Torna a vincere in campionato il Napoli: 2-0 contro il Torino

Napoli-torino-TuttacronacaL’anticipo domenicale della 9a giornata di campionato vede affrontarsi al San Paolo il Napoli di Rafa Benitez, uscito sconfitto la settimana scorsa in campionato contro la Roma ma forte del successo in Champions di martedì contro il Marsiglia, e il Torino di Ventura, che arriva da due pareggi consecutivi contro Sampdoria e Inter ed è intenzionato a dimostrare per l’ennesima volta di essere tra le squadre che giocano il miglior calcio in questa stagione.

Per quel che riguarda le formazioni, gli azzurri scendono in campo con un 4-2-3-1 con Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Armero; Inler, Dzemaili; Mertens, Hamsik, Insigne; Higuain. Rispondono i granata con un 3-5-2 composto da Padelli; Darmian, Glik, Moretti; D’Ambrosio, Gazzi, Vives, Bellomo, Masiello; Cerci, Barreto.

Nap-TorParte subito il Napoli ma dopo soli due minuti di gioco l’arbitro ferma il tempo per un brutto scontro aereo tra Gazzi e Hamsik sugli sviluppi di un angolo. Continuano a pressare gli azzurri che non permettono ai granata di uscire dai loro 16 metri e all’8′ arriva un brutto fallo di Vives su Inler: punizione dal limite per il Napoli. Al 13′ gli uomini di Benitez guadagnano un rigore: Mertens atterrato in area. Dal dischetto Higuain non sbaglia: 1-0!

Mentre gli uomini di Ventura non riescono a reagire, al 22′ Higuain sfiora il raddoppio con una rasoiata dal limite: la palla finisce fuori di poco. Quattro minuti e Gazzi viene coinvolto per la seconda volta in uno scontro aereo. Torna in campo dopo delle rapide cure. Al 28′ ancora Higuain vicino al gol, questa volta ci pensa Padelli a salvare il suo specchio. Ma nulla può due minuti dopo quando l’arbitro concede un secondo rigore, questa volta discusso: Glick colpisce con il gomito attaccato al corpo. Ancora una volta Higuain non sbaglia: 2-0!

Mentre Ventura è furioso per un rigore che non c’era, al 35′ Mertens falloso su Vives: intervento pericoloso, ma niente giallo per il giocatore. Due minuti e ancora una volta gli azzurri sfiorano il gol. Questa volta è Insigne che s’invola e tenta il pallonetto su una goffa uscita di Padelli. Ci pensa D’Ambrosio a sventare in angolo. Bisogna attendere il 43′ per il primo tentativo granata: Glik tira ma non centra la porta. Al 45′ prima ammonizione del match: colpisce Fernandez, autore di un brutto fallo su Bellomo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le squadre tornano in campo e c’è un doppio cambio per i granata: fuori Cerci e Gazzi e dentro Meggiorini e Basha. All’inizio della ripresa si porta in avanti il Toro che subito guadagna una punizione: Bellomo mette in area ma la difesa azzurra respinge. Al 4′ è Glik che perde malamente palla e Hamsik spreca l’occasione per il tre a zero strozzando il tiro. Più rilassato il Napoli nei primi minuti di questo secondo parziale ma al 9′ Mertens non resiste alla tentazione di tuffarsi in area e chiedere il rigore: l’arbitro non gli dà retta visto che il contatto è spalla contro spalla. Al 14′ contropiede degli uomini di Benitez con Insigne, che a pochi metri da Padelli non conclude. Ventura decise per il terzo cambio: entra Maksimovic, esce D’Ambrosio. Al 17′ guizzo granata: Vives ci prova da lontanissimo e non ha problemi Reina a intercettare la palla. Ci prova già al minuto successivo Barreto ma la conclusione finisce fuori alla destra dell’estremo difensore azzurro. Al 22′ esce Higuain tra gli applausi ed entra Callejon. Al ‘minuto successivo spreca Insigne: ignora i compagni e termina con il far schizzare la sfera alle stelle. Sei minuti ed è Padelli a salvare lo specchio da un tiro insidioso di Mertens che dopo qualche istante cede il posto in campo a Pandev. Al 33′ sinistro di Meggiorini parato da Reina. A 10 minuti dal termine arriva l’ultima sostituzione anche per il Napoli: esce Hamsik, entra Zapata. Tre minuti più tardi ancora punizione per i granata: Bellomo mette in area ma il colpo di testa di Maksimovic è alto. Tre minuti dal termine e cartellino rosso per Basha: ha fermato Pandev con le cattive. Non sembrava essere l’ultimo uomo ma l’arbitro decide per l’espulsione. Entrambe le squadre provano a sfruttare gli ultimi minuti ma sia il tiro di Meggiorini che quello di Inler non cambiano il risultato. Dopo due minuti di recupero termina una partita bella e ben giocata che lascia un po’ d’amaro in bocca per il secondo rigore concesso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: