La 9a domenica di campionato: tutti i gol

9agiornata-tuttacronacaVa in scena la 9a giornata di campionato in un pomeriggio in cui scendono in campo tre grandi del campionato: Juve, Milan e la capolista Roma. Sfida importante anche per la Fiorentina che in caso di vittoria affiancherebbe l’Inter in quarta posizione.

bolognaBologna-Livorno: indispensabile la vittoria al Dall’Ara per i padroni di casa che arrivano dalla sconfitta nel derby a Sassuolo. Gli uomini di Poli stazionano in fondo alla classifica e non hanno ancora conquistato una vittoria in questa stagione. Non molto meglio il Livorno reduce da tre sconfitte e che ha assoluto bisogno di fare punti per trovare un po’ di serenità. L’ultimo volta che le due formazioni di sono scontrate inca campionato fu nella stagione 2009/2010: terminò 2-0 per i padroni di casa. Al 3′ rompe gli indugi il Bologna che va in gol con Crespo: cross di Cech dalla sinistra e il numero 75 in mezzo a due difensori trova la deviazione vincente. Non ci sono altre grandi emozioni nel primo tempo, con un Bologna determinato e un Livorno che stenta a reagire. Nella ripresa nessun gol ma diversi tiri in porta da parte di entrambe le squadre, con il Livorno che è apparso più propositivo ma non è riuscito a realizzare. Tirano un sospiro di sollievo i padroni di casa che agguantano i tre punti grazie a un 1-0.

cataniaCatania-Sassuolo: è la prima volta di De Canio sulla panchina del Catania oggi al Massimino. Non è facile il compito del nuovo allenatore con una squadra che non mostra più la brillantezza della scorsa stagione e ancora fatica a staccarsi dalla parte bassa della classifica. Da parte sua il Sassuolo, dopo la pesantissima sconfitta contro l’Inter si è tolto di dosso il ruolo di Cenerentola del campionato grazie alla prima storica vittoria nel derby contro il Bologna della settimana scorsa. Nei primi 45′ il Catania risulta essere molto più propositivo e aggressivo anche se non riesce a concretizzare. Da parte sua il Sassuolo appare talmente demotivato da non riuscire a creare nulla. Brivido al 41′ della ripresa per gli uomini di Di Canio: filtrante di Missiroli per Zaza sul filo del fuorigioco, l’attaccante salta Andujar poi conclude col sinistro senza riuscire a inquadrare lo specchio. L’azione sarebbe potuta costare un rigore contro il Catania che invece si “salva” portando a casa un punto.

chievoChievo-Fiorentina: l’obiettivo per i viola al Marc’Antonio Bentegodi è quello di aggiudicarsi i tre punti che lo porterebbe in quarta posizione in classifica a parimerito con l’Inter (potrebbe essere la terza posizione in caso di vittoria della Juve che affiancherebbe il Napoli al secondo posto). Diamentralmente all’opposto il Chievo con sei sconfitte in otto gare e in piena zona retrocessione. Molto dipenderà da quanto i toscani hanno recuperato dopo le fatiche europee. Sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio al 13′ sugli sviluppi di una punizione dalla sinistra, Drame a trovare l’inserimento di testa di Cesar che senza sforzo batte Neto: 1-0!

Bisogna attendere il 45′ perchè la Fiorentina raggiunga il pareggio con uno scatto sulla sinitra di Cuadraro che poi rientra sul destro saltando secco Estigarribia fino a fulminare in diagonale Puggioni.

Termina sull’1-1 un primo tempo vivace ed equilibrato con un Chievo bello da vedere in questa prima frazione. Non si può dire lo stesso dei viola con un Cuadraro che è entrato in partita praticamente solo quando il tempo stava per scadere ma si è comunque rivelato fondamentale. Nella ripresa, al 19′ Cuadraro mette a segno la sua personale doppietta e porta i viola in pareggio: Drame rilancia il pallone ma colpisce Rossi che serve involontariamente il colombiano che batte puggioni in uscita. 1-2!

juveJuventus-Genoa: bisogna tornare al 1991 per trovare una vittoria del Grifone a casa della Juventus, quando Skuhravy firmò il decisivo 1-0 per i liguri, squadra che ha guadagnato quattro punti in sole due giornate con Gasperini in panchina. Gli uomini di Conte devono trovare la spinta necessaria per reagire dopo la batosta contro la Fiorentina e la partita da dimenticare, per l’arbitraggio, contro il Real Madrid. I bianconeri sono a -5 rispetto alla Roma e non possono permettersi altri stop per raggiungere il traguardo del terzo scudetto consecutivo. I bianconeri giocano in attacco ma la situazione si sblocca solo al 22′ quando Biondini tocca Asamoah in area palla al piede: Doveri concede il rigore che Vidal realizza. 1-0!

Al 37′ grande giocata di Tevez su passaggio di Asamoah dalla sinistra. L’argentino finta il tiro di destro, si ritaglia lo spazio in mezzo a due difensori e batte in porta di sinistro: Perin non può far altro che vedere la sfera superarlo. 2-0!

Primo tempo glorioso per i bianconeri con Tevez e Llorente in stato di grazia. Gli uomini di Gasperini, semplicemente, nei primi 45′ non riescono a raggiungere l’area di Buffon. Nel secondo tempo continua la grande attività di Perin che riesce a fermare l’inarrestabile duo Tevez Llorente. Verso la metà del parziale il ritmo cala, con il Genoa che non riesce a reagire e i bianconeri che, con tutta probabilità, già pensano alla sfida contro il Catania ora che sono tornati vincenti.

Parma1Parma-Milan: all’Ennio Tardini ai rossoneri è indispensabile una vittoria per poter correre in classifica verso la zona Europa ma davanti a loro si trovano gli uomini di Donadoni carichi di desiderio di riscatto dopo la partita a Verona. Classico 3-5-2 per il Parma di Donadoni, con Cassani, Lucarelli e Felipe a difendere Mirante tra i pali. In mezzo al campo Marchionni, Gargano e Parolo, sulle fasce Biabiany e Gobbi a supporto della coppia d’attacco Cassano-Amauri. Allegri risponde con una formazione rimaneggiata, riproponendo Gabriel in porta e la difesa a 4 composta da Abate, Silvestre, Zapata e Constant. A centrocampo Poli, De Jong e Montolivo in regia; davanti Birsa dietro alle due punte, Balotelli e Robinho. Al 12′ arriva una prima occasione gol e il Parma non se la lascia sfuggire: Biabiany supera in velocità Constant e crossa nel mezzo. Sulla sfera arriva Gobbi ma la sua conclusione viene respinta. La palla finisce tra i piedi di Parolo che senza pensarci tira di prima battendo Gabriel.

Raddoppiano i padroni di casa al 46′ con Biabiany sulla destra che brucia Silvestre, crossa e trova Parolo sulla sinistra che appoggia all’indietro per Cassano. 2-0! I rossoneri hanno mantenuto il possesso di palla, ma non si sono mai resi pericolosi. Al 17′ della ripresa il Milan approfitta di una traversa colpita da Gargano per far ripartire il gioco: grazie ad un rimpallo la sfera arriva a Matri che entra in area e calcia ad incrociare alla destra di Mirante. 2-1!

Dopo solo 2′ Kakà guadagna un corner battuto da Birsa, Zapata stacca di testa e colpisce la traversa; dopo una serie di rimpalli ci pensa Silvestre di testa a mandare in rete: 2-2!

Incredibile il Parma che al 49′ riesce a riportarsi in vantaggio quando l’incontro sembrava terminato: Parolo batte la punizione concessa dopo che Zapata, ammonito, ha steso Sansone: mira direttamente alla porta, la barriera si apre e la sfera rimbalza davanti a Gabriel sbaglia clamorosamente permettendo al pallone di trafiggerlo: 3-2!

Termina con un colpo di scena l’incontro!

romaUdinese-Roma: giocano fuori casa gli uomini di Garcia momentaneamente orfani del loro capitano e di Gervinho ma con il desiderio di mantenere un vantaggio netto sulle squadre che seguono in classifica generale, Napoli e Juve. Allo Stadio Friuli ci si aspetta un incontro vivace anche se non si tratta più di una sfida-spareggio tra squadre con ambizioni europee, com’era stato nelle ultime stagioni. Quest’anno i friulani stentano a trovare il passo giusto mentre la Roma vuole continuare la sua inanellata di vittorie consecutive. Non accade nulla nel primo tempo anche se, in un certo senso, quello che si vede è l’inaspettato: domina l’Udinese mentre i giallorossi appaiono in difficoltà. Ai Friulani solo il palo e Castan hanno impedito di passare in vantaggio. Bisogna attendere il 37′ del secondo tempo perché una rete venga violata: ci pensa Bradley, servito in corsa da Strootman al centro: di piatto destro da fuori area fulmina Kelava e porta la Roma in vantaggio. 0-1! La squadra di Garcia continua nella sua marci vittoriosa anche se l’Udinese avrebbe meritato di più.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: