Il Napoli vince, ma il Catania lo fa a momenti soffrire

napoli-catania-tuttacronacaDevono vincere gli uomini di Benitez se non vogliono allungare le distanze dalla Roma e per rimanere al passo con la Juventus. Da parte sua il Catania cerca il riscatto dopo aver dovuto piegare la testa davanti all’irruneza dei bianconeri. Tra le fila del Napoli capitan Cannavaro, che si accomoda per l’ennesima vola in panchina. Benitez schiera un 4-2-3-1 con Reina; Mesto, Fernandez, Albiol, Armero; Behrami, Dzemaili; Callejon, Hamsik, Insigne; Higuain. Risponde De Canio con un 4-5-1 formato da Andujar; Alvarez, Gyomber, Legrottaglie, Capuano; Izco, Tachtsidis, Almiron, Castro, Biraghi; Maxi Lopez.

1napoli-catania-tuttacronacaE’ subito il Catania, intenzionato ad arginare gli azzurri, a partire all’attacco. Dal canto loro i partenopei hanno i primi problemi già al 5′: Mesto mette male il ginocchio sul terreno di gioco e s’infortunia obbligando Benitez a un primo cambio. Entra in campo Uvini. Al 10′ tentativo degli etnei con Alvarez che tira di sinistro dalla distanza, ma la palla si perde in curva. Immediata la riposta dei partenopei che sprecano con Higuain che non mette bene di testa. Ci pensa Callejon a rimettere a posto le cose al 15′: si accentra dalla destra e insacca all’incrocio di sinistro. 1-0!

Il Catania cerca di ricompattarsi ma già quattro minuti dopo è ancora Andujar ad essere impegnato da un tiro di Higuain che combina alla perfezione con Hamsik e Callejon: grande parata! Al 20′ raddoppia il Napoli con Hamsik che raccoglie un assit e la mette all’incrocio di sinitro. 2-0!

Il Catania risponde al 25′ approfittando di un momento di relax della difesa avversaria: il sinistro di Castro non lascia possibilità a Reina. 2-1!

Al 32′ Hamsik vede Andujar fuori dai pali e decide di tentare il tiro da centrocampo: lo specchio non viene assolutamente inquadrato. Al 41′ è Callejon a provarci, su iniziativa personale. Assist per Higuain che si gira in area e viene murato. Angolo! I ritmi stanno rallentando in questa fase finale. Dopo tre minuti tornano ad avanzare gli etnei: Maxi Lopezdribbla un giocatore e si libera al tiro di sinistro. La respinta della difesa del Napoli giunge sui piedi di Capuano che infine spara alto. L’arbitro concede un minuto di recupero che si dilata per un infortunio rimediato da Tachtsidis. Dopo di che, le squadre tornano agli spogliatoi.

Questa presentazione richiede JavaScript.

All’inizio della ripresa prima sostituzione per gli etnei: esce Biraghi ed entra Keko. Subito all’attacco Maxi Lopez: mette una palla al centro che Reina blocca a terra. Nel frattempo iniziano a cadere le prime gocce di piogga sul campo. Dopo soli 4 minuti Maxi Lopez subisce un brutto fallo da dietro di Albio: l’arbitro dà vantaggio ma non estrae il giallo, anche se sarebbe stato legittimo. Al 9′ Andujar salva ancora la sua porta: assist di Callejon per Higuain che si gira e tira di destro ma trova pronto l’estremo difensore. Pochi minuti dopo, il portiere devia in angolo anche Hamsik. Continua a pressare il Napoli ma la difesa catanese non si fa trovare impreparata. Al 16′ ancora il portiere interessato: para in ginocchio il tiro di Higuain. Al 20′ Behrami trattiene Castro in area su tiro di Maxi Lopez: l’etneo finisce a terra e protesta nei confronti dell’arbitro. Al 25′ De Canio opta per il secondo cambio: esce il centrocampista Izco ed entra l’attaccante Petkovic. Al minuto successivo Higuain trema il Catania: potente Higuain ma la sfera sfiora il palo. Poco dopo anche Callejon sfiora il gol. Al 35′ cambio anche tra le fila partenopee: esce uno stanco Higuain, entra Zapata. Il Catania continua a giocare bene e a provarci, ma non è facile contro gli uomini di Benitez: comunque sia, non mollano. Per loro arriva anche il terzo cambio: esce Alvarez, entra Rolin. Nonostante il possesso di palla sia del Napoli, meritano lodi gli etnei e in particolar modo Andujar: miracoloso in diverse occasioni. Al 90′ terzo cambio per Benitez: esce Insigne, entra il belga Mertens che al secondo di recupero dribbla un difensore e tira a rete di sinistro. Fuori. Al minuto successivo, arriva il triplo fischio. Il Napoli prosegue la sua corsa, ma il Catania si è rivelato un degno avversario.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: