I bianconeri confermano l’imbattibilità interna: 3-1 contro il Chievo

juventus_chievo-tuttacronacaLa Juventus, come insegnano i tifosi che hanno esposto uno striscione prima del fischio d’inizio, hanno bisogno di umiltà e questa è l’occasione perfetta per gli uomini di Conte di dimostrare di essere sempre i primi della classe. Dopo il pareggio contro il Verona, Conte ha chiesto un’immediata riscossa ed è quello che ci si attende allo Juventus Stadium. Al contrario dei bianconeri che, comunque, veleggiano sereni verso il terzo scudetto consecutivo, il Chievo si trova in un brutto momento con la zona retrocessione dista solo un punto. Dai veronesi, quindi, ci si aspetta l’impresa, quella che era quasi riuscita loro all’andata: in quell’occasione l’arbitro negò loro la gioia, annullando un gol regolare a Paloschi a pochi minuti dal termine. Ma gli uomini di Conte oggi non vogliono concedere sconti e passano in vantaggio già al 17′ grazie a una splendida iniziativa di Asamoah che si accentra, salta un avversario e triangola con Llorente. A quel punto il ghanese si ritrova al limite dell’area e con la difesa schierata non esita a concludere di potenza sul secondo palo con un fantastico sinistro a girare. 1-0!

Il raddoppio arriva già al 30′ grazie a una punizione battuta da Pirlo, con Agazzi che respinge malamente verso il centro dell’area e Marchisio che deve solo appoggiare la sfera in rete a porta vuota. 2-0!

Il primo tempo termina con i bianconeri in vantaggio al termine di una frazione a senso unico, con il Chievo che non riesce ad arginare l’esuberanza degli uomini di Conte. Il match, nella ripresa, si riapre al 6′: su un cross teso Lichtsteiner rinvia in modo deciso sulla schiena di Caceres, la sfera prende una traiettoria strana e supera Buffon decisamente incolpevole. 2-1!

La Juve però non molla e riprende subito le distanze grazie a Llorente: al 13′, corner di Pirlo, nel mezzo si forma una mischia, El Rey Leon supera tutti di testa e insacca senza problemi. 3-1!

Solo all’inizio della ripresa il Chievo si è mostrato in qualche modo combattivo ma l’impressione non è durata a lungo. Porta a casa il gol della bandiera, anche se in realtà si tratta di un clamoroso autogol di Caceres.

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: