggio dello Stato meridionale di Tamil Nadu. A riportare la notizia The Times of India, che scrive: “L’omicidio a sangue freddo è stato compiuto ieri da Murugan e Sodalaimuthu, i due fratelli di Gomathi, che hanno agito con la benedizione del padre Mayandi, di professione contadino”. Da quanto di è appreso, Gomathi, appartenente a una casta intermedia, lavorava in una fabbrica di Tuticorin dove aveva conosciuto Murugan, un coetaneo di cui si era innamorata. La famiglia, venuta a conoscenza della volontà della giovane di sposarsi con il ragazzo appartenente ai dalit (o paria) indiani, ha cercato di dissuaderla organizzandole un altro matrimonio. La reazione della 17enne è stato fuggire con il suo amato. Rintracciata dai familiari, che l’hanno convinta a tornare a casa con la promessa di assecondare i suoi desideri, è tornata sui suoi passi. Ma a quel punto Gomathi è stata picchiata e impiccata con una corda nella sua stanza dai fratelli che hanno cercato di simulare un suicidio. Sono stati gli abitanti del villaggio ad avvisare la polizia che ha ricostruito la vicenda e arrestato i due fratelli che hanno prima negato, poi confessato il delitto.

Bimba morta, il primario di Tor Vergata “c’è stata una complicanza”

bimba-due-anni-morta-emorraggia-tuttacronaca

“C’é stata una complicanza che in casi così gravi può accadere. Sono intervenuto perché chiamato durante l’intervento, ma il collega che operava é esperto. E non é vero che abbiamo sbagliato catetere”. Così all’ANSA Mario Dauri, primario anestesista del Policlinico Tor Vergata, sul caso della bimba morta.

“Abbiamo tentato di rianimare la bambina appena ci siamo resi conto della gravità della situazione. Non é stata abbandonata. E nessuno dell’equipe é andato a pranzo, come dice il padre”.

La piccola Gloria Maria, due anni e mezzo, era venuta a Roma con i genitori da Gela. Aveva bisogno di un trapianto di midollo, il donatore era già stato identificato nel fratello maggiore. Mercoledì un’operazione quasi di routine, preparatoria all’intervento vero e proprio, con l’inserimento di un catetere che avrebbe però provocato la morte della bimba.

“Personalmente ne sto soffrendo molto – ha continuato il medico -, sono anch’io padre di tre figli, mi metto nei loro panni. Sono estremamente addolorato ed esprimo un senso di assoluta solidarietà ai genitori. Comprendo la loro disperazione, purtroppo l’ematologia pediatrica é un ‘setting’ piuttosto pesante”.

Due milioni per un’esibizione privata: Lady Gaga alla festa di Abramovic

lady-gaga-tuttacronacaIl patron del Chelsea, Roman Abramovic, avrebbe offerto a Lady Gaga un ingaggio da due milioni per un’esibizione durante una festa privata. L’imprenditore russo, il cui patrimonio è stimato attorno ai 15 miliardi di dollari, avrebbe richiesto la presenza della pop star americana come regalo alla nuova compagna, Dasha Zhukova, sua grande fan. Del resto Abramovic non è nuovo a simili gesti: in passato aveva infatti già invitato delle star internazionali alle sue feste, come Prince e Kings of Leon. Stando alla rivista inglese The Sun, Lady Gaga avrebbe già firmato l’accordo che prevede un’esibizione di 90 minuti di fronte ad una platea di celebrità ed imprenditori durante la festa di capodanno del magnate russo.

Termina in pareggio la sfida ai vertici: Inter-Juve 1-1

inter-juve-tuttacronacaE’ gremito lo stadio San Siro in occasione dell’incontro Inter-Juve. Sono i bianconeri i più attivi nei primi minuti ma la prima occasione di gol arriva per i padroni di casa, con Nagatomo che tenta una girata al volo: Buffon respinge sulla linea.  Dopo due minuti arriva il primo cartellino giallo: Campagnaro ha fatto fallo su Tevez. Subito dopo, tra le fila avversarie, ammonito Lichtsteiner per una trattenuta. Al 18′ c’è una situazione dubbia in area interista, con Vidal che si lascia cadere dopo essere stato pressato da Taider. Nel secondo quarto d’ora di questo primo tempo la situazione è bloccata. Nagatomo tenta il lancio ma senza risultati, lo stesso dicasi per Pirlo che guadagna una punizione che si trasforma in corner ma senza esito. Al 32′ ci prova la Juve a passare in vantaggio con Pogba, ma Handanovic devia il suo interno sinistro. L’ultima azione è per l’Inter, con Taider che calcia dal lato sinistro dell’area di rigore: Buffon salva in angolo. Senza emozioni, nè minuti di recupero, termina sullo 0-0 il primo tempo.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Alla ripresa sostituzione tra le fila bianconere: Lichtsteiner cede il posto a Isla. E’ l’Inter che parte subito all’attacco ma senza esito mentre la Juve risponde con un tiro di Pirlo che schizza verso il cielo. Al 13′ arriva un’occasione per gli uomini di Conte: Tevez ruba palla a centrocampo, avanza e serve Vidal che da posizione defilata in area di rigore spara fuori. In rapida successione, ammonizione per Vidal e Ranocchia: falli su Cambiasso e Pogba. Al 21′ Guarin tenta il tiro, ma la palla finisce fuori. Al 23′ primo cambio per i nerazzurri: esce Taider ed entra Icardi. Poco dopo cambio anche per i bianconeri: Vucinic lascia il posto a Quagliarella. Al 28′ la situazione si sblocca: Inter in vantaggio. Alvarez serve Icardi che si intrufola tra due juventini, entra in area di rigore e batte Buffon: 1-0!

I nerazzurri non fanno in tempo a godersi il vantaggio: un minuto dopo Vidal si libera per il tiro in area di rigore dopo un assist di Asamoah dalla destra e batte Handanovic: 1-1!

Al 35′ nuova sostituzione per i padroni di casa: esce Alvarez ed entra Kovacic. Dopo 7 minuti è Pirlo a cedere il posto a Padoin. A due minuti dal termine del tempo regolamentare, la Juve sfiora il raddoppio: Vidal colpisce di testa, Handanovic respinge sui piedi di Isla che da due passi spara altissimo! Occasione perduta: dopo due minuti di recupero, l’incontro termina sull’1-1.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Volatile risucchiato dal motore: atterraggio d’emergenza per Easy Jet

easyjet-atterraggio-emergenza-tuttacronacaHa dovuto effettuare un atterraggio d’emergenza all’aeroporto di Pisa, da dove era appena decollato, il pilota di un volo Easy Jet diretto a Londra. La causa: il motore dell’aereo aveva risucchiato un volatile. Il comandante si è reso conto che qualcosa non andava e si è così rivolto alla torre di controllo dell’aeroporto toscano di tornare indietro. In seguito le operazioni si sono svolte senza problemi con i passeggeri che sono stati fatti scendere in attesa che la compagnia predisponesse un volo sostitutivo per Londra Gatwick, poi egolarmente partito nel pomeriggio. Lo scalo, a seguito dell’atterraggio di emergenza, è rimasto chiuso al traffico per circa un’ora, con i vigili del fuoco e gli altri mezzi di emergenza schierati sulle piste e pronti a intervenire in caso di incendio.

La fine del mondo non mette più paura? Scienziati a lavoro!

Fine-Del-Mondo-tuttacronaca-Cambridge Centre for the Study of Existential Risk

In ogni film apocalittico c’è l’eroe che deve salvare il mondo, ora quello che sembrava il tema per l’ennesimo script di Hollywood invece l’ipotesi ceh il mondo possa finire è uno scenario possibile. Così i migliori scienziati al mondo sono chiamati a studiare le contromisure per evitare la distruzione della terra. Al Cambridge Centre for the Study of Existential Risk, l’astrofisico Stephen Hawking, l’astronomo Martin Rees, il filosofo Huw Price e altri brillanti studiosi e accademici hanno compilato una lista dei pericoli che potrebbero distruggere il globo, o perlomeno i suoi abitanti, proponendosi di fornire le soluzioni per evitarli.

Quali sono i pericoli? La lista è vasta e davvero variegata. Dalla tesi dell’Intelligenza Artificiale che potrebbe avere la supremazia sull’uomo (e qui Odissea nello Spazio fa scuola) a più sottili terrorismi applicati con milioni di transazioni finanziare al secondo che farebbero crollare l’intera finanza mondiale. Oppure potrebbe venire dagli attacchi cibernetici, un’ondata di attentati terroristici digitali in grado di mandare in tilt assolutamente tutto, energia e comunicazioni, trasporti e computer. Quindi viene citato il rischio di un’infezione di massa lanciata attraverso le armi batteriologiche, una peste in laboratorio a cui un folle nichilista, un dittatore sanguinario o una guerra civile potrebbero dare il via. E, in alternativa, la possibilità di una pandemia, un virus che nessun vaccino possa curare. Altre minacce per l’umanità sono individuabili in un sabotaggio della catena alimentare; estreme condizioni atmosferiche provocate dal cambiamento climatico, e dunque inondazioni, uragani, terremoti; uno o più asteroidi che colpiscono la terra; per finire con la buona, vecchia guerra termonucleare, o chimica, o anche convenzionale, se combattuta con l’intensità giusta.

“Viviamo in un mondo sempre più interconnesso, sempre più tecnologicizzato e sempre più dipendente dal web”, afferma lord Rees, ex-presidente della Royal Society e uno dei promotori dell’iniziativa. “A noi occidentali può apparire un mondo più sicuro di quanto sia mai stato in passato, ma invece è più vulnerabile di come sembra. E poiché i leader politici sono concentrati sui problemi a breve termine, occorre che qualcuno suggerisca all’opinione pubblica internazionale quali sono i pericoli più realistici e con quali mezzi si potrebbero contrastare”.

Danzando sulle scale infinite… a Londra!

endless stair-tuttacronaca

Danzando sulle scale… Endless Stair ovvero la scalinata infinita su cui si esibiscono in questi giorni le ballerine che stanno dando vita all’evento London Design Festival 2013 che durerà sino al 22 settembre.

Questa presentazione richiede JavaScript.

L’installazione, fabbricata in liriodendro, ovvero il cosiddetto albero dei tulipani, si trova a pochi passi da uno dei punti più noti della città la St Paul’s Church ed è opera dello studio americano Drmm Architects.

 

Muore solo un clochard milionario. Ora però arrivano gli eredi…

guido_ricci-clochard-milionario-tuttacronacaGuido Ricci è morto a 77 anni, lo scorso mercoledì, in un ricovero per malati terminali vicino all’ospedale San Martino, a Belluno. L’uomo era noto agli abitanti della città, a cui chiedeva magari un piatto caldo o un caffè, quando non un bicchiere di vino, e sempre presente agli eventi cittadini, dove approfittava del buffett. Un clochard. Che morendo ha lasciato un patrimonio stimato in circa 20 milioni di euro tra conti correnti e proprietà immobiliari, fra cui un appartamento a Belluno, uno in San Marco e altri al Lido di Venezia e uno ad Acapulco, in Messico.. Solo, non ha lasciato alcun testamento, se si eccettua quello che un medico indagato per circonvenzione era riuscito a farsi intestare. Ma ora quei documenti, dal momento che c’è un’inchiesta della magistratura, sono bloccati. Ora che si sono tenuti i funerali, puntuali spuntano gli eredi. Tra i primi a comparire dei perenti del Padovano, il figlio di una cugina con il quale non risulta ci fossero rapporti, che rientrerebbero nei possibili eredi essendo di sesto grado: l’eredità, in mancanza di testamento, spetta ai parenti fino al sesto grado. Ma poco dopo sono arrivati dei parenti che lo scalzano in linea di successione: Antonio Fanna (Junior), figlio di Antonio Fanna (Senior), fratello del nonno materno dell’ultramilionario bellunese. Ergo, cugino di quinto grado. Al momento è lui l’erede delle sostanze di Ricci. Nato il 7 aprile 1926, residente a Villorba (Treviso), Fanna non ricorda molto del cugino. In cimitero, subito dopo il funerale, confessa sottovoce di non aver avuto grandi occasioni per conoscere Ricci. Gli ultimi incontri si fermano all’infanzia, o quasi. “Conoscevo poco Guido, anzi pochissimo”. Il figlio è comparso al funerale: un ultimo saluto, per chi non conosceva ma che potrebbe fargli piovere addosso una fortuna.

L’acqua benedetta è contaminata da batteri fecali

acquasantiere-contaminate-batteri-tuttacronaca

Molte persone credono che l’acqua santa ha proprietà curative, ma la nuova ricerca suggerisce che potrebbe effettivamente fare più male che bene. Gli scienziati hanno scoperto che il 86 per cento dei campioni di acqua prelevate da fonti sacre contiene batteri fecali. I ricercatori austriaci hanno anche scoperto che le acquasantiere delle chiese contengono alti livelli di batteri e che nessuna delle sorgenti sacre da loro analizzate potrebbe essere considerata sicura tanto da poter bere l’acqua che sgorga. I ricercatori, che operano presso l’Istituto di Igiene e Immunologia Applicata all’Università di Medicina di Vienna, hanno analizzato l’acqua in 21 sorgenti sacre austriache, e in 18 diverse acquasantiere di Vienna, in diversi momenti durante l’anno. Hanno così scoperto che in ogni millilitro di acqua santa ci sono stati fino a 62 milioni di batteri. Hanno anche scoperto che più una chiesa o un luogo sacro sono visitati e più facile (come è prevedibile) che vi sia una maggiore concentrazione di batteri nelle acquasantiere. Nell’acqua santa non ci sarebbe solo il batterio fecale, ma anche l’escheria Coli, gli  enterococchi e alcune sarebbero contaminate anche con Campylobacter che può causare diarrea infiammatoria. Alcune sorgenti sacre sarebbero poi contaminate da nitrati provenienti dall’agricoltura, tali nitrati renderebbero quindi l’acqua non potabile. Gli scienziati quindi hanno pregato i religiosi e le autorità di apporre cartelli per evitare che i fedeli bevano queste acque: “Abbiamo bisogno di mettere in guardia le persone affinché non bevano da queste fonti” così ha affermato il dottor Alessandro Kirschner, microbiologo presso l’Università di Medicina di Vienna. Sempre il Dr Kirschner ha detto che le sorgenti sacre hanno spesso ottenuto la loro fama di acque miracolose e potenzialmente che potessero anche avere proprietà in grado di operare alcune guarigioni  soprattutto nel periodo del Medioevo, ma da allora le cose sono ben diverse. Molte acque in città infatti, nell’epoca medievale, erano contaminate e spesso chi si recava alle sorgenti nei boschi e lontano dai centri abitati poteva avere giovamento da quelle acque che all’epoca erano più pure. Così nei secoli la reputazione di alcune fonti si è ampliata e ha dato poi vita a quelle che oggi sono considerate acque miracolose. In realtà invece oggi, si è in una condizione completamente diversa, dove le acque minerali o le acque potabili sono costantemente controllate e quindi prive di rischio.

Il cartello con l’orario di apertura e chiusura è incompleto: mille euro di multa!

negozianti-multati-ciclopizza-tuttacronacaMultato perchè “non rendeva noto al pubblico l’orario di effettiva apertura e chiusura dell’esercizio mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione”. E’ quanto recita il verbale stilato dai vigili urbani di Mestre, nel Veneziano, che hanno multato per mille euro il titolare della “Ciclopizza” di piazzale Leonardo Da Vinci. I titolari dell’attività, Michele Pirredda e Adriano Marchiori, spiegano: “Mamma mia, non aver scritto gli orari vale esattamente 1.032 euro più 28 euro e 40 centesimi di spese per un totale di 1.060,40. Se si paga subito.” E quindi una domanda: “Ma non sarebbe meglio in un caso come questo che il vigile ci avesse fatto notare che ci eravamo dimenticati del cartello? Così ci spezzano la schiena. Tra l’altro il cartello c’era, ma non era completo”.

Caso Ragusa. Gozi: “Sara Calzolaio ha avuto atteggiamenti intimidatori”

loris-gozi-sara-calzolaio-tuttacronaca

Loris Gozi, a Quarto Grado, ha fatto sapere che Sara Calzolaio avrebbe compiuto nei suoi confronti atti intimidatori. In particolare Gozi ha riferito che l’amante di Antonio Logli  avrebbe invaso la sua corsia stradale, mentre lui transitava con un motorino. La donna, a bordo della sua automobile, avrebbe insultato Loris Gozi e lo avrebbe costretto ad una manovra per evitare la vettura. Gozi dice di aver paura non tanto per sé quanto per la sua famiglia:

«La mia coscienza mi ha fatto dire tutta la verità. Pochi giorni fa, Sara Calzolaio mi viene incontro con l’auto, si scaglia parolacce. Ero in motorino. Ora ho paura», Gozi, ha affermato di assumersi la  responsabilità totale di ciò che stava dichiarando. Il testimone ha aggiunto che non ha sporto denuncia poichè la situazione potrebbe andare ad aggravarsi ulteriormente.

Combattere la calvizie con una goccia di sangue

calvizie-perdita-capelli-tuttacronaca

Curare la calvizie con una goccia di sangue, questo è l’obiettivo che si pone il trattamento Prp (plasma ricco in piastrine) “iniettare nella pelle o nel cuoio capelluto, le piastrine si “rompono” e liberano fattori di crescita che stimolano le staminali del follicolo pilifero. Alcuni fattori di crescita sono coinvolti nella formazione dei vasi sanguigni e nella riduzione dell’infiammazione, sempre presenti in casi di alopecia”, spiega Fabio Rinaldi, dermatologo e presidente dell’International Hair Research Foundation (Ihrf) di Milano. La nuova tecnica prevede un prelievo di appena 36 millilitri che, centrifugato e arricchito di piastrine, viene iniettato in anestesia totale. Se la zona è ampia, si utilizza la ionoforesi, non cruenta e indolore. Il protocollo prevede tre sedute a distanza di uno o due mesi e si ripete in media ogni uno-due anni. In uno studio pubblicato sul “British Journal of Dermatology” Rinaldi, spiega: “Abbiamo iniettato il Prp a 45 pazienti, maschi e femmine, affetti da alopecia areata. La caduta si è interrotta e i capelli sono ricresciuti al 60% dei soggetti, contro il 26,6 di quelli sottoposti alla terapia cortisonica standard e al placebo. Il nostro è il primo studio che dimostra l’efficacia del composto autologo nelle cure anticalvizie”.

Il video Thriller riprodotto con i Lego: Michael Jackson versione “mattoncino”

lego-thriller-annette-joung-tuttacronacaI mattoncini Lego e Michael Jackson. Sembrerebbero non avere nulla in comune eppure c’è chi ha pensato ad unirli. L’idea è venuta ad Annette Jung, che già aveva attirato l’attenzione del The Huffington Post  lo scorso febbraio riproducendo con i mattoncini colorati la famosissima camminata dell’artista scomparso: moonwalking.

All’epoca la Jung aveva annunciato che era al lavoro per creare l’animazione di Thriller, che ora è diventata realtà. Unico appunto: nel video appaiono solo le prime scene della famosa clip.

Dal social network alla rissa in strada, il caso di Bologna

bolobene-bolofeccia-tuttacronaca

In Italia una rissa di queste dimensioni – che inizia con insulti e provocazioni sul social network “Ask” e in breve, da virtuale diventa reale,  si dà appuntamento in strada nel parco pubblico più frequentato a ridosso del centro di Bologna, i Giardini Margherita – non si era mai verificata.

I protagonisti sono 250 ragazzi tra i 14 e i 18 anni, schierati in due fazioni nate sul web i ‘Bolobene’ e ‘Bolofeccia’. In pratica nella prima compagine ci sono i giovani che frequentano il centro della città mentre nella seconda ci sono i ragazzi di periferia che frequentano gli istituti tecnici. E’ forse iniziato l’autunno caldo o si tratta solo di un caso sporadico avvenuto tra internauti dai bollenti spiriti? All’arrivo delle forze dell’ordine molti giovani si sono dileguati e solo poche decine sono stati identificati. La Procura ha aperto un’inchiesta contro ignoti per rissa aggravata e istigazione a delinquere, intendendo il web come la piazza, benché virtuale, dove il reato è stato in qualche maniera sollecitato.

Ribaltata la tesi su Stonehenge, non era per venerare il sole

Stonehenge-tuttacronaca

Il mistero su Stonehenge non è svelato ma un grande passo avanti è stato fatto negli ultimi tempi, da quando English Heritage, l’ente che tutela il patrimonio artistico e archeologico inglese, ha dato il via a nuovi scavi nella zona. Ora sembra chiaro che il sito preistorico sia stato costruito  2 o 3.00 anni prima di Cristo, ma nulla aveva a che vedere con la venerazione del sole da parte degli uomini del neolitico che lo realizzarono.  La tesi insomma è ribaltata, ma soprattutto ora si punta a capire perché Stonehenge è stato realizzato lungo una formazione di terreno risalente all’Era glaciale che si trovava allineata sull’asse del solstizio.

Secondo uno degli archeologi, Mike Parker Pearson:

”Questo e’ molto significativo e ci dice molto sul perché fosse stato scelto questo luogo e perché la gente preistorica fosse così interessata ai solstizi. Non era per pregare il sole, o per qualche tipo di calendario o osservazione astronomica, ma per l’importanza che questo luogo aveva per loro, come le sepolture rituali o per motivi che ancora non conosciamo”.

Quel camion è così facile da guidare… che ci riesce anche un criceto!

volvo-trucks-fmx-the-hamster-stunt-cricetoguida-tuttacronacaIl Volvo Truck pesa 15 tonnellate, ma questo non significa che non sia maneggevole: anche un criceto è in grado di guidarlo! Il simpatico Charlie lo dimostra: è stato messo in una gabbietta circolare trasparente applicata al volante del camion, dotato di servosterzo, e lui è riuscito a guidare l’FMX percorrendo una stretta stradina su un’alta scogliera. Uno stuntman, con l’ausilio di una carota, ha fatto correre l’animaletto in modo che ruotasse il volante nella direzione voluta lungo i tornanti di un sentiero scavato sulla parte di una scogliera alta 65 metri. Sicuramente la Volvo ha dimostrato la sua totale fiducia nella facilità di manovra del suo sterzo dinamico, ma ciò non toglie che l’avventura sia un po’ folle, con Charlie che è stato addestrato per diverse settimane, prima di essere ‘messo al volante’ del camion. Nonostante l’allenamento il percorso ha comunque vissuto momenti di paura, quando le ruote del camion hanno lambito pericolosamente il bordo dello strapiombo. Innegabile però il successo in rete: il video sta rapidamente facendo il giro del mondo!

Salutiamo l’estate: cede il passo all’autunno

estate-autunno-tuttacronacaUltimi scampoli d’estate oggi sulla nostra penisola, dove prevarrà il sole con un “clima diurno gradevole”, ma già da domani, come spiega in una nota Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com, “arriva la prima perturbazione di chiaro stampo autunnale”.  Ultime ore quindi prima di salutare l’autunno che si avvicina: “Il tempo inizierà a peggiorare già sabato sera al Nordovest, con le prime piogge, mentre domenica il maltempo si estenderà gradualmente a tutto il Paese con precipitazioni e temporali da Ovest verso Est. C’è il rischio di fenomeni molto intensi, con locali nubifragi, in particolare su Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio, entro sera anche su Marche e Abruzzo”. Temporali “raggiungeranno pure la Sardegna e la Sicilia, per poi estendersi gradualmente al Sud. Le ultime a capitolare saranno Calabria, Basilicata e Puglia, dove prevarrà il sole almeno fino al pomeriggio, ma con rovesci anche intensi in arrivo entro la notte”. Prosegue Ferrara: “Pure la prossima settimana sarà movimentata, a causa di un profondo ciclone che interesserà gran parte d’Europa portando piogge, temporali, forte vento e neve persino a quote medio-basse. L’Italia sarà più ai margini dell’azione ciclonica, tuttavia non mancheranno frequenti passaggi piovosi da Nordovest verso Sudest, pur alternati a parentesi più asciutte e soleggiate, accompagnati da rinforzi di vento tra Ponente e Tramontana”. Arriverà anche un pò di freddo sulle Alpi, “con spruzzate di neve fin verso i 1500-1700m sui settori di confine. Possiamo dunque proprio dire che l’estate cede definitivamente il passo all’autunno”.

La battaglia del voto palese!

voto-palese-segreto-tuttacronaca

A Berlusconi rimaneva un’ultima carta e ha portato la battaglia sul voto palese o voto segreto. Dopo la Lega e l’ M5S che avevano ribadito la necessita del voto palese, ora a questa decisione sembrano unirsi anche Pd e Udc.

Nicola Latorre del Pd dichiara all’Ansa: ”Mi auguro che si voti con voto palese, bisogna avere il coraggio delle proprie posizioni, ancor più in passaggio così delicato. Sono assolutamente tranquillo, – aggiunge LaTorre – il Pd è compatto su questo”, osserva pur ricordando come il regolamento preveda voto segreto.

Sullo stesso tema interviene il segretario dell’Udc Pierferdinando Casini. Alla festa dell’Udc in corso a Chianciano Terme, casini spiega: “Il regolamento del Senato è inequivocabile e prevede voto segreto. Sotto il profilo personale mi augurerei la trasparenza di un voto palese perché è giusto che in quella sede ciascuno si assuma la propria responsabilità, in Senato, davanti agli italiani”.

“Chiesti voti alla Lega per un nuovo governo”, così Calderoli.

calderoli-chiesti-voti-alla-lega-tuttacronaca

“Son venuti a chiedermi i voti dei nostri senatori per un governo con un’altra maggioranza senza il Pdl”. E’ quanto ha sostenuto Roberto Calderoli, in un comizio alla Festa dei popoli padani sul Monviso. “Io ho risposto ‘Va bene, dateci il presidente del Consiglio e ministri importanti'”, ha riferito. “Poi ho detto ‘Va’ a ciapa’ i ratt, noi i nostri voti non ve li diamo’, perché mi ci vedete in Consiglio dei ministri vicino alla Kyenge?”, ha chiesto ai militanti .

Elisa Birbes ritrovata, dormiva nella sua auto.

elisa scomparsa brescia-ritrovata-tuttacronaca

Elisa Birbes è stata ritrovata, all’interno della sua macchina su una strada in Val Palot. La donna non aveva più dato notizie da mercoledì, tanto che il marito aveva denunciato la scomparsa. Elisa stava dormendo in auto quando sono arrivati gli uomini dell’arma. Immediatamente la donna è parsa confusa e infreddolita così è stata chiamata un’ambulanza ed è stata ricoverata. Fondamentale per le ricerche la segnalazione del passaggio dell’auto di Elisa nella galleria Trentapassi, registrata dal sistema Velocar Red&Speed. Il marito che ha confermato il ritrovamento della moglie e ha voluto ringraziare tutti coloro che si sono adoperati nelle ricerche.

Thuram accusato di violenze dalla compagna

Lillian-Thuram-violenze-moglie-tuttacronaca

L’ex calciatore della nazionale francese Lilian Thuram è stato denunciato dalla compagna per violenza domestica. Karine Le Marchand, 45enne conduttrice televisiva francese, ha depositato l”esposto il 4 settembre in un commissariato di Parigi. Secondo quanto riportato dal quotidiano transalpino Le Parisien, Thuram, ambasciatore Unicef, avrebbe preso per i capelli la donna e l’avrebbe sbattuta tre volte contro il frigorifero. Intervistata da Virgin Radio, la Le Marchand ha fatto intendere di aver chiuso la relazione con il 41enne ex difensore di Parma e Juventus: «Non voglio parlare di questa storia, non c’è più niente da dire».

18enne perseguitata dall’ex e dalla madre!

stalker-giovane-figlio-madre-tuttacronaca

Cosa non si farebbe per il proprio figlio? E così una madre di 49 anni a Terni è stata arrestata con l’accusa di  aver perseguitato una diciottenne che aveva deciso di lasciare  suo figlio. Arrestato, con la stessa accusa anche il figlio di 22 anni che aveva cercato insistentemente di ristabilire un rapporto con la ragazza. Madre e figlio sono accusati di aver minacciato di morte la giovane, ma nonostante le pesanti accuse dopo la convalida dell’arresto entrambi sono tornati in libertà.

Ritrovato morto il ragazzo scomparso nel salernitano

gregory-esposito-tuttacronaca

A meno di una settimana dalla scomparsa avvenuta domenica scorsa, Gregory Esposito, 23 anni, è stato ritrovato morto stamattina in località Curti. Il ragazzo di origini brasiliane adottato da piccolo era uscito per far jogging dalla sua casa di Giffoni Sei Casali, sui Monti Picentini nel salernitano. Alle 18 aveva chiamato sua madre poi non si era più saputo nulla di lui fino a oggi quando è stato ritrovato il corpo.

Per Pannella Epifani è uno zozzone e Berlusconi va difeso

Pannella-e-tuttacronaca

Marco Pannella mentre partecipava a una manifestazione sull’eutanasia, promossa dalla associazione Luca Coscioni, davanti a Montecitorio, ha trovato il tempo di prendere le difese di Silvio Berlusconi e scagliarsi contro il Segretario del Partito Democratico Guglielmo Epifani… ma perché strumentalizzare una manifestazione per parlare di politica?

Ecco il video dell’intervento del leader radicale:

Allevamenti shock: cani sgozzati vivi e infiltrazioni mafiose nel commercio

allevamenti-shock-cina-tuttacronaca

Una pratica che affonda le proprie radici in una tradizione soprattutto rurale di cui ormai non c’è praticamente più traccia nelle grandi città, a partire dalla capitale Pechino o da Hong Kong, dove il consumo di carne di cane è stato vietato nel 1950. Ma che è ancora molto diffusa nella parte nord-est del Paese, al confine con la Corea, e nelle regioni meridionali di Guinzhou, Guangdong e Guangx. Ma la carne di cane e di gatto rimane comunque un alimento fondamentale per la cucina e la tradizione di alcune zone cinesi, ma non solo perché la carne di cane viene consumata anche in Paesi come la Corea del Sud, la Thailandia, il Vietna, l’India, l’Indonesia e le Filippine.

Lo shock e la denuncia di Animal Equality è sul modo in cui gli animali allevati per la macellazione vengono trattati e tarsportati. I cani, gatti e conigli vengono scaricati durante la notte in gabbie che vengono gettate dalla cima del camion che li trasporta. A molti di questi animali si spezzano le ossa quando la gabbia atterra contro l’asfalto. Alcune gatte in gravidanza partoriscono nelle gabbie durante il loro viaggio verso i mercati che a volte possono durare diversi giorni. Non mangiano e non bevono lungo questi trasproti e i loro cuccioli di solito muoiono schiacciati mentre vengono scaricati dai camion. Al mattatoio di Zahngjiang gli animali sono rinchiusi in una stanza buia senza aria, cibo o acqua, in attesa di essere colpiti alla testa e quindi pugnalati a morte.

Animal Equality racconta la visita presso la fattoria Shandong (a Jining) dove vengono allevati i cani per la loro pelliccia e per la loro carne.
L’organizzazione ha visitato due magazzini presso l’azienda agricola di Shandong: uno destinato a cani adulti e un altro pieno di cuccioli.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il primo magazzino è dotato di vari canili, all’interno dei quali ci sono circa 10 grandi cani adulti (Alaskan Malamute, Levrieri e altre razze) destinati alla riproduzione.
Nel magazzino allevamento siamo riusciti a contare circa 150 cuccioli che hanno circa un paio di settimane. Questi cuccioli vengono ammassati in piccole gabbie metalliche sul pavimento. Le dimensioni delle gabbie sono di circa 19 cm di larghezza e 15 centimetri di altezza, e all’interno di sono fino a 13 cuccioli per gabbia.

I cuccioli arrivati a 3 settimane, vengono venduti a un’altra società dove vengono ingrassati fino a raggiungere il giusto peso. Una volta che sono ingrassati, i cuccioli vengono sgozzati in azienda o vengono inviati al macello. Ogni cucciolo viene venduto per 200 Yuans (circa 20 sterline). Si suppone che dietro a questi traffici ci possano essere anche infiltrazioni della mafia cinese.

«Ogni anno oltre diciotto milioni di cani e quattro milioni di gatti vengono uccisi in Cina per fini alimentari – spiegano ad Animal Equality Italia, che in questi giorni hanno diffuso le immagini di una nuova investigazione in incognito durata tre settimane -. Si tratta di un allevamento cruento, a cui vogliamo mettere fine». La campagna, ribattezzata «Senza voce», era partita ad aprile. «Da allora – dicono ancora i responsabili dell’associazione – oltre 192 mila persone hanno appoggiato la nostra petizione. Quando raggiungeremo quota 200 mila, consegneremo tutte le firme alle ambasciate cinesi in Germania, Spagna, Italia, Inghilterra, Stati Uniti e Messico».

+++ Video adatto a un pubblico adulto +++

Le probabili formazioni del derby d’Italia e i precedenti storici

juventus_inter_1958_tuttacronaca

Il derby d’Italia è previsto alle ore 18, queste le probabili formazioni con cui le due squadre scenderanno in campo.

Inter-Juventus:

Inter (3-5-1-1): Handanovic; Campagnaro, Ranocchia, Juan Jesus; Jonathan, Guarin, Cambiasso, Taider, Nagatomo; Alvarez; Palacio

A disp.: Carrizo, Castellazzi, Andreolli, Pereira, Wallace, Rolando, Samuel,Kovacic, Kuzmanovic, Icardi, Belfodil, Milito

All. Mazzarri
Indisponibili: Chivu, Zanetti

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah; Tevez, Vucinic
A disp.: Storari, Citti, De Ceglie, Ogbonna, Peluso, Motta, Padoin, Isla, Giovinco, Llorente, Quagliarella.

All.: Conte

Quello che andrà in scena a San Siro nel tardo pomeriggio sarà il derby d’Italia più precoce di sempre nella storia della serie A su girone unico, il terzo della storia nel mese di settembre dopo il doppio successo nerazzurro nei tornei 1938/39 ed 1989/90, sempre a Milano. In due occasioni il calendario della serie A ha messo di fronte nerazzurri e bianconeri in settembre, sempre lo stesso giorno: il 17. Una partita quindi che per molti aspetti già si profila storica.

Nel 1939 fu 4-0 nerazzurro con doppiette di Frossi (al 63′ e 69′) e Guarnieri (al 67′ e 74′), nel 1989 fu 2-1 con gol di Matthaus (36′), Klinsmann (46′) e Marocchi (58′). Porta la firma di Muriel al 66′ di Inter-Udinese 2-5 del 19 maggio scorso in campionato, l’ultima rete subita dai nerazzurri in gare ufficiali.

Terremoto nel Perugino, magnitudo 2,1

perugia-sisma-tuttacronaca

La Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha segnalato un terremoto di magnitudo 2.1 localizzato a una profondità di 9,2 km. L’evento si è verificato alle 11:50:05 nel distretto sismico di Val Nerina e ha interessato i comuni di Cascia, Cerreto di Spoleto, Preci. Anche questa mattina alle 8:17  si era verificato in quest’area un evento sismico. 

Le siringhe maledette: bimba si punge nel giardino dell’asilo

siringa-bambina-punge-tuttacronaca

Un bambina di 3 anni, si è punta con una siringa nei pressi della scuola d’infanzia di Via Carrafo a Castel di Lama, in provincia di Ascoli Piceno. I prelievi eseguiti alla bambina sono stati inviati a un laboratorio di analisi, ora si attendono i risultati. Già prima della fine dell’anno scolastico erano state rinvenute in quella zona alcune siringhe. L’asilo infatti è sito in una strada priva di illuminazione pubblica e la recinzione del giardino è bassa per cui qualsiasi persona può facilmente gettarvi dentro qualsiasi oggetto.

Il Tirreno riporta la notizia di una bimba di 5 anni che stava giocando nei pressi dell’asilo Sorgenti, in via Donnini, a Livorno. Qui la bambina ha trovato una siringa e incuriosita si è avvicinata, pungendosi il dito.  La bimba è stata subito portata in pronto soccorso, dove è stata sottoposta  a un prelievo per accertare che il test dell’Hiv fosse negativo. Il test è negativo come lo è l’altro esame a cui è stata sottoposta a Pisa, ma nel sangue della siringa è stato riscontrata l’epatite B, sono quindi ore di ansia e di apprensione per la famiglia che teme che la figlia possa contrarre la malattia.

 

Neonata di 10 giorni aggredita da un cane, è grave

cane-aggredisce-neonata-tuttacronaca

Un cane di famiglia ha aggredito, durante la notte, una neonata di appena 10 giorni. La piccola accompagnata immediatamente al pronto  soccorso dell’ospedale San Pietro, a Roma è parsa subito in gravi condizioni. Gli agenti hanno parlato con i genitori i quali hanno raccontato di aver udito un forte rumore nella camera della bambina e di essere immediatamente corsi a verificare cosa fosse successo, appena entrati hanno notato la piccola a terra con il volto insanguinato. I sanitari hanno poi confermato che le ferite al volto della neonata non sono compatibili con quelle di una caduta ma bensì un morso di un cane. In particolare la coppia possiede un  cane di razza Dachsbracke di 8 anni di proprietà della madre della donna, lasciatole in custodia per qualche giorno. Successivamente la piccola è stata trasferita presso l’ospedale del Bambin Gesù dove si trova ricoverata in prognosi riservata; la bambina dovrà essere sottoposta a un intervento chirurgico.

La gaffe di Letta: ai suoi tempi si era tutti bianchi, quasi ariani

letta-enrico-tuttacronaca

Una caduta di stile se non proprio una gaffe in piena regola quella frase pronunciata da Enrico Letta alla a Settimana sociale dei cattolici italiani a Torino. Sicuramente non era nelle intenzioni del Premier mancare di rispetto a nessuno, ma sicuramente è stata un’uscita poco felice: “Quando andavo a scuola io negli anni ’70 – ha spiegato Letta – eravamo tutti bianchi, direi quasi ariani”.

E se qualcuno può ricondurre quella frase alla dottrina cristologica condannata come eretica nel IV secolo, sicuramente il riferimento durante una manifestazione cattolica non è certo dei migliori. Ma forse il Presidente del Consiglio faceva invece riferimento alle teorie sulla razza rese tristemente celebri dal nazismo.

Peccato per Letta che fino a quel momento invece aveva fatto un discorso pacato e in linea con il pubblico presente in sala ricordando che:

“Oggi le scuole sono luoghi in cui i nostri bambini, se Dio vuole, imparano da subito la presenza di colori diversi intorno a loro e danno a noi adulti un messaggio di candore e semplicità che dobbiamo imparare a cogliere”.

Il rischio Anisakis e il nuovo cartello in pescheria

pesce-crudo-tuttacronaca

INFORMAZIONI AL CONSUMATORE PER UN CORRETTO IMPIEGO DI PESCE E CEFALOPODI FRESCHI

In caso di consumo crudo, marinato o non completamente cotto il prodotto deve essere preventivamente congelato per almeno 96 ore a – 18 °C in congelatore domestico contrassegnato con tre o più stelle.

Questo sarà il cartello che molti consumatori di pesce troveranno in pescheria. La misura è stata presa dal Ministero della Salute con il decreto 17 luglio 2013. Lo scopo è di limitare ulteriormente il rischio di anisakidosi. Questa patologia può colpire chi consuma prodotti ittici crudi o poco cotti, contaminati da larve di Anisakis, un parassita sempre più diffuso nel Mediterraneo. Il cartello si deve ritenere valido solo se si intende mangiare pesce crudo o non completamente cotto, quindi ad esempio se si intende fare il sushi o un carpaccio di spigola, non ci sono pericoli se il pesce viene invece cotto anche se l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) suggerisce che si deve portare la parte più interna del pesce ad una temperatura superiore a 60 °C per almeno un minuto.

Secondo il Ministero il cartello deve essere posizionato in un luogo ben visibile e avere caratteri tipografici adeguati. Secondo il legislatore la congelazione va fatta in un freezer a tre o più stelle. La disposizione è pensata per il consumo di pesce crudo in casa dove abitualmente non si utilizzano abbattitori di temperatura, presenti invece nelle cucine dei ristoranti che permettono di ridurre il tempo di congelazione.

In questa prima fase la norma non è rivolta a crostacei (gamberi e scampi) e molluschi come tartufi ed ostriche. 

Bieber diventerà Robin?

justin-beiber-robin-batman-tuttacronaca

Che Bieber sia un fan di Batman, non è una novità. Per il suo 19° compleanno il padre gli ha anche regalato una Bat bici fatta su misura. Ora però sembrerebbe che il sogno di Bieber possa diventare realtà e che lui potrebbe essere scelto come Robin nel prossimo film della serie. Intanto sul suo profilo Instagram ha postato una foto dello script Batman vs Superman. Naturalmente anche l’hashtag fa presagire che qualcosa sta per accadere a #Robin!

Ma c’è anche chi ritiene che sia solo una burla. Poche ore prima della foto, Bieber ha pubblicato su Twitter il seguente cinguettio: “Off to do something funny or…die :)” (sto per fare qualcosa di divertente… o morire) ma Funny or die è il famoso sito che realizza parodie, spesso, utilizzando anche attori famosi.

E’ stato uno scherzo o davvero Bieber diventerà Robin? Scatterà sulla rete il tam tam di chi lo adora e di chi invece avrebbe preferito una ltro volto in quel ruolo?

Il fratello di Lamela rapito a Buenos Aires

erik-lamela-fratello-tuttacronaca

Il fratello diciottenne di Erik Lamela, l’attaccante argentino che poche settimane fa è stato ceduto dalla Roma al Tottenham Hotspur, è stato vittima di un sequestro lampo nella periferia di Buenos Aires, informano i media locali citando fonti della sicurezza. Il fratello di Lamela sarebbe stato fermato da uomini armati nella località di Vicente Lopez, a nord della capitale argentina, tenuto prigioniero per qualche ore nella baraccopoli di Villa Rana e liberato dopo che la sua famiglia ha pagato un riscatto di 5 mila pesos, poco più di 650 euro. Fonti della polizia citate dai media argentini sostengono che probabilmente il fratello di Lamela è stato scelto dai sequestratori non a causa della sua parentela con il giocatore, ma piuttosto perché era al volante di un suv Bmw.

Scossa di terremoto in Umbria

terremoto-umbria-tuttacronacaAlle ore 8:17 un terremoto di magnitudo 2.3 è stato registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel distretto sismico del Bacino di Gubbio. L’evento ha avuto ipocentro a una profondità di 7.5 km mentre l’epicentro è stato localizzato in provincia di Perugia, nelle vicinanze di Gubbio. Altri comuni nel raggio di 20 km dall’epicentro sono Cantiano, Costacacciaro, Pietralunga, Scheggia e Pascelupo e Sigillo.

“Esiste una stanchezza dell’intelligenza astratta …

stanchezza-tuttacronaca… ed è la più terribile delle stanchezze. Non è pesante come la stanchezza del corpo, e non è inquieta come la stanchezza dell’emozione. È un peso della consapevolezza del mondo, una impossibilità di respirare con l’anima.”

-Fernando Pessoa-

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: