“Scrutiamo tanto volentieri nel futuro, …

incertezza-tuttaconaca… perché tanto volentieri volgeremmo a nostro favore, con taciti desideri, ciò che in esso oscilla, l’incerto.”

-Johann Wolfgang Goethe- (Le affinità elettive, 1809)

Annunci

Svelati i segreti dei sacrifici dei bambini Inca… le mummie danno risposte

doncella de Llullaillaco-tuttacronaca

Bambini di età compresa dai 6 ai 15 anni, selezionati accuratamente tra i più puri e sani del villaggio, quindi portati via dalla propria abitazione, nutriti del cibo migliore e, dopo alcuni mesi, condotti in cima a una montagna, a 6000 metri di altitudine e soffocati, uccisi con un colpo alla testa o bruciati vivi… in ogni caso sacrifici agli dei. La cerimonia sacrificale segnava, per lo più gli avvenimenti più importanti del popolo Inca, legato per lo più alla vita dell’imperatore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma se questa è una storia conosciuta, è invece una novità apprendere alcuni dettagli che sono emersi grazie alle analisi condotte dai ricercatori dell’Università di Bradfordsui capelli di tre mummie rinvenute nel 1999 in prossimità della cima del vulcano Llullaillaco, in Argentina. Secondo l’archeologo Andrew Wilson sarebbero le mummie meglio conservate al mondo. Si tratta di bambini di 6, 7 e 13 anni, sacrificati circa 500 anni fa in occasione di una tipica Capacocha.

In particolare le analisi si sono concentrate sulla ragazzina di 13 anni, conosciuta come “la doncella de Llullaillaco”. Lei era sicuramente la più consapevole eppure il suo volto era rilassato e la posizione, seduta a gambe incrociate, sono elementi importanti da dover considerare. In particolare sembra quasi che la giovane si sia addormentata, più che sia morta uccisa in un rito sacrificale. Ciò che in realtà emerge dallo studio chimico dei suoi capelli ancora perfettamente intrecciati, è che circa un anno prima della sua morte, presumibilmente in coincidenza con la sua elezione al rango di vittima sacrificale, la sua dieta si era arricchita di mais e proteine animali e aveva cominciato ad assumere dosi massicce di alcol e droga, in particolare birra di mais e foglie di coca. Il consumo di queste sostanze, allo stesso tempo sedanti e inebrianti, era aumentato notevolmente all’avvicinarsi del sacrificio. Pur avendo riscontrato le stesse sostanze nei capelli dei bambini più piccoli, non vi è traccia in loro dello stesso incremento.

La differenza ha affascinato gli studiosi, che hanno ipotizzato che la ragazzina, più consapevole e quindi spaventata dal suo destino imminente, cercasse conforto sedandosi, o che fosse incoraggiata o costretta a farlo, in modo da renderla più facilmente manipolabile. Non è da escludere che ciò fosse legato al suo coinvolgimento in cerimonie preparatorie, dove il consumo di birra e coca era frequente.

Da One direction a giocatore, Louis Tomlinson, firma con squadra di serie B

louis tomlinson-1d-tuttacronaca

Sembra quasi incredibile eppure Louis Tomlinson, star della boy-band One Direction, ha firmato per i Doncaster Rovers, squadra inglese in Championships (serie B).

”Un sogno che diventa realta”’, ha commentato il cantante, tifoso da sempre dei Rovers a cui è stata data una maglia personalizzata con il numero 28. ”Mi sento onorato di questa offerta – ha detto Tomlinson -. Per me ha un significato particolare perchè ho sempre fatto il tifo per questa squadra. Spero di poter aiutare il club e anche la charity Bluebell Wood’‘.

Poi il cantante è voluto tornare indietro con al memoria e ricordare quando lavorava come venditore di hamburgher e bibite allo stadio: ”Servivo hamburger prima e durante la partita, c’era un caos formidabile”.

E’ improbabile comunque che il manager del Doncaster, Paul Dickov, lo utilizzera’ in partite ufficiali: ”Ma la presenza di Louis accrescera’ il profilo del club, e’ una notizia fantastica. Dobbiamo ancora conoscere i suoi impegni ma mi aspetto di poterlo allenare a settembre”.

L’esercito di Silvio forse fraintende la sentenza ed esulta… poi s’indigna!

esercito-di-silvio-processo-mediaset-tuttacronaca

La tensione gioca un brutto scherzo all’Esercito di Silvio, quei pochi sostenitori che si erano riuniti in attesa vicino alle transenne a pochi passi da via del Plebiscito, che esulta mentre viene letto il verdetto della cassazione sulla sentenza Mediaset.

Le bandiere di Forza Italia sventolano non appena il giudice dice annullamento, poi pian piano vengono ammainate e il clima cambia:

Twitter di Grillo dopo la sentenza mediaset: Berlusconi è morto. Viva Berlusconi

beppe-grillo-twitter-tuttacronaca-sentenza-berlusconi

Beppe Grillo su Twitter ha commentato la sentenza sul processo Mediaset scrivendo: “Berlusconi è morto. Viva Berlusconi.” Pochi minuti dopo un secondo tweet: “Il pdmenoelle è oggi senza stampelle, senza maschera, senza rete, senza l’amico di sempre.”

Barcellona 2013: nulla di fatto oggi per l’Italia

Luca-Dotto-tuttacronacaNon ce l’ha fatta Luca Dotto nella finale 100 stile libero: solo ottavo in 48 e mezzo, al di sotto delle sue possibilità. Troppo alto da superare l’ostacolo della semifinale, invece, Federico Turrini, 200 dorso, 5 in batteria in mattinata ma 8 nella sua semifinale. Si era aggiudicata la finale anche la staffetta femminile della 4×2, ma anche per le nuotatrici azzurre oggi non c’è stata gara contro la supremazia delle altre nazioni.

Nei giorni scorsi è terminata anche la gara di tuffi dalle grandi altezze (27 metri) maschile, che ha incoronato il 39enne colombiano Orlando Duque. Ma lo spettacolo non è mancato neanche dopo…

LA SENTENZA: COLPEVOLE! Il condannato condannerà il paese? Cade il divo B.

sentenza-mediaset-tuttacronaca-cassazione

Colpevole Da Cavaliere a gambero? Mediaset torna in appello!

La sentenza di oggi rimarrà nella storia e non solo in quella giuridica, ma come un passo importante del nostro Paese. Come tutti sappiamo le opzioni erano tre: rinvio, condanna o assoluzione… e il cilindro! Ma già dalle scorse ore i bookmakers davano in vantaggio quest’utima ipotesi, puntano sull’assoluzione di Berlusconi che si giocava a 1.25 mentre la conferma della condanna si giocava a 2.95. E c’è chi, come Paddy Power, aveva fatto un’ironia pesante per promuovere il suo casinò online, affiggendo un enorme telone pubblicitario su uno dei palazzi che costeggia la piazza delle colonne di San Lorenzo, a Milano. Sopra la scritta: “Se nei prossimi sette anni ti serve evasione, su Paddypower.it/Arcore trovi tutto il divertimento che vuoi”.

Nella mattinata di martedì il titolo Mediaset in borsa era volato facendo segnare un +3,88% e raggiungendo la quota di scambio di 3,36 euro. Anche Mondadori guadagnava il 3%. Piena fiducia nell’assoluzione del Cav confermata nel primo pomeriggio del 30 luglio, dalla dichiarazione fiduciosa dell’avvocato dell’ex premier Franco Coppi che diceva: “Puntiamo all’assoluzione”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Era nell’aria ed è arrivata…

la sorpresa Silvio Berlusconi condannato! Quell’ombra indelebile sui cieli del nostro Paese, che da tempo ci è calata in testa e ci ha mostrato al mondo come un popolo di evasori impenitenti e impuniti, non continuerà più ad offuscare la nostra immagine. Per coloro che speravano nell’assoluzione ora sarà l’ennesima occasione per trasformare, attraverso un nuovo processo mediatico, Silvio Berlusconi in vittima sacrificale. Cosa succederà ora al governo? Quali saranno i nuovi equilibri e quali i nuovi giudizi? Solo la storia a cui spetterà il giudizio a posteriori potrà dire veramente che valenza politica ha avuto la sentenza di oggi.

 Ora il Cav dovrà fare il gambero e tornare in secondo grado per la pena accessoria di interdizione!

IL BALLETTO DEL CARABINIERE DURANTE L’ATTESA:

Un carabiniere mentre attende il verdetto sembrerebbe accennare un balletto.

IL VIDEOMESSAGGIO DI BERLUSCONI:

Silvio Berlusconi parla in un videomessaggio subito dopo la condanna definitiva della Cassazione nel processo Mediaset.

Questi i passaggi più esaustivi dell’intervento:

“Dal ’92-’93 c’è stata un’azione condizionata e fuorviante da parte della magistratura che ha preteso di assurgere un ruolo rinnovamento morale in nome di una presunta innovazione etica”.

“Nessuno può comprendere la carica di violenza che mi è stata riservata in seguito ad una serie di accuse e processi” che non avevano fondamento: è un “vero e proprio accanimento giudiziario che non ha uguali”.

”Dal male cerchiamo come sempre di fare uscire un bene: ora spero che i miei 50 processi e questa sentenza facciano aprire gli occhi agli italiani che non sono stati consapevoli della realtà del Paese e che hanno sprecato il loro voto”.

Miss Islanda apre le porte a tutti… anche alle 80enni e a qualche uomo!

miss-islanda-uomini-iscritti-tuttacronacaIn Italia c’è stato il boicottaggio di Miss Italia, con lo sfratto della kermesse dai palinsesti Rai e ora la guerra contro la mercificazione del corpo femminile si è spostata in Islranda, dove va in scena accompagnata da una buona dose di ironia. Infatti le attiviste per i diritti delle donne hanno preso la palla al balzo quando l’organizzatore, Raf Rafnsson, ha rivisto il regolamento spiegando che, dal momento che il suo è “un Paese moderno e aperto e non voglio che ci fossilizziamo sullo stereotipo della donna islandese alta 1,73, bionda e con gli occhi azzurri”, la gara viene “aperta a tutti”. Ecco allora che la contestazione colpisce… dall’interno! Tra gli iscritti appaiono anche la parlamentare socialdemocratica Sigribur Inbibjorg Ingadottir, aspiranti Miss di 80 anni, donne sposate, una donna pastore e anche qualche uomo. In totale, le domande di iscrizione sono 1300 e un’attivista, Hildur Lilliendhl, ha spiegato: “Volevo scendere in piazza – ha detto una nota attivista. Ma poi ho scelto la strada dello humour. E mi sono iscritta”. Con quella loro dichiarazione di “aperta a tutti”, gli organizzatori si sono complicati la gestione della vicenda e stanno facendo retromarci spiegando che la gara è aperta, ma restano i paletti fondamentali, tipo che le candidate devono avere tra i 18 e i 24 anni, non essere sposate e non avere figli. Ma tra le critiche arrivano anche le voci pro-manifestazione, come quella di Iris Jonsottir, reginetta nel 2011, che racconta: “Grazie a questo titolo ho potuto girare il mondo e conoscere tante ragazze. Questo concorso offre tante opportunità a una donna”.

Auto in bilico… ci si interroga come possa esserci finita!

incidente_milano-tuttacronaca

Sembrerebbe quasi un foto montaggio o una scena da film l’auto in bilico fotografata a Milano. Una Panda infatti si trova in bilico sulle auto in sosta quasi fosse piovuta dal cielo.  Incidente spettacolare e dalla strana dinamica a Sesto San Giovanni, ieri mattina. Lo scontro è avvenuto in via Enrico Marelli, ma per fortuna non ci sono stati feriti. I vigili urbani stanno cercando di ricostruire la dinamica che possa aver avuto tale esito.

In Bulgaria si protesta con le piscine in piazza

Bulgaria-fa-caldo-manifestanti-in-piazza-con-piscine-gonfiabili-e-ombrelloni-tuttacronaca

Da mesi a Sofia si protesta contro il governo di sinistra che ora si trova a guidare il paese in mezzo alle polemiche e alle accuse di essere un‘oligarchia corrotta. Ma in questi giorni in cui il paese è stretto nella morsa del caldo anche per i manifestanti diventava faticoso poter sostenere la piazza e continuare le dimostrazioni di dissenso… così hanno deciso di gonfiare piscine, tirare fuori ombrelloni, asciugami e parei. E la protesta continua…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per far passare una tartaruga all’aeroporto… la traveste da hamburger!

tartaruga-hamburger-tuttacronacaDisavventura per una piccola tartaruga all’aeroporto internazionale cinese Guangzhou Baiyan. Il suo proprietario, che si fa chiamare Li, per poterla portare con sè ha deciso di contrabbandarla trasformandola in un hamburger di KFC, imbottendone la corazza con hambruger, pomodori e insalata. Interrogato dal personale di terra, l’uomo ha negato la presenza dell’animale: “Non c’è nessuna tartaruga, non c’è bisogno di guardare dentro. E’ solamente un hamburger!”. E se l’uomo è stato costretto ad arrendersi all’evidenza dei fatti, possiamo solo immaginare cosa possa aver pensato la simpatica creaturina: sicuramente ha sentito la nostalgia dei suoi simili!

Proiettili Cia uccisero JFK, spunta anche un fucile italiano fabbricato da Gladio

jfk assassinio-tuttacronaca

I proiettili usati a Dallas per uccidere John F. Kennedy nel 1963 erano stati prodotti da una ditta Usa nel 1954 “per conto della Cia” e i documenti del Sifar sull’arma del delitto, un fucile italiano, “fabbricati da Gladio”. E’ quanto emerge dai documenti citati in “Kennedy deve morire” di Claudio Accogli disponibile su Amazon. Gladio “era una struttura estranea alla Nato e al servizio della Cia”, dimostrano le carte pubblicate nel testo.

Il ministro dell’integrazione non va alla festa della Lega

kyenge-non-partecipa-a-festa-lega-tuttacronaca

La Kyenge declina l’invito e dice che rimangono aperti gli spiragli per una sua partecipazione ma al momento non ci sono i presupposti per cui ciò avvenga. In mattinata si era assistito anche allo scontro Bossi – Maroni, in cui l’ex segretario del Carroccio si diceva contrario alla partecipazione del ministro dell’integrazione a una festa che doveva essere invece del popolo dalla camicia verde. L’ennesima integrazione mancata?

Manning e Snowden i destini incrociati di due eroi o di due delatori?

snowden-manning-tuttacronaca

Come da sempre ci insegna la storia occorrono anni prima che si possa poi, quando ormai il tempo fa prendere la giusta distanza dagli eventi e gli interessi economici e politici vanno via via scemando, fare un’analisi oggettiva. Ci sono argomenti, invece, sui quali nonostante passano decenni  un oggettività non si raggiunge mai e gli schieramenti tra sostenitori e contrari restano a dividere l’opinione pubblica. Sarà forse il caso di Snowden e Manning? Probabilmente lo sarà… Nessun europeo riuscirà, nel profondo a capire perchè un crimine di guerra denunciato possa diventare invece un atto di spionaggio. Per assurdo,  nel caso del militare americano, le vittime che hanno subito soprusi sembra quasi che siano diventati i carnefici che hanno costretto Manning al carcere. Eppure c’è chi è pronto a sostenere che Manning non avrebbe mai dovuto rivelare alcune informazioni, neppure se si trattava di 12 civili disarmati uccisi da due Apache americani. Perché? Perché è un problema di fedeltà alla patria, di rispetto per il proprio paese, di lealtà… ma quale paese civile, democratico e leale ucciderebbe su un territorio straniero martoriato da una guerra 12 civili indifesi?  Improvvisamente però, scoppia il caso Snowden, un nuovo delatore che stanco dei soprusi questa volta perpetrati dagli americani, anche contro i propri stessi cittadini, si ribella e fa scoppiare il datagate… dopo mesi di incertezza passati all’aeroporto Sheremetevo di Mosca ottiene finalmente un asilo temporaneo in Russia. Ora Snowden sarebbe diretto «in un luogo sicuro», ma «segreto», che non sarà rivelato.

E’ notizia delle ultime ore che la talpa del Datagate si pronuncerà oggi sul caso del soldato Bradley Manning, giudicato «traditore» da un tribunale Usa per il caso Wikileaks. Lo riferisce il sito web di Julian Assange che pubblica cablogrammi diplomatici segreti.

Il deputato di Fratelli d’Italia Cirielli indagato

edmondo-cirielli-tuttacronacaLa Procura della Repubblica di Salerno indaga sull’ex presidente della Provincia di Salerno, ora deputato di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli. Il politico è indagato per corruzione aggravata e abuso d’ufficio aggravato. Cirielli, in passato, ha anche ricoperto la carica di presidente della commissione Difesa della Camera.

Fuoco a Livorno, fiamme e paura in un palazzo di 7 piani

vigili-del-fuoco-appartamento-livorno-tuttacronaca

Fiamme in un palazzo in via Liverani a Livorno dove intorno alle ore 12 si è sviluppato un incendio e quattro abitanti, tra cui due bimbi e una nonna, sarebbero stati ricoverati in ospedale per intossicazione. Dovrebbe essere essere stato proprio un bimbo a dare l’allarme affacciandosi alla finestra e gridando. Sul posto immediatamente sono arrivate le squadre dei vigili del fuoco e il 118 che hanno dato il via all’ordine di evacuazione. Ora si è aperto un fascicolo per capire le cause dell’incendio.

Scomparsa inquietante: da due settimane non si hanno notizie della Miss

allison_benitez_scomparsa-tuttacronacaE’ allarme in Francia per la misteriosa scomparsa di Allison Benitez e la madre Maria. La “scomparsa inquietante” è avvenuta a Perpignan e la polizia è in allerta. La 19enne è una giovane aspirante reginetta di bellezza che, assieme al genitore cinquantenne, non dà notizie da due settimane: l’ultimo contatto con la famiglia è avvenuto il 14 luglio, in mattinata. Ora i cellulari risultano spenti, le pagine sui social network sono ferme, le carte di credito non sono state utilizzate, persino la macchina che normalmente usano non si è mossa dal garage. La ragazza è candidata al titolo di Miss Roussillon, un concorso regionale che permette di accedere a quello per la corona di Miss Francia. La preoccupazione di amici e familiari è aumentata quando Allison non si è presentata a un’importante riunione di preparazione al concorso di bellezza. La ragazza, infatti, era “molto motivata” a partecipare alla selezione. Cindy Filipiak, delegata locale dell’organizzazione di Miss France, ha speigato che “Era la più motivata delle candidate”, aggiungendo: “di solito se aveva due minuti di ritardo mi chiamava. Ora temo il peggio”. Aperta dalla procura di Perpignan un’inchiesta per “scomparsa inquietante”. E’ anche stato lanciato un appello ad eventuali testimoni. Nella giornata di ieri sono arrivate alcune segnalazioni, ma le verifiche non hanno finora dato alcun esito.

Il video del M5S: citano la supercazzola e Amici Miei

Quagliariello-m5s-supercazzolla-tuttacronacaIl Movimento 5 Stelle ha pubblicato, sul suo canale YouTube Parlamento, l’intervento del ministro Quagliariello in Commissione Affari Costituzionali.

”Pur di prendere tempo e far slittare il finanziamento ai partiti, il ministro disquisisce sul nulla per ore”, spiega la didascalia che accompagna il video che, come scrive “Repubblica” citando il mitico film “Amici Miei”, appare essere una vera e propria “supercazzola”. 

  

Trovati batteri nel latte, aperta indagine a Torino.

campylobacter-latte-torino-tuttacronaca

Sarebbe uno dei batteri più comuni che causano la gastroenterite nell’uomo, campylobacter jejuni, quello ritrovato dall’Istituto zooprofilattico di Torino in un campione di latte crudo prelevato in un distributore in un centro commerciale di prodotti alimentari di qualità del capoluogo piemontese. Sull’accaduto indaga il pm Raffaele Guariniello, che ha iscritto nel registro degli indagati per violazione della legge sugli alimenti il titolare di un’azienda agricola della provincia.

Italia terra di conquista? Comprare un’azienda francese è quasi impossibile!

grafica-veneta-cpi-france-tuttacronaca

Noi siamo terra di conquista per i francesi, ma se sono gli italiani a voler “salvare” e acquisire una ditta francese oltralpe la storia cambia. A raccontarlo è  Fabio Franceschi, presidente della Grafica Veneta (società che stampa tra l’altro il magazine per il New York Times, il brasiliano O Globo, lo spagnolo El Pais e la russa Pravda), al Corriere di Padova, raccontando la sua esperienza dopo mesi di tentativi per acquisire il gruppo francese Cpi colosso da 3600 dipendenti:  «Stiamo lavorando da sei mesi a quest’operazione, sono coinvolti 21 avvocati». La trattativa però non è affatto conclusa, perché i francesi stanno ponendo, secondo Grafica Veneta, numerosi ostacoli: “Grafica Veneta può contare su 350 mila euro di ricavi per dipendente, Cpi ne fa 130 mila a dipendente. Serve una ristrutturazione, è evidente, ma noi puntiamo a non lasciare a casa nemmeno un collaboratore e a investire 100 milioni in un anno per trasferire la nostra tecnologia”. L’impegno finanziario non sembra affatto spaventarlo ma anzi, rilancia: “Grafica Veneta può affrontarlo usando, per la metà del valore, la sua cassa e per metà a debito senza portare la leva oltre il tre per cento. La cosa che, a questo proposito, mi ha fatto molto piacere è che tutti i nostri fornitori ci hanno già fatto sapere che sono con noi. Dai primi cinque editori al mondo alle cartiere”.

Insomma sembrerebbe sempre più valida l’ipotesi che l’Italia sia una terra di conquista e che invece non possa, come sarebbe giusto ed equo in un’Europa senza più confini, ambire a rilevare, ristrutturare e rilanciare un’azienda francese… non sarebbe un tema su cui discutere ai vertici europei e trovare una normativa comune che consenta agli imprenditori di avere regole certe e comuni in tutta la zona euro? Forse gli italiani all’estero possono piacere solo quando si lasciano comprare?

 

Guido BERTOLASO e Angelo BALDUCCI INDAGATI per il G8 a LA MADDALENA

Bertolaso-guido-tuttacronaca

Nel giorno della sentenza Berlusconi per il Processo Mediaset arriva la notizia che Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione civile,  insieme ad Angelo Balducci, l’ex presidente del consiglio superiore dei lavori pubblici, e altre 16 persone sono stati  indagati per  falso in atti pubblici, truffa ai danni dello Stato e inquinamento ambientale per i lavori di bonifica mai realizzati a La Maddalena in occasione del G8 del 2009, poi trasferito a L’Aquila. La notizia questa mattina è stata riportata da La Nuova Sardegna.

 Gli altri indagati per il lotto numero 7, quello che prevedeva la bonifica di uno specchio di mare ampio 60mila metri e costato oltre sette milioni di euro – secondo quanto riferisce il quotidiano sardo – sono l’ex capo della struttura di missione per il G8 Mauro Della Giovanpaola, il direttore dei lavori Luigi Minenza, l’ingegnere e direttore operativo Riccardo Miccichè, il responsabile unico del procedimento Ferdinando Fonti, i due dirigenti della Cidonio Spa, Marco Rinaldi e Matteo Canu, il provveditore per le opere pubbliche, Patrizio Cuccioletta, la componente (con il collega Andrea Giuseppe Ferro) della commissione di collaudo Valeria Olivieri e il segretario della commissione, Luciano Saltari, il provveditore ai lavori pubblici per la Toscana Fabio De Santis, il sismologo già condannato per il terremoto in Abruzzo Gian Michele Calvi, il responsabile nazionale dell’Ispra Damiano Scarcella e Gianfranco Mascazzini, direttore generale della qualità della vita del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.

Stando alle indagini portate avanti per oltre due anni dai carabinieri del Noe di Sassari, Guardia costiera e Arpa Sardegna, con la consulenza di un pool di esperti in inquinamento ambientale, i 17 indagati non avrebbero riqualificato l’area anzi avrebbero ampliato l’inquinamento in aree sino ad allora pulite, come ad esempio con la distruzione del “molo Carbone”, che ha visto la demolizione del manufatto, i cui detriti sono stati lasciati sul fondo del mare.

Juve e Milan finiscono ko contro Everton e Manchester

ko-juve-milan-tuttacronacaHa perso ai calci di rigore contro l’Everton la Juve, al suo esordio nella tournèe americana. Dopo i 90 regolamentari, le due squadre eano in parità per 1 rete a 1, firmate da Mirallas al 61′ per gli inglesi (incursione solitaria e conclusione di sinistro sul primo palo) e Asamoah all’80’ (gran botta di sinistro da fuori). Fatali dal dischetto un tiro fuori di Pirlo e un penality di Peluso che si fa parare. I ragazzi di Conte non hanno ancora assorbito i carichi di lavoro della preparazione ma note positive si hanno avute da Vidal e Ogbonna. Bene anche Storari che è riuscito a parare un rigore, anche se non è stato sufficiente. La squadra comunque non è per nulla allarmata dal risultato anzi, ha avuto anche modo di godersi i rigori soprattutto quando un fan si è precipitato in campo per tentare il tiro: alla panchina bianconera non è rimasto che divertirsi per l’inaspettato show.

Cinque sono le reti che il Manchester City ha infilato al Milan nel primo tempo della partita del torneo Audi Cup. Allegri è comunque sereno: “Con così tante assenze, questi incidenti possono capitare. Ma evitiamo inutili allarmismi. Nella prima mezz’ora abbiamo fatto male: molti dei ragazzi non avevano mai giocato in uno stadio così, forse è subentrato un po’ di timore. Ma poi c’è stata la reazione e sono contento. Bisogna arrivare pronti per la Champions”. Riguardo ha come ha giocato la squadra: “Non abbiamo fatto un contrasto, li abbiamo lasciati giocare troppo. Bisogna fare meglio sotto l’aspetto caratteriale. Certo, non è facile venire qui e giocare contro una delle quadre più forti d’Europa. Senza nazionali e con gli infortunati rimasti a Milanello si poteva rischiare in questo senso. Ma poi c’è stata una reazione e siamo tornati vivi”. Non sono mancate le occasioni per rientrare in partita: “Già alla fine del primo tempo potevamo essere 5-4, ma anche in avvio di ripresa abbiamo avuto tre palle limpide per segnare-. Alla fine è stato un buon test, non potevamo pensare di dominare il City: De Jong sta crescendo, come Muntari. Anche El Shaarawy e Petagna hanno fatto bene”. Ma il ct ha in mente le partite che contano: “E’ fondamentale farci trovare pronti per il primi impegno ufficiale in Champions. La tournée in America ci farà ritrovare giocatori importanti come Balotelli e Montolivo. Di fronte a partite come quelle di stasera non bisogna allarmarsi, né ci si deve entusiasmare quando si vince a Valencia. Abbiamo intrapreso un percorso e va portato avanti con serenità. Abbiamo bisogno di lavorare tutti insieme”.

Il grande grattacapo di Marino: la discarica!

rifiuti-roma-marino-sindaco-tuttacronaca

Marino sta puntando molta della sua politica sulla pedonalizzazione dei Fori e su una città ecosostenibile, ma resta il problema della discarica. Dopo Malagrotta, c’è il nulla… Era stata individuata la zona Selvotta, tra  Laurentino e Ardeatino, ma sono state immediate le proteste dei residenti. Marino cosa fa? Si è preso tempo e ha chiesto 72 ore. Ma intanto l’affaire Selvotta è già arrivato in Parlamento e si parla già di effettuare un’indagine conoscitiva  per via della “popolazione in allarme”. Ma le indagini conoscitive non erano già state effettuate dalla precedente amministrazione?

 ”Stiamo studiando e l’assessore all’Ambiente sta analizzando con cura la documentazione del commissario Sottile. – così il sindaco di Roma che poi ha aggiunto – È evidente che di tratta di una scelta che dal punto di vista tecnico-scientifico e dell’impatto sulla salute va valutata attentamente. Credo che nell’arco di 72 ore i tecnici di Regione e Comune avranno terminato le loro valutazioni e prenderemo serenamente tutti insieme una decisione”.

Ma gli abitanti sono subito partiti con blocchi e presidi e l’affaire Selvotta è già arrivato in Parlamento.

“L’ipotesi di realizzare una discarica, nel municipio Roma IX – osserva Giuseppe Marinello,  il presidente della commissione Ambiente del Senato – nelle aree comprese tra via Laurentina e via Ardeatina ed in particolare in località Selvotta e località Falcognana a seguito della chiusura di Malagrotta, crea una forte agitazione sociale nella popolazione”.

“Il rischio ambientale – prosegue il senatote del Pdl – è fortissimo è per questo che chiedo se siano state valutate, ed in base a quali criteri, possibili soluzioni alternative”.

“Gran parte del quadrante Laurentina-Ardeatina è stato sottoposto a vincolo paesaggistico con la dichiarazione di notevole interesse pubblico – spiega Marinello – l’eventuale scelta di dislocare un impianto per trattamento dei rifiuti e una discarica, potrebbe arrecare un danno enorme alla zona”. Per questo, conclude, “la commissione Ambiente del Senato avvierà al più presto un’indagine conoscitiva”.

1 agosto: esodo per le vacanze al via

esodo-tuttacronacaRimini, Gallipoli e Riccione. Sono queste le locaità più gettonate dell’estate 2013, almeno stando al motore di ricerca Trivago, che ha analizzato le ricerche effettuate dagli italiani per il periodo agosto-settembre e stilato la classifica delle mete nostrane ed estere più cliccate. Per quel che riguarda l’estero, occhi puntati sulle isole spagnole (in particolar modo Formentera e Palma di Maiorca) e greche, mentre risale in classifica anche la Croazia. Buona posizione anche per Sharm el-Sheikh, nonostante gli avvenimenti delle ultime settimane. Ma parlare di ferie, che quest’anno avranno una durata media di sei giorni, equivale anche a portare l’attenzione sull’esodo: treni pieni, lunghe file nelle autostrade, aeroporti gremiti e metropoli vuote.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Esplode la batteria di un Samsung Galaxy S4: casa in fiamme

galaxy_s4_fire-tuttacronacaUn sito cinese, Xianguo.com, riporta la storia del signor Du, residente a Hong Kong. L’uomo stava seguendo la televisione quando la batteria del suo Samsung Galaxy S4 è esplosa. “Stavo guardando un programma, la batteria è esplosa, istintivamente l’ho presa e lanciata sul divano, il divano ha preso fuoco e poi sono scappato.” Da quel momento, le fiamme sono divampate incendiando l’abitazione. Ma non è il primo incidente causato dalle batterie di questi cellulari. Una ragazza svizzera, il cui Galaxy S3 le era esploso in tasca, ha riportato ustioni di terzo grado, mentre l’anno scorso un uomo di Dublino ha dichiarato che il suo Galaxy S3 aveva preso fuoco mentre era appoggiato sul cruscotto della sua auto. Secondo Samsung, la colpa è da imputare all’utilizzo di prodotti non ufficiali ma il signor Du ha dichiarato che il suo cellulare il caricabatterie e la batteria erano tutti autentici. Non è solo questa marca, però, ad essere vittima di incidenti: nel mese scorso una donna cinese è stata uccisa da una scarica elettrica partita dal suo iPhone 5.

British heart foundation e la ricerca sulle malattie cardiovascolari, quasi arte

British heart foundation-tuttacronaca

Immagini suggestive del cuore e vasi sanguigni che diventano quasi opere d’arte, ma che invece sono risultato della ricerca sulle malattie cardiovascolari che la stessa fondazione, British heart foundation, contribuisce a finanziare, grazie alle donazioni. Quest’anno i vincitori del contest “Reflections of research 2013” sono stati:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le rubano il cellulare, lei apre un blog con le foto del ladro

iphone_drop-tuttacronacaUna turista tedesca ha scoperto che le avevano rubato il cellulare durante lei si godeva un bagno di mezzanotte. Ma l’autore del furto non si è reso conto che la proprietaria dello smartphone aveva installato l’app Dropbox sul telefono. L’incauto ragazzo, volato a Dubai, ha quindi iniziato ad utilizzare il suo “bottino” per scattare delle foto, ignorando il fatto che tutte vengono scaricate sulla casella della sua vittima. La giovane tedesca ha così deciso di aprire un blog, “Vita di uno sconosciuto che ha rubato il mio telefono”, dove posta ogni giorno gli scatti del ladruncolo.

ladro-blog-tuttacronaca

Secondo attacco a Milano, dopo il centro commerciale, spray urticante in metro

spray-urticante-metropolitana-san-babila-milano-tuttacronaca

Dopo l’episodio di ieri al centro commerciale “Il Globo” di Busnago, torna la paura in centro a Milano, dove il 118 è intervenuto perchè alcuni cittadini hanno riscontrato lievi sintomi d’irritazione agli occhi e alla gola  nella fermata della metropolitana di San Babila. le prime telefonate sono arrivate intorno alle 8.50 e sul posto oltre alle autoambulanze sono arrivate anche le volanti della polizia, dei carabinieri e dei vigili  del fuoco. Soccorse circa 30 persone di cui 3/4 in condizioni più serie, due delle quali sono state portate in codice verde all’ospedale.

Secondo i primi accertamenti, qualcuno potrebbe aver spruzzato uno spray urticante all’interno di un vagone, e i passeggeri, quando sono scesi, nel tragitto tra la banchina e le scale d’uscita, hanno cominciato ad avere tosse e bruciori.

Mario Monti si dimette da Scelta Civica poi ci ripensa… durerà?

mario_monti-dimissioni-scelta-civica-tuttacronaca

Le dimissioni sono avvenute alla drammatica assemblea che si è svolta tra mercoledì e giovedì notte, nella quale Mario Monti ha preso le distanze dal partito e ha presentato la sua decisione di rimettere il mandato da presidente del movimento. Poi implorato dai presenti ha fatto dietrofront. Ma secondo l’Ansa che ha parlato con il premier, l’addio è solo questione di tempo, forse qualche giorno, forse qualche mese.

Ubriaco uccide due donne in Sardegna

incidente-notturno-tuttacronaca

Gian Giuseppe Burrai, giovane di Galtellì, si è messo alla guida ubriaco e ha travolto la vettura che veniva nella direzione opposta. Nell’incidente avvenuto la notte scorsa, sulla vecchia statale Orientale Sarda, che da Galtellì conduce a Orosei, in provincia di Nuoro, hanno perso la vita 2 delle 4 persone che viaggiavano  sulla vettura. Le vittime sono due donne: Ivana Ramella, di 63 anni, milanese, e Marcella Turturro, di 65 di Alessandria, che viaggiavano sui sedili posteriori della loro Volkswagen Golf. Feriti i loro coniugi: Bruno Giaia, 67 anni, ricoverato in gravissime condizioni in rianimazione all’ospedale di Nuoro, e Luigi Ghisoni, 65 anni, che è il meno grave, con qualche trauma al capo. Le due coppie di turisti avevano trascorso la serata a Galtellì (Nuoro), assistendo allo spettacolo teatrale in programma al Castello di Pontes e rientravano a Cala Gonone, dove trascorrevano le vacanze.

Rapina a mano armata a casa dell’on. Antonio Angelucci

rapina-pistola-tuttacronacaDopo aver aggredito alle spalle, tramortendola e legandola con delle catene, la guardia armata che sorvegliava l’abitazione di Fregene di Angelucci, quattro uomini, probabilmente romeni, sono entrati nella casa, armati e con il volto coperto. L’onorevole e la compagna si trovavano fuori a cena, mentre erano nell’edificio la figlia di 4 anni e la tata che si è rivolta ai malviventi in romeno: secondo lei, hanno capito le sue parole. I rapinatori hanno chiesto alla donna dove fosse la bambina, poi l’hanno picchiata, immobilizzata e portata al piano di sotto. E’ stato un vicino, allarmato dalle grida della tata, a chiamare i carabinieri e a urlare a sua volta per allontanare gli aggressori, impegnati nel razziere preziosi e soldi. A questo punto i rapinatori sono fuggiti con la Ferrari dello stesso Angelucci. La modalità della rapina hanno fatto ipotizzare agli investigatori che si potesse trattare di un tentativo di sequestro.

Ordigno davanti a sexy shop ,arrestato un 26enne

sexshop-tuttacronaca

Gli agenti del  Commissariato di Gioia Tauro hanno arrestato Salvatore Infantino, 26 anni, già noto alle forze dell’ordine, per porto e detenzione illegale di ordigno esplosivo e danneggiamento aggravato. Il giovane ha piazzato un ordigno davanti a un sexy shop, distruggendolo e rendendo inagibile lo stabile. L’individuazione di Infantino è stata possibile attraverso le telecamere di sorveglianza.

 

Pitti show: sfilate, glamour e… nuovi look!

BeFunky_HDR_1

Uno sguardo all’Ungheria! Porta in tavola il gulasch

BeFunky_OrtonStyle_1

Vuoi saperne di più? Trovi la storia e la ricetta nella rubrica di cucina! Clicca qui!

Uno sguardo all’Ungheria… Il colonnello Redl di Istvàn Szabò

BeFunky_ViewFinder_9

Alfred Redl, quando nasce in Galizia, nessuno s’immagina che possa diventare colonnello dell’esercito austro-ungarico. Viene da una famiglia umile, ma grazie alla sua perseveranza e intelligenza riesce a entrare alla Scuola militare, per concessione dell’Imperatore Franz Joseph. A disagio con i nobili che frequentano l’istituto, cerca immediatamente un punto di riferimento che trova nel barone Christof von Kubinyi. Crescono insieme e la loro amicizia si consolida tanto che il barone lo introduce nella sua famiglia. Inizia ora l’ascesa del giovane che attraverso conoscenze, capacità di comando e compromessi riesce in breve tempo a diventare ufficiale dell’esercito austroungarico. Redl è uomo del suo tempo,  di un impero corrotto e in profonda crisi. Una crisi anche di identità, la stessa che prova Alfred e che lo porterà nel mondo decadente e gaio della Belle Époque, fatto di champagne, duelli, orge nel casino degli ufficiali, valzer di Strauss e corti marziali.

Il protagonista, segretamente innamorato di del barone von Kubinyi, cercherà di restare sempre in contatto con l’amico fin quando non sarà costretto a troncare l’amicizia quando Christof rivendicherà le sue origini ungheresi.  La paura di Alfred di perdere la sua reputazione come colonnello lo allontanerà anche dall’unico vero amore (impossibile) della sua vita. Tra grandezze e miserie di un uomo sempre più proiettato al potere e dissoluto nella vita privata, il colonnello Redl si riavvicinerà alla famiglia del barone von Kubinyi sposandone la sorella vedova.

Chiamato a Vienna a dirigere una rete di spionaggio, Redl si farà molti nemici a causa della sua accanita ambizione di primeggiare e di condannare senza risparmiare nessuno.  Saranno proprio i vessati dal colonnello che inizieranno a sparlare e lo coinvolgeranno in uno scandalo omosessuale che lo porterà alla pena di morte.

Un film da vedere non tanto per la ricostruzione storica che a volte si discosta dalla realtà storica dei fatti, ma da apprezzare per il dualismo di autoimplosione che coinvolge l’impero austroungarico e il colonello Redl. Entrambi per sono destinati alla morte perché corrotti all’interno. In stato di grazia anche Klaus Maria Brandauer che ritrae una figura del colonnello dalle molteplici sfaccettature.
 

Uno sguardo all’Ungheria… l’occhio di Capa sul campo di battaglia!

Chi non ha davanti agli occhi la foto scattata a Cordova, nel 1936, dove viene ritratto un soldato dell’esercito repubblicano colpito a morte da un proiettile sparato dai franchisti?

Robert Capa 937

Una foto che fece il giro del mondo e che proclamò Robert Capa (pseudonimo di Endre Ernő Friedmann), come il miglior fotoreporter di guerra. Ma quando la germania cade nella dittatura nazista Capa è costretto a scappare in Francia a causa delle sue origini ebraiche.

Nato in Ungheria, ma fu costretto a scappare giovanissimo a causa del suo coinvolgimento con il partito Comunista locale. Si rifugiò così a Berlino, dove trova lavoro in uno studio fotografico.  Qui fonda la Magnum Photos nel 1935, l’anno dopo partirà per la Spagna dove documenterà gli orrori della guerra civile fino al 1939.

Nel 1943 si paracaduta con gli Anglo-Americani sulla Sicilia per seguire le operazioni di sbarco in Italia nella seconda guerra mondiale. Il fotografo annota tutto nel suo diario, che diventa il testimone di una vera e propria avventura vissuta in prima linea.  E’ il 1943 quando Capa, al seguito degli Alleati, assiste alla battaglia di Troina e qui scatta le foto più famose di tutta la sua carriera. Tra cui che ritrae un soldato americano accovaciato e un contadino che gli indica la strada.

foto3_robert_capa12

Dopo lo sbarco in Normadia, di cui purtroppo molte foto sono andate perdute a causa di un errore tecnico nello sviluppo, decise di partire per la Prima Guerra d’Indocina.

Il 25 maggio del 1954, si avventura inavvertitamente in un campo minato e muore.

Capa è un esempio di reportage moderno, che imprime sulle foto la drammaticità della guerra senza retorica, con uno stile asciutto e neorealista, che emoziona anche a distanza di anni.

Robert_Capa_26946s

Uno sguardo all’Ungheria… da “La camera sul Danubio”

BeFunky_OrtonStyle_1

Ogni libro ha i suoi odori, sapori e… colori! Il libro di Laszlo Bus-Fekete è sicuramente blu, come le acque del Danubio, come quel senso di intimità che proviene dalla cameretta ammobiliata in cui vivono Joli, Zsuzsa e Agata. Blu perchè la primavera di Budapest è ancora fredda, poi prematuramente calda per ricadere in un tetro autunno. Blu come una giovinezza che sta per esplodere e invece implode lasciando scivolar via i pezzi di sogni irrealizzabili. E se il colore è il blu la musica non può essere che un valzer malinconico che accompagna le disillusioni delle ragazze. La miseria le emargina e ogni tentativo di riscatto si dissolve. L’amore, le porta a legarsi a uomini egoisti, superficiali ed egocentrici che alla fine sceglieranno compagne sicure con un posto nella società. Joli, Zsuzsa e Agata non si arrendono, cercano di vivere di quel poco che ricavano facendo le sarte o correndo dietro a qualche commediografo di provincia nel tentativo vano di farsi notare. Lottano con dignità alla disperata ricerca di una vita migliore che continua a sfuggire dalle mani. Sono perdenti sin dall’inizio e nonostante gli sforzi non avranno la possibilità di cambiare il loro destino. Alla fine, durante una notte di bilanci, dopo aver meditato il suicidio con un tuffo nelle acque del Danubio, sceglieranno la vita. Perché in fondo, anche se monotona e disillusa, è comunque un dono da portare a termine.

Un romanzo da scoprire, una letteratura malinconica e forte allo stesso tempo, una scrittura inarrestabile che traghetta le protagoniste dai sogni iniziali alle sconfitte finali senza nessun pietismo o falso sentimentalismo. Uno scrittore che descrive l’animo femminile con un tratto “vero” senza cadere negli stereotipi dell’epoca, senza abbandonarsi a quelle caricature femminili che hanno invaso le pagine anche di molti capolavori e che hanno sempre mostrato una donna fragile, sottomessa e superficiale. Qui le ragazze hanno delle ambizioni e cercheranno di giocarsi la partita fino alla fine… poi perderanno, ma sapranno di essersi giocate tutte le loro carte! 

Laszlo Bus-Fekete, il cui nome dice probabilmente poco al grande pubblico, ma dalla sua commedia Birthday fu tratto il celebre film di Lubitsch Heaven can wait.

Uno sguardo sull’… UNGHERIA!

BeFunky_OrtonStyle_1

16enne ferita da treno in corsa mentre attraversa i binari a Bari

BeFunky_ViewFinder_9

Scoperta a Roma la villa di Messalla, mecenate di Ovidio

Dagli scavi sono emersi un quartiere termale con frammenti di mosaici, una ‘natatio’ ovvero una piscina all’aperto lunga oltre venti metri con pareti dipinte di azzurro, e, dall’interno della vasca, sette statue di eta’ augustea complete oltre ad una serie di frammenti che possono essere ricomposti. Un repertorio statuario che illustra il mito di Niobe, raccontato anche da Ovidio nelle Metamorfosi.

BeFunky_ViewFinder_9

Ridotta la pena a Bradley Manning, spia di Wikileaks

 

BeFunky_ViewFinder_9

STRAGE DI ELEFANTI IN PARCO NATURALE KENYOTA!

11 elefanti trovati morti e privi di zanne nel parco naturale di  Tsavo East. Altro colpo messo a segno dai bracconieri.

BeFunky_ViewFinder_9

Dart Fener entra in chiesa a Natale! Ma è solo una scommessa tra amici.

Aveva scommesso qualche euro con un amico il 29enne che nella notte di Natale si è presentato in chiesa vestito da Dart Fener, il cattivo di guerre stellari.

In ogni parte del mondo la “trovata” sarebbe stata applaudita e il prete ci avrebbe scherzato. In Italia il giovane è stato denunciato.

BENVENUTI IN ITALIA… DEVI ANDARE A MESSA A NATALE, MA SOLO CON ABITI ADEGUATI!

BeFunky_ViewFinder_9

Google regala internet a Chelsea, New York

Quartiere trendy di gallerie d’arte, uffici high-tech, ma anche scuole pubbliche. Chelsea diventa così la più grande zona franca di internet al mondo.

BeFunky_ViewFinder_9

Ribelli M23 annunciano tregua in Congo!

BeFunky_ViewFinder_9

Hillary testimonierà su Bengasi il 22 gennaio!

BeFunky_OrtonStyle_12

Una pietra per sentirsi meglio: la tormalina nera

Collegata all’elemento Terra, la tormalina nera (il cui nome deriva dal termine cingalese “turamali”, mescolanza di colori) ha diversi effetti sul corpo: favorisce il recupero dell’energia vitale e  ed è ottima come antidolorifico, aiutando anche ad alleviare i problemi legati al sistema osseo. Aiuta inoltre a rinforzare il sistema immunitario. E’ anche ottima per ridurre le tendenze nevrotiche e scaricare lo stress. Il suo impiego è semplice: basta stringerla nella mano sinistra o appoggiarla sull’osso sacro, sulle ginocchia o sui piedi.

Questa pietra protegge inoltre dalle radiazioni nocive delle apparecchiature elettroniche: appoggiata accanto al computer o alla televisione scherma dagli effetti nocivi dei campi elettromagnetici.

Domani i funerali di Carolina, la famiglia non vuole estranei!

Domani i funerali, a Oleggio,  della ragazza che si è tolta la vita forse a causa di atti di bullismo. La famiglia non vuole estranei anche se molti ragazzi si sono dati appuntamento tramite network.

BeFunky_ViewFinder_9

Scambi di “favori”: d’estate gli agenti italiani in Croazia e d’inverno i croati in Italia

BeFunky_ViewFinder_9

Bersani si sente già un vincente! Grazie della considerazione del voto popolare…

“La presenza femminile nelle liste è intorno al 40 per cento. Una rivoluzione femminile da valorizzare e segnalare” .

IL 40% RIVOLUZIONE? E QUESTO E’ UN UOMO DI SINISTRA? SE FOSSE IL 70% SAREBBE UN COLPO DI STATO AL POTERE MASCHILE? QUESTO E’ UN RIFORMISTA? MA DOVE E’ FINITA LA SINISTRA? BERSANI E’ UN SERVO SCIOCCO DEL POTERE SCOLORITO DALLA CANDEGGINA?

CON QUESTE IDEE SICURAMENTE CI SARA’ UNA SVOLTA… QUESTA!

BeFunky_ViewFinder_9

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: